“ON AIR!” – VISNADI: “Frattesi andrà alla Roma”, FOCOLARI: “Non prenderlo sarebbe assurdo”, ROSSI: “Fase Abraham superata, ora è un problema di Pinto”, CORSI: “Serie A declassata, Mou unica stella”

27
2500

ULTIME NOTIZIE AS ROMA – Prosegue il nostro appuntamento giornaliero dedicato al variopinto mondo delle radio romane. On Air, la rubrica più copiata (e incollata) del web, è un viaggio per le frequenze più ascoltate dai tifosi giallorossi a caccia di pensieri, notizie, indiscrezioni e qualche nota di colore. Buon divertimento! 

David Rossi (Rete Sport): “La Roma sembra che con un paio di milioni di multa se la possa cavare, che poi sono quelli che mancavano per evitare la multa. Detto ciò ora si guarda alle nuove possibilità, soprattutto per il centravanti che dovrà sostituire Abraham. Mi fa sorridere quelli che dicono “eh ma poi quando torna Abraham come fai“…io vorrei ricordarvi che Abraham in questa ultima stagione non è andato proprio benissimo. Il problema è più di Tiago Pinto, che dovrà cederlo l’anno prossimo. Dal punto di vista tecnico la fase Abraham è abbastanza passata. Bene che va può rientrare a febbraio-marzo, ma chissà in quali condizioni, io questa stagione la considero già conclusa per lui. Abraham ora è un problema di Pinto e non della Roma, che ora deve prendere un centravanti di livello, un titolare…”

Gianluca Piacentini (Rete Sport): “Le cessioni di Ibanez, Spinazzola, Karsdorp, se fossero avvenute nella prima fase del mercato sarebbero andate a coprire le plusvalenze da fare entro il 30 giugno. Se arriveranno in questa fase, una parte di quei soldi che la Roma incasserà servirà a prendere gli obiettivi che hai sul mercato, con particolare attenzione al centravanti e al centrocampista. Al posto di Ibanez stai prendendo Llorente e al posto di Karsodorp stai trattando Kristensen, due prestiti per i quali non spenderai per il cartellino…”

Mario Corsi (Centro Suono Sport): “Frattesi due giorni fa era praticamente dell’Inter, ora invece sembra esserci solo la Roma. Ieri ho letto che la Roma non vende i big, il problema è che la Roma i big non li ha…Comunque Frattesi potrebbe arrivare, nel calcio italiano nessuno ha i soldi da spendere. Il calcio italiano è sempre più declassato, se vendono Osimhen quali stelle rimangono in Serie A? L’unica vera e provata sarebbe Mourinho…”

Tiziano Moroni (Rete Sport): “Le prime tre immagini che mi vengono in mente di Mourinho in questi due anni di Roma? Le lacrime dopo la vittoria con il Leicester, la corsa sotto la Sud in quel Roma-Sassuolo dopo il gol di El Shaarawy nella sua millesima panchina, e poi le tante incazzature che si è preso, da Slot a Taylor…quelle restano, nel bene e nel male…”

Lorenzo Pes (Tele Radio Stereo): “Degli esterni nessuno ha convinto, né a destra né a sinistra e lì servirebbe una bella sistemata. Il budget della Roma per il mercato in entrata? Penso che dipenderà da quanto incassa. L’attaccante verrà preso in prestito, visto che Abraham è fermo per infortunio. Mettersi in rosa un altro centravanti con un contratto importante ti farebbe ritrovare a metà stagione con tre attaccanti in rosa. Io non credo che la Roma abbia un budget da spendere: i soldi per Frattesi sono in linea di massima quelli che la Roma pensa di incassare dalla cessione di Ibanez. Pereyra a parametro zero? Se ne era parlato, è stato valutato, mi sembra un piano B o C…”

Alessio Nardo (Tele Radio Stereo): “Siamo reduci da due campagne acquisti molto differenti: il primo anno 100 milioni di investimento, l’anno scorso appena 7 milioni per Celik. Per questo motivo non sappiamo proprio cosa aspettarci stavolta…”

Stefano Agresti (Radio Radio): “Il Sassuolo per Frattesi chiede 35 milioni di euro, il primo che li offre, lo prende. La Roma parte dal vantaggio di avere la disponibilità economica per prenderlo, cosa che non ha l’Inter, che vorrebbe Frattesi ma non ha la disponibilità economica per prenderlo. Con i soldi di Onana si cercherà di prendere Lukaku, e poi dovrà prendere un portiere. I giallorossi sono in pole position, conosciamo che rapporti ha la Roma col Sassuolo e in più ha il 30% sulla rivendita, che sono 10 milioni, oltre ai 10 di Volpato e Missori. Ecco perchè la Roma è davanti a tutti. Quando si chiuderà la vicenda? Quando qualcuno offrirà 35 milioni…”

Furio Focolari (Radio Radio): “Frattesi è un grande giocatore. In questo momento è un po’ come la Sora Camilla, che tutti la vogliono e nessuno se la piglia. È un calciatore importante che tutti vorrebbero, ed effettivamente la Roma sembra essere in pole position. Ai fini del pagamento del giocatore, alla Roma bastano 15 milioni. Ecco perchè la Roma è un passo avanti, e se ci tiene davvero sarebbe assurdo non prenderlo…”

Gianni Visnadi (Radio Radio): “Frattesi è un giocatore in crescita e forte, ha piedi buoni su passaporto buono che serve alle liste. Viva la Roma che prende Frattesi rispetto ad altre squadre che costruiscono la nuova formazione con 10 stranieri. Non è sicuro che vada lì? Frattesi lo prende la Roma…Lui ha fatto delle dichiarazioni che hanno fatto ispirare la sua vicinanza all’Inter, ma sono cose che si dimenticano in fretta…”

Redazione Giallorossi.net

Seguici su TWITTER e FACEBOOK per restare sempre aggiornato sulle ultime notizie della Roma!

Articolo precedenteUFFICIALE: Adidas è il nuovo sponsor tecnico della Roma. Il club: “Lunga partnership”
Articolo successivoCalciomercato Roma, salgono le quotazioni di Ibanez come erede di Kim nel Napoli

27 Commenti

  1. Però il calcio italiano senza stelle quest’anno ha portato tre squadre in finale nella coppe, mentre la splendente Liga si è ridotta a rubare l’Europa League con un Siviglia ormai fallito.

    • premesso ..che per big si intendono i titolari della scorsa stagione e nessuno ha parlato di Cruijff Maradona e pele

      Mariolino ha sempre questa vena denigratoria verso la Roma che a suo dire non ha big

      – Dybala
      – Matic
      – Smalling
      – Ibanez anche se a molti non piace

      INOLTRE in rampa di lancio
      – Bove
      – Zalewski

      e tra i nuovi arrivati tutti potrebbero essere futuri big
      Llorente
      nDicka
      Aouar

    • Bravo CUCS, la “regalia” UEFA l’ abbiamo vista tutti la sera della finale, mo comincia lo “SPARA💩” sul mercato… solo Visnadi ha capito l’ importanza di Frattesi e Scamacca, sono le liste UEFA e della rosa, bisogna averli in lista per forza visto che hanno fatto carriera ma sono del nostro vivaio. Non mi preoccupo neanche del mercato, Pinto si sa muovere molto bene e poi con MOU in panca si può arrivare ovunque…💛🧡❤️🏆🐺🐺🐺

    • Già… Hanno fatto vincere nel modo più sporco, il Siviglia… Altrimenti senza la Champions e la vittoria in Europa league… Sarebbero falliti….
      La prova sta nel fatto che stanno vendendo tutti….

      C’è solo un giocatore che potrebbe fare al caso nostro.. Ed è il terzino sx acuna….. Cattivissimo

    • stanno a frantumare le balle da due anni,ora io dico le possibilità sono 2 o il giocatore serve a mou ed è una pedina importante quindi che stiamo aspettando sei arrivato a 30 (ci levi quello che ci devi levare 30% ecc ecc ,)se ballano 3/4 milioni che nel calcio di adesso sono noccioline che devi stare a pensare;o non serve o comunque non è così fondamentale per la nuova squadra e a questo punto è una follia spendere 35 milioni per un giocatore che forse neanche è titolare!!! in entrambi i casi che palle con sto frattesi.

    • poi parlano se vendono Oshimen chi resta in serie A!? DYBALA, MATIC, LEAO, MAIGNAN, KRAVA..

    • Cucs: d’accordo su tutto, ma il problema è che l’ottimo comportamento delle squadre italiane nelle coppe europee appare molto casuale. E mi spiego.
      Fatti i doverosi complimenti a Roma, Inter, Fiorentina (e a Napoli e Milan), l’arrivo in 3 finali su 3 di squadre italiane è frutto UNICAMENTE dello sforzo e delle capacità di ognuna di queste.
      Lo dico perché voglio sottolineare che il “sistema calcio” (come molti altri sistemi in differenti branche) in Italia è totalmente vecchio, marcio e (per essere diplomatici) non trasparente.
      Che poi è quello di cui noi tifosi ci lamentiamo tutte le settimane, almeno per quanto attiene all’aspetto tecnico (gare).
      Il problema più ampio, però, è che quel sistema che favorisce sempre le solite 3 da più di 30 anni, ha condotto il sistema stesso a collassare. Se vendi meno diritti TV, ad esempio, è perché anche televisivamente la Serie A fa pena. Ma per costruire o rinnovare vecchi stadi, la trafila in Italia è così lunga, faticosa e dispendiosa, che quasi nessuno lo propone più (tranne nel caso Juventus, a cui stranamente il comune di Torino ha fatto ponti d’oro per la costruzione dello stadio).
      Meno diritti TV e, inoltre, suddivisi in modo tale da favorire sempre e comunque i soliti. Questo abbassa la competitività e quindi riduce lo spettacolo.
      E infatti stiamo vedendo come le offerte per i diritti televisivi stanno toccando il minimo storico.
      Tutto questo si trasforma in meno introiti, la cui conseguenza è che sono pochissimi gli investitori esteri che arrivano in Italia e quindi tutto rimane impaludato. Peccato che con la crisi economica che c’è (unita ai vincoli Uefa), ciò si trasforma in un ulteriore impossibilità di attirare/trattenere campioni e fuoriclasse, con un ulteriore scadimento dello spettacolo e così via in una spirale mortale per il sistema.
      Se ci fossero gestori e politici lungimiranti, capirebbero che gli eccellenti risultati di Roma, Inter, Fiorentina, Napoli e Milan potrebbero essere il buon motivo per riformare STRUTTURALMENTE il sistema calcio, in modo tale da intraprendere un percorso che a medio e lungo termine comporterrebbe un maggior benessere per tutti (e non parlo solo di benessere per le società sportive, ma soprattutto di indotto). E (e non è manco poco!) in tornei più equi e divertenti da guardare per noi tifosi.
      Però, evidentemente, a qualcuno sta molto bene così e pensa a difendere solo i 3-4 soliti noti, invece di fare il proprio lavoro, che dovrebbe essere di pensare al beneficio comune…

  2. La Roma è ferma ad una valutazione di 30 milioni lordi; a 35 il Sassuolo vende, quindi basta fare un passetto (32?) e siamo a dama. C’è tempo. Il vero problema resta la punta titolare, quella che segna 18-20 gol.

    • @Stincogrigio…Schick er Mezza Tacca,è perennemente infortunato.
      Poi bisogna acquistare il sostituto del sostituto di Abraham.
      Aripjate,compà 🔅

  3. Marione purtroppo ha ragione, la Roma non ha big appetibili sul mercato, i suoi giocatori più forti sono Smalling che ha la sua età e quindi non ha un reale valore di mercato e Dybala che ha una clausola e può andarsene quando vuole per due spicci, stop.
    Ibanez può avere mercato perché è giovane ma la fine della scorsa stagione è stata tragica, purtroppo non abbiamo un Salah o un Allison che dici vanno trattenuti perché ti arrivano offerte indecenti, vedremo se riusciremo a tornare al livello di avere problemi a trattenere i giocatori perché troppo forti.

    • MarcoLL via piccioni formellesi, cesaroni commercialisti e riommers da sto sito, solo veri romanisti 🐺🐺🐺

      Dice così perché ha solo che da denigrare e tu che gli dai retta non puoi che essere un laziale o un cesarone

    • Laziale ci sei tu che neghi la realtà, il calciomercato è davanti agli occhi di tutti. Marione sarà pure laziale ma la verità è verità, poi se non volete accettarla e pensare che cristante o pellegrini siano top player aspettiamo le offerte da 60/80 milioni come a tonali.

    • MarcoLL via piccioni formellesi, cesaroni commercialisti e riommers da sto sito, solo veri romanisti 🐺🐺🐺

      Tanto Tonali farà panchina, vuoi vedere? E poi finiamo in quelle posizioni là mica per colpa di Pellegrini, Mancini o Cristante, stiamo là per colpa di arbitraggi squallidi che vogliono favorire le solite.. pensi che la Lazie arrivata seconda abbia la squadra più forte della nostra a livello di titolari??? Non prendiamoci in giro. Della Lazie prenderei al limite solo Milinkovic per il centrocampo, degli altri posso anche fare a meno

  4. C’è qualcuno che spiega a questi minorati che fare una plusvalenza significa realizzare una differenza positiva tra il valore residuo di un giocatore in bilancio (cioè costo d’acquisto meno ammortamento) e il prezzo di vendita, ma che quanto hai incassato in denaro non si volatilizza?
    Quindi la vendita dei giocatori ex primavera e Kluivert, più Perez e quanti partiranno a breve, porteranno nelle casse della Roma circa 40 milioni, soldi che possiamo spendere nel mercato, sempre rispettando le limitazioni imposte, tra cumulo ammortamenti e stipendi giocatori annata precedente e raffronto con la attuale

  5. Una ROMA a trazione italiana, Mancini, Pellegrini, Spinazzola, Stephan El Shaarawy, Belotti, Bove, Cristante, Frattesi, mi piacerebbe. FORZA MAGICA.

  6. A Focola’, che te sei ‘ncaxxato co la matematica?!
    Se per Frattesi dici che ce vonno 35 mijoni, la ROMA ha iĺ 30% come c’arivi a 15 mijoni pe portallo a casa?!🤔🤦‍♂️
    Te s’è sfasata a capoccia me sa !!!
    FORZA ROMA

    • 10 milioni Volpato e Missori, 10 milioni la percentuale sul valore dato al calciatore dal Sassuolo (35) secondo te quanti ne mancano ad arrivare a 35? A sto giro te sei incartato te

  7. Frattesi mi piace piu’ di Sanches e sarei contento se lo prendessimo .. in alternativa preferirei anche Sabitzer a Sanches ..

  8. Far passare Frattesi per un novello Ancelotti mi pare esagerato, non è il calciatore che ti cambia il risultato.
    Sono del parere di prenderlo solo se questo non comporti di accontentarsi nella scelta del centravanti che rimane la priorità di mercato.
    Forza Roma

    • Al centravanti devono pure arrivare delle palle decenti, e non con abulica lentezza. Sembra un cane che si morde la coda…

  9. ho letto che staremmo proponendo un prestito oneroso di 10mln con riscatto di 25….
    se proprio lo vuole mou, allora proponiamo un prestito oneroso di 3mln di bove e di 10mln per frattesi, poi noi obbligo di acquisto a 25mln per frattesi mentre bove rientra dopo aver giocato parecchio per 1 anno

  10. Ecco, ci serve un bel terzino sx e sarebbe il caso di portare via Acuna da quei falliti ladroni di coppa in svendita totale.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome