“ON AIR!” – AGRESTI: “In corso riflessioni profonde della proprietà su Mourinho”, JACOBELLI: “Conseguenze imprevedibili”, MORONI: “Le strade sono due: Conte e l’instant team o Motta e i giovani”

33
959

ULTIME NOTIZIE AS ROMA – Prosegue il nostro appuntamento giornaliero dedicato al variopinto mondo delle radio romane. On Air, la rubrica più copiata (e incollata) del web, è un viaggio per le frequenze più ascoltate dai tifosi giallorossi a caccia di pensieri, notizie, indiscrezioni e qualche nota di colore. Buon divertimento! 

David Rossi (Rete Sport): “Quello che sta succedendo mi piace poco…Quando la Roma perde siamo sempre tristi, a prescindere da chi sia l’allenatore, e chi fa il sorrisetto per la sconfitta del derby perchè c’è Mourinho sulla panchina è un deficiente. Ma attenzione a dare sentenze, perchè manca tutto un girone e una coppa europea da giocare. Non dico che che va tutto bene, anzi, io do per scontato che la Roma perda a Milano, già sto con la testa al Verona, pensate un po’ come sto. Ma tecnicamente ci sono margini per fare cose fatte bene…”

Gianluca Piacentini (Rete Sport): “Ieri Mourinho non era a Trigoria per dirigere l’allenamento, era programmato secondo la Roma…però non c’era. Un allenatore con questi risultati è giusto che venga messo in discussione, se non fosse stato Mourinho ma Di Francesco non dico che sarebbe già stato cacciato, ma del suo esonero se ne parlerebbe con insistenza. Io non sarei stupito se succedesse una cosa del genere. Dopo di che, il mio augurio è che rinnovi per altri tre anni…”

Claudio Moroni (Rete Sport): “Friedkin infuriati? Non penso, non è nel loro stile, penso piuttosto che siano preoccupati come lo siamo noi. Io credo che la decisione finale sull’allenatore la prenderanno solo a fine stagione. Le strade sono due: se punti ancora sull’instant team e su questa squadra, aggiungendo 3-4 giocatori, allora prendi Conte. Se vuoi aprire un nuovo ciclo con i giovani, allora prendi Thiago Motta. Certo che se decidi per  Motta, devi fare almeno un biennio per tornare a livelli da 4-5° posto…”

Francesco Oddo Casano (Rete Sport): “Com’è possibile passare da una partita come quella contro l’Atalanta, che è più forte della Lazio, dove si è vista la Roma migliore della stagione, a quella sciatta e scialba vista tre giorni dopo nel derby?…”

Fabio Petruzzi (Rete Sport): “Per quello che ha fatto vedere la Roma, purtroppo la partita contro l’Atalanta è l’eccezione, e non il derby visto l’altra sera. Zalewski e Karsdorp sono costretti a passarla dietro perchè spesso ricevono palla alti ma poi davanti trovano solo Lukaku in area, marcato da tre giocatori, e per questo sono costretti a tornare indietro… Faccio i miei complimenti a Bove, che ha dimostrato maturità e serietà, perchè poteva fare veramente di tutto e di più l’altra sera dopo che è stato colpito da una bottiglietta…”

Mario Corsi (Centro Suono Sport): “La Roma va a Milano con tanti dubbi: Dybala non c’è, Azmoun non c’è, non ci sono i soliti infortunati…rimangono calciatori usuratissimi, e che saranno moralmente a pezzi visto che hanno perso il derby. Non dico che i giocatori possano andare contro a Mourinho, ma se loro pensano che se ne va, finisce anche quella scossa ed è finita. Io penso che la società si sia fatta sentire con qualche giornalista, perchè ora scrivono per certo che i Friedkin stanno cercando un nuovo allenatore…”

Filippo Biafora (Radio Manà Manà Sport): “I club si stanno informando sul Decreto Crescita, bisogna capire se sarà confermato per i rinnovi, in quel caso diventerebbe più semplice tenere Mourinho e Lukaku. Se non sarà così, sarebbe una mazzata per diversi club italiani…Da quello che ho capito nel Governo c’è la voglia di andare contro pesantemente al Decreto Crescita, sono scelte politiche più che tecniche. Oggi Mou ti costa 10 milioni lorsi, se non fosse più utilizzabile il Decreto Crescita nemmeno per i rinnovi allora diventerebbero 14 lordi, e così per Lukaku o per Azmoun…”

Stefano Agresti (Radio Radio): “Non fare nemmeno un tiro in porta è il segnale di una squadra che non c’è. Colpa di Lukaku? Avrà qualche responsabilità, ma la colpa è soprattutto della squadra, costruita in modo tale da non metterlo nelle condizioni di tirare in porta. Da quello che ci risulta ci sono profonde riflessioni in corso su Mourinho da parte della proprietà, la sconfitta nel derby lo ha allontanato dalla Roma. C’è tempo per invertire la rotta, ma non ne è rimasto molto…”

Furio Focolari (Radio Radio): “La Roma deve cercare di andare contro la normalità, perchè ora è in grande difficoltà. Contro il Milan non ci sarà Dybala, e non penso si possa insistere sul ragazzino (Huijsen, ndr), che non è pronto agli scontri diretti e schierarlo a San Siro mi sembrerebbe un errore. E poi Mourinho, che non è piaciuto a tanti romanisti sulla storia del rigore: è stato messo alla berlina da tutti gli osservatori di ogni fede calcistica quando ha tirato fuori cose che non stanno né in cielo né in terra. Come se ne esce? Con un risultato positivo: un pareggio sarebbe già un buon risultato, con una vittoria invece usciresti fuori dalla crisi. Una sconfitta invece farebbe particolarmente male…”

Xavier Jacobelli (Radio Radio): “La situazione di crisi che vive la Roma, che ha otto punti in meno, è frutto di una responsabilità collettiva. La squadra è Dybala-dipendente. Questo è il passaggio più delicato della stagione, la Roma affronterà un Milan che vuole riscattarsi: o ci sarà una grande reazione collettiva di orgoglio, oppure la crisi diventerà ancora più profonda e dalle conseguenze imprevedibili…”

Redazione Giallorossi.net

Articolo precedenteMatic, la confessione: “Non riesco a conciliare vita privata e professionale”
Articolo successivoCoppa Italia, Giudice Sportivo: 3 giornate di squalifica a Mancini e 2 ad Azmoun

33 Commenti

  1. È triste constatare che la prossima partita sia sempre da ultima spiaggia. Speriamo che contro il Milan non succeda l’irreparabile perché sarebbe gravissimo ricominciare di nuovo con l’ennesima ricostruzione

    • Spalle al muro, in genere, una reazione c’è. In più questo Milan non è quello dell’andata. Non sono nella testa di Mourinho ma forse qualche sorpresa potrebbe riservarla, che qualcosa vada cambiata spero l’abbia capito anche lui.

  2. Moroni sei davvero convinto che la Roma abbia la forza per convincere Conte o Motta? A fargli allenare scartine e ex giocatori? Mah…

    • @Marco ( ma anche agli altri), rega’ io ve vojo bene, ma, pure voi, cercate la logica in questi radiolari? Parlano solo pe’ arza’ quarche sordo. Er problema nun so loro, ma chi li sente e, de conseguenza, li fa sopravvive.
      C’È SOLO L ASROMA 💛 ❤️!!!!

    • Ancora con la storia che sono tutte pipe ….ma com’è che quando ci sono le pause delle nazionali a Trigoria rimane solo il magazziniere?… vuol dire che nel mondo ci sono una dozzina di CT asini e incompetenti che si mettono d’accordo per convocare in maniera
      autolesionista pippe?…. magari la verità è un altra. Anche quando i vari elsha, cristante, pellegrini e co… vanno in nazionale non sembrano pippe… com’è sto fatto? Il calcio è ancora uno sport e non è teatro o cinema e in tutti gli sport si paga una persona per fare rendere al meglio le prestazioni degli atleti…si chiama Allenatore!… noi abbiamo purtroppo un ex allenatore che sto lavoro da anni non lo sa’ fare più. I

  3. È triste constatare che la prossima partita sia sempre da ultima spiaggia. Speriamo che contro il Milan non succeda l’irreparabile sarebbe gravissimo ricominciare con l’ennesima ricostruzione

  4. il derby con zero tiri in porta è veramente mortificante, poi quando in balia della disperazione ti mette 10 attaccanti,che se invece della lazietta di mer@a ci stava una squadra vera finiva 4 a 0 . Mourinho vattene a casa!! te ricordi zero titoli?

  5. A partire dal Mister fino all’ultimo dei panchinari, tutti erano a consocenza quale importanza avesse per noi tifosi vincere questa partita. Una sconfitta del genere è difficile da perdonare. Un Derby valevole per la Coppa Italia perso in maniera così’ umiliante e menefreghista, fa sorgere innumerevoli sospetti. Un ottima scusante per chi voleva andarsene.

  6. A questo punto largo al progetto giovani purché di valore, in questo caso ci vuole un ds degno di nota…. Un gran scopritore di giovani di valore….e un allenatore che sappia valutarli bene senza paura o pressioni esterne …. Sabatini all’epoca scopri un certo marquihos…19 anni!!!
    Io direi Motta come allenatore, ds massara con affianco mourinho come direttore generale e un dirigente che faccia da collante tra società e squadra ( soprattutto che si faccia sentire bene ) esempio?? Totti o de rossi

    • E ti pareva che spolliciano i pseudo tifosi romanisti o laziali infiltrati…. Incominciate a rendervi conto che per creare un ottimo team si deve partire dalle fondamenta… io tifo per la maglia solo per quella fede “malata” chiamato amore per la mia Roma!!!! Ne pro ne contro mou … gli allenatori passano ma l’amore resta!!!!

  7. Lo stipendio di Conte è circa 15 milioni e non credo faccia sconti poi i giocatori li sceglie lui e per comprarli serve un portafogli molto gonfio. Quindi finiamola di nominarlo. Non so , sinceramente , quale allenatore possa accettare la panchina della Roma a giugno quando ci sarà da ricostruire una squadra senza poter spendere perché non si tratta di comprare uno o due giocatori per rinforzare la squadra , tra giocatori in scadenza e gli altri che torneranno alle società proprietarie del cartellino , vanno sostituiti 7 giocatori e questo senza poter spendere.Pinto , ha pensato bene di ” scappare” , quando la nave affonda i topi sono i primi ad abbandonarla. Senza offesa sia chiaro.

  8. A me piacerebbe solo che Agresti, che testualmente recita : “Da quello che ci risulta ci sono profonde riflessioni in corso su Mourinho da parte della proprietà”, svelasse quali siano le sue fonti. Perchè è strano che uno come lui abbia notizie da che non parla mai con gli “opinionisti”.
    Non è che quello che ci risulta è l’opinione che Agresti ha ?

  9. “manca tutto un girone e una coppa europea da giocare”…è su “giocare” che c’avemo i dubbi, non sull’enorme numero di partite che mancano alla fine della stagione

  10. Mourinho non è solo uno tra i piu’ grandi allenatori stipendiati del globo ma è anche dotato di grandi capacità intellettive. Qualsiasi decisione che prende ha un suo tornaconto e fa presto a voltar pagina. Vi sono alcune sfaccettature che in pochi considerano. Viaggiando sulle scie del suo passato ricco di conquiste e riconoscimenti, nell’istante in cui viene cacciato da un club continua ad intascarsi le cifre mancanti è un calcolatore nato. Basti pensare a quanto è accaduto col Totthenam per averne conferma. Se ha già sottomano delle offerte rilevanti e l’intenzione era quella di farsi esonerare, l’occasione del derby era troppo ghiotta per lasciarsela sfuggire. In questo modo il suo guadagno aumenta considerevolmente.

  11. adesso tt su conte, ma che viene a fare? se nn escono i soldini nessuno verrà. così gli americani saranno contenti di intortare tt con il loro ffp fatto a cavolo di 🐶 solo per avere scuse.

  12. Tenere ancora lo scaldapanchine?
    Ci vuole solo coraggio per parlarne!
    Qualsiasi altro avrebbe fatto meglio, vista la rosa non di certo inferiore a quella di Lazio, Fiorentina, Bologna, Atalanta ed anche Napoli!

  13. Si nessun tifoso romanista discute il rigore dato alla Lazio perchè grosso modo è generoso come quelli dati alla Roma contro Cremonese e Atalanta.
    Però possiamo discutere che contro la Fiorentina ci buttano fuori un uomo quando eravamo in vantaggio, la settimana dopo a Bologna sotto di 2 gol c’è una mancata espulsione di un difensore alla ripresa del secondo tempo, contro la Juve forse c’era fuorigioco ma è stato aggiustato per bene in sala VAR con un minuto di tempo per rimandare la linea del fuorigioco?!
    Ecco a mio avviso ci sono partite in cui la Roma ci mette del suo in maniera negativa e poi ci sono partite che quando vai meglio ci pensano gli arbitri ad affossarti.
    Questo non lo sento dire da nessuno!!!

  14. Aggiungo ancora alcuni episodi che chiariscono meglio cosa volevo dire e che nessuno dice, tranne Mou.
    Con l’Atalanta manca un giallo/rosso su Dybala
    Contro la Lazio ci sono due falli da dietro da giallo Cataldi su Dybala e Zaccagni su Cristante quest’ultimo nemmeno giudicato fallo. Questo per far capire agli addetti ai lavori il modo in cui vengono ad arbitrare la Roma.

  15. punterei su thiago motta piuttosto che conte provando a convincere dybala e lukaku dicendogli: Ragazzi da domani giochiamo a calcio e per voi sarà più facile stare in campo!!!!

  16. Rocchi e’ molto arrabbiato perche’ Orsato e’ stato insultato, e ha suo dire si e’ stancato delle offese che ricevono i tesserati Aia dalle panchine, in questo caso guarda un po’ da Nuno Santos e vuole la sua testa ecco chi e’ il responsabile degli arbitri in Italia. Si e’ visto chi ha mandato ad arbitrare in 4 partite la Roma proprio lui parla ? Vergogna aspetto per le prossime Maresca e Di Bello ne ho contati una 15 da campo e da sala var e avar che con la Roma non dovrebbero starci….caro Rocchi forse c’e’ qualche problema con la Roma ? Fai i nomi e non infilare la UEFA specie in questo momento che con l’affare Taylor con la Roma non ha fatto una bella figura e la stessa Federazione non l’ ha difesa per quella vergogna di finale.

  17. Nicola posso essere d’accordo con te. La rosa della Roma non è di certo inferiore a quella di quelle da te citate…..Ma se è al completo,senza nessun infortunato lungodegente….Magari….

  18. dovessimo perdere con il milan per un rigore? bhe speriamo che sia un rigore antico , perche quelli moderni mou non li digerisce

  19. e bravo Petruzzi, vedo non sottolineato da nessuno, l’unico lì in mezzo che ha tirato seriamente due calci al pallone e che fotografa perfettamente la vita grama che conducono gli esterni della Roma, e non solo loro.
    Certo, avessi Cafu e Roberto Carlos dei bei tempi potresti attenderti che gli dai palla sui piedi, non vedono nessuno a cui darla e vanno via da soli lasciando sul posto gli avversari.
    E grazie arkà, aggiungo io. Ma se non li hai devi fare in modo che i tuoi modesti manovali abbiano almeno la possibilità di appoggiare a qualcuno davanti a loro, di abbozzare un dai e vai.
    Karsdorp con Fonseca riuscì comunque a servire 6 assist a fine stagione, che è un risultato dignitosissimo per un esterno, eppure anche allora ci sembrava limitato, non è che ce ne siamo accorti adesso.

  20. Se volessi spiegare qualcosa di calcio, parto da una ENORME contraddizione, per cui mentre Mourinho ESALTA cristante, quale giocatore indispensabile, secondo me, per la sua lentezza, eccessivo possesso palla ed altre criticità, è la causa del centrocampo e quindi di tutto il gioco. Io…..lo venderei IMMEDIATAMENTE a gennaio e rifonderei la squadra partendo da giovani della Primavera e da calciatori come quelli pescati dall’Atalanta, Bologna, Fiorentina che corrono, corrono e corrono, avendo in più tecnica e in grado di sacrificarsi, a differenza dell’immobile Paredes. Sul resto, lascio ai tifosi aggiungere altro…!!

    • Ogni calciatore che non sia un fuoriclasse ha i suoi difetti. Cristante per me è un ottimo giocatore, che potrebbe tranquillamente giocare nelle prime quattro squadre (forse solo l’inda ha un centrocampo di un altro livello).
      Ovviamente non può da solo sollevare il baricentro della squadra, ma il suo compito lo fa. E soprattutto butta tutto in campo.

  21. Qualcuno ha scritto come mai non sono pippe quando vanno in nazionale ma la verità è che in nazionale sono panchinari ed in una nazionale che sono 2 volte di fila che non va ai mondiali toppando anche con pizza e fichi. El Shaarawy è tonato in nazionale dopo tanto ma lui non è una pippa e spesso toglie le castagne da fuoco anche con la Roma, lui c’era anche quando andavamo in Champions ed era tra i titolari anche quando siamo arrivati tra le prime 4 d’Europa, Cristante è una riserva e gioca titolare a volte le amichevoli o le partite contro squadre che venivano definite materasso, entra solitamente verso il finale del match facendo il compitino tranquillo sostituendo Barella quando ormai esce dal campo spremuto come un limone dopo aver corso tantissimo. Pellegrini riesce a far parte del gruppo 2 volte su 10 e pure lui è un panchinaro, o rimane in panchina o gioca gli ultimi 10 minuti quando c’è, titolare qualche volta in alcune amichevoli o contro squadre che venivano definite materasso.

  22. Fate tutte le considerazioni su Mou, tutti radio giornali e tifosi. Ed io faccio la mia, permettete?
    Se dovesse andare via Mpu con quali argomenti potremmo convincere Conte, Klopp, oGuradiola? Senza Mou con quali argomenti potremmo trattenere Bybala E Lukaku, o prendere giocatori di quel calibro? Direte nun fa niente prendiamo Juric, De Zerbi, Padalino, o Motta, e vedremo bel gioco coi giovani, ok, mai giovani non teli regalano, li devi pagare, e senza 4° posto anzi direi manco 6° per come stiamo combinati, come li paghi? Direte vendendo, ok, ma chi? Chi se le accolla questa manica di pippe? Io senza Mou prevedo uno scenario addiruttura peggiore, ma aspettiamo e vediamo………..

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome