“ON AIR!” – COSENZA: “Con Mou non vedremo calcio champagne, ma una Roma guerriera”, JURIC: “Serve un altro grande centrocampista oltre a Xhaka”, CIARDI: “Mou schifa le amichevoli, non portano punti”, PIACENTINI: “Alla squadra regalerei zero infortuni”

22
821

ULTIME NOTIZIE AS ROMA – Prosegue il nostro appuntamento giornaliero dedicato al variopinto mondo delle radio romane. On Air, la rubrica più copiata (e incollata) del web, è un viaggio per le  frequenze più ascoltate dai tifosi giallorossi a caccia di pensieri, notizie, indiscrezioni e qualche nota di colore. Buon divertimento!

Augusto Ciardi (Tele Radio Stereo): “Le amichevoli possono diventare tossiche se vengono commentate come se fossero gare di campionato… Mourinho ora ha in testa la costruzione di una squadra, è concentrato su questo, lui schifa le amichevoli perchè non portano punti…Dzeko? Che lui possa partire mi sembra di dominio pubblico. Mourinho è soddisfatto del suo approccio, ma se lui trova una sistemazione che lo rende felice, sarebbe felice anche la Roma… Va bene così, domenica ce n’è un’altra. Ma fatemi dire una cosa: pagare 60 euro per vedere Roma-Debrecen mi sembra troppo. L’organizzazione è esterna, non è la Roma né il Frosinone nè il Debrecen che decide il prezzo… ”

Gianluca Piacentini (Rete Sport): “Cosa auspico per la Roma? Mi piacerebbe vedere zero infortuni per la stagione, io gli regalerei questo. Ieri abbiamo rivisto Zaniolo, che non hai mai avuto per due anni, ma non abbiamo visto Spinazzola che non riavrai per sei mesi almeno, non abbiamo visto Veretout, che si è fatto male durante Roma-Manchester e ancora non ha recuperato. Se potessi scegliere un regalo, darei a Mourinho una Roma in salute… Zaniolo? Sarà sottoposto a quel trattamento da tutti gli avversari che incontrerà, e non deve lasciarsi andare a delle provocazioni, e da quello che ci dicono da bordocampo Mourinho era abbastanza contrariato. Zaniolo deve ancora crescere sotto questo punto di vista. La partita? Me l’aspettavo così, non pensavo nulla di diverso…”

Paolo Cosenza (Centro Suono Sport): “Ieri per il compleanno della Roma è stata bellissima la passione e la voglia di Roma, di stare uniti e di festeggiare. La partita di ieri? E’ una Roma che mi sembra di aver capito giocherà molto sull’intensità, sul recupero palla. Non vedremo un calcio champagne, ma spero una Roma guerriera. L’idea di Mourinho è di giocare con gli esterni molto alti nella fase di possesso palla. Ieri giocatori imballati, poco calcio nelle gambe, però sono fiducioso. Zaniolo? Di calci gliene daranno tanti, se gli menano è perchè hanno paura di lui. Pellegrini capitano, ma in campo sembra esserlo più Dzeko. Mancini non ha giocato per una gastroenterite, ma parlava spesso con Mourinho: lui è un altro dei leader di questa squadra. E il fatto che abbia indossato la fascia da capitano nella prima amichevole non era casuale…”

Dario Bersani (Rete Sport): “Pellegrini? L’ho già detto come la penso: se mi arriva un’offerta io la valuto. Certo, non ti regalo un calciatore di valore di 25 anni, e ti devi avvicinare ai 30 milioni della clausola rescissoria. Però se mi dici che la pietra miliare della Roma del futuro, allora no. Per me non è imprescindibile. Però se lo è per Mourinho, allora vado appresso a lui…Mkhitaryan in difficoltà ieri a sinistra? Ma lui in quel ruolo ha fatto benissimo l’anno scorso. Il problema è che prima c’era Spinazzola che gli faceva il vento dietro…In attacco bisogna tagliare uno tra Carles Perez ed El Shaarawy, e prenderne un altro che ti fa stare più sicuro…”

Marco Juric (Rete Sport): “Reynolds a me continua a non convincermi. Su Milanese la Roma ha fatto una scelta: verrà ceduto. Alcuni giovani li ho visti bene, soprattutto due. Zalewski ha segnato, e si è mosso tanto sulla trequarti. Ma quello che mi è piaciuto di più è stato Bove. Certo, parliamo di un’amichevole di luglio contro una squadra di serie C, ma ho visto personalità, testa alta, un tocco e via. A Villar invece ho visto fare dei balletti a centrocampo, un numero esagerato di tocchi che Mourinho non chiede, dei tiri da fuori che non sa fare. Che ruolo serve secondo me a questa Roma? Io dico un centrocampista centrale oltre Xhaka. Serve un altro giocatore forte lì in mezzo. Io venderei sia Diawara che Villar. Con Xhaka, un altro centrocampista forte, Cristante e Veretout allora ci divertiamo…”

Roberto Pruzzo (Radio Radio): “Pellegrini rappresenta bene il ruolo di capitano, lui ci tiene molto e questo potrebbe essere una stagione importante per lui. Sugli esterni in attacco Mourinho ha diverse opzioni. Mi aspetto una Roma che concede poco all’avversario. Ora aspetto Xhaka, io prenderei anche un altro centrale di difesa con caratteristiche diverse da quelli che ci sono. In attacco, poi, cercherei un attaccante giovane che entra in partita in corso e cambia la gara…”

Redazione Giallorossi.net

Articolo precedenteMou svela la Roma: dalle scelte tattiche alla strigliata a Zaniolo
Articolo successivoRaggi: “I Friedkin persone serissime. Ho già un appuntamento con la Roma per esaminare il nuovo progetto per lo stadio”

22 Commenti

  1. Io sposo la linea Mou: amichevoli a porte chiuse. Dovrebbero farle tutte a porte chiuse fino al 10 di Agosto. Perché prima gli unici che possono trarre qualcosa da queste partite sono quelli che ci capiscono davvero, cioè solo gli allenatori. Per assurdo, un allenatore potrebbe voler mettere Dzeko terzino e fare la prova, sfrutta queste partitelle. Ma i giornali cosa scriverebbero? Ma ha senso scrivere che si è visto poco? Eggrazziearcà.

    Ricordo benissimo che quando la Ggiube prese Allegri i tifosi invasero Vinovo. Poi fece la prima amichevole conl’equivalente dell’FC Strazzamonti e la Juve perse. Cioè, la Juve perse con la squadretta dell’oratorio. Giù fiumi d’inchiostro. A Giugno erano Campioni d’Italia.

    Aspetterei il Porto per dire qualcosa.

    • è ma abbiamo vinto, sta a rosicà e dal nervoso non riesce a di nulla… daagli un altra mezza giornata e tornera a scrivere di guerre interne, litigi e pippe come sempre tranquillo

  2. Con tutte le cautele di una amichevole fuori casa, ieri per me si è avuta la conferma che con la rosa dello scorso anno (es.: nessuno che sappia tirare le punizioni o tirare da fuori o attaccanti forti di testa) anche Mou stenta. Forza Roma!

    • Indubbiamente non abbiamo brillato e abbiamo sbloccato la partita solo nel secondo tempo quando sono entrate le rispettive seconde linee e là ovviamente la differenza di categoria si è amplificata.
      Però bisogna anche saper cogliere le differenze rispetto allo scorso anno. 2-3 occasioni e 1 gol, non 15 occasioni sprecate come avveniva e soprattutto non ho visto svarioni difensivi. Insomma questa sembra, con le dovute cautele legate a una partita contro un avversario di serie c, una squadra molto più compatta che concede meno all’avversario e questo mi pare importante.
      Vedremo nel prosieguo se questa buona impressione sarà confermata quando si alzerà l’asticella.

  3. D’accordissimo con Juric,non so chi venderei,ma almeno un altro centrocampista oltre Xhaka serve come il pane e anche davanti c’è da cambiare più di qualcosa. Fosse per me e fosse possibile,cambierei tanto,tanto. Sugli esterni ,per avere scelta anche dal punto di vista tattico servirebbe un’ala che segna e salta l’uomo ed una più tattica che possa dare equilibrio soprattutto in alcune partite,un po’ il Taddei della Roma che fu o il Callejon del Napoli

    • Taddei è uno dei miei idoli della mia personale Hall of Fame della Roma. Dove lo mettevi faceva bene. Ha giocato seconda punta, esterno, interno di centrocampo, terzino… una volta in allenamento lo misero in porta e parava. Quando segnava faceva il gesto del batticuore sotto la maglia. Non lo hai mai sentito fiatare, sempre zitto e pedalare, tipo Tommasi.
      Eh, riaverlo… Poi per carità, non era Busquets ma a fine partita la maglia era sempre fradicia.

    • Idi, uno dei primi motivi per cui mi schierai CONTRO sti yankees del c….. fu proprio la cessione di Don Rodrigo.

  4. Io farei anche le partite di campionato a porte chiuse, alla fine comunichi il risultato… Oppure se proprio non si può fare, almeno chiudere l’accesso alla stampa specializzata…

  5. Prepariamoci a vedere una Roma guerriera,ma prepariamoci proprio per questo anche a vedere la squadra spesso e volentieri finire la partita in 10, quindi già prevedo campagne di protesta dopo ogni partita verso arbitri,Var, e palazzo del calcio…
    Da quando Mourinho ha lasciato l’Italia molte cose sono cambiate, e la benevolenza che aveva allora con i nerazzurri ,qui la deve dimenticare,ogni partita sarà una battaglia, e per questo dico che bisognerà tenere i nervi saldi…..sono d’accordo sul fatto di prendere un”altro forte centrocampista da affiancare a Xhaka, Cristante e Veretout,questi sono i centrocampisti ideali per fare fronte al campionato.Fuori Pellegrini, Vilar, Diawara.Darboe prima alternativa ai titolari in campo.Attacco da rivedere così facciamo il solletico alle difese più attrezzate, secondo me e’ il reparto dove abbiamo più giocatori ma tutti incostanti e poco prolifici nel battere a rete.Come lo scorso anno si possono battere le piccole squadre ma con le big,serve l’attaccante che decide la partita.
    Dzeko, C.Lopez,Zaniolo,El Shaarawy,Mkhitayran, Mayoral,Pellegrini.Tutti insieme possono portare una 35/40 gol, troppo pochi per traguardi di alto livello….

  6. Fare quel trattamento a Zaniolo (a chiunque) al rientro da due crociati in rapida successione, in amichevole di fine luglio é criminale. Mourinho non ha rilasciato interviste post partita ieri sera. Per come lo conosco, avrebbe piuttosto dato dello scarpone a Lopez é chiesto a Bucchi durante la partita che si dessero una calmata. Ma i quotidiani riuniti scrivono del contrario, chissà per quale motivo… vedremo se questo ulteriore tentativo di destabilizzare i primi passi della squadra quale risposta potrà dare nelle prossime ore. Per il resto d’accordo con buona parte di quel che dice il sig. Cosenza, su Roma che si prepara in primo luogo a curare la retroguardia, e non prendere goal, e sugli esterni molto alti. Poi vabbè, quando si lasciano andare sulle disquisizioni su capitani veri o presunti, entriamo tutti al bar..

    • Silvio1967, Zaniolo si deve dare una calmata,si deve abituare a questo genere di trattamenti,quella reazione seppur di poco conto in campionato sarebbe costata l’ammonizione,quindi fa bene Mourinho a riprenderlo…

  7. Poi a mio avviso Pellegrini sarà un punto fermo della Roma. Nessun giocatore, Bersani, é incedibile in questo calcio. Ma, una volta rinnovato il contratto, che la squadra ne farà a meno e che non abbia oggi già un ruolo da protagonista, assieme allo stesso Dzeko, nella ROMA che Mou ha disegnata in mente é una supposizione errata. Certo non lo faranno arrivare a parametro zero, se non sono fessi, e se non firma in questi giorni allora vedremo.

  8. Per il tipo di gioco di Mourinho Villar e Diawara non servono, sono daccordo con Marco Juric. Al posto dei due andrebbe benone Renato Sanchez, mentre per sostituire Pedro e Carles Perez (che cederei) Luis Diaz del Porto sarebbe un gran lusso…

  9. CIARDI: “Mou schifa le amichevoli, non portano punti”… Se non è malevolenza questa non saprei come definirla Basta il titolo Alla faccia della deontologia professionale

    • Mou ha programmato una media di 2 amichevoli a settimana, proprio perchè per fare assimilare velocemente gli schemi che sono completante diversi dalla scorsa stagione, serve giocare tanto e di conseguenza analizzare tanto.

  10. Giocatori che préférivo, tommasi, perrotta ,taddei,tonetto giocatori che s’impegnavano, davano il fritto buoni giocatori ma quanto erano utili non dimentico Francesco Rocca

    • Nessuno, quelli in confronto a questi erano di un”altro pianeta……di quelli di oggi nessuno avrebbe giocato nella squadra dell’ultimo scudetto con Capello, credo che pure Zaniolo avrebbe scaldato la panchina…

  11. Mou è Portoghese, è normale che non faccia calcio champagne . conte per esempio è salentino e quindi fà il calcio negramaro

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome