Pallotta, la caccia all’erede è già iniziata

131
4001

AS ROMA NEWS – Dopo il no di James Pallotta alla proposta di Dan Friedkin, la Roma aspetta di conoscere il suo futuro. Che sarà ancora col bostoniano, visti i rapporti ormai freddissimi con il connazionale nato in California e stabilitosi in Texas. Ma il regno di Pallotta nel club giallorosso non dovrebbe comunque durare ancora molto.

La caccia all’erede, scrive oggi la Gazzetta dello Sport (M. Cecchini), è già iniziata. Il presidente della Roma verserà 42 milioni per completare la sua parte di aumento di capitale e probabilmente cercherà nuovi finanziamenti da banche Usa e farà “factoring”, cioè anticipazione di crediti sui futuri guadagni.

Ma il suo obiettivo, rivela il giornale, resta quello di vendere la Roma. E nel peggiore dei casi lo farà nel giro di tre anni. Nel frattempo Pallotta spera in una rivalutazione del club che gli permetterà di uscire con una plusvalenza in tasca, cosa che non gli avrebbe garantito l’ultima proposta di Friedkin.

Fonte: Gazzetta dello Sport

131 Commenti

  1. Tre anni di sottobagno per i rinnegati formellesi!
    Magari nel frattempo vinciamo pure,cosi sono rinnovabili con altri tre! Al ponte dell’ Ariccia c’e gia la fila! W il presidente!

    • Stefano, che hai avuto gli incubi stanotte,la tua è una fissa,sii un po’ piu’ sereno.Se rimarra’ James gli faremo presente che ha un fan da medaglia,puo’ darsi ti porti a Boston,con buona pace di tutti.
      Buona giornata.

    • Considerando i dannosi effetti dell’ assunzione di Thc sugli organismi degli ultra65enni, pare che Vasco Rossi abbia smesso. Ma non tutti sono d’accordo…

    • Ao, so’ giorni che fai il pieno di consensi. Per caso Omino Buffo li valuta un tanto al Kg?

    • Fa piano che in 3 anni te poi rilancia anche da più alto e in 3 anni er botto lo fai anche più grosso.
      Se poi sto rilancio passa per la smobilitazione così come sta per avvenire comprate er paracadute.
      A proposito la sera stai più leggero che poi fai brutti sogni.

    • Vedo che hai seguito il mio consiglio di alzarti presto e postare per primo Stef55; tuttavia se continui a fare l’arrogante e il pro Pallotta il risultato lo vedi. Dai con un pò d’impegno ce la puoi fare….

    • Finalmente qualcuno dice quello che accade. La Roma non va avanti con i soldi di pallotta, ma con i suoi: pallotta fa solo anticipare le fatture – portare le “fatture allo sconto”, come si dice in gergo – dalle banche. Sostanzialmente usa i soldi dei ricavi futuri per sopperire alle esigenze finanziarie attuali, generando di fatto un “debito nel futuro”. In questo modo chi avrà i problemi, è chi acquisirà la squadra, in quanto non potrà contare sui ricavi di esercizio. Semplice no? Tutto abbastanza chiaro. Ecco perché Friedkin una volta effettuata la due diligence ha visto al ribasso il prezzo iniziale.
      Ricordo che i soldi dei diritti tv della Roma, sono della Roma, non di Pallotta.

      Inoltre si parla di progetto. Ora abbiamo il progetto a mediotermine, ovvero quello a sei mesi: perché l’intento chiaro, è quello di vendere la Roma entro dicembre. Dopo il mercato, inizieranno le nuove trattative, e magari, tra dicembre e marzo l’iter sarà completo. Della serie: indebito la squadra, non vendo nessuno, poi ci pensa chi verrà. Il classico comportamento di chi tiene alla Roma.

      E pensare che c’era una famiglia che per garantire la continuità e la competitività della squadra, si è venduta i propri averi per centinaia di milioni d’euro. Quella famiglia che oggi parecchi indegni pseudotifosi apostrofano e additano.

      “prima i campioni e poi gli abbonamenti”. E oggi vanno a braccetto con Pallotta, anzi, lavorano per lui.
      Questi sono il male della Roma, non altri. Chi vi racconta menzogne non per i biglietti che non riceve, ma per i soldi che gli vengono accreditati sul conto corrente.

  2. Secondo me la Roma passerà di mano e Friedkin ne diverrà
    presidente.

    Come c’informa Radiolone direttamente da Lar(e)do (Tx) – il suocero di Friedkin, il magnate italo americano Francis Ioni, meglio noto come Checco Ioni, e i suoi soci – il missouriano lettone Antony Queen Riga, detto anche Riga Tony, e il croato brasiliano lucano Amantino Buka, alias Buka Tino, hanno appena acquistato a peso d’oro su Amazon nientemeno che la maglietta di Juan Jesus da porre poi in un’asta di beneficenza presso la FUFFA (Federal United Friedkin Foundation Austin).

    La trattativa continua.

  3. Pallotta può,giustamente,decidere di vendere la Roma al prezzo che ritiene congruo,il problema è che non mi sembra ci fossero anche prima soggetti all’orizzonte interessati e sicuramente non a soddisfare la sua valutazione,perchè,poi,la valutazione congrua la fa il mercato.Rilancio del progetto?Non ci crede nessuno,neanche Pallotta che,secondo me punta tutto sulla chimera stadio,poveri noi!Anche lo spazio per lo sponsor sulla maglia era valutato una cifra fuori mercato da Pallotta che non aveva capito che il nome Roma da solo non basta e,pur “abbassando” le pretese a 25 mln,nessuno sponsor si è minimamente avvicinato a quella cifra per una Roma con Bradley,Piris e compagnia cantante,risultato niente sponsor per 7 anni e,alla fine,dopo una semifinale di CL ecco lo sponsor,prestigioso che,però,paga(siamo all’ultimo anno dell’accordo?) 13 mln l’anno e…rinnoverà? Per questo penso stia puntando tutto su uno stadio che quando vedrà luce? Difficilmente si giungerà alla conclusione con questa giunta e,se non si risolvono i problemi di viabilità,chi si prenderà la briga di dare il via libera?C’è veramente poco per essere fiduciosi!Di suo rischia poco,noi rischiamo tanto!

    • Hai perfettamente ragione. Diciamo che Pallotta sta lavorando per l ultima stecca , penso venderà qualche pezzo importante, sta definendo a chi e come ( in termini di garanzia e sicurezza) e poi saluterà. Le sue richieste sono fuori mercato e lo sa, fa la moina. Ho postato ieri una valutazione seria della Roma ante Covid fatta da KPMG e per chi sa usare l Aritmetica non la matematica capisce che la Roma in questo momento non ha valore ( 1 euro simbolico). Del resto il giochino Roma gli ha portato una montagna di denaro e gli duole lasciarla ma ormai è al capolinea e lo sa.

    • Certo,anche perchè se si pensasse realmente ad un rilancio e ad una rivalutazione della AS Roma che è una società sportiva,dovremmo stare tranquilli sul mantenimento degli asset di valore perchè non avrebbe senso svenderli al livello imprenditoriale,ma,quando sei con l’acqua alla gola e la società sportiva è solo il mezzo per un progetto edilizio finanziario,si punta solo sul via libera al progetto Tor di Valle e poi,vendi quello e chi è interessato si accolla anche il mucchio di debiti di quello che era un club di calcio! Il problema è che sappiamo tutti che così come è stato rivisitato il progetto dai 5 Stelle manderebbe in tilt il traffico di un intero quadrante,altrimenti sarei stata più fiduciosa visto che il progetto con le opere per la viabilità precedentemente previste e gli altri nodi risolti,avrebbe potuto essere un volano anche per tutti gli altri progetti in quell’area e,vista la crisi economica,anche la politica non avrebbe potuto chiudere gli occhi!

    • Monika Picasso
      Buongiorno

      Come non condividere quanto da Voi espresso.

      Tor di Valle è l’ultima spiaggia per Pallotta, comunque il prezzo da pagare sarà solo nostro.

      Intanto prepariamoci più che ad un rilancio ad una smobilitazione, vediamo se il main sponsor rinnova ed a che cifre, prima dello sponsor sara da augurarsi che l’uefa fermi il F.F.P. altrimenti il futuro potrà riservare per noi una nuova Waterloo o se preferite Caporetto.

      Intanto fra tutti i “grandi club europei così recita il ranking” solo noi non siamo all’interno di grandi trattative di mercato, mentre ci sono club italiani che già da gennaio hanno rifatto l’intera squadra per la prossima stagione (vedi il Napoli al quale è rimasto l’ultimo tassello del centravanti e poi ha completato il mosaico) addirittura Atalanta e Lazio sembra abbiano preso un margine troppo ampio per recuperare con un nuovo progetto che fa acqua gia prima di iniziare…. ammesso che prima di questa ultima illazione ci sia mai stato in realtà un vero progetto se non solo quello di fare trading e speculare sulle concessioni edilizie ed un piano regolatore che ancora non trova sbocchi.

      Che dire amici, godiamoci questo 2 giugno e prepariamoci alla futura sofferenza che ci viene propsta da chi Roma e la Roma la vede solo in fotografia e del quale non mi sento assolutamente rappresentato.

    • Ma se ha rifiutato l’offerta di Friedkin proprio perché sennò ci rimette un sacco di soldi investiti finora!!! Siamo sopra i 350 milioni di euro senza contare il calciomercato… ma perché parlate senza informarvi???

  4. Ci si prospetta una bella estate.
    Da una parte i pippanera che rischiano di vincere uno scudetto.
    Da L altra pallotta che rimane presumibilmente vendendosi pure le scrivanie di Trigoria e facendo altri buffi ( ora si chiamano factorinG)

  5. Il problema più generale e male atavico della Roma è che siamo sempre stati e passati di mano a proprietari squattrinati o poco ricchi. Ce lo vogliamo dire tra noi si o no?? Rammento i più recenti… Da Anzalone a Viola (che vinse xche imbiffo’ una squadra pagata 2 lire sennò col kaiser) ciarrapico sensi(che x fare grande la Roma pochi anni si è rovinato) fino agli americani.. Forse i più ricchi ma non tifosi quindi non particolarmente propensi a spendere! Vi rammento che se anche non compravano loro l alternativa era un certo sor Angelucci… Un Lotito 2 la vendetta! Sono sempre mancati grandi e munifici proprietari a Roma.. Stile Berlusconi o Agnelli prima o stile Al Kelaifi ora! Tanto senza I soldi non vinci. Guardate il psg o il Chelsea da qndo c è Abramovich.

    • momento, gli imprenditori da te citati hanno investito per diversi motivi che non sono minimamente legati al calcio, per Berlusconi era un modo per farsi pubblicità in vista delle elezioni, la proprietà degli Agnelli della Juve risale a decine di anni fa ed è legato al “dominio” sulla città che essendo casa dei savoia era un modo per entrare a corte, Al Kaleifi non è il proprietario ma il presidente, tutta la baracca appartiene a fondo sovrano del quatar che controlla anche moltissime attività in Francia. Alla Roma non è mai arrivato nessuno di influente perchè la città non è mia diventato un centro politico-economico-finanziario

    • Lasfiga ha ragione ma a me sarebbe bastato un imprenditore serio stile De Laurentis o Percassi per capirci. Pallotta lo contesto solo dal punto di vista imprenditoriale, la colpa forse non è sua ma di chi lo ha disegnato così ( Jessica in RR). La stampa ha le sue colpe e lui ha fatto le sue dichiarazioni. Saputo, imprenditore capace e serio ha preso il Bologna e non ha mai detto che lo avrebbe portato a vincere tutto eppure i mezzi per farlo li avrebbe avuti ma evidentemente ha capito che è meglio essere concentrati sul proprio core business e fare le cose Finanziariamente corrette , il Bologna è una società sana, stessa cosa il Napoli Per non parlare dell Atalanta. Adesso vedremo il progetto Comisso. Lotito lo puoi odiare ma imprenditorialmente bisogna accettare che è stato di gran lunga più bravo del ns Pallotta. Oggi Pallotta riconsegna una Roma che vale zero dal punto di vista finanziario. L unica opzione che potrebbe dare un valore all acquisto della Roma potrebbe essere lo Stadio ( oggi non ne sono neanche tanto sicuro) e quella opzione appartiene alla Roma grazie alla legge Melandri , non l ha certo creata Pallotta , sia chiaro.

    • Picasso, Lotito, De Laurentiis e compagnia cantando, sono la principale ragione per cui il campionato italiano ha scarso appeal e attira pochi investimenti. Parliamo di imprenditori che adottano modelli che probabilmente erano già vecchi negli anni ’90, e gestiscono le rispettive società in maniera molto casereccia e spartana. La prova lampante di tutto ciò, è che nonostante queste squadre abbiano disputate diverse stagioni positive, i club continuano a fatturare poco, segno che evidentemente dal punto di vista del marketing e della valorizzazione del brand, il loro lavoro è stato pressoché inesistente… oltre del fatto che è prova lampante del fatto che le coppe nazionali contano davvero poco, visto che, fino a prova contraria, uno sponsor importante ha bussato alla porta di un altro club dopo una semifinale di Champions, quella che “non va in bacheca”.

      Percassi già adotta un modello più moderno, ma volente o nolente, una società come la Roma è davvero troppo cara per imprenditori di questo genere, e quindi necessita di un consorzio (non uso altri termini, per non scomodare qualcuno) che abbia una determinata forza economica.

    • Fra, scusa, adesso sarebbe un motivo di demerito fare le cose per bene con risorse limitate? Hai detto alcune cose giuste: Viola spese una robusta cifra per Falcao, ma poi fu bravo a scovare qualche giovane di grande valore (Ancelotti, Nela) e fece il resto con l’usato (Maldera, Prohaska) e prestiti (Vierchowod). Soprattutto avviò un progetto tecnico con Liedholm e costruì la squadra tassello dopo tassello.
      Nessuno si strappa i capelli perché non hai i soldi per fare due guerre. Ma se non hai i soldi cerca almeno di supplire con la serietà e la competenza.
      Calamity James non è né l’uno né l’altro: è un millantatore che si è presentato con parole roboanti e non è stato in grado di mettere in piedi un progetto organico in nove anni. Povero di mezzi e di idee. La crescita costante si è avuta solo alla voce debiti.
      Per il resto, un tirare a campare con la roulette delle plusvalenze, una pessima gestione della comunicazione, un’arroganza insopportabile, decine di frottole e prese in giro. Sta raccogliendo quanto seminato, nulla più nulla meno.

    • Marco
      Ma vai a cena con Stefano 55

      State leggeri la sera altrimenti invece dei sogni cadete nell’incubo.

      Se non hai capito la strategia di ADL lascia perde non puoi essere un tuttologo.

      La vera perla di ADL sono i diritti d’immagine, quando avrà fatto il pieno saluterà tutti alla faccia del calcio e delle sue regole.
      Qui ognuno fa il proprio interesse e Pallotta ha sbagliato città oltre che squadra.

      Hai raccontato la storia della volpe e l’uva sotto un’altra chiave, ma la volpe non è quella che tu pensi…. di volpi siamo pieni in Italia al più Pallotta somiglia ad un procione.

  6. Rod, io non ho mai capito una cosa, ma perche un imprenditore come Pallotta o chi per lui dovrebbe prendere una societa di calcio per rimetterci! Per far contenti noi? Il tanto osannato Friedkin che pensi che vuole aquistare la Roma, solo per far si che non si vendano Zaniolo o Pellegrini? I tempi dei Sensi e Viola sono passati,aprite gli occhi!

    • Infatti nessuno ci vuole rimettere, solo che frutta e verdura è un totale incapace, nella migliore delle ipotesi.

  7. W la Repubblica degli Italiani
    Via subito i politici corrotti e incompetenti.
    W la Roma dei Romanisti
    Via subito pallotta e tutta la sua corte di circensi e fenomeni da baraccone.

  8. Desidero che la ns. Magica venga acquistata o da un magnate straricco o da un romanista ricco oppure che si crei un azionariato popolare legato al diritto d’acquisto sull’abbonamento allo stadio che verra’ costruito.

  9. Ormai, tutti pensano a Pallotta, Friedkin, gli arabi, chi più ne ha più ne metta. Domanda (volutamente) provocatoria: ma dell’AS ROMA in questo momento, interessa niente a nessuno? Cortesemente, evitate frasi del tipo “Calamity James/Omino Buffo sarà sinonimo di bancarotta”, perché significa semplicemente parlare del NULLA e tirare acqua al proprio mulino.

    • Guarda che quando scriviamo (es.) “pallotta go home” parliamo della ASRoma, della sua/nostra liberazione, della sua/nostra salvezza, della sua/nostra rinascita.
      Eppure sembrava chiaro… Davvero credi che ci interessa pallotta in quanto persona? Sveja!

    • Proprio perché ci interessa il destino di AS Roma desideriamo con tutte le forze a disposizione che il cantastorie, menestrello, bancarottiere, pervicace perdente, Omino Buffo/Calamity James/Focenense ci liberi della sua sgraditissima presenza a stretto giro di posta.
      E che si porti dietro tutto il codazzo di untuosi lacchè, in quanto inutili anche per un virtuoso riciclo.

    • Rinascita? Salvezza? Liberazione? Basterebbe conoscere (quanto basta) la storia del nostro club dal 1927 ad oggi, per capire che state parlando del nulla più totale, perciò la mia idea rimane sempre la stessa. Oggi, 02/06/2020, del bene della Roma in quanto tale non gli importa niente a nessuno, se non ad un gruppo ristretto di persone, e basterebbe dare un’occhiata su questo forum per rendersene conto.

    • Cattivik, ripeto quanto scritto sopra: nonostante trovi “simpaticissimi” i tuoi nomignoli, stai parlando semplicemente del nulla, perciò questo commento conferma semplicemente quello che penso.

    • Quando c’è un presidente che non vale nulla,dei dirigenti come il presidente,è difficile parlare di qualcosa che non sia il “nulla”.

    • Fabiano La Roma deve essere al di sopra di ogni cosa, che siano presidenti, dirigenti, bandiere, e persino i tifosi con cui discutiamo sul web o al bar. Lo so che sono petulante, ma non ho mai avuto la volontà di risultare per forza simpatico, e se devo premere un testo, lo faccio e anche con insistenza.

    • Sono sempre stato dell idea che il Brand Roma potesse avere un grande potenziale di crescita se ben sfruttato. Oggi ho grandi dubbi su come il business del calcio evolverà. Non riesco ad inquadrare questo enorme Fake mondiale del CV ma le sensazioni sono pessime. Vedremo ad ottobre/novembre cosa succederà…Oggi una super Lega potrebbe avere un suo perché..

    • Marcoilpolo anche ammessso che definire Pallotta nei più svariati modi o auspicarne la vendita della Roma se è inutile e non servr a nulla perchè ad iniziare da te tutto questo interesse e affanno per rispondere. Se non siete pro Pallotta, come molti si affannano a sottolineare, se anche voi ritenete che sia meglio che venda,assodato che certamente non è la Roma ma solo un Presidente pro tempore, se alcuni di noi di noi lo chiamano Omino buffo o Calamity o gli si dà del plusvalenzaro e anche fruttarolo dov’è il problema? è un vostro parente? datore di lavoro o cos’altro? è il Presidente,purtroppo,della Società che amiamo e per la quale paghiamo e soffriamo e che gli vediamo distruggere neanche troppo lentamente.

    • Logica ineccepibile, caro Romano1. Glielo ripeto anch’io da un po’… Astenetevi, no? Che ce vole? Poi però arrivano i Divano’s di turno e si fanno prendere dalle crisi isteriche… Boh, valli a capire.

    • Kawa qua le crisi isteriche ce l’hanno solo gli antisocietari.
      Te lo ripeto un’altra volta: astenermi da cosa, dal dire la mia?
      E perchè invece non ti astieni tu dal fracassare le balle tutti i giorni?
      Siete ridicoli con pretese ridicole e con invettive ridicole

    • Ma vedi Kawa, rispetto a un paio di anni fa ora molti con i loro fantasiosi Nick del tipo “Pallotta il Grande” o “Pallotta forever” o altri simili, che Marcoilpolo dovrebbe ricordare, sono spariti,eclissati (almeno con quelle sembianze) e ogni volta che intervenivano (niemte di particolare solo esaltazione del loro Pallotta) acquisivano pure consensi. Ora molti si sono dissociati o quantomeno ci provano, altri negano qualunque loro particolare trasporto verso Pallotta salvo poi redigere una diecina di post a difesa (taluni anche arroganti e offensivi) ma difesa di che? di proclamoni di grandezza svaniti nel nulla, affogati nei debiti con tristi prospettive di ulteriori dolorose cessioni e ancor più rapido ridimensionamento. E poi si può contestare il Presidente della Repubblica, le più alte cariche dello Stato, Ministri, scienziati, illustri personalità, persino il Santo Padre ma non si può toccare Pallotta, vorrei solo sapere il perchè,….perchè è inutile….. forse ma allo stesso modo esaltarlo e se è inutile e non vi interessa a voi ma che ve frega.

      Personalmente continuo a tifare Roma e chiunque scenda in campo con la nostra maglia, contribuisco con abbonamenti vari e altro, quindi pago, e odio Rube e Lazzie ma SBALLOTTA SE NE DEVE ANDARE!

    • Marcodi, la Roma e chi veste quella maglia deve essere al di sopra di tutto e lavorare solo per dare entusiasmo e soddisfazioni ai suoi tifosi e questo dovrebbe valere per ognuno che percepisce una retribuzione in quell ambito. Sono finiti i tempi per cui mi angustiavo vedendo la Roma perdere e scoprire che a Totti e compagnia ( sono tutti uguali ) la sera erano a cena in dolce compagnia fino a tarda notte ( sono ragazzi hanno bisogno di sfogarsi e divertirsi) . Adesso se penso che possa divertirmi la guardò altrimenti sono già un paio di anni che a marzo inizio ad andare al mare.. Odio la Juve ma la professionalità di certi ambienti merita tanto rispetto. 11 Tommasi era il mio motto il resto è fuffa..

    • Picasso
      Concordo sull’urolega

      Giorni fa avevo pubblicato un post in merito.

  10. YELLOWRED LIVES MATTER

    Mi associo al perfetto KAWA. Come al solito sempre in sintonia.

    PS: dispositivi di protezione individuale

    • “Pallotta il grande” nun se po’ sentì….😂🤣😂🤣😂🤣😂🤣😂🤣

    • Si Paolo B il suo Nick era proprio : Semplice, “Pallotta il grande” e postava tanto, ora sparito o con altre vesti, quell’altro era Zenone “Pallotta forever” e altri ma questi MarcoilPolo non li ricorda eppure non erano ad es. Totti “per sempre” o De Rossi”forever”, no per loro esisteva e probabilmente esiste solo Pallotta. D’altra parte c’erano anche decine di “In Monchi we trust” nonostante una scandalosa prima sessione di mercato. Ci provano, sono ammirevoli MA NON NE HANNO MAI PRESA UNA a favore della AS Roma, mi sa che portano pure sfiga, guarda vicenda Stadio, infortunia catena e avvento 5 stelle (magari li han pure votati, ci sta).

  11. Poi lancio un’altra provocazione, che ovviamente è rivolta solo a determinate persone. Voi che siete così bravi a contestare, pontificare, dare lezioni di tifo, e via discorrendo… cosa mai avete dato alla Roma? Il vostro amore, l’affetto, il sentimento? A me sembrerebbe neanche questo, almeno a giudicare il comportamento di moltissima gente. Ormai non si parla più di campo, pallone, calciatori e via discorrendo, ma solo di proprietà, complotti, e guerre personali utili soltanto a dare sfogo al proprio ego.

    • Marco
      Se c’è un pontificatore o tuttologo devi rivolgerti al tua amico Adelmo.

      Oppure guardati allo specchio.

    • Bravo la provocazione lanciatela… in faccia.

  12. Bene, ok…., Pallotta vattene, ecc , ecc….nonostante abbia portato grandissimi calciatori, però non pensiate che arriverà lo sceicco con trofei già assicurati. Io mi auguro che la Roma diventi un top d’Europa, ma sarà moooooolto difficile, e pertanto se mai non dovessimo vincere come con Pallotta mi raccomando massima coerenza e soprattutto di non sparire e di non cambiare nickname.
    P.S.
    Spegnete le radio che quotidianamente hanno
    Forza Roma

  13. Senza modifica societaria ci si prospetta una stagione critica. Pallotta sta spostando oneri sul prossimo esercizio (es.stipendi) e anticipando incassi. Vedremo. Forza Roma!

  14. Scusate, mi è partita senza terminare, volevo concludere con “spegnete le radio che quotidianamente hanno solo l’odio come sentimento principale”
    Forza Roma.

  15. La roma dopo dieci anni di questa gestione , oggi paga il conto…
    Basiamo tutto il nostro introito su diritti tv, Plusvalenze da tre anni sono sbagliate…e champion che sta mancando…
    Tolti questi introiti il marchio roma dove è cresciuto?
    Il valore della società è sopratutto dato dal nome ROMA ,dalla città e sicuramente non per i risultati sportivi che sono deludenti….
    Ci dicono che siamo cresciuti come società (austini)ma lunica cosa che è cresciuta sono i debiti record..
    Siamo tifosi della roma no per le vittorie ma per uno spirito di appartenenza abbiamo sempre vinto poco lo sappiamo…
    Ma che ci dobbiamo anche far andar bene questo ridimensionamento ogni anno e se ai manifesta malumore non siamo tifosi attaccati alla roma e veramente triste per chi lo dice…

  16. I cesaroni non si vogliono rassegnare, tutti scrivono dell’imminente passaggio di consegne a questo o a quello e tutti guarda caso sono spalatori di fango ahhaha Poi una precisazione, a Roma città, i cesaroni se esistono non parlano ahahah qui parlate in 8 e tutti hanno il dubbio che avete 4 nick a testa ahahha E a proposito di usanze dell’antica Roma, ieri leggevo una farneticazione del collezionista di pollici versi che ribaltava addirittura il significato del pollice all’insù e quello all’ingiù nei giochi circensi ahahhah ma riferendomi solo a pellicole viste chiedo lumi ai ROMANISTI presenti,,che ne sanno di più KAWA,, Cattivik,,, a cui auguro una buona festa della Repubblica.

    • Probabilmente sarà er fruttarolo a risponde e mette i pollici versi, io non conosco un solo sostenitore di questo autentico spiantato. L’altro che metteva i pollici versi era er mitico sceicco de Perugia, pace all’anima sua…

  17. Lasfiga lascia stare i motivi x cui comprano quel club. Il punto è che se sono pieni di soldi spendono. Se non li hai non spendi e non vinci. Poi che queste elargizioni siano fatte x vanità interessi commerciali o altro a noi tifosi interessa poco.. Ma cmq i vari berlusca o al Kelaifi ai loro club fanno o hanno fatto alzare trofei. A Roma giustamente come hai detto tu neanche il puzzo si sente di certi magnati. E non da ora. Da sempre!

  18. È del tutto evidente come James Pallotta che non è certo uno sprovveduto non voglia svendere la ns.Società al primo arrivato. Il prossimo via libera definitivo per Tor di Valle e un generale riequilibrio dei conti faranno sì che dopo la pandemia l’As Roma possa tornare a navigare con il vento in poppa . Dal campo ci si attende dai ns.atleti quei risultati sportivi consoni alle capacità tecniche di una rosa di altissimo livello e all’organizzazione societaria di primo piano . Poi in futuro è molto probabile che si manifestino investitori di grossa caratura internazionale per rilevare il Club . Ma oggi passato presente e futuro passano inevitabilmente per Boston E a conti fatti è la cosa migliore…

  19. Ma quelli che mettono il pollice verso addirittura sulle correzioni, da quale disturbo sono afflitti? Non è un insulto, ma una semplice curiosità, perché è un fatto fuori dall’ordinario.

    • Provo a darti una chiave di lettura, Indiana Pipps.
      I tuoi post sono il vuoto pneumatico ostentato con la stessa enfasi della Sacra Sindone. Ti è più chiaro, adesso? Rilassati.

    • caro Marco,hanno messo i pollici sulle condoglianze e finanche su amici che hanno grossi problemi di salute(eufemismo).Ormai non si guarda piu’ ai contenuti(a qualcuno fanno difetto)ma alla simpatia.Comunque non c’è piu’ nessuno che commenta fatti tecnici,neanche te,anche perche’ ormai ll conquibus è:vende o non vende.Speriamo di si,non perche’ chi verra’ ci fara’ vincere la CL,ma perche’ quando si è toccato il fondo,si puo’ solo risalire.

    • I social sono una creatura di cui si fa un forte abuso. Io sono convinto che se su internet venissero applicate le stesse leggi che esistono nella realtà, moltissime persone assumerebbero un tono totalmente diverso.

      Detto questo, io sono sicurissimo che a mettere più dislike, sia in qualche modo una sola persona, e un’idea su chi è me la sono fatta. Do un indizio: il suo nickname ricorda il soprannome di un fortissimo terzino di San Vito Romano. 🙂

    • Ancora una volta fai un buco nell’acqua e ti sopravvaluti. Già ti dedico fin troppa attenzione così.
      Quanto ai pollici (che per me si potrebbero anche togliere, lo dico alla Redazione) è singolare che non si riesca ad accettare serenamente il giudizio degli altri utenti. Ieri c’era persino chi, subissato dai pollici, sosteneva fossero i laziali… mah.
      Basterebbe, invece, prendere sportivamente atto di una sconfitta. Ce la farete?

    • Almeno io mi correggo. Altri scrivono commenti che farebbero rivoltare Dante nella tomba, e ricevono pure gli applausi!

    • Dai pollici versi che prendi più che delle correzioni e la saccenza che deve essere moderata, poi Marco sei libero di scrivere ciò che vuoi ma scendi dalla cattedra che su questo blog nessuno e superiore agli altri sia che facciano applausi siano eredi di Dante.

      Conta essere romanisti e basta, sei tu quelli che ha scritto di sentirti superiore alla media, quindi prova a fare uno più uno, su questo non ti sei mai corretto, prova a rileggere cosa scrivi e fatti una domanda.

      Parli di pontificatori e poi pensi sempre di essere il padrone della verità.

      Un suggerimento, prova a volare basso.

      Un caro saluto Marco.

    • Dai pollici versi che prendi più che delle correzioni e la saccenza che deve essere moderata, poi Marco sei libero di scrivere ciò che vuoi ma scendi dalla cattedra che su questo blog nessuno e superiore agli altri sia che facciano applausi siano eredi di Dante.

      Conta essere romanisti e basta, sei tu quelli che ha scritto di sentirti superiore alla media, quindi prova a fare uno più uno, su questo non ti sei mai corretto, prova a rileggere cosa scrivi e fatti una domanda.

      Parli di pontificatori e poi pensi sempre di essere il padrone della verità.

      Un suggerimento, prova a volare basso.

      Un caro saluto Marco. .

  20. A James, portame un chilo de pomodori e vatte a butta’ dentro ar fontanone. Ma soprattutto comprate na giacchetta, me sembri la controfigura dell’amico tuo, o sceicco de Perugia!

  21. Cmq ragazzi, non per citare la STORIA del calcio e delle sue società, il milan era sull’orlo del fallimento quando fu venduta, idem l’inter, la juventus, ci metto pure il napoli.

    La fine di una dirigenza è sempre costellata da un percorso simile a quello che stiamo vivendo noi oggi.

    La roma, ricordo, era fallita ai tempi del passaggio a pallotta.

    LA frase classica che voleva: “con lo stadio cambi da cosi a cosi” è vera, anzi verissima e ora vi dico il perche… La roma non è l’inter, il milan o la juve, che hanno una storia ben chiara, ma ha solo il nome e leggende del passato come francesco totti da poter sventolare al mondo ( bandiere cieche per giunta ).

    Detto questo, i soldi veri sarebbero arrivati dagli sponsor che avrebbero fatto a cazzotti per accaparrarsi il loro nome scritto sulel maglie o sullo stadio della AS Roma; stadio che sarebbe stato il piu tecnologico al mondo. Insomma il progetto tor di valle avrebbe attirato investitori stranieri ad investire nella roma, perche questo la roma poteva garantire per il suo futuro.

    VERO CHE, si poteva gestire il parco giocatori in un altra maniera, verissimo, ma se si guarda un po piu oltre il proprio naso, lo stadio era la vera stella, perche ti avrebbe portato tantissimo… quel tantissimo che tu oggi non hai proprio perchè piu di cosi non puoi fare sotto il punto di vista del marketing.

    TI serve un segnale forte, un segnale che ti fa entrare in una nuova era: nuovo stadio, nuovo campo allenamenti, tor di valle sarebbe diventata la casa della AS ROMA…

    In molti non capiscono quanto ha perso questa squadra senza lo stadio.

    Oggi la roma è diventata carne da macello per i soliti schifosi dell’ambiente ( no ma normali i comportamenti di certe radio e giornali, tutto nella norma ) e noi tifosi invece di stringerci intorno alla squadra, la portiamo ancora piu giu.

    Ci hanno derubato e aiutate il ladro a farlo ancora.

    • Tutto vero Lorysan, ci mancherebbe,sono stato e sono tra i più grandi sostenitori del progetto Stadio soprattutto del primo e un antrigrillino straconvinto, tuttavia quando Pallotta ha preso la Roma per circa 100 milioni e una cinquantina di debiti, CI DOVEVA METTERE I SOLDI E ALL’EPOCA POTEVA FARLO in particolare in ragione dei suoi proclami di battaglia e smargiassate varie. Non si può acquisire una Società come la Roma con 4 spicci suddivisi tra vari soci e il resto già da subito a incrementare il debito a carico AS Roma naturalmente (ora arrivato a proporzioni preoccupanti veramente) contando poi per assicurare competitività sulle magie del DS di turno. E’andata bene con Sabatini rimasto fino a quando lo hanno fatto lavorare e drammaticamente con il presunto fenomeno andaluso.
      Per lo Stadio tutti d’accordo ma per quanto riguarda Pallotta e la sua gestione……

  22. Ma se uno ci pensa bene perché lui dovrebbe vendere per rimetterci.
    Finché le banche gli faranno credito, lui potrà tenersi la Roma e venderla al prezzo che vorrà lui, ma d’altronde quale presidente al mondo, vende un club rimettendoci e attenzione le banche se gli faranno ancora credito, mica perché si chiama James Pallotta, perché evidentemente a da dare garanzie in cambio, visto che le banche non buttano o regalano soldi.
    Il passo in avanti l’avrebbe dovuto fare il cowboy texano, la Roma come valore è sedicesimo nel mondo, non si può prendere la palla al balzo del corona virus per fare un prezzo alla strozza

    • Le banche non buttano o regalano soldi? Forse dovresti cominciare a guardare alla realtà, iniziando dalla vicenda di Parnasi o da quelle di De Benedetti (Sorgenia)-MPS…

  23. “Pallotta spera in una rivalutazione del club che gli permetterà di uscire con una plusvalenza in tasca”
    Ma dai? E come farebbe? Scempioons? Ostadio? Le plusva?
    No perché sembra lo stesso metodo di sempre.
    Con i relativi 9 anni di fallimento.
    Quindi non c’è fretta, ma se non arrivano i soldini esterni questo non garantisce neanche che ci iscriviamo al campionato.
    Ma i campioni, arrivano prima o dopo degli abbonamenti?
    Daje jimbond,Roma ti aspetta per mostrarti tutto il suo affetto.

    • I tuoi commenti diventano sempre più ridicoli. Continua così. Nei 9 anni di fallimento ci metti anche i 5 in cui per la prima volta nella nostra storia siamo riusciti ad arrivare sempre sul podio con la conseguente qualificazione Champions? Ci metti anche la seconda semifinale della nostra storia? Forse mi dimentico le decine di coppe europee e gli innumerevoli scudetti che abbiamo in bacheca… giusto, in confronto 9 anni senza trofei sono un fallimento. Ma falla finita che fai più bella figura…

    • Ultimo trofeo?
      Rosella sensi.
      Stadio?
      Olimpico.
      Palmares in 9 anni:
      🌳
      Il resto tutte scuse da falliti.

  24. Marcoilpolo, ormai gli spolliciatori stanno al canto del cigno,e non avendo altro modo per sbollire la loro rabbia, si attaccano pure alle virgole e ai punti.I soliti 4/5 compagni di merende si palleggiano tra loro commenti beceri ,conditi da smancerie degne di un gaypride e risate isteriche.Ogni giorno per loro leggere articoli sul sito e’ una tortura, vorrebbero avere notizie a loro favorevoli,ma non ricevendone la loro agonia mista a rabbia cresce.ma purtroppo il loro eroe ha alzato i tacchi, dileguandosi senza dignita’ e svanendo nelle aride e polverose praterie del texas.

    • Il tuo problema non sono i pollici versi che continui ad accumulare, poco male io ne ho cancontati anche di più ai tempi di Monchi o con Pallotta da quando ha iniziato la svendita (da Pjanic in poi).
      Il tuo problema sono i consensi a favore, 2 il tuo e un parente. Lascia perdere Pallotta è un consiglio, parla di calcio che, secondo me ti dirò, qualcosa ne prendi financo con considerazioni condivisibili

  25. Una squadra amata da milioni di persone che soffrono quando va male, non può essere torturata per altri 3 anni, perchè un vecchio speculatore vuole fare qualche milione in più.

  26. Cattivik certe logiche potevano andar bene 20anni fa ora e lo ripeto… Dopo il funesto affare neymar è stravolto tutto…. Una Pippa come Cristante lo paghi 30 milioni di euro… CRISTANTE!!!!!!! tu pensi che oggi moratti avrebbe potuto prendere Ronaldo dal barcellona(50miliardi)?ma col caxxxo!!! Oggi lo pagavi 300milioni e moratti si ciucciava I diti ma pure Berlusconi.senza contare l ingaggio monstre che gli dovevi garantire. Quindi pensa tu un sensi od un Viola! Oggi senza soldi non vinci.

    • Se hai un minimo di competenza sì però… che soldi hanno atalanta, leicester, atletico madrid? (per dirne alcune tra le meno ricche) Eppure COMPETONO E NON SFIGURANO… NOI, INVECE? Relegati a comparse, comprimari e, dulcis in fundo, spasso e volentieri PURE asfaltati sul campo perché “ce tremano le gambe”… Hai capito sì? Alla a.s. ROMA je tremano le gambe come all oratorio… QUESTO è lo scenario disegnato dal VOSTRO “pollotto il grande”…😏

  27. Fer,quindi Pallotta che dovrebbe fare? Andare via e rinunciare a dei milioni ( che non sono una manciata) per far felice chi tra l’ altro lo contesta,lo sbeffeggia e lo infanga con striscioni diffamatori.Ma sai i [email protected]@@@ulo!

    • Nessuno gli ha ordinato di comprare la Roma. Quando prendi una squadra di calcio sai che ci sono implicazioni sociali.

    • Stef55 se resta non può che continuare a far lievitare il debito e ulteriormente ridimensionare il settore tecnico sportivo. Non c’è niente da fare, non si può continuare a cedere i giovani migliori puntando,per campare, su ultratrentenni in prestito ma con ingaggi estremamente gravosi o su scarti delle cosiddette grandi magari affetti da serie problematiche fisiche e vedi, ad es, Santon, Pastore e Spinazzola per non andare troppo lontrano.

  28. Più che la Roma, quelli che aspettano di conoscere il futuro della Roma siete voi, che non sapete nulla e vi inventate mille storie campate per aria solo per denigrare. Ma piantatela! Cercate un altro lavoro.

  29. Romano1,per quello che riguarda i pollici a favore,meglio pochi ma buoni, sono pollici di sicura matrice giallorossa.Quelli contro sono di dubbia provenienza,e racchiudono un po di tutto! Vedi un po tu……

    • Speriamo di no Stef55 altrimenti dovremmo ritenere che i veri tifosi giallorossiche ti danno consenso sono forse 7/8 più qualche romantico multinick professionale e per tendenza, pensa che serietà.

    • Stefano 55: non è che si deve rispondere a tutto sempre. Quando si è postato su un articolo quattro o cinque volte è sufficiente, no?

    • Non avete più argomenti, è l’unica cosa certa, ve accontentate de Pallotta.

      Pe la Roma io voglio sempre il meglio, questa e la differenza che c’è tra chi gli vuole veramente bene !!!

      Anche se nel tempo abbiamo vinto poco sempre a testa alta e fieri della Roma siamo stati, co sto cantastorie fruttarolo de Boston manco ai mercati generali riuscimo ad alza la testa, forse qualche soddisfazione al mercato del pesce er sor Pallotta se la sta a prende ….si a forza de prende pesci in faccia però..

    • Secondo me 5 sono anche troppi. Pensa che nella realtà non li troveresti 5 folli che la pensano come te

    • Lory questo è il solito teatrino tra le due fazioni.
      Gli articoli sono solo il pretesto per riproporre la consueta noiosa tiritera.
      Io attendo ancora i fatti.
      Quelli mi interessano, in attesa che si riprenda a giocare.
      I fatti relativi alla trattativa di cessione e le decisioni dell’UEFA sul FPF.
      Sulle chiacchiere al massimo commento le possibili trattative di Petrachi.

  30. Mannunentraàà ma chittelofaffaaaà che poi te senti maleee e bbastta (cit, TOTO) GIGGI,,
    ahahhah Stefano55 e rivedite quarche chicca invece de sta rompe ercà ahahhah Forza ROMA

  31. A me fanno morire dal ridere quei pallottari disperati e rancorosi, che col fegato pieno di aceto e bile ti vengono a puntare il dito urlando “cosa farai se la ROMA dovesse vincere l’ Europa League ?”.

    Io muoio dalle risate per ste cosa perché dietro ste domande penose si cela tutto il malessere e il disagio di essere pallottaro : cosa faremo ?

    Dove siamo ? Dove andiamo ? Chi siamo ? Da dove veniamo ?

    Ma piantatela di delirare !

    Quale Europa League ??? Quale trofeo ?

    Co’ pallotto pensi di vincere qualcosa, pollo ???

    Cosa faremo ?

    La stessa cosa di sempre quando si vince con pallotto : niente !

    Perché non si vince mai.

    Cosa farai TU se domani il sole non dovesse sorgere ?

    Ma che razza di domande ridicole sono ?

    Niente : perché il sole sorgerà.

    Due cose so’ certe nella vita, anzi tre

    1 : il sole sorge ogni mattina
    2 : un giorno moriremo tutti
    3 : pallotto in 10 anni ha vinto un bonsai.

    Siete ridicoli : pallotto e’ una persona seria confronto a VOI, e ho detto tutto.

    PALLOTTO VATTENE

    • Stai proprio messo male… non ti è rimasto nemmeno un briciolo di speranza… perché non potremmo fare l’impresa in Europa League? Mai dire mai. Almeno dal mio punto di vista, ogni volta che la AS ROMA scende in campo, è sempre la squadra più forte del mondo. Sarò scemo ma credo che essere romanisti voglia dire questo, tifare sempre e comunque per i colori giallorossi. Tu piuttosto, come fai a vivere il tifo in questo modo negativo? Da quello che scrivi sembra che siamo con un piede in serie B e che ogni anno della gestione americana abbiamo sofferto per restare a metà classifica. E’ incredibile come la percezione delle cose cambi in modo così netto da persona a persona. P.S. Ti svelo un segreto. Nonostante non abbia a cuore Pallotta (maldestro comunicatore e inadeguato come presidente di una società di calcio) bisogna riconoscere che lui non ha mai fatto mercato, non ha mai comprato o ceduto qualcuno ma si è sempre affidato ai dirigenti che spesso gli sono stati consigliati (giustamente come poteva sceglierli da solo se non ha le capacità che servono a livello calcistico?). Lui si è limitato a prendere il DS migliore in circolazione (Monchi aveva questa nomea quando arrivò a Roma) e si è affidato ai suggerimenti di Baldini. Purtroppo è bastata una campagna acquisti sbagliata (a parte i primi due anni, con Sabatini il livello di competitività è rimasto sempre altissimo) e ci siamo ritrovati in una situazione finanziaria molto critica. Questo succede quando le uscite superano le entrate. A mio avviso soltanto lo scorso anno abbiamo visto una squadra sfilacciata e senza idee (un po’ per l’incapacità gestionale di DiFra un po’ per la pochezza dei calciatori portati da Monchi) e, nonostante tutto, siamo arrivati sesti a 3 punti dal 3° posto (se non avessimo buttato 4 punti tra Sassuolo e Genoa nelle ultime 4 giornate ora staremmo parlando di altro). Ti ricordo che negli ultimi 8 anni l’unica squadra ad aver vinto tutto è stata la Juventus che ha lasciato qualche briciola a Napoli, Lazio e Milan (una supercoppa a culo). Non mi pare che siano girati tutti questi trofei in Italia. Non mi pare che abbiano vinto tutte queste squadre. Ecco perché non riesco a comprendere tutta questa negatività… non la trovo giustificata.

    • Che storia! Non scordarti le invasioni zombie che ci stanno sempre bene e un pizzico di belle donne che mancano un pò.
      Però dai, lavoraci.
      Non smettere di scrivere, mi raccomando.
      Pure una letterina, se preferisci.

  32. Paolo B voi mi state a prendere i periodi di certe squadre. Io sto facendo un altro discorso che ora provo a spiegare meglio. Prima cosa non mi puoi paragonare l Atalanta Alla Roma. Noi siamo la capitale. L Atalanta sta facendo bene ma cosa ha vinto?? L atletico Madrid ok. Ma è stato un periodo di qlche anno come la Roma di viola o di sensi(più che altro i 3 anni di Capello). L exploit del triplete del porto di Mourinho ecc.. Io sto parlando di restare competitivi sempre. In maniera duratura. Anno dopo anno. Decennio dopo decennio. Come la Juve il real e altre. E x fare questo ci vogliono soldi. Punto. X vincere ogni tanto può bastare la fortuna di imbiffare la squadra giusta anche con pochi euro. Ma x vincere o competere x vincere sempre ci vogliono i quattrini e dopo l affare neymar… Anche tanti!! E a Roma quattrinai di quel livello nun ce stanno! Se poi tu ti accontenti di un Lotito e di una Rometta accomodati pure.

    • Io però posso porti un’altra domanda: per quale ragione un importante gruppo industriale, o comunque un soggetto forte, dovrebbe investire in una città che è letteralmente ai margini dell’imprenditoria mondiale, e in cui a fare la voce grossa, sono i Casamonica e i palazzinari? Lo dovrebbero fare perché abbiamo il Colosseo, l’Altare della Patria e il “”””biondo”””” Tevere? Lascia perdere, sono persone che ragionano su parametri completamente differenti.

    • Ti ricordo che negli ultimi 8 anni l’unica squadra ad aver vinto tutto è stata la Juventus che ha lasciato qualche briciola a Napoli, Lazio e Milan (una supercoppa vinta a culo). Non mi pare che in Italia siano girati tutti questi trofei. Non mi pare che abbiano vinto tutte queste grandi squadre a dispetto della nostra amata Roma.
      A mio avviso soltanto lo scorso anno abbiamo visto una squadra sfilacciata e senza idee (un po’ per l’incapacità gestionale di DiFra un po’ per la pochezza dei calciatori portati da Monchi) e, nonostante tutto, siamo arrivati sesti a 3 punti dal 3° posto (se non avessimo buttato 4 punti tra Sassuolo e Genoa nelle ultime 4 giornate ora staremmo parlando di altro).
      Fatto sta che esiste il FFP… non si possono più mettere soldi nel calcio a fondo perduto, la UEFA non te lo permette. I tempi di Berlusconi e Abramovich sono finiti. Infatti al Manchester City hanno fatto il culo come un secchio. Il PSG continua a cavarsela ma prima o poi lo bastoneranno in qualche modo. Quindi il discorso del magnate pieno di soldi che viene a Roma scialacquando centinaia di milioni è anacronistico e infantile. Nonostante non straveda per Pallotta, riconosco che il suo progetto di far crescere il brand AS ROMA tramite l’indotto che porterebbe lo stadio di proprietà e l’autofinanziamento con le plusvalenze, che ci hanno consentito di restare sempre competitivi negli ultimi 7 anni, ha il suo perché. Non mi sembra che il marchio Roma sia mai stato così in auge come in questo periodo, nemmeno quando si vinceva con Viola o con Sensi, nemmeno negli anni del primo Spalletti.

    • Non proprio Valentino la scusa che non può mettere soldi è abbastanza banale. Quando ha preso la Roma e sparava proclamoni a destra e a manca i soldi poteva e doveva metterli. L’ha presa a 4 spicci e subito a debito a carico AS Roma e poi tutta la responsabilità al DS per fare miracoli. Certo, bello comprare giocatori a 1 e rivendere 1/2 anni dopo a 10. Non ci aveva pensato nessuno, ci voleva Lui dal Massachussets.
      E infatti toppi DS ed eccolo qua 500.000 euro sotto, quelli sono e poi spera che qualche gonzo arriva gli ripiana i debiti (con la necessità poi di ricostruire un intera rosa o quasi) e gli regala pure un paio di cento milioni per il disturbo. Via su, va bene lo Stadio, i grillini, la politica però……

  33. La magagna fondamentale che sta alla base di questa gestione, se volessimo fare un dibattito serio e non sempre con dei replicanti che all’ultimo tirano fuori le romette di una volta, gli errori dei presidenti precedenti e via discorrendo,,, è proprio l’incompetenza a cui accennava PAOLOB. Una dimostrazione lampante di come contro l’incompetenza e la disorganizzazione nulla è possibile nemmeno i soldi a sfascio furono quelle Internazionali di Massimo Moratti, che non vinsero nulla nonostante fossero composte da fior di Campioni esteri e nazionali. Presupporre di gestire una società di calcio come ha fatto Pallotta come una boutique che tutte le stagioni svuota il magazzino e propone altri modelli, per una squadra di calcio è assurdo. Perché si è fortunati se il cambio stagione lo faceva un Sabatini che sapeva bilanciare una cessione con un acquisto, se invece ti capita un decerebrato come Monchi che lo scegli (tu Pallotta) per essere plusvalenzaro e basta, poi ci sbatti il grugno. Qualsiasi squadra di successo ha sempre cambiato massimo un calciatore di livello, sostituendolo anche con due meno bravi, invece sappiamo bene quello che è successo qui a Roma e, si da il caso, che quei dirigenti che non hanno voluto perderci la faccia, hanno cambiato aria. Forza ROMA

    • La vendità di giocatori è necessaria per coprire i buchi di bilancio che a roma non sono piccoli. La Roma come poteva coprire ad esempio il buco da 50 milioni che la costrinse a vendere Salah? Mandare i giocatori a fare i doppi turni in cantiere?
      La Roma è semplicemente la squadra più sfigata della storia, in 15 anni ha avuto la possibilità di vincere 2/3 scudetti e di andare in finale Champions ed ha fallito sempre. Ed è sbagliato anche dire che bastava non vedere perchè in rosa abbiamo ancora giocatori molto altalenante. ad esempio fazio è passato dall’essere el comandante alla panchina nell’arco di sei mesi. Allison e Salah erano i giocatori più forti ma da soli avrebbero potuto fare ben poco

  34. Ragazzi potete scrivere ciò che volete ma la realtà è che parlano i fatti.. Pensate se il fondo qatariota acquistava la Roma anziché il psg.. Non solo magari ora avevi ancora i vari Salah Allison e altri xche gli avevano ricoperti di soldi… Ma avevi pure Mbappe neymar cavani ecc… State sicuri che la Juve 10 scudetti consecutivi non li aveva vinti… Date retta!! E magari era pure saltata fuori una coppa europea. Le grandi squadre le fai con i soldi. Che poi siano un mix tra fatturato(ben venga lo stadio) e immissioni del proprietario è ormai risaputo…

    • Per quanto mi riguarda, ho imparato a conoscere Pallotta e ciò mi basta e avanza.

    • Siccome credo che il blog sia già frequentato da un altro Andrea, per distinguerti, potresti usare il nickname, chessò… Andrea SbS, ad esempio. Grazie

  35. Tra i tanti misteri irrisolti di questi ultimi anni c’è anche quello del businessman di successo che è partito da Boston per conquistare prima Roma caput mundi, poi l’Europa ovviamente, ma si sarebbe dimenticato di prendere adeguate informazioni su come girano gli affari nella Capitale d’Italia e sul livello degli interlocutori… Che ingenuotto, verrebbe da dire… o forse le informazioni le aveva prese e, allora, avrà pensato che, all’occorrenza, avrebbe mostrato i muscoli. Così usano fare gli Yankees, in fondo…
    Mistero, appunto. Fatto sta che se ne tornerà a casa con le pive nel sacco…

  36. Magari er figlio ahahahaha sarebbe un’ ecatombe
    …da ballotta a pollotta e’ n” attimo….dovrei solo cambiare il nome del mio nick
    ….che spettacoloooooo forza romaaaaa

  37. Il buon Cattivik, ahahhah è un ossimoro? ahhahah più volte, si ruppe la lingua a chiarire che non c’era l’obbligo finanziario, dichiarato dal fruttarolo, di vendere Allison e Salah, probabilmente l’ignoranza stende un velo pietoso su tutto ahahhah e perdonate anche gli sgarri. Forza ROMA

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome