“ON AIR!” – DAMASCELLI: “A Udine è stata la vittoria dei calciatori sul sistema”, PIACENTINI: “De Rossi si è complicato la vita senza motivo”, CANDELA: “Ma la colpa è dei giocatori”, PETRUCCI: “Baldanzi un nanerottolo in mezzo ai giganti”

37
1137

ULTIME NOTIZIE AS ROMA – Prosegue il nostro appuntamento giornaliero dedicato al variopinto mondo delle radio romane. On Air, la rubrica più copiata (e incollata) del web, è un viaggio per le frequenze più ascoltate dai tifosi giallorossi a caccia di pensieri, notizie, indiscrezioni e qualche nota di colore. Buon divertimento!

David Rossi (Rete Sport): “Ndicka? In cronaca abbiamo avuto una brutta sensazione, la regia non inquadrava il giocatore, e ho visto i medici entrare col defibrillatore e lì mi si è gelato il sangue. La situazione fortunatamente è meno grave di quanto si pensava, ha preso 3 gomitate che hanno portato a una compressione polmonare…”

Gianluca Piacentini (Rete Sport): “Ieri c’è stata una grande sensibilità sia da parte dell’Udinese che di Pairetto. E’ stata data una dimostrazione di intelligenza nel calcio italiano, cosa che non succede quasi mai… Sulla partita, sono critico con De Rossi perchè secondo me si è andato a complicare la vita senza motivo. C’erano giocatori da preservare, ma anche con quei giocatori lì ti potevi mettere a quattro con Huijsen largo a destra, sarebbe stata la soluzione migliore e se n’è accorto anche lui rinnegando dopo mezz’ora l’idea iniziale. E infatti le cose sono migliorate… Io continuo a credere che, dopo che Bologna, Napoli e Juventus non hanno vinto, tu a Udine devi prenderti i tre punti, altrimenti facciamo il gioco dell’oca…”

Vincent Candela (Rete Sport): “Non sono un amante del turnover, ma la Roma schierata ieri da De Rossi anche con diversi cambi era più forte dell’Udinese e avrebbe dovuto far meglio. Le responsabilità maggiori della prestazione di ieri sono dei calciatori…”

Francesco Oddo Casano (Rete Sport): “Dybala e Pellegrini incidono talmente tanto sullo sviluppo e la qualità della manovra che non hanno sostituti all’altezza. Di Dybala è praticamente impossibile averlo. Di Pellegrini ci hai provato con Aouar e Sanches, ma purtroppo con due non ne fai mezzo…Detto questo, ogni tanto capiterà di vincere una partita senza Pellegrini e Dybala… Le scelte di formazione di De Rossi? Magari nella sua testa la partita più importante era quella col Milan, magari punta a vincere la coppa…”

Claudio Moroni (Rete Sport): “Ieri guardavo la partita distratto come i giocatori perchè non ero affatto convinto di quella formazione. De Rossi ieri ha sbagliato modulo e formazione. Punto. Lui è un uomo intelligente, e sarà il primo ad ammettere di aver sbagliato…”

Fabio Petruzzi (Rete Sport): “Quando De Rossi è passato al 4-3-3 Paredes è risalito in cattedra… Ieri però il problema è stato nella testa della squadra, era proprio scarica nei primi 50 minuti, poi è entrato Dybala e la partita è cambiata. Dopo l’1 a 1 la squadra ha proprio cambiato passo. Però ripeto, è tutto nella testa: la Roma era diversa rispetto al derby e al Milan. Puoi parlare di gambe, ma la testa nel calcio è tutto…”

Francesca Ferrazza (Tele Radio Stereo): “Ndicka? Devo dire la verità, lì per lì non mi ero resa conto della gravità della cosa perchè ho visto il giocatore cosciente. Mi sono spaventata dopo, quando ho visto la faccia di De Rossi che è tornato in campo dopo essere stato nello spogliatoio, era proprio sotto shock ed era evidente che non si potesse giocare. Complimenti al pubblico del Friuli, meno male che è successo in uno stadio amichevole, le due tifoserie sono gemellate, fra l’altro lo stadio ieri era tutto giallorosso, anche nella tribuna c’erano più romanisti. Paradossalmente erano le condizioni ambientali migliori. La cosa più importante è che il giocatore stia bene…”

Stefano Petrucci (Radio Manà Manà Sport): “E’ evidente che la squadra non sa più leggere il modulo a tre. Ma il di là di questo, c’è una differenza abissale tra i titolari e le alternative. Mourinho lo ricordava fin troppo, De Rossi non lo fa mai, ma è evidente che c’è una carenza. Aouar, Zalewski e Baldanzi sono i calcatori che ieri mi sono piaciuti di meno. Baldanzi l’ho visto abbastanza male, a sprazzi. Continuo a vedere un nanerottolo in mezzo ai giganti…”

Giampiero Maini (Radio Manà Manà Sport): “La Roma cambia nel secondo tempo, passa al 4-2-3-1 e piuttosto che il 3-5-2 io avrei provato quel sistema dall’inizio. Il 4-2-3-1 ti dà la possibilità di esprimere la qualità che hai con Baldanzi e Dybala insieme in campo. E’ chiaro che poi devi trovare equilibrio a centrocampo, e non è facile, ma con quel sistema di gioco ieri abbiamo visto la Roma migliore in quei 15-20 minuti…”

Daniele Lo Monaco (Radio Romanista): “Ndicka? Avevamo visto facce preoccupate, Spinazzola che mette le mani sul volto, De Rossi che rientra in campo molto preoccupato, abbiamo avuto la sensazione che potesse accadere l’irreparabile e non sono stati minuti facili. Ndicka già prima si era piegato sulle gambe, con De Rossi che si sbracciava per capire se aveva preso un colpo e se doveva cambiarlo, tanto che stava per entrare Smalling. La partita? Le cose la Roma se l’è complicata da sola. Prima della partita, quando era stata resa nota la formazione, ero molto scettico sul sistema di gioco e sulla squadra scelta. Infatti pensavo che lo schieramento iniziale sarebbe stato sempre a quattro con Huijsen a destra, mi sembrava più logico anche per lo schieramento dell’Udinese, che non ti dovrebbe spaventare così tanto da cambiare sistema di gioco…”

Tony Damascelli (Radio Radio): “Ieri al contrario di quanto accaduto con Manfredonia o Eriksen, i calciatori hanno ripreso in mano questo meraviglioso sport e sono molto felice che lo abbiano fatto. De Rossi, Cioffi e tutti gli altri insieme. E’ stata una partita bellissima giocata dai giocatori di Roma e Udinese, è la vittoria dei calciatori sul sistema. E’ stato tremendo, e bellissimo… Huijsen? Ha delle doti, ma qualcuno deve insegnargli delle cose come atteggiamento…”

Roberto Pruzzo (Radio Radio): “Tutti sono stati bravi ed è andato tutto per il meglio. La paura è rientrata, è la storia di una serata che poteva finire peggio. C’era la sensazione che potesse accadere qualcosa di veramente grave. E ora speriamo che Ndicka possa tornare presto a fare quello che sa fare, e cioè giocare a calcio…La partita? Quando cambi tutti questi calciatori e il sistema di gioco, e non so perchè De Rossi abbia fatto questa cosa, poi regali un gol…Huijsen sarà pure di prospettiva, ma deve mangiare ancora parecchio. Bisogna essere più umili, e dargli il comando della difesa mi è sembrato troppo. Nel secondo tempo con Dybala la Roma l’ha messa un po’ a posto, stava prendendo in mano la partita e credo che la prospettiva degli ultimi venti era quella di una Roma che vinceva la gara…”

Furio Focolari (Radio Radio): “Oggi mi viene in mente Sinner: pensate che cosa sarebbe successo nel calcio se una squadra avesse perso una partita praticamente vinta per una palla uscita di 15 centimetri…sarebbe successo il finimondo. Udinese-Roma? De Rossi l’ha impostata tenendo presente la gara col Milan, ha fatto questa formazione ed è stato tradito da quel ragazzo: Huijsen avrà pure i piedi buoni, ma non è un difensore. In fase difensiva è un disastro. Poi però De Rossi l’ha rimessa a posto, ha inserito Dybala, si è rimesso a quattro e probabilmente nel finale l’avrebbe vinta…”

Stefano Agresti (Radio Radio): “Ho la sensazione che la Roma quando si mette a tre ha sempre qualche problema, non ha mai azzeccato una problema e spesso ha dovuto ricambiare modulo. Forse De Rossi dovrebbe ragionare su questo: forse la Roma non ha più l’abitudine a giocare in quel modo. Huijsen? E’ molto giovane, parliamo di un ragazzino, ma l’errore di ieri è di supponenza. Gli manca un po’ di umiltà…”

Redazione Giallorossi.net

Vuoi essere sempre aggiornato sulle ultime notizie della Roma sul tuo cellulare? Iscriviti subito al canale Whatsapp di Giallorossi.net!

Articolo precedenteBoniek: “Il calcio di solito divide, ieri grande dimostrazione di solidarietà. Ndicka ha preso una gomitata pazzesca…”
Articolo successivoBologna, stagione finita per Ferguson: lesione del legamento crociato

37 Commenti

    • Hujsen è da rispedire al mittente, a centrocampo Mancini ha già fatto vedere con Fonseca di essere fortissimo, e abbiamo già tre centrali molto più forti di lui, con Ndicka, Llorente e Smalling. Altro che 30 milioni, se lui ne vale 30, Mancini ne vuole almeno 200.

    • Sono assolutamente d’accordo, visto che 4 difensori centrali già li abbiamo possibile che a De Rossi non sia venuto in mente di provarlo come vice Cristante? E poi perché di nuovo la difesa a 3? Questa per vincerla bastavano veramente i cambi dell’ultima mezz’ora – non dico le riserve perché attualmente con Zalewski, Aouar e Baldanzi non puoi vincere…-

  1. L’importante è che Evan stia bene.
    Un grazie ai Friulani.

    Magari in pochi saranno d’accordo, ma a me la Roma del primo tempo non era dispiaciuta. Ha pagato la giocata da campetto della parrocchia di Huijsen, ma li ho visti abbastanza in palla, sia Baldanzi, che Aouar, mi era sembrato di cogliere che il messaggio pre partita di DDR fosse stato recepito. Purtroppo a quei livelli un errore lo paghi.
    Una pezza era stata messa, avevo la sensazione che la Roma poteva vincere, segnare ancora. Va bene così, vediamo cosa ne verrà.

    Oggi pomeriggio invece le ragazze hanno lo scontro diretto con la Juve, se vincono è praticamente fatta per il tricolore. Daje Lupe!

  2. Opinioni, a me per esempio Baldanzi è piaciuto, specialmente nel secondo tempo.

    E’ giovane ed ha enormi margini di miglioramento

    • eh ma il ca-piscione co la penna n mano dice che è un nanerottolo… salvo poi ricredersi nel momento in cui gli farà VEDERE di cosa è capace… poi se la girerà come je pare dicendo che LUI l aveva detto…😏 del resto, è la STESSA ggente che cce diceva che Damiano Tommasi nun era manco bbono da stoppa’ et pallone…😏😡

    • Anche a me Baldanzi non è dispiaciuto, calcare di continuo su questa storia dell’ altezza mi sa un po’ da frustrati.

    • Concordo, a me Baldanzi non è affatto dispiaciuto ed è stato insieme ad Angelino l’unico dei sostituti che salverei.
      Ha provato a dare vivacità, si è sempre proposto, ed è stato anche autore dell’unico tiro in porta pericoloso nel primo tempo.
      Certo che se il metro di paragone per lui è Dybala stiamo perdendo il nostro tempo.
      E’ un ragazzo di 21 anni, riconosco che comunque aggiunge sempre qualcosina in più rispetto alla volta precedente in cui è sceso in campo.
      A Bergamo hanno atteso Scamacca per un intero girone, uno che ha già 25 anni ed esperienza anche in Premier, e qui facciamo le pulci a un ragazzo di quattro anni più giovane che arriva dall’Empoli.
      Male purtroppo Aouar e Zalewski, da loro è lecito attendersi di più, molto di più.
      E non bene neanche De Rossi che, malgrado le parole di rinuncia al modulo a tre, lo ha invece riproposto senza un valido motivo per poi tornare indietro dopo 37 minuti.
      Già rimettendosi a quattro è subito andata meglio malgrado le prestazioni negative di cui sopra cui aggiungere lo sciagurato Huijsen, uno che con Mazzone non avrebbe mai visto il campo perché non ha proprio la capoccia per fare il difensore.
      Ma credo che pure con Allegri lo vedrà poco e niente se dovesse restare.

    • Anche Messi è alto quanto Baldanzi e il Barcellona lo aveva curato dal suo problema legato al nanismo.. su questo nessuno aveva fiatato e hanno considerato solo il suo talento. Sti discorsi sull’altezza sono ridicoli

  3. mi sono piaciuti tutti .. giocatori, allenatori, arbitro, e, soprattutto, il pubblico .. tutti romanisti e udinesi ..
    grandi, civili, veri sportivi .. finalmente ..

    • lucca NON tanto… ha iniziato col fare il furbo lasciandosi cadere non appena ne ha avuto l occasione, poi, non contento, rifilava gomitate a caso… speriamo IMPARI ad essere ONESTO, LEALE E SINCERO come il pubblico friulano.

  4. Su huijsen il giocatore sicuramente si farà, ha tutto x sfondare, ma si faccia lontano da qua: 3 anni e mezzo di quella sera di Ibanez ci sono bastati ed avanzati

  5. Sta cosa che uno è nanerottolo e non può stare tra gli altri è una delle cavolate più grosse che esistono da quando esiste l’umanità. Pure io sono piccoletto ma con la forza di volontà ho fatto cose che i bestioni non hanno fatto. Tra l’altro ricorderei a Petrucci che tra i giocatori più forti ci sono 3 nanerottoli, Messi, Maradona ed anche Pelè non era un gigante. Ora Baldanzi non è uno si questi 3 ma diamogli tempo e non rompiamogli le scatole.

    • più sul fatto dell’altezza io penserei al fatto che è leggerino. messi dybala maradona ma posso aggiungerne altri non sono così leggerini e hanno un’altra fisicità. loro però hanno del talento immenso e ad oggi non è così per baldanzi. dire ha solo 21 anni è riduttivo perché un certo yamal ne ha 16 ed è non 1 ma un miliardo di volte avanti a baldanzi. poi se con una squadra molto fisica come l’Udinese schierò lui zale Angelino aouar (che non mi sembra un cuor di leone) non è difficile immaginare che dal punto di vista atletico soffrirai

  6. Aouar non mi è piaciuto è monopasso.
    Non pùò essere quello che accende la luce.
    Il modulo è stato sbagliato ma lo ha corretto subito, a differenza di altri che aspettano 80 minuti.
    In 20 minuti sarà difficile segnare.
    Ora che sappiamo che evan sta bene dobbiamo pensare ai punti champions.
    Devi inserire anche pellegrini e buttarti dentro in 11.

  7. solo a me della partita, della coppa UEFA, del piazzamento finale ora come ora me ne frega meno di zero? ieri mi è sembrato di rivivere il dramma di Marc Vivien Foè e di tantissimi altri appena Evan si è accasciato. fortunatamente è andato tutto bene e pare sia dovuto ad una compressione polmonare per le gomitate al costato prese da Lucca.
    Per un attimo abbiamo rischiato di avere un giocatore della Roma morire su un campo di calcio.
    perché questo è stata la sensazione vedendo la faccia di Daniele.
    sinceramente, non me ne frega niente di Udinese Roma, per me possono prendersela 3 a 0 a tavolino.
    mi importa solo che Evan si rimetta presto.
    da calciatore o no.

  8. focolazio e agreste, non si sono degnati neppure di spendere una mezza parola per Ndicka o per la sportività e umanità di uno stadio intero, delle due squadre e gli allenatori… anzi il solito focolazio che prevede polemiche calcistiche in caso di errore arbitrale!!! quelli della doppia radio, già li conoscevamo come pessimi giornalisti, oggi abbiamo scoperto anche che sono pessime persone, senza umanità e amore verso il prossimo!

    • Scusa eh, ma chi ti dice che non lo abbiano fatto? Questa rubrica riporta soltanto alcune parole di quello che viene detto sulle radio, per ovvi motivi.

    • Più che altro è impossibile che non lo abbiano fatto, a meno di non credere che qui sopra, in venti righe, riportino ore di trasmissioni radiofoniche. Va bene il dono della sintesi, però…

  9. Baldanzi non e’ da roma come lhis enrique non puo fare lallenatore. Donne e’ arrivato l’arrotino altro che fare i radiolari.

  10. La cosa più importante è che sta bene Ndicka. Poi va detto che De Rossi ha regalato un tempo all’Udinese. Passi l’idea di fare turnover, ma perché cambiare ancora modulo? La difesa a 3 DDR non la sa fare, i giocatori non la digeriscono e si dà il segnale alla squadra di voler gestire la partita, quando invece ieri bisognava aggredire la partita. DDR, ti voglio bene, ma non fare più queste stupidaggini.

    • Baldanzi è 1,70 che rispetto alla media dei difensori attuali è poco, così come appare gracilino rispetto a questi armadi a 3 ante, che corrono i 100m in 11 secondi…sono cambiate la fisicità e la prestazione atletica, inutile fare paragoni col calcio anni ’80 che era molto meno prestante dal punto di vista atletico. Baldanzi, fosse alla juve, ora avrebbe il fisico di Nela, ma per ora ce lo teniamo così com’è, sperando che la sua tecnica gli permetta di fare la differenza anche tra i colossi

    • Sì, ma Baldanzi li supera con grande facilità e ti crea la superiorità numerica che i marcantoni da 10 netti sui 100 non ti daranno mai. E la superiorità numerica è essenziale, nel calcio.

    • un genio del calcio.
      sicuramente si irrobusterà, ricordo quando incontrai Bruno Conti dal vivo, era 1.70 ma era 1.70 pure d spalle, potenza pura,
      Baldanzi è più gracilino ma molto reattivo e caparbio , sul breve per un difensore , anche, strutturato sarà sempre difficile fermarlo senza falli.
      Un ottimo acquisto.

  11. Huijen non puo’ valere ne’ 30 ne’ 20 ne’ 10 ancora da saper gestire in squadre alte deve fare le ossa in squadre medio basse.Su Baldazi l’analisi dei nostri fenomeni di osservatori facciamo un distinguo Messi non e’ una cima in altezza con i difensori alti ci si diverte chiaramente parliamo di un fenomeno stesso Dybala, ma ci puo’ con il tempo arrivare deve sapersi dosare e capire dove va il pallone e’ un po’ confusionario ma prima o poi esplodera’. Lukaku a parte il gol lo vedo teso quasi arrabbiato se entra sereno riesce anche lui a sbagliare meno c’e’ anche il problema fisico di girarsi lo bloccano con tutti i mezzi ne prende di botte tutte le partite. Comunque su Evan la questione Lucca certamente il ragazzo non voleva fare male ma lo ha fatto e non solo 1 volta c’e’ da insegnare se sei forte sto modo di liberarsi sporco e’ pericoloso e da non fare piu’.

    • purtroppo Lukaku gioca perennemente spalle alla porta. di fatto quando si inserisce faccia alla porta e gli danno una palla decente è quasi una sentenza (come ieri), come col Belgio o come un periodo coll’inter. se avessi che so… un Bellanova che mette dentro 12 cross a partita da 3/4 e dal fondo giocherebbe più fluido e meno teso e arrabbiato. forse

  12. Tutto il mio feroce disprezzo verso coloro che hanno pensato che fosse tutta una abile strategia, una messinscena, una sorta di truffa….
    A questi dico che mi fate schifo, pena e commiserazione. Avrete quello che vi meritate a breve, sul campo. Campate sulla speranza (vana…) delle disgrazie altrui, come fanno gli sciacalli….
    Anzi no, lo siete!!!

  13. Un grande applauso agli amici di Udine. Gente leale, sportiva e corretta. Mi prendo il diritto di dirvi che a Roma sarete sempre come a casa.

  14. Mi fa ridere Candela…quando c’era Mou se i giocatori non giocavano era colpa del mister…con De Rossi se non giocano bene è colpa loro…🤣😅😆😁

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome