“ON AIR!” – NISII: “C’è un problema serio in porta, Pau Lopez non è in condizione di giocare”, BERSANI: “C’è grande preoccupazione per il mercato della Roma”, FOCOLARI: “Izzo e Smalling? Non c’è paragone con quelli che hai ora”

20
3560

ULTIME NOTIZIE AS ROMA – Prosegue il nostro appuntamento giornaliero dedicato al variopinto mondo delle radio romane. On Air, la rubrica più copiata (e incollata) del web, è un viaggio per le frequenze più ascoltate dai tifosi giallorossi a caccia di pensieri, notizie, indiscrezioni e qualche nota di colore. Buon divertimento!

Andrea Pugliese (Rete Sport): “La Roma sul mercato come priorità ha: due centrali di difesa, il vice-Dzeko e un terzino destro. Poi bisognerà valutare la situazione del portiere perchè Pau Lopez continua a non offrire certezze, ma al momento non ci sono trattative in uscita per lui. Il paradosso della #Roma è che ha acquistato Cristante due anni fa come mezzala offensiva e oggi si ritrova a fare il centrale di difesa, con a disposizione attualmente solo Mancini e Ibanez, visto che Jesus e Fazio sono fuori dai piani di Fonseca…”.

Stefano Petrucci (Tele Radio Stereo): “Friedkin non parla, e meno male. C’è questa voglia di certificare il fatto che non sia cambiato niente da una gestione all’altra, ormai va di moda sminuire la Roma. Va accompagnata alla conclusione che sarà inevitabile, e cioè che se restava Pallotta, il più odiato, tutto sommato era uguale… Questi hanno messo 200 milioni per una squadra piena di debiti. Il ds manca perchè il closing è stato fatto ad agosto, e il direttori sportivi interessanti saranno tutti impegnati, a meno che non si vuole prendere un cretino…”

Federico Nisii (Tele Radio Stereo): “Non serviva Cagliari-Roma per capire che Mkhitaryan è un fuoriclasse assoluto, ed è un colpo averlo preso con quella formula. E purtroppo non serviva la partita di Cagliari per capire che c’è un problema in porta, che c’è un portiere che non è nelle condizioni psico-fisiche di giocare, e spero che Fonseca se ne accorga… Sentir dire da lui che il presidente è vicino, e che questo serve alla squadra, mi ha dato un senso di compiacimento…”

Massimiliano Magni (Rete Sport): “Una volta preso Smalling, se io ho ancora 15 milioni da spendere e basta, li vado a investire sull’esterno di difesa e non sul difensore centrale. Io penso che Fonseca abbia paura di non avere i difensori centrali per fare la difesa a tre in vista del Verona, ecco perchè secondo me ha provato lo schieramento a 4 contro il Cagliari…”

Gianluca Piacentini (Rete Sport): “A oggi col Verona dovresti giocare con Mancini e Ibanez centrali, con Karsdorp e Spinazzola sulle fasce. Vertout e Diawara a centrocampo, e in attacco Mkhitaryan e Under…il turco tra l’altro in questo marasma è stato un piccolo segnale positivo. Però non mi illudo dalle amichevoli sul fatto che certi giocatori siano recuperabili…”

Dario Bersani (Rete Sport): “C’è grande preoccupazione sul mercato della Roma, a oggi le premesse sono deprimenti. A oggi però, aspetterei il 5 ottobre per dare un giudizio compiuto. Izzo? Bisogna capire se è un’alternativa a Smalling… se prendi l’inglese e lui, la difesa non sarà la migliore d’Europa, ma di sicuro l’hai sistemata. Il problema è che al momento qua non c’è nessuno dei due… Zaniolo? Per favore, basta titoli come “brucia le tappe”, stavolta lasciamolo in pace…. Pellegrini? Se lui fosse continuo, non giocherebbe nella Roma. Forse non c’avrebbe manco messo piede, dal Sassuolo sarebbe andato al City o al PSG. Se a lui chiedi di prendere la squadra per mano, forse non ce l’ha proprio. Se vogliamo quel tipo di continuità, è un discorso. Se a lui chiediamo quello che ha dato per anni De Rossi, forse stiamo sbagliando indirizzo. Se invece vogliamo un leader tecnico, secondo me lui può farlo…”

Marco Juric (Rete Sport): “A Pellegrini chiedo di avere continuità nelle sue prestazioni, che non abbia picchi dove fa una partita con tre assist e un gol, e poi due partite dove scompare dal campo. Poi non deve essere quello che si carica sulle spalle la squadra nei momenti di difficoltà, ma siccome i piedi li ha, vorrei che tecnicamente in campo fosse più presente nel corso della stagione… Mercato? Vorrei che la nuova proprietà, anche se non ci fosse la disponibilità economica, fosse chiara e sincera con i tifosi…”

Mario Corsi (Centro Suono Sport): “Su Smalling non si capisce molto: ci sono giornali che dicono che arriva, e altri che dicono di no. Speriamo che abbia ragione il Corriere dello Sport, perchè se nemmeno Smalling ci prende Friedkin… Il Tempo intanto comincia la sua battaglia contro Friedkin, dicendo che sono già alla ricerca dei soci. Praticamente già dicono che non c’ha una lira, ma io ricordo che chi aveva cercato subito i soci appena arrivato è stato Pallotta con Al Qaddumi…”

David Rossi (Roma Radio): “Difficile che la Roma a Verona sia quella definitiva, ci aspettiamo tanti cambiamenti da qui al 5 ottobre, ma questa è una cosa che accomuna tutte le squadre: l’Inter doveva prendere Vidal e Kantè, la Juve doveva prendere Suarez, ma non mi pare che siano arrivati. E’ una settimana importantissima, ci aspettiamo che Smalling possa essere una delle trattative che andrà a buon fine. A Cagliari abbiamo visto che c’è bisogno della sua presenza, senza nulla togliere a chi è sceso in campo…”

Vincent Candela (Roma Radio): “Cagliari-Roma? A me il modulo non è piaciuto. Io non critico il risultato, ma il modo in cui ha preso gol. Lì c’è molto da lavorare. Smalling ha grande esperienza, e non c’è confronto coi giovani che hai in difesa. Manca tutto di Smalling. Davanti pure non mi è piaciuto molto. Dzeko è un campione, spero che ci pensi bene, non può essere la terza scelta della Juve. Se lo voleva a tutti i costi è un conto, ma così al posto di Dzeko non avrei tanti dubbi…”

Ilario Di Giovambattista (Radio Radio): “L’albatros mi dice che Pirlo vuole Dzeko, e Dzeko vuole Pirlo…Friedkin farà cose grandi, vedrete, ne sono convinto. Mi dicono che la Roma non ha mai pensato ad un ritorno di El Shaarawy per quattro mesi, sarebbe una scelta non da grande club. Mi arriva anche che la Roma, nell’ambito di Izzo, sta trattando la cessione di Cristante al Torino…”

Furio Focolari (Radio Radio): “Come si fa a credere oggi nella Roma? A meno che in questi giorni Friedkin non compri tutti quelli che deve comprare. Izzo e Smalling non ci sono ancora, ma ad ora come si fa a puntare sulla Roma?… Meglio se arrivano, io Izzo lo volevo anche alla Lazio, è un buon giocatore, ma adesso non c’è nessuno dei due! Con una difesa con Mancini, Smalling e Izzo, non c’è paragone con quello che hai ora. Ibanez non è pronto per giocare a questi livelli e non so se ne sarà mai. Indovina una partita e ne sbaglia due, mentre un difensore forte non ne sbaglia quasi nessuna…”

Roberto Renga (Radio Radio): “Cristante? Era arrivato come trequartista e gli hanno fatto fare lo stopper. Dai 12 gol con l’Atalanta a marcare Simeone… Smalling dobbiamo considerarlo arrivato, Izzo no… Doppio colpo? Sarebbe una difesa sicuramente migliore, è inesistente con Cristante centrale. Se non arriva nessuno, Fonseca dovrebbe tornare alla difesa a 4. Con la difesa a 3 devi avere 5 centrali. Ibanez è un ragazzino, non l’ho visto bene. Ma i terzini? E il portiere? Florenzi ieri è stato il migliore in campo col PSG, possibile che Fonseca lo abbia mandato via… Ora la Roma dovrà comprarne un altro, e dovrai di certo spendere di più di 500 mila euro incassati dalla cessione di Florenzi…”

Franco Melli (Radio Radio): “Ma se Florenzi va bene al PSG, perchè non andava bene alla Roma? E’ una cosa molto grave, per la quale si potrebbe esonerare l’allenatore… Izzo e Smalling? Sono favorevolissimo, è come andare al Festival di Sanremo con Modugno e Claudio Villa…”

Roberto Pruzzo (Radio Radio): “El Shaarawy per quattro mesi farebbe comodo, io la farei come operazione. Non è che i tifosi della Roma si disperano per Izzo, speriamo invece che arrivi Smalling. Il campionato è alle porte, credo sia opportuno portare dentro giocatori di grande spessore e garanzia… L’importante è che arrivi Smalling, intanto mettiamo dentro una sicurezza. Poi si vedrà. Se hanno dato via Florenzi, ci sarà un motivo, non saranno mica matti…”

Redazione Giallorossi.net

20 Commenti

  1. Bisogna partire da due premesse fondamentali: 1.il bilancio della Roma ha un buco di 150 M€ quest’anno (oltre 275 M€ di debiti su un fatturato inferiore ai 200); 2.la precedente gestione non avrebbe potuto/voluto tenere la ASR.
    Resto comunque fiducioso e aspetterei ottobre per valutazioni sul mercato. Forza Roma!

  2. Prima o poi una fumata bianca arriverà… E’ impensabile che i Friedkin si presentino con una campagna acquisti inesistente… sarebbe un pessimo avvio. Smalling, secondo me, arriverà.
    Per quanto riguarda Izzo, al di là del personaggio, il suo acquisto avrebbe senso solo in caso di scambio alla pari con Juan Jesus. Non sono certo questi gli acquisti che ci fanno crescere…
    Ibanez ha delle potenzialità, ma deve maturare. In quest’ottica, un conto è giocare vicino a Smalling, un altro vicino a… mettete voi un nome a caso.

    • Cit. Melli ” Izzo e Smalling? Sono favorevolissimo, è come andare al Festival di Sanremo con Modugno e Claudio Villa…”

      Ho sempre pensato che Melli si drogasse, oggi ce ne ha dato la conferma …

  3. Quindi secondo la scienza infusa Pallotta i soci non li poteva cercare, non era da grande società,invece Frikeden li può cercare.
    Per i costi astronomici che ha questo calcio i soci li cercano tutti, anche Agnelli anche il principe del Kuwait, poi magari non li trovano,ma cercarli lì cercano tutti visto che non è vietato

    • Persino Suning ne ha uno molto forte, visto che il 30 % delle quote dell’Inter, è posseduto da LionRock capital, un fondo di private equity di Hong Kong. Ovviamente, c’è molta differenza tra un gruppo industriale che possiede il pacchetto di maggioranza, e la situazione precedente, in cui una serie di soggetti (tra cui il frontman Pallotta) possedevano quote minoritarie.

    • Mio amico aprire ristorante, in società con Emirato, andato finire a cazzotti…

  4. Il problema SERIO, non è lui in porta ma, voi che parlate a vanvera , senza sapere manco la forma del pallone…IGNOBILI
    FORZA PAU LOPEEEEEEZ

    • Finché gioca lui, forza Pau Lopez. Semplicemente perché il sostegno va dato a chiunque indossi la nostra maglia.
      Detto questo, Pau Lopez è in una condizione psico fisica improponibile, sono d’accordo con Nisii.
      E’ il portiere più scarso che abbia mai visto proteggere la porta della Roma. Siamo ai livelli di Karius, Goicoechea era più forte. Quello che fa sul secondo gol del Cagliari è inspiegabile, resta fermo in mezzo ai pali mentre un pallone lentissimo scende nell’area piccola. Qualsiasi altro portiere, anche in Eccellenza, sarebbe uscito in presa alta e avrebbe preso il pallone.
      L’ostinazione di Fonseca nel preferirlo a Mirante è inspiegabile.
      Mirante non è un fenomeno, pure lui ha fatto, fa e farà degli errori, ma al confronto di Pau Lopez sembra Yashin.

    • @Toro: purtroppo sono pienamente d’accordo. Il purtroppo deriva dal fatto che non capisco l’investimento fatto su Pau che, dopo un inizio promettente, ha mostrato tutti i suoi limiti tecnici (assenza di tempismo nell’area piccola) e caratteriali (distrutto dopo l’errore co-prodotto nel derby). Comunque, finché (sino a quando…) rimani, forza Pau!

    • Ancora difendete Pau Lopez?
      Non è degno neanche di spicciare casa a Mirante… lo dico per aver giocato in porta.
      QUALSIASI PORTIERE SU UNA PALLA COSI’ LENTA SAREBBE USCITO IN PRESA ALTA O QUANTO MENO SMANACCIATA FUORI DALL’AREA PICCOLA…
      Il suo è un problema mentale, di insicurezza e scarsa personalità (il corrispondente in porta di Shick), oltre a degli evidenti limiti tecnici (guardate come si tuffa su palle alte verso gli incroci).
      Se non riesce a risolverlo in uno stadio senza pubblico come pensate possa superarlo dopo ??
      Per il suo bene e, soprattutto, per quello della Roma deve andare in prestito in un altra squadra.

  5. In pratica ormai ogni gol subito la colpa ricade su Pau Lopez, anche se magari riesce a fare delle parate apprezzabili durante la partita, inevitabilmente sui gol subiti ha solo lui la respnsabilita.Sul secondo gol del Cagliari,lui forse doveva uscire di pugno,ma penso che abbia creduto che i suoi compagni fermi come statuine intervenissero, invece tutti fermi ,senza uno che si sia alzato a colpire di testa.Chiaramente la colpa e’ solo sua, e i suoi compagni si sono guardati bene da fare il mea culpa. Con una difesa cosi sarebbe messo in discussione pure yascin…
    Forza Lopez!

    • Stefano, un portiere sicuro chiama la palla e anticipa tutte le belle statuine.
      Il portiere deve dare sicurezza, Pau Lopez è insicuro di suo, figuriamoci se può darla ai compagni di squadra.
      Comunque finché gioca lui Forza Lopez, speriamo possa sorprenderci positivamente.

  6. Mi sono andato a rivedere tutte le pagelle dello scorso campionato di Pau Lopez,e ne esce una media abbondantemente sopra il 6, al netto di due o tre partite deficitarie,ma che comunque nell’ arco dell’ anno ci possono stare.Quindi non vedo disastri, probabilmente anche se avesse fatto il fenomeno non saremmo arrivati in champion lo stesso.In realta la difesa e’ da mettere sotto processo, e forse e’ li che abbiamo perso il quarto posto.

  7. E’ chiaro che alcune delle scelte più recenti lasciano spazio a dei dubbi…dare via Florenzi e Kardorsp quando ancora Peres non è neanche convocabile, sembra un azzardo non da poco, tanto più che la qualità di chi è partito è maggiore di chi resta. Il Verona non sarà lo stesso dello scorso anno, ma anche così resta una partita ostica e tra questa, juve e Udinese, devi provare a fare 6 punti, altrimenti hai una partenza ad handicap prima ancora che abbia chiuso il mercato e che tu abbia acquistato una minima fisionomia. Visto poi che c’è chi si sta mettendo di traverso per delle cessioni “ragionevoli”, anche a fronte di una evidente volontà di non averli più in rosa, mi auguro di vedere una serie di nomi seduti in tribuna per tutto l’anno perchè non si può essere ostaggio di gente che rifiuta ogni destinazione per svernare qua a Roma. Non sarà un anno con dei risultati, ma almeno che si faccia un repulisti e si metta in chiaro che il vento è cambiato e non si magna più gratis alla mensa di Trigoria. Mi dispiace notare infine come l’allenatore non si imponga quantomeno nella tempistica delle cessioni: possibile che Florenzi e l’olandese non puoi portarli a Verona e farli partire solo quando hai sistemato la tua difesa? in fin dei conti hai schierato dei possibili partenti in amichevole, perchè non farlo quando ci sono in palio 3 punti?

  8. Personalmente mai stato interessato alle elucubrazioni di stampa e similari.
    Mi rifiuto di polemizzare e commentare voci varie.
    Alla fine del mercato sarà tempo per una prima valutazione, realistica.
    Senza guardare al passato, senza farsi risucchiare dal vortice del futuribile.
    Il futuro si costruisce nel presente; altrimenti, ormai ben lo sappiamo, non c’è presente e non ci sarà futuro.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome