“ON AIR!” – CATALANI: “Impossibile chiedere di più alla Roma”, CIARDI: “Batto le mani a Pinto sugli esuberi”, ZUCCHELLI: “Nzonzi? Non puoi costringerlo a trasferirsi negli Emirati”, PIACENTINI: “Situazione squilibrata a favore dei giocatori”

73
1455

ULTIME NOTIZIE AS ROMA – Prosegue il nostro appuntamento giornaliero dedicato al variopinto mondo delle radio romane. On Air, la rubrica più copiata (e incollata) del web, è un viaggio per le  frequenze più ascoltate dai tifosi giallorossi a caccia di pensieri, notizie, indiscrezioni e qualche nota di colore. Buon divertimento!

Augusto Ciardi (Tele Radio Stereo): “Il centrocampista che la Roma non ha preso? Basta, vi prego… Non voglio nominare nemmeno più Nzonzi, Fazio, Santon… Pinto? Complimenti intanto per come parla in italiano. C’ha messo la faccia, è stato anche sfrontato, con una bella personalità. Noi siamo stati abituati a Petrachi che parlava più di sé che della Roma, a Sabatini che era troppo verboso, a Monchi che forse non aveva la certezza di quello che diceva. Mi prendo tutto il buono di quanto detto da Pinto. E ci ha dato anche una notizia, e cioè che gli esuberi con la Roma di Mou non avranno nulla a che fare, e io gli batto le mani. Se ritieni che possono essere degli elementi di disturbo, è giusto che rimangano ai margini. A questo punto restatevene all’Axa o a Casal Palocco, godetevi casa vostra, e ciao Fazio, e ciao Santon…a Nzonzi manco lo saluto…”

Jacopo Palizzi (Tele Radio Stereo): “Pinto ha detto che le offerte per i calciatori in esubero erano buone, dalle quali non avrebbero perso un euro. Erano offerte che non ledevano la dignità del calciatore. A questo punto diventa una scelta loro…”

Chiara Zucchelli (Rete Sport): “Pinto? Io avrei chiesto qualcosa in più su Pellegrini. Io non ero presente ieri, ma se fossi stata lì gli avrei chiesto come mai se a gennaio aveva detto che il suo rinnovo era una priorità, perchè a settembre ancora non c’è stato? E’ un problema di soldi? E’ un problema di prospettive? … Quando sento dire che è stato il mercato più difficile del mondo, è vero, ma è anche una esagerazione. Nzonzi? Ma se non vuole andare a vivere negli Emirati saranno fatti suoi? Qua non è solo una questione di soldi… Questi sono uomini, non puoi prendere uno e costringerlo a trasferirsi con la famiglia negli Emirati. Funziona così in altri ambiti lavorativi? E infatti per me non è giusto nemmeno in altri ambiti…”

Gianluca Piacentini (Rete Sport): “La questione esuberi? Ok, non puoi costringere un giocatore a trasferirsi, però c’è da dire che un calciatore che ha firmato un contratto di cinque anni dopo la prima stagione già viene a chiederti il rinnovo, o se ha un’offerta dalla Premier ti dice che se non lo vendi si mette di traverso…è squilibrata come cosa. Quando Salah ha deciso che voleva andare in Inghilterra, non c’è stato niente fare. Poi rischi di tenerti un giocatore scontento, che non ti rende…”

Maurizio Catalani (Rete Sport): “Mi sembra che sul mercato la Roma sia stata la migliore, a parte uno sforzo in più che non sono riusciti a fare per colpa di giocatori come Nzonzi. Pinto mi è sembrato una persona a modo, parla l’italiano anche meglio di Fonseca che mi aveva stupito sotto questo aspetto. Pinto mi sembra un giovane che sa quello che deve fare, ha fatto scelte giuste. Aveva un lavoro difficilissimo, dopo Monchi sarebbe stata una tragedia per chiunque. Manca un sostituto di Karsdorp e un centrocampista, ma di più non era possibile fare… Se la Roma con Xhaka e Dzeko e senza Abraham sarebbe stata più forte? Abraham sembra un giocatore sopra la media, Dzeko è a fine carriera. Xhaka mi sarebbe piaciuto averlo, ma non era possibile fare di più. Per quest’anno era impossibile chiedergli di più… La Roma è da Champions, ma molto dipenderà dagli infortuni che ti capiteranno…”

Furio Focolari (Radio Radio): “Il possibile boom nell’Italia in vista del mondiale non è Pellegrini né Scamacca, ma Zaniolo. Mi sembra il giocatore che può esplodere, anche in azzurro…”

Roberto Pruzzo (Radio Radio): “Veretout è il mio giocatore di riferimento di questa Roma. Io non lo toglierei mai dalla formazione iniziale. Il mercato lo ha fatto Mourinho, i giocatori che sono arrivati erano obiettivi espressi dallo Special One. C’è stata un’ottima collaborazione tra il tecnico e Pinto. Cessioni? Vendere giocatori in questo momento è molto difficile. Se è l’anno della consacrazione di Pellegrini? Penso di sì, con Mourinho mi sembra che siano partiti bene…”

Nando Orsi (Radio Radio): “Io lo dicevo da tempo che Veretout è uno di quei giocatori fondamentali per un buon centrocampo, e con Mourinho è tornato ad essere anche decisivo. La Roma aveva bisogno di essere rifondata e lo ha fatto in maniera giusta. Il voto è sicuramente positivo, anche se rimane quel neo del centrocampista…”

Sandro Sabatini (Radio Radio): “Era uno scandalo che Veretout ancora non fosse stato convocato in Nazionale. Ora Deschamps ha capito i suoi errori e lo ha chiamato. Pinto ha fatto un buon lavoro, Abraham è un bellissimo investimento. Esuberi? Dalle parole di Pinto è come se questa situazione l’avessero voluta gli stessi giocatori, per cui ora si alleneranno a parte. Aspettiamo però, perchè ci sono mercati ancora aperti…”

Redazione Giallorossi.net

Articolo precedenteSmalling in campo col Sassuolo: questa è la stagione del suo riscatto
Articolo successivoCalciomercato Roma, Besiktas e Instabul Basaksehir su Santon

73 Commenti

  1. A zucca ogni volta che te sento me fai gira veramente i co******. Ma non è il lavoro tuo informarti? A nzombì, gli hanno offerto anche un contratto triennale al benfica!!! Gli faceva schifo pure il portogallo? Ma famme capì, vieni pagato 3M l’anno, roba che chiunque de noi andrebbe direttamente a piedi fino a lì e te gli lecchi pure il c***. E tutto questo solo per andare contro la Roma? Ma pensa alla lazio tua allora dai, e smetti de scherzà, su. Fazio era richiesto dal genoa e te dico sta in italia.
    Santon al fulham e salernitana.
    Quindi falla finita

    • Più che altro vorrei capire perché difende così tanto gli esuberi. Parlare di ambiti lavorativi, mi sembra una forzatura. Io mi sarei trasferito volentieri, per 4.5 mln d’euro. Perché tante volte, non viene ricordato che questi “atleti” guadagnano cifre spropositate, e che qualche sacrificio lo debbano pur fare.
      “Lavorano” un’ora, un’ora e mezza al massimo, di giorno. E prendono quelle cifre.

      E poi chi gli ha detto che si deve trasferire negli emirati con la famiglia? Fa un anno, e poi ritorna, e la sua famiglia rimane a Roma. Penso che i soldi per pagare un biglietto aereo ogni tanto ce li abbia.

      E comunque è stato richiesto anche in Europa.

      Non capisco una cosa: perché i contratti valgono quando sono le società a rimetterci e quando invece i calciatori devono guadagnare di più, non valgono? A questo punto, preferisco una Serie A sul modello americano, dove sono i club ad avere il coltello dalla parte del manico.

    • è la prima cosa che ho pensato anch’io appena letta la frase.
      c’è gente che davvero non merita di fare il lavoro che fa, 1°perchè non è informata, 2°perchè porta disinformazione, 3° perchè ai miei tempi per fare il giornalista almeno dovevi essere … bho?, fate voi.
      Non che non ci fossero giornalisti di parte o altre insensatezze (almeno per alcuni lettori. “4°potere” è stato gira ai tempi), ma cmq erano almeno almeno … giornalisti.

    • Zucchelli ma quale e’ il tuo problema con la roma?
      Sei veramente e curiosamente nemica della società e dei colori.
      Mi piacerebbe capire il perché ?

  2. La Zucchelli è una vergogna.
    Se a me mi cacciano dal lavoro e mi dicono di trasferirmi a Torino con la famiglia che faccio, non ci vado?
    Questi nababbi vivono nel lusso più sfrenato e poverini non possono cambiare aria per 3/4 mln all’anno vivendo in ville mandando i figli nelle scuole private e facendo il lavoro più bello del mondo?
    A Zucchelli , ma in che mondo vivi…porta rispetto per chi si guadagna la pagnotta tutti i giorni

    • emmò checciai contro Torino? qui almeno l’immondizia la raccolgono e le buche le chiudono.
      Scherzo … Roma è sempre Roma, la amo, certo che però passare metà della vita fermo sul raccordo e tutti i peggioramenti che ci sono stati in questi anni l’hanno un pò (un pò tanto) svalorizzata.
      Cmq con una buona compagnia qui non è poi così male, credimi.

  3. Chiara Zucchina così accalorata nella difesa dei giocatori povere vittime, che però quando hanno un offerta e vogliono andarsene dei diritti di un contratto gli frega una beata minchia…..ma è meglio che sei stata casa, anzi restaci che è meglio!!!!
    Se avessi avuto una grande stampa romana…….

  4. Tutto sommato sono contento del lavoro di Pinto. mi sembra un buon professionista, a dispetto delle poche aspettative riposte in lui quando si è presentato. Secondo me ha detto tutto quello che c’era da dire, compresa questione centrocampista: non si poteva fare tutto sùbito, ci si sono messi di mezzo gli affari Spinazzola e Dzeko e hanno reagito di conseguenza. Intanto partiamo così. Nel giro di un anno ci libereremo per certo delle altre zavorre rimaste, al momento comunque il grosso è fatto. Se devi comprare per comprare, meglio aspettare Gennaio o Giugno e prendere un centrocampista veramente forte, che sposti gli equilibri, e non l’Anguissa di turno (per carità, ottimo giocatore, na Renato Sanches è un’altra cosa, come caratura). Tra l’altro si spera che a Giugno avremo anche l’attrattiva di giocare la Champions.

    Lato Roma femminile, ottimi gli acquisti di Glionna e Thaisa Moreno, nonché della Di Guglielmo per la difesa. La squadra è forte, il mio dubbio è per la punta centrale, perché perdere Bonfantini e Thomas per mettere dentro Pirone a fine carriera, con Paloma Lazaro ancora con le polveri bagnate, non mi sembra una gran tattica. Nel complesso però la squadra mi sembra rinforzata, anche se non l’anti-Juve come si dice da due settimane. Il Milan, ad esempio, lo vedo ancora sopra.

    Ora la palla passa interamente al campo. Sempre uniti a sostenere la Roma!

  5. Vorrei ricordare alla Zucchelli che non tutti i lavori sono soggetti alle stesse dinamiche. Il calciatore accetta la natura nomade del suo lavoro sin da subito, ed i lauti stipendi che gli sono elargiti sono una contropartita a questa disponibilità al nomadismo. Zucchelli, ce sta che tu non schioderesti mai da Roma, per un calciatore é diverso. su, fa la brava!

    • Vorrei aggiungere al tuo commento che se alla Zucchelli l’editore o il suo giornale le imponesse di andare a lavorare in un’altra sede, o ci va o ci va, altrimenti….perchè non ha nessun potere su questa decisione. I calciatori invece hanno sempre il coltello dalla parte del manico: o che vengono invitati a trovarsi un’altra squadra o che vogliano andarsene in poeno contratto, fanno sempre come gli pare a loro, mettendo in difficoltà le società. Ci vorrebbe un po’ più di equilibrio. Questi sono professioni particolari…che c’entra che non vuole andare a lavorare fuori…mica ci deve portare per forza la famiglia, sarà uno dei tanti lavoratori e padri di famiglia che lavora un periodo in trasferta.

  6. Personalmente Pinto rimandato a gennaio.
    Francamente dispiace che le mie osservazioni vengano sempre interpretate come una crociata contro di lui.
    Le crociate non mi sono mai piaciute proprio perché sono spesso azioni di pancia che sottintendono a volte anche malafede o poco raziocinio.
    In passato non ho sposato nemmeno quelle contro Monchi o Pallotta che pure di colpe ne hanno avute parecchie.
    Quando a dicembre ho fatto notare in tempi non sospetti che stavamo prendendo un dirigente che non aveva mai operato sul mercato in prima persona, che non era un talent scout o un conoscitore di giocatori avevo solo fotografato la realtà.
    Prevenuto?
    Ma santa pazienza, se un dirigente si presenta dicendo che non ha bisogno di un DS, che sarà lui a dirigere il mercato (ovviamente collaborando collegialmente con l’allenatore, altri dirigenti per lo più alle prime armi, la proprietà e gli scouts) pur non avendolo mai fatto da solo, possibile che solo al sottoscritto sia venuto il dubbio che avremo potuto pagare dazio al noviziato?
    Questo vuol dire essere prevenuti o piuttosto anticipare possibili problemi?
    A me sembra che la maggioranza degli utenti o ha il prosciutto sugli occhi o è ancora in luna di miele col nuovo corso da aver perso ogni forma di spirito critico o è incapace di capire semplici dinamiche.
    Peraltro Pinto si è dovuto confrontare con il mercato più difficile di sempre senza avere il conforto di un dirigente navigato che potesse consigliarlo.
    Io non ho mai detto che non volevo Pinto o che lo ritenevo un’inetto.
    Ero e sono certo che sia un ragazzo intelligente e brillante, ma da qui a sapere lavorare bene ed essere competente nel calciomercato ce ne corre.
    Avrei preferito che fosse affiancato o supervisionato da un DS o DG esperto possibilmente qualcuno che conoscesse la serie A: tutto qui.
    A posteriori l’acquisto di Shomurodov è stato intempestivo perché non aveva senso spendere in quel momento ben 20 ml per la terza punta quando ancora dovevi prendere un titolare a centrocampo e magari anche un terzino destro.
    E di questo errore strategico ne è consapevole Pinto, Mou, i Friedkins, il sottoscritto e pochi altri utenti di questo forum.
    Non è una cosa da poco.
    È quello che differenzia un DS esperto da un principiante che a mercato aperto rimane senza soldi e per fare mercato deve dipendere dalle cessioni, nelle quali, per inciso, non sembra nemmeno troppo capace.
    Ecco perché non partecipo alla santificazione di Pinto ed ecco perché ho trovato un po’ stonato l’autocelebrazione di ieri del nostro GM.
    Si guardi quello che è riuscito a fare Marotta chiudendo in positivo il mercato per 160 ml.
    Un capolavoro.
    È riuscito a sistemare situazioni che avrebbero divelto chiunque si trovasse al suo posto.
    Ha perso Conte e 1 secondo dopo ha preso Simonetta strappandola ad un rinnovo quasi firmato con le quaglie.
    Ha messo pezze (e che pezze) alla mancanza di giocatori come Lukaku, Eriksen ed Hakimi, spendendo quasi niente.
    Questi sono dirigenti che sarebbe serviti a Pinto e che mi auguro i Friedkins imbarchino quanto prima per rendere la nostra dirigenza sportiva finalmente solida, efficace, competente e competitiva.
    Detto questo il mercato è finalmente finito e possiamo tutti concentrarci solo sul calcio giocato.
    Un FORZA ROMA a tutti gli amici del forum.

    • Un commento che trovo lucido e, soprattutto, critiche mosse con spirito costruttivo. Condivisibili o meno, ma costruttive.
      Marotta… eh… quando si liberò dalla Juve (buttato fuori perché non era d’accordo con l’affare Ronaldo, i fatti gli avrebbero dato ampiamente ragione), io ho pregato in turcomanno che la Roma gli offrisse un semprennale a 50 milioni di euro l’anno, è il dirigente più capace del mondo. Purtroppo ce lo siamo fatti scippare dalla Prescrittese.
      Comunque, anche secondo me Pinto ha esagerato ad autovalutarsi, ma confido sia abbastanza sveglio da far tesoro subito degli errori, anche aiutato da Mou.
      Daje!

    • Peccato che non abbia mai detto di non aver bisogno di un DS e di voler dirigere le trattative in prima persona. Probabilmente nemmeno tutte le ha portate avanti o chiuse lui, come va a ripetere da quando ha messo piede a Roma. A posteriori l’acquisto di Shomurodov ci ha fatto vincere l’andata del preliminare di Conference e ci ha fatto chiudere la partita con la Fiorentina, il resto sono chiacchiere da bar che lasciano il tempo che trovano. Tra l’altro, il giocatore è arrivato perché il Genoa ha permesso di dilazionare il pagamento, qui non stiamo parlando di dividere il budget, ogni giocatore viene trattato e pagato in base alle opportunità che si vanno a creare, cosa che evidentemente non è avvenuta con il centrocampista, per cui tra l’altro è stata confermata una sola trattativa, oltre a un sondaggio per Koopmeiners ad inizio mercato. Ora, possiamo credere che Mourinho si sia fatto mettere i piedi in testa dal Pinto di turno, o che il mercato, per la prima volta da chissà quanti anni, sia stato portato a termine al solo scopo di mettere i giocatori in campo. Niente ragazzini bravi a dribblare dal Sudamerica, niente primavera a cinque milioni di euro, niente trasferimenti al solo scopo di allungare la mazzetta al procuratore, tutte cose che abbiamo visto con i dirigenti esperti e conoscitori degli ultimi dieci anni che ci hanno creato una voragine infinita in bilancio. Poi, se vogliamo considerare un capolavoro il mercato di Marotta, che (per cause di forza maggiore ok, ma il risultato sempre quello è) ha sventrato dal manico alla punta l’ossatura di una squadra vincente sostituendola con per lo più buoni giocatori, allora alzo le mani, e sono stupidi tutti gli interisti che in questo momento vorrebbero buttarsi da un ponte. Per la crociata, mi dispiace ma ti sei tradito quando hai criticato il GM per il semplice fatto che non ha acquistato i giocatori che piacciono a te, come con Rui Patricio, che poi si è rivelato invece una richiesta specifica di Mourinho.
      P.S. mercato da 6/6,5, non di più, i ruoli scoperti ci sono, ma non ho la pretesa di infangare una struttura o una strategia che non conosco, o di cui conosco una versione distorta generata dalle balle dei giornali

    • Dissento completamente.
      L’acquisto di Shomurodov non è stato intempestivo:
      1) dovevi comunque avere 3 attaccanti;
      2) meglio comprarne uno (che ha le caratteristiche di fisicità richieste da Mou) in 48 comode rate anzichè il prox anno pagarne 20 sull’unghia al Real (è ovvio che Borja on verrà riscattato);
      3) e se avessero avuto l’occhio lungo e Sho l’avesse preso qualcun altro? e se poi esplodesse? l’avresti pagato 3 volte tanto….
      4) Il titolare a centrocampo era Shaka, Sho sarebbe stato acquistato ugualmente.
      5) Non ha ripetuto gli errori di Monchi ovvero comprare tanto per comprare. Non ha senso. Meglio individuare con calma quello che serve e cosa di buono c’è in giro. Il progetto è a 3 anni e mi pare che le basi siano state messe…. Poi Mou in mancanza del centrocampista ha fatto di necessità virtù, cambiando l’assetto tattico, facendo fare la spola a Pellegrini tra difesa e attacco.
      6) A terzino destro può giocare, all’occorrenza, anche Mancini.
      Marotta non ha chiuso il mercato con +160. Dimentichi che Lukaku era costato più di 80 milioni e Hakimi 43, tutti da pagare. Quindi ha pagato i buffi.
      Se l’avesse fatto la Roma saresti contento?

    • Vege, lo sai che leggo sempre attentamente i tuoi commenti. Con questo mi metti in difficoltà. Non voglio prender le difese di Pinto, mi limito a fare alcune considerazioni, così, per arricchire il quadro di ulteriori tasselli.
      Anzitutto, raffronto il mio giudizio sull’operato di Pinto con il tuo. Tu lo rimandi a gennaio (sicché non lo bocci), io l’ho promosso con sufficienza piena.
      Credo che più o meno tutti si sarebbero sentiti più tranquilli con un DS di ruolo e navigato (non Marotta, però, che considero un tipo losco 🙂; semmai un Sartori o il mio apprezzato Walter Tabagini). Pinto sconta soprattutto, secondo me, l’assenza di una rete di contatti utili, con società-satelliti, procuratori bendisposti, etc. utilissimi a migliorare le condizioni di acquisti e cessioni.
      Di qui la comprensibile impressione che non si sia fatto al meglio delle possibilità, in termini di prezzi ottenuti per chi va e chi viene. Ma, d’altra parte, le difficoltà c’erano e comunque potremo avere al più il sospetto, e mai la controprova, che altri avrebbero potuto fare meglio.
      Nello specifico, quanto a Xhakha forse si sperava di guadagnare tempo forti del gradimento del giocatore, invece l’Arsenal si è impuntato e alla fine si è deciso che il gioco non valeva la candela. Certo, ma in parallelo altri sondaggi, altre trattative, no?
      Quanto a Shomurodov, va considerato non solo il prezzo ma anche la tempistica di pagamento. Per questo, ottenuto il placet del Mou, è parsa un’occasione da prendere al volo.
      Infine: anche a me quella di Pinto è parsa un po’ un’autocelebrazione (autoassoluzione? Ieri ho scritto che davanti ai giornalisti non avrebbe dovuto giustificarsi, per non finire crocifisso); ma del resto, credo sia nel DNA della nuova proprietà insistere sulla positività del messaggio, e data la diffusa tendenza all negatività, noni pare poi sbagliato.
      Diciamo che il bicchiere è mezzo pieno, dai; e se contietun buon vino, me lo bevo.

    • Grazie per le risposte Idi di Marzo, zerocomico, sciabbolone e HSL.
      Non è un problema se non concordi HSL anzi a me piace esprimere pareri proprio per
      suscitare un contraddittorio purché civile.
      Per zerocomico riporto le dichiarazioni di Pinto all’insediamento sul suo ruolo e su quello del DS.

      Conferenza presentazione Pinto
      Mercoledì 13 Gennaio 2021, 14:13

      Che tipo di struttura vuole creare? Nominerà un nuovo direttore sportivo e nuovi scout?
      “Non arriverà nessuno. Il mio ruolo è quello di general manager dell’area sportiva, a stretto contatto con i presidenti. Ma arrivo qui per lavorare con le persone che già sono alla Roma. Conoscerò i collaboratori per capire i processi che hanno implementato e naturalmente dare il mio contributo. Mi occuperò della gestione dell’area sportiva con Dan e Ryan Friedkin. Per quanto riguarda l’area scounting, ritengo che attualmente sia importantissimo e fa la differenza avere un’area scounting molto forte e solido. Sono cambiate molte cose in questi anni, anche nelle analisi dei giocatori. È fondamentale avere uno scouting forte: non significa che chi già c’è nono sia preparato, ma vogliamo uno scouting della Roma, non di Tiago Pinto ……..

      Il ruolo di direttore sportivo classico è un concetto superato?
      “Ottima domanda. Il portoghese abbiamo un’espressione: “è più importante discutere delle cose piuttosto che discutere del nome delle cose”. Noi intendiamo costruire un modello di gestione, sarò io a guidare le operazioni di mercato ma sempre con chi è già presente a Roma. Noi vogliamo avviare una gestione diversa che guiderò. Molto spesso ci si sofferma nel discutere sui titoli e le qualifiche e non sulla sostanza del lavoro. Io sarò il sovrintendente dell’area sportiva ma dentro un modello illustrato”.

    • Comunque Vege, finalmente un contraddittorio sereno senza nessuno che si porti la Verità da casa.

    • Ma appunto, è il suo ruolo quello di dirigere una squadra di persone che vanno dallo scouting a chi si occupa della parte economica. È ben diverso dal dirigere da solo il mercato, cosa che non ha mai fatto (dimostrazione l’acquisto di Reynolds portato avanti dai Friedkin in persona, o i giocatori che sono stati contattati da Mourinho), e ieri si è portato tutti i collaboratori in conferenza stampa per rimarcare ulteriormente il concetto. Non abbiamo avuto, se non per Abraham (tra l’altro, strappare il sì di un ragazzo che aveva offerte di titolarità da club di Premier, vetrina e guadagni infinitamente maggiori, lo trovo sinceramente molto più impressionante rispetto al 90% degli acquisti conclusi in questi ultimi anni) nemmeno un’informazione su come siano state portate avanti e finalizzate le trattative. Io non penso sia un infallibile stratega (dopo monchi non mi esporrò mai più così tanto), fatto sta che tutto quello che chiedevo dopo gli ultimi tre anni di schizofrenia più totale, onestà, poche parole, poca filosofia, sinergia con l’allenatore e uomini veri dentro le maglie, questo tizio lo sta portando, con l’aggiunta di un canale preferenziale con Mendes che ci ha fatto prendere Mourinho. Certo, un Douglas Luiz in più in mediana non avrebbe fatto schifo a nessuno, ma se sia Pinto che Mourinho hanno confermato che preferiscono aspettare le prossime sessioni per avere il giocatore giusto (nonostante qualcuno ieri si sia divertito a travisare e tagliuzzare le dichiarazioni del nostro allenatore) io sto più tranquillo che preoccupato, poi oh, il pallone è rotondo, in un senso come nell’altro…

    • Esatto Sciabbolone.
      In fondo qui siam tutti tifosi della Roma (a parte l’irruzione ogni tanto di qualche quaglia sfigata) e personalmente ritengo il senso di appartenenza più importante delle differenze di vedute su un tesserato.
      Zerocomico, come vedi ti ho riportato la prima conferenza di Pinto nella quale Tiago informava tutti che lui non avrebbe ingaggiato alcun DS. Detto questo anch’io ritengo che presi ad uno ad uno gli acquisti di Pinto siano tutti buoni e soprattutto funzionali a Mou. Personalmente avrei fatto altre scelte ma l’importante è non aver preso gente inutile o pippe al sugo. L’acquisto di Abraham è stata una cosa clamorosa: strappare un giovane inglese alla Premier è tanta roba.
      A mio avviso come tipologia di acquisto Vina è quello che rispetta maggiormente i canoni dei giocatori che ritengo noi si debba prendere. I canoni che da qualche anno segue l’Atalanta e recentemente in parte il Milan e che consentono di tenere i conti a posto.
      I miei appunti sull’operato di Pinto sono su altri aspetti e dettagli che ritengo siano non meno importanti.
      Un saluto.

    • Un Direttore sportivo navigato e di esperienza….facciamo un esempio il nostro ex Walter Sabatini, in questo mercato dove nessuno ha i soldi ma deve eventualmente effettuare dei paghero’, quali operazioni ha fatto Sabatini? Praticamente nessuna.
      Pinto si e’ trovato 60 contratti di giocatori e a parte gli “irriducibili giapponesi” (a cui in ogni caso aveva trovato degna sistemazione) e’ riuscito a fare quasi un miracolo non essendo ….un direttore sportivo, il fatto e’ che continuando a ragionare cosi’ con lo sguardo rivolto al passato in un mondo dove nascono ogni giorno nuove professioni e altre vecchie muoiono, si fa solo la figura di quello che quando gli indicano la luna guarda il dito.

    • Anto lascia perdere la luna, le dita e amenità varie, il mio ragionamento è semplice e chiaro.
      E non starei a tirare ancora in mezzo il povero Sabatini che si trova ora in una dimensione diversa a Bologna, con mezzi diversi, forse anche con meno voce in capitolo rispetto a Di Vaio e Bigon.
      Peraltro il vecchio Arnautovic è una sua intuizione e credo pure azzeccata.
      Se vogliamo fare dei paragoni seri facciamoli con Marotta-Ausilio, Maldini-Massara, Sartori…… non credi?
      Quanto allo “sguardo al passato” non capisco cosa tu intenda.
      Il mio discorso quando parlo di DS navigati è relativo unicamente alla competenza e all’esperienza che non credo siano disvalori.
      Su di essi l’Inter ha costruito la sua fortuna la scorsa stagione.
      Poi sono d’accordo che bisogna innovarsi e avere il coraggio di cambiare ma questo non ha niente a che fare con l’improvvisazione come purtroppo abbiamo visto fare a Fienga un anno fa.
      A me Pinto va benissimo. L’unico appunto che faccio è che nel suo gruppo di lavoro ci avrei visto bene qualche dirigente con più esperienza, tutto qua.
      Se poi per te cambiare e innovarsi significa mettere in soffitta gli attuali DS e dare il mercato il mano a dirigenti che non conoscono i giocatori e che comprano sulla base di quello che propongono loro allenatori, procuratori ed intermediari allora non mi trovi d’accordo.

    • Allora Vegemite vedo che svicoli sul fatto che Pinto e’ il dirigente che e’ riuscito a piazzare il piu’alto numero di esuberi. Non ti fa comodo affrontare questo discorso. Sull’esperienza sei tu che giudichi?in base a cosa? All’eta’? Agli anni di carriera?Ai risultati sportivi ottenuti?
      Io ho visto uno di 36 anni catapultato da un’altra nazione che in poco tempo e nel mercato piu’ difficile ha fatto il meglio e se non fossec tato per quei 3 che hanno rifiutato tutto avrebbe compiuto un miracolo, per cui tutte le tue sottolineature sono sinceramente le sciocche osservazioni che si sentono dai radiolari, fino adesso smentite dai fatti ma come dice il proverbio non c’e’ peggior sordo di chi non vuole sentire.

    • Scusa Vege’, ma per fortuna non tanti la pensano come te.
      Fosse così, il novello lavoratore non avrebbe mai chance!
      In itaglia (ZENO’, capisci a me..) “il tirocinante” lo rimane a vita!!!
      Ed è proprio questo il limite di un mondo del lavoro fatto di attempati che ritardano l’inserimento dei giovani.
      È da auspicare che ci siano società che diano figure a giovani emergenti!
      Ed è uno dei motivi che più mi inorgoglisce la mia ROMA!!!
      Marotta qua, Marotta la’.
      Sarà pure bravo, ma le condizioni che “strappa” è tutto da verificare come arrivino…
      Li la stampa lo incensa, qua v’avemo la Zucchina..!
      Imzaghi per il dopo Conte?
      E te credo che quello sceglie l’Inter in un amen: l’alternativa era la lanzie…
      Piame MOURINHO!!!
      Quello si che è un ARTIFICIO!!!
      Uno che sceglie dove andare, mica che prega lo sia pia…
      Per me hai sbagliato su tutti i fronti caro Vegemite, ma è solo il mio parere.
      FORZA ROMA

    • Le mie osservazioni Anto sono appunto mie.
      Sono osservazioni che faccio da tempo, da quando tutta la governance sportiva era in mano al solo Sabatini, pensa tu!
      E al contrario di molti che un giorno dicono una cosa e l’indomani l’esatto opposto, io continuo a scrivere sempre le stesse cose e i fatti in questi anni mi hanno dato ragione.
      Pensa solo se avessimo avuto un Marotta ai tempi di Monchi. Pensi forse che l’andaluso avrebbe fatto tutti i disastri che conosciamo?
      Quindi possono sembrarti sciocche le mie considerazioni ma di certo non le ho adottate da nessuno vivendo a 700 km da Roma e non ascoltando i radiolari dell’urbe.
      Sulla poca esperienza di Pinto alzo le mani.
      Se anche questo è un dato contestabile allora si può dire tutto e il suo contrario.
      E mi sembra che stessimo parlando di esperienza non del conteggio dei giocatori piazzati, quindi non svincolo.
      Che poi sia quello che ha piazzato più giocatori non so dove l’hai letto.
      L’Atalanta ne piazza 40 ogni anno senza fare conferenze di fine mercato autocelebrative.
      Insomma non mi sembra che Pinto abbia fatto chissà quali miracoli, tutt’altro.
      Il bottino recita miseri 2.2 ml di entrate.
      Se bisogna stappare bottiglie per questo mi sa che ti sei abituato alla mediocrità.

  7. Da tifoso sono tesissimo nel vedere la Roma così imbrigliata dal peso degli esuberi ma, tornando al raziocinio, ha ragione la Zucchelli: non basta dire che non ci prendi un euro e lo consideri dignitoso (poco credibile), le persone non si spostano come pezzi da scacchiera.

    • Ma neanche possono importi la loro presenza a tutti i costi.
      Zombi, al contrario di quanto afferma zuccarelli non è stato richiesto solo dall’arabia, ha rifiutato tutto. Vuoi stare a Roma, ok, ma allora lo fai a tue spese se non servi e soprattutto se hai fatto solo danni. Questo vuole fare il turista pagato e magari pretendere anche di togliere il posto a qualcuno migliore di te.
      Io l’unica cosa che mi ricordo di zombi in campo era lui con le braccia aperte a cercare di dare ordini ai compagni che già erano sul pezzo da 3 quarti d’ora. era lento pure in quello!!!

  8. continuo a pensare che tra parametri zero, prestiti a vario titolo o un piccolo sacrificio economico (che tanto i conti fanno già schifo così), una soluzione per centrocampo e terzino si doveva trovare (Odriozola e Bakaioko sono in prestito per dire i primi due che mi vengono in mente) perchè l’unica voce che fa la differenza nel bilancio e breve termine è la partecipazione o meno in CL…dare a Mou una squadra spuntata è un autogol…poi magari gli riesce il miracolo, ma per me non prendi l’allenatore più titolato del mondo per fargli schierare Bove o Reynolds

    • Vero, ma noi giochiamo la Conference Cup, non la Champions. Pesa, nell’ottica del giocatore che deve fare il prestito o scegliere tra le offerte se è a parametro zero.

    • Odriozola, andato alla Fiorentina, non gioca alcuna coppa eppure…Il Milan non ha chance di avanzare in CL eppure coi prestiti ha tappato diversi buchi, così come lo scorso anno che le coppe non le faceva…il problema è che non sappiamo se abbiamo superato o meno la incredibile sequenza di infortuni che ci perseguita da anni e Veretout e Kardorsp non hanno ricambi credibili. Poi se ci vogliamo prendere per il cuxo da soli dicendo che siamo fortissimi facciamolo, ma non si può dire che sia stato un mercato perfetto, perchè di fatto non lo è stato. Ci sono squadre che non fanno le coppe con rose più profonde delle nostre, rispetto agli obiettivi possibili. A noi il quarto posto serve come il pane, ma oggi penso che nessuno possa dirsi sicuro di una Roma quarta in classifica a fine anno

  9. Cara Zucchelli… nel mondo del lavoro capita anche che se vuoi tenere il posto debba trasferirti da oggi a domani da Roma a Milano, lasciando la famiglia a vivere nella casa in cui paghi il mutuo e dovendoti sobbarcare le spese per un nuovo affitto nella città di destinazione, dovendo aggiungere le spese per i viaggi di ritorno a casa magari per vedere i figli e la moglie e il tutto pensa un po’… Allo stesso stipendio…. certo non puoi chiedere ad un calciatore di fare questo a 4 milioni l’anno ne va dei suoi diritti umanitari…. Ma la pagano a questa?

  10. Ma la chiara d’uovo che problemi ha????

    Mai una volta positiva…..
    Meno male che ieri non c’era…..
    Avrebbe fatto la solita domanda gossippara…

    Immagino che vita de rompi c….. Faccia….

    Potete ricordare alla famosa giornalista che il zombie rifiutò il benfica…..
    Ve prego infomatela…..

    E la chiamano giornalista……
    Roba da internare

  11. Chiara Zucchelli (Rete Sport) Egregia signora essendovi delle clausole di cui non sono a conoscenza sarei propenso a darle ragione. Vi è solo una cosa che non capisco ed è questa: In una qualunque Società imprenditoriale, in qualunque ambito lavorativo se io non rendo vengo licenziato senza alcuna attenuante o retribuzione. Costoro non solo si mettono di traverso “rifiutando” qualsiasi destinazione ma addirittura campano di rendite senza fare “assolumente nulla”. Rimango della mia idea Per me simili “agevolazioni contrattuali” andrebbero riviste

    • Purtroppo la bulimia plusvalenzara di ballotta e del cialtrone de sevilla c’ha lasciato, oltrechè calciatori scadenti, pure pessimi uomini.
      L’ennesima rappresentazione plastica di un fallimento totale.

    • Guarda che non sono affatto agevolazioni, si chiamano diritti. In qualsiasi azienda se tu non rendi non vieni licenziato, occorre un motivo più grave, non essendo previsto l’obbligo di risultato ma l’impegno sul posto di lavoro. Io non voglio assolutamente difendere Nzonzi, che è da quando è arrivato che non mi piace, ma lui come gli altri non ha altri obblighi che fornire la propria prestazione e la società ha quello di retribuirla secondo il contratto stipulato. Se tu vieni licenziato perché non rendi, o lavori in nero, ed allora è inutile fare confronti, oppure non è che non rendi, ma non lavori proprio, o comunque commenti per diverso tempo gravi inadempienze.
      Qui si pensa che il calcio sia un mondo a parte perché in ambito sportivo si fa le sue leggi, ma in realtà deve sottostare alla legge ordinaria, come tutti

  12. Cara Chiara Zucchelli, il tuo discorso non fa una piega se fai l’operaio e guadagni 1300 euro al mese. Se hai scelto di fare il calciatore professionista (e ne guadagni 230.000 di euro al mese), e avere giustamente anche una famiglia, lo spostarsi anche in un altro paese è una cosa che tu e la tua famiglia dovete mettere in conto, perché è insita del lavoro che hai scelto (o che ha scelto l’uomo che hai sposato, etc.). A 35 anni puoi mettere le radici dove vuoi, con un pacco di soldi e una vita davanti.
    Non scherziamo.

  13. Tiago Pinto è stato un Volpone…ha giocato d’anticipo convocando lui la conferenza stampa,non per dare giustificazioni al mancato arrivo di questo o quel giocatore,bensì per auto-incensarsi e glorificarsi in barba a qualsiasi protocollo mediatico,ben consapevole ormai che a Roma c’è una platea sterminata di Abbocconi.
    Infatti il malumore che serpeggiava tra i tifosi,dopo la sua ascensione e glorificazione auto referenziale,si è trasformato in un consenso bulgaro ,mai prima riscontrato,nemmeno quando sono arrivati tutti in una volta Batistuta Samuel ed Emerson.
    Per me ,Tiago Pinto è un Volpone e Mourinho è un Gattone.
    🦊🐱

  14. Apprezzabile lo sforzo della Roma di rafforzare la squadra,soprattutto per il fatto di aver dovuto spendere sul mercato per due giocatori imprevisti inizialmente come Vina e Abraham. Se Dzeko fosse rimasto credo che Mourinho si sarebbe accontentato di avere il solo Shomurodov,e i 40 milioni per Abraham sarebbero stati destinati a altri ruoli. Riguardo Vina sarebbe un peccato se con il ritorno di Spinazzola fosse messo in disparte,forse era meglio acquistare un terzino che potesse giocare anche a dx in modo che al ritorno di Spina potesse alternarsi con Karsdorp…così invece bisognerà spendere ulteriormente per un terzino dx con Vina che andrà a fare la riserva di Spinazzola(forse).

    • Io credo che se Spinazzola riuscisse a tornare più o meno ai suoi livelli e Vina si confermasse affidabile, allora il primo verrebbe sacrificato sul terribile altare della plusvalenza.

      O pensiamo davvero che “i Friedkin non vendono”? Tutti i club lo fanno, e prima o poi venderanno qualcuno pure loro. Un’offerta irrinunciabile, una pretesa irricevibile, un litigio insanabile, un buco altrimenti irrichiudibile…
      Si spera almeno che riescano a farlo alle loro cifre e migliorando sempre la squadra con gli innesti giusti.

  15. Non pensavo mai dirlo, ma oggi la penso… come mariuccio.

    Se prendevamo xhaka staltr’anno avremmo avuto un altro nzonzì

  16. Giorncazzari, parlate parlate parlate bla bla bla bla…
    La Roma (ora) è forte e siamo solo all’inizio, ed abbiamo finalmente una proprietà con le balotas…
    Ve fa male lo so, me sa che quest’anno si prevede una grande quantità di pasta di fissan…
    Daje Roma!

  17. Zucchelli: meno male che ieri non ci stavi alla conferenza stampa di ieri, ci siamo risparmiati la solita domanda da novella 2000, a nzonzi mi sembra che abbia rifiutato anche il benfica e non mi sembra che sia negli Emirati, quindi lascia perde il giornalismo sportivo che non ne becchi una. Forza Roma

  18. Qua non è solo una questione di soldi… Questi sono uomini, non puoi prendere uno e costringerlo a trasferirsi con la famiglia negli Emirati.

    Certo meglio allenarsi in tre a trigoria che essere ricoperto di petrol dollari negli Emirati.
    Sbrocheranno di brutto se passeranno un anno a passarsi il pallone loro tre.
    Per la loro salute mentale è meglio che si trovino una squadra

  19. Zucchelli è quella dell’intervista del “piccolo uomo”, ricordatevelo. Vai a intervistare la moglie di un giocatore che ha un conflitto con l’allenatore, una cosa che personalmente non ho mai visto, un’intervista alla moglie di Quagliarella mandato in tribuna da Allegri, intervista alla moglie di Montella o di Panucci che mandano a quel paese Capello, fate voi. Però scommetto che a tanti qui ha fatto piacere quell’intervista che buttava benzina sul fuoco, tanto per fare “il bene della Roma”

  20. un professionita non può essere tale solo quando ha il ” diritto ” di rifiutare le destinazioni, ma dovrebbe pure accettarle. In altri ambiti se rifiuti un trasferimento ti licenziano senza problemi. E parliamo di persone che non guadagnano le cifre dei calciatori….Il fatto è che si parla sempre dei loro diritti e mai di quelli delle Società che sono costrette a pagare per intero queste zavorre inutilizzate ed inutilizzabili.

  21. I’ve had to pinch myself to make sure that i’m not dreaming…. Catalani actually speaking good of Roma’s situation? Temperature drops in hell in 5..4..3…2….
    Forza Pinto! Forza Friedkin! Forza Roma! Contra tutti e tutto!

  22. Grande Grandissimo Pinto, altro che la volpe Moggi, lo juventino col portafogli pieno de sordi dell’ onesto Agnlli che ogni anno bussava ar quirinale e …se non me dat sull’unghia un pò de milrdi …licenzio tutti in tronco Ahi, noi semo la Juve, mica azzi ! (O_O)

    • SI PUò..tuttavia qui c’è gente autoreferenziata che nun rinuncia popio uno a dare i voti..due a credersi ds..io nun posso attaccà tutti costoro però penso che questi che dicono rimandato,6-,5+ ecc.sò poi quelli che a scola piagnevano pe li voti de professori..eh eh eh

  23. Zucchelli , un nome ,un programma. Non sono uno di quelli che le donne le vorrebbero solo in cucina ma per te faccio un ‘ eccezione. Forse ci sei , o forse ci fai , ha poca importanza. io sono un infermiere , per scelta , e devo accettare che mi spostino da un reparto all ‘ altro come devo accettare di pulire escrementi e andare ad assistere malati infetti .lo faccio x 1500 euro al mese circa e mi ritengo fortunato perché tanta gente sta molto peggio di me. Quindi se sento dar ragione ai vari Nzonzi mi viene voglia di mandarti a fare in cxxo

  24. “Quando sento dire che è stato il mercato più difficile del mondo, è vero, ma è anche una esagerazione”.

    Beh… A occhio, o è vero, o è un’esagerazione. Tutt’e due insieme, no.

    Qualcuno me la spiega? E’troppo sottile per me.

  25. Gabbus 79, e’ vero che Spinazzola può giocare anche a dx,ma abbiamo visto in passato che i risultati non sono stati gli stessi.Forse se si fosse comprato al posto di Vina un terzino che poteva giocare su tutte e due le fasce sarebbe stato meglio,e avremmo risolto,ora invece al ritorno di Spina ci sarà un dualismo tra i due…anche se poi sembra che Vina possa giocare anche da centrale difensivo..

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome