“ON AIR!” – ROSSI: “Il rinnovo di De Rossi? Dal 1 luglio siamo senza allenatore”, FERRAZZA: “Roma impantanata su tanti aspetti”, CORSI: “C’è qualcosa di strano”, PRUZZO: “Non vedo l’idea di un rafforzamento”

22
902

ULTIME NOTIZIE AS ROMA – Prosegue il nostro appuntamento giornaliero dedicato al variopinto mondo delle radio romane. On Air, la rubrica più copiata (e incollata) del web, è un viaggio per le frequenze più ascoltate dai tifosi giallorossi a caccia di pensieri, notizie, indiscrezioni e qualche nota di colore. Buon divertimento!

David Rossi (Rete Sport): “Ma De Rossi non è stato ancora annunciato? Perchè noi dal 1 luglio dal punto di vista prettamente tecnico siamo senza allenatore… Se le prime due cose fatte da Ghisolfi fossero le cessioni di Belotti e Karsdorp, sarebbe già bene, perchè se parti con le cessioni di esuberi che pesano sul monte ingaggi e che ti permettono di raggranellare soldi non è male…e poi vediamo il resto. In entrata è tutto in stand-by proprio perchè ora si sta lavorando alle uscite. Hummels al posto di Smalling? Avresti uno Smalling sano, e forse pure più forte di testa…”

Gianluca Piacentini (Rete Sport): “La Roma tra poco si raduna. Hummels vuole sapere dove giocare per l’inizio del ritiro, non vuole decidere la sua destinazione a metà agosto… La Roma non potrà prendere solo under 21, il ringiovanimento della rosa sarà un processo che durerà più di una sessione di mercato. Se tu ora fai uscire Smalling per portare Hummels sei più forte, migliori, quella è la cosa da dire…”

Fabio Petruzzi (Rete Sport): “De Rossi vuole più un esterno di gamba a destra, e potrebbe puntare anche su Angelino titolare a sinistra. Bellanova? Da quinto può essere devastante, perchè ha una grande gamba, anche se deve migliorare tatticamente. Come esterno di una difesa a quattro però il discorso cambia tanto, ma lavorandoci ci può stare. Se funziona la coppia di esterni Bellanova-Angelino? Secondo me sì, Angelino ha giocato spesso più bloccato dietro, difensivamente non è male…”

Francesco Oddo Casano (Rete Sport): “Giocatori come Bellanova, Chiesa, non vi sembrano giocatori da contropiede? Siamo sicuri che la Roma dominerà le partite col palleggio oppur farà più una squadra che ribalti l’azione in velocità? Ho la sensazione che De Rossi voglia palleggiare un po’ meno per avere anche una fase difensiva più compatta, perchè dietro hai fatto un po’ acqua… Darmian titolare stasera con l’Italia? Se lo avesse preso la Roma quando se ne parlava, avrebbe fatto 10 anni il titolare in questa squadra, collezionando il record di presenze…”

Mario Corsi (Tele Radio Stereo): “Stadio? Da quello che scrivono sui giornali sembra che la Roma si stia defilando. La Roma manda via dipendenti, chiude viale Tolstoj, i Friedkin immettono soldi freschi nell’Everton, e allora la gente si domanda: “Ma che sta succedendo?”. C’è qualcosa di strano…”

Francesca Ferrazza (Tele Radio Stereo): “Sembra quasi che la Roma stia vivendo con distacco l’affare stadio, tanto che l’obiettivo 2027 è diventato impossibile… Siamo al 24 giugno e la Roma non ha comunicato il rinnovo di De Rossi, e tra dieci giorni si parte con il ritiro. C’è uno stallo, ci sono una serie di cose che si sono impantanate e che si sono rinviate a luglio. Tra queste c’è il discorso Dybala: forse si parlerà con lui durante il ritiro, quando sarà attiva sta benedetta clausola, con Dybala che avrà un permesso speciale di 10 giorni in piena preparazione per andarsi a sposare…10 giorni ragazzi, improvvisamente questo parte e si sposa…A questo punto mi chiedo se è ancora al centro del progetto tecnico della Roma…”

Lorenzo Pes (Tele Radio Stereo): “Mercato? L’attaccante di solito si fa più tardi, è più un investimento da seconda parte del calciomercato. Dopo l’Europeo invece vedremo tanti movimenti sugli esterni: Chiesa e Riquelme sono i nomi più credibili, seppur difficili. Come terzini invece Bellanova è la priorità, mentre a sinistra Sergio Gomez del City è confermato come nome, sarebbe un affare low cost che ti permetterebbe di avere a sinistra due giocatori grosso modo di pari livello…”

Piero Torri (Radio Manà Manà Sport): “Sull’acquisto di Sangarè vorrei fare una riflessione: la Roma tra i migliori prospetti ha Mannini in Primavera e Marchetti nell’U17, che è uno dei migliori, entrambi esterni destri. Marchetti rischi di perderlo al 30 giugno se non lo contrattualizzi, e tu spendi un milione e mezzo per Buba Sangarè? O questo è il nuovo Cafu, e allora mi tolgo il cappello, oppure è un affare che non ha senso, se non quello di rafforzare i rapporti con Ramadani…”

Roberto Pruzzo (Radio Radio): “Sto aspettando di capire che mercato farà la Roma, perchè non ho idea di quali siano gli obiettivi. Al momento non ho la sensazione di un rinforzamento, ma aspetto per capirne di più. E’ stato preso un calciatore di cui secondo me potevi farne a meno (Angelino, ndr). La storia dell’Everton? Bisogna avere pazienza, altrimenti non capisci quale sia il filo conduttore…Speriamo ci sia una svolta e che Dybala resti…”

Tony Damascelli (Radio Radio): “I Friedkin che comprano l’Everton? E’ una delle tante multiproprietà. Ne hanno una in Inghilterra, una in Italia e diverse in America…questi sono i nuovi investitori che guardano all’estero. Per fortuna è finito il mecenatismo, che ha portato situazioni drammatiche anche qua in Italia. Ora bisogna vedere cosa vogliono fare i Friedkin del loro investimento nella Roma. I soldi ne hanno messi, ma il progetto non è del tutto definito. L’Everton è una squadra di seconda luce a Liverpool. Nella Roma tutto dipende da cosa vorrà fare De Rossi con il nuovo direttore sportivo: è una scelta che non era quella desiderata?…”

Redazione Giallorossi.net

Vuoi essere sempre aggiornato sulle ultime notizie della Roma sul tuo cellulare? Iscriviti subito al canale Whatsapp di Giallorossi.net!

Articolo precedenteStadio della Roma, il progetto non decolla: “Cantieri fermi da aprile”
Articolo successivoCalciomercato Roma, duello con la Juve per Thuram: Ghisolfi e Giuntoli in pressing, il Nizza chiede 20 milioni

22 Commenti

  1. la 1 cosa è il 9…. potente,palla addosso come big rom magari a tenerlo ma.non te poi preaentare con un 9 che non tiene na palla…e magari non segna….ma avete visto l Italia contro la.Spagna quanto ha sofferto?parte di quella sofferenza è Scamacca 1.93
    che non ha tenuto mezzo.pallone!….

    • Scamacca non deve tenere il pallone, lo deve scaricare in porta come fa con l’Atalanta.Pensaci.

  2. Daniele verrà annunciato insieme a un colpo di mercato. Almeno questo si diceva.
    Riquelme e Bellanova sarebbero acquisti mirati dato che esterno alto a sinistra ed esterno basso a destra erano già le priorità della squadra. Inutile dire perché.
    la terza priorità è il centrocampista dinamico…. Frattesi? Thuram?
    La punta è difficile prenderla ora.

    • Daniele ha accettato di fare il parafulmine.
      una squadra come la Roma deve puntare Allegri (e già sarebbe tanto). quindi colpo di cosa?
      l’unico che poteva garantirti il grande nome l’abbiamo cacciato, manco fossimo il Real Madrid

    • Ci serve un’ ala che faccia gol, si potrebbe tentare Chiesa perché il prezzo sicuramente si starà abbassando dopo le presentazioni con l Italia

    • soldati’, ripeti sempre a stessa solfa, ripetemo sempre a stessa risposta: è stato cacciato PERCHÉ risultati e impostazione di gioco erano latenti e sconcertanti… mettemoje n punto a sta storia…. mo vedemo in un campionato “mediocre” come quello turco COSA riesce a fare… PERÒ, RICORDATI SEMPRE, che sarebbe dovuto essere LUI la nostra punta di diamante e non viceversa, dal momento che i tanto ostentati tituli li aveva LUI, NON (purtroppo) l a.s. Roma…

    • Soldato italiano, De Rossi ha una media punti 1,89, pare abbastanza per uno che ha poca esperienza in panchina. Se De Rossi fa la preparazione sicuramente la squadra non diventa sfinita fisicamente e atleticamente quando serviva lo sprint per andare in Champions. Con lui la squadra per un po’ ha corso e fatto punti

  3. dovessimo giudicare il lavoro della società dalle “riflessioni” dei giornalisti, sarebbe normale pensare che siamo in mano a dei dilettanti allo sbaraglio. Da tifoso, voglio pensare che non sia così, anche se diversi errori del passato ancora sono evidenti in tutta la loro drammaticità sportiva. Penso che le somme potremo tirarle solo a mercato chiuso, e speriamo che tanti timori siano infondati

    • Sta cosa delle somme da tirare a mercato chiuso scusami ma è la solita panzana che ogni anno si ripete e serve solo per fornire alibi. Così non si prende mai una posizione perché poi a seconda di come va il mercato la successiva filippica diventa quella che invece di giudicare è meglio aspettare i risultati di fine stagione. Poi una volta sesti riparte tutta la cantilena, così in pratica non è possibile mai dire le cose come stanno ed uno dovrebbe stazionare nel limbo continuo dell’ attesa infinita.

    • se preferisci sparare caxxate sul nulla, fai pure…ci sono almeno 85 nomi da poter giudicare, di cui solo 1 è arrivato, per giunta manco in un ruolo di quelli dove stiamo con l’acqua alla gola

  4. se avessimo preso, come urlo da 4 mesi, Laum Tchaouna a soli 8 milioni con uno stipendio da esordiente avevamo risolto una buona parte dei problemi di entrambe le fasce….

  5. ma questi parlano di immobilità di mercato e fanno speculazioni anche sui comportamenti privati di giocatori, dirigenti e allenatore. Ho buttato un occhio al calciomercato delle altre di A e tutti questi affari chiusi non li vedo. O sono tutti in ritardo e i dirigenti in malafede come si vorrebbe sostenere qui da noi, o forse il mercato si deve ancora fare un po per tutti, magari a Europei finiti?

  6. La realtà è che in molti ci siamo sentiti gratificati dalla dipartita di pallotta che nessuno a parte qualche troll rimpiange; resta il fatto che questi forse sono un po’ più solidi economicamente e non vanno a fare i prestiti triangolari(non per i giocatori intendo ma per la costruzione societaria ed il suo mantenimento) per rimanere in piedi e poi lasciare i debiti dato che posseggono un patrimonio ri rispetto,ma non sono dediti a sposare il progetto in pieno con il rischio di rimetterci. Vivacchiano in attesa della questione stadio che ormai è diventata tragicomica in ogni suo aspetto e che prima o poi data la non fattibilità di un progetto nato morto lo porterà a vendere al prossimo “passante di turno”. Quindi si vive alla giornata senza progetti in mezzo al guazzabuglio tra pochi alti e speranze e molti bassi e delusioni.
    La questione del mancato annuncio di de rossi è grottesca.

  7. Non capisco la polemica sull’annuncio di De Rossi : se hanno fatto un annuncio mesi fa per dire che sarebbe stato il tecnico della Roma anche quest’anno, cosa vuole Rossi?!?
    Questi non parlano, i Friedkin, fanno direttamente le cose, capisco che alle radio non sta bene la cosa, perché erano abituati a fare il bello e il cattivo tempo, a mettersi in mezzo con i propri contatti all’interno della società, ma con questi qui devi metterti a fare il giornalista per davvero, ma per molti è dura…

    • Per curiosità.
      Che cosa avrebbero fatto i Friedkin per l’AS Roma?
      L’hanno presa sesta-settima e li è rimasta.
      Il resto è becchime.

    • Caro Ilario, abbiamo capito il tuo pensiero, non puoi ammorbarci a ogni post sempre con lo stesso concetto ripetuto all’infinito… PS. I Friedkin avranno fatto i loro errori, ma almeno hanno vinto un trofeo, hanno provato a infiammare la piazza con grandi colpi (Mourinho, Dybala, Lukaku) e cosa più importante hanno sistemato i conti di una società a pezzi. Se poi vogliamo far passare i Friedkin per il male assoluto, beh sto giochino lo lascio a te. C’è di meglio? Probabile. C’è di peggio? Sicuro. Ora però anche basta.

  8. “A questo punto mi chiedo se è ancora al centro del progetto tecnico della Roma…”

    mi chiedo come si possa considerare Dybala al centro del progetto giocando la metà delle partite. la Joya è gioiello, cioè preziosissimo accessorio.

  9. Eh niente, la Ferrazza me sà che vive su Marte, oggi ha scoperto che Dybala, all’improvviso, il 20 luglio si sposa.
    Sè svejata!!!!!!!!

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome