Petrachi: “Roma in finale con 8 giocatori presi da me. Dispiaciuto di non aver potuto finire il mio lavoro”

55
1605

AS ROMA NEWS – L”ex direttore sportivo della Roma Gianluca Petrachi ha parlato questo pomeriggio a Tele Radio Stereo. Le sue dichiarazioni:

Che valore dà alla vittoria della Conference League da parte della Roma?
“Il giudizio su questa vittoria lo darà il tempo. Una competizione alla portata ma con squadre di livello. Il tempo dirà se funzionerà o meno una competizione come questa. Un plauso alla Roma, vincere non è mai facile”.

Tanti dei suoi giocatori hanno vinto, che soddisfazione le dà?
“Sì, sarebbe grave il contrario. Di tanti di loro ho conosciuto l’anima, sono riusciti a vincere perché dentro hanno un’anima. Anche nel veder gioire calciatori come Pellegrini, Zaniolo e Cristante, che ho mantenuto in squadra, sono contento. Il trio difensivo, per come è stato costruito, ha dato la testimonianza della grande unità della squadra. So che sono bravi ragazzi e ci tenevano”.

Come nacque l’idea di portare alla Roma Smalling e Mkhitaryan?
“Per quanto riguarda Smalling, stavo combattendo per prendere Lovren, ma vidi che non era convinto, si portava dietro infortuni e volevamo prenderlo in prestito. Si creò l’occasione di Smalling, non credevo fosse possibile in prestito, ma gli agenti mi dissero che era fattibile e non ci pensai due volte. Su Mkhitaryan, oggi non c’è più Raiola, è un’operazione che feci con lui, mi aiutò a portarlo anche economicamente con l’Arsenal per lo stipendio. Il giorno dopo mi chiamò e mi disse che era entusiasta di venire alla Roma”.

Su Carles Perez, cosa gli è mancato per imporsi a Roma?
“Si è ritrovato in una squadra con competizione dei compagni, non riuscirà mai a fare 10/12 gare consecutive, magari gli servirebbe giocare in una squadra dove può fare 30 patite in stagione. Non è semplice, sono tanti i calciatori del genere. Il Leao di quest’anno non è quello di due anni fa, era discontinuo, aveva più concorrenza. Ci vuole una certa maturità. Nella Roma tante condizioni non ci sono, non può avere il posto garantito”.

Pensa che Ibañez potrà correggere alcune distrazioni in campo?
“È un giocatore che va stimolato, va aiutato. È un brasiliano, tende a non prendersi troppo sul serio, devi stargli sempre addosso. Deve imparare a gestire il tempo di anticipo. Per caratteristiche è un difensore difficile da trovare”.

Come mai scelse di non puntare su Karsdorp?
“Non è un quarto, è un quinto. In un 3-5-2 va bene, in un 4-2-3-1 secondo me no, soprattutto dopo l’infortunio, poteva fare fatica. Ritengo sia, come quinto, un giocatore importante. Non l’ho mai giudicato scarso, ma devi saper adattare i giocatori alle caratteristiche”.

Continua a sentire Belotti? Pensa possa essere un buon colpo a parametro zero?
“Il messaggino c’è sempre con qualche giocatore. Con Pellegrini anche, non accade con tutti. Belotti è uno con cui ho rapporti, è un ragazzo straordinario. Comunque vada chi prende Belotti prende uno che ti dà l’anima, è un giocatore che vede la porta. A zero lo prendo ieri, non oggi”.

Antonio Conte prese in considerazione l’idea di venire alla Roma?
“Antonio è esigente, prima di tutto con se stesso. È uno che non fa passare nulla, nel lavoro da sempre mette il massimo ed esige la stessa volontà da tutti. Sulla Roma: secondo me ci poteva stare, ma sono passati degli anni. Non so se ascoltò la Roma, non posso parlare per altri, sicuramente Conte è affascinato dalla Roma. Ha compreso cos’è”.

Cosa ne pensa di Villar?
“Credo che sia adatto ad un centrocampo a 3, come Veretout. Mourinho gioca con due mediani, le caratteristiche contano. Villar davanti alla difesa, e a 3, è da prendere, fa girare la squadra ha capacità intuitive, ha bisogno di protezione. Mourinho aveva poco tempo, è stato pragmatico e sono state fatte delle scelte di questo tipo”.

Secondo lei dove andrà Bremer?
“Bremer è un top, giocatore eccezionale. Meticoloso, attento, voleva migliorarsi. Ne ho ricevute di critiche quando lo portai per 5 milioni, fui investito. Trovare difensori veloci, forti fisicamente è difficile. Questa sua grande qualità la intravidi dal vivo in Brasile. Quando l’ho conosciuto capii che potevo puntarci. Merito suo, anche quando non giocava si è impegnato, ci ha sempre creduto. Chi prende Bremer fa un affare strepitoso”.

Qualche rimpianto di mercato alla Roma?
“No, il rimpianto è non aver potuto finire il mio lavoro. Tante cose sono state fatte, resta il fatto che vedere 8 giocatori in finale presi da me un po’ dà dispiacere. Viene da pensare a cosa poteva essere e non è stato. Soprattutto per cosa sono la Roma e i suoi tifosi: tanta passione, coinvolgente e straripante. Non è comprensibile se non lo vivi”.

Articolo precedenteLa Roma si muove per Deulofeu
Articolo successivoRoma, Wan-Bissaka e Guedes per volare sulle fasce

55 Commenti

    • Ma questo parla sempre? Inoltre con Mourinho facevi il galloppino. José ordina tu parti e compri, altro che otto giocatori.

    • Nel bene e nel male, hai incontrato a Roma solo magnaccioni, Fienga compreso… Ecco il motivo del ripulisti Friedkin… Lui paga l’arroganza sua, nello spogliatoio nei confronti di Fonseca di un, Presidente in declino, altrimenti non sarebbe mai andato via. Ormai… Je rimasto da parlare… 💛🧡❤️🐺🐺🐺🏆

    • Allora lo scorso anno era colpa tua?
      Che ridicoli quando si vince tutti a prendersi i meriti. Ma ringrazia pallotto che uno come te la Roma non lo dovrebbe guardare manco in tv

    • A Petra’
      Tu non eri partito male. Non mi eri antipatico. Ma me sbagliavo…..
      Ogni volta che apro bocca me cali di un metro.

  1. “Er cavaliere bianco e er cavaliere nero fanno a duello, er cavaliere nero ammazza er cavaliere bianco. Mo er cavaliere bianco c’aveva tre fiji, tutti e tre sfidano er cavaliere nero, ma er cavaliere nero l’ammazza tutti e tre…”(segue)

  2. Quando è arrivato a Roma ha detto che i giornalisti non avevano il suo numero o che non gli rispondeva, non ricordo di preciso. Da quando se n’è andato risponde a tutti come una escort

  3. In realtà friedkin ha dovuto comprare smaldini… perché l’omertoso lo aveva preso solo in prestito….e cmq l’operazione la fece un altro… come per Miki….

    Questo è un altro che come ha detto José è uscito con le tasche piene di soldi

    Hai portato la Roma in tribunale….omertoso

    Sta gente mi ha proprio rotto er….

    L’as Roma ha scritto la storia con friedkin e José….. nonostante i danni tuoi e del sivigliano….

    Rosicate…….

    Forza grande Roma ale’

    • È giusto. Ricordo perfettamente una sua intervista nella quale ammise che fu “Franco” a proporglieli e lui diede il suo assenso.
      D’altronde Petrachi oltremanica è un perfetto signor nessuno, né mi risulta abbia mai concluso affari in quel mercato.
      Adesso, a distanza di qualche tempo, prova a portare acqua al proprio mulino, confidando nella altrui memoria corta.
      Anche Mancini era un affare già definito dal ciarlatano andaluso e del quale si parlava fin da gennaio 2019.
      Di giocatori veramente suoi in campo dall’inizio c’era il solo Ibanez, al quale si sono aggiunti in corso Spina e Veretout. Altro che otto…

    • Fratelli romanisti

      La realtà è una….
      Ed è che la nostra vittoria da fastidio a tutti..

      Aspetto ancora i complimenti della Figc lega italiana calcio coni…alla as Roma

      Abbiamo ricevuto soltanto un deferimento da parte degli scagnozzi del pregiudicato immondo della procura federale

      Forza ragazzi abbiamo scritto la storia romanista

      Forza grande Roma ale’

  4. Complimenti a tutti voi per le risposte

    Meno male che nn ci sono più sti personaggi

    Grazie friedkin e José

    Forza grande Roma ale’

  5. Scusa Petra’… Mikhitarian e Smalling li ha presi Franco Baldini. Tu l’inglese manco lo sai. Come facevi a convincerli a venire alla Roma?
    Mo va là

  6. Caro coatto di Lecce, abbiamo svoltato da quando ti hanno cacciato e subito dopo sono arrivati i Friedkin, che grazie a dio non ti hanno riassunto, fatte 2 conti e dopo che te li sei fatti vaff*****o

  7. Mi stai anche simpatico ma ti rispondo subito…potevi portarne anche 20 di giocatori ma…senza Mourinho non avresti vinto comunque.
    Daje Roma Dajeeee

    • E pensare che, con tutti i disastri che ha combinato, in campo a Tirana c’erano più giocatori suoi che del Tarzan del Salento…

  8. Fra poco parlerà pure Monchi contando quelli che ha portato lui e infine parlerà pure il raptor di Boston. Qua ce n’è solo uno che ha, avrebbe, il diritto di parlare e prendersi i giusti meriti. Uno che sta sempre zitto ma che ha preso tutto quello che c’era, ha portato Mou e paga tutti ogni mese, mettendoci pure il resto. Grazie presidente Dan Friedkin. Gli altri stiano muti che fanno più bella figura.

  9. Petrà, non è che contavamo i giocatori eh, è che non te sapevi comportare con la proprietà.
    Se non sai stare in mezzo alla gente con cui lavori, e lavoravi co 4 peracottari, è difficile eh.
    Pensa adesso con Mourinho, t’avrebbe messo fuori rosa come Nzonzi e Santon, a fa le granite fuori dai cancelli a Trigoria.

  10. Ok, alcuni giocatori li ha presi Petrachi ma senza Mourinho non avremmo vinto la coppa, mi risulta che lo stesso Petrachi ha preso Fonseca invece di prendere un top allenatore, inoltre ci ha appioppato anche degli accolli epurati dallo stesso Mourinho.
    Se Petrachi è stato mandato via dai Friedkin esiste un validissimo motivo, per fortuna che non è riuscito a finire il suo lavoro.

  11. A 100 hai sbagliato il verso o meglio quello che hai detto di pallotta su petrachi invertilo cosi non te sbagli per capirci se ce qualcuno fra i due che c ha guadagnato quello si chiama Pallotta

  12. Non capisco perché molti parlino con astio di Petrachi.
    E’ uno che ha preso buoni giocatori. Che quando la squadra si è seduta (come ogni anno senza Mourinho) l’ha presa a calci nel sedere.
    Che in un momento in cui la società era assente non si è fatto scrupoli di dire a Pallotta quello che pensava (e è stata mandato via per questo).

    E’ indubbio che specie nel reparto difensivo sia uno che i giocatori sa vederli.

    Potrà essere o non essere da Roma, ma per il lavoro che ha fatto qui, nelle circostanze in cui si è trovato, ripeto: una società assente e un allenatore (Fonseca) troppo “signore”, ha dato l’anima.

    Perché l’astio?

    • Ogni volta che parlava una multa, ha dilapidato un patrimonio, ha scavalcato l’allenatore nella piazza in cui il più grande problema è che non si rispetta l’allenatore, ce l’ha menata con “la filosofia di Petrachi” e boiate affini, e mentre tentava di spillarci milioni in tribunale ha pure provato ad ingraziarsi la piazza a suon di sviolinata false come una moneta da tre euro. Non pago, ora si appiccica come una patella ai risultati della squadra. Direi che l’astio per sto giullare è il minimo sindacale

    • “ogni volta che parlava era una multa” … a me pare che abbia difeso la Roma, contro le solite angherie di palazzo, visto che l’allenatore era troppo signore e la società era totalmente assente.

      “ha scavalcato l’allenatore” … cioè quell’allenatore che alcuni giocatori hanno mandato pubblicamente affanculo e che non è stato in grado di dare stimoli e impegno mentale di livello. La stessa squadra che a Bodo questa stagione ha incassato 6 gol, ma che è poi stata presa per il collo da Mourinho.
      Se ha scavalcato l’allenatore è perché l’allenatore non aveva il polso necessario.

      “spillarci milioni in tribunale” alla fine si sono accordati (lui ha rinunciato) quindi non mi pare ci sia stata chissà che acredine. Lo hanno malamente messo alla porta e è normale che fosse solo per tutelare la propria professionalità si sia risentito.

      Un DS deve portare buoni giocatori, e vendere bene. Mi pare che nel complesso il suo lavoro sia stato abbastanza positivo, dopo il disastro Monchi.
      Purtroppo è capitato in un momento in cui tutto ricadeva su un allenatore “morbido” perché la società era del tutto assente, impegnata solo a sbarazzarsi della Roma. Questo lo ha fatto esporre oltre i suoi compiti istituzionali.

      Secondo me aldilà dei modi del personaggio, che non piacciono nemmeno a me, fra tutti i personaggi passati nella Roma in questi ultimi 10 anni, il suo bilancio è comunque positivo.

      Poi pensatela un po’ come volete… il mondo è bello perchè vario.

    • Esempio: le dichiarazioni sul calcio maschio e le ballerine, per citare il più noto. Nello sport ci sono delle gerarchie, fosse anche l’allenatore più incapace del mondo non devi permetterti in alcun modo di scavalcarlo di fronte ai giocatori. Pensi che la situazione sia senza uscita? Molto bene, allora lo esoneri. F*ttere ulteriormente le dinamiche di spogliatoio non risolve certo la situazione. Allontanato malamente? Se mando affanc*lo il mio datore di lavoro mi sembra sacrosanto, per quanto Pallotta fosse un inetto e un buffone, a questo della sua professionalità non gliene frega una beneamata. Detto questo, ha inficiato la cessione del secolo (Manolas) con il capolavoro Diawara, acquistato a più di 20 pippi con ingaggio più che raddoppiato, ha speso 13 milioni per Carles Perez, in generale ha speso una quantità di denaro tale da doverci obbligatoriamente portare in Champions. Non ci siamo arrivati manco vicini…

  13. oh l’estate scorsa na volta ho incontrato Zaniolo e gli ho fatto l’imbocca al lupo per quest’anno!!! quindi è anche merito mio per la coppa? do stanno le mie interviste?

  14. Il fumante, anche se non mancano i critici, è stato il top positivo dell’ultimo quindicennio, monchi il top inarrivabile della storia alla pari di Attila, petrachi a mio avviso ha fatto il suo con alti e bassi in una situazione societaria, ambientale e tecnica difficilissima. Il giudizio astioso su di lui risente della contestazione ed antipatia che molti romanisti hanno per la presidenza durante la quale ha lavorato

  15. E comunque aggiungo che il dire di aver scavalcato un allenatore senza polso non è una giustificazione perché Petrachi ha fatto l’errore di prendere tale allenatore senza polso.
    Astio o non astio, aver mandato via il ds in questione è stata una cosa giustissima.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome