“ON AIR!” – CIARDI: “Mou e il club scontenti di alcuni senatori”, FOCOLARI: “Smalling sta bene dove lo pagano di più”, AGRESTI: “La Roma fa bene ad andarci piano”, MORONI: “Allan? Magari…”

17
1486

ULTIME NOTIZIE AS ROMA – Prosegue il nostro appuntamento giornaliero dedicato al variopinto mondo delle radio romane. On Air, la rubrica più copiata (e incollata) del web, è un viaggio per le frequenze più ascoltate dai tifosi giallorossi a caccia di pensieri, notizie, indiscrezioni e qualche nota di colore. Buon divertimento! 

Augusto Ciardi (Tele Radio Stereo): “Sappiamo quello che vuole Mourinho. Quando sposa un progetto, che borbotti, si incazzi, si arrovelli, lo fa per il suo bene, ma il suo bene passa attraverso la squadra che allena. Che si debbano incontrare lui e i Friedkin per riaggiornare i programmi è evidente. Che siano subentrati degli elementi è altrettanto evidente: c’è il Fair Play Finanziario, e c’è un gruppo squadra, soprattutto nei senatori…nei senatori…nei senatori…che non ha soddisfatto le aspettative non solo di Mourinho, ma anche del club…”

Gianluca Piacentini (Rete Sport): “Karsdorp ha preso questa strada, penso che vorranno fare causa alla Roma ma con poche chance di riuscita. Se c’è stato uno che non ha risposto alle convocazioni è stato lui. Spero che che si chiuda per sempre questa storia, nata male con il suo primo infortunio, e finita peggio. Karsdorp è un discreto giocatore, non pessimo come molti lo hanno descritto, ma se non hai la testa… Spero che sia vero che ci siano due squadre della Premier che lo vogliono e che se ne vada via lontano dalla Roma…”

Massimiliano Magni (Rete Sport): “Abbiamo quasi tutti a disposizione e contro il Bologna un undici decente lo possiamo schierare. Le parole dell’avvocato di Karsdorp? A me sembra che si appoggi a cose tutte da verificare, tipo le orde di tifosi minacciosi sotto casa del giocatore. Si appella ad astrusi comportamenti che avrebbe dovuto tenere la Roma: per limitare i danni, il club avrebbe dovuto prendere le distanze dall’allenatore. Cioè secondo lui per limitare i danni, la Roma avrebbe dovuto rompere con l’allenatore più importante mai avuto dal 1927 ad oggi…”

Claudio Moroni (Rete Sport): “L’avvocato di Karsdorp se la dovrebbe prendere con Mourinho, non con la Roma. Però c’è da dire che “traditore” è stato un termine un po’ troppo forte… Allan alla Roma? Magari…io ero innamorato. Però ho saputo che è in una fase di declino. Se fosse anche il 70% di quello che era a Napoli, me lo prenderei volentieri…”

Mimmo Ferretti (Tele Radio Stereo): “Tornare alla difesa a quattro? Mi sembra difficile, è stata provata poco e comunque senza tutti gli interpreti. Mou si era presentato qui a Roma con il suo 4-2-3-1, poi però dai tre centrali non si è più mosso. Non capisco perchè la Roma dovrebbe passare dalla difesa a tre alla difesa a quattro: il problema non è la difesa, il problema è che non fa gol. E non lo risolvi passando a quattro, è un’equazione che non regge. Se il rientro di Wijnaldum potrebbe spingere al cambio di modulo? Non puoi adattare la squadra a un solo giocatore, a meno che non si tratti di Leo Messi…”

Alessio Nardo (Tele Radio Stereo): “Quando ho letto della rescissione di Blind dall’Ajax, mi ero chiesto se non fosse un giocatore buono per Mourinho. E’ un giocatore esperto, che ha già giocato con Mou. Purtroppo ha avuto un problema cardiaco, e difficilmente qui in Italia avrebbe l’ok, altrimenti sarebbe stato l’ideale… Difesa a quattro? Se dovessi rigiocare dall’inizio contro la Viterbese posso pensare che l’idea di Mourinho sia quella… Col recupero di Wijnaldum e il possibile acquisto di Frattesi non giocare con quel modulo sarebbe un delitto…”

Roberto Pruzzo (Radio Radio): “Smalling? Ai nostri tempi si faceva un contratto anno per anno. Io credo che il giocatore si stia guardando intorno, sa a quanto hanno rinnovato i suoi compagni, e sotto questo aspetto hanno esagerato. Io credo che Smalling abbia il senso di appartenenza, mi sembra di capire che lui a Roma sta bene e può essere la sua sede definitiva. Dybala? E’ un bel segnale che ci sia, che si alleni, che faccia gruppo, che porti entusiasmo e allegria. Con Dybala in campo la Roma era terza, spero che torni a far vincere le partite alla Roma. Karsdorp? Quando si spezza un rapporto l’importante è essere persone serie, riconoscere i propri demeriti e lasciarsi. Ora bisogna farlo il più in fretta possibile…”

Furio Focolari (Radio Radio): “Su Smalling non sono d’accordo con Pruzzo, lui sta bene a Roma come a Firenze, a Torino, a Milano o a Corfù…dove lo pagano di più. Ma non solo Smalling, tutti: abbiamo visto Mkhitaryan, ma anche Kessie, o De Vrij…vanno dove i soldi sono di più. Smalling ha 33 anni, guadagna sui 3 milioni, se la Roma lo vuol tenere non gli può aumentare il contratto. Se l’Inter glieli dà, lui se ne va: si troverà bene anche a Milano, e anche se non si troverà bene come a Roma, s’arrangia. I soldi chiamano soldi, non c’è niente da fare…”

Stefano Agresti (Radio Radio): “Si può giocare a calcio senza Smalling, è avanti con gli anni e non sai quanto tempo potrà giocare a questi livelli. Rischi di fargli un rinnovo fuori mercato. Smalling ha avuto spesso degli infortuni fastidiosi e lunghi: per quanto sia il difensore più forte della Roma, il club fa bene ad andarci piano…”

Sandro Sabatini (Radio Radio): “Dybala ha fatto bene a rientrare subito in Italia, Di Maria e Paredes invece hanno fatto male. Mi sembra che sia stato più responsabile e intelligente Dybala rispetto agli altri due. Non credo che due o tre giorni di vacanze in più cambino granché…”

Redazione Giallorossi.net

Seguici su TWITTER e FACEBOOK per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie della Roma!

Articolo precedenteLa rivoluzione di Mourinho: silenzio assordante, difesa a quattro e zero titolari
Articolo successivoRoma Femminile, Spugna rinnova fino al 2024: “Vogliamo raggiungere obiettivi straordinari”

17 Commenti

  1. Karsdorp è un discreto giocatore, non pessimo come molti lo hanno descritto, ma se non hai la testa… Spero che sia vero che ci siano due squadre della Premier che lo vogliono e che se ne vada via lontano dalla Roma…”

    Non ha la testa perché?
    Non mi sembra proprio uno alla Cassano per esempio.
    Li per me c’è stata la grande incavolatura di una partita che sembrava vinta e non lo è stata, forse c’è stata una risposta di troppo e il primo che gli è capitato a tiro è stato Karsdorp.E ha pagato per tutti.
    Per me è stato tutto esagerato e se la Roma non dovesse trovare uno migliore di Karsdorp farebbe bene a tenerlo, Celik non vale Karsdorp

    • Karsdorp attacca male e difende peggio, le chiusure di Celik in diagonale l’ olandese se le sogna… Ma veniamo alla difesa a 4, che esclude Mancini, un senatore, per me è più equilibrata con Smalling e Ibanez è si è visto nelle amichevoli. Una cosa va detta, se rinnovi il contratto a Cristante, che ti rende problematiche le partite, ma non lo rinnovi a Smalling che te le salva sto momento, può diventare un problema. Io la vedo così, ma non fattore personale, ma da quello che vedo durante il match, purtroppo Cristante ha delle pause e costruzioni incredibilmente pericolose, che possono farci male, se, incontriamo squadre, compatte e organizzate, questo è il problema. In poche parole, Cristante crea problemi e Smalling li risolve, chi va favorito per il rinnovo?

    • Ma se devo prendere in considerazione Allan, ma allora farei un (anche se non lo posso vede…) contratto a gettone di presenza al Ninja…

    • a solide realtà t hanno capovolto la tv le diagonali di Celik DOVE???? guarda se proprio vuoi l ultima l ho vista a kardsrop nell amichevole che a giocato , celik mi sembra peggio di vina

  2. Sempre più insistenti le voci di una delusione di club e allenatore nei confronti di alcuni senatori, beh , se solo ora si rendono conto che quelli che hanno considerato “il prototipo del giocatore da Roma che vogliamo” (cit. Pinto), che Pellegrini è un buon/ ottimo giocatore, ma non giocatore da 6 mln a stagione, la colpa è di società e allenatore , in 5 anni tutti allenatori che non li hanno fatti rendere? La colpa è di chi ci ha costruito le fondamenta della squadra, li ha eletti simbolo della squadra (mediocre degli ultimi 5 anni) e ha fatto loro alzare le penne ,sopravvalutati invidiosetti del talento altrui. Come dimenticare la loro indifferenza al gran gol di Zaniolo appena rientrato dal primo infortunio? Vi meravigliereste di un po’ di gelosia nei confronti di Dybala? C’è chi si ostina a tentare giocate che non riescono invece di fare cose semplici per cercare di mostrarsi al suo livello, chi si è abbattuto per non essere più al centro del mondo!

    • Giocatori gelosi di Dybala, al punto di tentare giocate per loro improponibili solo per cercare di pareggiare il suo livello ma cadendo in figure ridicole.
      E se avessero avuto in squadra il Totti dei suoi anni migliori cosa avrebbero fatto, cambiato sport?

    • Totti era già il fuoriclasse indiscusso,invece, nella squadra mediocre da sesti posti, ci sono giocatori che si sono ritagliati il ruolo da leader in mezzo a giocatori più scarsi di loro!

    • E il punto quale sarebbe?
      Se il gruppo è interamente mediocre, il presunto leader può elevarsi di ben poco da tale rango, essendo egli stesso componente della mediocrità generale.
      Praticamente assiomatico.

    • Bravo, intendi Mancini che vuole fare il Baresi, intendi Cristante che vuole fare il Thiago Motta, Pellegrini ha qualcosa in più dei due, ma se crede ( anche se ha veramente il coniglio nel cilidro… lo scorso hanno ha fatto dei numeri bellissimi…) Zidane, questo intendevi, anche Spinazzola si crede Cafu’? Ti ho capito benissimo, lo pensavo, una cosa del genere…Invece è la realtà….Sicuramente, RUI PATRICIO, SMALLING, MATIC, DYBALA, WYNALDUM, forse DZEKO e MIKY prima, anche PEDRO, volevano comunicare qualcosa…forse anche SMALLING se aggrega….

    • Sarà pure pessimo, ma non c’è niente di piu vero. Il giocatore che si affeziona alla squadra a prescindere non esiste più; la loro squadra del cuore è sempre quella che paga meglio.

    • vabbè FOCOLARI dice cose apparentemente condivisibili, ma fino ad un certo punto JULIANB. A prima vista CHIUNQUE sta bene dove lo pagano, infatti chi NON pagano (i disoccupati…) stanno malissimo e pure si fanno mantenere, alcuni, non parlo di calcio e stop eh? Però è pieno il mondo di gente che NON sta bene pure se la pagano tanto e, scelta loro, ci resta, mentre starebbe BENE dove la pagano pure la metà o meno…
      al solito, casi e casi, persone e persone, città e città… non parlo solo di calcio eh? Nel calcio il Toronto ti dà 7 milioni e il Napoli 3 (ex)… certo, poi chi nasce fortunato davvero a Toronto scopre di star da Dio, in più…
      ma CRISCITO é tornato a Genova! questo é un esempio di calcio…
      quindi FOCOLARI nulla aggiunge e tanto toglie (al solito, ma solo perché é laziale….😁. Che fa Pedrito il drito poi?)

  3. Allan sta facendo la muffa ad Abu Dhabi gioca vicino a un centro commerciale, magari che?

  4. smalling non ha fermato osimhen e pinamonti, per colpa sua (e dell’età avanzata) abbiamo tre punti in meno. purtroppo non tutti hanno memoria nè vedono le partite. su mancini, cristante e pellegrini no comment…..

    • Non sono d’accordo.
      A parte che e’ sempre difficile dire dove comincino le responsabilita’ di un giocatore e finiscano quelle del compagno, Smalling ha oggettivamente salvato la difesa della Roma in molte altre partite, giocate benissimo, al di la’ delle due che citi in cui ha fatto errori.
      Il bilancio di punti che vuoi fare, su tutte le partite giocate, e’ positivo, non negativo.
      Ci sono giocatori della Roma (per esempio i tre che citi alla fine) per i quali avrei molta piu’ difficolta’ a sostenere che, in questa stagione, ci abbiano fatto effettivamente guadagnare punti.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome