“ON AIR!” – CATALANI: “Pinto ds impreparato, temo che faccia altri errori”, FALLICA: “Cambi non all’altezza della situazione”, CORSI: “Mancini il giocatore più inutile della Roma”,

35
1818

ULTIME NOTIZIE AS ROMA – Prosegue il nostro appuntamento giornaliero dedicato al variopinto mondo delle radio romane. On Air, la rubrica più copiata (e incollata) del web, è un viaggio per le frequenze più ascoltate dai tifosi giallorossi a caccia di pensieri, notizie, indiscrezioni e qualche nota di colore. Buon divertimento!

David Rossi (Roma Radio): “Partita molto particolare ieri, il primo tempo non aveva soddisfatto nessuno. Poi con i cambi e le nuove disposizioni di Mourinho la partita si è sistemata. Ingenua l’espulsione di Sergio Oliveira, probabilmente è stata eccessiva, ma la Roma è stata capace di portare a casa una vittoria che permetterà alla squadra di giocare il ritorno con due risultati su tre a disposizione… La Roma nonostante avesse in campo tanti giocatori tecnici come Veretout, Oliveira, Mkhtiaryan, Zaniolo e Abraham, non riusciva a fare tre passaggi consecutivi. Al di là del campo, perchè come diceva giustamente l’allenatore avversario era brutto anche per loro, e il Vitesse era stato in grado di costruire qualcosa… Roma meno naif come dice Mourinho, che vince la terza partita per uno a zero, senza subire gol, e questo non è mai casuale…”

Luca Fallica (Roma Radio): “Il primo tempo non siamo stati in campo, non dico che è stato disastroso ma comunque molto deficitario. Forse c’era un po’ la sindrome di Bodo. La nostra difesa respingeva bene, ma sulle seconde palle spesso non c’era nessuno, mancava il mediano di riferimento. E infatti quando entra Cristante nella ripresa la Roma domina la partita. Siamo stati a dire tutta la settimana che ora avevamo 16-17 giocatori su cui il mister può contare, e invece mi sa che dobbiamo un po’ rivederla questa cosa. Perchè Maitland-Niles non è stato all’altezza, perchè a centrocampo qualcosa non andava, e perchè anche Vina non è stato un giocatore su cui contare, complice anche l’ammonizione iniziale. Mi dispiace dire che i cambi non siano stati all’altezza della situazione, e lo dimostra il fatto che la squadra abbia cambiato volto nella ripresa…”

Mario Corsi (Centro Suono Sport): “Vitesse-Roma? Partita da mettersi dentro un bunker e non guardare più niente… Partita brutta, bruttissima. Non c’è partita dove Mancini non prenda un giallo, non c’è un giocatore più inutile di lui nella Roma. I ragazzi del Vitesse valgono meno di niente, per cui non ci saranno problemi per il ritorno. Però mamma mia che brutta squadra la nostra…Poi abbiamo vinto, e siamo contenti. Vittoria anche meritata, ma partita bruttissima. Però se ti portano avanti, queste partite vanno bene…miglioreremo…”

Massimiliano Magni (Rete Sport): “La Roma secondo me ha giocato bene sia contro lo Spezia che contro l’Atalanta. Io sono d’accordo con Mou, anche contro i liguri la Roma ha fatto una bella partita, e ancora meglio contro i bergamaschi. Quella di ieri invece è stata una prestazione meno positiva, ma il risultato è buono. Da qualche parte bisogna sempre trovare una continuità, poi quando si mettono insieme le due cose è ancora meglio. Ieri un passo indietro come approccio alla partita, e c’è da riflettere su alcuni giocatori in campo ieri dall’inizio. Molto positivo invece El Shaarawy, una prova incoraggiante per il futuro…”

Tiziano Moroni (Rete Sport): “Io intravedo dei passi avanti. La Roma di Mourinho di questo fine stagione è quella vista nel secondo tempo di ieri, con un uomo a sinistra di qualità, che sia El Shaarawy o Zalewski, che faccia da raccordo col centrocampo… Questa è l’identità della Roma, più di questo ora non si può fare…”

Maurizio Catalani (Rete Sport): “Non riconosco più Veretout, non so cosa abbia. Mou ha il dovere di recuperarlo, è un giocatore importante e non può essere svanito nel nulla. Il campo ha influito, ma la Roma non è una squadra dalla quale aspettarsi un certo tipo di partita: una volta ne fa una, e la volta dopo un’altra. Il fatto di non avere un’identità precisa la dice lunga. Questa cosa è figlia di un mercato fatto da Pinto, che non ha portato il regista che prende per mano la squadra. Pinto ha fatto degli errori gravi sul mercato, e ho paura che ne faccia ancora. Lo trovo impreparato nella posizione che ha, non è un ds adatto, a meno che le scelte definitive non gliele imponga Mourinho…”

Stefano Agresti (Radio Radio): “Il risultato è positivo, la Roma verso i quarti. Ma il primo tempo è stato molto brutto, il Vitesse non meritava di essere sotto. La Roma ha evidenziato dei problemi evidenti di gioco, ed è stata graziata dagli avversari. Se si guarda al risultato c’è da essere soddisfatti, anche se parliamo di una squadra di mezza classifica del campionato olandese, non di fenomeni…Però la Roma ha in mano il passaggio del turno: se guardiamo quello che ha mostrato il campo, è molto poco…Io di grandi progressi nella Roma non ne vedo, è una squadra perennemente in emergenza, che cambia modulo, cambia certezze.. La Roma non è una squadra con una fisionomia precisa, ma il segnale contro l’Atalanta è stato importante perchè al contrario di quello che sostiene Mourinho la Roma ha dei calciatori di valore…”

Xavier Jacobelli (Radio Radio): “Molto positivo per la Roma aver inanellato la terza vittoria consecutiva. Mou continua nella sua serie positiva, le vittorie in Europa sono molto importanti perchè ti danno consapevolezza, e la Roma sta onorando nel modo migliore il suo cammino in Conference League. La squadra sta proseguendo il suo processo di crescita, seppur con risultati altalenanti. Il disegno è di durata triennale, ma la squadra sta crescendo sotto il profilo dei risultati. Per me il bilancio è più che positivo…”

Roberto Pruzzo (Radio Radio): “Vedo ancora delle alternanze di prestazioni: contro l’Atalanta hai fatto una bella partita, sporca, e sotto questo aspetto Mou sta lavorando bene. Ma ci sono anche prestazioni negative da non rivedere. E poi questo mercato è stato frettoloso, sia quello di giugno che quello di gennaio, che non ha portato un granché… Ci sono dei calciatori, dei nuovi acquisti che non vanno bene, non sono all’altezza della situazione, e queste partite servono anche a schiarirsi le idee su quello che sarà il prossimo mercato della Roma…”

Tony Damascelli (Radio Radio): “Ieri ha vinto la squadra migliore nonostante il campo. Primo tempo bruttissimo, arbitro improbabile che non ha mai visto un calcio d’angolo esatto… Qualcuno ieri sosteneva che questo era un torneo che non conta nulla, ma oggi se ne parla della vittoria della Roma, un risultato che la avvicina ai quarti di finale… Il giudizio sulla Roma è in sospeso, non è che la vittoria contro il Vitesse cambia il giudizio. L’etichetta Mourinho deve aggiungere sempre un valore, e per il momento io questo valore non lo verifico e la partita di ieri lo ha dimostrato…”

Redazione Giallorossi.net

Seguici su TWITTER e FACEBOOK per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie della Roma!

Articolo precedenteZaniolo e il rientro negli spogliatoi, Mou: “Gliel’ho detto io di farlo. Dovete sforzarvi di più per trovare problemi tra me e lui”
Articolo successivoPanucci: “Roma è la donna di cui sono innamorato nonostante non sia la più bella. Senza personalità non si può ambire a certi obiettivi”

35 Commenti

  1. Certo che i livelli di frustrazione devono essere altissimi per denigrare i giocatori avversari in questo modo caro Corsi…Meno male che c’abbiamo te che e hai sto valore eccelso!

    • Perchè che avrebbe detto di sbagliato? Mancini è forse un fenomeno?
      La partita è stata divertente? Il Vitesse, ottavo in un campionato ridicolo come quello olandese, è sembrato una squadra di calcio?
      Vabbè che Marione è un personaggio dersonaggio, ma non è che se lo diciamo noi va bene e se lo dice lui è ‘na c422474.
      Separare il messaggio dal personaggio a volte aiuta.

    • A proposito de inutilità ma se Mario Corsi pe’ guadagnasse er pane annasse a lavora’ ‘n sarebbe mejo?

    • Ma veramente Corsi e qualcun altro volevano vedere una “bella partita”, in Conference League, col Vitesse e su quel campo minato (roba che manco a Mariupol giocano a calcio così), con i giocatori nostri che ovviamente (con un campionato che, deo gratias e facendo gli scongiuri, a livello di classifica s’è rimesso un po’ in sesto ultimamente) vanno al 50% perchè fra qualche giorno abbiamo l’Udinese? E col Vitesse che proprio perchè è scarso fa la partita della vita e ovviamente su quel campo minato ci sa giocare solo per il fatto che ci si allenano durante la settimana e la mappa delle buche e degli avvallamenti la conoscono se non altro un po’ meglio di noi? Toccava non perdere, fare una partita tosta, di sostanza: l’abbiamo fatto, abbiamo retto, e abbiamo pure vinto alla fine, non prendendo gol. Io poi quando vinco mi “diverto”, dico la verità. Quindi non capisco oggettivamente le lamentele di Corsi, al di là del fatto che è Corsi a lamentarsi.

    • Marione : “I ragazzi del Vitesse valgono meno di niente, per cui non ci saranno problemi per il ritorno.” Può darsi. Con il grande Tottenham ha vinto 1-0 in casa e perso 3-2 fuori. Questo per ricordare a tutti il giochino delle nostre radio: Se vinciamo, si punta a una coppa che non vale niente/ se perdiamo, non siamo in grado di vincere neppure la Conference…

  2. damascelli pensa ad altro.
    non capisci niente.
    pensa a milano e basta con mou.
    quello ha fatto carriera pazzesca tu sei un peracottaro

  3. Ma il ds lo fa Mourinho , è certo che qualsiasi giocatore venga è perché lo ha voluto lui , poi tecnicamente ci lavora Pinto ma sotto mandato di Mourinho , così gli esuberi , di certo nn li stabilisce Pinto .

  4. Non c’è partita dove Mancini non prenda un giallo, non c’è un giocatore più inutile di lui nella Roma

    Accanimento senza senno nei confronti di Mancini, il controsenso di questa gente poi è la glorificazione continua di Mourinho, il quale ha fondato la sua Roma di ora e anche quella di domani su Mancini pilastro

    • Oggi Mancini e DEVO dire Cristante sono le uniche sicurezze e collegamento fra difesa e centrocampo. Leggo sempre tutte quelle menate che solo certa tifoseria puo’ proferire e cioe’ che sarebbero valide riserve come se noi fossimo il PSG mah!!! Io credo che vadano benissimo e che non siano loro il problema della SQUADRA quanto invece l’assenza di giocatori di ruolo fra regia e interdizione. Miky ha una certa eta’ e troppe volte lo vedo mandare a fare in c troppi compagni perche’ si danna l’anima e comunque lui non e’ regista di ruolo.

  5. Catalani purtroppo ce fa’ a forza di frenquetazioni sbiadite….di calcio non capisce nulla eha scoperto l’America….” a meno che il mercato lo fa Mou”…..ma va’ e chi pensavi che chiede o giocatori????
    Ritirati in campagna e lascia in pace la Roma buffone
    Daje Roma contro tutto e contro tutti

  6. Partita bruttina soprattutto nel primo tempo quando potevamo essere sotto 2 – 1. Risultato finale buono, acquisizione di maggior consapevolezza, ma manca l essenziale a CENTROCAMPO , sia da filtro che da ripresa in avanti. Ho visto sulla linea della nostra area di rigore 6 romanisti contro un solo attaccante avversario e chiaramente a centrocampo la palla era del Vitesse. Troppi difensori, incapaci e paurosi di costruire gioco… ahimè!

    • VERO. Ma non devono essere i difensori a costruire il gioco. Ci vorrebbe un giocatore e dico uno che sappia uscire palla al piede ( potrebbe essere Mancini ) ma che dovrebbe riuscire a scambiare o cedere palla ad un regista che noi al momento non abbiamo. A noi mancano un rubapalloni e frangiflutti stile strootman ma mi accontenterei di un nuovo LIMA e di vero regista capace di innescare l’intero reparto avanzato dialogando con gli esterni e zaniolo.

  7. Che goduria sentite certi poveracci che continuano a sparare giudizi su Mourinho..ste ultime 3 vittorie..li hanno destabilizzati nn sanno come girare la frittata…se la Roma dovesse mai riuscire a centrare i suoi obiettivi…….avranno bisogno di molta fantasia x uscirne….
    Ottimista💛❤️

  8. Personalmente non credo che per vincere devi sempre giocare bene anzi in passato troppe volte la Roma ha giocato bene e ha vinto davvero poco mentre in Italia c’è una squadra che ha riempito la bacheca giocando male e rubacchiando punti con aiuti vari. La Roma deve completare l’organico con giocatori funzionali e dopo cercare di vincere anche senza essere sempre dominanti. Conta vincere ma conta farlo con onestà e senza aiuti e di questo dobbiamo esserne orgogliosi.

  9. Disamina incredibile fatta da questi fantastici imbonitori del calcio, non uno dico uno che abbia detto una cosa vera della partita il campo impossibile giocare, ci sono stati errori si loro sono giovani hanno gambe veloci poi il secondo tempo dimmi cosa hanno fatto forse con i cambi hanno ripreso un po’ io aspetto la fine di maggio sono vergognosi sti grandi chiacchieroni….questo modo di descrivere la Roma e Mourinho….preconcetti vergognosi dall’inizio che e’ arrivato forse volevano che con la bacchetta magica Roma dovesse diventare il Brasile di Pele’ gia’ dopo 2 mesi la contestazione sul gioco sul modo di mettere la squadra in campo il rapporto con i giocatori allenatore finito…..anzi come dicono bollito….mai vista una cosa del genere accaduta nel calcio italiano sembra che e’ arrivato il diavolo che faceva vincere scudetto e le 2 coppe e stiamo a 9 mesi dal suo arrivo a Ciampino e il suo discorso chiaro in Campidoglio. Adesso non so se la Roma arrivera’ al 4 posto e vincera’ la Conference abbiamo tante partite ma io spero che da questo momento le partite siano giocate come con l’ Atalanta e Vitesse poi dite quello che vi pare per me siete poveri di calcio…..

  10. Sempre accuse che Pinto non è un ds lo sappiamo tutti e non c’è niente di male che gli acquisti vengano avvalati o scelti dalla allenatore perché alla fine sono gli allenatori che mettono in campo la squadra e non il ds quindi basta radiolari sempre li pronti ad accendere fuochi e fatela finita ci avete rotto ooo

  11. Invece ne usciranno bene, perché al posto della faccia hanno il cubo. Giochi bene e perdi sei un pollo, giochi male e vinci sei una squadra fortunata senza nerbo, giochi bene e vinci gli avversari erano scarsi o non in forma. Pusillanimi.

  12. Stanotte ho avuto un incubo…

    La rubrica On Air era formata dai commenti di alcuni utenti del blog…
    E così c’era quello che se la prendeva sempre con gli arbitri, col palazzo e gridava al complotto…
    Quell’altro che elogiava i presidenti della Roma con editoriali in perfetto stile Istituto Luce …
    Poi c’era quello che inveiva contro Totti e De Rossi e gli idolatri al seguito…
    Poteva mai mancare quello che sbraitava contro Mourinho bollito e Pellegrini “inutile accessorio”? No. C’era.
    Dulcis in fundo, c’era il sofista che imputava ogni disfatta a Roma, alla romanità, al ponentino, all’amatriciana e ai carciofi alla giudia…

    Me so’ svegliato e ho tirato un sospiro di sollievo… Meno male che ce stanno Marione e Ilario Ilario, almeno mi faccio quattro risate.

  13. Ieri ho compreso che senza due tipologie di giocatori non abbiamo dove andare. Senza un interditore che rubi i palloni avversari e senza un regista che sappia dialogare e far partire l’azione vedremo sempre un squadra a ramengo come ieri. Ricordo che il campo del vitesse non sempre e’ stato cosi’ ma pare sia frutto di un recente dopo concerto di musica tecnotronica o cose del genere quindi affermare che loro ci sono abituati e’ un tantino troppo. A un certo punto PERDONATEMI ma stavo quasi invocando MANCINI al centrocampo come nella passata GESTIONE. Ad oggi Mancini e CRISTANATE SONO DUE ASSI PORTANTI DELLA SQUADRA. Oliveira segna ma non e’ che sia tanto tanto meglio dei suoi colleghi di reparto. ANZI !!! Basterebbero due figure anche provenienti dalla serie C o dalla primavera ma basta che siano di ruolo per vedere una squadra come la Roma trasformarsi in una potenziale outsider per lo scudetto- Non e’ questione di spendere tanto quanto di comprare gente che rivesta i ruoli che servono. Prima credevo che ci sarebbe voluto un miracolo ma dopo aver constatato che alla Roma mancano due ruoli esatti e non solo due giocatori mi ha aperto gli occhi su tutto SOPRATTUTTO QUANDO ABRAHAM HA PALESEMNETE CHIESTO A RUI PATRICIO DI LANCIARE LUNGO A SCAVALCARE IL CENTROCAMPO. Vina e’ reduce da troppe partite e l’Europa non e’ il sud America ma MISTER MAITLAND NILE lo si dovrebbe rimandare a NUOTO all’Arsenal.

  14. Vittime designate dalla stampa e da una parte della tifoseria :
    Mancini Cristante Viña Shomurodov.
    MANCINI.
    MOU lo schiera sempre e su di lui punterà anche in futuro.Vero , molte , troppe ammonizioni.
    Un prolblema per chi gioca al fantacalcio , non per MOU.
    CRISTANTE.
    L’ unico a saper gestire palla , a fare i lanci , quello che CORRE di più nella Roma.
    Spesso fra i migliori , basterebbe togliersi il prosciutto dagli occhi.
    VIÑA
    al primo campionato .Forse troppo impiegato .Nazionale Uruguay .Sbagliato bocciarlo troppo presto.
    Il carattere c’è.La grinta non manca , manca chi sa passare la palla sulla velocità , non costringerlo ad indietreggiare.
    SHOMURODOV
    Preso come centravanti di riserva.
    MAI impiegato nel suo ruolo
    MOU si fida solo di Abraham..
    PS
    Anche Majoral non schierato da MOU , il problema è la mancanza di esterni che crossano
    El Shaarawy C Perez Zaniolo Felix si accentrano e tirano.
    Karsdorp e Vina ( o chi per loro) sbagliano i cross

  15. Non caro Catalani, se c’è qualcuno che commette errori è il direttore del tuo giornale che ti paga per sparare cassate inventate e senza alcun costrutto. Cambia mestiere che non conosci nemmeno l’etica di un giornalaio

  16. Ma sti radiolari che dicono, vaneggiano, delirano.
    La Roma ieri sera ha fatto la partita giusta visto il campo che è peggio del suolo marziano.
    Poi per quanto riguarda il DS, la Roma non ce l’ha, Tiago Pinto è un General Manager e non è mai stato un Direttore Sportivo.

  17. Sapete che Cristante da me sempre difeso non sta davanti la difesa….e’ un altro trequartista…non e’ un costruttore di gioco ma e’ uno che lo sviluppa dalla trequarti in su, ha sempre giocato con tre allenatori e qualcuno dice che e’ scarso…ha fatto tutti i ruoli e’ un Jolly io lo proverei pure da attaccante e farebbe bene. Il problema del centrale di costruzione e’ stato che Dzego se ne andato all’ultimo se no si prendeva, sempre e solo per dare la colpa a Tiago Pinto

  18. Tralasciando questi radiolari,come lo vedreste Gvardiol del Lipsia alla Roma? Mancino,forte,già con un buon numero di presenze in nazionale considerando che ha l’età di Zaniolo.. per me come costi è dura ma prende 1 milione di ingaggio,fatemi sapere qualora a Pinto gli venga la pazza idea di andarci sopra

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome