Paulo Sergio: “Il Bayer non muore mai. Tah, Xhaka e Wirtz il motore della squadra”

11
345

NOTIZIE AS ROMA – L’ex attaccante di Roma e Bayer Leverkusen, Paulo Sergio, ha parlato del doppio scontro tra le sue vecchie squadre in semifinale di Europa League ospite dei microfoni della Gazzetta dello Sport. Queste le sue parole: “Saranno due belle partite, una sfida aperta. Del resto parliamo di due squadre che giocano bene ed a cui piace dominare la partita. Il lavoro che ha fatto Xabi Alonso, con la vittoria della Bundesliga, è davvero qualcosa di incredibile”.

Già, tanto è vero che non hanno ancora mai perso.
“Vero, ma quello che mi ha sorpreso di più è come sono riusciti a riprendere le ultime due partite, contro Borussia e Stoccarda. Due pareggi contro squadre forti e, teoricamente, con motivazioni maggiori, vista la vittoria del campionato. Il Bayer è una squadra che lavora sempre fino alla fine, che non muore mai. È la mentalità che gli ha trasmesso Xabi“.

Daniele De Rossi l’ha sorpresa?
“Sorpreso no, a Roma mi hanno sempre detto che poteva diventare un ottimo allenatore. Sta facendo bene, sono contento che la società l’abbia confermato. Con lui la squadra è cresciuta, mentre con Mourinho mi sembrava che qualche problema ci fosse. E poi Daniele ha vinto il derby, quella a Roma è una partita che ti mette le ali“.

Più forte Lukaku o Schick?
“A me piace di più Lukaku: forte, unico, non ce ne sono tanti in giro come lui. È un nove importante”.

Xhaka, invece, lo volevo Mou e ha cambiato il Bayer…
“È il motore della squadra, lavora tanto, è diventato un leader. Oggi ci sono tre giocatori fondamentali nel Bayer, che fanno del tutto la differenza: lui, Tah e Wirtz“.

Fonte: Gazzetta dello Sport

Articolo precedenteSVILAR: “De Rossi ha un fuoco che gli brucia dentro, la sua preparazione mi ha colpito. Ho voglia di fare di più”
Articolo successivoDe Rossi ci crede: Roma da finale

11 Commenti

  1. Grande persona. Uno più umile e alla mano de Paulo Sergio, poche vòrte l’ho incontrato…
    “A Paulè, domenica ciaa balli a’ samba?” “Seguro!” e Tommasi rideva divertito

  2. Xhaka era una sega e già vecchio nel 2021 quando Mourinho lo aveva chiesto subito. “Meno male che non lo abbiamo preso”. Da allora due anni meravigliosi all’arsenal e quest’anno ha semplicemente cambiato il volto al bayer. Meno male che non lo abbiamo preso.

    • Romelu me lo terrei x il ritorno, qui mi basta un buon pari. La prima loro sconfitta sarà nella propria tana

  3. A rega comunque loro so molto forti, dovremmo giocare come contro il Milan penso. Mi aspetto qualcosa in più da Romelu e Dybala

  4. Stano Xhaka dissero a Roma che era un morto, che costava troppo, che era lento etc etc etc….ed oggi ci troviamo come regista Paredes lo scarto d’Europa che noi stessi vendemmo. Pensa come stiamo messi. Che tristezza

  5. mi associo forte su Xsaka, grande giocatore, fisico e senso della posizione in mezzo al campo fantastica, vero cervello che fa’ girare la strada, avrebbe cambiato la Roma, pensare con 15 milioni o poco più lo prendevi…mi cibrode proprio.. grande rimpianto. acqua passata..forza Roma testa a domani.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome