“ON AIR!” – LO MONACO: “De Rossi non accetterà passivamente quello che gli verrà dato”, CARINA: “La Roma va dalla parte opposta di Dybala”, ROSSI: “Baldanzi non può essere il suo vice, lo darei in prestito”

31
886

ULTIME NOTIZIE AS ROMA – Prosegue il nostro appuntamento giornaliero dedicato al variopinto mondo delle radio romane. On Air, la rubrica più copiata (e incollata) del web, è un viaggio per le frequenze più ascoltate dai tifosi giallorossi a caccia di pensieri, notizie, indiscrezioni e qualche nota di colore. Buon divertimento!

David Rossi (Rete Sport): “Dybala? Probabilmente il Sabatini ti direbbe: “Ho lui 30 partite l’anno, se in quelle ti fa 15 gol e 7 assist per me il gioco vale comunque la candela“. Secondo me il Ghisolfi di turno invece ti dice: “Se io devo avere un giocatore che ti fa 15 gol e 7 assist in 30 presenze, io preferisco uno più giovane che mi costa molto meno, e che i 15 gol e i 7 assist me li fa in 50 partite“. Così hai lo stesso contributo numerico, ma come presenza è altro, e questo comporta una valorizzazione del suo cartellino…Dybala è un giocatore da Barcellona, a maggior ragione adesso, perchè lo puoi gestire, lo ottimizzi e lo metti in campo quando è al top. Con questo non dico che Dybala deve essere ceduto, ma che non può essere Baldanzi il suo sostituto. Io Baldanzi lo manderei un anno in prestito a farsi le ossa come titolare in una squadra tipo il Sassuolo…”

Gianluca Piacentini (Rete Sport): “Perchè questo scetticismo su Ghisolfi? Tutti a dire che con un ds straniero non si vince… Non è il ds italiano che ti fa la differenza, perchè non mi sembra che Petrachi qui abbia vinto qualcosa… La Roma deve tornare agli Strootman preso a 18 milioni e ai Pjanic comprato a 11, quel tipo di acquisto là deve essere il cambio di politica che va operato rispetto ai Renati Sanches…”

Checco Oddo Casano (Rete Sport): “Quando la Roma ha comprato Abraham ha fatto un investimento che oggi giudichiamo male, ma il primo anno era stato il miglior straniero al pari di Batistuta, si parlava di lui come di un attaccante più forte di Osimhen, poi improvvisamente sembra diventato un bluff.. Però quello è stato un investimento, Lukaku invece è stata la toppa messa all’ultimo momento dopo aver mancato diversi attaccanti…quello non è calcio, è spettacolo… Se l’alternativa a Lukaku deve essere Retegui, allora mi tengo il belga, su questo siamo tutti d’accordo, però non è sintomo di costruzione…Dybala e Lukaku sono la punta dell’iceberg di qualcosa che non ha funzionato e che va cambiata. Questo non vuol dire andare all’opposto e prendere giocatori da Sassuolo…”

Mario Corsi (Tele Radio Stereo): “Spalletti ieri era a Trigoria e si è fatto delle foto con i giocatori della Roma, ma non ha voluto che venissero pubblicate. Questo mi fa pensare che sia ancora impicciato… L’ultima di Lukaku all’Olimpico? Il Corriere dello Sport scrive che non verrà fischiato…non capisco…per Belotti, che ha fatto zero gol, c’è stato il tripudio, perchè si dovrebbe fischiare Lukaku?… Pellegrini se non fosse stato capitano della Roma i tifosi lo avrebbero apprezzato come un gran bel giocatore, questo ve lo garantisco. Avrebbe avuto meno critiche…”

Francesca Ferrazza (Tele Radio Stereo): “Non capisco perchè mai l’Olimpico dovrebbe fischiare Lukaku, non è proprio nell’aria, non capisco da dove arriva questa cosa…a parte che io spero che sia un saluto momentaneo, ma comunque prima di fischiare Lukaku bisognerebbe fischiarne prima altri 20… Non vorrei che siano spifferi da Trigoria per far cominciare ad abituare la gente all’addio di Lukaku…Dybala? Speriamo resti, non so, senza Champions…”

Piero Torri (Radio Manà Manà Sport): “Io per l’attacco penserei a Pinamonti, ovviamente come centravanti di riserva. Lacazette? E’ molto attaccato al Lione, e poi io se fossi Ghisolfi non prenderei giocatori sopra la 30ina e lui va per i 34… Se te lo dessero in prestito, io proverei a prendere Hojlund dal Manchester United…”

Daniele Lo Monaco (Radio Romanista): “Un po’ di cautela rispetto alle ambizioni di questa squadra va messa. Mi preoccupa molto il fuoco amico, tipo quei tifosi che chiamano in radio per dire che De Rossi è un allenatore da Salernitana e che ci vorrebbe un tecnico di ben altro spessore visti i disastri che ha fatto alla Spal. Lui alla Spal ha cercato di innalzare il livello, in certi momenti sembrava potesse riuscirci, poi hanno fatto precipitare tutto mandandolo via. De Rossi in questo momento è la certezza alla quale aggrapparci, sotto ogni aspetto: lui non starà qui ad accettare tutto. Possiamo fugare questo dubbio: De Rossi nella sua carriera ha già dimostrato che uomo è. Sa bene che il primo che rischia di rimetterci qualcosa è lui, quindi figuriamoci se accetterà passivamente quello che gli verrà dato. Significa sottostimare lui, e sottostimare i Friedkin…”

Furio Focolari (Radio Radio): “Dybala è Dybala. Su Lukaku sono d’accordo sul fatto che debba salutare, anche per i costi. Dybala è vero che gioca una parte delle partite, ma è quasi sempre decisivo, anche nelle partite importanti, cosa che non fa Lukaku. Dybala è un talento, senza di lui la Roma perderebbe troppa qualità…”

Stefano Agresti (Radio Radio): “Giusto farsi domande su Dybala, ma la risposta deve essere che deve restare assolutamente alla Roma, continua a essere uno dei giocatori di maggior talento del nostro campionato. La domanda è: se io non ho Dybala, chi ci metto al suo posto? Chi è che mi fa la differenza? Se non hai lui deve prendere un altro, ma è quasi impossibile per la Roma prenderne uno di pari valore. Già il fatto che se ne va Lukaku ti toglie, perdi un punto di riferimento e devi trovare un grande centravanti al suo posto. Se se ne va anche Dybala, il problema non è doppio, ma triplo…”

Stefano Carina (Radio Radio): “Nessuno discute il valore di Dybala, ancora oggi è il giocatore di maggiore qualità, ma il problema è di andare a valutare nell’ottica della Roma che deve chiedersi se è un investimento che vale la pena fare. Nelle due stagioni ha giocato il 52% del minutaggio, questo significa che una partita su due non ce l’hai. L’anno scorso ad aprile la Roma era terza in classifica, poi lui e Smalling si fanno male e la Roma arriva sesta. Quest’anno è mancato nel momento cruciale della stagione. De Rossi lo terrebbe, ma la società che va verso l’abbattimento dei costi sta riflettendo… Ghisolfi? Tutto lascia pensare che sarà lui il ds. Magari viene qui e compra Lautaro, ma sembra un’indicazione chiara su come si lavorerà: è uno che va scovare talenti… La società va da un lato, che sembra all’opposto di Dybala…”

Roberto Pruzzo (Radio Radio): “Su Lukaku non ci saranno rimpianti. È arrivato e sembrava il messia, è andato bene all’inizio, poi dopo è calato. Il voto è positivo, però è arrivato in fondo con meno energie. Il suo lo ha fatto, ha sempre dato tutto quello poteva dare. Io non ripartirei da Lukaku, però la Roma lo deve ringraziare. Abraham invece va aspettato…”

Redazione Giallorossi.net

Vuoi essere sempre aggiornato sulle ultime notizie della Roma sul tuo cellulare? Iscriviti subito al canale Whatsapp di Giallorossi.net!

Articolo precedenteEcco Ghisolfi, il ds che non ama apparire: “Grandi giocatori? Preferisco parlare di grande squadra”. Il nigeriano Moffi il suo acquisto più costoso
Articolo successivoStadio Roma, Veloccia smentisce la Gazzetta: “Nessun malumore col club, rapporti positivi e costanti”

31 Commenti

  1. Ovviamente topperò, capendone poco e non essendo dentro Trigoria, ma in questo momento (un po’ sconfortante) mi aggrappo a Lina Souloukou come speranza per il futuro. Da quando è diventata operativa e ha iniziato a fare pulizia sono scoppiati prima il caso sexgate e ora una serie di attacchi cadenzati contro la sua persona; per me è il segnale indiscutibile che sta facendo non bene, ma benissimo. Altrimenti avrebbe vivacchiato tranquilla come fanno tutti da dopo Viola, con una breve parentesi di Sensi padre. Altro che “topolini”, qua ci stanno delle pantegane protette dai “majali col microfono” che la Fattoria degli Animali spòstate, proprio.
    Perché, davvero, a parte la signora Lina col suo curriculum, il resto del panorama è appena appena desolante. Sembrava impossibile che non avessimo un DS dopo la fuga di Pinto e invece… era davvero così! Ma io dico, ragazzi, siamo onesti, i dilettanti allo sbaraglio. Siamo a metà Maggio, a mendicare dal Nizza il DS mentre le altre hanno iniziato a fare mercato da almeno un mese. Con un allenatore che, diciamocelo, quando lo hanno annunciato dovevamo fare la fine del Napoli, aveva più curriculum Calzona, poi per fortuna sembra che Danielì qualche numero ce l’abbia, ma era impronosticabile. Nel dubbio, gli hanno rinnovato sùbito il contratto, poi i Presidents faranno un altro colpo hollivuddiano alla Expendables 6 con il loro aereoplano e a Roma tutti contenti. Il Direttore Tecnico o Generale non esiste. A Giugno metà (metà!) squadra saluta (con pochi rimpianti) e stiamo aspettando una combinazione strampalata di risultati tra Europa League e Campionato per sperare di andare in Champions, sennò entrano la metà dei soldi che ci servirebbero. Per l’anno prossimo la prospettiva è un altro sesto posto e una squadra da EL. Insomma, ho bisogno che qualcuno mi tiri un po’ su…
    P.s.: in terra d’Albione è partito il movimento Sanfedista del Vecchio che Avanza e voteranno per abolire il VAR… occhio che qua non aspettano altro.

    • In Italia il VAR è stato un modo per fare ciò che prima sognavano: far arbitrare le partite a uno studio lontano e non dall’arbitro in campo. Ci sono milioni di esempi, ma uno mi ha colpito in particolare: Genoa-Sassuolo, il rigore del Sassuolo per lo 0-1. L’arbitro è a 5 metri dall’azione, visuale perfetta, non ha nessuno davanti o ai lati, l’azione è anche poco veloce, c’è un contrasto su Laurienté, l’arbitro fa segno di rialzarsi e l’azione continua. È la situazione da manuale dove il VAR non deve intervenire. Invece interviene, dal VAR si vede che nella corsa il difensore pesta lo scarpino di Laurienté e viene assegnato il rigore. Il rigore viene DI FATTO deciso dalla sala VAR e non dall’arbitro.

    • Non ho capito il tuo discorso.
      Cioè…..la Souloukou sta facendo sfracelli però allo stato attuale abbiamo (forse) un DS senza curriculum ancora non in carica e chissà se stiamo facendo mercato mentre gli altri già lo fanno. Aspettando una combinazione strampalata di risultati.
      Un tiramo a campà che è tutto il contrario di una programmazione seria.
      In cosa incide positivamente, dunque, la Signora Souloukou?
      A cosa dovrebbe servire un’opera di pulizia fine a se stessa?
      Visto che non sarà mai una grande squadra l’AS Roma deve diventare un ordine religioso?
      Mah…

    • tutti parlano, esprimono concetti formulati su supposizioni che alla fine possono trovare qualche riscontro con la realta, ma sempre supposizioni rimangono. L’unica cosa che condivido è che Baldanzi non può giocare nella Roma, ha bisogno di farsi le ossa in una squadra minore che lo faccia giocare domenica per domenica, ossia sempre, cosi forse acquisirà fisicità, corsa e scaltrezza nei contrasti. Staremo a vedere, quando sarà operativo il nuovo ds, come verrà impostato il mercato. i Friedkin sanno il fatto loro e la momento guardando bene i fatti non hanno deluso, anzi, hanno cercato di darci quello che il mercato e che tutti, e dico tutti, indicavano come il top, tipo Di Bala, Lukaku, Mou. Aspettiamo e vediamo, poi, ma poi, critichiamo!!!
      Sempre, comunque e dovunque, FORZA ROMAAAAAAAA

    • Hai toccato 4/5 punti delicati… ma vediamo il risultato finale, far lavorare (Ghisolfi?) chi viene non è facile perché è così da tutte le parti figuriamoci QUI… LINA ha fatto solo 1/4 di pulizia dentro “la fogna” prima che arriva a quelli in campo la mandano via… Leggere le voci di mercato mi vengono i brividi … RIPRENDERE CALAFIORI A 25 MLN !!!!! farmi prendere per il ….. a 58 anni non ci sto… SEMPRE FORZA ROMA… Ma i soldi mia non se li prendono più…

    • Ginko, pero’ ti va di esprimere la tua irrilevanza…
      Oggigiorno sono moltissimi i soggetti che non possono leggere piu’ di 4-5 righe senza accusare mal di testa e malessere fisico. Deve essere terribile il non poter assimilare piu’ di monosillabi e rutti con un encefalogramma pressoche’ piatto…
      Solidarizzo con la tua condizione, che e’ condizione di tanti ma almeno capisci il tuo posto e statte zitto, direi io…
      No e’ che se deve parla’ pe’ forza…

  2. Riallacciandomi a quando proferito da David Rossi ,ho la quasi convinzione che la Roma intende sostituire Dybala con Baldanzi,una riserva dell’Empoli.
    Non si spiega altrimenti l’investimento di 15 milioni,più del doppio di quanto speso in 3 sessioni di mercato.

  3. Dybala non è costato (praticamente) niente e comunque sia ha impreziosito non poco il parco giocatori oltre a dare un contributo importante quando ha giocato; Lukaku va acquistato e costa, ma anche lui ha dato lustro (rendeva più con Mou) ed eventualmente va sempre sostituito con uno da 25-30 gol.

  4. a me sembra evidente che, stante le risorse limitate sul mercato, il primo criterio dovrebbe essere quello di prendere giocatori funzionali a un certo tipo di modulo che applica il mister. Nelle ultime partite, in particolare contro l’Atalanta, abbiamo assistito al ritorno al lancione lungo sul centravanti, ma nè Lukaku, nè tantomeno Abraham, sono Dzeko e quel tipo di gioco non lo sanno fare…se quindi, spero di no, ma se il mister decidesse che quello torna a essere l’unico schema, come nei due anni passati, allora mi aspetto che il DS compri o si faccia prestare il sosia di Dzeko, che abbia o non abbia un nome noto, ma che sappia fare esattamente quel gioco li. Inutile fare il mercato delle figurine, quando poi non hai gente che sa giocare come vorrebbe il mister. DDR ha già chiesto gente veloce e che salta l’uomo, cosa che a noi manca del tutto, tolti Spina e, sporadicamente, Elsha…mi vanno bene anche semisconosciuti, perchè Motta e tanti altri allenatori giovani, hanno dimostrato che gli schemi fatti con gli uomini adatti, portano risultati anche senza nomi altisonanti. Gli scudetti poi li vinci coi Lautaro o gli Osimehn, ma non mi pare proprio che sia questa la linea tracciata dalla proprietà, quindi, quantomeno, dateci acquisti mirati di concerto col mister

  5. il calcio è semplice
    o hai grana o hai il manico giusto
    il manico lascia a desiderare, la grana non esiste.
    Altra opzione? legarsi mai e piedi alla camorra calcistica (per gli acquisti) e quella di strada (per lo stadio).
    C’è chi ha scelto la terza opzione e a patto di qualche condanna ogni 200 anni, tira avanti.
    personalmente non ce l’ho con i muti, senza di loro saremmo falliti. ma è innegabile che non siano capaci,.fino ad oggi almeno, di capire la regola sacra: METTERE UOMINI DI COMPETENZA E DI GRIDO. se vuoi essere il presidente di una squadra come la Roma.
    sennò ti compri il Frosinone

  6. Lo Monaco è ondivago.
    Ieri avrebbe accettato un anno di transizione (come i dodici precedenti dell’era americana….) se DDR l’avesse chiesto.
    Oggi crede che DDR non accetterà passivamente quello che gli sarà dato.
    Io credo i friedkin l’abbiano preso apposta, DDR: argine a qualsiasi contestazione, esordiente e dunque senza pretese. Perfetto.
    Vabbè, Lo Monaco era un palllttiano di ferro, cosa ci si può aspettare. Più passivo di lui…..

    • Ilario qua è durato due anni Mourinho che ci ha fatto vincere una coppa e un altra ci ha portato in finale , una confernze l altra europa legue tanto per distinguere dalla fiorentina che fa due finali conference , sono durati anche due anni difrancesco con la semifinale champion legue aver battuto il barcellona , garcia che il primo anno 10 vittorie di fila , luis enrique è scappato dopo il 1° anno e poi ha vinto il triplete , concludendo io dico che Derossi anche lui non supera il 3 anno ecco perche qua non si vince mai nulla , non si da mai tempo di fare un percorso , passato Mourinho gia si parla di un inizio nuovamente da zero ogni volta è cosi , ho solo un grande dispiacere che l era Pallotta con Sabatini in mano a Sensi m ero stufato de vince scudetti.

  7. Dybala metà del bottino l’ha realizzato dal dischetto, su azione sotto la doppia cifra.
    Si devono segnare anche quelli, sì certo, però anche Paredes lo fa.

  8. Questa estate c’è stata la sollevazione dei famosi esperti di questo forum, apprezzati da tutte le tifoserie avversarie in quanto non ne azzeccano una, contro Scamacca e a favore di Lukaku. Una sollevazione al grido di “Ce vonno li gambioni!”. Stessa sollevazione contro Frattesi, perché si temeva la sassuolizzazione della Roma. Beh, i fatti come al solito hanno la testa dura e affermano che con Scamacca e Frattesi al posto di Lukaku e Renato Zombie a quest’ora saremmo tranquillamente al posto della Juventus (e sia chiaro che per me un terzo posto a 30 punti dalla prima non vale nulla) e con ogni probabilità non saremmo usciti con la SS SNAI in Coppa Italia. Quindi, spero che gli acquisti siano funzionali al miglioramento della rosa, che si resti alla larga dai sedicenti gambioni e che alla fine della campagna acquisti ci sia una sollevazione dei noti esperti del forum contro il mercato fallimentare della Roma. Questa terza speranza sarebbe il miglior viatico ad una grande stagione.

    • Scusa, Giorgio Carpi forever,
      quali sarebbero “…i fatti (che) affermano che con Scamacca e Frattesi al posto di Lukaku e Renato Zombie a quest’ora saremmo tranquillamente al posto della Juventus…ecc.ecc.”?

      Credo tu confonda i dati “fattuali”, appunto, con delle mere supposizioni, previsioni, ipotesi, estrapolazioni, auspici, chiamale come ti pare. Tutto tranne che “fatti”.

      Qui non si tratta di essere esperti o meno, si tratta di saper esporre correttamente le proprie opinioni, possibilmente nel rispetto di quelle degli altri.
      Il soccorso logico-linguistico, per oggi, è gratuito.
      Saluti.

    • Molto semplice, Scamacca faceva gli stessi goal che ha fatto Lukaku, e Frattesi ti giocava in mediana al posto di Anka Sbilenka evitandoti di buttare i soldi per Renato Zombie, con un centrocampo molto più funzionale. In più avevi due giocatori tuoi, invece che due prestiti, con una spesa equivalente ad un investimento e neanche eccessiva. E, per inciso, risparmiati il soccorso logico-linguistico, visto che stiamo parlando di calcio, non di matematica, ovvero un campo ove le certezze sono poche. L’unica che ho io è che sono sei anni che non ci si schioda dal sesto o settimo posto. Solo che i famosi esperti di questo forum pensano si tratti di matematica, quindi vogliono sempre i sedicenti gambioni, per continuare ad inanellare sesti e settimi posti. E infatti già li si rivede all’assalto di Dorgu, Nandez e altri giocatori che sul campo potrebbero dare il fritto, invece dell’aria fritta di Pastore, Wjinaldum e Renato Zombie, coi quali ci hanno tritato le palle per anni.

  9. è l’idea che conta, una tra le Roma più bella aveva Cassetti e Tonetto che quando arrivarono non ebbero il plauso della piazza. Giocatori funzionali e sani….non i nomi.

    • Si dovrebbe scrivere “una tra le Rome più belle”; certamente meglio “una Roma tra le più belle”.
      A te, invece, il soccorso linguistico te lo farei paga’…

    • Esatto, Nando
      anche se alcuni alunni sono proprio irrecuperabili… basta leggere la replica di Giorgio Carpi forever 🤦‍♂️ rimandato a settembre (e so’ stato clemente…)

  10. De Rossi si merita il rinnovo ( ante Bayer ed Atalanta ) i Friedkin forse hanno dubbi sul rinnovo ( Dopo )… De Rossi aziendalista come Di Francesco …. De Rossi non sarà uno yesman come Di Francesco…. giornalari…..

  11. Questa società dimostra di non avere un progetto e non ci pensa nemmeno ad averne uno. Si punta a vivacchiare tra il sesto settimo posto.
    Non si vuole puntare veramente sui giovani visto che non ci possiamo permettere di avere una Roma under 23 in serie C cosa che può fare l’Atalanta..pensate un po’
    Non si vuole investire sul mercato seriamente prendendo giocatori fatti e pronti per arrivare almeno nelle quattro.
    Non si vuole prendere un DS navigato ed inserito nel meccanismo contorto italiano.
    Tanto i sold out ci sono, il colpo da circo al 31 agosto si farà e tutti saranno gabbati anche per il prossimo anno.

  12. Piacentini continua nella sua campagna di intuizioni sbagliate che parte da lontano con Fonseca ed è proseguita con Pinto e Mourinho difesi strenuamente malgrado le evidenze. Fare il commentatore e non essere in grado mai di fare un’analisi lucida denota una mancanza di competenze non accettabile

  13. Una sola cosa su Lukaku, sperando che non si offenda nessuno..si diceva che Mourinho non lo sapeva sfruttare, “adesso arriva un allenatore con gli schemi, vedi quanti gol farà Lukaku”. Con De Rossi ha segnato meno che con Mourinho

  14. Io penso che uno come De Rossi non abbia nessuna voce in capitolo per pretendere chissà che,in quanto come neo allenatore, già fallita la prima esperienza, debba essere eternamente grato a questa proprietà di aver avuto questa possibilità di lavoro. Tra l’altro mi sembra abbastanza appoggiato nell’ambito sportivo, non si sa in virtù di cosa o perchè, un pò come accade in ambito lavorativo per i raccomandati forti che fanno carriera velocemente.
    Io, come tifoso della Roma, gli auguro il meglio e di portarci ai massimi livelli e so che i contratti stipulati contano poco se non accompagnati dai risultati.
    In questa sua esperienza alla Roma, ho notato che in diverse trasferte come Frosinone, Firenze, Lecce, Napoli e Bergamo i rischi corsi sono stati infiniti.Le squadre partono dalla difesa come ha dimostrato Allegri l’altra sera contro l’Atalanta, classico esempio di come si deve difendere una squadra. Neanche Mourinho ha potuto pretendere molto, figuriamoci De Rossi. Speriamo solo che il nuoivo D.S. indovini 3-4 acquisti di successo, magari non andremo ad aspettarli all’Eur e neanche a Fiumicino, in quanto sconosciuti ma magari faremo festa in seguito tutti insieme.
    Forza Roma
    Plinio il Vecchio

  15. uhm, baldanzi darlo in prestito? dipende dalla Roma che farai,ma baldanzi probabilmente ne sarà il titolare,e non mi sembra il peggio,anzi per me meglio giochi 15 partite con noi,che ne faccia 36 in un’altra squadra con altro allenatore altra dimensione e altra pressione.

  16. È adesso, è esattamente in questo momento che la Roma avrebbe assoluta necessità di una dirigenza che faccia la differenza. Hai un momento in cui devi cambiare per forza mezza squadra. Hai la proprietà che allarga i cordoni perlomeno per non farsi condizionare dal FPF, lasciamo stare se per convinzione o per costrizione … Quale ingrediente occorre ancora? Il più importante: lo scouting sui calciatori giusti, dirigenti scaltri, con fiuto e pure fortunati (serve pure quello), e anche le strategie necessarie (ricordare Samuel e il contenzioso Emerson) e le alleanze giuste (vi ricorda qualcosa Batistuta dalla Fiorentina??). Non voglio essere prevenuto, ma questi requisiti sono tutti da dimostrare. Speriamo bene.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome