“ON AIR!” – PIACENTINI: “La Roma può ancora arrivare seconda, il 7 maggio giornata decisiva”, LO MONACO: “Da Mou messaggi all’interno e all’esterno di Trigoria”, FOCOLARI: “Vuole il rinnovo”, CORSI: “Che ci facciamo senza giocatori?”

35
1777

ULTIME NOTIZIE AS ROMA – Prosegue il nostro appuntamento giornaliero dedicato al variopinto mondo delle radio romane. On Air, la rubrica più copiata (e incollata) del web, è un viaggio per le frequenze più ascoltate dai tifosi giallorossi a caccia di pensieri, notizie, indiscrezioni e qualche nota di colore. Buon divertimento! 

Gianluca Piacentini (Rete Sport): “La Roma può ancora arrivare seconda. C’è questa forbice tra il secondo e l’ottavo posto. Anche loro (la Lazio, ndr) non possono essere così sicuri: hanno Milan, Inter e Juve da affrontare. Ci sono due giornate da segnare in rosso sul calendario: quelle del 30 aprile, dove c’è Roma-Milan e Inter-Lazio, e poi c’è il 7 maggio con Atalanta-Juventus, Milan-Lazio e Roma-Inter. Si affronteranno tutte e sei le squadre che si giocano un posto in Champions…”

Mario Corsi (Centro Suono Sport): “La storia di Mourinho è chiara: lui vuole rimanere se ha una squadra, non la più forte del mondo, perchè questa è la nostra storia. Per il FPF però non si può spendere più di tanto, e questo mi fa pensare che Mou non rimarrà. Se lo fa senza avere giocatori importanti, con tutta la stima che ho per lui, ma che ci faccio con Mourinho senza calciatori? La storia del progetto di tre anni era una stupidaggine. C’è stata un momento della loro breve storia in cui c’era un cauto ottimismo e in cui si pensava di vincere in tre anni con Mou, adesso invece con le ultime di Pinto sull’accordo con la Uefa non mi fido. Poi magari Mou rimane e fa un altro miracolo con una squadra non fortissima…”

Paolo Cento (Rete Sport): “Io non sono così sicuro che rimanga, anche se scommetterei che l’anno prossimo resterà alla Roma. Lui ha ancora la possibilità di fare un gradino nelle sua carriera, e non so quanto la Roma gli dia garanzia di farlo. Con la Champions, Mourinho e una campagna acquisti, resta alla Roma. Ma senza Champions, non so…ma non perchè ha qualcosa contro la Roma, ma perchè la sua carriera è a un momento di svolta. La Roma non può permettersi di perdere Dybala: tutti questi sold out è anche legata alla presenza dell’argentino, che rappresenta con Mourinho un richiamo enorme…”

Mimmo Ferretti (Tele Radio Stereo): “Alcuni dei giocatori che tornano a disposizione di Mourinho dopo la squalifica mi preoccupano. Il Torino è una squadra balorda, è una squadra che ti marca a uomo, in tutte le parti del campo, e in casa sono chiamati a fare una partita di un certo tipo. La Roma non può permettersi di snobbare nulla, deve fare il massimo sia in campionato che in Europa League. C’è Torino e poi Feyenoord, che è un deja vu. Il Toro è una squadra balorda, il Feyenoord sta dominando l’Eredivisie. Sono due partite che mi preoccupano. Se tu porti a casa punti da Torino, poi c’è Lazio-Juventus e qualcosa succederà, per cui tu comincia a portare a casa punti…”

Daniele Lo Monaco (Radio Romanista): “Le parole di Mourinho non sono dichiarazioni di rottura. Lui ha parlato di sentimenti profondi, ha parlato di amore, sono state parole importanti. Ma ha tenuto a specificare che non ha ancora preso nessuna decisione sul suo futuro. Però non mi piace il discorso sui contratti, quando io firmo prendo un impegno e non sono libero di fare altri pensieri. Quando lui dice quelle cose, da una parte fa sapere dentro casa che qualcosa bisogna sistemare, e cioè che non vuole più girarsi verso la panchina e vedere i bambini, ma dall’altra manda un messaggio verso l’esterno. Lui dice: “Se qualcuno vuole parlare con me, io sto qua“. E questo gli farà comodo, perché avere un’offerta un mano gli potrà dare più potere contrattuale quando andrà a parlare con Friedkin…”

Roberto Pruzzo (Radio Radio): “Mou per restare chiederà la possibilità di migliorare la squadra. Lui è inserito benissimo nel contesto di romanità, e penso che sia soltanto una questione di cercare di capire se questa squadra può essere migliorata con due o tre giocatori che possono farti fare quel salto di qualità importante. In avanti in questo momento non so dare più giudizi, sia Abraham che Belotti stanno rendendo troppo poco, e ci sarà da fare delle valutazioni…”

Furio Focolari (Radio Radio): “Io penso che dietro alle parole di Mourinho ci sia la richiesta di un rinnovo di contratto. E come lo chiede? Chiedendo tanto. Lui dirà: “Voglio un rinnovo di contratto e tre acquisti di un certo livello“. Non so se i Friedkin potranno darglielo per via del patto con la Uefa, ma questo Mou proverà a fare. Io penso che se arriva una squadra importante che gli offre un posto, Mourinho se ne va. Ma di squadre superiore alla Roma non ce ne sono tante: 4-5 in Premier, 2-3 in Liga, una in Francia e una in Germania. Altrimenti cercherà di alzare la voce per avere qualcosa in più, ma senza offerte resterà…”

Stefano Agresti (Radio Radio): “Io penso che Mourinho chiederà soprattutto giocatori. Se gli diranno che non si potranno fare grandi cose, penso che resterà alla Roma per mancanza di offerte. Lui si mette sempre nelle condizioni di essere creditore anziché debitore, e lui ha anche un debito con la Roma che gli ha fato la possibilità di restare ad allenare ad alto livello, che gli ha dato tanti soldi e un mercato ricco, spendendo tanto di stipendio per giocatori come Dybala, Matic, Wijnaldum, Belotti. Non sono tante le società che possono permettersi tutto questo, al di fuori della Premier… Mou deve stare attento, i Friedkin non li conosciamo bene, non so se mettersi in questa posizione può scatenare una loro reazione… Mi rifiuto di pensare che Mou possa solo chiedere, deve anche dare. E se non arriva in Champions, a quel tavolo ci arriverebbe senza carte in mano…”

Gianni Visnadi (Radio Radio): “Mourinho non è che lo scopriamo oggi. I Friedkin non si fanno ricattare dal suo modo di fare, secondo me terranno il punto. Ma Mourinho ha ben massaggiato una buona parte della stampa, e poi ha tutto il popolo romanista dalla sua. Per cui la sua capacità di vendersi rimane intatta. Aspetterà di capire se qualcuno di più ambizioso lo contatterà. Però l’epoca del moruinhismo, anche per ragioni anagrafiche, non è ancora così forte in Europa. Lui ha 60 anni, ci sono 40enni a spasso di uguale carisma e meno spigolosi per le proprietà. Questa storia che la Roma non ha fatto mercato non è vera, i giocatori presi a parametro zero a 6-7 milioni di stipendio sono acquisti pesanti per le casse della società…”

Redazione Giallorossi.net

Seguici su TWITTER e FACEBOOK per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie della Roma!

Articolo precedenteDybala, futuro incerto: la Roma vuole blindarlo, ma le sirene dalla Spagna…
Articolo successivoRoma, multa di ottomila euro per i cori a Stankovic. Chiusura di un turno (con sospensiva) alla Nord biancoceleste

35 Commenti

  1. Senza spendere prenderemo altri parametri 0 forti …qualcuno ricorderà quando Pinto parlò di futuro Roma sui Parametri 0…sI vocifera di De gea, di Benzema, Firmino…credete che qualcuno di questi non arriverà? E allora Mou che ce lo abbiamo a fare dice Corsi…ecco la risposta: si punta forte sui parametri 0 ;-))…chiamateli incompetenti…mi fate morire!!! Daje Roma Dajeeeeeeeeeeeeeee.

    • questi arrivano se fai la Champions o se li ricopri d’oro…e siccome l’oro non lo possiamo spendere, diventa essenziale una qualificazione che, unita al carisma di Mou, possa convincere qualche giovanotto di belle speranze a venire a svernare a Roma in attesa della meritata pensione. Poi è vero che se Matic e Smalling in Italia appaiono ancora come dei mostri, vuol dire che il livello è talmente scarso che anche ex giocatori possono spostare gli equilibri di una squadra, ma è anche vero che nel famoso “progetto” si parlava di crescita dei giovani, e francamente oltre a Zalewski non mi pare che stiamo esprimendo chissà cosa…e non è con vecchie glorie a zero, che aumenti il valore della squadra, economicamente parlando

    • Un punto alla volta ;-)) ..Pure Dybala aveva un ingaggio monstre ed è venuto uguale ! Matic e Smalling sono ancora due ottimi giocatori per la serie A …in premier c’è più intensita e distanze tra le partite minori rispetto la serie a ….ovvio che i 2 farebbero un po’ di fatica lì non scopriamo nulla di nuovo! La serie a è quello che è ( na monnezza) ma nella monnezza ci siamo pure noi con la Roma…purtroppo!!! Piano piano i paletti del fairplay faranno meno male di adesso perchè a mio avviso paghiamo oggi per ciò che dovrebbe essere un domani luminoso( strizzata e condizionale d’obbligo ma la speranza è una virtù cardinale :-)))) ) e poi bisogna essere fiduciosi..io credo che ci si possa togliere qualche soddisfazione ,semplice sentore,…stiamo a vedere e daje roma dajeeeeeeeeeeeee!!!

    • Io ci andrei piano a definire la serie A monnezza ed i calciatori over 30 degli scarti.
      Ha detto bene una volta tanto Focolari. Tolte le squadre di Manchester, Liverpool ed un paio di londinesi, le altre squadre della liga non sono certo migliori delle prime della serie A, idem per le spagnole; basta guardare i valori delle rose dei vari campionati europei e gli attuali calendari delle fasi finali delle varie coppe. Un Matic, uno Smalling, un Gini, per non parlare di Dybala, sarebbero titoloi in tutte le squadre italiane e quasi tutte le europee, forse eccette le sopra menzionate. Quindi non buttiamo melma soltanto per il gusto di farlo

    • Con termine Monnezza …sintetizzo : sarò un vecchio nostalgico ma la serie A vera l’ho vista tra gli anni 80 ed il 200? prima di mafiopoli…il resto è noia …di che vuoi parlare ??? Di Mazzone ,di Balbo , Agostino, Pruzzo ,Conti ,Nela ,Totti,Montella…o di Matthaus,Van Basten, Baresi,Maldini,Rui Costa,Del Piero, Vialli ,Careca, Weah, Baggio…EDDAI SU …questa è una serie A ? ;-))

  2. Concordo con Gianni Visnardi. La storia dei parametri zero è una favola per Abbocconi.A quello che ha detto lui,aggiungo che la Roma ha pagato ben 21 milioni di commisiioni ai vari procuratori e intrallazzatori. Tant’è che l’UEFA tiene conto degli stipendi erogati per valutare il FPF e non solo i costi derivanti dall’acquisto dei cartellini dei giocatori.
    Fokolari si commenta da solo. IO lo bannerei dal Sito,come intruso apportatore di sfiga.

  3. Mou 💛♥️rimane a ROMA 💛❤️…
    I friedkin gli faranno uno squadrone 💪🤞

    E questi individui…. Andranno tutti al famoso ponte……

  4. con un fatturato di quasi 11 miliardi di dollari all anno.. non credo che x i Friedkin sarebbe un problema spendere! il punto è il FPF ed il piano di rientro dal debito fatto con l uefa! la Roma ha un fatturato da provinciale! questo è il vero punto! ed è su quello che bisogna lavorare.

  5. “Stefano Agresti (Radio Radio):

    “Io penso che Mourinho chiederà soprattutto giocatori”.

    E meno male che ce sta Agresti !

    senno’ pensavamo che Mourinho chiedesse soprattutto giardinieri !

  6. Sarri senza calciatori come i nostri sta dimostrando di saper fare calcio ed essere secondo, Mourinho…. vabbè altrimenti mi date del lazziese.
    …è da inizio campionato che leggo anche dai tifosi che il modulo più logico sarebbe un 4.2.3.1. oppure un 4.3.3, invece abbiamo usato un modulo dove anche allenatori scarsi ci hanno massacrato. Oltretutto Pinto a gennaio ha preso calciatori non banalissimi che anche contro la Sampdoria hanno dimostrato di sapere giocare a calcio, ma purtroppo Mourinho per sue prese di convinzione e posizione contro Pinto ha preferito i Bove ed i Kumbulla….
    Insultatemi pure ma Mourinho ormai è un ex gran tecnico, gran tecnico solo con i campionissimi oltretutto, anzi si è anche fatto esonerare con calciatori forti in rosa, in Inghilterra.

    • Già che il tuo commento inizia con Sarri, ha già sbagliato a proporlo su questo forum. Ammesso che tu sia in buona fede e che i tuo sia un giudizio sull’allenatore della squadra per cui fai il tifo, ti invito a fare le seguenti riflessioni. Tu pensi che davvero tra i tifosi della Roma, te compreso ci sia qualcuno che ha più competenze di Mourinho? perchè in realtà si fa fatica a trovarne tra gli addetti ai lavori e suoi colleghi. Credi che scegliere quali uomini schierare sia più facile per un tifoso o per chi segue costantemente i giocatori, chi li conosce personalmente, chi conosce e deve gestire le dinamiche dello spogliatoio, rispettare gerarchie e tenere unito il gruppo? Sul commento relativo all’esonerato e gran tecnico solo con i campionissimi sorvolo perchè perderei la mia consueta calma, ma ti ricordo i titoli vinti che sono 26, uno dei quali, ti sarà sfuggito, lo ha vinto da bollito anche alla Roma

    • @Alekos; I giudizi ed i commenti possono essere condivisi o non condivisi, ma bisogna sempre rispettare la libertà di pensiero a meno che non si pensa di vivere in altre epoche con sistemi punitivi per il divieto di LIBERTA’ di pensare.
      Su Mourinho/Sarri ho solo voluto sottolineare la differenza tra i due allenatori (oltretutto Sarri cercato anche dalla Roma) e di come tra i due tecnicamente ci sia differenza tecnica e capacità nel preparare le partite allo stato attuale e del rispetto nel parlare dei dirigenti della propria società, e non credo che Tare sia più bravo di Pinto, anzi Mourinho e Dybala oltre a Matic e Gini come Llorente e d altri è stato proprio Pinto a portarli a Trigoria e non i Friedkin.
      In merito ai titolo vinti, credo che senza i campioni non avrebbe fatto carriera, in effetti i Ballardini, i Sottil, Dionisi, ecc.. hanno dimostrato a Mourinho quanto tecnicamente e tatticamente e tatticamente valga oggi Mourinho.
      Un caro e rispettoso saluto.
      P.S.
      Se si nomina Sarri o qualcun’altro non si è per forza lazziesi, e ricordati che viviamo nel 2023 dove per fortuna esiste ancora la LIBERTA’ di pensiero.

    • Tra noi tifosi, così come anche tra i cosiddetti “addetti ai lavori” (tranne qualche rarissima eccezione), non ce n’è oggettivamente uno che possa ritenersi di competenze superiori o persino uguali a un Gennaro Rambone, Nedo Sonetti o Alberto Cavasin.
      Per cui è sommo esercizio di futilità pensare di criticare con cognizione di causa alcuno di questi o i Garcia, Di Francesco e Fonseca.
      Anche il peggiore dei registi capirà di cinema più dello spettatore medio che va a guardare il suo film e si permette di dire che fa schifo.
      Con tutta la pacatezza possibile non si può sempre liquidare ogni discorso con la premessa che Mourinho ne capisce infinitamente più di tutti noi, semplicemente perché è superfluo.
      Magari qualche volta sarebbe anche carino cercare di portare la discussione oltre il mantra dei 26 trofei sul quale cala inevitabilmente il sipario.
      Che rende francamente inutile anche questo spazio, rendendolo più simile a un blog nordcoreano, ammesso e non concesso che ve ne siano.

    • Caro Zio Dan conordo con il tuo discorso.
      Sono uno che utilizza a volte la mannaia dei 26 trofei, perché di fronte a alcune argomentazioni a dir poco semplicistiche, è inutile fare sofismi. Come si dice: le chiacchiere stanno a zero.

      Tuttavia, per altri interlocutori, cerco di andare oltre.

      A me francamente, il gioco delle squadre di Mourinho non è mai piaciuto, nella mia estetica di calcio. In teoria, le squadre che mi hanno entusiasmato negli anni sono state, l’Ajax di Cruijff, l’Urss di Lobanowsky, il Milan di Sacchi, la Roma di Eriksson… per capirsi. Ne dimentico qualcuna e altre ce ne saranno state ma non le guardavo (tipo lazio di eriksson… boh…)
      Cioè mi piace il collettivo con i campioni nel collettivo che però pratica un calcio aggressivo e verticale.
      Per questo non mi ha entusiasmato il Barcellona del tiki taka.

      Però ho preso atto a un certo punto che il calcio è cambiato e che le squadre con i ritmi di adesso non possono permettersi più simili automatismi con rose di 25 giocatori e 55 partite a stagione.

      Il calcio è cambiato e, guardiamo la realtà: si dice che la serie A sia un torneo minore, ma ha 3 squadre alle fasi finali della champions, 2 dell’EL e 1 della conference.
      Davanti a noi in campionato abbiamo 3 squadre che fanno la champions.

      Il gioco è molto tattico. Necessita di ampie rose e di rotazione delle forze.

      Il gioco aggressivo schemi e collettivo possono permetterselo le squadre che giocano una volta a settimana, e anche loro hanno i periodi negativi stagionali. Così alla fine ogni anno a rotazione ci sono momenti in cui alcune squadre esprimono un calcio molto bello, ma poi alla fine se gli va bene finiscono fra il settimo e il 13 posto.

      In tutto questo i soldi sono sempre meno, per tutti. Presto anche per la premier, senza alcun dubbio. La direzione verso cui sta andando il mondo è chiara, e in inghilterra la gente ha già diversi problemi economici pesanti: la crisi arriverà anche al calcio.
      Non parliamo della Germania, idem.
      E della Spagna.
      Noi siamo con le pezze al culo e sarà sempre peggio.

      In tutto questo contesto, la situazione del famoso “ambiente romano” sappiamo che rende molto difficile gestire le stagioni e i giocatori.

      (ogni argomento che tocco meriterebbe un capitolo a parte ma cerco di essere breve).

      Mourinho è un allenatore che ha carisma, ha una stima incondizionata della maggior parte dei giocatori a livello globale, sa gestire i gruppi, motivarli.
      E’ pragmatico, cerca di far giocare la squadra a seconda dei giocatori che ha, mirando al risultato prima che allo spettacolo.
      In tutto ciò avrà sicuramente fatto i suoi errori come li fanno tutti al mondo, ma ha un’esperienza tale che probabilmente non ne ha fatti altri centinaia che altri avrebbero fatto al posto suo.

      In campionato siamo sempre lì. Se avessimo avuto un centravanti come lo scorso anno, non dubito che avremmo 10 punti di più.
      Ci possiamo giocare l’EL.

      Non abbiamo un terzino destro. E nemmeno, bravo, sinistro.
      Non abbiamo un vero importante quinto, a parte quando Spinazzola azzecca una delle sue rare partite. Zalewsky è comunque adattato.
      Abbiamo avuto due soli centrocampisti in tutta la stagione.

      Se c’è Dybala Matic e Wijnaldum è solo perchè c’è Mourinho.

      Quindi: mi spiegate per quale motivo non dovrei considerarlo il miglior allenatore possibile che possa stare alla Roma?

      E quindi sono dalla sua parte, sempre e comunque.

    • Francesco.. Non sono d’accordo assolutamente su nulla..

      Questo perché non tieni minimamente conto delle caratteristiche dei calciatori..

      La lazietta negli 11 titolari e una squadra capace di fare palleggio.. Con calciatori capaci di inserirsi..

      A partire dalla difesa.. Sia Romagnoli che Casale sono due calciatori di posizione.. Che sanno uscire palla al piede.. A centrocampo con Luis Alberto e Savic.. Sulle fasce con Zaccagni e Pedro..

      La Roma ha caratteristiche totalmente diverse.
      L’unico difensore che sa uscire palla al piede è Llorente.. In prestito.. A centrocampo e Matic.. In attacco e Dybala..

      Questo non significa che la Lazio è più forte della Roma.. Ma che ha caratteristiche diverse.. La Lazio è costruita per giocare così.. La Roma assolutamente no..

      Anche per un gioco a 4 siamo costruiti male.. Abbiamo in difesa (Llorente a parte).. Solamente marcatori.. Nessun regista difensivo.. Ed i marcatori lasciano buchi..

      Zalewsky non è un terzino.. Abbiamo pochi esterni offensivi.. Elsha e Solbakken.. Dybala non lo è mai stato..

      Per non parlare del centrocampo.. Con Cristante, Matic, Pellegrini (perché Gini è appena tornato).. E un centrocampo lento, poco reattivo, poco tecnico nel complesso.. Fisico, quindi più adatto al posizionamento..

      Ed è qui che il tifoso fa confusione.. Perché la Roma sarebbe più adatta a giocare a 4 senza registi difensivi e con un centrocampo di posizione?

      In tutto il tuo discorso onestamente non c’è nessuna spiegazione.. Ma solo ciò che vorresti (come lo vorrei io).. Ma nessuna spiegazione..

      Non è un caso se prima di Mourinho anche Fonseca.. Allenatore abituato alla difesa a 4 ha cambiato il suo modulo per passare a 3..

      Stesso discorso vale per Mou.. Abituato alla difesa a 4 si deve mettere a 3..

      Non sarà che i tifosi vorrebbero vedere la Roma a 4.. E quindi dicono semplicemente che è più logica… Ma nessuno spiega quale sarebbe questa logica e nessuno parla delle caratteristiche di una squadra costruita male da anni ed anni..

      L’esempio con la Lazio c’entra meno di zero.. Per una questione di caratteristiche..

      L’allenatore si adatta alle caratteristiche.. Non al nome.. Perché è così complicato capire questo?

      Forza Roma

    • Ciao Marco, quindi Mourinho in 2 anni non è riuscito a costruire una squadra, giusto?
      Non credo che Pinto non si sia mai confrontato con Mourinho.

    • Francesco tu sei del partito :La colpa è sempre dell’allenatore..

      Io invece non ragiono così.. E un gioco di squadra.. Le colpe quando le cose vanno male sono di tutti.. Società, Ds, Allenatore, Giocatori..

      Mi sembra che Mourinho si è lamentato più volte del mercato.. Oppure no?

      Mi sembra che ha parlato di “mercatino” da 7 mln.. Dimmi Francesco.. E la società che deve accontentare le richieste di un allenatore oppure è l’allenatore che compra i calciatori?

      Seriamente.. Di cosa stai parlando?

      La Roma è una squadra costruita male dal 2018 se non erro.. Per mano di Monchi.. E nessuno ha mai migliorato il centrocampo costruito da Monchi..e guardacaso proprio da quel mercato non siamo entrati più in Champions..

      Per te è un caso?.. Per me no..

      Continuiamo a distruggere allenatori.. Che sia Fonseca oppure Mou.. Ma le cose non cambiano.. Anzi.. Con Mou ad oggi hai ottenuto risultati migliori..

      E per ora.. Siamo hai Quarti di Europa League.. Ad un solo punto dal terzo posto.. Con una competizione vinta lo scorso anno.. E con un finale tutto da giocare..

      3 anni fa arrivavamo Settimi a pari punti con il Sassuolo.. A più di 20 punti dalla zona Champions..

      Mou ha portato qualche risultato.. Ma anche grazie alla società che un minimo è intervenuta e grazie a calciatori nuovi che un minimo hanno migliorato la squadra..

      Meriti e colpe non sono mai di un solo professionista.. E calcio non tennis..

      Forza Roma..

  7. Credo che la società prima di fare i passi vuole qualcosa, il quarto posto e finale EL… Gli acquisti di LLORENTE, MATIC, DYBALA, WYNALDUM, BELOTTI, SOLBAKKEN, presi per alzare il tasso tecnico, dopo la Conference, bisognava avere qualcosa di più per raggiungere proprio gli obiettivi prefissati, fine stagione, si tirano le somme e poi si vedrà. Per logica è chiaro che, per affrontare la Champion (arbitri permettendo…) servono almeno quattro acquisti di livello, uno per reparto, la società farà anche delle scelte importanti, su riscatti, contratti, rinnovi…anche scelte dolorose di addii, serve tutto ciò, anche per fare mercato. Vediamo poi cosa succederà, sono più fiducioso dello scorso anno, abbiamo una rosa importante, possiamo ancora qualcosa di importante.
    💛🧡❤️🏆🐺🐺🐺

  8. Fatico a comprendere la logica per cui se non si va in Champions Mourinho e Dybala andrebbero via… Na non sarebbe anche colpa loro? Quando si vince è merito loro e quando non si riesce la colpa è del resto della squadra?

  9. Io mi chiedo sempre chi sia questo Gianni Visnadi e perché parla della Roma.

    Non che non ci dorma la notte, però ogni volta che leggo il suo nome rimbomba stentorea nella mia scatola cranica la domanda “ma chi cazz’è?”

    se qualcuno volesse illuminarmi

  10. france’ ad un certo punto se semo chiesti ma ndo sta Dybala ? stava sugli esterni .. tammy e’ solo nelle praterie contro tre .. ciai Matic Gini dyba elsha spina ma che cacchio voi pe fa na bella partita. .. non riuscivamo a toglie palla alla samp.. se devi gioca pe fa tre tiri in porta comprate contropiedisti e basta .. poi se presenta .. l amici mia Nun se toccano.. e arrivato al capone . . ridicolo …. ma vedi dannattene da dove sei venuto .. ma che voi fa ? l educatore .dEr popolo romanista ..? me fai solo ride..a zero titoli .. .ma fa gioca bene sta squadra .. co 7 Pippi l’anno..

  11. Intanto zero titoli proprio no visto che uno lo ha vinto al suo primo anno. Sarri per vincere uno scudo è dovuto andà a casa dei ladri e non gli è neanche bastato per rimanerci, neanche con il Chelsea c’è riuscito. Ciò che te fa ride ne ha vinti 26 e riempie lo stadio ad ogni partita.
    Ma poi l’hai vista almeno la partita? 3 tiri in porta? Forse ti sbagli con la Samp. La Roma ha fatto 28 tiri in porta di cui 11 nello specchio (palo compreso e almeno due miracoli del portiere). Ma forse t’eri addormentato.

  12. ma siete tanto sicuri che negli 11 titolari la Roma é meglio della Lazio… boh….ad esempio i tre di centrocampo mi sembrano meglio i loro….

    • finora abbiamo giocato con crisyante Matic e pellegrini, francamente milinkovic vecino e Luis Alberto perlomeno mi sembrano meglio assortiti…. davanti non hanno un fenomeno ma segna tantissimo… pure il portiere alla fine mi sembra più reattivo il loro…. Zaccagni e Anderson rapidi saltano l’uomo…. in difesa più o meno siamo lì …

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome