Pinto, parola alla difesa

13
969

AS ROMA NEWS Indifesa. Nel reparto che sinora, pur registrando qualche passaggio a vuoto, s’è dimostrato il più affidabile e fiore all’occhiello di Mourinho in questa stagione. La difesa, appunto, scrive oggi Il Messaggero (S. Carina).

In affanno pensando al prossimo match contro la Sampdoria quando mancheranno gli squalificati Kumbulla, Mancini, Ibanez e l’infortunato Karsdorp. Ma non solo. Perché guardando oltre, lo scenario rischia di non essere roseo nemmeno per l’estate. Smalling infatti è ancora indeciso se accettare o meno l’offerta di Pinto (biennale da 3,5 milioni); Spinazzola ha il contratto che scade nel 2024 e ancora deve mettersi seduto e discutere di un eventuale prolungamento; Llorente probabilmente farà la fine di Maitland-Niles.

Celik, messo da parte da José negli ultimi due mesi, si salva soltanto perché costato 7 milioni; Karsdorp è ai box per il quarto intervento chirurgico alle ginocchia ma a giugno è pronto a fare le valigie; Ibanez, uscito distrutto dal derby, ha il destino nelle mani di José: se il portoghese va via, potrebbe rivelarsi la pedina ideale per effettuare una plusvalenza; Kumbulla, scivolato pericolosamente nelle gerarchie dello Special, anche lui a giugno. Rimangono Zalewski (appetito la scorsa estate dal Dortmund ma voglioso di restare) e Mancini, fresco di rinnovo, aumento di stipendio e prolungamento.

Situazioni in divenire che presumono a fine stagione volti nuovi. Uno a destra potrebbe essere Cuadrado. Il colombiano si libera dalla Juventus e viene visto da Mourinho come il calciatore ideale da affiancare a Celik. Va però convinto Pinto, restìo ad investire per un 35enne. L’alternativa è Semedo, del Wolverhampton. A sinistra bisognerà capire cosa accadrà con Spinazzola. Il nazionale azzurro prima del terribile infortunio all’Europeo aveva un mercato importante (Psg e Real). Ora, che lentamente sta tornando ai suoi livelli, il suo nome sta tornando a circolare in sede di mercato.

Il gm monitora a fari spenti la situazione di Grimaldo, in scadenza anche lui a giugno con il Benfica, suo pallino da tempo. Più complicata la situazione dei centrali. La permanenza o meno di Smalling fa tutta la differenza del mondo. Continuano i contatti con N’Dicka , francese dell’Eintracht Francoforte. Piace molto Tiago Djalò (su di lui anche Inter e Napoli). Il contratto del centrale portoghese, ora al Lille, scadrà nell’estate del 2024 ma è un calciatore che è finito nei radar degli scout giallorossi.

Da monitorare anche la pista legata all’atalantino Demiral: da tempo il suo nome circola a Trigoria. A dimostrazione che le idee non mancano. Tutto però ruota attorno al destino di Mourinho. Sarà lui, restando o salutando in anticipo rispetto alla scadenza del contratto, a determinare le strategie del club.

Fonte: Il Messaggero

Articolo precedenteSpinazzola, ieri 30 anni e rinnovo in arrivo
Articolo successivoRoma, obiettivo 60 milioni

13 Commenti

  1. Sicuramente Mourinho è una calamita per i grandi giocatori ma piange il cuore a pensare che una società come la Roma dipenda solo e unicamente dalla permanenza di un solo uomo.

    • Perché non lo sapevi romano? Tutti questi sold out che ci sono, secondo te per chi li fanno? Ti dico se, al posto di MOU arriva Ancelotti è uguale l’ andazzo…Tutto ruota intorno alle scelte societarie. Ma perché, tu pensi che se prende Italiano, oppure De Zerbi, sia la stessa cosa? Non penso, non penso proprio…💛🧡❤️🏆🐺🐺🐺

  2. N’Dicka l’ho visto contro il Napoli , non mi e’ sembrato questo fenomeno che ti cambia la difesa , anzi…

    • Ma il Napoli attuale con questi Kvara e Osimhen che sembrano fenomenali fanno sembrare scarsi anche van Dijk o un Rubén Dias. Semplicemente il Napoli sta vivendo il suo anno fortunato che difficilmente ricapiterà di nuovo. Come alternativa al trio difensivo titolare potrebbe andare bene

  3. La domanda è: per la prossima stagione, Mourinho intenderà confermare la difesa a tre o desidererebbe calciatori adatti alla difesa a quattro?
    No perché, nella seconda ipotesi, occorrerebbe cambiare 3/4 della linea difensiva, Smalling e Spinazzola compresi.
    La risposta è dentro di voi… peccato che è… sbajata!

  4. Speriamo riparta il campionato in fretta…!

    Detto questo, butto lì qualche delirio.

    Se resta Mourinho , vorrà giocatori di mentalità …e pochi sono i giovani con le palle….ma lui vuole gente che lotta.

    Smalling Ibanez e Mancini sono così

    Belotti , Matic, Dybala anche

    Ci servono soldi, incassi solo da Abraham, Zale, Ibanez ( se parliamo di cifre che facciano decadere il FPF)

    Abbiamo visto che i nostri primavera non sono pronti , salvo qualche raro spot

    Sappiamo che i vari vina , shomu torneranno

    Zaniolo qualcosa porterà

    In teoria, facendo una stagione al risparmio , ti rimetti pari con il FPF, ma perdi Dybala, Smalling, Mourinho

    Sinceramente, tutti a sparare sulla società, il GM, ma non è così semplice

  5. Secondo me le strategie di mercato andrebbero fatte adesso. Aspettare che Mourinho rimanga o vada via a giugno non sarebbe tardi?

  6. Voglio pensare che gia’ da ora i programmi per la stagione futura sono gia’ in cantiere, se non lo fosse e’ un grave problema.
    Le lacune che si sono evidenziate in questa stagione sono evidenti.
    Il portiere ha priorita’ ed e’ necessario prenderne uno affidabile e che sappia partecipare alla ripresa del gioco e non con il solito rilancio che 90 volte su 100 finisce sui piedi dell’avversario, cosi come almeno un difensore centrale se non due, poi ancora non sappiamo se Smalling rimarra’ e se Mou voglia giocare con un modulo difensivo a tre o quattro, pertanto se cambiera’ modulo cambia anche il mercato della Roma con una vera e propria rivoluzione, a mio parere sono so 4 i calciatori dell’attuale rosa che possono giocare a 4, Mancini, Ibanez, Karsdorp, Spinazzola, quindi se tanto mi da tanto ci vogliino altri 4 nuovi innesti uno per ruolo e poi i due centrali di alta qualita’ (cosa difficilissima) altrimenti con la difesa a 3 ci vuole almeno un dominante perche’ Smalling con tutto il bene che gli si puo’ volere non sa imbastire il gioco, Mancini e Ibanez ci provano anche con qualche intuizione ma non sono TOP.

    A centrocampo vista la crescita di Cristante e l’adattamento di Matic se Winaldum rimane si deve prendere un mediano con piedi educati e che abbia gamba, Tairovich e’ giovane ma sembra essere un profilo adatto e di grande interesse.

    Sugli esterni di centrocampo o nella trequarti hai 4 calciatori gia’ in rosa (Pellegrini, Zalewsky, Dybala, El Shaarawi) che possono aiutare uno o due attaccanti, direi certi Belotti e Solbaken, quindi certamente sara’ necessario almeno ingaggiare altri due mezzale ed altri due attaccanti.
    Tutti quelli che non ho nominato possono anche essere ceduti, salvo per i giovani cresciuti nel vivaio ai quali dare opportunita di andare a giocare con la valorizzazione anche pagando per farli giocare.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome