PELLEGRINI: “Con Mou siamo diventati una squadra. Possiamo e dobbiamo fare di più, ma vedo una Roma in crescita”

15
1150

ULTIME NOTIZIE AS ROMA – Lorenzo Pellegrini parla ai microfoni dei giornalisti al termine di Roma-Ludogorets.

Di seguito tutte le dichiarazioni del calciatore giallorosso sulla gara di Europa League appena conclusa allo stadio Olimpico:

Hai tirato i due rigori con grande tranquillità, ce li racconti?
“Secondo me è molto importante essere sicuri di quello che si sta facendo e sapere già dove tirare. Io ero tranquillo e fiducioso, sapevo sarebbe andata bene”.

Come stai fisicamente? La pausa ti aiuterà?
“Qualche doloretto, giocando così spesso, ce l’ho, ma sto bene. Giocando tutte le partite ogni tre giorni si sente un po’ la stanchezza, però sto bene. Ora ci sono tre partite fondamentali, vogliamo vincerle tutte e tre e arrivare alla sosta dove siamo in classifica o anche più in alto”.

Come è cambiata la Roma dall’arrivo di Mourinho?
“Una cosa in cui ci vedo nettamente migliorati è che il risultato e quello che accade in campo non ci influenza, non ci disunisce. Non ho mai la sensazione di non essere squadra. Siamo sempre compagni, fratelli in campo. Non sempre va come vogliamo, però l’importante è restare uniti, restare squadra. Questa è la cosa che mi fa più piacere e che ho visto anche quando sono arrivate alcune sconfitte”.

Come vivi il derby da romano? Senti una pressione maggiore?
“Dentro lo spogliatoio non devo lavorare molto sotto questo aspetto. I nostri tifosi ci fanno sentire sempre la loro passione. Sappiamo tutti che questa è una partita da giocare e da vincere, ma come tutte le partite. Ovviamente è una partita speciale, ma vogliamo vincere tutte le partite”.

Mourinho ha detto che la Roma può e deve giocare meglio. Che difficoltà state incontrando sul gioco?
“È una questione anche di predisposizione e disponibilità. Possiamo e dobbiamo fare tutti di più. Abbiamo tanti giocatori di qualità, che avendo la palla possono dominare la partita e rendere anche meglio. Possiamo migliorare, ma vedo sempre un miglioramento da parte di questa squadra. Non si può puntare subito alla luna, facendo gli step giusti questa squadra si toglierà delle soddisfazioni”.

Articolo precedenteROMA-LUDOGORETS 3-1: le pagelle
Articolo successivoMOURINHO: “Restare in Europa League era una questione di orgoglio, ora arrivano gli squali. Volpato? Deve imparare a difendere”

15 Commenti

  1. Stavolta Complimenti a Pellegrini, gran partita e 2 rigori calciati in modo impeccabile.
    Bisogna assolutamente fare di più, magari stare più attacati davanti al tiratore di turno, evitare di concedere il qualche metro di spazio, bisogna rimpallare i tiri avversari anche se dovessero provarci da 35 metri.
    Per i gol da segnare, adesso ne abbiamo fatti 6 nelle ultime 2 partite, 3 a Verona e 3 contro i Bulgari, quindi stiamo migliorando sotto questo aspetto.

  2. Bravo Pellegrini, appena tornerà Wijnaldum potrà venire schierato ad un posto più congeniale alle sue caratteristiche, adesso deve rifiatare però. Contro le lanzie deve giocare pur mezz oretta, ma le due dopo Mou dovrebbe farlo riposare altrimenti gli verranno fuori guai fisici più importanti..Forza Pellegrini, Forza Roma!

  3. diamo sempre per scontato che i rigori devono essere trasformati in gol, ma non è sempre cosi.
    i grandi rigoristi come totti e del piero, ne hanno sbagliati 20 il primo e mi pare 16 il secondo.
    un rigore non è mai una cosa scontata e oggi il nostro capitano ne ha trasformati 2 calciando in maniera esemplare, con grande senso di responsabilità .

    grande zaniolo, che ha trasformato la partita, e ottimo pellegrini che ha concretizzato i rigori,

  4. Perché da gennaio
    Iniziamo col vincere la prossima noi giocano per i 3 punti
    Viviamo il presente cioe’ domenica
    Ora loro sono arrabbiati
    noi de più c’è servono solo i 3 punti

  5. Perché da gennaio ?
    Iniziamo col vincere la prossima noi giocano per i 3 punti
    Viviamo il presente cioe’ domenica
    Ora loro sono arrabbiati
    noi de più c’è servono solo i 3 punti

  6. L’accoppiata Pellegrini /Belotti è stata del livello Gabbiadini/Caputo della Sampdoria con tutto che il gabbiadini sano lo prenderei al posto di Pellegrini anche subito. Mai visto uno che calcia corner, punizioni, rigori e tiri dalla distanza tutti allo stesso modo……. Di piatto liftato….. Bha….

  7. Ho letto bene?.. Gabbiadini lo prenderesti al poasto di pellegrini..? Ahahahah…. Amico guarda credo che io calco non sia uno sport di cui ti intendi…cosa mi tocca sentire… Forza Roma

    • Lo so non capisco molto questo sport ma dormo tranquillo perché so che ci sei tu in giro compensi le mie lacune. La mia è una provocazione per dire a che livello siamo. Ti sottolineo però che Gabbiadini è un calciatore 30enne ormai dalla tecnica sopraffina (grande visione di gioco e dotato di eccellente tiro) riconosciuta da tutti gli allenatori e solo una infinita serie di pesanti infortuni ne hanno bloccato una carriera da predestinato. 80 gol (senza rigori) tra serie A e premier league. Il moscetto Pellegrini con 4 anni di meno è a quota 32 totali gol (rigori inclusi) di cui il 90% realizzati negli ultimi 12 mesi. Con questa media arriverà a festeggiare 80 reti nel 2030 circa alla tenera età di 35 anni in MLS o Arabia Saudita (dubito qualcuno in Europa si avvarrà delle prestazioni del più lento giocatore d’Italia arrivati i 30 anni di Gabbiadini). Studia, riposa e riprova con qualcun altro a il sapiente. Saluti

  8. Lo so non capisco molto questo sport ma dormo tranquillo perché so che ci sei tu in giro che compensi le mie lacune. La mia è una provocazione per dire a che livello siamo. Ti sottolineo però che Gabbiadini è un calciatore ormai 30enne dalla tecnica sopraffina (grande visione di gioco e dotato di eccellente tiro) riconosciuta da tutti gli allenatori e solo una infinita serie di pesanti infortuni ne hanno bloccato una carriera da predestinato. 80 gol (senza rigori) tra serie A e premier league. Il bradipo Pellegrini di soli 26 anni è a quota 32 gol totali (rigori inclusi) di cui il 90% realizzati negli ultimi 12 mesi. Ovvero fino a pochi “minuti giocati” fa il tuo Lollo vantava 10/12 reti in serie A contro le oltre 50 reti di Gabbiadini quando aveva la stessa età. Con questa media il nostro condottiero arriverà a festeggiare 80 reti nel 2035 circa alla tenera età di 40 anni. Sicuramente festeggerà il traguardo in MLS o Arabia Saudita perché dubito qualcuno in Europa si avvarrà delle prestazioni del più lento giocatore d’Italia una volta arrivati i 30 anni che ha oggi Gabbiadini a sua volta giunto al capolinea per problemi fisici continui. Studia, riposa e riprova con qualcun altro a fare il sapiente. Saluti

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome