“ON AIR!” – FERRAZZA: “Ndicka non ha convinto Mou”, ROSSI: “Solbakken? Non credo sia stato comprato per motivi tecnici”, PIACENTINI: “Stasera mi prenderei il punto”, MACCHERONI: “Neanche per idea, possiamo battere il Milan”

23
2654

ULTIME NOTIZIE AS ROMA – Prosegue il nostro appuntamento giornaliero dedicato al variopinto mondo delle radio romane. On Air, la rubrica più copiata (e incollata) del web, è un viaggio per le frequenze più ascoltate dai tifosi giallorossi a caccia di pensieri, notizie, indiscrezioni e qualche nota di colore. Buon divertimento! 

David Rossi (Rete Sport): “Solbakken? Non sono convintissimo che sia stato comprato dalla Roma per motivi tecnici… Questo calcio a me non piace, toglierei i cartellini e farei solo contratti ai giocatori, perchè si eliminerebbero i discorsi delle plusvalenze. Metterei solo un tetto ai salari, e punterei solo sulla bravura del tuo vivaio. Col salary cap andresti davvero a livellare le cose. Ma non lo faranno mai, perchè si va sempre in direzione dei soldi. La favoletta che vogliono tenere d’occhio i bilanci è la ca*zata che vi raccontano, perchè loro vanno dietro ai soldi, all’Arabia Saudita…”

Gianluca Piacentini (Rete Sport): “E’ finito finalmente questo agosto, il più lungo di sempre. Tra trattative, giocatori che vanno e vengono, mi è sembrato lungo sessanta giorni. Roma-Milan? Io il punto me lo prendo, e poi ci vediamo il 17 settembre… Per come si è messa la storia, con la pausa in mezzo, forse mi accontenterei. Un punto non cambia niente? Psicologicamente qualcosa cambia, se dovessi perdere sarebbero due settimane di passione. Ci sono sensazioni che mi fanno preoccupare: il Milan è una squadra molto “portata” dalla classe arbitrale. Io sono uno che di solito pensa che la Roma vince sempre, ma stavolta…”

Fabio Maccheroni (Rete Sport): “La Roma ha i giocatori per giocarsela a viso aperto con tutti, ha calciatori che vengono da grandi squadre, PSG, Manchester United… Firmare per il pareggio col Milan? Ma che ti cambia un punto…assolutamente non firmerei. Io sono convinto che la Roma possa vincerla questa partita qua…”

Claudio Moroni (Rete Sport): “Tatticamente sarei contro Mourinho se mettesse Paredes in campo stasera, ma questo se non ci fosse Pellegrini. Perchè Aouar, Pellegrini e Cristante ti permetterebbero il lusso del Paredes di adesso… Mourinho contro il Verona ha messo fuori Aouar, e per questo Paredes non ha inciso minimamente. Invece ti serve il dinamismo di Aouar e il sacrificio di Pellegrini per permetterti il lusso di Paredes in mezzo al campo. E poi su El Shaarawy: ogni volta che parte titolare è da 5-5,5, quando subentra è sempre da 6-6,5…”

Mario Corsi (Centro Suono Sport): “La cosa che ci interessa di più oggi è la partita. Lukaku? Oggi alle 19:30 c’è la presentazione, e poi magari alle 20:45 gioca…può essere? Non è mica vietato…In questa serata se fossi l’allenatore, oltre ai piedi guarderei la fisicità dei miei giocatori… Sono rimasto sbalordito dal Corriere della Sera: scrive “Topi al Colosseo, via alla derattizzazione” e ci hanno messo la foto di Lukaku: è una vergogna…”

Paolo Cosenza (Centro Suono Sport): “Il sorteggio di oggi? Le squadre non sono semplicissime…La Roma sarà in prima fascia, potremmo prendere il Rennes di Matic, ma anche lo Slavia Praga. Io spero di non incontrarla perchè a noi le vendette sportive difficilmente ci riescono. In terza fascia c’è il Brighton, che è la più fastidiosa, è la vera mina vagante della coppa: oltre a giocare bene, si è anche rinforzata. Potrebbe venire un girone facile, come abbastanza complicato…”

Francesca Ferrazza (Centro Suono Sport): “Su Ndicka mi arrivano feedback negativi sul fatto che non faccia impazzire Mourinho. Una cosa è che non lo vede pronto, un’altra è che non lo faccia impazzire proprio come giocatore…Era lui il vero sostituto di Ibanez, più di Llorente…quindi? Non parliamo di un vero e proprio caso, ma di un casetto…”

Lorenzo Pes (Tele Radio Stereo): “Il mercato in entrata è più chiuso che aperto. Solbakken? Ha giocato molto poco, e spesso ha dovuto fare la seconda punta. All’Olympiacos potrebbe trovare le condizioni giuste per esprimersi, si trasferirà in prestito con diritto di riscatto a 5 milioni. Il voto al mercato? Inciderà tantissimo l’arrivo di Lukaku…”

Stefano Agresti (Radio Radio): “La cosa che incuriosisce di più di Roma-Milan è Lukaku. Può entrare in partita in corso, e anche se in condizione precaria te lo porti in panchina e poi vedi cosa succede. A logica sarebbe stato meglio tenerlo fuori, farlo lavorare 15 giorni, ma la spinta del pubblico e la necessità di stasera ti spinge a portarlo in panchina, e se lo fai è perchè nell’ultimo quarto d’ora può servirti a qualcosa… Mourinho che torna in panchina? Contano più i giocatori in campo degli allenatori in panchina, ma anche lui spesso ha inciso: ha un comportamento che ha non è indifferente alla sua squadra, all’ambiente, ma anche agli avversari e agli arbitri. Tutte le squalifiche prese dalla panchina della Roma non possono essere sempre colpa degli arbitri. Per me è più utile avere Dybala o Lukaku in campo che Mourinho in panchina…”

Furio Focolari (Radio Radio): “Roma-Milan? L’attrazione è senza dubbio Lukaku, che sarà presentato prima della partita, tutti e 65mila saranno lì a fare festa. Se le cose non vanno benissimo, penso che Mourinho potrebbe metterlo in campo gli ultimi minuti. Lui è un giocatore fantastico se sta bene, è un crack, altrimenti è un giocatore modesto. Lui basa il suo gioco sulla forza fisica, sulla protezione del pallone. Lo abbiamo visto a Milano l’altro anno, è entrato in palla gli ultimi mesi, prima no perchè non stava bene… Sorteggio Champions? Meglio di così per la Lazio non si poteva fare, è stata veramente fortunata, se la poteva giusto aggiustare da sola una cosa del genere… Mourinho in panchina? Un personaggio come lui sta meglio in campo che fuori, qualcosa in più ti dà. Mi auguro solo che non ricomincino a fare casino con la panchina…”

Roberto Pruzzo (Radio Radio): “Dybala che non è tra i convocati è il segnale peggiore. Lui nella Roma ha fatto la differenza, e su tre partite ne ha giocata metà di una e questo fa parte del dna di questo calciatore, che è il migliore che c’è in Italia ma che ha questa problematica Lukaku? Non lo andrei proprio a rischiare prima della sosta. Certo, ne avresti bisogno, specie nel momento in cui Belotti non ce la farà più avresti la necessità di un cambio. Io mi auguro che non ce ne sia bisogno…”

Redazione Giallorossi.net

Articolo precedenteWijnaldum finisce in Arabia: va all’Al-Ettifaq a titolo definitivo, al PSG 8 milioni di euro
Articolo successivoSORTEGGIO EUROPA LEAGUE – La Roma nel girone con Slavia Praga, Sheriff e Servette

23 Commenti

  1. Ma davvero Cosenza ha detto che siamo in seconda fascia? E che potremmo prendere il Rennes o lo Slavia che stanno davvero in seconda fascia?
    Questo da la misura del livello di questi qua… parlano tanto per parlare, per uscire con queste frasi su sto sito e generare chiacchiere…

    • Sono state riportate vere sparate molto peggiori… a Mourinho non piacerebbe Ndicka?!? Senza che abbia mai giocato e con il suo considerevole curriculum? Mi pare assurdo e inverosimile. Mi aspetto che oggi giochi Ndicka, peraltro 3 goal su 4 sono arrivati dal nostro lato sinistro…

  2. La Ferrazza non sa che Ndicka ha bisogno di ambientarsi e di capire bene gli schemi della Roma e non sa neanche che non tutti i giocatori si ambientano subito. Leao e Tonali ai primi anni al Milan facevano pena per non dire altro, poi dopo 2 anni sono diventati i pilastri della squadra di Pioli. Idem anche Dzeko fece un primo anno pessimo e poi si è esploso al secondo con quasi 30 reti. Diamo tempo a questa squadra di amalgamarsi visto che è cambiata tanto anche quest’anno negli interpreti e al trovare la giusta condizione fisica in particolare ai giocatori più fisici (lui, Smalling e Kristensen hanno bisogno di tempo infatti, basta ricordare Matic come andava a rilento a inizio stagione per poi riprendersi e prendere per mano il centrocampo della Roma). Tempo al tempo.

    • Alla Ferrazza: Sei parecchio fortunata. Dici che ti arrivano i feedback? Ma se non esce uno spiffero da Trigoria. Friedkin\ Pinto\ Mourinho hanno imposto il silenzio totale. Chi sgarra va via, questa è l’unica cosa che sanno tutti. Ma voglio capire che non hai niente da dire, e vuoi vantare qualche news, ma fai la brava perché Ndicka è un caso che non esiste. Si è aggregato da davvero poco con il gruppo. Dagli il tempo di ambientarsi, daje aiutiamo a migliorare le news. Sempre a demolire i calciatori su supposizioni inesistenti e gratuite. L’ambiente lo create voi con queste fake news !! FORZA MAGICA ROMA !!!

  3. Invece Ndicka ha convinto Mou che lo ha richiesto lui stesso e ha un ingaggio da 4M.

    Fatelo entrare in condizione!
    Difensore centrale di piede mancino…

    • Te l’ha detto Mourinho nei vostri colloqui riservati che lo ha richiesto proprio lui?
      In realtà Ndicka è stata la cosidetta “occasione” ,giovane e a parametro zero, aspettava soltanto che qualche tordo abboccasse.
      E infatti ha abboccato.

    • Aveva offerte da Barca, Liverpool, Psg e infine Milan inserito…sapevatelo!
      mou ci ha messo la faccia quando sono venuto i procuratori a Trigoria.

    • Ndika è un difensore valutato 30 mil. e che due anni fa vinse l’E.L., mi sorprende che te ce rode così tanto che Pinto lo abbia sfilato a mezza Europa a parametro 0 Zenone

    • Rock N.Dicka a 30 milioni di valutazione lo dava Transfermarket che tuttavia valutava Zaniolo a dicembre scorso 45. Pinto lo ha sfilato a 4 milioni netti annui che evidentemente a cominciare dall’Eintracht nessuno era disposto a offrire ma è tutto relativo se Mou veramente non dovesse vederlo e di soggetti presi da Pinto che Mou non ha visto e non vede ce ne sono da Shomu a Vina da Svilar a Celik a Reynolds a Camara a Solbakken…..e speriamo bastino.

  4. Rossi ha scoperto adesso che al mondo del calcio interessano i soldi dell’Arabia ma va’ ! Mi piace il ragionamento del tetto salariale ma se sono professionisti non lo puoi fare chiedono quello che vogliono sta a te presidente crearlo il tetto salariale. Ferazza gia’ vede problemi, a Ndigka gli e’ nato il figlio non ha Roma si vede che Mou gli ha concesso alcuni giorni liberi, Fera’ ma non rompe e pensa alla partita di oggi….Focolaì’ pensa alla Lazio che oggi becca la terza e come diceva Bombolo vattene a……

  5. Ricapitolando: dopo 1 mese di ferie e 2 di preparazione Ndicka non è pronto (e nemmeno piace a Mou????) , dopo 1 mese di ferie e 2 di preparazione Dybala regge 60 minuti in modalità ed intensità “amichevole” ,dopo 1 mese di ferie e 2 di preparazione Pellegrini é già in modalità “stringo i denti x la maglia” dopo 90 minuti con intensità “passeggiata “ al Pincio, e così via per spinazzola, Sanches, Paredes etc ai quali va aggiunto Lukako ovvero tutti giocatori che non si sa cosa abbiano fatto negli ultimi 3 mesi come se lo stipendio non lo percepissero ugualmente.
    Abbiamo perso i 3 giocatori “fisicamente” dominanti in campo ovvero Ibanez , Matic e aggiungo Solbakken che in pochi minuti giocati l’unica cosa che abbiamo notato è appunto un po’ di forza fisica ,per sostituirli con giocatori non pronti e nemmeno tecnicamente più dotati e/o veloci ,lasciando a Mourinho il compito di capire il modo di come migliorare la squadra quando sappiamo tutti che il portoghese è carente proprio nell inventiva tattica (gioca da 30anni con un solo schema) .
    UNico modo per passare la nottata in attesa che qualcuno dopo circa 4 mesi di allenamenti cominci a “reggere” 2 partite di fila a media intensità è giocare a 4 in difesa con Paredes/Cristante “bloccati” davanti la difesa in stile matic/cristante (i 2 che non potevano giocare assieme) e con il trio elsha /aouar/bove schierati dietro una punta e utili per dare geometrie e assist nonché manforte al centrocampo e terzini .
    Insomma un bel 4-5-1 in fase di non possesso che diventa un 4-2-3-1 in fase possesso ma sempre con almeno 6 persone bloccate dentro la nostra metà campo .
    In attesa di un portiere che esce e 2 centrocampisti che “corrono” almeno 1 ora ed esterni di spessore è questa l’unica via oltre ad un 442 stile antico che mourinho non farà mai però
    Giocare con il solo Cristensen sulla fascia di Hernandez/Leao utilizzando il 352 è da scellerati oltre al fatto che il solito ultimo modulo non ti permette di avere cambi per tenere i 90 minuti (100 se il Milan non vince) .
    In panchina hai bove,Zalesky, celik,karsdorp,pagano e aouar ed in campo giocatori “già” stanchi e precari quindi devi fare una formazione intelligente che possa tenere botta usando i ritmi blandi che abbiamo visto (si allenano ???) e non abbassare troppo il livello con i cambi oprattutto evitando i miscugli tattici scellerati a cui Mourinho ci ha abituato scaricando poi le colpe sul “traditore” di turno o gli arbitri oppure inserendo ragazzini sprovveduti raccontando che non aveva alternative.

    • Mai sentito parlare di preparazione incentrata sul fondo per arrivare fino alla fine?
      Paghi qualcosa all’inizio ma non scoppi sul più bello (tipo gli spallettiani mesi si marzo…).
      Certo che se ne sai più di Mou, chi sei?
      Pep Guardiola?

    • I frati trappisti quando si salutavano dicevano : Fratello, ricordati che devi morire!
      Ecco il succo del tuo discorso

    • l’unica cosa consolante nel tuo post è che ci ho perso pochi secondi (dopo 5 righe ho mollato)

      vedrò di ricordarmi il nick per non perderci nemmeno quelli.

    • @bolteni, una tastiera non fa di me un allenatore sicuramente così come una fascia al braccio non fa un capitano,ma di certo un paio di occhiali servono a te per vedere meglio, perché onestamente mi devi dire in quale periodo delle ultime 3 stagioni hai mai visto la Roma atleticamente brillante !!

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome