Nainggolan, altro eccesso: fuma in panchina prima di Standard-Anversa. Il club lo sospende, lui: “Ho sbagliato”

47
1903

ALTRE NOTIZIE – Se non facesse parlare di sé per i suoi eccessi non sarebbe Radja Nainggolan. Appena qualche giorno fa l’ex centrocampista della Roma era stato arrestato per aver guidato con la patente scaduta, ma il belga è riuscito a superarsi.

Nell’ultimo match di campionato il Ninja, attualmente all’Anversa, è stato pizzicato dalle telecamere di VRT mentre fumava in panchina prima della sfida contro lo Standard Liegi, poi persa 3-0.

Il club, come era lecito aspettarsi, non ha accettato il comportamento di Nainggolan di buon grado, decidendo di sospenderlo a tempo indeterminato comunicando il tutto con una nota ufficiale.

L’ex giocatore della Roma, non nuovo a certi comportamenti, si è provato a scusare scrivendo su Instagram: “Sono molto dispiaciuto per quello che ho fatto. Mi rendo conto che è completamente sbagliato, ma in quel momento non ci ho proprio pensato.

Il club ha preso una decisione che io posso solo accettare, anche se penso sia un po’ troppo pesante. Cercherò comunque di dare il mio contributo in un modo o nell’altro”. Parole che difficilmente basteranno a ricomporre una frattura che comincia a essere insanabile.

Giallorossi.net – F. Turacciolo

Articolo precedenteMOURINHO: “Vittoria meritata, si dà poco credito a quello che facciamo. Zaniolo devastante, molto bene Camara”
Articolo successivoSampdoria-Roma 0-1, i voti dei quotidiani

47 Commenti

    • È stato sempre croce e delizia… Ricordiamocelo che, a Trigoria fumava, usciva dagli allenamenti fumava e iniziava la Via Crucis dei bar, tutti a shoottini e sigarette., ma sinceramente, co uno così in campo se po vince? 💛❤️🐺🐺🐺🏆

    • Penso che alcuni lo rivolevano a Roma dimenticando la sua “scarsa” professionalità…🤦🤦😬

    • Cassano non lo commento, ma quanto a Radja si accaniscono pure tanto sul suo personaggio… le cose che fa lui, le facesse un’altro non farebbe cosi’ tanto notizia.

    • Ci fosse uno che correva quanto lui, però.
      Fumava? Andava in discoteca? ‘sti cavoli, per non dire altro: quando la partita finiva, dava tutto. SEMPRE. Maglia fracica di sudore, tanta grinta e impegno.

      Quindi, invece di fare i moralisti, pensate a quante gliene avete dette…e quante ne avete perdonate ai falsi Dèi di questa città.

    • Tifoso,
      non si tratta di fare i moralisti,
      è che se fai quella vita a 28 anni cominci a declinare, a 30 sei un ex calciatore.
      E infatti.
      A Roma c’era ancora la passione per la squadra a tenerlo un minimo su,
      già qui a Milano era un Cicinho belga….

      Sempre rispetto e affetto per quanto dato qui,
      ma venderlo è stato un enorme affare.

    • @tifosogiallorosso assolutamente d’accordo.
      Anche Nela fumava, fumava negli spogliatoi festeggiando lo scudetto. Bruno Conti fumava.
      Lima si pistava di alcool come un ussaro e non andò ad Empoli perché stava a pelle d’orso sulla moquette di casa. Sbagliato? Si, poesse ma cosa gli volevi dire … piottava come un evaso!
      Fanno i paragoni con Cassano ma lui non beve e non fuma, è così di suo.
      Nainggolan molti “professionisti” di ieri e di oggi se li legava al … braccio.

    • E c’era gente, qui nel forum, che, in estate, sperava tornasse per darci una mano (?????)….pensa un pò come siamo messi…..

  1. Secondo me se ne vuole andare.
    Farsi cacciare tramite rescissione del contratto.
    E uno con le @# grosse così, quindi impossibile non sapesse cosa stesse facendo e quali fossero le conseguenze.

    • Caro Gaetano, sei troppo ottimista. Purtroppo le palle sono inversamente proporzionali al cervello.

    • Ma certo, rescinde perchè lo sta cercando insistentemente il Real Madrid.
      Ancelotti vuole farlo capitano.

    • Gaeta’ seguendo la tua tesi, si è ubriacato e ha bestemmiato come uno scaricatore di porto, anche per rescindere con la Roma? Purtroppo, secondo me è solo una di quelle persone che si sono perse in una dipendenza senza neanche rendersene conto ed in questo caso è un enorme peccato perché aveva qualità per fare altri begli anni a Roma.

  2. sicuramente ha sbagliato..ma sono sicuro che se in campo era ancora un giocatore determinante…
    avrebbe avuto solo una multa…
    forse così non devo pagare più lo stipendio invece..😏😏

  3. Me li ricordo solo io Bruno Conti e Nela che si facevano una sigaretta durante il sopralluogo sul campo in coppa?
    Ammazza che noia co sto perbenismo

    • Sì, certo. Però accadeva 40 anni fa e oltre. C’era tutta un’altra visione del “fumo” e dei danni che provoca.
      Si fumava al cinema, in treno, in qualunque locale pubblico o luogo di lavoro, persino negli ospedali. Il non fumatore che chiedeva di spegnere la sigaretta veniva visto nel migliore dei casi come un rompipalle.
      Un’altra era dal punto di vista della consapevolezza dei gravi danni provocati alla salute.
      Perbenismo è se ti vengo a rompere le scatole vedendoti fumare a casa tua.
      Questo di Nainggolan è un gesto di pura follia al giorno d’oggi e non va giustificato in alcun modo.

    • Si però è ormai noto quanto all’epoca le compagnie di tabacco spingessero le persone e i governi a considerare il fumo qualcosa di positivo ed in casi estremi anche di salutare

    • Anche boudelaire si spaccava di oppio e ha creato opere indiscusse. Vogliamo poi parlare dei riff che si è inventato Keith Richards dopo essersi fatto cocktail di eroina e coca, conditi di anfetamine?!? Come ha scritto UB, la coscienza è la conoscenza si sono evolute. Ma in ogni caso, sul ninja non si discute per la sigaretta, ma per tutta una serie di condotte. Così come non si discute che sia stato un campione amato da tutti noi e forse proprio per questo non riusciamo a vederlo per quello che veramente è diventato già da qualche anno.

  4. Io me ne frego di certe cose se poi in campo si fa il proprio dovere esattamente come ce ne fregava per Co ti è Nela. Dico di più, con i problemi che abbiamo a centrocampo se viene in prestito 6 mesi e ci da una mano a prenderci il quarto posto, io lo rivoglio a Roma! Meglio Raja al 70% che tanti altri al 100%

  5. Non lo capirei neanche se giocasse gratuitamente per la parrocchia…………….
    La prima regola e ilrispetto delle regole che valgono per tutti. Non puoi permettere in uno spogliatoio figli e figliastri
    Forse se avessimo imposto regole di comportamento avremmo vinto piu’ di quanto abbiamo

  6. Io penso al porello a cui sta sbanfando addosso nella foto, per il resto lo stadio mi pare un locale con “tetto” aperto quindi il fumo si dissipa facilmente e non fa male a nessuno se non a se stesso.
    Però c’è tutto il discorso delle tv e degli sponsor, se uno dei tuoi fuma quando sotto le telecamere in sto modo poi le mammine si preoccupano che i loro bimbi copino i loro idoli. E questo è un problema per chi mette i propri simboli sui tabelloni a bordocampo, e sulla diretta tv.

  7. Adesso arriva il peggio per Radja: l’imminente fine carriera. Spero per lui che abbia trovato il modo da mettere da parte i soldi necessari per arrivare alla vecchiaia.

  8. Sono d’accordo con te. Quando ero ragazzino e giocavamo a pallone. Il sabato pomeriggio o la domenica mattina. Ci stavano amici che a metà partita , si buttavano a terra con le mani nei fianchi, senza più fiato.
    Poi però si accendevano la sigaretta. E io gli dicevo : non c’è la fai più a correre perché ti manca il fiato però la sigaretta te la fumi.
    Sorvolo sulla risposta.
    Quindi siccome stiamo parlando di un professionista , che non si deve permettere di farlo, a maggior ragione penso che lo ha fatto apposta per farsi mandare via tramite rescissione del contratto.

    • Mi sono ritrovato anche io in questa situazione molto spesso. Tra le persone con cui mi allenavo da ragazzo c’era una quantità impressionante di fumatori, e anche se magari correvano più di me o di altri non fumatori, dovevano lavorare il doppio di noi per raggiungere tali risultati. Ma a differenza di quanto dici tu, nel mio caso erano loro stessi, due o tre volte al giorno, a maledire il loro stesso vizio.

    • Caro Gaetano, ho l’impressione che tu ti ostini a farlo troppo razionale Radja. Magari si sarà anche fatto arrestare guidando non senza patente ma con una patente falsa per qualche sottile e machiavellico motivo. E dai, su!
      Quello che ha dato alla Roma è stato grande e per questo tutta la riconoscenza e la simpatia del mondo. Ma si è anche accorciato la carriera e, quindi, ci ha privato di un grande giocatore, proprio perché del tutto inaffidabile come professionista. Ed a chi afferma che lo vorrebbe ancora alla Roma chiederei se veramente tifa per questa squadra.
      Noi dandolo all’Inter abbiamo preso un mucchio di soldi e, se ricordi, Zaniolo in regalo.

  9. stamattina c’è la notizia di cipollini arrestato per stalking, condanna 3 anni, se fossimo un paese serio oltre a crocifiggere Nainggolan il ciclista dovrebbe andare dritto in galera invece scommettete che questo picchiatore di donne andrà nei salotti TV a dire mi dispiace bla bla e rompiamo le scatole a uno che si fuma una sigaretta Radja il suo esempio lo ha dato correndo SEMPRE PIÙ DI TUTTI 💛❤️ DAJE ROMA 💛❤️

  10. Nella Roma c’è stato un giocatore al cui confronto Nainggolan e Cassano sono scolaretti obbedienti e disciplinati.
    Parlo di Helge Broneè,centrocampista danese di gran talento dei primi anni 50. Riporto un solo episodio per dare una minima idea di quale pazzo io stia parlando. Dopo una partita all’Olimpico contro l’Inter finita 1 a 1 con la Roma che aveva dominato ma aveva preso gol verso la fine dell’incontro, negli spogliatoi il capitano Venturi accusò apertamente Broneè di essersi disinteressato della marcatura dell’autore del gol interista e non era la prima volta che il biondone Helge se ne fregava di difendere,lui si divertiva solo in fase d’attacco.
    Ebbene,per tutta risposta a quell’accusa plateale ,Broneè prese uno scarpino e lo lanciò contro Venturi,che lo schivò ma così facendo, prese in testa un dirigente romanista che stava nello spogliatoio.,spedendolo al Pronto soccorso. Il Presidente Sacerdoti sospese dalla prima squadra Broneè per grave indisciplina fino a che non avesse chiesto pubblicamente scusa del suo gesto,ma il bizzoso giocatore se ne infischiò anzi, non avendo più l’obbligo di allenarsi, cominciò a spassarsela per Roma non solo di notte ma anche di giorno,alla faccia di tutto e di tutti.
    Alla fine ,dopo qualche settimana Sacerdoti risolse diplomaticamente la vertenza reintegrando in rosa Broneè e affermando di aver ricevuto le sue scuse,cosa che non era mai avvenuta e mai lo sarebbe stata in seguito.
    Questo per dire che nella storia della Roma si sono verificati eventi talmente strani e unici nel loro genere che la fumata di Nainggolan sembra una bazzecola di poco conto.

    • Dovresti collaborare con Wikipedia per correggere quello che scrivono: “Era mancino. Aiutava spesso la squadra nella fase difensiva[1

      in quanto gradiva partire lontano dalla porta per poi finalizzare.[2

      In carriera ricoprì comunque tutti i ruoli eccezion fatta per quello del portiere.
      La sua carriera proseguì nella Roma, ma anche qui il suo carattere rissoso gli creò qualche problema. Dopo un Roma-Inter, fra lui e il suo compagno di squadra Arcadio Venturi sorse un diverbio, culminato con il lancio di una scarpa sulla faccia di un dirigente di riguardo, il dottor Campilli, figlio di un ministro. Bronée venne messo fuori squadra, ponendo così termine alla sua avventura romanista.”
      Ci sono due inesattezze da correggere.
      Cmq era proprio un bel tipo questo danese… Prima di venire alla Roma si fece mandare via dal Palermo. Per protesta contro il suo allenatore Gipo Viani che voleva difendere il pareggio si spostó in difesa e fece apposta un autogol. Ti risulta Zenone? 😜

    • @Lupasas…certamente sì.Avvenne in Atalanta-Palermo 1 a 1.
      Ti dico anche che al termine della partita ,Gipo Viani (un veneto grande e grosso con due mani come palanche) ,attaccò al muro dello spogliatoio Broneè e lo pistò come un baccalà.
      Un saluto e buona serata 🙋‍♂️

  11. cassano e una merxa ma chi contesta radja non e un vero tifoso romanista o e al limite un finto moralista e tifoso da divano che allo stadio non ci e mai andato

  12. E comunque parliamo di persone che guadagnano un sacco di soldi,se io lo faccio al lavoro mi ritrovo in mezzo ad una strada!!!
    VERGOGNATEVI!!!!

  13. Pieno di moralisti… più della metà dei quali svuoteranno le tabaccherie.A Roma faceva una vita di eccessi ed in campo correva il doppio degli altri, quindi sono solo chiacchierette.
    Ninja sempre uno di noi.

    • Non capisco che c’entra il moralismo. Io fumo ma mica faccio l’atleta. Un giocatore è pagato per rendere al massimo, non per fare come gli pare. Il fatto corresse il doppio degli altri… tanto di cappello ma magari se non avesse fumato ci saremmo ritrovati in campo il miglior centrocampista del mondo.

    • Quanti anni fa???? Se ancora correva ed era utile non credo giocava nell’Anversa. E’ stato, ripeto, è stato un giocatore utilissimo alla Roma ma anche un giocatore che con i suoi eccessi fece decidere l’allenatore e la società a cederlo…. e non mi sembra che ci siamo andati male !

  14. hai ragione Mirko sta cosa mi è tornata in mente dopo, Nainggolan non è l’esempio giusto però il concetto vale anche per Radja è che che gente di me**a se la sfanga perché famosi trattano come gossip una roba del genere e lo chiamano pure sportivi

  15. …reputo il Ninja uno dei centrocampisti più forti che abbiamo avuto a Roma, ha retto lui da solo il centrocampo della Magica per quattro anni e delle sue esuberanze sinceramente non me ne è mai fregato niente!…altrettanto ho ritenuto giusta la sua cessione, genio e sregolatezza hanno vita breve nello sport…e poi vuoi mettere la goduria di aver dato una “sola” colossale all’inda…ancora je brucia erqlo….

  16. Non commento il Ninja perché parlo solo di terreno di gioco in questo caso, c’è stata una stagione in cui era stato il miglior giocatore come media voti della Roma e sempre tra i migliori in campo nelle altre stagioni ma aggiungo che pure Gigi Riva fumava e per non parlare del fuoriclasse George Best peggio di tutti con i fiumi di alcool, poi ha fatto una finaccia.
    Giocatori che tuttavia in campo facevano la differenza.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome