“ON AIR!” – AUSTINI: “Dopo le minacce della Uefa si è capito che il campionato va concluso”, MAGNI: “Farlo per forza è un messaggio sbagliato”, CORSI: “Giocare tutto a Roma? Non li vogliamo”, CENTO: “Basta ipocrisie, il calcio è un’industria e non solo passione”

12
2639

ULTIME NOTIZIE AS ROMA – Prosegue il nostro appuntamento giornaliero dedicato al variopinto mondo delle radio romane. On Air, la rubrica più copiata (e incollata) del web, è un viaggio per le frequenze più ascoltate dai tifosi giallorossi a caccia di pensieri, notizie, indiscrezioni e qualche nota di colore. Buon divertimento!

Alessandro Austini (Tele Radio Stereo): “Ormai è passato il messaggio che il campionato si deve concludere, la Uefa ha fatto una vera e propria minaccia dopo che il Belgio ha deciso di chiudere il campionato. Io continuo a non capire come si possa trovare un’armonia dei vari calendari dei campionati europei. Ma cosa gliene frega alla Uefa di non poter assegnare una Champions? I problemi sono solo economici e siccome non sanno come uscirne, per finire questa stagione sono disposti a rovinare anche le prossime due stagioni…pensate quanto non vogliono perdere questi soldi… E poi ci stiamo arrendendo al fatto che il calcio sarà giocato a porte chiuse… Ma non vi sembra così ovvio che sarebbe meglio chiudere tutto e ricominciare a settembre? Quanti problemi in meno avresti…”

Ugo Trani (Rete Sport): “Le parole di Lotito? Posso pure essere d’accordo sul fatto che l’atleta può essere avvantaggiato perchè è più forte di una persona normale, ma bisogna anche considerare che l’atleta fanno degli sforzi che una persona normale non fa…C’è poi il problema delle idoneità sportive a quei giocatori che hanno avuto il Coronavirus…E poi pensate a chi è andato all’estero…che sono stati in aeroporti e non sappiamo cosa hanno fatto e come si sono comportati…”

Paolo Cento (Rete Sport): “Io anche ho sostenuto nelle scorse settimane che fosse pazzesco pensare a ripartire col calcio, ma se riparte l’attività produttiva è difficile sostenere che l’industria calcio tenerla ferma… L’industria del calcio è fatta di migliaia di persona che ci lavorano come tante altre e non possiamo tenerla ferma. C’è questa idea strana di pensare che il calcio è solo passione, ma non cadiamo nell’ipocrisia che il calcio sia solo andare a vedere la partita…qui parliamo di un’industria che produce milioni…”

Massimiliano Magni (Rete Sport): “Gli esperti ci dicono chiaramente che il virus non scomparirà ma ci sarà per sempre…il discorso è che quando ci sarà un numero normale di contagiati, il sistema sanitario sarà pronto e lo tratterà come ne sono trattati altri. Dovremo convivere con questo mostro che piano piano diventerà meno mostro, perchè piano piano che si espande diventerà meno virulento. Noi dalla convivenza col virus non ne usciamo, mettiamocelo in testa. Ma abbiamo bisogno che ci si illustri di che gradualità parliamo per ripartire. E anche il messaggio che sta dando il calcio non è buono, questo voler ripartire per forza. Ok, non si può stare fermi per sempre, ma se fai passare che il campionato lo devi finire per forza è un messaggio sbagliato…Si deve ripartire per gradi, e se si può si finisce…”

Mario Corsi (Centro Suono Sport): “Il Corriere dello Sport titola: “Campionati, via libera!”…Questi sono veramente scemi… Le parole di Lotito? Ora è anche diventato un virologo… Ieri è uscita l’idea di far giocare il campionato a Roma…io farei una petizione per dire che noi romani non li vogliamo…tutti quelli che vengono da altri posti con tutta la stima, smaltissero i loro problemi a Milano… Lo dico senza cattiveria, ma siccome a Roma per ora, facendo le corna, la situazione sembra tranquilla perchè devono venire tutti qui?…”

David Rossi (Roma Radio): “Noi abbiamo cominciato questa avventura con l’euforia della novità, la prima settimana sembrava quasi un gioco con la gente che cantava sui balconi. Ora la cosa comincia a farsi pesante, anche se magari ti sei abituato un po’, ma si comincia a sentire la mancanza di certe cose. Il problema sono gli asintomatici, e se domani ci facessero uscire perchè il virus è sparito, io comunque uscirei con la mascherina…ma basta questo per proteggerci dagli asintomatici? Perchè ancora non ci hanno detto con certezza se il virus resta nell’aria o se sopravvive a lungo sulle superfici… Io con i numeri di oggi non riaprirei…880 nuovi contagiati sono comunque un bel focolaio, e per di più sono distribuiti sul territorio…”

Daniele Lo Monaco (Tele Radio Stereo): “La stampa mainstream ti induce a pensare, anche grazie alla scelta delle foto, che si debba tornare a giocare…”Campionato fase 2, via libera”, con espressioni di gioia da parte dei vari giocatori… Queste sono le scelte sui cui dobbiamo riflettere…mentre c’è ancora l’elenco sterminato dei morti e nessuno della comunità scientifica sa ancora dirci quando potremo uscire per strada a tenerci la mano….Però ci dicono che scatta la fase due del campionato…E quando scatterà la fase due dei bar e dei ristoranti? E la fase due della scuola e dell’università? Quando scatterà la fase due della pizza?…”

Redazione Giallorossi.net

12 Commenti

  1. Infatti, il Belgio se n’è fottuto dell’UEFA…!!! Rischia ma ha fatto la cosa giusta. Qualcuno dovrà pure mostrare un po’ di palle o no?! Si segua questa traccia e piuttosto si trovi il modo di riconoscere a chi ha stravinto il campionato un merito acquisito e riconosciuto da tutti: vedasi, Liverpool e Benevento… Forza Roma

  2. Mi piacerebbe sapere di chi è stata l’indegna idea di far ripartire il campionato e farlo disputare tutto a Roma, anche se intuire chi ha partorito un aborto simile non è difficile immaginarlo

  3. Ugo Trani (Rete Sport): “Le parole di Lotito? Posso pure essere d’accordo… Non me ne stupisco!
    Presidente Uefa – Aleksander Ceferin
    Presidente Fifa – Gianni Infantino
    Presidente Lazio – Claudio Lotito
    Rimango dell’idea che questi tre: Andrebbero sicuramente messi sicuramente sotto processo!
    Ho visto alcune recenti interviste di questi “signori” – Nessuno di loro indossava la benchè minima “protezione” (guanti o mascherine) o rispettava alcuna distanza dall’altra persona
    Perchè a costoro vengono concessi simili privilegi, proprio non lo concepisco Se simili comportamenti li adottasse un “comune mortale”, apriti cielo son sanzioni pecunarie o (in alcuni casi) addirittura il carcere Costoro che violano apertamente qualsiasi “direttiva” il nulla… Mi auguro solo che prima o poi qualcuno si “svegli” ed incominci ad applicare qualche sansione ma di quelle pesanti.

  4. il Campionato di Basket e’finito,nel Calcio ancora ce stanno a pensa’,non sanno piu’che inventasse pe fa ricomincia’sto teatrino,la gente e’schifata,basta!!

    • Voglio proprio vedere,qui ci diciamo tutti schifati e siamo tutti d accordo che il campionato non deve ripartire, poi sky se ne esce con lo sconto e tutti a fare richiesta, quando il campionato ripartira’,perché ripartira’, che farete? Tutti incollati al televisore? Per quanto mi riguarda non seguiro’il campionato che riparte, disdetta già data da un pezzo…..state bene cosi

  5. Fosse successo questo 20 anni fa e anche di più il campionato si sarebbe fermato. Adesso il calcio è industria, i soldi prevalentemente provengono da televisioni e sponsor, sai cosa importa a queste società della possibilità che qualcuno possa essere contagiato. Quindi faranno di tutto per ripartire, in ogni modo, ormai si è capito. Lo stesso discorso vale per le case farmaceutiche che tireranno fuori vaccini e medicine. Credete che non siano contente della presenza del virus a livello globale? Il mondo che comprerà obbligatoriamente le medicine. 7 miliardi di clienti ogni anno…. fatevi due calcoli se per qualcuno il virus non è motivo di gioia

    • Caro Claudio, è già successo un qualcosa di simile a metà anni ’50 e sul finire dei ’60.
      Nessun campionato è stato sospeso e men che meno i governi di quegli anni si azzardarono ad emanare decreti come quello attuale.

      Sul resto, concordo: sicuramente anche in questa situazione, come accade per guerre ed inquinamento, c’è chi addirittura si sta sfregando le mani…

  6. Ma chi la darà l’autorizzazione a far ripartire il campionato?? Chi?? Forse i lotirchio o Gravina stanno aspettando che ripartano le coppe per poter dire di essersi semplicemente adeguati all’Europa..? ma gli sta dicendo zella anche qui perché in Europa la cosa si attenuera’ ancora più tardi!! Cmq il coni si dovrebbe imporre e commissariare la figc per impedire a questi nuovi signorotti del feudo calcio di concretizzare le loro idee di parte ed evitare quindi il rischio di nuovi contagi e morti.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome