“ON AIR!” – CORSI: “Via Mou? Senza un altro salto in avanti sarebbe il baratro”, DI GIOVAMBATTISTA: “La Roma ha parlato con Nagelsmann”, FERRETTI: “In atto un gioco delle parti, ognuno tira acqua al proprio mulino”

39
3121

ULTIME NOTIZIE AS ROMA – Prosegue il nostro appuntamento giornaliero dedicato al variopinto mondo delle radio romane. On Air, la rubrica più copiata (e incollata) del web, è un viaggio per le frequenze più ascoltate dai tifosi giallorossi a caccia di pensieri, notizie, indiscrezioni e qualche nota di colore. Buon divertimento! 

Gianluca Piacentini (Rete Sport): “Da tifoso, la critica che era stata fatta alla precedente presidenza è che in dieci anni non era riuscita a farci vincere manco una coppa Italia. Il tifoso vuole alzare un trofeo. Se vale più un Europa League di uno scudetto? Non lo so, se ne può discutere, ma la cosa importante è che il 1 giugno andiamo al Circo Massimo a festeggiare il secondo trofeo a distanza di un anno. Vincere l’Europa League ha importanza anche finanziaria, ti porta soldi e la Champions in prima fascia, sarebbe un aiuto economico ai conti della società. E sarebbe un aiuto di blasone: la Roma che alza l’Europa League e si va a giocare la supercoppa europea avrebbe grande attrattiva per i giocatori, innescherebbe un circolo virtuoso di cui il club ha bisogno…”

David Rossi (Rete Sport): “Io ve l’avevo detto che sarebbe stato opportuno giocarsi bene Roma-Salernitana. Più passa il tempo e più aumenta il rammarico, ho la convinzione che facendo la staffetta Cristante-Matic, con 45 minuti per uno…con tutto il bene per Tahirovic, non è ancora pronto a fare il regista della Roma, soprattutto se ha accanto Camara e questo Wijnaldum qui… La Roma più strutturata ha vinto il secondo tempo 2 a 1. Ora devi fare all-in su Budapest, che per carità, ci sta. Qualora le cose non dovessero andare bene a Budapest, io non è che il 1 giugno mi metterò qui a parlare di stagione fallimentare. Anche se un ragionamento si dovrà fare, sempre considerando che esisterà una Roma anche senza Mourinho: ormai qualcuno è talmente presto dal fanatismo religioso per Mou che fa una sovrapposizione completa tra lui e la Roma…”

Mario Corsi (Centro Suono Sport): “La situazione è brutta in questo momento, ci sono delle storie che non sarebbero veramente servite, bisogna dirlo… Mourinho aspetta una parola…e ditela una cosa. Capisco che questo sia il modus operandi di Friedkin, però… In questo momento il silenzio non è d’oro. Io non dico che deve essere un’uscita pubblica, ma ad personam per capire come poter affrontare il prossimo campionato. E’ strano. I Friedkin, essendo delle persone molto intelligenti, e programmano il futuro delle loro aziende, dovranno pensare a questo: se a loro Mou ha stufato, perchè magari si lamenta troppo e mette in cattiva luce il club, dovranno fare un altro salto come è stato fatto da Fonseca a Mourinho. Magari ti cambiano allenatore, ma ti prendono due dei giocatori più forti d’Europa. Perchè se prendono Aouar e Ndicka, e un allenatore modesto, e un ds modesto, o Modesto, fate voi, sarebbe un baratro…”

Andrea Pugliese (Rete Sport): “Dybala me lo aspetto in campo a Budapest, nell’ipotesi peggiore gli faranno un’infiltrazione e lui giocherà. Il punto è capire in che stato di forma. Lui non sta bene, ce lo ha detto chiaramente anche Mourinho. Chi lo ha visto, ha riferito addirittura di un Dybala claudicante scendendo dal pullman. Resta una situazione preoccupante, perché è passato un mese da Atalanta-Roma. La prima cosa che faranno quelli del Siviglia sarà entrargli sulla caviglia…”

Mimmo Ferretti (Tele Radio Stereo): “A parte la società e Mourinho, non sa nessuno quale sarà il destino dell’allenatore. Ci possono essere delle verità di parte, perchè magari una delle due parti ha suggerito la sua verità. Ora forse potrebbero esserci tante verità di parte. Secondo me è in atto un gioco delle parti dove ognuno prova a tirare acqua al proprio mulino. Ho paura che questo gioco non possa portare risultati alla causa della Roma. Se sono più fiducioso o pessimista per la finale contro il Siviglia? La Roma ha il 50% di possibilità di vincere…”

Ilario Di Giovambattista (Radio Radio): “Siamo venuti a sapere che la Roma ha parlato con Nagelsmann. Per il momento si tratta solo di un primo approccio, perché ancora la situazione con Mourinho non è chiara. Anche il Napoli è interessata al tecnico tedesco…”

Roberto Pruzzo (Radio Radio): “Ho la sensazione che Dybala non ce la farà per la finale, ma spero che possa entrare a partita in corsa. Fondamentale aver recuperato Smalling e El Shaarawy, per avere una difesa più solida e più soluzioni in attacco…”

Redazione Giallorossi.net

Seguici su TWITTER e FACEBOOK per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie della Roma!

Articolo precedenteEl Shaarawy in attesa della Roma. Ma ora si fa sotto il Milan
Articolo successivoTOTTI: “Mourinho? Prima ero più fiducioso che restasse, ora meno. Mercato sintetico, arrivare in Champions sarebbe incredibile”

39 Commenti

  1. Ilario Ilario vieni a pescare con noi ci manca il verme!!!! a (Z)cazzaroni state a rosica brutti sbiaditi il 31 noi in finale Europa League e voi a gufa dal televisore!!!!! potete dire quello che volete ma la squadra c’è e sono uniti guidati da un tecnico che poche volte sbaglia questi appuntamenti!! non succede ma se succede…..

  2. La cosa più importante è LA ROMA E SOPRATTUTTO VINCERE poi può arrivare chi vogliono dobbiamo assolutamente giocare in Champion e giocarci la SUPER COPPA SAREBBE IMPORTANTISSIMO PER L’IMMAGINE IN EUROPA

  3. Invece di proteggere, creare un muro intorno alla Roma, difenderla, preservarla, incoraggiarla, ce sputano sopra de brutto, mai vista una cosa del genere… 💛🧡❤️🏆🐺🐺🐺

    • La mancanza di Mou la sentirai quando vedrai in tv le altre che giocano le finali in Europa, la sentirai quando si perderà nuovamente questo sprito di appartenenza che riempie lo stadio anche contro la Salernitana di lunedì pomeriggio. La sentirai quando chi siederà in panchina farà pipp@ di fronte le ingiustizie del palazzo. La sentirai quando ad una chiamata della Roma il Dyibala o il Matic di turno ti rideranno in faccia. La sentirai quando i giocatori torneranno ad avere il potere di far esonerare un allenatore.
      Gli inguardabili, come li chiami tu, (per me sono giocatori della AS Roma) non credo che li abbia voluti Mou.

    • 1927, ci sono cose buone fatte da Mou, ma anche cose negative. Quindi se senza Mou non vorrai più venire allo stadio, ce ne faremo una ragione… Vai pure a fargli da maggiordomo a Setubal… Io continuerò a sostenere la mia Roma.
      Il senso di appartenenza non lo dà l’allenatore, ma la società. Prima non c’era perché con Pallotta le porte erano girevoli. Sveglia. Ci sono squadre che vincono scudetti e stanno in finale di coppa anche senza Mourinho… Fattene una ragione

    • UTR, io ho rispetto per tutti e parimento me lo aspetto. La frase sul maggiordomo di Mou, infelice tra l’altro, te la potevi risparmiare.
      Sono a metà del cammino della mia vita ergo partite ne ho viste tante e presidenze anche, da Anzalone in poi, compreso Ciarrapico! A mia memoria non ricordo stagioni con sold out continui (quest’anno si chiuderà con 1.200.000 spettatori) per tutto il campionato, fatta eccezione per l’anno dell’ultimo scudetto, (1.100.000 spettatori) dove in campo scendevano grandi giocatori che davano spettacolo,(la media di tutte le altre stagioni non arriva neanche alla metà,dati Transfermarket facilmente cosultabili).
      Quindi, riconoscendo che forse il termine appartenenza non è il più appropriato, vogliamo parlare di passione(?), quella la danno i fattori campo, ossia giocatori e allenatore. O vuoi dirmi che la Roma di Radice, Andreazzoli, Montella, Garcia etc ti dava la stessa quantità di frequenza cardiaca?

    • Ognuno può avere le proprie legittime opinioni, il rispetto sarebbe il minimo, ma forse è chiedere troppo. Michele non ha offeso nessuno.

    • La Roma di Radice me la alzava la frequenza cardiaca, come no, anzi una delle annate cui sono rimasto più legato, quella del Flaminio. Squadra modesta, molto più di questa, ma grandissimo cuore.
      E ho ammirato tanto pure quella del primo anno di Garcia, una macchina quasi perfetta, “la chiesa al centro del villaggio”, come no. Tanta sfiga, gli infortuni di Totti e Gervinho, ma soprattutto Strootman, e un avversario che fa oltre 100 punti, una cosa mai più vista.
      Di questa, oltre alle belle cavalcate in coppa, ho “ammirato” anche tante partite (pure troppe) che invece mi hanno fatto scendere il latte alle ginocchia, un po’ come nei successivi anni di Garcia e con Andreazzoli.
      Se a te e al resto del “sold out” sono invece piaciute, beh, è un’opinione che rispetto pure se non la condivido affatto.

    • @Sop, infatti non mi riferivo a Michele, che ha espresso un giudizio seppur non da me condiviso. Mi riferivo a UTR.
      @zio Dan, effettivamente….

    • 1927, però non fare il permaloso… Non voglio offendere un fratello romanista… Quindi ti chiedo scusa se pensi che ti abbia offeso. L’unica cosa è che a volte sembra che senza Mourinho la Roma non esisterà più. Mi sembra esagerato….

    • UTR, apprezzo molto le tue scuse, ed ammetto di essere n’anticchia permaloso :)! quindi scusami anche tu, e quando ci si chiama fratelli romanisti le cicatrici non restano.
      Qui non si discute il fatto che senza Mou non si giocherà più a pallone, ma del fatto che è innegabilmente un valore aggiunto che riesce a camuffare altre carenze ed inevitabilmente una attrattiva per giocatori di un certo calibro. Poi quandrò andrà via Mou ovviamente la Roma continuerà ad esistere e noi continueremo ad amarla, ma l’entusiasmo (spesso se vogliamo immotivato) che c’è intorno a questa squadra io non lo respiravo da tempo.
      Tutto qui. Un abbraccio

  4. Guidone is on fire! Io amo Mou dai tempi del Porto, figuratevi se lo vorrei lontano da Roma. Ma Mourinho è uno, e solo una squadra può essere allenata da lui: le altre smettono di giocare a pallone? No. per più di 90 anni non lo abbiamo avuto, quindi? Siamo sempre tifosi della Roma.

    Non è un messaggio contro Mou, sia chiaro: tra una settimana c’è la partita più importante della nostra storia, perché sarà una partita epocale, che potrebbe regalarci un grande sogno, e far schiattare laziali, juventini, milanisti e, forse, interisti. E voi mi parlate del futuro della Roma? Soprattutto Guidone, che dopo il rigore sbagliato contro il Feyenoord, faceva i sondaggi su chi dovrebbe essere il nuovo capitano della Roma. Se Mourinho se ne andrà da vincitore, mi dispiacerà da morire, e se mi porterà il secondo trofeo internazionale in due anni, lo ringrazierò per sempre. Ma voi ci credete davvero che se vince lascia? Avrebbe una supercoppa da giocare, una champions da onorare.

    Basta chiacchiere. Oggi, per sette giorni, la squadra va supportata, non affossata con queste chiacchiere che non hanno nulla di certo, se non uno “spariamo a casaccio”: qualcuno dice che Mou andrà via, qualcun altro che Pinto andrà in Inghilterra. Dal 2 giugno potremo parlare di futuro. Ma una cosa posso dirla: entrambi hanno fatto un lavoro eccezionale. Perché comunque, la rosa della Roma ha fatto due finali. Era attrezzata? Non molto. E qui interviene la mano del Mago, di Mou. Entrambi hanno meriti indiscussi e indiscutibili in questo percorso.

    Dite qualcosa da romanisti, basta polemiche.

    Forza Roma, Forza Pellegrini, Forza Mourinho e Forza Pinto. Forza Roma.

    • Onestamente? Lo ascoltavo. Arriva prima di altri a certe cose.
      Poi, però, si incaponisce su alcune cose a livello personale, e li si perde.

      Per me è diventato un capitolo chiuso quando hanno iniziato a parlare male del capitano della Roma, quando hanno iniziato a fare i sondaggi per chi avrebbe dovuto prendere il posto di Lorenzo Pellegrini. La sud ha ragione, “nel bene e nel male un capitano resta tale”. Da li, molte cose e molti pezzi del puzzle si sono incastrati.

      Dare contro i Friedkin è da laziali e scellerati: in tre anni, hanno portato una semifinale di Europa League, Una Conference League (un trofeo internazionale mancava dal 1961) e una finale di Europa League. Vi piaccia o no, è così. E non si possono criticare, per quella che è la nostra storia, con una bacheca che vantava una sola coppa delle fiere del 1961. E i calciatori sono arrivati, i soldi sono stati messi: il primo anno arrivò Abraham, lo scorso anno Matic, Wijnaldum e Dybala – Pallotta, in dieci anni, ha portato il solo Dzeko. Pinto lo hanno scelto loro, così come José Mourinho.

      Poi, ovviamente, c’è il tecnico più forte della storia. Lo hanno portato, un giorno – purtroppo e speriamo il più in là possibile – se ne andrà. Ma non è detto che chi verrà al suo posto non possa essere di livello.

    • Oddio, mi tocca scendere in campo in “difesa di Pallotta”, chi l’avrebbe mai detto!
      In realtà io penso di parlare sempre in difesa della Roma, al di là di quelli che sono gli uomini che, come è ben noto, sono destinati a passare, tutti, nessuno escluso.
      Ebbene, dire che Pallotta “ha portato il solo Dzeko” è una ca*ata pazzesca, e mi scuso per l’uso improprio della lingua francese.
      Ma forse TG voleva intendere solo giocatori affermati, quelli col bollino blu di “campione” reclamati a gran voce da Zi Bah? Ebbene, l’elenco comprende, oltre allo stesso Dzeko, Maicon, Keita, Kolarov, Smalling, Mkhitaryan, Pedro (concluso da “testa grigia”).
      E questo senza volere menzionare gli Strootman, Marquinhos, Pjanic, Rudiger, Alisson, Salah, Nainggolan, Manolas, che “gambioni” ancora non lo erano nel senso stretto ma lo sono poi diventati, a Roma o lontano da Roma.
      Pallotta di danni ne ha fatti parecchi alla fine, e di strascichi ancora ce ne portiamo appresso, ma dire che abbia portato “solo Dzeko”…c’mon, you must not be serious!

  5. ma che e’ st aria da funerale ?
    ancora si deve giocare e gia’ diamo risultati negativi
    si sa che il campionato e’ quello che vediamo
    ci resta un appuntamento decisivo quello he conta

    • bravissimo nessuno, qua già stanno a rompe….
      Ndiamo a prenderci sta cavolo di coppa e poi vediamo.
      🦾🦾💪💪🦾💪🦾🦾💪

  6. ognuno la pensa come vuole io ti dico che se quando giocava Totti mi dicevano va via ma tranquilli viene rimpiazzato bene io so già che sentirò la mancanza perché a parte quel gruppetto di campioni che la Roma non si poteva permettere ci avremmo rimesso. con Mourinho è ancora peggio perché lui è forse il migliore in circolazione come obiettivi raggiunti ed è un allenatore che , come diceva capello, conta al 20% percentuale molto più alta anche di un fuoriclasse visto che si gioca in 11.

  7. O non capite o non volete capire, che è peggio !!!
    Il modus operandi reclamato da pennivendoli & company è di chi vuol sapere….
    Ma il modus operandi dei Friedkin è di chi non vuol far sapere!

    E finora non solo è stato corretto ma anche vincente!
    Il perché andrebbe cambiato, se funzionale al progetto, spiegatemelo!!!

    Quando lo riterrà opportuno la Società OPERERÀ, (quindi neppure allora parlerà…), mettendo sul tavolo già LE SUE SOLUZIONI.
    Che non c’è ragione ad oggi immaginarle non idonee.

    Ricordo a tutti che MOURINHO FU CONQUISTATO DAI FRIEDKIN e non mi pare abbia mai detto nulla contro la loro famiglia!
    Più facile credere che si siano dati una parola (chessò, aggiorniamoci al 1° giugno…) che stiano scervellandosi adesso sul da farsi.

    PER TUTTI COLORO AMANO LA ROMA C’È DAVANTI UN SOLO OBIETTIVO…!!! (FRIEDKIN, MOURINHO, PINTO, TIFOSI)
    Chi non è centrato su quell’obiettivo È SEMPLICEMENTE FUORI DAL REALE INTERESSE PER LA ROMA MA SOLO DENTRO I PROPRI PROPOSITI….

    Più semplice di così!

    Quindi, AVANTI POPOLO GIALLOROSSO!
    Affankulo sciacalli, parassiti, nemici.
    FORZA ROMA

  8. FERRETTI: “In atto un gioco delle parti, ognuno tira acqua al proprio mulino”

    quello di mariuccio è difende Mourinho per attaccare la società, perché non se magna più.
    che gli frega della Roma.

  9. 1)Tahirovic .
    in campo insieme ad un anarchico Camara , con Wijnaldum che , ad ora , passeggia in campo.
    Anche Matic o Cristante in difficoltà.
    2) Camara ,
    grande corsa e pressing , portato ad andare in avanti , fino all’ area avversaria .fino al tiro.
    Con MOU dovrebbe retrocedere per la fase difensiva e chiudere le linee di passaggio. Un altro ” gioco del calcio” per intenderci.
    3) Belotti Abraham
    Zalewski i avanza e tira , El Shaarawy avanza e tira , Wijni anche , Pellegrini pure , ora anche Camara.
    Quei 2 come possono fare gol ? Qualche scambio al limite,? qualche cross? Li si può apprezzare solo in fase di loro assist e pressing ?
    4) MOU è responsabile tecnico della squadra e dei risultati di squadra. In alcuni match ha sbagliato anche lui , è un grande ma non Dio.
    5) Pinto risponde della sostenibilità economica della squadra .
    Valorizzazione giovani , parametri 0 =ACQUISIZIONI di prestazioni NON ACQUISTI.
    per intenderci
    con soldi =Vicario -senza soldi =Svilar
    con soldi =Berardi – senza soldi =Solbakken
    con soldi =? – senza soldi =Camara
    6) Zaniolo ci ha rovinato in campo
    906 minuti la Roma 6 gol fatti
    ci ha rovinato non accettando il Bournemouth , non concedendo acquisti.
    7) Kluivert .
    anche lui venduto , ma saltato l’ affare con gli inglesi.Speriamo si riesca a venderlo quest’anno e investire bene.
    8) Wijnaldum .
    fuoriclasse con difficoltà o fase calante ? A Roma ancora non conosciamo WIJNALDUM…
    Ps
    bella scelta Zaniolo =riserva in Turchia .

  10. Michele opinione rispettabilissima ognuno la vede come vuole ma io spero non succede ma se succede come tutti noi ci auguriamo sarebbe la seconda coppa europea vinta dalla Roma consecutiva io 56 anni non ho visto alzare mai una coppa europea dalla Roma ero piccolo quando vincemmo la coppa anglo italiana ma se prediligi vedere il bel gioco e poi non vincere è una tua opinione io preferisco VINCERE di bel gioco quante Roma ho visto Zeman Spalletti Eriksson e Tanti altri solo per citarne qualcuno ma poi risultati niente quindi

  11. ora naglesman.
    ba. io ho sentito buffon dire che tuchel, per esempio, non allena mai la difesa (e lui è stato con tuchel).
    in Italia la vedo dura

  12. comunque troppi bla bla bla , va bene mou , ma continuare a contestare pubblicamente la societa’ (perche cosi e’) non e’ leale ed onesto verso i tifosi e i giocatori stessi , serve solo a garantirsi una buona scusa in caso di fuga .. resta inteso che questa propieta’ non mi e’ mai piaciuta , anche loro sono palazzinari , rivisti e corretti , e questo loro mutismo e’ stucchevole , irriverente verso i 65000 allo stadio e altri a casa che seguono la magica … comunque e’ ormai noto che non hanno la forza economica x competere in un campionato come la serie a e non hanno neppure un ds che possa trovare soluzioni a basso costo , lo dimostra la classifica , napoli vende i 3/ 4 migliori li rimpiazza guadagnando e stravince in campionato , l inter raschia il barile ma tra i vari miky etcc e’ davanti a noi , l atalanta? la propieta’ vende 4 sacchi di stucco x pareti e arriva sempre o con noi o quasi sempre sopra ,milan ? idem e della lassie non parlo mi viene da vomitare …….meditate gente meditate

  13. “facendo la staffetta Cristante-Matic, con 45 minuti per uno…con tutto il bene per Tahirovic…” anche io che ero allo stadio ho visto e pensato la stessa cosa. Uno dei 2 poteva giocare e l’altro sostituiva l’uscente..anzichè proporre un centrocampo Camarà Tahirovic!

    Stare dietro al Milan quarto e fagli sentire il fiato sul collo era alla nostra portata.
    Ormai il dado è tratto, damo tutto nelle finale

    F.M.R.

  14. Trovo assurdo che si continui a parlare del futuro, quando c’è un presente così importante. Aveva senso in passato, quando non avevi più niente da chiedere alla stagione oppure quando, dopo un’ottima stagione, non avevi comunque vinto nulla.
    In questo momento se Mourinho resti o se ne vada (idem Dybala, Matic…) non mi preoccupa minimamente. Penso solo all’approccio che avremo ad inizio partita, se la squadra rimarrà lucida o avrà il braccino, come affronterò la gioia di un’eventuale vittoria o la delusione di una sconfitta. Non riesco ad andare oltre.

  15. e’ un momento molto delicato, sono arrivate le fanfare a creare tensioni e problemi, bisogna rimanere assolutamente concentrati sulla finale, sarà una partita a scacchi che può dipendere da un piccolo dettaglio, in queste situazioni mou e’ un maestro, confido che si isolerà e studierà tutto alla perfezione insieme alla squadra per non sbagliare nulla e portate a casa la partita, e’ troppo importante ..daglie Roma !!!!

  16. A proposito, faccio un sentito appello a Zenone stasera di NON gufare “Itagliano”…perché ci serve che PERDA per garantirci almeno l’accesso in EL nella prossima stagione a prescindere da cosa accadrà a Budapest e nelle prossime due giornate di campionato.
    Non è invece un problema se il buon Itagliano dovesse vincere la Conference.
    Capito tutto quindi? Stasera si tifa Itagliano…ovviamente per sortire l’effetto contrario.

  17. ragazzi io credo che in questo momento non si debba parlare di mercato per nessuno c’è una finale da giocare che ti permetterebbe di giocare anche in Champions bisogna stare solo vicino alla squadra.poi gli altri discorsi si faranno dopo

  18. friedkinnnnn, bravo bravo….fai andare via MOU …bravo bravo, L’ ennesima prova che non e’ cambiato nulla stessa pasta di ballotta

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome