Pellegrini incassa la fiducia di De Rossi e prova a riprendersi la Roma

71
1177

NOTIZIE AS ROMA – C’è grande curiosità intorno alla Roma di Daniele De Rossi che stasera debutterà all’Olimpico. Il tecnico ha fatto sapere di aver introdotto giusto due o tre nuovi concetti per non stravolgere troppo l’assetto della squadra, che comunque dovrebbe ripartire dalla difesa a quattro.

Le tante assenze e le difficoltà sul mercato hanno lasciato la Roma a corto di difensori, dunque il cambio di modulo appare quasi obbligato. Ma cosa farà il nuovo allenatore quando avrà di nuovo Mancini e Cristante a disposizione? Tornerà al più collaudato sistema a tre o confermerà il nuovo modulo più offensivo?

Nel frattempo spazio a un 4-3-3 che può assumere le sembianze di un 4-2-3-1 con Pellegrini avanzato sulla trequarti alle spalle di Lukaku. Ed è proprio il capitano giallorosso l’uomo su cui De Rossi ha intenzione di tornare a puntare: nel 3-5-2 di Mourinho il sette era finito nelle retrovie, messo in ombra dall’esplosione di Bove e dalla necessità del tecnico di non rinunciare mai a Cristante e Paredes.

Con De Rossi le cose sono destinate a cambiare. Pellegrini tornerà ad essere un perno della formazione titolare e avrà compiti più offensivi. A rischiare il posto potrebbe essere Paredes. Il capitano aveva dato segnali di ripresa contro il Milan, e oggi è atteso come uno dei protagonisti della serata. Per lui è arrivato il momento di tornare a fare la differenza, e in una Roma più offensiva le sue caratteristiche potrebbero essere maggiormente valorizzate.

Giallorossi.net – T. De Cortis

Articolo precedenteZero alibi
Articolo successivoTele Radio Stereo, da lunedì Mario Corsi e Te la do io Tokyo passano alla nuova emittente

71 Commenti

  1. Mi dispiace ma sono dell’idea che sia il caso che passi la fascia di capitano.
    Chi indossa la fascia deve avere carattere e non nascondersi in emergenza.
    Lui è uno dei responsabili della disfatta del derby e di Mou, e poi neanche gli attributi per dire le cose come stanno.
    Per me può prendere la sua strada lontano da Roma e oggi credo che qualcuno sarà d’accordo con me

    • Non ci dimentichiamo che Pellegrini ha perso verve da quando ha avuto infortuni (piccoli peraltro) a raffica a seguito di un periodo nel quale giocava sempre anche quando era infortunato i acciaccato (cosa sbagliatissima. Inoltre Lorenzo è un ottimo giocatore e non un top player, quindi la sua gestione è stata ancor più fuori luogo). Se recupera condizione atletica può essere un titolare e un capitano (da quel che mi risulta è un bravo ragazzo, ben voluto da tutti e che mette sempre la squadra al primo posto), del resto anche Mou lo ha sempre messo titolare salvo quest’ ultimo periodo dove sta cercando la condizione atletica. Certo, i capitani ai quali siamo abituati sono altra cosa (ma l”ultimo di una certa pasta s’è ritirato da alcuni anni e ora siede in panchina come allenatore) ma dobbiamo farcene una ragione…

    • 27 anni va per i 28, un paio di stagioni a buon livello, una al Sassuolo e l’altra la prima con Mourinho e stiamo ancora a dire che deve maturare, che sarà l’anno (l’ennesimo) della consacrazione a ogni stagione…il resto ogni tanto uno squillo, qualche partita sufficiente, le altre impalpabili…talmente pieno di cazzimma calcistica 8quella che ti fa gonfiare la giugolare per rimanere a De Rossi) che non solo contro la Juve sbaglia un rigore ma scivola col culo per terra su una ribattutas facile facile..i continui infortuni uan scusante? E che s’è mai rotto un menisco, un crociato? no, na botta alla schiena e sta fermo una settimana e ce ne vogliono due per recuperare la forma, porello se Beckembauer ti gioca una semifinale di coppa del Mondo con una spalla lussata…ogni tanto un dolorino muscolare, un paio di partite fuori e poi due settimane per recuperare, quando il Ninja la domenica si infortunava e il mercoledì tornava in campo più bestia di prima…bravo sui calci piazzati? l’ultimo l’ha realizzato quasi due anni fa…al momento del tiro o gli esce fiacco o cade per terra, come nei contrasti…vede linee di gioco dove non ci sono compagni, spesso in tempi e zone dove sarebbe meglio fare la giocata semplice che il fenomeno…cosa che solo noi tifosi della Roma siamo capaci di rendere tale perchè, come pure un orologio rotto comunque due volte al giorno segna l’ora giusta, al primo goal dimentichiamo tutto e giù ad osannarlo

    • Giannini era un calciatore mediocre ma era un Capitano. A Pellegrini non si chiede di essere Totti per qualità tecniche ma di essere un Mancini per tigna e carattere.

    • ma si ripigliasse lui…gioca tre partite di cui due nulle, poi problema al flessore, fuori qualche partita, recupero forma fisica e si ricomincia.
      l’unica certezza un ingaggio da Top Player…

    • Per me Pelle è crollato definitivamente quando ha dovuto confrontarsi con uno della classe di Dybala in una zona del campo simile a quella da lui prediletta dietro/a fianco della prima punta sulla destra, regista avanzato con licenza di raccordare il centrocampo sulla trequarti, assistman. Dybala 7,5-8 Pelle 5,5-6.

    • No vabbe’ Giannini mediocre?????
      Bimbo il Principe era un signor Giocatore titolare della nazionale italiana di Azeglio Vicini che sfiorò il mondiale 90!
      Solo il Capitano lo ha superato vincendo il mondiale..
      Studia la storia della Roma prima di parlare

    • Giannini non era un fenomeno. Poi se lo vuoi paragonare a Totti, la figura del 12enne la fai tu e non io.

    • Idealista

      Ma cosa scrivi? nessuno fa il paragone Totti, il forte giocatore Italiano con Baggio di tutti i tempi.
      Ma il principe era un signor giocatore, tanto che il Grande Falcao gli diede il sopranome di principe per l’eleganza con la quale giocava, ed era ancora ragazzino. Che ne sai piu di Falcao? Liedholm e stato il primo a vedere in lui un grande giocatore e ne parlava sempre bene, che ne dai piu di Liedholm? e stato titolare di una nazionale dove giocavano fior di giocatori.
      Nessuno dice che era un fenomeno anche perche di fenomeni ci sono giocatori tipo Maradona, Van Basten, Falcao, Totti, Zidane etc
      Giannini non era di quel livello era un gradino sotto. Ma era forte.
      Magari avercelo oggi un Giannini in squadra.

    • in effetti un paio di stagioni fa, ha fatto circa 20 ottime partite + altre 10 sufficienti partite, delle quasi 60 giocate.
      prima e dopo quella stagione decente invece, avrà fatto una manciata di buone partite in mezzo al nulla, diciamo 5 buone partite a stagione su 60.
      quindi, ricapitolando 40 partite buone su 300.
      non vi viene il dubbio che la regola per pellegrini sia la mediocrità, e che le partite buone siano l’eccezione ???
      intendo, pellegrini non è un buon giocatore che sta vivendo un momento di flessione, ma è un giocatore mediocre che saltuariamente fa qualche partita decente (come a tutti i giocatori mediocri capita. kluivert Iturbe schik ecc, ogni tanto è capitato anche a loro di aver giocato bene)

  2. magari si consolida la difesa a 4 o si ritorna a 3 a secondo la partita o si cambia in corso. quando rientreranno squalificati e infortunati? vorrà dì che la panchina si allunga di nuovo

  3. credo che lui sia il primo che deve andare via…è facilmente sostituibile, non è un campione, non è il mio capitano, costa un botto, non rende in base a quanto costa, è anni luce distante da totti, de rossi, di bartolomei, quindi se ne può fare a meno tranquillamente.
    io lo metterei sul mercato e gli spalancherei le porte per uscire.

    • Bisogna essere realisti, con lo stipendio che prende e col rendimento di questi ultimi due anni Pellegrini te lo tieni. Il male minore sarebbe cercare di recuperarlo mettendolo in condizione di fare le poche cose che sa fare bene. Piuttosto che tenere in campo due terzini che azzeccano un cross a stagione meglio rinfoltire il centrocampo e sperare che Pellegrini resusciti per poi cercare di venderlo a giugno. Tanto a 28 anni il tempo dei salti di qualità è passato e la Roma non può permettersi una simile tipologia di giocatore.

    • Al completo posso in parte essere d’accordo con te, dipende però dagli stati di forma. Oggi purtroppo servono entrambi…
      Forza Roma

    • E’ quello che penso anche io, non a caso il rendimento di Pellegrini è crollato con l’arrivo di Dybala. Però non possiamo tenere in panca uno che ci costa una decina di milioni lordi l’anno. Se vogliamo cederlo bisogna che De Rossi si inventi qualcosa, magari rinunciando ad uno dei due inutili terzini. La difesa a cinque non è mica un dogma, la Lazio con quei quattro bidoni che si ritrova gioca a quattro e ha preso meno gol di noi. Mi rifiuto di credere che Lazzari, Marusic, Romagnoli e Patric siano migliori dei nostri, è una questione di organizzazione di gioco che loro hanno e noi no. De Rossi deve cercare di recuperarlo altrimenti ce lo teniamo sul groppone fino a scadenza contratto e a 10 milioni l’anno non mi sembra un grande affare.

  4. Non so come farà giocare la squadra DDR.
    Mi basterebbe vedere la Roma corta e aggressiva, con giocatori nel loro ruolo e una turnazione che consenta ad alcuni di tirare il fiato e ad altri di mettere minuti nelle gambe. A costo di fare giocare i bambini

  5. Ha avuto il tempo per dimostrare il suo valore, ha fatto bene una sola stagione, spesso infortunato, credo sia anche un bel rompicojoni nello spogliatoio. Tutta plusvalenza e con il suo stipendio puoi prendere molto di meglio. Per me può andare a cercare fortuna altrove. FRS

  6. Daje Lorè ti rivogliamo al 100% come 2 anni fa
    piangono e rimpiangono il capopopolo di Setubal grande a far credere di essere in guerra contro tutti, a distruggere tutti i giocatori chiamandoli traditori dispensando perle ogni conferenza su quanto sono pixxe tutti tranne 1, colpa di tutti anche del porta borracce ma mai ANCHE la sua

    • guarda che stamo in guerra contro tutti dal 1927 evita di scrivere
      mink iate bambino..papà ti ha già portato allo stadio una volta..dai fai da bravo

    • Eccolo il tifoso classico con la terza media!!!! Daje Max che sei in guerra con tutta l’Italia anzi ma che dico con TUTTO IL MONDO!!!
      FATE RIDE E CONTATE 0, VIVA DDR e lo spirito che si respira adesso dentro Trigoria trà i giocatori, a farvi credere di essere in guerra perchè giusto così poteva conquistare il tifoso medio che campa di rabbia interessava solo a uno di passaggio

  7. capisco che quando si è professionisti si debba fare ciò per cui si viene pagati,ma credo che non sentirsi apprezzati ed essere denigrato, porti le persone a svariate reazioni,da lì nacque il mobbing,poiché alcuni emergono sotto stress altri affondano,ma non per questo sono da meno di altri,mi vengono in mente molti personaggi che hanno sfondato pur essendo stati aggrediti,e questo in molti ambiti,in ambito calcistico,non tutti sono Totti,non tutti sono in grado di sentirsi dare del bollito,poi entrare 5 minuti a partita persa,fare 2 gol e stando zitti dimostrare che si ha ancora qualcosa da dare.alcune persone vanno aggredite altre coccolate per avere lo stesso risultato,in questo per quanto possa essere antipatico a molti, Massimiliano Allegri, è un grande gestore di risorse umane,lo si vede da come critica da come motiva,come Antonio Conte e un allenatore forse cinico ma fa da Scudo alla sua squadra,critica il collettivo e stimola il singolo, Mourinho del triplete era lo scudo mediatico dell’Inter,quello della Roma ha usato società e giocatori come scudo.

    • Mourinho ha cercato di rivitalizzare calciatori ammosciati o finiti. le ha provate tutte. mancava solo l’elettrochoc.
      ora vediamo se non volevano o se non potevano.
      con allenatori meno blasonati era facile dare la colpa all’allenatore, con mou c’è voluto un po’ di tempo. ma sempre là siamo.

  8. Pellegrini è uno di quelli in cui speravo, mano mano il credito nei suoi confronti è finito, soprattutto dopo Milano, quando ho visto Paredes andare a calciare il rigore. Sei romano, romanista, sei il capitano e dovresti essere un professionista, quindi anche se non vai più d’accordo con l’allenatore tu devi dare sempre il massimo. Se da oggi lo vedrò correre a più non posso avrò la certezza che è in malafede e non può essere il capitano della Roma. Anche a tanti di noi è capitato a lavoro di non essere apprezzati, ma in teoria continuiamo a svolgere la nostra professione anche se non contenti, per una dignità personale e così dovrebbe essere per i calciatori, ma loro sono viziati.

  9. Sono quasi 3 anni che Pellegrini è impalpabile, se De Rossi riesce a recuperarlo sarebbe un grosso acquisto a centrocampo, non è Totti ma le qualità non gli mancano

    • Credo che, peraltro fin dai tempi del Sassuolo e della nazionale under 21, questo delle sue “qualità” sia un grosso equivoco: era anche allora moscio e non correva, ma a 21-22 anni si poteva pensare ad una maturazione atletica (anche perché è bello alto e non esile) e caratteriale. Probabilmente non ha forza nelle gambe e ciò avrebbe richiesto degli allenamenti atletici, a parte, specifici; persino il grande Baggio vi si sottopose (sotto la guida di un cerbero come Vittori). Ma ci vuole un’umiltà e uno spirito di sacrificio che lui non ha mai avuti.
      Fatto sta che la maturazione di Pellegrini non c’è stata; un under 21 promettente, come tanti, non ha mantenuto le promesse.
      Solo a Roma gli potevano 5 milioni netti + bonus…

    • Per “non correva” intendo non tanto il girovagare per il campo, alla rincorsa di avversari invariabilmente più veloci, e con più forza nelle gambe (cioè anche se li raggiunge, al massimo può fare un fallo da dietro): di km percorsi, nei vari momenti di relativa “forma”, ne ha sempre registrati tanti. Non correva quando doveva arrivare primo su un pallone conteso, su un passaggio in verticale in modo da controllare prima di essere travolto da qualsiasi avversario, o doveva rientrare in modo ad chiudere gli spazi, o doveva accorciare efficamente su un portatore di palla (specie nella nostra metà campo). Lui, sbaglia il “tipo” di corsa in ogni posizione del campo.
      Però ha n senso dell’inserimento sulle palle vaganti al limite dell’area avversaria; peccato che gli riesca, all’incirca, un tiro su 30 (cioè poi, uno e due gol ogni 10 partite, ormai).

  10. Difficile trovare equilibrio .Col 4231 e i 2 bradipi a centrocampo rischi una squadra spaccata in 2 e le solite difficoltà ad arrivare in modo fluido sulla trequarti, con un trequartista e 2 punte ,senza ali i terzini , già scarsi di loro, dovrebbero fare un gran lavoro.. In bocca al lupo Daniele!

  11. E’ una squadra che come.la metti la metti e’ male assemblata, in piu’ l’esplosione di Bove ha complicato ulteriormente le cose perche hai 3 giocatori teoricamente titolari nello stesso ruolo e in piu’ dovresti trovare pure un posto a Pellegrini che sulla carta non c’e’. il modulo piu’ indolore resta il 3-5-2 con Paredes o Cristante al centro Pellevrini e Bove interni e due esterni tra quelli che abbiamo…..sperando che Karsdorp finisca all’ultimo posto delle gerarchie. Davanti Dybala e Lukaku. L’alternativa piu’ logica con la difesa a 4 e’ il 4-14-1 perche’ Paredes giocherebbe nel suo ruolo di volante sudamericano e davanti a lui puoi sceglierne due tra Cristante, Bove e Pelegrini mentre sull’esterno alto a sx a quel.punto imprescindibike El Sharawy con Dybala largo dall’altra….ovviamente da quel lato il terzino non dovrebbe spingere mai. Davanti Lukaku

  12. ancora co questo?
    era chiaro che danielino ce lo ripropinava
    ma mourinho che ne voleva 3 alla fine aveva capito
    che non esce sange da le rape.
    I giocatori forti sono un altra
    cosa . Tifo per Danielino ma se vuole puntare su pellegrini
    comincia in salita l’avventura .

  13. A parte i problemi fisici che indubbiamente lo hanno afflitto, girano voci anche di problemi privati.

    Si certo, sono professionisti, ma nello sport è difficile rendere al 100% se la testa non è libera.
    Perché “lo sport” non è fatto solo dalla partita, anzi. E’ fatto da routine di allenamento in cui devi essere ultramotivato per spingere al massimo ogni volta.
    Se ti alleni con una parte della testa altrove, è difficile raggiungere il top della forma.

    Nessun uomo è una macchina, ma ci sono quelli che riescono a gettarsi dietro le spalle tutto e quelli che invece di meno.
    Ovviamente non lo conosco personalmente, ma per come appare mi sembra uno “che si porta i problemi a casa” (e viceversa).

    Non stiamo parlando di Messi, ma è comunque un giocatore superiore alla media, quando sta bene.
    Spero che torni a esprimersi al massimo, perché così ci è utile. A mezzo servizio, ennesimo giocatore a mezzo servizio, no.

  14. Mai stato un fan di Pellegrini, giocatore con qualche buona qualità ma ancora più difetti. Però se vogliamo liberarci del suo stipendio pesantissimo e ricavare qualcosa per prendere un giocatore più utile bisogna metterlo in condizione di fare le poche cose che sa fare bene. Come Spalletti si inventò Totti centravanti e Perrotta trequartista De Rossi si sprema il cervello per farlo giocare insieme a Dybala, poi a giugno arrivederci e grazie, ognuno per la sua strada.

    • Lorenzo Pellegrini e’ un giocatore che da anni mi risulta indecifrabile.
      Lo vedi toccare la palla in un modo che ti dice che e’ tecnicamente sopra la media, anche molto sopra la media, ma un secondo dopo lo vedi perdere palloni sanguinosi per colpa di giocate senza senso e vagare come se avesse la testa altrove. Soprattutto lo vedi eclissarsi e sparire nel nulla quando le partite si fanno brutte e infami.
      Non lo so che dire, io spero sempre che metta una punizione, un assist illuminante, un tiro al volo. Tutta roba che e’ nelle sue corde. Ma quando sta speranza e’ vana per decine di partite, capisco che la gente cominci a spazientirsi. Secondo me, due cose hanno paradossalmente ammazzato e stanno ammazzando la carriera di sto giocatore: essere capitano e avere un ingaggio spropositato.

  15. Pellegrini deve fare un bagno di umiltà, vuole sempre palla per cercare la giocata, il passaggio illuminante o la conclusione impossibile ma tecnicamente non ha nessuna di queste cose nelle sue corde e finisce per sprecare tantissime azioni, azzeccandone una ogni 50. Se iniziasse a capire di essere un giocatore mediocre tecnicamente e cercasse di giocare in modo più semplice e fisico (è comunque alto e grosso) forse sarebbe anche utile alla causa. Poi mettici pure che sta sempre infortunato, non si capisce mai quando gioca stringendo i denti o quando sta bene, ormai è diventato un meme che però occupa parecchio spazio salariale.

  16. buon giocatore se sta bene, pessimo Capitano, un Capitano vero dopo il derby e la sconfitta col Milan ci metteva la faccia e non mandava altri al suo posto ( Belotti dopo Milan-Roma ) giocatore cedibile

  17. …Pellegrini è un buon giocatore, piuttosto tecnico e certo non è la tigna il suo forte. Lo abbiamo oggi, per il futuro si vedrà, di sicuro non può rendere in un centrocampo con Cristante e Paredes (che sono loro stessi due doppioni per lo stesso ruolo); infatti quando Mourinho li ha schierati contemporaneamente in campo abbiamo preso scoppole con tutti (Verona, Genoa, Bologna….) …oopps scusate, questa è una considerazione tecnica e su Mourinho non si può…

  18. deve andare viail prima possibile giocatore deleterio per lo spogliatoio pagato come in top player ma in realtà giocatore mediocre sopravvalutato il peggior capitano della nostra storia

  19. Giocatore sempre considerato top dagli addetti ai lavori (titolare con EDF, Fonseca e Mou nella Roma, sempre chiamato e fatto giocare da Mancini e Spalletti in nazionale), e uno scarpone dagli esperti del bar.
    Classe superiore in una squadra dove la classe scarseggia (dopo Dybala c’è lui, poi Paredes, poi il vuoto).
    “Eh ma non segnaaaaaaaa” Eh ma fa la mezzala in un 3-5-2. Sapete chi gioca così? L’inter, sapete quanti gol hanno quelle “pippe” (perchè se non sono decisivi con i gol dovrebbero essere categorizzate così no?) di Mkhitarian e Barella? 2. Gli stessi di Pellegrini nel doppio delle partite.
    Poi rimangono giocatori diversi. Barella e Mkhitarian fanno più strappo e quantità. Pellegrini più impostazione e gioco tra le linee.
    Ma non servo io a difendere le qualità del capitano. Ci hanno pensato già quegli “incapaci” di Mourinho e Spalletti.

    • l’impostazione e gioco tra le linee non ne azzecca niente da talmente tanto tempo che per me non è mai stato capace. c’è solo l’AS ROMA

    • Il mio vanto più grande è sostenere la Roma. Dettp questo mio vanto è aver sostenuto Pellegrini pre-fonseca, Cristante (fino all’anno scorso odiato da tutti) e Mancini (fino a quest’anno odiato da tutti).
      Sarà mio vanto continuare a sostenere il capitano, e (quando inevitabilmente avrà un calo) Bove.
      Ci metto in mezzo anche Zalewski.

  20. Domanda a tutti i lettori di questa rubrica: Se Pellegrini contro il Verona facesse una partita super, non viene il sospetto che cercasse di esonerare Mou!! E se fosse così viene la tentazione di cacciarlo da Trigoria a calci nel XXXX! Comunque come calciatore è sola una figurina dell’album Panini, uno dei tanti, uno zero assoluto farebbe un’ottima figura nelle squadre di serie B.

  21. Sotto l’aspetto tecnico, Pellegrini credo sia un buon giocatore che, nella Roma attuale, potrebbe benissimo essere titolare fisso.
    Il suo problema è mentale: crede di essere un fenomeno, fa scelte e tenta giocate come se lo fosse ma, non essendolo, sbaglia quasi sempre e risulta così più scarso di quello che è. Poi, siccome anche al buon giocatore può riuscire ogni tanto la giocata da campione, soprattutto se la prova SEMPRE, l’equivoco si alimenta, sia nella sua testa che in quella di molti tifosi. E infatti, non a caso, Pellegrini è divisivo (molto più di un Bove, per fare un nome a caso): chi rimane incantato dalla punizione battuta in modo esemplare, e pensa sia un campione; e chi si ricorda le altre 90 buttate in curva, e pensa che, tutto sommato, sia meno utile alla squadra di un onesto primavera.

    Questo, a mio parere, per quanto riguarda l’aspetto tecnico. Quanto all’essere Capitano… beh, uno che se crede un fenomeno senza esserlo, tutto può fare tranne che il capitano.

  22. Pellegrini Dybala Lukaku nella partita con Atalanta hanno fatto degli scambi che neanche alla PlayStation…
    Pellegrini non è certamente un fuoriclasse questo è indubbio ma se vogliamo essere onesti bisogna dire che se a Totti gli avessi fatto fare il terzino forse avrebbe reso meno anche lui…

    • “Totti gli avessi fatto fare il terzino forse avrebbe reso meno anche lui…”

      Secondo me Francesco Totti avrebbe fatto furore pure se giocava in porta, ma magari me sbajo io eh

  23. il tempo è galantuomo e la verità verrà a galla…già a partire da stasera; basta pazientare, critiche pro o contro nei confronti di quel tecnico o calciatore è solo fumo…le chiacchiere valgono 0 e stasera ne avremo conferma.
    Forza DDR e daje Roma dajeee

  24. Carissimo de Rossi , Inizio cosi perche sei uno di noi per il tuo bene e quello della scuadra se ci sono giocatori non consoni al progetto mettili fuori.

  25. Per quanto riguarda Pellegrini, mantengo la mia coerenza e non cambio idea nonostante abbia segnato un bel gol e sia stato tra i migliori in campo. Rimane sempre un giocatore normale come tanti e meno forte di tanti, inadatto per indossare la fascia di capitano.
    Pellegrini diverse altre volte negli anni ha fornito belle prestazioni tipo questa contro il Verona ma spesso e volentieri sono state seguite poi da prestazioni opache, qualche buon fondamentale lo ha senza ombra di dubbio ma non è sufficiente se si vanno a contare tutti gli errori commessi a fare da contro altare.
    Per un giudizio più che positivo e ben diverso, Pellegrini avrebbe dovuto fornire prestazioni come il 1° tempo di questa partita in modo decisamente e di gran lunga più continuo.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome