Pallotta-Friedkin, nuovi contatti tra i legali lo scorso weekend

31
2144

ULTIME NEWS AS ROMA – James Pallotta e Dan Friedkin sono tornati a parlarsi, seppur non direttamente. Stando a quanto racconta il sito “romapress.net“, lo scorso sabato ci sarebbe stata una teleconferenza tra i legali del texano e quelli del bostoniano.

Le parti dunque hanno ripreso i contatti dopo il no di Pallotta all’ultima proposta avanzata da Friedkin per rilevare l’As Roma. C’è dunque ancora da parte del gruppo texano di presentare una nuova offerta al presidente del club giallorosso.

Resta però grande incertezza sul buon esito dell’affare: resta da capire quale sarà il rilancio di Friedkin e se sarà sufficiente a convincere Pallotta a cedere il club, visto che il divario tra domanda e offerta resta ampio.

Fonte: romapress.net

31 Commenti

    • Marcoilpolo….
      Ogniqualvolta c’è un articolo che riguarda l’attuale proprietà sei sempre celermente presente, con post “ben posizionati”, affinché siano visibili a tutti….
      Spesso nel medesimo articolo rientri più volte per confutare le tesi altrui e a fare spot all’azienda (non ALL’ASROMA)…. Quasi non avessi niente da fare o meglio, magari, questo é il tuo “da fare” ;
      Difendi l’indifensibile ma sei lucido e nemmeno provocatorio, esponi le tue tesi in maniera chiara ancorché senza fondamento (la difesa strenua dell’attuale proprietà)….
      Il tuo italiano é fluente spesso ricco di aneddoti, piacevole, tutto sommato da leggere…..
      SEI UNA STAGISTA DI QUALCHE EMITTENTE ALLINEATA VERO??? cioè, scrivi quello che scrivi per lo stipendio, per ragion di firma e non per intima convinzione, giusto???

    • Ma è così difficile rispondere sotto i miei post, in modo tale che sia in grado di leggerli? Comunque, mi dispiace deluderti, ma non sono dipendente di alcuna emittente, nella vita gestisco un’attività, e il mio lavoro non è legato al calcio. Poi, se per voi non vivere di luoghi comuni e ragionare in maniera differente dalla massa, significa essere asserviti, non è un problema mio, io sono una persona indipendente e che non ha paura di esporre le proprie idee.

    • No, non é difficile, solo un errore di posizionamento…. in fondo, a mio parere, capita anche a te… e spesso….
      Ti do anche io una notizia……
      NON c’è nessun VOI, non faccio parte di nessuna milizia, sono indipendente e la mia era solo una curiosità.
      Grazie per avermi risposto….. Sai, in fondo in fondo, avrei preferito per te, pur non conoscendoti, che scrivessi ciò che scrivi per contratto e non per convinzione….. ma, così va la vita.

  1. La controparte dovrebbe ormai sapere bene a quali condizioni cede l’attuale proprietario, e soprattutto, che volente o nolente non ha alcuna urgenza di cedere, dato che non ha dato mezzo segnale d’insolvenza. La realtà è questa, poi se ancora volete credere alla storiella della Roma sull’orlo del fallimento e con un proprietario che va in giro col piattino in mano, è un problema vostro… è come credere alle scie chimiche e al complotto lunare.

    • Non ha alcuna urgenza di cedere è una bella battuta, tra poco sono finiti pure i cetrioli, a forza di metterceli in quel posto. O leva le tende o ricapitalizza lui, perché ormai l’hanno rimasto solo.

    • “L’hanno rimasto solo” che lingua è?

      Comunque, la situazione è ben diversa da quella che vi raccontano, seppur non sia delle migliori.

    • me la spieghi la reale situazione? sai son ignorante in materia fiscale..ps: non sono ironico 🙂 grazie.

  2. Sbrigate Frikden altrimenti Pallotta ce manda falliti almeno così dicono i radioloni, che poi oltretutto, mi sa che a loro gli piacerebbe proprio vedere una Roma fallita, che rinizia da non si sa in quale serie, ma con una bella cordata alla carbonara come proprietà, il nome probabilmente si potrebbe mantenere, ma AS lo perdiamo, va beh che ce frega ci mettiamo TF Totti Mariolone

  3. Basta aspettare. La Roma a certe cifre non la compra nessuno e questa proprietà non è in grado di gestire la società a livelli per loro decentemente remunerativi (a causa dell’enorme debito creato). Pertanto a breve si potrà comprare la società a 2 spicci che, per come è stata gestita, sono comunque un’enormità. L’unica circostanza che potrebbe influire negativamente su una cessione è il via libera alla costruzione dello stadio. In questo caso il prezzo aumenterebbe a dismisura perché aumenterebbe esclusivamente il valore patrimoniale. Però anche con la costruzione dello stadio la proprietà continuerebbe a fare plusvalenze, ad aumentare i debiti e a indebolire la squadra non vincendo nulla. E allora chi se la comprerebbe una società che costa una cifra assurda perché ha uno stadio di proprietà che è frequentato al massimo da 23 mila tifosi, che ha debiti mostruosi da appianare e con una squadra e una dirigenza completamente da rifondare? Che, stadio a parte, è il problema per cui oggi non abbiamo un novo proprietario.

    • Un via libera alla costruzione dello stadio aumenterebbe il valore del pacchetto,ma di quanto? Uno stadio da finanziare e costruire. Anche se la società T d V valesse 100 mln in più,da adesso ad allora,quante perdite accumulerà ancora la società? Non cambierebbe molto rispetto ad ora considerando che dovrebbero anche completare l’aumento di capitale

  4. Hai capito tutto, come tuo solito. Se volete sperare che arrivi un gruppo industriale con un fatturato importante, DOVETE AUGURARVI che lo stadio venga realizzato, perché contribuirebbe a creare ricchezze che ad oggi non ci sono. Ma veramente ancora pensate che determinati soggetti, se dovessero acquistare la Roma lo farebbero per il Colosseo e per il biondo Tevere? Poi, fosse una città imprenditoriale, lo potrei pure capire, ma da questo punto di vista, posso assicurare che addirittura BUCAREST è una capitale più avanzata, a ho detto tutto.

  5. Muoversi Daje Fred… chiudiamo sto contratto prima che gli ultimi buoi validi (Dzeko e Zaniolo) scappino dal recinto.

  6. Daje friedkin dajeeee forza romaaaaaaaa❤❤❤ daje preside’!!! Caccia l’ intruso perdente focenense e s’ abbracciamo!!!!

  7. Per favore salvaci. Non lo posso vedere più manco in foto pallotta, c’ha la faccia di uno che si magna la pizza con l’ananas.

    • A davide m’ hai fatto taja ahahahaha forza romaaa

    • “uno che se magna la pizza con l ananas”…… geniale rende l idea del soggetto e non come persona fisica, ma de soggetto inteso a roma

  8. Marcoilpolo se sei il depositario della verità te che difendi questa proprietà dicendo che a Roma non si vince per colpa dell’ambiente siamo a posto. Hai scritto: “Hai capito tutto, come tuo solito”. Chi sei per esprimere considerazioni sulle altrui opinioni facendole passare per prive di qualsiasi ragione logica. Tu, invece, cosa hai capito, che se difendi questa proprietà hai possibilità di lavorare nella Radio ufficiale? Fai il Pallotta boy che così dimostri quanto capisci come tuo solito!

  9. Davide ma secondo te il mangiatore di pizze con l’ananas sta ancora aspettando lo Stadio per racimolare più soldi? Ma poi non si rischierebbe di andare troppo per le lunghe?

    • Sullo stadio mi sa che il comune finora a pallotta gli ha fatto la supercazzola prematurata come se fosse antani con scappellamento a destra. Forse gli conviene sbrigarsi, che chi vive sperando…

  10. Niente di nuovo sotto il sole . Di tempo al Gruppo Friedkin per acquisire la Società ne rimane ben poco . O formula un’offerta veramente allettante o esce per sempre di scena.James Pallotta ne attende molto serenamente le mosse….

    • Ma basta, molto serenamente stiamo chiudendo bottega! Ma occupati dei nipotini, del cane, del gatto, lascia perdere la Roma, che non abbiamo più neanche le lacrime per piangere.

  11. Pallotta può pensare ciò che vuole in testa sua, anche che la Roma vale 1200M ma la sostanza non cambia, ce l’hai un compratore che te li da? Si. Perfetto allora cedigli subito la Roma. Non ce l’hai, cosa ad oggi incontrovertibile, allora devi parlare con chi ti sta facendo un’offerta. Se ne facesse una ragione Pallotta perché questo club in queste condizioni non ha certo l’appetibilità di prima. Al netto dell’aumento di capitale la Roma ha debiti, ma non sarebbe neanche questo il problema, la realtà è che per rientrare di quei debiti ha una lista di giicatori di cui la maggior parte è inguardabile o puoi solo trarne minusvalenze il che è anche peggio. Wuindi la Roma se non passa di mano sarà costretta a smembrare la squadra dei giocatori più apprezzati sul metcato e rimarranno il solito brsnco di pippe che da anni circola a trigoria. In più visto il regime di ristrettezze neanche ti puoi aspettare grandi nomi in arrivo, il tutto quindi ti fa pensare ad un roseo futuro con Pallotta ai margini del calcio.

  12. Ormai le voci su Kluivert ed Under si fanno sempre più insistenti, come quella su Pedro.
    La mia speranza è che la nuova proprietà Friedkin riesca a trattenere entrambi.
    Questa è sempre stata ed è ancora adesso l’unica mia preoccupazione: riuscire a tenere i migliori, specie i giovani, evitando di appesantire ulteriormente il monte ingaggi con stipendi pesanti dati a giocatori trentenni.
    Col cambio societario credo questo possa essere un’obiettivo più facile da raggiungere.
    Mi auguro che Pallotta si renda conto che non è possibile tirare avanti per inerzia in attesa di un compratore.
    Sarebbe un lento scivolare verso il baratro.
    Allo stesso tempo spero che lo stesso Friedkin sappia fare quel passo in avanti per concludere una volta per tutte questa estenuante trattativa.

  13. Marco il Pollo, non basta sapere scriver in italiano fluente, bisogna dire cose che hanno un senso e un riscontro nella realtà.
    1. lo stadio a tor di Valle non si farà mai e se anche fosse approvato non verrebbe costruito dati i costi insostenibili senza i ricavi dei famosi 500.000mc ad uffici che a Roma non vuole nessuno.
    2. l’AS Roma ha fatto un campionato disastroso ed ha una rosa giocatori modesta e una dirigenza allo sbando. Ha una situazione economica disastrosa che si vedrà nel tempo se avrà una soluzione positiva o meno.
    3. la scelta imprenditoriale di Pallotta, L. Parnasi e Unicredit di cercare di sistemare i debiti di L. Parnasi nei confronti di Unicredit della società capogruppo Parsitalia mettendo in gioco i 500.000mc ad uffici è fallita; Parsitalia è sotto istanza di fallimento con varie udienze rimandate e senza il Covid sarebbe già fallita (vedi trattativa Vitek ormai tramontata).

    L’unica cosa giusta che hai detto, ma hai scoperto l’acqua calda, è che Roma come città fa schifo.
    Tutti gli operatori internazionali hanno smesso da tempo, almeno da 20 anni, di investire a Roma, fatta salva la ricerca di alberghi di lusso al centro storico, ma guarda un po’solo perché c’è il Colosseo, il Vaticano, ecc. e in un mondo basato anche sulla pubblicità SPQR tira ancora.

    Ad ogni modo stati tranquillo, un altro po’di governo grilino e tutti i simboli e le iscrizioni di Roma antica verranno cancellati perché la società romana e poi vaticana era basata sulla schiavitù e il colonalismo.

    Perché questo articolo farlocco? Semplice è tutto legato alla cortina fumogena creata ad arte per inquinare la procedura di fallimento di L. Parnasi con la sua capogruppo.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome