“ON AIR!” – AGRESTI: “De Rossi rivelazione del campionato”, CARINA: “Lavoro fantastico, ma brutta partita ieri”, PIACENTINI: “Sembrava tornata la Roma di Mourinho”, CORSI: “Assurdo criticare il gioco”

34
1176

ULTIME NOTIZIE AS ROMA – Prosegue il nostro appuntamento giornaliero dedicato al variopinto mondo delle radio romane. On Air, la rubrica più copiata (e incollata) del web, è un viaggio per le frequenze più ascoltate dai tifosi giallorossi a caccia di pensieri, notizie, indiscrezioni e qualche nota di colore. Buon divertimento!

David Rossi (Rete Sport): “Dybala mi sembra uno molto legato alla testa per il rendimento, dopo il gol del 2 a 1 si è sbloccato, è diventato un altro giocatore… L’autogol di Huijsen? Ci sarebbe da parlarne, se si metteva un po’ meglio col corpo su quel cross…è un ragazzino di 18 anni, e il discorso della postura la impari col tempo. L’autorete che fa Huijsen di solito la fa il centrocampista o l’attaccante che non sa come mettersi con il corpo e corre verso la porta. Lui ha 18 anni, e ancora non sa certe malizie… Ma ho visto cose positive, e poi ragazzi, la Roma ha vinto 5 partite su 6 in Europa…Monza? Partita molto difficile, e molto significativa. Punto a fare 4 punti tra Monza e Firenze, se vinci a Monza puoi giocartela con la Fiorentina avendo due risultati su tre…”

Gianluca Piacentini (Rete Sport): “Ieri sembrava tornata la Roma di Mourinho, e anche Pellegrini sembrava essere tornato quello di prima. Io non riesco a non associare questo calo di rendimento al cambio di modulo…la Roma che è tornata a giocare nel vecchio modo ha fatto sì che i giocatori tornassero a essere normali . Va bene la stanchezza, ma io ci vedo questa connessione. La differenza rispetto al passato è che adesso abbiamo la consapevolezza che questa squadra con questo allenatore può fare sia una cosa che l’altra, mentre prima vedevamo sempre e solo la stessa cosa… Sanches? Gli stavano accollando una roba che non era manco sua, perchè quella ripartenza lì era colpa di Cristante…”

Claudio Moroni (Rete Sport): “De Rossi conosce bene il gioco di Juric, con questa tattica di giocare a tre ha lasciato libertà di movimento a Mancini ma anche Smalling, che è di un altro pianeta e non vedo l’ora che torni al top. Il Torino? C’era da preoccuparsi di due giocatori, Bellanova e Vlasic. Secondo me Spinazzola lo avrebbe marcato meglio a Bellanova. Dybala? La notizia è quando non te le risolve le partite, è stato comprato per fare quello…Sanches? Gli dice anche male, entra nel momento più critico. Renatino è ancora evanescente, sarebbe stato meglio Aouar…”

Francesco Oddo Casano (Rete Sport): “Cristante ultimamente mi sembra cercare troppo la giocata a effetto, deve fare meno il Modric e più il Cristante, perchè sempre lui è. Ma perchè ogni tanto quando è al limite dell’area invece di cercare il passaggio non calcia in porta, visto che il tiro da fuori ce l’ha?… La Roma ha il suo grande limite nella categoria degli esterni, sia a destra che a sinistra. La Roma per me deve aspirare ad altro. Il Brighton? Sfida che può cambiare da una mezz’ora all’altra. Vedremo tanto calcio, con De Rossi che perderà diverse notti a studiare le contromisure. De Zerbi ha il vantaggio di avere un anno e mezzo per lavorare su certi concetti, De Rossi solo 40 giorni. Ma De Rossi ha il vantaggio di avere una rosa migliore, e sicuramente potrebbe attuare strategie diverse rispetto al Brighton che invece gioca sempre allo stesso modo…”

Fabio Petruzzi (Rete Sport): “Io ieri inizialmente non capivo perchè il passo indietro e il ritorno al 3-5-2, poi sentendo De Rossi a fine partita ho compreso perfettamente la sua scelta, dopo le fatiche di coppa era giusto non rischiare di esporre troppo la squadra. E’ stata una mossa giusta, la partita l’ha vinta lui con Dybala. Ieri Pellegrini non benissimo, e anche Paredes si è visto meno. Ma l’importante erano i tre punti…Azmoun? E’ fastidioso per i difensori, non sta mai fermo, la prestazione non mi ha impressionato, ma ha fatto l’assist per Kristensen e si è procurato il rigore. Io dopo il gol del 3 a 2 un po’ di paura l’ho avuta perchè la Roma era uscita dalla partita…”

Mario Corsi (Tele Radio Stereo): “De Rossi ha capito tutti i problemi, che non ci dirà mai, e ha fatto risorgere la Roma, al di là di tutte le stron*ate su come gioca o non gioca. Noi non dobbiamo guardare a queste guerre tra di noi, a come gioca De Rossi e a come gioca Mourinho, ma dobbiamo guardare ai presidenti. Quando Dybala dice che non sa quale sarà il futuro mi prende un colpo. Baldanzi diventerà un ottimo giocatore, è un grande colpo, ma il colpo migliore è tenersi Dybala, perchè per vincere ora ti serve lui. Se mi vendete Dybala e mi comprate Griezmann, ci sta…ma se questi se ne vanno in massa, a me mi prende un colpo. La squadra soffre e c’è, ma de che stamo a parlà… Ma come si fa a criticare il gioco di ieri sera?… Il povero Orecchio fuori da Trigoria ma cosa dovevo vedere? Che la Roma aveva un certo giocatore che si chiama Paulo Dybala? Ragazzi, ci vogliono i giocatori, quelli forti…”

Roberto Pruzzo (Radio Radio): “Ieri va tirato in ballo l’articolo quinto (“Ha ragione chi ha vinto”, ndr), se guardi i numeri della partita sono nettamente a favore del Torino, che ha tirato 15 volte in porta contro i 6 della Roma, e il portiere del Toro ci ha messo del suo. Vittoria massima col minimo sforzo, ed è un segnale di maturità. Dybala ritrovato, e la classifica ora si mette bene, puoi guardare al futuro con fiducia. Ma mai come stavolta massimo profitto col minimo sforzo…”

Stefano Agresti (Radio Radio): “La disamina di Pruzzo mi sembra un po’ severa, battere il Torino non era semplice, non si può vincere sempre passeggiando. E’ vero, la Roma ha beneficiato dei colpi di un giocatore fuori categoria come Dybala, ma la Roma ora gioca a pallone. Mi ha colpito poi la duttilità di De Rossi, ha rischiato nel giocare uomo contro uomo con Juric, ma alla fine ne è venuto fuori bene. La Roma ha giocato da squadra, a me De Rossi sembra la rivelazione dell’ultimo mese di campionato, ha vinto 5 partite su 6 in campionato. La Roma nell’ultimo mese e mezzo è seconda solo all’Inter in campionato…”

Furio Focolari (Radio Radio): “Il Torino contro la Lazio aveva dominato nel primo tempo, e ha giocato bene anche nella Roma. Ma vedere poi giocare la Roma nel suo insieme è un piacere…ma come si fa non fare paragoni col passato? La Roma ora gioca a pallone, con delle riserve, perchè sulle fasce ci sono dei giocatori che non convincono. Ieri non ha brillato Pellegrini, ma lo avevamo detto “pensa se si mettere a giocare Dybala”. Ma ora la Roma è bella da vedere, non è noiosa, e questa è la mano di De Rossi… Gli errori di Milinkovic-Savic in porta? Se la mettiamo su questo piano, è stato peggio l’errore di Svilar…la Roma prende gol per una papera del portiere e per un intervento goffo del ragazzino che fa autogol, sennò la Roma ieri non prendeva gol…”

Stefano Carina (Radio Radio): “Va fatto un distinguo: sull’operato di De Rossi, lui ha cambiato completamente la squadra, rivalutando i calciatori. Se parliamo della partita, allora sono d’accordo con Pruzzo: a me non è piaciuta per niente. Sembrava di rivedere la precedente gestione tecnica, la squadra faticava a fare gioco, non c’era un movimento senza palla e il Torino ha avuto il comando del gioco. Il lavoro di De Rossi è fantastico, ma se dobbiamo dire che la Roma gioca bene a pallone non possiamo fare riferimento a ieri…”

Redazione Giallorossi.net

Vuoi essere sempre aggiornato sulle ultime notizie della Roma sul tuo cellulare? Iscriviti subito al canale Whatsapp di Giallorossi.net!

Articolo precedenteJoya totale
Articolo successivoBelotti, Roma addio: trasloca dalla casa di Casal Palocco. La moglie in lacrime: “Tra le cose più dure mai fatte”

34 Commenti

    • Papera è troppo, ma lì poteva fare di più. Mi è sembrato che sia partito in ritardo e abbia spinto poco sulle gambe, come se non si aspettasse che Zapata potesse colpire di testa in mezzo a due.

    • Il colpo di testa di Zapata, che si eleva ben oltre il difensore, poteva essere indirizzato ovunque, per questo motivo penso che svilar abbia dovuto aspettare l’ultimo momento per tentare di recuperare la posizione su di un tiro che secondo me era comunque angolatissimo e imparabile. Per farlo avrebbe dovuto essere posizionato preventivamente più a destra, ma anche dotato di una palla di cristallo.

  1. fino a 45 giorni fa l’importante era il risultato, non il gioco…direi che si può adottare anche ora lo stesso metro di giudizio, riconoscendo che ora la squadra è più piacevole da guardare, ma che certe partite le puoi vincere anche in maniera sporca, senza brillare o coi colpi del tuo giocatore più forte. La juve col Frosinone fa l’impresa (?) e noi col Toro ci dobbiamo lamentare di aver visto un fenomeno fare 3 gol? ovvio che se avessimo Bellanova e Dimarco, vedremmo ben altro in campo, ma, stante la rosa attuale, direi che magari mantenerlo sto passo in campionato

    • Sì, a sentire certi commenti la Roma dovrebbe dominare tutte le partite, non calare mai, non subire gol e tutto, soprattutto, SENZA l’apporto dei tuoi giocatori più forti, perché sennò è antisportivo 😀

    • Ragionamento giusto però c’è un passaggio che non quadra qui, che quando si vinceva lo stesso con mourinho o si faceva risultato ugualmente buono non andava bene per il mancato gioco e non mi sembra che adesso ci siano faville di gran gioco a prescindere del risultato pieno o favorevoli in questi 45 giorni, non riesco poi a capire il perchè adesso va bene vincere le partite non dominando e prima non andava bene, magari un pizzico di coerenza non da parte tua logicamente ma di molti non farebbe male, considerando anche le diverse attenuanti nel girone di andata.
      Godiamoci ora la vittoria e sotto per le prossime che saranno altrettanto toste, ma una cosa da non fare adesso che porta pure male è fare dei paragoni tra chi c’era prima e chi c’è ora, i conti per correttezza andrebbero fatti alla fine del campionato e non dopo 8 partite complessive.

  2. Ognuno dice la sua e ci mancherebbe…
    Ma, volevo ricordare a Corsi che: Spinazzola, Smalling, Paredes, Pellegrini, Dybala, Lukaku sono 6 campioni…
    Se poi ne arriveranno altri, ottimo..!!! ma, non si può dire (sottintendere..) che la Roma non ha campioni, per sostenere le idee personali perché sostenitore di Mou.
    Poi per radio dice che dobbiamo sostenere solo la Roma ecco, cominciasse perché sto disco rotto non se po più sentì

    • Adesso c è armonia e tutti si aiutano…… Questo è il mio umile commento…….. Andiamo avanti così……..

  3. Cristante che fa il Modric è la barzelletta del millennio, qui c’è gente cui andrebbe fatto l’esame antidoping.

  4. l unica cosa che mi piace poco sono i passaggetti fra portiere e terzini ,anche quando si è troppo pressati e prima o poi la caxxata si fa ,ci siamo andati vicino un po troppe volte fortuna che i loro sono scarsi

  5. Levate il fiasco a focolari ,me fa quasi pena ,papera di Svilar quella spizzata non la prendeva neanche jashin ,adesso vista la rosicazio su Svilar bisogna screditarlo ad ogni costo ,ma un mal de gola tanto per non sentire e leggere le porcate di persone che se potessero ci farebbero sparire dal globo terracqueo

  6. A leggere questi cantastorie con tutte queste critiche sembra che la Roma ha perso, ma dopo la partita tutti fenomeni ed allenatori, la classica pantomima italiana. Tutti allenatori, tutti professori, tutti medici, tutti strateghi di guerra…ve pagano pure e sta cosa non me va proprio giù. Forza Rome e Forza De Rossi.

  7. La Roma del futuro va fondata su Dybala e Pellegrini. Quando leggo che Baldanzi dovrebbe essere il sostituto dell’argentino l’anno prossimo,è come leggere una barzelletta della settimana enigmistica: non mi fa ridere.

    • Non sono solito commentare, preferisco leggere i commenti degli altri, ma stavolta non posso esimermi dal far fare una figuraccia a quel paradosso di uomo che si chiama Zenone. Secondo me farebbe più bella figura a stare zitto. Ecco cosa scriveva costui alle 19,49 del 17 gennaio: “prevedo che entro un mese Mourinho tornerà sulla panchina a furor di popolo. De Rossi? Non doveva mettersi contro il popolo giallorosso contrario all’ esonero di Mourinho al 99%. I Friedkin? A giugno se ne andranno e per la prima volta nel calcio mondiale un allenatore caccerà il presidente”.
      A Zenó è passato un mese e dieci giorni, meglio che te vai a nasconne

  8. benvenuto sul carro di dybala, zenò
    peccato ti avevo fatto i complimenti tempo fa , niente, non ce la fai
    si può cambiare opinione, ovvio
    ma un filo di umiltà e ammettere di aver scritto una castroneria ?
    hai voluto fare il fenomeno scrivendo che dybala fosse in pensione dorata qua a Roma
    e ora parli di rinfondare la Roma su Dybala?
    ma non te vergogni ?
    sei pessimo.

  9. AGRESTI: “De Rossi rivelazione del campionato”

    Come rovinare la piazza con esternazioni da palazzinari…
    Profilo basso e pedalare, ottavo di EL ordinaria amministrazione negli ultimi anni, ci sono una saracca di punti da recuperare in Campionato, lasciate lavorare DDR!

    • hai ragione, non è stato fatto nulla di importante fino ad oggi, ma siccome DDR da molti era stato accolto come lo scemo del villaggio, preso come tappabuchi senza esperienza, penso che riconoscere che stia lavorando molto bene sia solo onestà intellettuale…senza proclami, per carità, ma penso che abbia sorpreso tutti noi, anche quelli che ci hanno creduto dall’istante zero…

  10. Chi contesta Dybala non capisce di calcio e’ un fenomeno….poi quando puo’ svariare con quei tocchi dx e sx e quandoe’ sopportato da Lukaku che ieri l’ho visto meglio. Ieri Paredes non si muoveva tanto un po’ tutto il centrocampo ma ste partite con squadre cosi ci possono stare. Una mesata e qualcuno fuori forma si rimette.

  11. È ripartita la crociata di marietto (volutamente minuscolo) contro i presidenti, questo perché non ha altri argomenti, spara vaccate e c’è chi lo ascolta, teleradiostereo dalle 10 alle 14 out. marietto è bello parla con i soldi degli altri. CHE NON MAGNI PIUU?

  12. dove lo vedete tutto sto bel gioco, boh! se ti giochi più aperto prendi una marea di gol… con de Rossi abbiamo preso troppi gol, la stessa cosa che fece optare mou per il 3 5 2 perché le prime partite due anni e mezzo fa giocava col 4 2 3 1 la squadra giocava meglio ma prendeva tanti gol… senza equilibrio non si può arrivare in alto…

    • Beh… ma avemo preso Angelino “er gigante” de fascia sinistra! Solo che Bellanova ieri lo vedeva piuttosto “nano” e ha fatto proprio come je pareva su quella fascia, come se suol dire: er bello e er cattivo tempo. Dopo un pò m’aspettavo che je crossasse “in faccia” pure de rabona o d’esterno sinistro… l’ha proprio bullizzato!
      Basta coi piccolotti che, se nun so dei Messi, nel calcio de oggi se li magnano… sia in Italia che, peggio me sento, in Europa!

  13. Dal mio punto di vista, il Torino, anche quello visto ieri, è molto più forte della Fiorentina e di tante altre squadre che le stanno avanti in classifica, ma sopratutto anche del Brighton! Nel Torino ci sono 3-4 giocatori che da noi entrerebbero nelle rotazioni, e un paio che forse si giocherebbero la titolarità come Bellanova e Lazaro.
    Nel Brighton l’attacco poggia all’80% sul 24 Ivoriano Adingra…che da noi lo prenderemmo a pernacchie per quanto è evanescente e tutto fumo, il resto della squadra è di una qualità mediocre, motivo per cui De Zerbi viene considerato un top proprio perchè con questi giocatori è comunque nella parte sinistra del campionato più difficile al mondo.
    Tornando a ieri…ma possibile che nessuno sottolinea come sia drasticamente cambiata la preparazione atletica di cui hanno beneficiato molti giocatori? Mancini sono mesi che soffriva di Pubalgia e giocava sempre con infiltrazioni e stringendo i denti, Spinazzola non si reggeva in piedi (motivo per cui fu preso Angelino), Pellegrini camminava per il campo, Smalling manco a parlarne, Ouar era praticamente fuori rosa, Dybala giocava 30 minuti e stava fuori 2 partite…adesso gioca 200 minuti in 4 giorni e fa tripletta e migliore prestazione da quando è a Roma. L’infermeria è praticamente vuota…ci sono solo i crociati. Non è difficile capire che le voci che giravano da inizio anno erano fondate, e cioè che a Trigoria semplicemente non ci si allenava più, solo sgambate e tattica…stop. Per il resto evito di parlare di tattica, mentalità, rapporto con i giocatori, con i media, prese di responsabilità, ecc ecc…perchè sarebbe veramente ingeneroso verso il gufo sul divano, futuro tifoso partenopeo e che continua a prendere i soldi da noi fino a giugno.
    Se solo l’esonero fosse arrivato un paio di mesi prima…adesso ci giocavamo il terzo posto con il Milan!

  14. Solo uno che faceva telecronache (brutte e retoriche) de Sci poteva dì: “papera di Svilar” e trova pure i pappagalli che je vanno appresso.
    Già ieri ho detto la mia e nun me ripeto.
    Qualcuno cerca de rispiegavelo pure oggi, ma tanto in testa nun ve c’entra, perciò è inutile come cercà de parlà ai sordi.
    “Papera de Svilar” robba da matti… non ce fate ‘na gran figura a scrive ‘ste cose.

  15. Mi ha sorpreso il commento di Pruzzo…guardare i tiri fatti é fuorviante. A me piace rianalizzare molto le partite in termini di expected goals e indice di pericolositá. E la storia che ne viene fuori ieri dice che la roma ha affrontato la partita in modo equilibrato (proprio come ha spiegato de rossi), e il torino ha tirato varie volte, ma senza creare reali pericoli (al di lá delle due parate di svilar – e della capocciata di Zapata che quasi prende). É vero che il secondo gol di dybala é da marziano, ma se ieri si fosse pareggiato o addirittura perso oggi mi sarebbero girate le scatole non poco! Il 3-5-2 é brutto da vedere ma é tra i moduli piú “coperti” che possiamo adottare, e saperlo usare é un vantaggio – non piú un integralismo…

  16. la Roma ieri ha fatto una discreta partita, vinta solo per quel fenomeno che è DYbala ;.nel resto specie sugli esterni è stata decisamente scarsa .IL Torino meritava almeno il pareggio ì Ma a volte si vince anche giocando male.

  17. Vorrei stringere la mano a Zenone… Mamma mia e butta sto telefono.. 7 partite 1 sconfitta con DDR lui sa come funziona, ottima scelta della proprietà,poi si vedrà intanto bravo bravo e bravo

  18. Entrambi i tiri, sia quello di testa di Zapata, sia quello da fuori di Dybala sno finiti a fil di palo, all’angolino basso e quindi imparabili ma andare a parare un colpo di testa schiacciato a terra col pallone che prende ulteriore velocità dall’interno dell’area, dalla metà della distanza dalla quale ha tirato Dybala è ben più difficile rispetto a provare a parare il tiro di Dybala. Ripeto, era imparabile anche il tiro di Dybala ma i colpi di testa fatti in un certo modo, dall’altezza del dischetto del rigore o quasi come quello di Zapata sono ancora più imparabili.
    Siccome Svilar ha preso il gol così come il portiere del Torino, non vale più quello che è stato sempre detto che è più difficile parare un colpo di testa rispetto ad un tiro di piede ? Questi non sanno proprio come denigrare il giocatore della Roma di turno, papera un corno, poteva qua o poteva la, ma de che, le papere sono quelle che ha preso Rui Patricio, qundo un pallone scappa dalle mani, quando il portiere prende gol col pallone che gli passa in mezzo alle gambe, sotto la panza, il pallone entra tra palo e portiere sul 1° palo, il tiro non è angolatissimo ma almeno a mezzo metro dal palo ed il portiere si tuffa in ritardo stile “gatto de piombo”, ecco quali sono le papere.
    Una partita con 5 gol senza colpe dei portieri, i palloni finiti in rete erano tutti imprendibili.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome