Napoli schiacciasassi, ma la Roma può farcela: meno due allo scontro che può cambiare tutto

52
1458

AS ROMA NEWS – Il conto alla rovescia è iniziato. Mancano due giorni a Roma-Napoli, alla sfida tra Mourinho e Spalletti. Due allenatori che hanno cominciato a studiare mosse e contromosse per aggiudicarsi la posta, altissima, in palio.

Perchè quella di domenica è una partita che può cambiare completamente e improvvisamente ambizioni ed equilibri di questo campionato. I partenopei sono senza dubbio la sorpresa di questa prima parte di stagione: a bocce ferme, la squadra di De Laurentiis veniva considerata un po’ da tutti come pesantemente indebolita. Gli addii di giocatori come Koulibaly, Insigne, Fabian Ruiz e Mertens sembravano aver tolto qualità e certezze agli azzurri.

E invece il mercato di Giuntoli è stato un capolavoro: gli acquisti di giocatori poco conosciuti come Kim, preso dal Fenerbhace, e soprattutto il georogiano Kvaratskhelia, prelevato dalla Dinamo Batumi per “appena” 10 milioni di euro, non hanno fatto abbassare il livello della rosa. Ma anzi, ha ridato nuovo smalto e brillantezza a una squadra che macina gol e prestazioni. 

Il Napoli, imbattuto sia in campionato che in Champions, ha rifilato lezioni pesantissime un po’ a tutte, demolendo squadre blasonate come Liverpool e Ajax in Europa, e battendo Lazio e Milan sui rispettivi campi. Sulla carta, la partita di domenica non dovrebbe avere molta storia.

La Roma fino a ora non ha incantato. Il gioco non decolla, le punte faticano a segnare, ma i risultati sono comunque arrivati. Senza far stropicciare gli occhi ai suoi tifosi, piuttosto sornioni, i ragazzi di Mourinho sono riusciti a restare vicini ai partenopei, arrivando allo scontro diretto con “appena” quattro punti di svantaggio.

E domenica può succedere di tutto. La Roma è una squadra che, al netto dei limiti e dei problemi in rosa, può anche battere il Napoli. Ha dei giocatori che, se indovinano la giornata, hanno le qualità per fare male ai ragazzi di Spalletti, non imperforabili in difesa. Mou inoltre ha dalla sua gli scontri diretti con l’allenatore toscano: lo Special One non ha mai perso, avendo collezionato nei 6 precedenti 3 vittorie e altrettanti pareggi.

Il Napoli, per qualità e numeri, parte super-favorito. Ma la Roma non è battuta in partenza. E se dovesse riuscire nel colpaccio, il suo campionato cambierebbe direzione. A quel punto i giallorossi si troverebbero a un solo punto dai campani, e potrebbero addirittura fare un pensierino verso traguardi più prestigiosi. Sempre considerando che a gennaio rientreranno calciatori fondamentali come Wijnaldum e Dybala.

Ma questo è un altro discorso. Come sempre sarà il campo a parlare, a dirci dove può davvero arrivare questa Roma. Di certo la partita di domenica sera sarà un grande spettacolo sia in campo che sugli spalti, con l’Olimpico che sarà l’uomo in più di una sfida tutta da vivere. E a poco più di 48 ore dal fischio d’inizio, l’attesa comincia a farsi snervante. 

Giallorossi.net – Andrea Fiorini

Articolo precedenteBodø, l’ultimo sgarbo alla Roma: Solbakken arriverà solo a gennaio
Articolo successivo“ON AIR!” – CORSI: “Vincere domenica cambierebbe tutto”, PRUZZO: “Napoli difficile da affrontare, mi prenderei il punto”, FERRETTI: “Sono loro ad avere più da perdere”

52 Commenti

  1. Articolo decisamente obiettivo e tecnicamente corretto. Reputo il Napoli super-favorito per quello dimostrato finora ma allo stesso tempo reputo la Roma imprevedibile nel bene e nel male. Le individualità al netto degli infortuni (Dybala su tutti) ci sono, purtroppo manca il gioco e questo potrebbe rendere la Roma troppo prevedibile. Credo nella possibilità di un 1-x-2 ma per ora è una speranza. Incrocio le dita.

    • Giusto.
      La Roma è una bestia strana, ti infanga la partita, non ti fa giocare. In effetti sono molto curioso di vedere cosa può saltarci fuori e chi la spunterà. Non sono troppo ottimista, però…

      Vorrei dire che, almeno oggi, la copertina del sito se la potevano prendere le ragazze, che ieri hanno vinto in Champions. Anche un live della partita, se ci fossero le risorse, sarebbe stato gradito. O un articolo sull’intervista a Spugna nel dopo gara…
      Fossi in GR punto net mi organizzerei con uno/a dedicato alla squadra femminile.

    • …buongiorno IDI, però cmq lo mettono qui l’articoletto sulle ragazze, non sono proprio dimenticate, dopo la gara di A o europea, o recentemente per l’inadeguatezza del campo ad ospitare la Champions League Women’s (per ora sono “emigrate” dove? a Latina?) e ho letto (mi sembra di ricordare, o era sul romanista?) pure l’intervista al mr. Spugna… lo spazio è più o meno simile a quello della Primavera… che magari ha qualche articolo in più sui giovani, l’ultimo TAHIROVIC, in prospettiva del loro affacciarsi in prima squadra con MOU… (peccato non si possa, perché qualcuna di loro ha giocare con i maschi qualche volta sarebbe utile, e darebbe una svegliata a molti, da Bartoli a Minami, o Andressa a centrocampo…😁
      visto che le cose ad ora vanno bene, lascino pure la “quota rosa” così com’è, per scaramanzia…😉
      anche se, d’accordo con te, nel chiedere dove si firma per leggere qualche approfondimento in più sulle ragazze, e qualche intervento in meno dei vari Sabatini, Petrachi e simili, sul calciomercato oggi (che salto spesso), sulle ultime dichiarazioni entusiastiche fronte stadio del vicesegretario della XIVesima circoscrizione seguite da quelle contro, Cassano andrebbe azzerato proprio…

    • Il napoli farà come lo scorso anno.
      Per ora, hanno avuto solo uno scontro diretto contro un Milan che era fuori forma.
      Anche il georgiano lo voglio vedere negli scontri diretti. Poi ne riparleremo.

  2. Per quanto fatto dal Napoli fino a ora, è una partita già segnata: una squadra che fa 4 gol al Liverpool, sei all’Ajax, che batte il Milan a San Siro, non dovrebbe avere problemi a farne 2 o 3 alla Roma. Il Napoli in questo momento è davvero uno schiacciasassi. Ma fortunatamente il calcio non si gioca con le figurine. Qualche possibilità (poche) di farcela le abbiamo. Io comunque non disprezzerei un bel pari: dobbiamo pensare al quarto posto, e restare aggrappati a questa posizione fino alla pausa…

    • Il Napoli ha una preparazione atletica diversa rispetto a tutte le altre cosiddette “grandi” europee…
      Ma, una squadra come la Roma che pareggia a Torino con i “zebrati” rischiando di vincere e che vince a Milano con gli “strisciati” brutti… non bisogna MAI darla vinta, anzi…😉
      La Roma ha nel DNA le stigmate della vittoria, SEMPRE..!!
      Può essere sconfitta, mai vinta..!!
      💪🧡❤️

    • Esatto, è questa la differenza principale tra la Roma di Mou e quella di Fonseca: con Fonseca vincevamo (fino alla primavera, s’intende, poi abbiamo cominciato a pensare solo all’Europa League…) contro TUTTE le piccole e perdevamo sempre contro le grandi. Con Mou invece non c’è niente di scontato né nell’uno né nell’altro senso, anche perché anche le piccole sono organizzate e molto più forti di prima.

    • intanto un risultato è già stato raggiunto però… la ROMA ( che col DORIA ha fatto per me una gara in tanta parte che giocar peggio è difficile, anche se va ribadito che quasi mai si gioca bene da soli e loro sono stati inguardabili) non é più da tempo, nella nostra testa e in quella che raccontano pure i peggio giornali, la squadra che prima di MOU si avvicinava alle gare con le “grandi”, ad un certo punto con chiunque fosse davanti in classifica, come fosse già battuta prima di giocarla!
      Ricordo bene quel periodo dove le speranze di far punti (o almeno belle gare combattute!) con Inter, Milan, Napoli, Atalanta di un paio di anni addietro, restavano tali.
      E se l’anno scorso (Dea esclusa, battuta all’andata quando ancora era tra le favorite per il titolo per tanta gente) abbiamo comunque perso spesso certe gare, al massimo pareggiate, ma spesso (per me almeno) con arbitraggi vergognosi unidirezionali…
      questa stagione già la JUVE (ok il primo T meglio loro, ma neanche troppo, a guardare i numeri alla fine vedi che abbiamo battuto più angoli, subito il doppio abbondante di falli, tirato di più nello specchio, conquistando il solo primato inutile del possesso palla) ha fatto un pari a Torino che mi resta stretto, e l’Inter ha già perso con noi, l’Inter che l’anno scorso più di tutte ci ha preso a pallonate tanto in A che in Coppa…

    • finalmente commenti che mi trovano d’accordo… tutti a dire che la Roma non ha gioco, ma sinceramente preferisco questa Roma, che cmq è quadrata e dà l’impressione di lavorare da squadra in fase difensiva, piuttosto che la Roma di Fonseca dove ogni tanto facevamo bel gioco, ma che troppo spesso perdeva la bussola e prendevamo gol assurdi…

      La Roma di Mou era quello che ci voleva per cambiare quel trend di gioco spumeggiante (o almeno l’obbiettivo era quello considerando le tipologie di allenatori voluti dalla precedente gestione) ma inutile se nn si ha anche un po’ di solidità in fase difensiva. Aggiungo che nn sono nemmeno così d’accordo che la Roma non ha gioco, guardando le occasioni create e le occasioni fallite, le così dette xG, se la Roma avesse trasformato metà di queste occasioni staremo a parlare di tutt’altra squadra, il problema grosso nostro non è il gioco, ma semplicemente che l’attacco nn sta realizzando quanto dovrebbe. È ovvio che l’infortunio di Gini ha cambiato del tutto la velocità di esecuzione del centrocampo, e che Mou, nonostante la lentezza, si è fidato spesso di Matic e cristante, ma è anche vero che le sue scelte cmq ci ha portati al 4to posto. gli unici rammarichi rimangono la partita di ludogorets, atalanta, e le due col Betis, in tutti questi casi se avessimo avuto la vena realizzativa del anno scorso da parte del attacco, i commenti di molti sarebbe di tutt’altro tenore….

      Daje Roma!!! spero in una partita veramente maschia domenica sera, come fatto con l’Atalanta!!!

  3. Incredibile il mercato fatto dal Napoli, coraggioso e indovinatissimo. L’acquisto di Kvara merita l’Oscar, complimenti a Giuntoli. La Roma? Se Zaniolo e Abraham si svegliano, possiamo farcela…

  4. Che il Napule a Roma sia super favorito non mi trova d’accordo: il campionato non dice questo e anche gli scommettitori danno solo leggermente favorita la squadra partenopea. Partita da tripla; giochiamola, per noi vuol dire molto. Forza Roma!

  5. Se fossimo tifosi imparziali diremmo che sarà una bellissima partita, molto stimolante, fra una squadra che fa gioco ed un altra brava nelle ripartenze.
    In realtà sarà una sofferenza immensa allo stadio o a casa perché senza dybala perdiamo tantissimo. Possiamo solo puntare sulle forze fresche come Camara Zalewsky Kasdrop Zaniolo (meglio dal 2tempo) per reggere lo strapotere Napoli.
    Manca loro Anguissa e la difesa con jj ci lascia spazi ma ci dobbiamo arrivare.
    Il pallone è rotondo ma sicuramente mi attendo una prova di orgoglio e di rispetto della maglia. Per capirci non voglio vedere la partita dell’udinese…

    • Su karsdo, visti i precedenti “svagati”, non ci punterei tantissimo…. anzi, se popo deve giocare, lo terrei LONTANO dalla zona difensiva…

    • Karsdorp ha commesso un errore grave che resta negli occhi. E’ qui da tanto e non gli perdoniamo nulla.
      Ma non è che io sia impazzito per le poche prestazioni viste di Celik finora. Ha contribuito in modo piuttosto decisivo nei gol presi a Milano ed Empoli, e in fase offensiva non è che abbia combinato tutto sto granché più di Rick.
      Dà l’impressione di essere più pulito e ordinato, ma alla fine tutta sta carne sul fuoco non l’ho vista. Perlomeno non ancora.
      Certo, preferirei avere Sebino Nela al posto di Karsdorp, ma non lo abbiamo. L’alternativa è Zalewski che in marcatura da quella parte mi sembra più a disagio (vedi Rodri) e che comunque non dobbiamo mai dimenticare che non nasce terzino, addirittura manco esterno.
      Dobbiamo fare le nozze con quello che abbiamo e Karsdorp è quello che dà sulla carta più garanzie, a patto di supportarlo bene in raddoppio.

    • io trovo la Roma senza Dybala (eresia delle eresie ) piu’ equilibrata
      Camara ha dato ( e’ un oggetto ancora un poco misterioso ) dinamicita’ al centrocampo ed anche maggior protezione centrale sui tiri da fuori –nostro punto debole
      Karsdorp a destra e Zalewski a sinistra permettono un buon contenimento sulle ali
      Abraham e Belotti con Zaniolo ed El Sharawi possibili subbentranti a me fanno sperare
      Ce la giochiamo sicuramente : una vittoria non mi meraviglierebbe
      Comunque l’importante e’ che i nostri lottino in campo. A gennaio abbiamo innesti importanti per la volata finale

    • Bhe, amici miei, non vorrei ricordare quel momento doloroso della zampata di UDOGIE in allungo da flash due metri dietro RICK, che poggiava di petto al portiere, e precede in spaccata PATRICIO (rischiando lo schianto sul palo) e mette dentro il primo… ma a KARSDORP mai addebiterei la colpa in quel caso, un disimpegno come se ne vedono tanti (di testa o di petto), e che un portiere sveglio e presente piuttosto che inchiodato tra i pali, con mezzo passo avanti, raccoglie in sicurezza. Non era un appoggio così corto, al massimo può non aver chiamato RUI e sarebbe un errore, ma è al portiere che lascio tutta la responsabilità sul primo goal a Udine (e pure sul secondo, in buona parte, a dirla tutta…).
      Visto ZALEWSKJ a dx sverniciato regolare dai leccesi, e riproposto col DORIA dove loro son stati però nulla, a me invece vedere RICK, se recuperato, al suo posto, mi lascia più sereno in partenza.

  6. Io dico che Sì, il napoli è la squadra (ora) più forte del campionato ma sta viaggiando al massimo e ha tutti a disposizione… A mio avviso la Roma che non gioca al top e ha fuori 2 giocatori fondamentali è giudicata male e frettolosamente… Per questo dico che se la Roma torna da questa gara a giocare, a trovare una formazione aggressiva ce la può fare.

    • Sarà IMPORTANTISSIMO non beccare gol nella prima mezz ora… i portoghesi si sa, sono “artisti” del gioco a ragnatela (per certi versi noioso, lo vediamo quasi sempre 😣) quindi Domenica, come non mai, sarà FONDAMENTALE imbruttirgli la gara impedendogli di fatto il loro calcio champagne che PURTROPPO, al momento, li rende QUASI imbattibili…

    • Che abbia “tutti” a disposizione non è corretto perché gli mancheranno due sicuri titolari, Rrahmani e soprattutto Anguissa. Meglio di noi, ma non “tutti”.

  7. C’è ‘r Napoli, imbattuto in campionato
    ortre che in Ccempiònz, fascenno pastafrolla
    de cuarche créb più mmejjo bblasonato
    pe nun parla’ de quelli pappamolla…

    la Roma, inzin’a qui, nun ha incantato…
    nun se seggna, er ggioco nun decolla…
    pperò l’inzegue, sta a ttiro de fiato,
    speranno che la chiappa je se smolla!

    Inzomma, pò ssuccede, qua, de tutto:
    basta che indovinamo la ggiornata
    e tornerorno a casa a bbecc’assciutto!

    Ce dovesse ariussci’ questo corpaccio,
    la direzzione è bbell’e raddrizzata!
    Qua se potrebbe fa’ ppenzieri a braccio!

    Ma che te vai a ppenza’, Sor Ddemoniaccio…
    er campo parlerà, chiaro e llampante…
    certo, st’attesa se sta a ffa’ snervante…

    • Complimenti @Giggi! Ho letto con grande piacere anche le altre tue poesie in vernacolo. Sei veramente molto bravo. Ammiro non solo il contenuto, godibilissimo, ma anche la capacità di trasporre in scritto il Romanesco cosi’ come viene effettivamente parlato: i raddoppi di consonanti, in alcuni casi la z al posto della s; il: C’è ‘r Napoli, con la r apostrofata, suona perfetta. Di nuovo, bravo e complimenti.
      FORZA ROMA!

    • @orange. Beh, l’ho definita Poesia, forse sarebbe stato meglio Sonetto…sinceramente non lo so, non ne capisco quasi nulla.
      Sul resto: “Ccempionz manco in Georgiano” toppi di brutto; se sei Romano vero prova a pronunciarla e vedrai se non “suona” proprio come Giggi l’ha scritta.
      Vuoi fare il Romano e mi sbagli anche i fondamentali: “popio” non si può sentire: si pronuncia popo (mi raccomando, senza l’accento sulla o finale). Manco le basi.
      Ciao…caVissimo.

    • si si..uguale uguale robstep..popio si usa come stonatura..popo popo..cmnq le poesie tu manco sai come sò fatte..però sui gusti nun se discute..per cui tiette stò sonetto stretto stretto….anzi mettitelo in cameretta accanto al poster di Pasolini..eh eh eh..

    • @orange. Su una cosa hai ragione: le poesie non so neanche come sono fatte, è vero. Sbagli su Pasolini, non mi è mai interessato; e questo indipendentemente dalle preferenze e dalle scelte politiche. Sono interessato ad altri generi di letteratura e narrativa.
      Comunque, in buona sostanza: non hai, a mio modesto (vero?) avviso, reso anche un minimo di soddisfazione ad un utente che ha scritto, con passione suppongo, dei versi.
      Hai preso un pò giro me – in maniera goliardica, ci sta – perchè ho scritto che “la poesia” mi era piaciuta e poi ti smentisci riconoscendo che sui gusti non si discute. Non potevi pensarci prima?
      Infine hai messo in mezzo anche un grande come Pasolini (ripeto, non l’ho mai letto, mi baso su quello che autorevoli esperti affermano).
      Che dici te fermi qui o te voi ‘ncartà ancora de ppiù?
      Comunque, da parte mia nessun rancore o nervosismo. No problem! Succede di non pensarla allo stesso modo.
      Saluti.
      FORZA ROMA.

  8. Per correttezza diciamo che al Napoli mancherebbero 2 titolari…..Bisogna vedere in quale delle due squadre incideranno di più le assenze. Comunque sappiamo come la Roma storicamente sia capace di tutto ed il contrario di tutto….Quindi per me obiettivamente è 1x 2….

  9. Il Napoli è la dimostrazione che se c’è la competenza e uno scuoting di livello abile a scoprire non solo baby calciatori, ma anche calciatori veri si possono anche vendere pezzi forti o farne a meno e poi può uscire una squadra ancora più forte.
    Ma niente di nuovo era la strada tracciata da Pallotta, perché è impossibile e anche impensabile fare mercato senza vendere mai nulla di consistente
    Vieni bloccato dal faryplay finanziario,come sta succedendo a noi, quindi spero che da adesso in poi i Friedkin abbiano veramente mano libera sulla Roma e se vogliono vendere vedessero pure senza che poi il tifoso gli faccia la guerra.
    Certo però poi ci vorrebbe un Sabatini o un chi per lui e uno scuoting che ti va a pizzicare le caravelle

    • il problema è che quando lo facevamo noi, avevamo la juve super….e in un modo o nell’altro doveva vincere…ed era comunque un corazzata. Oggi vedo poco roba, il milan roboante di hernandez e leao….ma anche di calabria e salemekers ha fatto 2 vittorie in 10 partite di champions…

    • Faccio un esempio, Alisson lo hai venduto a 70 milioni perché è arrivato in semifinale di Champions e lo ha potuto apprezzare tutto il mondo. E così tanti altri giocatori in quegli anni. Certo se navighi tra 6° e 7° posto le grosse plusvalenze le fai col piffero anche se becchi il campioncino. E’ il famoso salto di qualità che ancora attendiamo da questa proprietà.

    • Perdonami Luca.. Ma è un processo totalmente diverso questo rispetto a quello di Pallotta..

      Il Napoli negli ultimi anni ha venduto veramente poco.. Forse il loro problema più grande è stato proprio quello di portare i calciatori alla fine di un progetto sportivo..

      Loro hanno iniziato a vendere giocatori quando ormai avevano fatto il loro.. Tipo.. Allan, Hamsik, Mertens, Insigne, Albiol, Callejon.. Molti tra questi in scadenza.. Altri svincolati.. Tutti sopra i 30..

      Hanno venduto Milik perche era in scadenza ed in più aveva problemi fisici.. Ed hanno venduto Fabian che se ne voleva andare.. E questo lo sanno un po’ tutti..

      E un po’ diverso dal vendere Marquinhos, Lamela, Rudiger, Allison, Salah, Paredes, Pjanic, Manolas, E ne sto dimenticando altri..

      Questi sono giocatori che avevano un intera carriera davanti.. Alcuni tra questi sono diventati fenomeni.

      E si possono comprendere cessioni come Strootman, Nainggolan ed altri.. Ma c’è una grossa differenza tra cambiare 3 giocatori da 30/35 anni ogni 3 anni.. E cambiare 3 calciatori da 23 anni ogni anno..

      Sono due politiche completamente diverse..
      Ti può andare bene quando sei bravo e fortunato a trovare un Benathia che non ti fa rimpiangere chi c’era prima..

      Ti va peggio quando sbagli e porti Nzonzi Pastore ed Olsen.. Al posto di chi si era giocato una semifinale Champions..

      Non confondiamo due politiche completamente opposte..

      Forza Roma..

  10. L’Atalanta, prima di giocare contro di noi, poteva far fare brutti pensieri, poi, una volta sul campo, la Roma non gli ha permesso di giocare, giocando a sua volta la più bella partita (senza Dybala)…. purtroppo solo il risultato è stato bugiardo: le occasioni di Abraham ancora gridano vendetta. Perciò, credo e spero, che la Roma ripeti la partita giocata contro l’Atalanta e soprattutto che il risultato sia diverso, ce la possiamo fare. Presi singolarmente, i giocatori del Napoli, non sono più forti dei nostri (Smalling+Ibanez+Mancini vs Juan Jesus+Kim, Zalewsky+Spinazzola vs Di Lorenzo+Mario Rui, Pellegrini+Cristante+Camara vs Lobotka+N’Dombele+Zielinsky, Zaniolo+Abraham o Belotti vs Politano+Osimehn+Kvara……

    • Ginko sei proprio un grande tifoso della Roma … ti voglio bene.
      Il confronto lo vinciamo in difesa, almeno nei centrali, ma a centrocampo ed in attacco..
      Sempre forza Roma

  11. Strano perchè a me risulta che il vivaio della Roma è sempre stato considerato tra i migliori in Europa ma a parte questo: Elogi a scouting del napule, elogi infiniti a pallotta omettendo sempre e comunque i disastri che ha lasciato Ti manca solo di elogiare petrachi e monchi e sei a posto Evidenziando una serie infinita di ostacoli, sminuisci continuamente l’operato fatto fin qui dai Freidkin e Pinto Proprio vero: Certi amori non tramontano mai.

  12. Se vogliamo fare un campionato da incorniciare dobbiamo fare piu punti possibili finocalla pausa mondiale, questo è il momento piu duro, poi torneranno i top acquisti dybala e wijnaldunm e sarà piu semplice daje

  13. la palla è rotonda e loro prima o poi….se devono anche ferma.Sulla carta la vedo dura,ma sui 90 minuti la Roma può giocarsela.Mai come in questo caso veramente bisogna fare una grande partita difensiva,pressare sulla linea di centrocampo e ripartire.Alla fine è il gioco che la Roma predilige affrontare sta squadra a viso aperto e lasciare spazi e come fare Karakiri.
    A prescindere dal risultato ci vuola una prestazione degna perchè se prendi i 3 punti…..

  14. Il Napoli è stato schiacciante contro squadre aperte.. Squadre che giocano cercando un calcio offensivo.. Come ad esempio il Liverpool e l’Ajax..

    Hanno avuto qualche problema in più contro squadre più chiuse.. Squadre che tatticamente hanno deciso di affrontare la partita più di contropiede.. Lo stesso Bologna è un esempio.. Il Lecce.. E c’è ne sono altre..

    Per questo per me la Roma non parte sconfitta..

    Il Napoli ora è una squadra completa, gli riesce tutto, affrontare il Napoli ora è complicato per tutti.. Figuriamoci per noi.. Che abbiamo problemi di rosa.. Mancano i due giocatori più importanti.. A questi si aggiunge Celik..

    Ma anche calciatori come Karsdorp, Pellegrini, Abraham.. Tutti giocatori non al massimo..

    Non è un alibi e realtà questa..

    Tuttavia la Roma è una squadra che ti porta a giocare male, chiusa, che lascia il possesso ma non si scopre mai eccessivamente..

    Questo modo di giocare mi lascia pensare che la Roma ha le sue possibilità.. Perché giocando così si possono creare problemi ad una squadra aperta come il Napoli.. Che rischia anche di scoprirsi troppo e lasciare spazi alla Roma..

    Sulla carta sarà la partita più complicata fino ad ora.. Una sconfitta ci porterebbe a meno 7 dal primo posto.. Ma rimaniamo sempre in corsa Champions.. Con il gruppone..

    Una vittoria sarebbe importantissima.. Per il morale, per la consapevolezza.. Non tanto per una questione di punti (anche se contano ovviamente )… Visto che non siamo neanche a metà campionato..

    Mi aspetto una partita dura ma anche abbastanza noiosa, ma nello stesso tempo mi farà perdere qualche anno di vita.. Ma se vinciamo, ne sarà valsa la pena..

    Forza Roma..

  15. In realtà i due scontri col Napoli nella passata stagione furono tutt’altro che noiosi.
    Anzi, forse due tra le partite più godibili anche dal punto di vista estetico da quando Mourinho siede sulla panchina della Roma.
    Alla fine furono due pareggi, ma forse nel computo finale quella che poteva recriminare di più fu la Roma, sia all’andata che al ritorno.
    Questo perché il modo di giocare di Spalletti calza bene su Mourinho: attaccano con parecchi uomini, lasciano sufficienti spazi per ripartire.
    Al contrario, Mourinho non lascia praticamente mai varchi dietro la linea difensiva, e il palla avanti, palla indietro, ancora avanti, tanto caro a Spalletti si rivela spesso sterile.
    Però il Napoli ha adesso diversi giocatori capaci di creare la superiorità numerica anche attraverso l’iniziativa personale, ed è lì che dovremo stare particolarmente attenti.
    Oltre a non concedere comodi tiri da fuori, perché anche in quel fondamentale sono ben muniti.
    Non è forse un caso se il certaldese non è mai riuscito a battere quello di Setubal, sperando che il trend prosegua e possa addirittura migliorare.

  16. A me sta storia di “Napoli schiacciasassi” non convince. Si è forte il Napoli; ha un gioco che porta avanti molti giocatori che hanno possibilità di segnare. Conosciamo tutti Spalletti.
    Ma lo scorso anno questo Napoli dopo 10 giornate aveva 2 punti in più… e che fine ha fatto poi? NOn ha vinto nulla, come sempre accade al Mister, perché le sue squadre a febbraio muoiono e non riescono a mantenere il ritmo. Quest’anno sarà diverso? chissà, ma al momento sta facendo bene ed è una sfida molto dura.
    La Roma saprà imporsi? non credo, faremo una partita d’attesa con la possibilità di partire in contropiede e cercare di svegliare i nostri attaccanti ormai in letargo da troppo tempo.
    Ce la possiamo giocare, anzi, ce la Dobbiamo giocare perché se si vuole vincere qualcosa o arrivare fra le prime 4 bisogna vincere queste partite.
    Forza Roma sempre

  17. Ha vinto 26 trofei, tra cui una Champions col Porto e una con l’Inter nell’anno in cui queste squadre erano tutt’altro che date vincenti in partenza in questo torneo. Perciò, MOU sa come si fa. ANNAMO A VINCE

  18. i pareggi vanno cosiderati a fine partita e dipende da come vengono.si va in campo x vincere sempre, certo sulla carta napule in questo momento e’ schiacciasassi , ma gioca largo e purtroppo in velocita ad un tocco max 2 , sono veloci e noi no ..ma, siamo un muro compatto e pieno di voglia di sorprendre e mou spesso tira fuori in coniglio dal cilindro cosi come a milano ..chiedo a me stesso dove trovo questa positivita’ , ma sono certo del colpo grosso , spalletti e ‘ bravo ma?? avra’ il braccino e tutto da perdere … siamo o no gladiatori ??? forza roma..ps se pinto ha preso il premio miglor ds ? a quello del napoli devono dare il nobel ..

  19. sembra che dobbiamo affrontare il Barcellona del triplete o l Ajax di Cruijff… io vedo più lontano oltre questa partita.. vada come vada! lo strapotere finanziario dei Friedkin contro il Delamentis è evidente a tutti come pure a confronto di sor pinguino o il Percassi dell Atalanta (anche se ora ha venduto). non c è partita. non c e confronto. i texani li prendono a tutti e 3 e li mettono a pulire gli autosaloni con il folletto! questa gente non ha il becco di un quattrino… anzi con i soldi del calcio ha ripianato i buchi delle sue aziende! questi club se stanno ancora nella parte sx della classifica è solo grazie ai suoi ds(Giuntoli su tutti ma anche Tare e Sartori) che con le pezze al cuxxo riescono a fare ogni anno rose competitive! è solo x questo! fai che una di queste squadre Toppi una volta e fa un buco di bilancio come Roma o Juventus… e si vendono pure gli Stewart dello stadio! questa è la vera differenza e alla lunga deve venire fuori!

  20. Un fatto è certo: quelli che ritengono la squadra del pelato fortissima, qualora vincesse la Roma, dovrebbero ammettere che siamo superiori, senza ricorrere a
    giustificazioni che è pur sempre una partita o che il campionato è lungo ahaha. Ne conseguirebbe anche che iMourinho ha avuto ragione ahaah del pelato con il suo “ber giogo”.
    Forza Roma

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome