“ON AIR!” – CORSI: “Su Modesto ho avuto pessime referenze”, PIACENTINI: “Per niente convinto che De Rossi abbia già in mano il rinnovo”, CASANO: “Conte sarebbe più difficile da gestire di Mourinho”

15
615

ULTIME NOTIZIE AS ROMA – Prosegue il nostro appuntamento giornaliero dedicato al variopinto mondo delle radio romane. On Air, la rubrica più copiata (e incollata) del web, è un viaggio per le frequenze più ascoltate dai tifosi giallorossi a caccia di pensieri, notizie, indiscrezioni e qualche nota di colore. Buon divertimento!

David Rossi (Rete Sport): “Comincia ora la fase decisiva: se De Rossi e la squadra non avessero fatto quello che hanno fatto fino ad ora, adesso stavamo già pensando alla prossima stagione. Brava la Roma ad arrivare al momento decisivo avendo ancora delle possibilità non così remote, perchè al momento la squadra sarebbe in Champions…  Lukaku ha dato segnali importanti ieri con il Belgio, di Dybala si aspetta il ritorno in gruppo in modo da essere a disposizione col Lecce. Qualora l’argentino non ce la facesse, si aprirebbe un problema di fantasia nella Roma dato che lunedì mancherà anche Pellegrini. Non so quanto Aouar possa colmarlo con la sua presenza in campo…”

Gianluca Piacentini (Rete Sport): “Secondo me De Rossi resterà sulla panchina della Roma, ma non ci metterei la mano sul fuoco. Tanti dicono che si sono già sentiti e sono già d’accordo, ma io non ne sono per niente convinto di questo… Lecce? E’ una partita che la Roma non può permettersi di non vincere, perchè calendario alla mano Lecce e Udinese sono due trasferte che la Roma non può non vincere dato che in quel mese ci sarà il derby, la doppia sfida col Milan, e i confronti diretti con Bologna e Napoli. Lì devi prendere sei punti, e poi con le altre vediamo…”

Claudio Moroni (Rete Sport): “Pinto non era esaltato dalla figura di Mourinho, ha detto di aver fatto il soldato e basta. Mourinho invece con quelle dichiarazioni l’ha fatta fuori dal vasetto, ma lui è fatto così quando comunica. Anche questa cosa di chiamare bambini i ragzzzi della Primavera era una dialettica forzata, non dici la verità, ma la vuoi incartare e io non lo accetto. Quando denigrava la rosa, denigrava la proprietà e il ds. Poi De Rossi ha fatto capire che la rosa non era affatto da buttare, abbiamo già 7-8 elementi su cui fondare la squadra del prossimo anno. Vicenda Acerbi-Juan Jesus? E’ morta la giustizia…Però la storia e la giustizia si fanno con i documenti scritti. Dare un sentenza senza prove è pressocché impossibile…”

Francesco Oddo Casano (Rete Sport): “Cosa farei se i Friedkin avesse già in mano Conte per giugno e De Rossi arrivasse in Champions? Eh, bella domanda… Io apprezzo molto Conte, ma sarebbe ancor di più spigoloso e difficilmente gestibile dalla Roma in questo momento storico, perchè non hai struttura. Se hai Marotta magari riesci ad arginarlo, senza sarebbe molto complicato farlo… Caso Acerbi? Lui e l’Inter hanno avuto un buon avvocato secondo me, hanno portato a casa il risultato. Qualcosa deve essere accaduto, altrimenti perchè Juan Jesus avrebbe dovuto fare quella scenata, e perchè Acerbi gli avrebbe chiesto scusa…di qualcosa deve essersi scusato. Ma dal pregiudizio che abbiamo c’è poi una verità processuale che va dimostrata…”

Piero Torri (Radio Manà Manà Sport): “El Shaarawy inizia ad andare per i 32 anni, e Zalewski non rappresenta una garanzia. Lì devi andare a prendere qualcuno che rafforza quel ruolo…Bellanova? Secondo me Cairo parte da 30 milioni di euro. Offrire Zalewski più 10 milioni? Ci si può provare, ma la vedo difficile…”

Mario Corsi (Centro Suono Sport): “Su Modesto non ho avuto buone referenze, non me ne parlano bene, mi dicono proprio “manco ai cani” e spero che arrivi altro e non lui. Io l’anno prossimo vorrei anche combattere per lo scudetto…il problema è che ormai noi non ne possiamo manco parlare, perchè poi sono gli stessi tifosi della Roma a prenderti in giro…Se tu ci pensi gli unici presidenti fischiati aspramente sono quelli che hanno vinto, che sono Viola e Sensi…ma allora i romanisti non vogliono vincere…”

Francesca Ferrazza (Tele Radio Stereo): “Questi due anni hanno ridato speranza ai tifosi di poter sognare con l’arrivo di Mourinho, quello di Dybala e poi quello di Lukaku. La possibilità di poter sognare e di avere poi la realtà di poter vincere di nuovo ci era stata levata un po’ dalla testa, e ora invece siamo in una sorta di limbo…ora sei in una fase in cui il cambio di panchina ti ha portato a chiudere quel capitolo e a non sapere cosa ti si apre. Per l’anno prossimo ci si chiede: qual è il nostro obiettivo? In che fase siamo?…”

Roberto Pruzzo (Radio Radio): “I sette pilastri di De Rossi? Giocavano sempre anche con Mourinho… De Rossi ha dato una buona traccia, e sta cercando alternative se ti vengono a mancare Dybala e Pellegrini. In quel caso qualche idea bisognerà tirarla fuori. Mi sto convincendo anche io che lunedì giocherà Aouar e non Bove, perchè serve la qualità in mezzo al campo. Ora giochi tutto d’un fiato e devi portare tutti i calciatori nella condizione migliore…”

Stefano Agresti (Radio Radio): “I sette pilastri della Roma? De Rossi punta su questi, ma ha impiegato un po’ tutti, nessuno ha reso sotto la sufficienza. E’ riuscito a recuperare tutti. Ora dopo il gioco e i risultati, bisogna cominciare anche a tagliare i traguardi: la corsa in Europa League e alla Champions determineranno la stagione della Roma di De Rossi… Caso Acerbi-Jesus? La giustizia sportiva cambia il modo di vedere le cose: stavolta serve una prova certa, ed è qualcosa destinata a fare giurisprudenza. Accusare Acerbi di una cosa così infamante senza avere prove…io penso che la scelta del giudice sportivo ci sta. Ma la vicenda è veramente brutta…”.

Gianni Visnadi (Radio Radio): “I sette pilastri? Sono semplicemente i migliori calciatori che ha la Roma… La bravura di De Rossi è aver rivitalizzato certi giocatori, ad esempio Paredes sembra un altro, da prepensionato è tornato a essere un giocatore decisivo. E poi per me El Shaarawy è da portare in Nazionale al posto di Zaniolo. Questo per dire che non è vero che gli allenatori non contano nulla, anzi, sono fondamentali per come gestiscono la squadra, e per come sanno stimolare i propri calciatori…”

Furio Focolari (Radio Radio): “Rischiare Dybala a Lecce? Lo deve decidere lui in accordo con l’allenatore. Io non lo rischierei, me lo porto in panchina e casomai lo faccio entrare, perchè teoricamente la partita potrebbe andare bene anche senza di lui… Caso Acerbi? La sentenza dice che non c’è la minima prova. Le sentenze vanno rispettate e non mi è piaciuta la reazione del Napoli. Siamo tutti d’accordo nel condannare ogni forma di razzismo, ma non possiamo mettere un uomo che ha la pelle nera su basi diverse di quello che ha la pelle bianca…è la mia parola contro la tua. Io sono convinto che Acerbi quella frase l’abbia detta, ma non basta, servono le prove…”

Redazione Giallorossi.net

Vuoi essere sempre aggiornato sulle ultime notizie della Roma sul tuo cellulare? Iscriviti subito al canale Whatsapp di Giallorossi.net!

Articolo precedenteSexgate, video hot fatto circolare due volte. Indagine lunga: calciatori e club a rischio squalifiche e penalizzazioni
Articolo successivoRoma, ecco i magnifici sette: con la Champions in tasca De Rossi chiederà la loro conferma

15 Commenti

  1. Dopo aver letto corsi, spero si comprenda perchè l’Italia è ridotta a una chiavica Alla faccia dell’ambiguità🤨

    • penso che la prociuttara ha informatori degni del kgb eh, quindi non mettiamo in discussione le dichiarazioni di uno che ha speso una vita contro i Presidenti citati che gli regalavano solo salsicce che vibrava.
      💩💩💩

    • pensasse alle sue di referenze…solo in Italia un ceffo come lui può girare a piede libero invece di stare in galera!

  2. Acerbi ?
    Uomo che ha sofferto ma provocatore , ed in campo molti lo sono.
    La frase l’ha detta ?
    Probabilmente si.Ma non si può condannare nessuno per un ” probabilmente ”
    ______
    De Rossi cerca qualcuno che possa giocare alto a destra , ha fatto un tentativo con Angeliño.
    Perché non provare con Zalrewski ?
    ______
    Paredes ?
    Aveva giocato bene anche con Mou.
    Con De Rossi la squadra è più equilibrata in campo ,e Leandro sa le posizioni dei compagni .
    _____
    22 punti fatti in 9 partite ( contro i 29 ma …)
    10 punti fatti in trasferta ( contro gli 8 ma …)
    Con il Lecce serve una vittoria , come serve sempre

  3. Per ferrazza abbiamo dovuto andare al recupero poichè l’allenatore tanto amato dalla ferrazza in un girone facile facile aveva fallito la qualificazione diretta.Per cortesia parlaci e scrivi di calcio.Spero come penso che leggerai e ne farai tesoro.

  4. Ce l’ ho avute anche io pessime referenze su Modesto, basta vede i 43M di debito nell’ ultima finestra di mercato del Monza

  5. Marione dimentica quanto abbiamo sbertucciato, giustamente, il broccolaro di Boston.
    I Friedkins vantano ancora un po’ di credito di riconoscenza per averci liberato da quella iattura… Ma non è un vitalizio, eh.
    Il rinnovo del contratto a DDR prossimo ostacolo per i Muti.

  6. un sacco di gente mi ha fatto pessime recensioni su mariuccio, però parecchie radio se lo prendono questa è l’Italia

  7. questo manco è arrivato, manco si sa se arriva, già lo sta a massacrare. che brutto ambiente l’opinionismo calcistico..,

  8. Ma quale conte gobbo juventino De Rossi tutta la vita se prende il 4 posto e arriva in finale di Europa come é la tradizione da anni deve essere confermato

  9. L’intelligenza della Curva Sud dovrebbe essere di imporre ddr come prossimo allenatore pure se fa il pelo all’obiettivo. Riscatterebbe in questo modo di aver fatto buon viso a cattivo gioco avendolo dovuto accettare subendo una paraculata
    da parte dei Muti. Tutti sanno che sono tutto meno che convinto dell’uomo in questione ma per amor di patria credo che non possiamo subire un usa e getta di Daniele. Sarebbe ricevere un secondo schiaffo.
    Forza Roma

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome