“ON AIR!” – CIARDi: “Su Mourinho non c”è più un plebiscito”, MORONI: “Senza Champions, spazio al progetto giovani con Thiago Motta”, PRUZZO: “Via un terzino per prendere due centrali”

29
975

ULTIME NOTIZIE AS ROMA – Prosegue il nostro appuntamento giornaliero dedicato al variopinto mondo delle radio romane. On Air, la rubrica più copiata (e incollata) del web, è un viaggio per le frequenze più ascoltate dai tifosi giallorossi a caccia di pensieri, notizie, indiscrezioni e qualche nota di colore. Buon divertimento! 

Gianluca Piacentini (Rete Sport): “Dopo la sosta si gioca il segmento più importante della stagione. Il 7 gennaio sapremo il destino europeo, e dopo gli scontro diretti quale sarà il target della Roma nche in campionato. Poi sarà l’ora di prendere delle decisioni per il futuro. Il 10 gennaio già sarebbe tardi, devi intervenire subito sul mercato, specie se non ti rientra Smalling… Rientro di Totti e Spalletti alla Roma dopo la pace fatta? Secondo me è molto più probabile che si ritrovino nell’Italia…

David Rossi (Rete Sport): “Tornare alla difesa a quattro per risolvere il problema dei centrali? Vi ricordo che Ndicka partirà per la Coppa d’Africa, e di ruolo ne rimarrebbero solo Mancini e Llorente. E se poi a uno dei due viene un raffreddore? A quel punto non ci potresti nemmeno mettere Cristante, ma nemmeno Celik, perchè nella difesa a quattro non si saprebbero adattare. Per cui non penso sia una soluzione definitiva al problema…”

Francesco Oddo Casano (Rete Sport): “A Mourinho non gli facciamo un favore dicendo che non è un allenatore che sa valorizzare una squadra se non ha a disposizione i fenomeni. Se noi limitiamo l’analisi dell’allenatore al fatto che funziona solo con un certo tipo di giocatori, non rendiamo giustizia a Mourinho. Anche perchè vi do una notizia: certi giocatori non li allenerà più, perchè secondo me ormai ha toccato l’apice della sua carriera… Tra l’altro nell’Inter avevano preso giocatori come Thiago Motta e Milito dal Genoa, giocatori che non erano top assoluti nel mondo, ma che lui è stato bravo a plasmare. Andiamo oltre questo sloganismo, Mourinho è altro e lui nella Roma vuole far vedere altro. E’ che quest’anno ancora non è riuscito a trovare la chiave…”

Fabio Petruzzi (Rete Sport): “Nel Napoli dopo Ancelotti hanno fatto altre scelte, hanno cambiato allenatore e giocatori importanti, hanno mandato via Insigne, Mertens, Fabian Ruiz, Koulibaly. Non hanno preso fenomeni, ma giocatori che poi sono diventati fenomeni, come Kim e Kvarastkhelia, che io non conoscevo, e hanno vinto il campionato…”

Claudio Moroni (Rete Sport): “I Friedkin sono due, ma il presidente è uno. Dan Friedkin vorrebbe che la sua squadra raggiungesse la Champions, e pure io, perchè così si potrebbe fare una campagna acquisti più ricca per il 2024/2025. Quindi io sono obbligato a tifare Mourinho, e mi accontento anche del brutto gioco che non piace neanche a me, nella speranza che l’obiettivo venga raggiunto. Si aprono tre scenari: Mou fa bene e rimane, Mou fa bene e va via, Mou va male e va via. Se va via perchè ha fatto schifo, allora vale la pena prendere un Thiago Motta e ripartire con un progetto triennale con i giovani. Se invece ti lascia con la Champions, allora devi prendere un Conte o simili…”

Daniele Lo Monaco (Radio Romanista): “Si dice che se va via Mourinho, la Roma perderà Dybala, Lukaku, e tutti i giocatori in prestito. Certo, può succedere, ma può anche succedere il contrario. Nessuno sa quello che succederà in futuro. Il progetto della Fiorentina qual è? Sì, ha costruito qualcosa, ma che ti dice che è una garanzia? Nella Roma ne abbiamo avuto tanti di progetti che mi hanno anche esaltato. Quando siamo arrivati alla semifinale di Champions c’era un progetto bello, con un allenatore giovane che giocava un bel calcio. E poi? Si è liquefatto, ed è partito un progetto diverso. Mou ti ha portato qualcosa che non c’era: questa grinta, questa voglia, questa famiglia…prima c’era solo a chiacchiere…”

August Ciardi (Tele Rado Stereo): “Mourinho? La tendenza da qualche tempo non porta più al plebiscito. Se avessi detto due anni fa che la Roma prendeva Dybala, mi avrebbero scritto “grande, dopo Mourinho ci porti anche Dybala!“. Quando l’anno scorso parlai di Matic che si era messo di traverso, la gente mi ha scritto che ero un infame, che volevo destabilizzare l’ambiente… Ieri scrivo del Newcastle che pensa a Mourinho, e ora che non c’è più il plebiscito, su 40 commenti sui social una trentina erano del tipo: “Ndo se firma?“. Questa è la realtà dei fatti…”

Roberto Pruzzo (Radio Radio): “Rinforzi in difesa per gennaio? Sì, ma se Smalling non è in grado di giocare ne devi prendere uno per forza. Ha tre giocatori di ruolo. Dopo i 30 anni devi pensare di fare contratti anno per anno. L’anno scorso aveva dato garanzie, ma quest’anno non gioca mai. Ora devi prendere per forza un centrale, ti serve numericamente. Non so se c’è qualche svincolato a gennaio, ma se devi prendere ex calciatori è meglio evitare. A questo punto devi andare su qualche esubero di società amiche. Serve uno, ma anche due difensori. I terzini poi sono di livello limitato, che te ne tieni a fare tutti, magari ne cedi uno e ti porti dentro un paio di centrali, penso sia questo l’obiettivo della società…”

Mario Mattioli (Radio Radio): “Il centrocampo con Pellegrini e Sanches? Usiamo sempre i condizionali, Pellegrini non lo abbiamo visto ancora in campo. Certamente con loro due in campo è una mediana diversa, che offre maggiori garanzie. Il Paredes che ci immaginiamo era quello che giocava nel PSG, ma allora giocava in una squadra di fuoriclasse. Ma quando deve prendersi la squadra sulle spalle, scompare…era già successo nella Juventus. Questo è il vero cruccio della Roma. Su Smalling ricordiamo che è un atleta che non vuole prendere medicinali. Ha cambiato idea? Ci sono voci contrastanti, c’è gente che dice che vuole continuare il suo percorso…”

Redazione Giallorossi.net

Articolo precedenteGandini: “Totti alla Roma può portare grandissima esperienza. Gli consiglio di aspettare, come Maldini col Milan”
Articolo successivoDYBALA: “Con Mourinho gli argentini danno qualcosa in più”, PAREDES: “Alla Roma gioco sempre, sono felice”

29 Commenti

  1. Facendo un’analisi sulla situazione in cui si trova ad operare Mourinho, l’altro giorno mi è stato replicato, da più amici, che siamo al terzo anno, l’obiettivo era portare laRoma ad alti livelli entro il terzo anno e che attualmente abbiamo un progetto che fa acqua da tutte le parti (as usual), perciò la colpa è anche di Mourinho sia in chiave allenatore che in chiave scelte di mercato, oltre che della società.
    È difficile contestare questa affermazione, perché alla fine Mou 3 anni a disposizione li ha avuti e in 3 anni di lavoro nei fai. Vero. Possiamo dire che non ha senz’altro fatto peggio dei predecessori, da lui magari ci si aspettava di più (non dal punto di vista del gioco, dato che non è mai stato un giochista).
    Però mi permetto di tornare a sottolineare il problema che ponevo in rilievo, e che al limite si affianca ad errori commessi all’interno della società: fai fatica a competere se devi combattere con le braccia legate.
    Gli ultimi esempi, secondo me, rincarano questa tesi. Vogliamo parlare di Giroud che ha preso SOLO due giornate di squalifica? A noi Mancini basta che si allacci le scarpe ed è giallo. Guardate che è molto grave, perché se tiri le somme a fine stagione queste diffide le paghi salate, in termini di continuità di gioco, e infatti non è un caso che quello dei gialli a comando era uno degli aspetti più rilevanti dell’inchiesta Calciopoli. Anche quelli non dati, ovviamente, s epuoi permetterti di difendere con il manganello (poi fai il clean sheet, grazie, bonscibonscibò).
    Vogliamo parlare dei diritti TV che Lotito si è fatto mettere quinquennali per aggiustarsi il bilancio? Ma mica parliamo di bruscolini, chissà cos’ha pensato Pinto, che deve arrangiarsi senza soldi (di cui una parte sottratti da Taylor).
    E se bari e fai bilanci falsi, cosa accade? Se ti chiami Juve 10 punticini di penalizzazione e ti fanno pure il favore di non farti giocare la Conference, proprio l’anno in cui cambieranno gli introiti della Champions se ti qualifichi.
    Il caso Osimehn sparito dai radar? Il Napoli lo scudetto lo ha vinto coi suoi goal, adesso non segna e patatrac (come Ronaldo finanziato dalle plusvalenze farlocche), successo nulla?
    Siamo d’accordo che queste cose vengono PRIMA della discesa in campo della squadra?

    Comunque, oggi giornata importantissima perché inizia il girone Champions della Roma Femminile, che ha pescato malissimo e ha tre avversarie molto ostiche. Prima partita in trasferta, vediamco cosa succede. Forza ragazze!

    • Idi, sarebbe tutto vero se, andando a guardare il numero di cartellini per squadra, ad oggi, e sottolineo oggi, la Roma è 14 con 29 cartelli gialli. peggio di noi stanno la lazio (31 cartellini gialli), la juve (33 cartellini gialli), e il milan (31 gialli e 4 rossi, di cui 3 espulsioni dirette). Non sarà che prendiamo anche dei gialli stupidissimi per proteste, o perchè siamo lenti e i giocatori avversari ci scappano come delle lepri? se il sistema fosse telecomandato come dici tu, non pensi che juve e milan sarebbero più tutelate, e i pigiamati idem? e poi, un sesto posto a 63 punti a 7 dal quarto. Un altro settimo (sul campo) ancora a 63 punti, sempre a 7 dal quarto, una volta tolta la juve. Non credi che da una squadra che annovera Mou e Dybala tra i suoi tesserati, ci si aspetti qualcosina in più di miseri 63 punti fatti per 2 anni di fila? perchè di scuse e alibi ne abbiamo sentiti tanti, ma di fatti ne vediamo sempre molto pochi

    • A parte gli altri discorsi, per dire che Mourinho ha fatto tre anni i tre anni devono passare. Siamo a novembre e il terzo anno è appena iniziato. Vediamo come va a finire prima di giudicare, farlo ora non ha senso. Poi il discorso di crescita che fu fatto dipendeva dagli investimenti e purtroppo abbiamo preso Dybala e Lukaku ma non abbiamo colmato tutte le lacune. Comunque sia nel bilancio finale andranno i risultati, puoi farlo per i primi due anni se vuoi, ma per questo è del tutto prematuro

    • Tutto giusto
      Fa effetto la differenza di trattamento ricevuto tra lui EDF e Spalletti

      Adesso va di moda Motta (a me non dispiace) ma si è mandato allegramente a Fastello EDF senza un minimo di riconoscenza e il promettente allenatore c’è l’avevi già bello che fatto in casa

      Ogni giorno c’è un caso, del resto il più pulito c’ha la candida

      Inizio sempre più a credere che le dinamiche che si palesano nel industria calcio siano un avamposto per abituarci a quelle fatte in più ampie scale (quanto meno troverei conforto visto l’infondatezza degli stipendi) e per quanto trovi gogliardico mantenere dei trascorsi e modalità dell’infanzia, mi cascano le palline quando guardo le partite e non posso neanche definire le risonanze provavate dalle sterile dietrologie delle varie vicende post partite

      Mi ero illuso che finalmente con un play, bomber e terzino di gamba abituato ai ritmi inglesi si potesse quanto meno godere di una squadra con identità e ordinata, ma manco per il Ka

      Probabilmente non ci rende conto della comicità del ateo che perseguita i credenti, salvo riconoscere a fattori, totalmente al di fuori di sè di occupare in largo i suoi personali fattori quali di serenità e realizzazione in fin dei conti quando si guarda la tv, implicitamente è come se si accettasse l’equazione che una reale finzione abbia più valenza di una possibile realtà (si paga l’intrattenimento col tempo è quello quanto meno continua a possedere una valenza di potenziale reale)

      Per quanto mi riguarda mi avvicinerò al calcio di provincia, dove non mi si chiede un rene per assistere alla partita e dove non trovo filoconsumisti che inneggiano al razzismo, divisione e odio a ogni dove

    • @aurelio, grazie per i dati sui cartellini, il bello del confronto è che ajuta a correggere difetti derivati da propri punti di vista. Resta il fatto che due giornate di squalifica a Giroud sono ridicoli.
      Sul discorso dei sesti posti in campionato, credo che l’analisi vada fatta su tutta la stagione giocata. Perché in queste due stagioni la Roma è anche arrivata a giocarsi due finali europee e questo lo ha pagato. Non lo paga solo la Roma. L’Inter l’anno scorso è arrivato in finale di Champions ed è parere dei più che ci abbia rimesso lo scudetto per questo (il Napoli ha fatto come tutte le squadre di Spalletti, fa un girone forte e poi si sgonfia). La Lazio è arrivata seconda perchè ha rinunciato a giocare in Europa, quest’anno la Juve è seconda perchè non gioca in Europa. E sì, la squadra annovera Mou e Dybala tra i tesserati, ma siccome rispetta il FPF non può tesserare Frattesi, ma deve andare a pescare tra gli scarti del PSG. Non significa che Pinto sia esente da colpe, perché i soldi di Shomurodov potevano essere spesi meglio, ma se hai un budget di 50 milioni per comprarti l’attaccante buono e compri il Lewandowski di turno sono bravi tutti, se invece hai 20 milioni e cerchi di risalire la china per qualificarti in Champions… capisci che è più difficile.
      Nel mio intervento ho citato Inter, Lazio e Juventus che hanno vantaggi PRIMA di scendere in campo, per la distorsione delle regole che noi rispettiamo.
      Poi viene il discorso del campo.

      @Enobarbo certo, il mio augurio è che a Maggio si possa tirare un bilancio positivo. Al momento, vista la rosa cortissima e il calendario, sono scettico e vedo lo stesso imbuto in cui ci siamo già cacciati negli ultimi 10 anni, ma continuo comunque a tifare a tutta forza.

    • P.s.: comunque la classifica dei cartellini gialli ci vede al quinto posto, dato preso da transfermarkt. È vero che davanti abbiamo Milan Juve e Lazio, il discorso andrebbe approfondito con un’analisi che non ho tempo di fare, e forse nemmeno i mezzi. Per questo sospendo l’argomento gialli, in mancanza di dati interpretati, e li qualifico come “interpretati” perché andrebbero valutati, ad esempio:
      – il numero di giocatori ammoniti: un conto è se prendi 20 cartellini su 20 giocatori, un altro è se li prendi su 4, che poi ti saltano giornate di campionato.
      – la ricorsività di gialli su giocatori chiave: se ogni volta che possono ti ammoniscono Dybala, già gioca col contagocce, poi non lo vedi perché salta il turno, hai chiuso. Se invece ti ammoniscono l’analista tattico che sta in panchina, per esagerare, è un altro. Non so se i gialli in panchina vengano sommati da Tfmk.
      – il danno procurato a partita in corso: al Derby avevamo i centrali ammoniti quando i magazzinieri stavano ancora aprendo gli armadietti. Magari la Lazo becca 3 gialli al 90esimo, ovvio che cambiano un sacco di cose.

      E così via.
      Per chi pensa che siano discorsi esagerati, questi erano i discorsi dei gialli ai tempi di Calciopoli.

    • beh Idi, che le storture nel calcio italiano ci siano, è palese e derivano dal fatto che le 3 strisciate da sole rappresentano oltre la metà dei tifosi italiani. Non scopriamo di certo l’acqua caldo dicendo che il sistema è tarato su queste 3 realtà, tanto che gli scudetti degli ultimi 40 anni, hanno visto pochissime altre squadre arrivare al titolo. Però poi dobbiamo anche fare i conti con la nostra realtà ed ammettere che in 4 anni di Friedkin, con o senza risorse, il mercato fatto non è riuscito a mettere su una rosa con un senso logico. Dobbiamo fare i conti col fatto che se non abbandonavi il campionato forse in CL c’eri, mentre se fai un all in su una coppa, la percentuale di rischio è maggiore. Vogliamo vincere mi dirai, e ci sto, ma al netto di taylor, con la t, oggi stai fuori dalla CL e coi conti disastrati. Sicuri che in campionato non si poteva fare meglio e andare un po’ più sul sicuro? ora la rosa c’è, hai davanti due campioni, anche se uno di cristallo, e la panchina annovera nomi di tutto rispetto, al netto di un paio di fraciconi. Vuoi dirmi che il settimo posto dove siamo relegati, è demerito nostro o vogliamo dare la colpa al sistema? perchè io di torti eclatanti quest’anno non ne ricordo, se non episodi del tutto marginali. Semplicemente, capisco il nostro grande amore che ci porta a essere molto magnanimi, ma insomma è anche ora di chiedere il conto a certi signori strapagati, in panca e in campo, o no?

  2. Questo mio commento non c’entra niente ( sarebbe un off topic degli Abbocconi) ,ma voglio soltanto trasmettere a tutti l’enorme soddisfazione e godimento di aver visto giocare ieri sera un tennista strabiliante come Yannik Sinner e di ver aprovato dopo 40-45 anni le stesse emozioni che mi dava Adriano Panatta.

    • Zenone, sono sempre d’accordo con te e sta cosa comincia a preoccuparmi, non fosse altro perché ho 48 anni e non 78… ahahahaha si scherza.
      Ti quoto al 100%, e ho invidiato i 15 mila del Pala Alpitour che si sono goduti dal vivo sta partita.
      Bravo Yannik.

    • Vista tutta, ragazzo educato, non uno showman di oggi, sta “unendo l’Italia” grazie al suo modo di essere come tennista e persona 🙂

  3. thiago motta??? ma che siamo matti??? uno che sta in panchina in serie A con la tuta anni 90 che si metteva a scuola quando si faceva educazione fisica, da allenatore ha una carriera ridicola, in 4 anni in esonero, una rescissione del contratto, un nono posto…stop!
    Zero peso arbitrale per non parlare dell’attrattiva verso determinati giocatori….manco a Natale arriverebbe…. per fortuna viene pubblicizzato solo da un paio di individui di quella radio e che probabilmente avranno un loro tornaconto

    • Prima considerazione sul abbigliamento sei fantastico!! Invitaci alle prox sfilate

      Sicuro ti ritroverai tatuata la corsa di Mazzone

  4. er PROJETTO JOVANI COR JOKOOOO il sogno dei radiolari amerecani e de tutti i ditini agili murignout che godono pe la sassuolizzazione della Roma e i costi a zero per i due che se ne fregano del risultato sportivo. così il badrone a strisce è contento

    • Chicco, te ricordo che Mourinho ha una media punti più bassa di Fonseca… Quindi muto. Non permetterti di dare giudizi.

  5. Idi di Marzo mi trovo pienamente d’accordo su tutto! Mi ricordo Chiellini che rimase in diffida 7 mesi! Aggiungo poi che la Roma a mio avviso è priva di quei giocatori che oggi servono per la Serie A. Giocatori che abbinano queste caratteristiche, velocità, corsa e dribbling. Abbiamo il zero assoluto da questo punto vista e ne servirebbero almeno 3/4 in una squadra per essere competitivi, altrimenti a fare i passeggi all’indietro e orizzontali con palla sui i piedi sono buoni tutti.

  6. @Claudio Moroni@ Conte per la Champions? Conte va bene per giocare questa specie di campionato chiamato Serie A. Ma nelle coppe, non è proprio roba per lui.
    Io andrei su un Klopp (se ci cascasse) ma anche Thiago Motta o De Zerbi mi andrebbero bene!!

  7. Abbiamo la grinta, tigna cattiveria..???
    Brodo, cremonese, Milan, Juve, Inter Praga, 4 derby, Genoa, Verona…..
    Te ricorda qualcosa Lo Monaco…??? 🤦

  8. É uscita una classifica delle squadre che corrono di più in Serie A:
    la Roma si piazza, purtroppo, al 17mo posto su 20 squadre… ahimé!
    Qualche giorno fa scrissi un post di cui ripeto l’inizio:
    “PUOI ESSERE IL DIO IN TERRA DELLA PALLA, SE TROVI UN BROCCO DISPOSTO A CORRERE PIÙ DI TE… TU IL PALLONE NON LO VEDI MAI!” (Vicente Feola – rivolto ai giocatori del Brasile 1958 …)
    Ecco, ci sono dei COMANDAMENTI nel Calcio che non possono e non debbono essere elusi se si vogliono raggiungere traguardi ambiziosi!

  9. l’errore più grande di mourinho è stato quello di rimanere qui per forza, con quel dito “resto qui” scenico verso i tifosi, contro la volontà societaria.
    La causa principale è il contratto triennale come ultima spiaggia, di un campionato competitivo che non troverebbe in Arabia, che sarebbe un esilio, un ricchissimo cimitero degli elefanti….
    se non raccoglieremo risultati con lui sarà un anno in più buttato, perso, inutile….. è un fallimento annunciato viste le premesse….

    • Magari un anno, se non arriviamo in Champions abbiamo bruciato l’annata di Lukaku-Dybala per un piazzamento in coppa Uefa e i relativi tanti soldi spesi nei loro stipendi che potevamo usare per ricostruire. Le macerie si vedrebbero per un bel po’.

  10. Le ipotesi di futuro prossimo sono tutte legate oltre che ai risultati che Mourinho porterà ma anche e soprattutto dalle volontà sia della Presidenza, sia di JM, forse anche indipendentemente dai medesimi risultati. Da quanto ho potuto capire io, il signor Friedkin vuole entrare in Champions che potrebbe avvenire com’è noto in due modi o con la vittoria della Europa League o con minimo il quarto posto in campionato e allora mi chiedo se la Roma dovesse vincere solo la Coppa Italia? O meglio, i Friedkin sono consapevoli che i 60 mila si farebbero una ragione del mancato rinnovo solo se JM fallisse completamente la stagione? Lo sanno che se JM centra in qualche modo la Champions e se ne vorrà andare ugualmente, rimarrà a tutti il dubbio che se la sono cercata?
    Ho detto sempre che la Roma è di proprietà di Friedkin e ci fa quello che vuole ma è pur vero che se va in porto la costruzione del nuovo stadio, avrà necessità di riempirlo, e gli introiti non saranno più i bruscolini avanzati dal pagamento delle prebende CONI, incassi che serviranno all’ammortamento delle spese e via discorrendo, diventando ricavi. Dunque hanno pesato per bene quali conseguenze avrebbe su abbonamenti e quant’altro la decisione di non aprire ad un rinnovo senza diktat? In considerazione di un fatto acclarato, Mourinho non è nuovo a sorprese.
    Il progetto giovani è presto detto qual futuro ha: guardiamo chi è convocabile in Nazionale… e se non sbaglio faremo la partita della vita contro la Macedonia del nord.
    Forza Roma

  11. MORONI: “Senza Champions, spazio al progetto giovani con Thiago Motta.
    ahhh moroni ma non rompete i paroni, vedi di annà a piattelo nel c@lo

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome