“ON AIR!” – ROSSI: “La Roma deve comprare 10 giocatori, comincio a essere perplesso”, CARINA: “Le Fee? In Francia è stato considerato un flop”, COSENZA: “Ho visto il video di Gabriel Sara e mi sono intristito”

26
916

ULTIME NOTIZIE AS ROMA – Prosegue il nostro appuntamento giornaliero dedicato al variopinto mondo delle radio romane. On Air, la rubrica più copiata (e incollata) del web, è un viaggio per le frequenze più ascoltate dai tifosi giallorossi a caccia di pensieri, notizie, indiscrezioni e qualche nota di colore. Buon divertimento!

David Rossi (Rete Sport): “La Roma, tra giocatori sul mercato e quelli già andati via, dovrebbe comprare almeno 10 giocatori. Di cui 5 titolari. Siamo al 2 luglio, e non dico che mi aspettavo di avere già un paio di giocatori, perchè ufficialmente il mercato è cominciato ieri, però l’Inter e la Lazio ne hanno già presi tre, la Juve ha preso Douglas Luiz e sta per prendere Thuram…non dico che sono preoccupato, però diciamo comincio a essere un po’ perplesso…Tra l’altro Ghisolfi, poverino, non ha nemmeno colpe, è da 15 giorni che sta qui, di solito i ds cominciano a lavorare sulla squadra da gennaio…Io mi aspetto che la Roma chiuderà il suo mercato con delle lacune. Guardate che tra sei giorni si raduna la squadra…o quello che ne rimane…”

Gianluca Piacentini (Rete Sport): “La felpa? Mi fa schifo e vorrei parlare con il genio che l’ha creata…ma come caz*o ti è venuto in mente di farlo bianca e celeste?… La squadra vera e propria la vedremo solo a fine luglio, quando torneranno i nazionali. Noi abbiamo come scadenza l’otto luglio, l’inizio del raduno, ma penso che nella testa di Ghisolfi la data di scadenza sia fine luglio… Dybala? Lui e la Roma si incontreranno all’inizio del raduno e penso che la risolveranno, o dentro o fuori. L’8 o il 10 lo sapremo già quale sarà il suo futuro. Abraham invece è in vendita: da lui la Roma vuole ricavare i soldi per il nuovo centravanti. Se poi il 10 agosto Abraham sarà ancora al centro dell’attacco vorrà dire che è cambiato qualcosa, e tu non potrai spendere quei 30-40 milioni per il centravanti che ti serve…”

Mario Corsi (Tele Radio Stereo): “Ronaldo piange perchè sbaglia un rigore, se vedessi un giocatore della Roma piangere dopo un errore mi sarei messo in ginocchio…se un giocatore della Roma piangesse per il dolore della sconfitta, il dolore dello sbaglio, la Roma diventerebbe una delle squadre più forti del mondo. Anche con questi, pensate… e invece oggi sento che c’è qualcuno che a Cristiano Ronaldo lo insulta. Si vede che la gente non riconosce i numeri uno…”

Paolo Cosenza (Tele Radio Stereo): “Gabriel Sara? Il Norwich l’ha messo proprio sul mercato, ha fatto un video con tutti i gol e gli assist che ha fatto in stagione…io l’ho visto, e mi sono intristito…andatevi a vedere il video per cortesia… Un brasiliano di 25 anni che in carriera non ha mai visto per sbaglio nemmeno la nazionale, nemmeno quelle giovanili…”

Lorenzo Pes (Tele Radio Stereo): “Sangaré è un calciatore preso per la Primavera ma penso che farà la prima parte del ritiro con i grandi anche per testarne le qualità. Da quello che ho visto è un giocatore interessante come passo e rapidità, ma è un 2007 e deve ancora formarsi sotto ogni aspetto, anche fisico. La Roma ha visto qualcosa nel ragazzo, anche perchè il club lo ha annunciato come un colpo di mercato: ci puntano. Non escludo che si possa vederlo anche in prima squadra nel corso dell’anno. Ma non penso che lo si possa già immaginare come l’alternativa al titolare…”

Alessio Nardo (Tele Radio Stereo): “Non ricordo giocatori della Primavera annunciati con un comunicato ufficiale apparso sul sito ufficiale del club, quindi immagino che la Roma ci punti davvero. L’ultimo caso simile è quello di Marquinhos, che non aveva 18 anni quando venne a Trigoria: sembrava più un Primavera, e invece ci accorgemmo dopo poco che era un grandissimo talento. Con Sangarè parliamo di un ragazzo ancora più giovane, ma sarà interessante vederlo nelle prime amichevoli. Se investi un milione e mezzo per un sedicenne vuol dire che ci si crede tantissimo…”

Piero Torri (Radio Manà Manà Sport): “La felpa azzurra? A me sinceramente fa schifo. Ed è preoccupante che l’abbiano avallata: ma dove vivono questi, su Marte? Ma come si può dire sì a una felpa di quel tipo? Poi chissene importa, non la compro, e secondo me la ritireranno dal mercato…è come se il Milan si facesse una tuta coi colori nerazzurri…ma come si fa? … Spinazzola? Io gli avrei rinnovato alla metà di quello che guadagnava, e poi avrei preso Holm a destra, e così avrei sistemato le fasce…”

Stefano Carina (Radio Radio): “La Roma è un cantiere ma ci può stare, mancano ancora due mesi alla fine del mercato e il ds si è messo al lavoro tardi. Ma il ritiro comincia tra una settimana e non deve essere un problema di De Rossi se il ds è stato annunciato tardi. Auguro tutto il meglio a Sangaré, l’ho visto in faccia e mi sta simpaticissimo, ma mi sembra un po’ poco. La Roma deve migliorare se vuole entrare di nuovo in Champions. Tra titolari e riserve bisogna comprare 10 calciatori, e siamo tutti concordi sul fatto che arriveranno. Sabatini ne comprò nove in un giorno. Però De Rossi è il primo anno che parte dall’estate, è qualcosa di nuovo anche per lui, e il club non lo ha messo nelle condizioni migliori. Hai bisogno di esterni, e tu il primo calciatore che prendi è un centrocampista, sul quale fra l’altro ci sono considerazioni differenti. In Francia Le Fee è stato considerato il flop dell’anno scorso. Ieri ho sentito paragonarlo a Bennacer, a me ricorda più Gargano…”

Sandro Sabatini (Radio Radio): “Gli allenatori hanno anche bisogno di confrontarsi, di essere appoggiati e accuditi da una figura dirigenziale, che sia il ds o il presidente. Credo che la Roma abbia bisogno di una figura forte del genere per accompagnare De Rossi nella sua prima avventura da allenatore dal primo giorno. Che è diverso. Nei ritiri estivi tutti sembrano forti, ti viene sempre da pensare che puoi vincere lo scudetto, è una sensazione sbagliata che avrà anche a De Rossi…Siamo tutti un po’ ragazzini, batti 10 a 0 i boscaioli e provi questa sensazione…”

Nando Orsi (Radio Radio): “Dobbiamo dire che la Roma è in ritardo. Non so se dipende dal direttore sportivo che conosce poco il nostro calcio. È comunque vero che questa è una società non parlante, ma i fatti li fa. Aspettiamo l’8 luglio per capire che rosa sarà consegnata a De Rossi. Penso che qualcosa si farà, la Lazio è più avanti come acquisti…”

Redazione Giallorossi.net

Vuoi essere sempre aggiornato sulle ultime notizie della Roma sul tuo cellulare? Iscriviti subito al canale Whatsapp di Giallorossi.net!

Articolo precedenteDopo Le Fee Ghisolfi prepara altri due colpi: Valentini e Gabriel Sara
Articolo successivoRoma, sarà Roberto Trapani il nuovo responsabile del settore giovanile: arriva dal Monza

26 Commenti

  1. Tutti preoccupati per il mercato… Vediamo alla fine dello stesso come siamo messi. Se devo dire che sono fiducioso adesso, direi na bucia… Termine ultimo fine luglio, fine mercato… Ecco…Qui mi aspetterei un doppio colpo finale, già pronto anche senza aver fatto preparazione…

    • è alla fine che fai aspetti a gennaio con stagione compromessa ancora una volta? 5 anni senza Champions la pazienza è finita se non hanno intenzione di fare una squadra competitiva si occupassero dell Everton e vendessero la Roma a chi vuole fare invece di vivacchiare aspettando che faccio sto caz… di stadio !!!

    • Potrà aver preso anche 3 equivalenti di shomurodov e pure questo è da dimostrare ma intanto non ha avuto problemi a spendere quasi 30 mln prima di fine giugno (poi idealmente perché ci sono in mezzo prestiti con obbligo).
      Il problema è che la Roma è ferma completamente come al solito da anni a questa parte ad inizio mercato, tra un po’ comincerà la solita manfrina che a fine mercato i prezzi si abbassano e tocca aspettare agosto. Lasciano sempre l’ allenatore col cerino in mano senza poter far fare la preparazione ed inserire i giocatori a tempo debito. Non si riesce a sbloccare una trattativa che è una tanto in entrata quanto in uscita. Non è colpa di Ghisolfi come non lo era di pinto.Anche oggi titoloni e proclami ma non arriverà nessuno.

  2. A me Carina ricorda Tonino Carino, ovvero una macchietta. E poi sono addolorato per Cosenza, che si è intristito per l’addio di Renatino Bidons, e mo’ come faremo? La cosa divertente è che nessuno conosceva ad esempio Candela, perché i sedicenti commentatori delle radio romane sono a tutti gli effetti semplici tifosi, come noi, ma qualcuno li ritiene pure attendibili. Che poi, alla fine, le cose sono molto semplici: il direttore sportivo non viene acquistato per comprare giocatori già noti spendendo a rotta di collo, cosa che potrei fare pure io e facendomi pagare molto meno, ma deve scovare giocatori in grado di conseguire un elevato rapporto tra qualità e prezzo.

    • Ciao caro Giorgio… alcuni commentatori in radio sono semplici tifosi che non sanno nulla … questo è un dato di fatto.. ma non è tutto! Molti di questi sono indottrinati e debbono tenere una certa linea di comunicazione anti Roma! Lo fanno per gli ascolti. La polemica fa audience… e comunque , mantenere una linea comunicativa a prescindere da ogni cosa , quindi impostata e non imparziale , garantisce sempre audience di un determinato tipo di ascoltatore. Questo, soprattutto a livello politico, in Italia funziona con i giornali, con le tv etc.. Queste radio non fanno altro che copiare di sana pianta un modello nazionale che funziona da sempre in ambito politico e sociale. Trattandosi poi di calcio, in un paese dove tutti pensano di essere CT, Ds, Presidenti etc.. la polemica funziona ancora meglio e garantisce audience. Anche il nostro intervenuto contro di loro in questo forum ne è una riprova, perché gli da visibilità… potere.. stiamo comunque parlando di loro. La polemica gli da potere e loro la cavalcano. Io provo solo pena per chi non afferra questo concetto e gli va dietro.. pensando realmente di essere depositari della verità.. ma come si diceva in in noto film anni 80… “ Beata l’ignoranza.. se sta bene de mente , de core e de panza..”. Un caro saluto e Forza Roma!

  3. cosenza se hai visto i video di Gabriel sara e ti sei intristito cambia occhiali…oppure te li devi mettere che sei cieco……

    • si adesso non esagerare non stiamo prendendo falcao, è lecito aspettarsi qualcosa di meglio altrimenti è rassegnazione alla mediocrità

  4. La Roma l anno prossimo potrebbe vendere Svilar a 40 milioni e Ndicka tra i 20 e i 30. Sono i nostri asset, cerchiamo di trovarne altri

    • e certo quelli buoni li vendiamo e le seghe le teniamo, è così che si costruisce una squadra forte!

  5. “la podistica è più avanti”. Per me non lo è mai, nemmeno quando ci arriva sopra in classifica, nemmeno se compra undici fuoriclasse. Semplicemente non esiste…
    “Sangaré, l’ho visto in faccia e mi sta simpaticissimo, ma mi sembra un po’ poco”: a me sembra assurdo che uno pseudo giornalista che scrive e racconta di calcio, per le prime impressioni si basi sul volto del calciatore. Emblematico, secondo me, di ciò che sono questi inetti.
    “spinazzola? Io gli avrei rinnovato alla metà di quello che guadagnava” e io, leonardo spinazzola, avrei rifiutato. Quindi?
    “Gabriel Sara? Il Norwich l’ha messo proprio sul mercato, ha fatto un video con tutti i gol e gli assist che ha fatto in stagione…io l’ho visto, e mi sono intristito…andatevi a vedere il video per cortesia…” Un altro che ha bisogno di andare a vedere il video per capire di chi si sta parlando.
    Inoltre, aggiungo, troppe (tutte) le volte che abbiamo acquistati fenomeni protagonisti di giocate startosferiche sul web si sono rivelatI flop. Hai visto mai?
    SEMPRE FORZA ROMA SEMPRE

    • AS ROMA 2024-2025 : con le Fru Frù, Pernacchièn, Gabriella e Sara la Ciampionslingue alla portata!!! Aiutateci vi preghiamo : contattate l’ 800-883-643 o versate 2 euro all’iban qui indicato ITXS00023400000000324567 GRAZIE.

    • Falso.
      Pianjc aveva già brillato e segnato gol pesanti in champions, era titolare della sua nazionale ed aveva 20 (e non 24 o 25) anni.
      Era noto e ricercato come uno dei ragazzini con più talento e margini in europa, come oggi può essere un Thuramo o un David.
      E soprattutto non è che stai a parlà di Falcao, Cerezo, Emerson, De Rossi o chi ti pare: stai a parlà di uno che ha fatto benino e niente più.
      So post come questo che dimostrano l’incompetenza di chi spara ste fregnacce per il gusto di spararle.
      Sui pieno di likes, poi, stendiamo un velo pietoso.

    • sottoscrivo ciò che ho detto, il post non è mica scientifico, a Lione faceva panchina a un belloccio carneadesco di cui non ricordo il nome. Di Pjanic c’era una buona considerazione, ma giocava poco, tant’è che è costato anche poco, comprato all’ultimo giorno con una trattativa fulminea.

    • Pjanic a 19 anni aveva purgato e buttato fuori il Real Madrid dagli ottavi di Champions con il Lione. Con Spalletti poi era anche andato in doppia cifra di gol nel solo campionato prima di passare alla rubbe.

  6. pjanic se ne parlava bene ed era più giovane, le fee non vale i soldi che chiedono è un giocatore normale a quelle cifre un Ds dovrebbe essere in grado di trovare di meglio

    • L ho già scritta a chiare lettere la mia opinione. Se se prende le fee a 20 allora nun è cambiato niente rispetto al passato. So favori pe l’amici e soldi, tanti, che girano pe no scopo diverso da quello de fa na squadra forte. Quello che succede da anni nella Roma, er vero male de sta squadra.
      Spero nun sia così stavolta.

  7. questa carenza di struttura tecnica c’è da tre anni, ma dopo mourinho che accentrava tutto bisognava assolutamente prendere il direttore generale e il direttore sportivo, esperti e bravi, e consegnare a loro la costruzione della squadra… chi decide che viene de rossi chi dirige insieme all’allenatore le operazioni di mercato???? cosi la vedo male in mano ai principianti siamo…

  8. il direttore sportivo deve individuare giocatori giovani e poco costosi ? Certo,quello del Lecce o del Sassuolo.Solo ,senza l’ ambirnte tranquillo di Sassuolo, si va in B molto prima

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome