“ON AIR!” – BERSANI: “La Roma spesso ci ha tradito, ora deve dare risposte”, PIACENTINI: “Io ci credo”, SAVELLI: “L’auspicio è di poter giocare il ritorno con una qualificazione ancora aperta”

24
3049

ULTIME NOTIZIE AS ROMA – Prosegue il nostro appuntamento giornaliero dedicato al variopinto mondo delle radio romane. On Air, la rubrica più copiata (e incollata) del web, è un viaggio per le frequenze più ascoltate dai tifosi giallorossi a caccia di pensieri, notizie, indiscrezioni e qualche nota di colore. Buon divertimento!

David Rossi (Roma Radio): “Non posso che augurarmi che la Roma faccia le cose per bene stasera. Quest’anno lo ha fatto sempre in coppa. Non so che chiamarlo momento verità, perchè già oggi si può dire che è una squadra bipolare, e se eliminasse l’Ajax la doppia personalità sarebbe certificata…”

Iacopo Savelli (Roma Radio): “Quello che ha lasciato l’amaro in bocca è stato vedere la Roma nelle ultime settimane buttare via partite alla portata e rischiare di mandare a monte il lavoro di un anno. Sensazioni? Non so, l’anno scorso col Siviglia avevamo sensazioni buone e poi ci fu quella prestazione. Ho solo un auspicio: che si possa giocare una partita importante per far sì che si possa affrontare la gara di ritorno con il passaggio del turno ancora in palio…”

Augusto Ciardi (Tele Radio Stereo): “Mancini è della provincia di Pisa, è gente che non te le manda a dire, gente sfrontata, che non ha peli sulla lingua. In lui riconosci quello che deve essere lo spirito di squadra. Io da tifoso della Roma vedo in Mancini quello che vorrei fosse il giocatore della Roma. Ma viva la faccia…”

Mario Corsi (Centro Suono Sport): “E’ un momento brutto per questa Roma, però intanto siamo ai quarti di questa Coppa B, contro l’Ajax. Fonseca dice che loro hanno un attacco fortissimo, ma siamo sicuri che i loro sono più forti dei nostri? Forse più dinamico, su quello sono d’accordo… Vediamo un po’ come reagirà stasera la Roma, i giocatori sembrano vogliosi di un grande riscatto. Siamo molto curiosi…”

Massimiliano Magni (Rete Sport): “La gente tende ad avere una leggera diffidenza sulla Roma. E’ bello però il pensiero della partita di stasera. L’Ajax non è insuperabile, ma sarà una partita complicata, però sarebbe bello fare una bella figura e passare il turno. Speriamo si esca da questa annata un po’ triste con un acuto. Poi vediamo da giugno che succede…”

Gianluca Piacentini (Rete Sport): “Sabato dopo Sassuolo vedevo lo spettro di una stagione finita, e ora invece ci credo in maniera sconfinata. Vedo proprio la strada spianata verso la finale di Danzica. Ci sono ricaduto di nuovo, e forse stasera sarò di nuovo deluso, però sti cavoli… Mancini? Speriamo sia vero quello che ha detto, ma con l’allenatore a dieci centimetri sarebbe stato difficile per lui dare una risposta differente. Noi ci vogliamo credere e speriamo davvero che sia così, perchè il momento è talmente importante per tutti che il bene della Roma corrisponda con il bene dei giocatori e corrisponda con il bene di Fonseca. Tutti sanno che a fine stagione ci saranno delle scelte, ma fare bene stasera vorrà dire fare bene a sé stessi: se hai un minimo di ambizione, fare brutte figure non aiuterebbe nessuno. E quindi tutti uniti verso un unico obiettivo…”

Dario Bersani (Rete Sport): “Le parole di Mancini? C’ho trovato poco di esplosivo. Se mi volete dire che la Roma è settima per colpa della stampa o di un giornalista, come si fa a credere a una baggianata del genere. Generalizzare è sempre un errore, parlare della stampa o dei giornalisti è sbagliato, è giusto fare dei distinguo. Proprio perchè non ti capita di arrivare così lontano in Europa, dobbiamo provare ad arrivare fino alla fine. Tante volte però la Roma ha tradito, e ora devono dimostrare loro di essere all’altezza della situazione e di far cambiare le cose. Perchè gli umori cambiano. Sarà importante lo spirito stasera, e sarebbe gravissimo rivedere la Roma di Duisburg contro il Sivilgia, una squadra che non c’era né con la testa nè con le gambe. Quello francamente la Roma non può permetterselo più…”

Marco Juric (Rete Sport): “Le parole di Mancini? Sono frasi che si sono già sentite anche per altri argomenti. Vengono scritte determinate cose, e poi vengono negate per non minare la tranquillità del gruppo. Poi magari però, non sempre ma è capitato, nel corso del tempo certe cose vengono confermate. Mancini che doveva dire? “Sì, Fonseca è un deficiente…“. E’ chiaro che non si può. Comunque ora sta alla squadra dimostrare sul campo che sono tutti uniti…”

Roberto Pruzzo (Radio Radio): “Pedro e Dzeko devono fare la differenza. Spero che la partita si possa giocare nei 180 minuti, perchè c’è la partita di ritorno. Se fai un pareggio stasera, andrebbe bene…

Furio Focolari (Radio Radio): “Pedro è il giocatore che ha vinto più trofei, Dzeko ha fatto cose importanti nella sua carriera. Ma l’Ajax non perde da 4 mesi, l’ultima a farlo è stata proprio l’Atalanta. E’ una squadra forte. Ha delle assenze, ma sono più gravi quelle della Roma. L’Ajax sta dominando il suo campionato, è una squadra forte forte…è molto più forte dello Shakhtar Donetsk…”

Stefano Agresti (Radio Radio): “E’ la partita che decide la stagione della Roma. Potresti giocarti una semifinale contro il Manchester United. E’ la coppa dei perdenti, ma una bella semifinale creerebbe un clima giusto intorno alla Roma e sarebbe un gran finale di stagione. Ecco perchè la gara di stasera deciderà la stagione. Magari tra 20 giorni faremo altri discorsi sulla Roma, chissà…”

Tony Damascelli (Radio Radio): “Ajax-Roma? Dovrebbe vincere l’Ajax stasera, è più forte ed è una squadra pericolosissima…”

Redazione Giallorossi.net

Articolo precedenteZaniolo, doccia fredda: Fink ordina lo stop, il rientro slitta di un mese. Addio Europeo. E con la Roma…
Articolo successivoRosella Sensi: “Pallotta scade nel ridicolo, lui ha lasciato debiti, non io. Friedkin ha bisogno di tempo, quello che ha trovato è devastante”

24 Commenti

  1. Roma nostra ridacce l entusiasmo te prego.. al di la di stasera. Non ci regalare n artra figuraccia . rispetto.per i tuoi tifosi appassionati. certo vai a casa loro co pizza e fichi..speriamo.bene.bye a tutti

  2. Ha ragione il bomber Pedro e Dzeko oggi devono fare la differenza.
    Altrimenti è inutile prendere i contratti che prendono, sono pagati come giocatori superiori lo devono dimostrare sul campo

  3. SE VINCI è LA COPPA B..se perdi fai skifo..questa è stampa da grande fratello..da manipolazione di massa di basso livello..è rivolta a gente che si lascia influenzare da millantatori di professione..gente banderuola..se fossero VERI giornalisti ben altre sarebbero le notizie sul potere del calcio italiano da cercare da diffondere..ma quando…sono come i TREMORS..eh eh eh

  4. Nel nostro dna c’è scritto : sconfitta di misura stasera e ennesima partita della vita al ritorno.
    L’esito finale non è così scontato.

  5. Per stasera ci credo nello stesso modo in cui ci credevo prima di Roma-Barcellona, cioè pochissimo. Spero, come allora, di essere fortemente smentito

  6. Sarò sincero come sempre, io credo che queste due sfide si giocheranno sul filo del rasoio, ma non penso che passeremo il turno, ma non perché l’Ajax sia più forte, ma perché la nostra Storia dice così, quando arriviamo al punto cruciale scatta la trappola mentale che ci fa regalare inevitabilmente le partite… E’successo in campionato con Lecce, Venezia, Livorno, in coppa con Slavia Praga, Liverpool, Siviglia e anche quest’anno dove negli scontri diretti con le big, non siamo mai riusciti a vincere una sfida.Spero di sbagliarmi e che la squadra abbatta questo muro stasera, ma la vedo dura….

    • Ciao King!

      non ricordo questo calo mentale contro il Liverpool…con un arbitraggio regolare magari staremmo parlando di ben altri scenari.

      Detto questo, non hai tutti i torti nel dire che la squadra ha palesato dei limiti mentali (soprattutto contro le “Big” del campionato).

      Speriamo questa partita faccia allontanare in maniera definitiva questi spettri.

  7. ma questo pessimismo? Ajax non è il real o il barcellona e non è nemmeno la stessa squadra di 3 anni fa, è più che battibile se non fai errori macroscopici in difesa (considerando che non gioca all’italiana)

  8. Buongiorno a tutti, ormai è un anno che si parla dei Fredkin e di come presto faranno grandi cose per la squadra giallorossa, anche in base alle loro possibilità economiche. Però, se poi penso che Rocco Commisso presidente della Fiorentina ha più soldi dei Friedkin come patrimonio e vedere come è messa la squadra di Firenze, un po’ di sconforto mi viene…

  9. Coppa B? Coppa dei perdenti? Non capisco perché definirla in questo modo… l’Europa League è una competizione prestigiosa visto che permette di andare direttamente in Champions come testa di serie, di giocare la finale di Supercoppa Europea e, da quest’anno, anche al mondiale per club… l’unica vera differenza con la Champions è che porta meno introiti, ma chiamarla coppa dei perdenti è vergognoso… che senso ha minimizzare l’importanza di questa competizione? Una volta non si faceva distinzione… Coppa Campioni, Coppa UEFA e Coppa delle Coppe… erano tutti trofei ambitissimi dai maggiori club europei.
    Non scherziamo… se la dovessimo vincere faremmo un’impresa eccezionale che porterebbe molto al club… sia a livello d’immagine che di prestigio…
    Quindi DajeRomaDaje ❤️🧡💛

  10. Alealeale, mi riferivo alla partita con il Liverpool della finale champion persa ai rigori, che comunque a detta dei giocatori che la giocarono entrarono in campo con le gambe che tremavano, e questo e’il motivo che chi e’abituato a vincere contro chi non ha vinto mai, entra in campo sempre in vantaggio di un gol… e l’Ajax e’sicuramente più abituata a vincere di noi, almeno per quello che riguarda la sua Storia. Comunque
    anche la partita della semifinale con Di Francesco, si poteva giocare e gestire meglio, non bisognava dover prendere per forza 5 gol per giocarsi la finale, anche limitando il passivo, aggravato al ritorno dallo sciagurato passaggio gol iniziale di Naingoolan in favore degli Inglesi, si poteva passare, anche a dispetto dell’arbitro, un conto e’recuperare 1 o 2 gol, un conto e’ scalare una montagna…. E I miracoli non sempre riescono!

  11. Esultava per una coppa Italia della sua datrice di lavoro, mo l’Europa League è un coppa di serie B.
    Poi la colpa non è dell’ambiente

    • Corsi: magari me la portano a casa la coppa B, d’altronde la tua squadra non fa ne la coppa A ne la coppa B ne la coppa C quindi capisco la tua delusione ma noi siamo fieri che la Roma faccia l’Europa League e dovresti esserlo anche tu e non parlare di coppa B.
      Damascelli: se stasera putacaso vinciamo domani dici che l’ajax era scarso ed era troppo facile non ve conoscessi. Forza Roma

  12. La ROMA deve sempre qualcosa solo a NOI TIFOSI DELLA ROMA: ANIMA E CUORE.
    Agli altri non deve unca…!!!
    Ha già dato più di quanto abbiano dato le altre squadre italiane, che erano in forma, “lanciate dalla stampa”, e con la rosa al completo….
    Stop!!!
    FORZA ROMA

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome