“ON AIR!” – CORSI: “C’è l’esaltazione di Spalletti per ammazzare Mou”, FOCOLARI: “Ammirato e un po’ stupito dai risultati della Roma”, PIACENTINI: “Domenica giocheremo per vincere”, FERRETTI: “Mi aspetto Camara su Lobotka”

41
1608

ULTIME NOTIZIE AS ROMA – Prosegue il nostro appuntamento giornaliero dedicato al variopinto mondo delle radio romane. On Air, la rubrica più copiata (e incollata) del web, è un viaggio per le frequenze più ascoltate dai tifosi giallorossi a caccia di pensieri, notizie, indiscrezioni e qualche nota di colore. Buon divertimento! 

Mario Corsi (Centro Suono Sport): “Certo che c’è un rumore dei nemici…tutti contro. E’ il Napoli stellare di Spalletti contro la Roma operaia e incapace di giocare di Mourinho. Spalletti è la luce, è veramente incredibile sta storia… Non sarà facile battere il Napoli, ma pagherei veramente di tutto pur di battere il Napoli. E non per il Napoli, per me sarebbe bello perchè c’è una guerra in atto contro Mourinho. C’è un’esaltazione totale di Spalletti e non per osannare Spalletti, è per ammazzare Mourinho. Io nella mia vita non ho idoli, per me Mourinho non è un idolo, gli idoli non esistono. Esistono persone che si portano dietro un curriculum, una storia che li rappresenta. Mourinho significa vittoria, vincere, perchè l’ha fatto. E appena arrivato qui, in una città dove si vince poco o niente, ha vinto subito. Punto…”

David Rossi (Rete Sport): “Per la Roma domenica c’è la grande occasione di fare un upgrade importante. Ieri facevo un po’ di conti: 22 punti dopo 10 partite vuol dire una proiezione di 82-83 punti finali. Che detta così sembra facile, ma fino ad ora hai fatto 7 vittorie su 10 partite, che è tanta roba e non sarà facile tenere questo ritmo. E’ vero che hai giocato 6 partite fuori casa, e questo ti può aiutare. Non so se con 83 punti sia garanzia del quarto posto, ma c’è una buonissima possibilità… La Roma fino a ora ha fatto un percorso ottimo in campionato, e non a caso ha dietro squadre come Inter, Juventus e Lazio… Se poi entriamo nell’analisi delle prestazioni, c’è chi dice che facciamo schifo e chi ti dice che se ne frega, che l’unica cosa che conta è vincere, due estremi che non mi trovano d’accordo…”

Gianluca Piacentini (Rete Sport): “Matic rischia di non giocare nemmeno contro il Napoli, perchè penso che Mourinho possa riconfermare la formazione che ha giocato contro la Samp. Magari sugli esterni può tornare Karsdorp, e a sinistra immagino Spinazzola. La Roma deve giocare quella partita per vincere, non è il momento di fare calcoli, di pensare al punto, la Roma giocherà per vincerla e per farlo Mou credo che riproporrà lo stesso modulo…”

Andrea Pugliese (Rete Sport): “Io domenica mi aspetto Zaniolo in campo per due motivi: vederlo per la seconda volta in panchina aprirebbe scenari indesiderati. E poi questa volta lui può essere più utile dall’inizio che non a partita in corso. Il Napoli, a differenza della Samp, ti lascia dello spazio per attaccare e lui è uno che ti fa male negli spazi… Mou senza Dybala ha capito che doveva cambiare modulo, che aveva bisogno di più densità, e c’è stata questa virata che dà maggior compattezza alla squadra. Cristante? Mou ha dimostrato che non lo tirerà fuori mai, lui è il perno del centrocampo…”

Massimiliano Magni (Rete Sport): “Da queste parti si pensava che se fosse arrivato Dybala, sarebbe andato via Zaniolo. Quando è arrivato Dybala e Zaniolo è rimasto, ci si chiedeva se Nicolò avrebbe giocato titolare. E invece fino a quando c’è stato Dybala, Zaniolo ha giocato sempre. E quand’è che non ha giocato? Quando è mancato Dybala… Il centrocampo per domenica? Secondo me nel 3-5-2 è più regista Matic che Cristante, il Napoli è diverso dalla Samp, se lo metti sottopressione lui ti sbaglia 5 passaggi su sei… Io farei giocare Matic al centro, con Cristante e Pellegrini mezzali…”

Mimmo Ferretti (Tele Radio Stereo): “Spalletti è un genio del calcio che ogni tanto si perde alla ricerca di nemici per difendere la propria squadra. E’ un ragionamento che fanno spesso gli allenatori, alcuni lo sanno fare bene e altri meno, e lui è uno che non lo sa fare e infatti spesso ci casca nel non saper reggere la pressione e il confronto. Stavolta il Napoli avrà di fronte una squadra particolare, che sta ritrovando delle certezze. Io penso che Mou stia preparando qualcosa, mi immagino Camara in marcatura su Lobotka…”

Roberto Pruzzo (Radio Radio): “Spalletti? Per come gioca il Napoli, è una delle migliori espressioni di calcio, superiore veramente a tutti. E quindi sì, può essere un allenatore sottovalutato. Ma ha avuto anche delle grandi squadre. Purtroppo non gli è riuscito di vincere in Italia, ma non escludo che possa farlo. La comunicazione non è la sua arma vincente, ma tecnicamente non si discute. Mou ha fatto cose incredibili in un anno al di là del fatto tecnico, riesce a instaurare un rapporto unico con i suoi giocatori che non vedo da altre parti, e questa è la sua forza…”

Furio Focolari (Radio Radio): “Il Napoli con più pressione domenica? Intanto la partita sarà comunque equilibrata a prescindere, ma effettivamente il Napoli ha delle pressioni in più perchè rischia di vedersi la Roma a un punto e l’Atalanta davanti. Ma fino a ora il Napoli ha sempre giocato meglio della Roma, e non ha mai perso. Da questo punto di vista il pronostico pende a favore del Napoli. Le parole di Sabatini? Ho una grande stima per lui, è una vergogna che uno come lui sia fuori dal calcio. Su quello che dice sono d’accordo, Mou ha un carisma tale che fa paura. Dal punto di vista tecnico Spalletti sembra superiore, ma rischiamo di dire una bestemmia per quello che ha vinto Mourinho. Mou non ha mai badato alla bellezza del gioco, ma i risultati li fa. Sono ammirato e un po’ stupito: non pensavo, e invece la Roma c’è…”

Gianni Visnadi (Radio Radio): “Spalletti sottovalutato? L’albo d’oro parla chiaro, non ha mai vinto uno scudetto in Italia e di questo va tenuto conto. Io sono convinto che sia molto bravo, ma a quanto pare a lui o alle sue squadre è sempre mancato qualcosa. Mourinho dal punto di cista tecnico è un po’ sopravvalutato, ma ha quella capacità che ha di farsi seguire dai calciatori che va oltre. Non mi pare che ci sia un altro allenatore che suscita nel gruppo quello che suscita Mourinho, e questo è un merito…”

Stefano Agresti (Radio Radio): “Spalletti è un allenatore straordinario, quasi geniale dal punto di vista tattico, e invece spesso è estremamente deludente nella gestione dei momenti decisivi. Ha fatto meno di quello che avrebbe potuto nella carriera, ha spesso faticato a gestire degli ambienti: all’Inter ha litigato con Icardi, alla Roma con Totti… Ora può essere che a Napoli abbia trovato una situazione diversa. Il limite di Spalletti non è tattico, ma caratteriale. Non credo che il Napoli dell’anno scorso fosse inferiore al Milan, eppure ha perso lo scudetto…”

Redazione Giallorossi.net

Seguici su TWITTER e FACEBOOK per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie della Roma!

Articolo precedenteLesione muscolare di secondo grado per Immobile: salta il derby, torna nel 2023
Articolo successivoStadio Roma, Bonessio (Pres. Commissione Sport) “Progetto migliore di Tor di Valle. Massimo impegno per aprirlo nel 2027”

41 Commenti

  1. Ferretti non dice una stupidagine , se qualcuno ha visto il napoli e come gioca sà che tutto passa dai piedi di lobotka , metterci Camara sempre addosso diventa difficile fare il lancio a sx o cercare di ripartire veloci ecc ecc magari a 4 dietro con cristante matic e camara zaniolo abraham e pellegrini spina e zelewsky con smalling e ibanez centrali, ma vedrete che giocheremo a 3

    • Stessa formazione vista con la Samp. Forse rientra Karsdorp. Come giustamente dici, bisogna spezzare il gioco del Napoli a centrocampo e se ci presentiamo solo con Matic e Cristante lì in mezzo la vedo dura.

    • Ciao, hai pienamente ragione, per la prima volta ho sentito un commento sensato su una radio, un motorino addosso al loro regista gli impedirebbe di sviluppare delle corrette trame di gioco e potrebbe rompergli le uova nel paniere

    • questa sarebbe una tattica che Spalletti ha sempre usato con la Roma del 4231 ….Perrotta ha sempre fatto il marcatore del regista avversario… sarebbe un’ottima idea….!
      Peraltro io sono fiducioso perché il Napoli ha un gioco ben definito, quindi può essere studiato nei dettagli… vediamo domenica.

    • “Karsdorp contro Kvaratskelia” si ok ragazzi ma qua sembra che stiamo parlando di bruno conti , non scherziamo sta giovando dei schemi che fa spalletti proprio sulla su a bravura nel saltare l uomo se spalletti stesse con noi spinazzola sarebbe anche meglio quindi non fasciamoci la testa che va via quando gli dai la palla giusta e sta gia in velocità io l ho visto da fermo salta l uomo una volta su 10 quindi fermare il loro centrocampista centrale e dopo vediamo come gioca spalletti

    • karsdorp sicuramente a dx col tipo impronunciabile dalle sue parti ed allora lascia mancini e gioca a 3, se salta il terzino trova il centrale. altrimenti a 4, con camara sul loro cc eppoi servirebbe uno che scala sempre sull’ impronunciabile…eppoi ripartenze veloci, sfruttare i cross in area e se non è troppo tirare da fuori
      spalletti è favorito, non c’è che dire, loro volano….

  2. “Esistono persone che si portano dietro un curriculum, una storia che li rappresenta” Detto da un Mario Corsi – ex terrorista appartenente ai Nuclei Armati di Estrema Destra – fa quasi senso (quasi) Altro candidato alla Luiss?!… 🤔😅

    • non capisco perché c’è sempre qualcuno che deve mettere in mezzo la politica. qui si parla di calcio. Sennò tiriamo in mezzo pure le brigate rosse e non ci fermiamo più.

  3. Io nella mia vita non ho idoli, per me Mourinho non è un idolo, gli idoli non esistono

    Che non ha idoli non è vero tutta la sua fortuna radiofonica è nata ed è stata costruita solo ed esclusivamente sulla idolatria verso Totti

  4. una guerra in atto contro Mourinho? dire che la Roma gioca di merxa non è fare la guerra a nessuno, è constatare la realtà dei fatti. poi ci sono i risultati e la classifica che danno ragione al mister, quindi quale guerra?

    • non sempre, ma ogni tanto, scrivi una cosa da Romanista, aureliuccio…
      altimenti qualcuno potrebbe essere portato a pensare che sei un troll lazziale…

    • sai perchè siete poco credibili? perchè questo sarà il mio quarto o quinto messaggio, non avendo mai scritto prima su questo sito. vi ho sempre letto con attenzione però, e voi due siete la prova provata che c’è la volontà evidente (non so di chi) di manipolare gli interventi di chi ha idee diverse dalle “vostre”. come uno dice una cosa che non vi piace, parte l’attacco contro lo sbadito, però si capisce che è una cosa fatta a tavolino, perchè appunto dopo 5 miei messaggi non potete certo avere uno storico per mettermi un’etichetta

    • aurelio non credo proprio che sia da poco tempo che scrivi. Basta risalire ai tuoi commenti per verificarlo. Quando c’è da esultare sparisci, quando c’è da criticare sei sempre in prima fila.

    • @Maki, ce stai a provà di nuovo. fai pure tutte le verifiche che vuoi, ma io ho scritto qua su non più di 5 messaggi, 6 con questo. vi fate sgamare se fate così, fatelo meno palese, sennò il giochetto diventa chiaro a tutti

    • Roma e merxa nella stessa frase a me danno veramente fastidio caro aurelio, come credo a tutti i veri tifosi della roma.
      I tuoi post sono sempre e solo critiche alla roma… poi vi lamentate che vi diamo dei laziali.

    • Aurelio perdonami ma i fatti sono altri..

      I fatti sono determinati dai numeri.. Le altre realtà sono le tue.. Che possono essere rispettabili, condivise oppure no..

      I numeri dicono che la Roma lascia all’avversario pochissime occasioni pulite.. I numeri dicono che la Roma crea in ogni partite 3/4 occasioni da goal abbastanza nitide.. I numeri dicono che la Roma è quarta a 4 punti dalla prima in classifica..

      Questi sono fatti supportati dai numeri..

      E non sono numeri casuali.. E il modo di giocare della Roma che ti porta a questo.. Non è un gioco offensivo, non è un gioco divertente.. Però..

      La squadra è compatta, difende da squadra, e sfrutta le aperture lasciate dagli avversari.. E una tipologia di gioco che fa giocare male anche l’avversario.. Perché lascia poco spazio nella nostra area..

      E per questo i nostri avversari creano poche palle goal pulite..

      Mourinho ha sempre adottato questa filosofia di gioco.. Chiaramente con interpreti più forti.. E con questa filosofia ha vinto tantissimo..

      Ogni tecnico ha la sua filosofia per portare a casa il risultato.. Chi più offensivo, chi meno, chi cerca solidità, chi contropiede, chi allarga il campo, chi gioca in verticale..

      Mourinho chiede, compattezza, solidità, verticalizzazioni, ed una grande fase difensiva a tutta la squadra..

      Forse non sarà divertente.. Ma non si può proprio dire che non funziona..

      Se poi invece si cerca il gioco offensivo.. Lo spettacolo, il divertimento, che questo non sarebbe accaduto lo si sapeva da quando è arrivato a Roma Mourinho..

      Poi ognuno ha il suo modo di vedere il calcio.. Ed è giusto che sia così.. Ma onestamente ho visto in questi anni tante volte la Roma fare calcio offensivo.. Senza mai vincere nulla.. Adesso io me ne frego di come si vince.. L’importante è vincere.. E lui dopo anni ed anni ci è riuscito con questo calcio..

      Forza Roma..

  5. La cosa che mi stupisce, che tutti, adesso, ci trovano pericolosi… Stiamo li davanti, lo sapremo alla fine dell’ incontro che tipo di squadra siamo. Ricordiamoci che siamo li, senza Gini e Dybala, quando rientreranno e con l’ aggiunta di qualcuno, sarà tutto diverso… 💛❤️🏆🏆🏆🐺DAJEEE 💛❤️🏆🏆🏆🐺

  6. Camara sicuramente sul Lobotk ma deve stare molto attento, la vedo dura per l’irruenza che ha rischia di farsi buttare fuori e speriamo in un arbitro super partes

  7. camara deve giocare, i tre in mezzo vanno disturbati altrimenti la palla non la vediamo mai.
    l’olandese non lo rischierei li gioca il georgiano che è velocissimo. va anche raddoppiato.

  8. Va bene tutto, ma dobbiamo ammettere che il Napoli gioca veramente bene e che la Roma non ha gioco. Poi si può parlare del fatto che siamo a 4 punti, che abbiamo molti infortuni e sono d’accordo. Ma il gioco della Roma è molto lento e prevedibile. Il Napoli gioca molto veloce e corrono tantissimo, tipico delle squadre di Spalletti… almeno fino a gennaio/febbraio

  9. Zaniolo è partito una volta dalla panchina e già cominciano a farne un “caso”; a parte che con quest’arbitro sarebbe stato rosso o doppio giallo, visto che si odiano…
    poi c’è da dire che in settimana aveva anche avuto qualche problemino, non mi ricordo se collegato a quella grossa fasciatura azzurra che ha sulla coscia, o dovuto a qualcos’altro..
    giocheranno sia Tammy che il Gallo che Nico, 2 dall’inizio e l’altro nel finale.. sono 3 per 2 ruoli decide Mou chi parte e chi entra, questo non vuol dire bocciature, ma tattica

  10. sarebbe cosa gradita domenica tifare la ns Roma e basta senza fare cori contro qualcuno/qualcosa!

    eppoi:
    1. ci fanno multe a gogo’/squalifica campo
    2. di solito queste cose ti si ritorcono contro (sul piano sportivo)
    SFR

  11. Facendo lo slalom tra uno sbiadito e una quaglia che ci “onorano” della loro presenza nella nostra chat giallorossa, vediamo se si riesce a fermare quel rullo schiacciasassi che fino ad oggi il Napoli si è dimostrato.

    Pare una squadra di Premiere, tanta è la loro velocità di gioco, e non solo in Italia, quasi ogni tiro che fanno è un gol/calcio d’angolo/paratona del portiere, più un pizzico di culo, è un dato di fatto che al momento gli gira tutto bene.

    Chissa’ se è troppo presto aspettarci un tonfo del Napoli e se saremo proprio noi a fermarli, certo lo scorso anno nn ci hanno battuto ne’ in casa ne’ al Maradona.

    La ns. certezza oltre ad una solidità difensiva consolidata, se si esclude Udine, è l’esperienza ai grandi match di Mourinho, anche più importanti di quello di Domenica prossima e con altri contendenti parlando di spessore.
    In parole povere c’è il pericolo per l’uomo di Certaldo che José riesca ad “incartargli” la gara con accorte marcature ad personam e un atteggiamento che cambia sistematicamente a seconda del contrapposto contendente.

    Non mi va di parlare di Nomi e Cognomi su chi il Portoghese schiererà per questa importantissima gara, mi auguro solo di dimostrare sia con la tecnica che con la testa in campo, mai inferiori ai ciucci, ma sempre presenti nei 90 e passa minuti, la grinta e caparbieta’ dimostrata ultimamente, vedi Inter, mi dà buoni auspici. !!!!!

    Sempre Forza La Roma !!!

  12. Con una buona squadra Spalletti arriva a Marzo in testa alla serie A poi……lo faceva con la Roma vi dimenticate il passato. Gli auguro che quest’anno di finire dietro la Roma. Per quanto riguarda Sabatini ha cambiato 4 societa’ in 4 anni mi sa’ che c’e’ qualche problema e lui i motivi li conosce, potrebbe che ne so ricominciare a Perugia o qualche societa’ di serie B ma credo che non lo vorrebbero…. sempre per questioni caratteriali poi ormai ha un eta’ .L’avevo scritto gia’ a suo tempo…. scrivesse un libro e magari insegnasse alla scuola di procuratori e Ds con l’esperienza che ha.

  13. cioe’ ma basta . Il napoli gioca bene la pizza e’ ottima evviva pulcinella spalletti non e’ pelato e’ solo molto lucido , maradona e’ meje pele’…… aho ma basta ma chi se li fila ma li vogliamo battere o no? Ma che scrivete continuamente co ste tastiere sul gioco del Napoli ma pensate de esse Gianni Brera? Siamo tifosi o no? Ma Tifiamo e basta . Non e’ questione di essere oggettivi il bel calcio ma de che! Noi siamo tifosi mica giornalisti!
    Forza Roma e mo vojo vede se avete capito!

    • Daje!
      Hai ragione, sembra che dobbiamo gioca’ col Brasile !
      Stiamo parlando di una squadra che gioca con Mario rui e Giovanni Gesù…. Non staranno un po’ tutti esagerando co’sto napule!!
      Daje roma

  14. e questa ?
    La classifica di Serie A secondo gli Expected Points
    Roma 24
    Napoli 23
    Inter 21
    Milan 20
    Atalanta 18
    Udinese 16
    Lazio 15
    Udinese 15
    Juventus 15
    Sassuolo 13
    Lecce 12
    Fiorentina 12
    Salernitana 10
    Verona 10
    Bologna 10
    Empoli 10
    Monza 9
    Sampdoria 8
    Cremonese 8
    Spezia 7

  15. @Gianni Visnadi il problema non è che Spalletti non ha mai vinto lo scudetto, è capitato anche a bravissimi allenatori di non vincerlo in Italia e ad altri meno bravi di vincerlo, perchè dipende dalla squadra, il problema è che le uniche vittorie le ha avute nel campionato Russo con una “super squadra” costruita con tanti soldi ma quella stessa squadra, pur con gli investimenti di un oligarca, ha sempre fallito in Europa nei momenti cruciali. Spalletti è uno che gioca bene ma le sue squadre hanno sempre avuto momenti di inceppo in passaggi cruciali della stagione, insomma l’opposto di Mou che invece solitamente nelle partite chiave delle stagioni ha quasi sempre avuto squadre che rendono “sopra valore”. Basta leggere i numeri dei due nelle “partite che contano”, sopratutto nelle partite dentro/fuori o le finali.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome