PELLEGRINI: “Ho sempre dato il 120% per la Roma, ma non sono soddisfatto della mia stagione. Domani sarà una grande battaglia”

42
1549

ULTIME NOTIZIE AS ROMA – Il capitano giallorosso Lorenzo Pellegrini interviene in conferenza stampa alla vigilia della partita contro la Real Sociedad.

Queste le parole del centrocampista della Roma sulla gara di ritorno degli ottavi di finale dell’Europa League:

Hai ancora la forza per cambiare la stagione e darle un senso positivo?
“Per ovvi motivi questa stagione è stata anche colpa mia, si può sempre fare di più al netto di qualche problema. Quando si scende in campo siamo tutti uguali, non mi piace nascondermi dietro alibi. Non sono soddisfatto di questa stagione, posso e devo fare di più. L’unica cosa di cui sono soddisfatto è l’impegno e l’averci sempre messo la faccia”

Tante critiche per te?
“È normale avere responsabilità importanti essendo capitano della Roma, come ho sempre detto sono il primo a riconoscere di arrivare a questo punto della stagione con numeri diversi, ho sempre dato il 120% per la Roma e qualsiasi possa essere la difficoltà, ho sempre messo i compagni davanti a tutti. Sono orgoglioso del gruppo e orgoglioso di essere il loro capitano. La stagione non è finita, spero di fare meglio”.

Come stai? L’arrivo di Dybala ha cambiato qualcosa nell’interpetazione del tuo ruolo?
“Tutto ok, non ho mai avuto grande problemi se non la ferita e i punti. Abbiamo fatto tutti i controlli e mi sento bene. Per il resto non credo che si possa definire un problema tattico, avere la possibilità di condividere il campo con Paulo è una cosa in più. Avere un giocatore che può darti la palla come vuole è un pregio, speravo di arrivare con uno score diverso, spero possa rifarmi in questo finale di stagione”.

Che idea ti sei fatto della Real Sociedad?
“Sono una squadra molto forte, ce lo hanno dimostrato anche all’andata. Cercano bene gli spazi tra le linee, anche vincendo 2-0 all’andata siamo andati in difficoltà tra le linee. È una fortuna ripartire dal 2-0 per noi, ma non deve essere una cosa che ci metta in grado di non dare il massimo perché domani sarà difficilissima. Alguacil ha parlato di tempesta, io parlo di battaglia e non ci spaventa farla. Quando siamo tutti insieme, compatti fisicamente e mentalmente, mi fido della mia squadra. Se non lo hanno capito, sarà una grande battaglia e tutti dovranno dare tutto per andare ai quarti”.

Articolo precedenteMOURINHO: “Io sempre con la squadra e loro con me. Non abbiamo paura dell’ambiente che troveremo, la Roma giocherà meglio” (VIDEO)
Articolo successivoAbraham o Dybala falso nove? Possibile sorpresa Wijnaldum per fermare la Real Sociedad

42 Commenti

    • il problema di Pelle, come di molti giocatori della Roma in passato, è il fatto che guadagna troppo per il rendimento in campo.
      Premesso che tutti i giocatori di calcio guadagnano stipendi fuori dalla realtà (a prescindere se giocano bene o male) ci dimentichiamo che Pelle non è andato a Trigotua con una pistola (o il padre di Scamacca( a negoziare..
      i dirigenti di Trigoria hanno ritenuto che in quel momento con una squadra che viaggiava al settimo posto fosse giusto dare 3 mln all’anno giocatore dopo 1 (non diverse) stagione fatta con gol ed assist.
      Sono loro i responsabili dell’equivoco di mettere allo stesso livello un campione del mondo che da sportivi tutti abbiamo ammirato nella Juve che è capace di fare CAPOLAVORI come quello di domenica ed un giocatore bravo, volenteroso e capace..

  1. Daje capita’!
    Ricominciamo.
    Ho voglia di rivedere talento ed efficacia.
    Manchi tu a questa r6, e se svolti tu, svoltiamo anche noi.
    Mi fai incaxxare spesso ma ho sempre fiducia.
    Sono romanista, è la mia più grande virtù!!!
    FORZA ROMA

  2. Ehi Lollo , sappiamo e SAI che la tua stagione finora NON sufficiente.
    Ma la stagione non è finita , comincia ora.
    Puo diventare TRIONFALE , buona, scadente.
    Massimo impegno , concentrazione e voglia di vincere , meno ” bellezza ( tocchi di tacco , veroniche, pallonetti ) “.
    Fatale diventare TRIONFALE
    CREDIAMOCI noi e voi
    FORZA ROMA

  3. Non è il mio ideale di giocatore in quel ruolo, ma è un ragazzo serio e romanista, che dà sempre tutto in campo. Spero che con il tempo trovi una posizione in campo che gli consenta di esprimere il massimo delle sue potenzialità, nella squadra e con il modulo di gioco giusti per lui.

  4. Se vogliamo fare l’elenco di quelli che hanno deluso le aspettative, non la finiamo più. Eppure per gli Abbocconi sembra che soltanto Pellegrini stia facendo un campionato sotto tono.
    Per me anche Smalling sta prendendo parecchie cantonate, come l’ultima perla di domenica scorsa, quando ha perso di vista Pinamonti, che già all’andata gli aveva fatto marameo.

    • Capisco la voglia di salvare Pellegrini da critiche oggettivamente meritate ma attaccare Smalling proprio no..
      Domenica Smalling doveva fare il suo e guardare che Kumbulla non facesse mischiate in un centrocampo che ha preso dei contropiede come non gli era capitato tutto l’anno.
      Metti Ibanez che giocava male fuori ruolo..

    • Mi tocca dar ragione a Zenone, pensa te.
      Andate a vedere bene gli episodi, Smalling finora ha collezionato almeno 3 errori decisivi, quelli che in gergo si chiamano cappellate da parrocchia, appunto come l’uscita dalla linea sul gol di Pinamonti.

  5. parole oneste di n capitano intelligente. la stagione entra nel vivo ora, fai ancora in tempo, giochiamo per due obiettivi e nulla e’ precluso, neanche sognare in grande. forza capitano .e forza magica Roma!!

  6. A me Pellegrini non piace, non mi mi è mai piaciuto, però apprezzo moltissimo le sue parole e spero possa essere decisivo nei prossimi due mesi.

  7. Come cambiano le cose nel calcio nel giro di un amen.
    Abbiamo iniziato la stagione con il refrain dei Fab Four, i quattro che avrebbero dovuto trascinare la squadra verso traguardi ambiziosi.
    È durato lo spazio di 15 giorni, fino all’infortunio di Zaniolo con la Cremonese.
    Dei quattro ne è rimasto uno, anche lui con qualche acciacco di troppo, ma l’unico che può fregiarsi del titolo di Fab.
    Alla fine hanno fatto più Cristante e Mancini di Pellegrini ed Abraham, di Zaniolo meglio tacere.

  8. Io mi libererei di questo giocatore il prima possibile e spenderei i soldi dati a lui per qualcuno che sia valido davvero.

  9. La serieta’ di Pellegrini non e’ mai stato un problema, l’avere riconosciuto che non sta giocando come si augurava ne distingue l’impegno fisico e morale del suo impegno.

  10. il punto è quanto percepisci di stipendio per quanto rendi caro pellegrini e lo stesso vale per cristante ed altri. mi chiedo, ma se oggi giocassero ancora ddr totti, montella, Pizarro, candela, Tommasi etc, quanto dovremmo dargli se a queste pippe che avemo gli diamo 5 milioni?

    • Ancora con Cristante? Ma non fate sempre di un’erba un fascio per salvare chi vi piace.

  11. capirai allora se giochieresti al 50% che faresti? non oso pensare,e comunque ribadisco che pellegrini in una grande squadra almeno deve stare in panchina in compagnia di cristante,ci vogliono i campioni per competere non scherziamo,forza ROMA

    • Ma chi e’ lo scemo che mi ha spolliciato per un commento ‘en passant’ che non ha GNENTE a che vedere con il calcio, ma tutto con la musica pop-rock dei ’70? 😂😂😂😂😂😂😂

  12. Daje Lorenzo !!!
    Pellegrini deve solo fare cose più concrete, pratiche e semplici senza troppi leziosismi.
    Certe giocate più sopraffine deve lasciarle ai top players assoluti, da lui ci vogliono cose più normali e le prestazioni saranno migliori.
    La serietà, la professionalità e l’impegno di Pellegrini non si discutono, da questo punto di vista non si discutono, sono le sue doti migliori, serve solo quella sorta di pragmatismo in più da parte sua.

  13. Giocatore forte. Non si discute. Parole di Francesco Totti. Non è la sua annata migliore, ma credo sia un problema di posizione. Ma poi, la smettete di mettere in croce i giocatori della squadra per cui tifate? E che caxxo!!!! Avete rotto le palle a Cristante per 4 anni. Di Mancini non ne parliamo… Ibanez? Crocifisso. E basta. Grande Lorenzo. Grande Roma!!!! Sfonnamoli!!!!

  14. Stefano nessuno qui ha mai contestato L impegno di certi giocatori in rosa.. sicuramente cristante e pellegrini ne mettono a sufficienza! il problema, come ha scritto giustamente qualcuno sopra, è L ingaggio che percepiscono in proporzione a ciò che hanno reso e dato nella Roma ed alla Roma in questi anni! e di certo non si può dire di aspettarli perché sono ancora acerbi.. sto discorso lo puoi fare x uno Zaleski non x gente che ha già 26/27 anni suonati! ora.. siccome mi sembra che la Roma da quando ci sono loro non abbia vinto scudetti e coppe a mambassa.. non vedo giustificati simili stipendi.. considerando anche le numerose prestazioni mediocri che questi giocatori hanno offerto nel tempo! perché se a loro dai 3/4 milioni netti L anno… se c erano oggi Totti Emerson Montella e altri.. quanto avresti dovuto pagarli?? e il debito importante della Roma, oltre ad aver buttato soldi in acquisti sbagliati, è dovuto proprio a questo!

  15. E’ ora che si cominci a fare una cernita, non solo delle pippearsugo – sappiamo chi sono – ma soprattutto dei titolari. Chi, veramente, merita di stare, i soldi che prende etc… Come si fa a dire di Zalewski che non va e che dovrebbe andarsene, quando prende il CINQUE PER CENTO dell’ingaggio di Lollo?

  16. Da questo calciatore non mi aspetto più nulla e questo è lo stato d’animo con il quale seguirò il resto della stagione . Purtroppo il peso delle responsabilita e dei problemi fisici unito alla poca cifra tecnica ha finito per schiantarlo . Mi accontento dello spirito di sacrificio che pure manifesta in campo. Altro non posso e non voglio chiedere …

  17. Qui si sta mettendo in discussione il giocatore,non certo l’uomo o il professionista,ci mancherebbe! Secondo me è anche questione di personalità…. Per esempio, è vero che col è finita come è finita, ma Dybala nel secondo tempo si è caricato la squadra sulle spalle e ha provato fino allultimo a portare la squadra almeno al pareggio. Ecco cosa intendo per personalità,a parte la classe.

  18. la rovina di Pellegrini è stata la stampa e la società che hanno puntato tutto su di lui per farne il nuovo beniamino romano e romanista dopo i vari totti e de rossi, il problema è che lui non ha mai avuto le stigmate del campione, caratterialmente debole e oserei dire troppo bravo ragazzo per fare il leader di una grande squadra..poi di suo ci ha messo pure il cercare sempre la giocata sensazionale ed ecco che purtroppo ci troviamo con un calciatore sopravvalutato che prende una barca di soldi gioca poco perchè fisicamente debole e quando gioca, tanto impegno ma pochi risultati e la gente ormai ha aperto gli occhi…..

    • Quale gente? Quella del tuo condominio?
      Qualsiasi tecnico e qualsiasi commentatore ex calciatore in Italia parla bene di Pellegrini devono aprire gli occhi anche loro?

    • Sarà pur vero che tutti parlano bene di Pellegrini, ma quante e quali offerte sono mai arrivate per lui sul tavolo della Roma?
      La sua storia ormai corposa di sei stagioni dice che è qualcosa di più di un buon calciatore ogni volta che arriva al massimo della forma psicofisica. Ma quante volte ci arriva? E per quanto tempo la mantiene?
      Sul piatto della bilancia occorre mettere tutto, non solo la teoria ma anche la pratica.
      Cristante ha doti tecniche inferiori a Pellegrini ma è un trattore che macina partite su partite, non si ferma mai e ha un rendimento di pochi picchi magari però costante.
      Alla lunga è meglio disporre di un Cristante che di un Pellegrini.

  19. È un buon giocatore, non ho capito perché continua a giocare così avanzato avendo da fuori area il tiro dello zero a zero. Stagione sottotono causata da infortuni a raffica.

  20. Io capisco il problema dell’ingaggio elevato rispetto al reale valore del giocatore ma l’ingaggio non lo ha deciso nessuno di noi, è stata la proprietà a decidere di darglielo e Mourinho ha chiesto di fare in fretta per rinnovare il contratto a Pellegrini.
    Si è arrivati a questo perché il naccherano di Siviglia prese Pastore in quelle condizioni e Pellegrini riacquistato dal Sassuolo si ritrovò a prendere il posto di titolare che era di Pastore.
    Da lì, l’essere Romano e Romanista, l’attaccamento alla Roma in combinazione quindi alla carenza di giocatori forti, di livello o top players anche sani dal punto di vista fisico e le autentiche pippe ar sugo oltre a qualche giocatore arrivato alla frutta gli hanno inevitabilmente spianato la strada della titolarità in quel ruolo e lo status che gli è stato attribuito.
    Uno che nella squadra era più forte è Mkhytarian che aveva però un altro ruolo ed oltretutto si è rivelato essere un mercenario, facendo poi il paio che le bandiere ormai non esistono più ecco che trattandosi nel caso di Pellegrini di un Romano e Romanista con volontà di restare legato alla Roma come fu per Totti e De Rossi, più o meno, la proprietà ha deciso di puntarci forte.
    Questa è la spiegazione plausibile circa la sua sopravvalutazione, oltre ad essere pompato dalla stampa romana e sostenuto non da uno qualsiasi ma da una leggenda come Totti.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome