PAREDES: “Con De Rossi rapporto spettacolare. Futuro? Tornerò al Boca Juniors entro 4 anni e proverò a portare anche Dybala”

22
600

AS ROMA NEWS – Leandro Paredes ha rilasciato un‘intervista all’emittente televisiva “ESPN” e tra i vari temi trattati si è soffermato sul rapporto con De Rossi e su un possibile futuro al Boca Juniors con Dybala. Ecco le sue dichiarazioni.

La vittoria del Mondiale?
“È difficile spiegare cosa si prova ad essere un campione del mondo. È qualcosa che hai sognato per tutta la vita, ma è difficile spiegare cosa si prova”.

Il trasferimento all’Empoli?
“All’Empoli il cambiamento è stato molto spaventoso, sapevo che se le cose non fossero andate bene la mia carriera avrebbe potuto prendere un’altra direzione. Alla fine è stata la decisione migliore della mia carriera calcistica e mi ha portato dove sono adesso”.

I tuoi allenatori preferiti?
“Scaloni ha tutto quello che mi piace come allenatore, ti rende le cose molto facili, è molto vicino al giocatore e ti dice le cose in faccia quando tocca a te giocare e quando non tocca a te giocare. Abbiamo ottenuto risultati molto importanti, mi ha fatto giocare più di 50 partite e lo metto senza dubbio al primo posto. Poi c’è Tuchel al PSG, è stato spettacolare per me”.

Il futuro?
“Riquelme mi ha mandato un messaggio, mi ha detto che prima o poi vorrà contare su di me. Gli ho detto di sì, sa quanto ci tengo a tornare al Boca Juniors. L’ho sempre detto: voglio tornare quando mi sento ancora bene e dare il meglio di me al club. Quindi tornerò prima di 4 anni e cercherò di portare anche Dybala al Boca. Ci proverò, non so cosa vuole per la sua carriera, ma ci proverò”.

De Rossi?
“È impazzito per il Boca Juniors. Con lui ho un rapporto spettacolare, da quando lo avevo come compagno non abbiamo mai interrotto il nostro rapporto, ci sentivamo una o due volte al mese. Mi disse che se fosse diventato allenatore della Roma mi avrebbe portato con sé e se non fosse successo, avrebbe provato a fare lo stesso con il Boca. Oggi è il mio allenatore, il nostro rapporto cambia quando siamo in campo e torna quello di sempre dopo l’allenamento”.

Fonte: Espn

Articolo precedenteNuovo ds, oggi l’annuncio? Maurice il favorito, ma Lina Souloukou spinge per Modesto
Articolo successivoDe Rossi fa “team building”: porta la squadra a cena prima del Cagliari

22 Commenti

  1. ok….adesso cosa fa’…corre di più di prima?..diventa un leone?……fa quello che non faceva prima per Mourinho che l’ha tirato fuori dalla ” melma “….pagandolo come un ex giocatore da anni ? Bravo!

  2. qualcosa mi fa pensare che con l’arrivo di Paredes i Friedkin si erano già preparati per il dopo Mourinho…Mourinho però di suo ha dato l’accelerata
    S.F.R.

    • non per difendere paredes, che pure a me non entusiasma come giocatore, ma ci sarà differenza tra dire appena arrivati che l’obiettivo è passare al Barcelona e dire che vorrei finire la carriera tornando al Boca?

    • Piu’ che altro, 4 milioni + eventuali bonus per quel che ha dimostrato sino ad ora per me son troppi. Poi magari sbalglio!

    • alè, il calcio non è solo quello europeo ed il Boca non ha NIENTE da invidiare a Barcellona o Real Madrid.
      è uno dei Club più importanti al mondo e tra i più titolati.

    • Julius:
      sono d’accordo con te sul blasone , ma se l’arrivo di de Rossi al Boca a carriera già bella che finita fu celebrato come un evento storico, vorrà pur dire qualcosa?

      un olandese che mira al Barcelona lo fa per soldi e ambizione (a meno che non fosse stato tanto scaltro da giustificare questa caduta di stile rifacendosi esplicitamente alla carriera del padre), un argentino che vuole finire la carriera al Boca lo fa per passione..

    • alè, d’accordo.
      ma la felicità per DDR al Boca fu perché un giocatore simbolo di una squadra europea, non Sudamericano di nascita, ha dichiarato amore per una squadra del Sudamerica tanto da voler finire la carriera li nonostante l’essere una bandiera della Roma, nel nostro caso. non se ne vedono mai di casi così, al massimo sono i loro che fanno il giro delle sette chiese e poi tornano a casa. fu per questo il clamore. hanno avuto Maradona, Riquelme etc, De Rossi è niente rispetto a questi.

  3. Premetto, Forza Roma

    Per me, uno che già annuncia e dice che tra quattro anni vuole andarsene via , può fare le valigie già da subito e andarsene. Ovviamente tutto a suo costo questo mangiatore a tradimento.

    Detto questo Forza Roma

  4. Credo che ogni tesserato (professionista se lo è) non debba mai rilasciare una dichiarazione simile, anche per rispetto dei tifosi che contribuiscono al tuo lauto stipendio, e per rispetto dei proprietari che anche loro ti pagano a peso doro.

    • Ma che c’entra, ha detto entro 4 anni.
      E poi scade a giugno 25, visto che lo reputate tutti una sega vi fa pure un favore se non rinnova e va al Boca.

  5. Vado controcorrente per me Paredes è un buonissimo giocatore, ha esperienza, ha giocato titolare in una squadra piena zeppa di campioni che non aveva alcun problema a prenderne uno più forte di lui. Giocatore che sa trattare il pallone, mi ricordo ancora quando tutti a dire che Pizarro rallentava il gioco ed era troppo lento, quando era forse il miglior regista al mondo in quel periodo. Paredes personalmente lo vedo il miglior centrocampista che abbiamo, ha un gran piede e visione di gioco, si completa alla grande con Cristante. Ad oggi gli unici ruoli realmente insufficienti sono il portiere e il terzino destro (anche perché abbiamo bruciato anche un buon giocatore come Celik), se Mario Rui e Juan Jesus hanno vinto uno scudetto, se Toloi è stato una delle colonne dell’ Atalanta dei miracoli, io due domande sul giudizio che diamo ai giocatori me la farei, qui o sono pippe o campioni, invece ci sono tante valutazioni da fare.

  6. Il Boca ha i tifosi piu’ del Sudamerica quando li vedi si puo’ dire sono eccezionali, poi ci siamo noi nel mondo….loro ti danno carica ma gli argentini sono cosi, mica li conosciamo adesso. Poi ha parlato fra 4 anni, mi e’ piaciuto quello che ha detto Luis Enrichez ad una domanda “se pensiamo alla EL adesso…lui alla CL fra 12 giorni puo’ essere che siamo tutti morti” come dire pensa a vincere con il Cagliari che il futuro e’ incerto in ogni cosa figurati nel calcio.

  7. L’assenza di Paredes a Salerno si è fatta sentire, sarà pure lento ma ha sempre il senso della posizione e riesce spesso a stare in anticipo, vince la stragrande maggioranza dei contrasti, dei duelli, azzecca quasi la totalità dei passaggi ed è quello che in mezzo al campo tocca più palloni di tutti perdendone solo 1-2 al massimo.

  8. intervista senza senso e parole come sempre inopportune di questi pseudo giocatori con le stampelle in mano odiosi perché decidono le sorti di allenatori ,società mediocri ,sogni di noi tifosi.Contestiamo il loro modo di essere esseri attaccati solo ai soldi senza valori umani e professionali.Oggi salvo solo Mancini Cristante e Bove.Tutti gli altri da cestinare nei database dei computer.Ci metto anche i Friedkin disastrosi in tutto sul fronte sportivo e finanziario.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome