“ON AIR!” – ROSSI: “Il pari della Lazio di ieri? C’erano le stimmate della porchettata”, CIARDI: “Quinto posto deciso da obbrobri arbitrali”, CATALANI: “Il Toro? Se fossi un giocatore della Roma tirerei indietro la gamba”

40
1926

ÀULTIME NOTIZIE AS ROMA – Prosegue il nostro appuntamento giornaliero dedicato al variopinto mondo delle radio romane. On Air, la rubrica più copiata (e incollata) del web, è un viaggio per le frequenze più ascoltate dai tifosi giallorossi a caccia di pensieri, notizie, indiscrezioni e qualche nota di colore. Buon divertimento! 

David Rossi (Roma Radio): “Quello che si è visto ieri dal 94′ a quando segna Savic è la negazione del pallone, e ti fa venire per forza da pensar male. E infatti del 2-2 non gliene fregava niente a nessuno, tutti baci e abbracci, tutti a ridere, c’erano proprio le stimmate della porchettata. A me non importa niente del risultato di ieri, perchè tanto quella col Verona non è proprio una partita di calcio. Ma quello che succede ieri, prendere un gol in contropiede al 94′ in inferiorità numerica sul 2 a 1, è la negazione del calcio. Luca Pellegrini fa una cosa da prendergli e strappargli il tesserino della Federcalcio. Perchè un difensore al 94esimo e 55 secondi vede l’avversario al limite dell’area piccola che sta per tirare, e si gira per non prendere la pallonata, è una cosa che mi fa impazzire…ma vai a raccogliere le patate! Io allenatore non ti faccio più entrare nello spogliatoio, perchè o lo fai apposta o sei una pippa. E non so quale delle due è più grave. Ma io penso che sia una pippa. E mi ricordo che qua a Roma non si poteva giocare a pallone senza Luca Pellegrini, che girava per Trigoria quando ancora giocava nella Primavera e faceva il fenomeno, e non salutava i compagni di squadra perchè si sentiva già il più grande terzino sinistro d’Italia. Peccato che ti giri al tiro dell’avversario, e devi essere una gran bella pippa per fare una cosa del genere…”

Mario Corsi (Centro Suono Sport): “L’ingaggio di Mourinho ha portato il tifoso a sognare per eventuali grandi conquiste prossime. La Roma non fa una finale da 31 anni, e questo è già un fatto da festeggiare. Poi se tra due o tre anni non si vincerà niente, vedrete che la gente fischierà. Ma in questo momento, dopo che il duo Pallotta-Fonseca hanno devastato la Roma, Mou si è ritrovato con giocatori improbabili e li ha comunque portati in finale. E la gente vuole vedere una coppa entrare nella bacheca. Poi ci sarà chi tiferà contro, perchè se dovesse andar male diranno che Mou non ha vinto niente. Le persone che hanno un grande carisma vengono massacrate sempre, ricordatevi di Cesare… Noi però continueremo a dire questo, che anche se non dovesse andare bene il 25 maggio, sempre una finale abbiamo fatto dopo 31 anni. Dopodiché staremo molto attenti alla campagna acquisti, e ci comporteremo di conseguenza…”

Augusto Ciardi (Tele Radio Stereo): “Si diventa noiosi a parlare di arbitri, ma il quinto posto in campionato è deciso da obbrobri arbitrali non richiesti dalla Lazio. La partita contro la Juventus non è condizionata dall’arbitro, ma quello che fa Cuadrado è una stupidaggine, sarebbe bastato andare verso la bandierina, allargarti di due metri e vincevi la partita. Però lì l’arbitro non c’entra. Ma quello che è successo a La Spezia per me è il più grosso scandalo arbitrale degli ultimi dieci anni…”

Jacopo Palizzi (Tele Radio Stereo): “La Roma fino a qualche giornata fa era incollata al quarto posto, e sarebbe stato importante restarci per dare un segnale di crescita. Poi però alle ultime 5 partite fai tre pareggi e due sconfitte, e ora ti trovi di nuovo a distanza siderale…”

Gianluca Piacentini (Rete Sport): “Quello che fa ieri Zaccagni su Cuadrado è fallo, e quello che fa il giocatore del Milan su Pessina era fallo, e questo non va bene. La Lazio si ritrova dei punti in più che non meritava di avere e che gli sono stati dati per errori. Ora noi o facciamo le nostre valutazioni a prescindere da questi episodi, oppure no. Se la Roma non dovesse arrivare sesta, o peggio ancora ottava, ci saranno giudizi molto duri, che forse sono giusti o forse no, ma che sono condizionati da questi errori…Io comunque venerdì a Torino manderei in campo tutti i titolari, perchè voglio vincere…”

Massimiliano Magni (Rete Sport): “Al di là di tutto quello che è successo, un giudizio sul piazzamento finale andrà fatto. Ti sei mangiato punti contro il Venezia, e il giudizio non può che essere severo. L’analisi più è complessa e più è completa, e il giudizio non si deve scostare molto dall’osservazione. Quindi se dovessi arrivare ottavo non è detto che hai fatto schifo, come non è detto che se arrivassi quinto avresti fatto molto meglio dell’anno scorso, perchè poi conta sempre quello che si è visto in campo. Dybala? Si parla solo di un’ipotesi, noi invece già stiamo al fatto che sbarca a Fiumicino…”

Jacopo Aliprandi (Rete Sport): “La Roma paga il fatto di essere stata l’unica squadra italiana ad aver completato il percorso in Europa, se anche le altre non avessero salutato le competizioni europee a gennaio, ora i distacchi da Juventus e Napoli non sarebbero così ampi. Se la Roma dovesse arrivare in Europa League, in estate dovrai cambiare le cose con il calciomercato: non puoi più andare avanti con una rosa di 12-13 elementi, devi utilizzare una rosa con 10 panchinari…”

Maurizio Catalani (Rete Sport): “Come fa Cuadrado a fare quella cosa ieri, io da allenatore ieri negli spogliatoi gli meno…E vabbè, è andata come non doveva andare. La Fiorentina? Me l’aspettavo, fa due partite bene e due male. E quando le fa male, prende 4-5 gol. L’ultima giornata non è favorevole alla Roma, le squadre di Juric non fanno regali, sono squadracce da affrontare. Il Torino è inferiore, ma ha tre vantaggi: gioca in casa, può solo divertirsi, e la Roma ha addosso un peso che loro non hanno… Io se fossi un giocatore della Roma e giocassi quella partita, starei stra-attento: se prendessi un calcio, rischierei di non giocare la finale, e quindi io la gamba non ce la metto…”

Redazione Giallorossi.net

Seguici su TWITTER e FACEBOOK per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie della Roma!

Articolo precedenteKUMBULLA: “Da Torino a Tirana, non sto nella pelle. Questa finale è un segno del destino. Abbiamo ancora energie per l’ultimo sforzo”
Articolo successivoDybala: “Mai all’Inter”. Ora c’è Mourinho nel suo futuro: la Roma è la soluzione più vicina

40 Commenti

    • ꧁ ℤ𝕖𝕣𝕠 𝕋𝕣𝕠𝕗𝕖𝕚 𝕖 𝕌𝕟 𝕊𝕒𝕔𝕔𝕠 𝕕𝕚 𝕋𝕣𝕠𝕗𝕚𝕖 ꧂

      Contro la Fiore avevo detto che non tiravano indietro la gamba, ho visto fallacci gratuiti sulle ginocchia e sulle cosce, col Venezia hannofatto altrettanto, col Toro rischiamo che c ammazzano e ci spaccano i giocatori.
      Era già previsto, ma la partita è importante ai fini della prossima stagione.
      Io non penso che laJUve regali la partita ai Fiorenzuoli, storicamente non corre buon sangue tra i due club, l’Atalanta per me vince facile con l Empoli.
      Tutto passa tra le nostre mani, occorrono i 3 punti, difficili da prendere ma quello è
      Fiore Venezia e Torino 4 ne servivano distribuiti tra le prime 2,l ultima gara di campionato doveva essere un allenamento per la finale, ora siamo costretti a stringere i denti.
      Arrivare in finale con l Europa League in tasca è un must altrimenti con la pressione addosso rischiamo di fare una gara come quelle post Leicester!

  1. Ma scherziamo dobbiamo vincere !magar inel secondo tempo.non dobbiamo avere a Tirana stress dell’ ultima spiaggia. Niente eh .mentalità zero.. !!

    • Con tutto il ❤️, fino adesso la Roma ha sempre giocato, ma non puoi nulla con le decisioni arbitrali… Quindi…. Se ci vogliono far perdere come è successo con la viola, lo fanno…

  2. Con il Torino in campo le seconde linee e qualche primavera .sarà più che sufficiente.dobbiamo preservare assolutamente i giocatori titolari per la finale non possiamo rischiare di perdere anche un solo giocatore!!!
    Io sono ottimista!!!
    FORZA ROMA SEMPRE!!!

  3. La partita contro il toro va giocata e vinta e io sono sicuro che la vincerà la Roma,andare poi a Tirana sapendo che cmq già hai conquistato l’accesso alla EL il peso della finale sarà psicologicamente più vantaggioso.perche pensa se non vincesse contro gli olandesi sarebbe percepito come un fallimento a tutto tondo.

  4. La rosa è al gran completo; la Roma deve vincere a Torino per non rischiare di restare con un pugno di mosche in mano, con intelligenza ma con decisione. Penso che Mou e la società la pensino così.

  5. Mamma mia che affare, aver dato una sega montata come Luca Pellegrini e 7 milioni per Spinazzola, facendone 22 di plusvalenza. Un altro paio di affari simili e vinciamo lo scudetto.

    • Lascialo crescere… anche noi qualche giovanotto ancora acerbo (pure titolare) in campo lo mandiamo.
      Che poi ha fatto già una grande stagione a Cagliari l’anno scorso, a TORINO ci punta la Juve in futuro (e per quanto oggi non vinca lo scudetto, difficile giochi in futuro solo per partecipare…) che lo blinda e piuttosto dismette altri nomi, e già oggi, spesso, ormai lascia un nazionale brasiliano in panchina.
      Immagino, ad averlo a ROMA, il Mister ne avrebbe saputo far buon uso. Cosa che a Calafiori per ora non é successa, ad esempio.
      Nel GENOA dei 3 allenatori e in B quante presenze ha fatto?

  6. 1. A Torino una sola è la parola d’ordine: VINCERE!
    2. Quello che fa Cuadrado ieri sul 2-1 a 10 secondi dalla fine non si vede neanche in seconda categoria Molise. In una partita normale i compagni ti chiudono in magazzino per la notte.
    3. Quello che fa Pellegrini si vede in Primavera, ma in serie B. Prima ti scansi sul tiro, poi non segui Savic che stava 10 metri dietro. E poi ti vai anche a congratulare dopo il fischio finale.
    4. Un conto sono le motivazioni, e ok. Un conto è passare il secondo tempo di una partita che influenza la classifica a farsi scatti a bordo campo e a salutare parenti e amici. Un minimo di decenza. Ma del resto ci sta anche il gemellaggio tra le due società più inquisiste dell’emisfero Occidentale. E a noi cambia poco, ma pensiamo a fiorentini e bergamaschi…. prima Spezia, ieri questo.
    5. A Torino una sola è la parola d’ordine: VINCERE! …. lo avevo detto?

  7. Ma chi ce la dà la sicurezza di vincere la Conference? Io personalmente vado a Torino e cerco di portare a casa i 3 punti così ho la sicurezza di andare in EL poi a 4 giorni dalla finale ho tutto il tempo di recuperare le forze … Poi ragazzi la stanchezza in una finale ?

  8. Il discorso che fa Aliprandi merita di essere allargato ad altre considerazioni.
    L’anno prossimo parteciperanno alle Coppe europee due squadre. La prima è stata vergognosamente aiutata con arbitraggi compiacenti, perché era in affanno e aveva bisogno come il pane dei soldi e del palcoscenico della Champions League.
    La seconda ha pure ricevuto favori scandalosi, in termini non solo di arbitraggi ma anche di calendario. Ed è una squadra che notoriamente fa pessime figure nelle competizioni europee, perché al suo presidente non gliene frega niente e vuol solo incamerare i quattrini che comporta il piazzamento in alto nel campionato.
    A margine c’è una terza squadra che di contro il suo percorso nella competizione europea se l’è fatto tutto lealmente fino alla finale (nei due anni precedenti, pochissimo c’è mancato). Non s’è risparmiata e di fatto oggi, e da almeno un triennio, è l’unica che rappresenti oltreconfine un calcio italiano allo sbando. Non ha avuto assolutamente favori, ma solo il contentino di anticipare di un giorno l’ultima di campionato. Certo, non disdegna i vantaggi economici delle coppe europee, ma gioca anche per il traguardo sportivo.
    Il quadro che ho tracciato, a voler essere educati, lascia perplessi. Vorrei chiedere ai vertici del calcio nostrano: che vogliamo fare il prossimo anno? Vogliamo continuare a proteggere chi viene buttato fuori dalle competizioni europee e quindi ha un calendario di impegni molto più favorevole di chi invece gli fa onore e si massacra giocando ogni tre giorni praticamente tutta la stagione? Non meriterebbe quest’ultima squadra un minimo di riguardo?

    • Ma qui entra in ballo l’Uefa e io l’avevo scritto tempo fa se valesse la classifica per club e non quella per nazioni allora per esempio il Napoli che veleggia oltre la 60esima posizione non giocherebbe l’anno prossimo in Champions, quale è stato il contributo di Milan Napoli e Juve in questi ultimi anni in tema di punteggio? Nullo, anzi ci hanno fatto perdere punti chi ha salvato la baracca delle 4 squadre italiane in Champions è stata solo la roma con 3 semifinali e adesso una finale, continuo a ripetere se sono competizioni per club l’Uefa abbia il coraggio di premiare le posizioni dei club e non quelle delle nazioni

    • Caro anto (not original),
      quel che scrivi ha un suo fondamento, però a considerare solo il ranking europeo della singola squadra si finirebbe per limitare le competizioni europee sempre alle stesse.
      Ma forse lo si potrebbe elevare al rango di correttivo dei punti in classifica… In ogni caso, dovrebbe essere in qualche modo premiale per la squadra, perché altrimenti, come ora, in definitiva ne beneficiano altre!
      Per dire, se la Roma si qualificasse a fine campionato per l’Europa League e poi la conquistasse vincendo la Conference Cup, libererebbe un ulteriore posto…
      Se scrivo delle sciocchezze chiedo venia.

      Visto che ci sono… Non vorrei che il mio precedente commento possa essere interpretato nel senso che per il prossimo anno vorrei degli arbitraggi di favore. Mi riferivo ad arbitraggi equi… ma non solo. Il calendario è elaborato senza tenere troppo conto degli impegni delle coppe europee. Lo si dovrebbe modulare alleggerendolo per le squadre che hanno questi ulteriori impegni, e adeguandosi alla prospettiva migliore, ossia che il percorso prosegua fino alla fine.
      Ed invece per ora si deve sollevare un caso già solo per farsi anticipare di un giorno l’ultima di campionato.

      Non mi si dica, per entrambe le ipotesi (ranking premiale e calendario ‘elastico’), che non è possibile. Io credo che se lo si volesse si potrebbe trovare un compromesso.

    • Hic no non stai dicendo stupidaggini anzi concordo con quanto esponi, per quanto riguarda la Champions purtroppo ci sono gia’ sempre le solite note sono anni che non usciamo da City, Real, Chelsea, Bayern, Psg, Liverpool e Barca. Solo noi siamo stati gli intrusi 4 anni fa, i punti li abbiamo fatti noi e in Champion vanno gli altri? Questa non e ‘ meritocrazia per questo l’Uefa deve porre rimedio, lo dico oggi e poi vediamo tra 1 anno probabile che domenica il Milan vince lo scudo, mi gioco quello che vuoi nella prossima Champion esce un’altra volta ai gironi

  9. Mmm.. però mr. ROSSI, sapessi quanto ne ho visto io a ROMA difensori che vedono l’avversario tirare e si girano di spalle…
    MANCINI per te, ad esempio, lo farà apposta, oppure é una pippa?

  10. In passato la Roma ci ha già fregato, nei momenti decisivi ha quasi sempre fallito.
    Speriamo che l’arrivo di Mourinho abbia invertito questa tendenza a restare con un pugno di mosche in mano.
    Forza Roma

  11. Ma in questo momento, dopo che il duo Pallotta-Fonseca hanno devastato la Roma, Mou si è ritrovato con giocatori improbabili e li ha comunque portati in finale.

    La teoria mRolona si esalta un allenatore adesso fino a ieri ne ha parlato male si distrugge tutto il resto giocatori presidenti passati presenti e futuri 😀 dice il guru del tifo alla amatriciana il duo Pallotta Fonseca ha devastato tutto ci ha lasciato una serie di giocatori improbabili

    Zaniolo Veretout Cristante Pellegrini Mancini Smalling Spinazzola Ibanez Miki Zalewski ( l’oro di Roma ) Bove ( l’argento di Roma )

    All’anima dei giocatori improbabili

    • Ma che è uno scherzo?
      Li avete insultati tutto l’anno e adesso considerate dei gran giocatori pure Veretout, Ibanez, Mancini, e Cristante ?
      Ma siate seri, Cristo santo.
      Allora quando fate le listine belle, carucce e patatine, con 6-7 acquisti imprescindibili, cosa intendete esattemente, chi dovrebbero sostituire?

    • Io non gli ho mai insultati io non ho fatto mai nessuna listina ho sempre sostenuto che la Roma per i giocatori che ha in campionato è andata male avrebbe dovuto fare almeno 10 punti in più, avrebbe dovuto lottare per entrare in Champions invece non ci si mai neanche avvicinata

  12. Scusate mi sono scordato un certo Karsdrop colui che ara e devasta la fascia destra anche quello l’ha portato il duo devastatore Pallotta Fonseca

  13. Pellegrini sarà pure una pippa per quello che dice Rossi.
    Ma gesti simili li ho visti fare piu volte anche ad Ibanez e Mancini.
    Ora vogliamo dire che sono pippe pure i nostri?
    Cioè… no, intendevo… insomma… vabbè, ciao.

  14. O si vince a Torino o e’ 7 posto, la Juve gioca a Firenze e sicuro perde, visto la partita scapoli ammogliati di ieri…. E’ stato un campionato di una vergogna mai visto, manco quello del 2006 per ricordare quello di Calciopoli quasi dello stesso livello, pero’ era un altro calcio, era piu’ bello. Ho visto partite che sembravano guerre, barricate, colpi entrate criminali che calcio e’…..Arbitri che si adeguano al gioco “maschio” dare ammonizioni assurde e lasciare stare falli allucinanti. Forse dovro’ guardare le partite in un altro modo, ma ragazzi per me e’ difficile per me lo hanno rovinato….poi il var assurdo 2 arbitri che decidono inaccettabile !!!

  15. A Torino TUTTI i titolari, si deve vincere, poi hai 5 giorni per recuperare, altrimenti il rischio è di arrivare con le pile emotive scariche, quando stacchi la spina poi è complicato ripartire a comando. Chi ti assicura che risparmi il titolare e questo non si fa male in allenamento, quante volte è successo? In ultimo, come tutti gli anni, tutti che lottano per un posto in Europa per cominciare a lamentarsi ad ottobre dei troppi impegni, e comunque anche fra gli illustri esperti delle radio romane, quelli che oggi dicono facciamo giocare le seconde linee, la primavera per preservarci in vista della finale sono gli stessi che 3 mesi fa dicevano di lasciar perdere la coppa per concentrarsi sul campionato, d’altronde se non hai mai fatto sport a buon livello non puoi capire che la mentalità la si allena solo onorano Tutti gli impegni senza distinzione.

  16. CORSI (che se non leggo qui non conosco, se non per il passato “oscuro”) ha detto raramente cose che condivido.
    Qui si può accettare abbastanza, tranne cambierei due termini (sembra poco, ma cambia tanto)
    Troppo dire”: “devastato” per PALLOTTA/FONSECA ( immagino che ripeta il pensiero di tanti per convenienza).
    E giocatori IMPROBABILI proprio se lo doveva risparmiare. Critica generalizzata e gratuita ad una squadra della quale, pure quando non va bene, quasi sempre esce dal campo stremata.

  17. Sarebbe un grave errore andare a Torino con una formazione rabberciata e magari perdere.

    Poniamoci nello scenario peggiore: perdere a Torino per ritrovarsi di nuovo settimi e finire di nuovo in conference, e poi perdere anche col Feyenoord (corca, vinceremo e pure bene).

    Ve lo immaginate il delirio post gara in cui butteremo tutto al cesso?

    No grazie, conquistiamo l’accesso all’EL contro il toro e poi andiamo a vincere pure a Tirana.
    Che poi, vincendo la conference saremmo ugualmente qualificati all’EL, ma intanto mettiamoci al riparo.

    • Julian, ti dirò, per me settimi e un nuovo anno di conference è in assoluto l’incubo peggiore, se proprio dobbiamo vedere le cose negative (ma invece sarà Europa League e, spero, coppa) sarebbe molto meglio arrivare ottavi e fare un campionato in scioltezza come hanno fatto Milan, Napoli, Juve, Lazio e quasi tutti gli altri per quasi tutta la stagione. La Roma con una partita a settimana sarebbe pericolosa per tutti…

    • Il rischio è semmai che giochino a Torino con in mente il risultato minimo (il piazzamento per la Conference Cup). Ma credo che Mourinho non ci starebbe, lì vuole carichi da subito.
      Anche mentalmente, la trasferta a Torino dev’essere preparatoria per la successiva finale.

  18. E certo che se dentro trigoria faceva il figo e non salutava potevano pure dirla prima sta storia..mo è semplice.e meno male che se lo semo levato.

  19. Hanno strattonato il giornalista del Messaggero Lengua poco romanista nei suoi articoli, dispiace che il servizio d’ ordine della Roma di solito gentile e garbato sia stato duro proprio con lui….e il collega fotografo…subito postato e immortalato l’ “aggressione”…..Sappiamo che la vita dei giornalisti e’ dura ma e’ dura pure la vita dei “gorilla” che fanno questo altro lavoro. C’e’ stata un invadenza da parte di tanti per una cena che voleva essere un convivio prima delle ultime partite importanti. Un po’ di riflessione per certa stampa che non merita di avvicinarsi neanche’ a Trigoria….

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome