“ON AIR!” – CORSI: “Col Milan partita che può cambiare il nostro destino”, ROSSI: “Fossi in Mou giocherei col 4-2-3-1”, FERRETTI: “Più preoccupato dagli esterni che dai centrali”, CARINA: “Dybala non sta bene, al massimo andrà in panchina”

19
1546

ULTIME NOTIZIE AS ROMA – Prosegue il nostro appuntamento giornaliero dedicato al variopinto mondo delle radio romane. On Air, la rubrica più copiata (e incollata) del web, è un viaggio per le frequenze più ascoltate dai tifosi giallorossi a caccia di pensieri, notizie, indiscrezioni e qualche nota di colore. Buon divertimento! 

David Rossi (Rete Sport): “Si sta riaprendo il dibattito su difesa a tre o a quattro, perchè i cambi sono finiti, e sabato in panchina ci andranno i primavera…a proposito, complimenti ai ragazzi di Guidi che hanno portato a casa il primo trofeo della stagione giallorossa. La Roma contro il Feyenoord fa le cose migliori quando la difesa passa a quattro. E’ successo anche contro la Samp. Ma voi ve la sentite di giocare solo con Celik o Zalewski contro Leao? Potrebbe essere un problema. Quindi potresti anche metterti 4-2-3-1 con Celik terzino e Zalewski esterno a dargli una mano, con Spinazzola ed El Shaarawy come catena di sinistra. Io al posto di Mourinho lo farei…”

Gianluca Piacentini (Rete Sport): “L’ultima volta che Mou ha schierato la difesa a 4 dal primo minuto è stato contro la Samp: è vero però che in quella occasione non avevi alternative, era disponibile Smalling oltre che Wijnaldum in mezzo al campo, e giocavi contro l’ultima in classifica, tutti fattori che lo hanno spinto a derogare dal più collaudato sistema di gioco. Però questa formazione, con le doppie catene sulle fasce, mi piace molto. Belotti o Abraham? Sarà un tema fino a fine stagione: abbiamo due attaccanti che non segnano, e staremo sempre a chiederci chi giocherà titolare. Nella micragna generale, Belotti ti dà sempre la sensazione di essere sempre dentro la partita, non fa danni e lavora per la squadra…”

Mario Corsi (Centro Suono Sport): “Partita importante sabato, può cambiare il destino della Roma in campionato. Sarà il meteo, ci sono giorni dove ti svegli più ottimista e più pessimista, ma io ieri ero più pessimista su Roma-Milan, oggi più ottimista. La Roma dopo la coppa perde quasi sempre in campionato: sei su nove, sono tante… quando il mister parla, non è che se lo inventa. I 30 pali presi? Me ne frego, non è che si vince per la classifica dei pali presi. Come dice Mou, il palo è un gol mancato… Ibanez? Ho perso più partite per i suoi sbagli…sono veramente tanti e determinanti. Quest’anno abbiamo perso almeno nove punti solo per lui: le due con la Lazio e quella con l’Atalanta…”

Andrea Pugliese (Rete Sport): “Di Dybala preoccupa più il problema muscolare che non la botta alla caviglia. Ora intanto vediamo cosa ci diranno gli esami di oggi, conoscendo il giocatore, se ci sarà la possibilità di giocare, sarà in campo. E’ una partita fondamentale, è uno scontro diretto chiave dopo il ko di Bergamo. E’ un passaggio fondamentale per la stagione della Roma…”

Mimmo Ferretti (Tele Radio Stereo): “Io sono più preoccupato per gli esterni che non per i centrali. Tutto questo silenzio intorno a Karsdorp non lo capisco: che sta facendo? E perchè non è all’Olimpico a vedere le partite della Roma? Poi ti mancano i centrali, puoi anche giocare a quattro, ma chi gioca sulle fasce? A sinistra Spinazzola, e ok, ma a destra chi ci metti? Ho visto fare delle cose imbarazzanti sia a Zalewski che a Celik, e contro Leao lì c’è un bel problema. Serve una copertura maggiore sulle fasce, non puoi permettere al Milan di giocare sugli esterni, è una squadra che se si mette lì ti fa male…”

Stefano Carina (Radio Radio): “Dybala in campo per il Milan? Difficile vederlo dal 1′ minuto, sarebbe un successo vederlo a partita in corso. C’è una Roma senza Dybala e una con: guardate a Bergamo, con lui in campo secondo me l’avrebbe recuperata se non ci fosse stata la gaffe di Rui Patricio. Dybala ha giocato novanta minuti solo per 8 partite in stagione, che sono poche. A me ha colpito una frase di Mou, quando ha detto che ha il “flessore che morde”…ma ragazzi, giocare con la paura di farsi male è dura… Non capisco come il fallo di Palomino non sia stato sanzionato con il rosso. Oggi Dybala farà questi esami, la buona notizia è che non ci dovrebbe essere frattura, ma è un giocatore che non sta bene. Per me al massimo sarà recuperato per la panchina…”

Roberto Pruzzo (Radio Radio): “Roma-Milan sarà una partita fondamentale, così come salvaguardare Dybala. Già il fatto che sia rimasto in piedi dopo un contatto del genere è stata una cosa assolutamente positiva. Devi stare attento a non rischiartelo, perchè lui e Smalling sono imprescindibili. Se li hai, te la puoi giocare con tutti, se invece non ce li hai, vanno tutti nel pallone. Anche il Milan dovrà fare i conti con le prossime partite, e dovrà risparmiare qualcuno. Leao e Theo da quella parte possono diventare un fattore, ma la Roma può giocarsela anche col Milan…”

Furio Focolari (Radio Radio): “Roma e Milan non hanno impegni immediati in coppa e dunque si concentreranno su quella partita, ma il problema Dybala è serio. Al di là della caviglia, Dybala dopo due minuti in campo si toccava già la coscia. E’ un fatto psicologico, ha paura, oppure gli fa male? E’ un giocatore al limite. Anche così ti cambia la partita, ma puoi farlo giocare solo qualche minuto. La Roma per una partita così importante deve fare a meno di Smalling, del suo sostituto, di Wijnaldum e forse anche di Dybala: beh, è tanta roba…”

Redazione Giallorossi.net

Seguici su TWITTER e FACEBOOK per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie della Roma!

Articolo precedenteDybala, che messaggi alla Roma: “Mou è il re della squadra, io un pedone. Devo fare qualcosa per questa città. La 10 di Totti? Mai dire mai”
Articolo successivoFrattesi all’Olimpico per Roma-Feyenoord: la Juve mette la freccia, ma lui spera ancora nei giallorossi

19 Commenti

  1. Trovarsi sabato ad affrontare il Milan in queste condizioni non è piacevole per niente, poi ho notato che tutti e tre gli infortuni di Smalling, Gini e Llorente sono uguali, qualcosa non va, non è colpa di MOU, ma qualcuno del suo staff non è stato attento…Queste sono cose importanti alla fine degli obiettivi prefissati, quarto posto e finale di EL…Confido ciecamente in MOU, da il massimo con quello che ha… 💛🧡❤️🏆🐺🐺🐺

    • @Solide realtà,solite banalità…ma non ci si accorge che nella Roma s’infortunano ai muscoli sempre gli stessi??
      Ti faccio l’elenco ( Smalling, Dybala, Pellegrini, Spinazzola,El Sharawi).
      Inoltre Wijnaldum e Llorente non giocavano una partita da 9 mesi e imrpovvisamente hanno dovuto farne una ogni 3 giorni,quindi c’è stato un sovraccarico di acidi lattici e di scorie metaboliche.
      Ma perchè allora un Mancini,un Cristante,un Ibanez,un Bove,un Matic (nonostante l’età) non s’infortunano mai ai muscoli ?
      Il perchè te lo dico IO : la conformazione muscolare di certi atleti è più soggetta ad infortuni e più cicatrici muscolari si formano ,maggiore è il rischio di nuovi infortuni,perchè queste cicatrici incidono sulla fisiologica contrazione delle fibre muscolari.
      Lo staff non c’entra niente; in passato avevano detto che era colpa dell’erba di Trigoria,allora hanno rifatto i campi ma i problemi continuano a starci lo stesso.

    • Caro Zenone, la tua cattedra di fisiatra è illuminante ti potevano chiamare tranquillamente. Appunto, perché non leggi quello che ho scritto, ma dici le stesse cose che ho scritto. Se, I calciatori preposti agli infortuni hanno delle ricadute, di chi è la colpa? Sei un ZENONESAPIENTONE…💛🧡❤️🏆🐺🐺🐺

  2. La difesa a 3 potrebbe non essere un problema.
    Kumbulla e Ibanez su Giroud, Mancini pronto al raddoppio su Leao, marcato da Zalewski.
    Servirà una grande Roma

    • Zalewsky su Leao é improponibile, c’hanno completamente un’altro passo. Non so che si inventerá José per sabato, ma da quella parte lí bisognerá stare mooooolto attenti!

  3. Vorrei aggiungere qualcosa su Bergamo e il solito arbitraggio, non si se il fallo di “Palomino il dopato” a parti invertite come veniva giudicato da Irrati, se veniva dato il giallo…Non credo, il computo finale, ci vede danneggiati parecchio, anche sul fronte Cremona, quello del non rispetto. Non confondetevi con i pianti del Caccola e del PanzoneSenatore, che fino adesso sono stati portati lì, dove stanno, con gli aiutino di “Palazzo e AIA”, il loro pianto è vfumo agli occhi… Per far vedete che, TUTTI,hanno da recriminare qualcosa ed errare è umano, CON NOI È IL PERSEVERARE, CHE È DIABOLICO, ma alla fine, dopo il danno, le scuse, che sanno di beffa peculato…NON CI STO…💛🧡❤️🏆🐺🐺🐺

    • Anche il rigore non dato su Abraham al primo tempo se il var lo avesse dato e non valutato come contatto lieve avrebbe completamente cambiato la partita, un disastro l’arbitraggio..

  4. Contro il milan bisognerà cambiare anche sistema di gioco, Pioli come Gasperini studierà il nostro solito modo di giocare. L’atalanta ci ha messo in difficoltà perchè a studiato bene dove colpirci, tipo nell’uno contro uno senza raddoppio da parte nostra siamo e saremo sempre vulnerabili. L’attacco poi… vabbè niente….
    Non parliamo di assenze nostre altrimenti fremo sempre i piagnoni, l’atalanta non ha una rosa alla nostra altezza eppure ci ha fregato sotto l’aspetto fisico ma soprattutto tattico.

    • No. L’atalanta ci ha fregato con due sculate da antologia: una ciavattata sbilenca che finisce in testa a Llorente e una gallina galattica del ns portiere.
      Più la manifesta disabilità calcistica di quello col 9 in occasione del primo gol.

    • Francesco, scusami ma credo che la partita di Bergamo te la sei fatta raccontà e pure male

  5. certo vediamolo sti gol scaturiti dall’aspetto tattico.
    Primo gol scaturito da un pallone perso malamente in un contrasto da Abraham sulla trequarti. Al momento del cross di Zapata , in area ci sono 7 giocatori nostri e il pallone lo colpisce al volo indisturbato Pasalic 1-0
    Più che errori di tattica mi sembra mancanza di concentrazione nostra.
    Secondo su calcio d’angolo, sul primo tiro respinta corta di Rui Patricio e sul successivo colpo di testa ci buttiamo la palla da soli in porta, anche qui nessun aspetto tattico da parte dell’atalantini ma errori di concentrazione nostri
    Terzo gol , koppolodemichias, viene coperto bene da Ibanez ( mi sembra) favorendo l’uscita di Ruo Patricio , la palla per il bergamasco e’persa, ma Rui sbaglia l’intervento favorendo il tiro in porta che ci costa il gol che chiude la gara…
    Sull’aspetto fisico , essendo anche te colpito dalla sindrome dello SMEMORATO di COLLEGNO, dimentichi che avevano giocato più di 130 minuti , ( compresi i minuti di recupero ).il giovedì in coppa, e nonostante ciò stavamo giocando meglio noi, nel secondo tempo in particolare, che loro.
    Quindi io non ho visti , da parte dell’atalanta , nessun dominio, ne sull’aspetto fisico, ne tantomeno tattico.
    Ma solo una abbondante dose di mazzo scassato e fortuna ( sedere rotto di fortuna)

  6. Gaetano , meno male che qualcuno scrive le cose come stanno !!! Sembra un forum di gente contro la Roma ormai sto posto !

    • Ci stanno troppi lazziesi ossessionati e riommers che tifano le loro idee invece della Roma in questo sito, sta gente pur di volere a tutti i costi il diritto di criticare insulta e sbraita e piange se qualcuno glielo fa notare.. è pieno di indegni

  7. Secondo me, considerando il calendario di tutte le aspiranti alla champions, un punto sarebbe d’oro.
    Quindi squadra chiusa e niente spazi alle ripartenze micidiali del tandem Hernandez Leao proprio sul nostro fianco più debole.

    Meglio Belotti del Sallucchione. Almeno non fa danni.

    Rui
    Mancini Kumbulla Ibanez
    Celik Cristante Bove Matic Zalewsky
    Pellegrini
    Belotti

  8. se la Roma gioca come contro il feyenoord con uno stadio bollente credo che l’impresa contro il Milan non sia una chimera. confido in pellegrini, matic, cristante e mancini per il loro contributo tecnico e agonistico. spero anche in zalewski e spinazzola, pregando che abraham si redima e torni quello dello scorso anno……

  9. 4-3-2-1 con camara che deve raddoppiare su leao aiutando celik (non zalewski)
    rui patricio
    celik-mancini-ibanez-zalewski
    camara-matic-cristante (bove)
    pellegrini-el sharawi
    cambi: solbakken,abraham,spinazzola,bove

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome