“ON AIR!” – DI GIOVAMBATTISTA: “Accordo raggiunto col Chelsea per tenere Lukaku”, VISNADI: “Così si avvicina la permanenza di Mourinho”, ROSSI: “Tre settimane per Dybala? Quasi una passeggiata di salute”

18
993

ULTIME NOTIZIE AS ROMA – Prosegue il nostro appuntamento giornaliero dedicato al variopinto mondo delle radio romane. On Air, la rubrica più copiata (e incollata) del web, è un viaggio per le frequenze più ascoltate dai tifosi giallorossi a caccia di pensieri, notizie, indiscrezioni e qualche nota di colore. Buon divertimento! 

David Rossi (Rete Sport): “Lo stop di Dybala? Ieri tutti a dire che allora il suo infortunio non era poi così soft, e io non sono tanto d’accordo. Tre settimane non dico che sono una passeggiata di salute, ma poco ci manca…per lui tre settimane non è tantissimo. Ieri mi sono stupito a sentire tanta gente che si lamentava, che diceva “basta, mi sono stufato”...ah regà, Dybala è questo, mi pare evidente che se non stava così non era alla Roma, lo sapevamo dall’inizio…”

Gianluca Piacentini (Rete Sport): “Dalla Roma ieri si sono sbilanciati dicendo che Dybala starà fuori circa tre settimane, che è una cosa che non è mi successa negli ultimi anni…non hanno mai dato i tempi di recupero. O veramente non ha niente, e si sono tenuti larghi per poter dire che ha recuperato prima, e magari torna in campo tra 10 giorni, oppure non lo so… Il playoff? Speriamo di non prendere il Galatasaray e Benfica, ma tutto sommato è andata bene: fuori lo United, fuori il Siviglia, fuori il Salisburgo…”

Fabio Petruzzi (Rete Sport): “Io per il centrocampo farei un pensierino a Matheus Henrique del Sassuolo. De Roon in scadenza di contratto? Da quando sta all’Atalanta non salta una partita, corre per dieci…Se fosse ancora questo anche alla Roma, lo prenderei subito. E’ un animale, ti mena, e quando passi con lui…Roma-Sheriff? Visto che ti mancherà Ndicka, non capisco perchè non si possa provare Celik centrale di una difesa a tre…”

Francesco Oddo Casano (Rete Sport): “Io per la difesa a giugno prenderei Buongiorno del Torino. Venderei Ndicka e prenderei lui, è un ottimo difensore. Difesa a tre con Celik? Mourinho è un allenatore che non sperimenta, e va sulle certezze: preferisce Cristante. E così andrà avanti in caso di necessità fino a quando non gli compreranno un difensore centrale…Motta fa giocare Calafiori centrale? E’ diverso a Bologna, loro non giocano le coppe e non hanno pressioni, è più facile sperimentare…Il playoff? Non te la porti da casa con nessuna…”

Claudio Moroni (Rete Sport): “Io contro il Bologna lascerei il centrocampo formato da Cristante, Paredes e Bove, e metterei una punta più Aouar o Pellegrini…questo schieramento mi darebbe più tranquillità…”

Emanuele Zotti (Tele Radio Stereo): “Dybala? Cambia tanto la sua assenza, lo rivedremo solo nel 2024. Questo deve insegnarci che bisogna aspettare sempre gli esami strumentali, inutile parlare di sensazioni. Azmoun e Spinazzola? Da quello che fa sapere la Roma li stanno valutando addirittura per domenica, ma secondo me è una previsione troppo ottimistica…”

Alessio Nardo (Tele Radio Stereo): “Il Siviglia non meritava di giocare la Champions League, e sono contento che sia arrivato quarto. Lì ci doveva essere la Roma, poi magari anche i giallorossi sarebbero arrivati quarti nel girone… Il playoff di Europa League? A oggi mi prenderei volentieri il Braga, anche se sappiamo già tutti oggi che sarà Roma-Feyenoord…”

Mario Corsi (Centro Suono Sport): “Dybala? E’ spaventosa sta storia…non si sa mai quando giocano e quando tornano…mi dà un fastidio dirlo, quello che ha fatto vedere Dybala alla Roma sono giocate che ti riconciliano col calcio. Che sfiga che abbiamo: un calciatore così, degno erede di Totti come piede, deve giocare una volta ogni tanto… Sarri? Gli vorrei dire che lui in questi anni alla Lazio non ha vinto un caz*o, ed è la normalità…noi abbiamo vinto una coppa e ce ne hanno rubata un’altra. Devono parlare della Roma per forza… Zeman? Ha avuto questo piccolo problema… io, e penso tutti i tifosi della Roma, gli mandiamo un grande abbraccio. Lui è uno che ha sempre detto la sua verità prendendosi a volte applausi e a volte insulti, e continuerà a dire sempre quello che pensa…”

Ilario Di Giovambattista (Radio Radio): “La Roma e il Chelsea hanno raggiunto un accordo per trattenere Lukaku. Il belga può restare altri due anni. La Roma riuscirà a rispettare il FPF grazie alla cessione di Abraham, al Chelsea o a un altro club di Premier. Il contratto di Lukaku, già firmato col Chelsea e poi girato alla Roma, parte da 7 milioni e mezzo netti ma aumenta grazie a bonus e sponsorizzazioni, arrivando a 11 milioni totali. Solo Lukaku può far saltare questo accordo, ma non dovrebbe riservare sorprese…”

Gianni Visnadi (Radio Radio): “Lukaku altri due anni alla Roma? E’ tutto credibile, io ci credo a queste indiscrezioni, non mi sorprende nulla. Ora è Lukaku che decide, e lui le idee le cambia. E’ così fino alla prossima volta. Il Chelsea se ne vuole liberare, e alla Roma può interessare, questa cosa la vedo come una conferma di Mourinho. Se la proprietà si impegna per Lukaku, questo conforta la tesi della permanenza di Mourinho…”

Stefano Agresti (Radio Radio): “I Friedkin lavorano da tempo a questo, a una Roma da Champions e che possa lottare per lo scudetto. Lukaku? Indiscrezioni verosimili, ma lui è uno che cambia facilmente idea. Lui alla Roma sta facendo molto bene, si trova bene qui, e il Chelsea se lo toglie volentieri dalle scatole. Mi sembra tutto molto vero, ma bisogna capire se sarà convinto fino alla fine, perchè cambia spesso idea. A Roma si diverte di più che in Arabia, e per questo potrebbe essere orientato a restare. Sarebbe un colpo importantissimo per la Roma…”

Furio Focolari (Radio Radio): “Lukaku alla Roma per altri due anni? Prendo atto di quello che ho sentito…E’ un giocatore fantastico, e la Roma farebbe bene a provarci. Le possibilità di riuscita ci sono, ma lui è un ragazzo con un carattere particolare e bisogna stare sempre attenti…”

Redazione Giallorossi.net

Articolo precedenteULTIME DA TRIGORIA – Infortunio per Mancini. Ok Cristante, Paredes e Pellegrini. Tanti giovani in rampa di lancio
Articolo successivoBOLOGNA-ROMA: arbitra Guida con Chiffi al VAR

18 Commenti

  1. Ah Giovà, non è un problema di Club.
    il problema è la capoccia di Lukaku.

    bene per noi che sia arrivato a Roma ma dimosela tutta, all’Inter ha fatto una p0rc4t4 mica da ridere.
    l’avesse fatta a noi, Roma la poteva guardare solo sul mappamondo.

    bisogna vedere se Lukaku si sentirà romanista o laziale l’anno che verrà. tutto sta lì

    • un appunto a Petruzzi:

      Dumbo la Roma non deve nemmeno nominarla altro che giocarci.
      io non dimentico le sue sparate social o gli sfottò in campo.

      De roon a Roma al massimo lo vorrei vedere a Rebibbia, talmente mi è “simpatico”. manco come turista.

    • Ma sì, compriamo giocatori simpatici come Cristante e facciamoci sfondare in mezzo al campo ad ogni partita, mi raccomando…

    • io solo perché avrà 33 anni nella prossima estate e mi sono anche stufato di rincorrere solo questi profili, altrimenti lo cambierei a occhi chiusi con ognuno dei nostri centrocampisti.

  2. e soprattutto lujako rimane, se il prossimo anno ti presenti ancora con paredes,pellegrini,e i vari fenomeni sulle fascie che non sanno fare un cross?

    • Parades e’ un po lento ma non mi sembra stia giocando cosi male, il problema non e’ neanche Cristante che ci puo stare in questa roma.
      Manca il centrocampista di classe ( Pellegrini e’ letteralmente sparito; continua a giocare mollo e si fra sovrastare da chiunque al momento peggio di Auoar che Mourinho sta bocciando).

  3. Magari fosse vero ,
    Sarebbe una garanzia per il futuro,
    in ogni caso per quel ruolo
    Grande Big Rom🌞❤️Forza Roma sempre

  4. Petruzzi, De Roon “e un animale, ti mena, e quando passi con lui ..”
    Alla Roma?
    Sarebbe squalificato per metà campionato e l’altra metà giocheremmo in inferiorità numerica.
    AIA docet.

  5. Pellegrini va ceduto di corsa.
    Ma continuare a dare giudizi negativi su Paredes………..Paredes è il giocatore che tocca più palloni di tutti lì in mezzo, è quello con la percentuale più alta di passaggi riusciti e giocate fatte bene, è quello col numero più alto di duelli, contrasti vinti e palloni recuperati.
    Sarà anche lento ma è il più forte qualitativamente lì in mezzo e comanda il centrocampo della Roma.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome