Più Baldanzi e meno gol incassati: la nuova mission di De Rossi

36
572

AS ROMA NEWS – Dopo otto partite sulla panchina della Roma tra coppa e campionato, 15 punti conquistati in Serie A e il passaggio del turno in Europa League agli ottavi di finale, il primo bilancio di Daniele De Rossi non potrebbe essere più felice.

Eppure il tecnico di Ostia non può di certo adagiarsi sugli allori: due trasferte importantissime contro Monza e Fiorentina, il doppio scontro con il Brighton e quindi la gara interna con il disastrato Sassuolo prima della pausa che sancirà la conclusione di un mini-ciclo che sarà fondamentale in vista della ripresa del primo aprile e della volata finale.

De Rossi dovrà cercare di migliorare alcuni aspetti ancora perfettibili della sua squadra, che crea e segna tanto, ma incassa qualche gol di troppo. Da qui la tentazione del ritorno a una retroguardia a tre con Smalling di nuovo protagonista lì nel mezzo.

Sarà importante poi trovare più solidità difensiva dalle fasce laterali: la Roma incassa ancora troppe reti da cross che arrivano proprio dalle corsie esterne. Karsdorp e Kristensen hanno palesato i propri limiti, ma anche Angelino e Spinazzola non sembrano essere il massimo dal punto di vista difensivo.

De Rossi dovrà poi dare più spazio a Tommaso Baldanzi, investimento operato a gennaio dalla famiglia Friedkin che ha bisogno di essere valorizzato. Un giocatore che ha trovato ancora poca continuità, oscurato dalle magie di Dybala, tornato protagonista grazie a una condizione fisica ritrovata.

“Devo trovare un modo di far giocare Baldanzi con Dybala”, aveva confidato il tecnico qualche settimana fa in un post partita. Il processo di inserimento del timido e giovane calciatore toscano sta proseguendo bene, con De Rossi che lo sta centellinando. Ora però è arrivato il momento di trovargli una sistemazione in campo che non sia per forza alternativa a Dybala.

Fonti: Corriere della Sera / Gazzetta dello Sport / Il Messaggero / Il Romanista

Vuoi essere sempre aggiornato sulle ultime notizie della Roma sul tuo cellulare? Iscriviti subito al canale Whatsapp di Giallorossi.net!

Articolo precedenteBrighton, prosegue il periodo no: eliminato dal Wolverhampton in FA Cup
Articolo successivoStadio a Pietralata, concluso l’iter del Comune: manca solo il progetto definitivo della Roma

36 Commenti

  1. quando scrivo che sulle corsie esterne chi metti, metti, non ne fai uno buono, mi becco un sacco di critiche. Ormai è chiaro che la missione del nuovo DS saranno proprio gli esterni, il problema è che ne devi prendere quattro.
    PS. giocare a quattro vuol dire avere esterni che sanno fare entrambi le fasi, questi neanche a tre dietro ci riescono. una precisazione per i tecnici di questo forum….

    • Don scusa ma sei lo stesso account che scrive qualche post più in giù contro chi dice che alla Roma servono + esterni e meno Baldanzi e Azmohn?
      No chiedo perché qui si sfiora la doppia personalità.
      A mio modesto avviso abbiamo buttato le risorse su Baldanzi (dopo averne buttare su Shomorudov come scrissi quasi in solitario all’epoca) quando ci servivano altri giocatori.
      Ditemi a metà campionato cosa serviva spendere 15 mln quando era meglio tenerli in pancia per comprare il Bellanova di turno a fine turno? Baldanzi dalla panchina quando potrà essere decisivo?.
      Oggi si chiede a DDR di trovare un modo per far giocare Dybala insieme a Pellegrini e Baldanzi..
      Ok ma chi difende??
      Ricordo a tutti che siamo fuori dalla Coppa Italia sesti in campionato e agli ottavi di Europa League.
      DDR è in perfetta scia al campionato dell’anno scorso di Mourinho (salvo la finale di EL).

    • Quattro mi sembra esagerato, per prima cosa bisogna capire chi sarà l’allenatore e che modulo vorrà mettere in campo, spero sia chiaro a tutti che un terzino (o un’ala) non può fare l’esterno a tutto campo in un centrocampo a cinque, non sono tutti Theo Hernandez. Nel caso si confermi la difesa a 4 puoi comunque tenere Angelino e Celik (secondo me i migliori in una difesa a 4, Spina sta tornando a buoni livelli ma basta giocatori inaffidabili fisicamente) come panchinari e comprare i due titolari, già così sarebbe comunque un esborso non da poco, pensare di comprarne 4 significa impiegare tutto il budget sui terzini e io spero arrivi anche un centrocampista di alto livello a sostituire Renato Sanches e Aouar (che spero venga venduto), sperando resti Dybala e si recuperi Tammy a buoni livelli.

    • Ciao Asterix, no…io ho solo l’account con Don e con una foto di contatto presa da internet con una chiesa al centro di un villaggio, chiaro riferimento storico.

    • @Karl
      a destra uno lo restituisci a fine prestito e l’altro lo vendi, considerato che è ormai a zero a bilancio ci ricavi qualcosa e fai plusvalenza, poiché sono due pippe. Celik stessa sorte, un incauto acquisto a 7 mln di euro e un ingaggio a 2,5 mln.
      A sinistra, Spinazzola sta facendo il canto del cigno, ma purtroppo è finito. Angelino a poco me lo tengo, ma domenica Bellanova se l’è mangiata la fascia.
      Allora mettiamoci d’accordo: compro due titolari, mi tengo Angelino e cerco uno a destra di buone speranze.
      Mi dispiace, ma sono stanco di vedere gente non di categoria che non sa posizionarsi in difesa, non sa crossare, non fa mai un uno contro uno, potrei continuare, mi fermo qui…

  2. Baldanzi è stato acquistato con l’evidente scopo di sostituire Dybala il prossimo anno, in un’ottica di drastico contenimento degli ingaggi e di ringiovanimento della rosa.
    Per me Baldanzi è un frillino con un po’ di tecnica e niente fisico. È un giocatore da calcetto,l’ultima piattella di sor Pinto.

    • Eh già , Xavi,Iniesta, Messi,Alvarez, Bernardo Silva, Bruno Conti,Paolo Rossi,Insigne : tutti calciatori dal gran fisico…. Per dimostrare di saperla lunga non è che bisogna eccepire per forza, altrimenti il “ Cogito ergo sum” sarebbe stato “ eccepisco dunque esisto”…. o no? Ma noi ti vogliamo bene lo stesso 😜

    • Laurentie’raccomandato dall’onnisciente Zenone,colpevolmente trascurato da Pinto nonostante l’autorevolissimo imprimatur,sta trascinando il Sassuolo verso lo scudetto..

    • eppure le volte che l’ho visto giocare, sui contrasti va meno in terra che pellegrini, che il fisico lo ha…
      sarà il baricentro..

    • @M.M.
      è si perché a Baldanzi pe’ diventà Messi o Silva o Bruno Conti ecc ecc je bastano ‘na quarantina de partite nell’Empoli e 3 spezzoni a Roma e… SimSalabim… “Habemus Fenomenum”!
      E non potrebbe esse più facile, invece, che sia n’altro Iturbe, o Kluivert, o Cengiz Under o Verde ecc… cioè n’altro piccolotto de questi che a noi ce servono a poco? noooo… qui je damo n’occhiata e parlamo subito de Messi.
      Matematico!

    • Signor Zenone spero che lei non abbia vissuto tutta la sua vita facendo il bacchettone in ogni dove 🙂 p.s. Pelè, Maradona, Messi, Iniesta tutti frillini 😉

  3. per carità
    non credo che Daniele abbia in testa una roba del genere..salvo situazioni di fiato corto in cui sa di non poter spingere per 90 minuti..come con il Torino

    però una curiosità la avrei
    Smalling – Huijsen/nDicka i due centrali
    Mancini in mediana che spezza il gioco avversario e sa anche impostare …come alternativa a Paredes

    • Orribile quasi quanto far giocare Paredes d cinque con difesa a tre, la soluzione non è così complicata Mancini deve giocare a destra e Bove si alterna con Cristante. A sinistra se gioca Spina gioca zalewzky e se gioca Angelino deve giocare Elsha, occupare spazi con o senza palla e coprire la buca che abbiamo nelle due fasi a destra

  4. Certo… scendiamo in campo in quindici ed il gioco è fatto (De Rossi ha detto anche che sarebbe bello fare giocare insieme Lukaku e Abraham… e ha vanta qualsiasi suo giocatore)…articolo inutile

  5. Non vedo grossi vantaggi nell’affiancare Baldanzi; finché c’è un Dybala come quello visto col Torino è bene lasciarlo spaziare davanti senza intralciare il suo estro.

  6. L’eredità di scelte sbagliate di Pinto.
    Tutto il campionato ha dimostrato che alla Roma mancano gli esterni dx e sx e cosa abbiamo preso un altro trequartista.
    Già DDR ha difficoltà a trovare lo schema che faccia giocare bene sia Pellegrini che Dybala ed ora ci mettiamo Baldanzi.
    E mi raccomando rinnovo ad Azmoun!!
    Mentre il Bellanova di turno ridicolizza l’angelo altro regalo di Pinto..

    • Bellanova l’ho visto più volte e mi ha fatto sempre un’ottima impressione. purtroppo su questo forum parlano in tanti…

  7. l’unico modo per farli convivere sarebbe il 4 3 1 2 con un centrocampo a 3 già testato Cristante/Paredes/Pellegrini e Baldanzi trequartista libero di muoveri ovunque dietro Dybala (ad orbitare nel centro dx) e Lukaku.
    Con questo schieramento il possesso sarebbe ancora migliore e il centro sarebbe blindato ma ci vorrebbero due terzini super (che non abbiamo) per non subire molti cross.

  8. Per non far crossare l’avversario dal fondo campo (nostro punto debole) è imperativo coprire l’esterni.
    Datevi una svegliata ragazzi, forza Roma

  9. I terzini restano il punto debole di questa squadra che, per il resto, è ottimamente assortita a dispetto di quanto ci aveva fatto credere il vecchio mister. Non credo che la difesa a 3 possa essere la soluzione, piuttosto un impiego di Mancini a destra (tipo il primo Rudiger) con Smalling Ndicka centrali… potrebbe essere un esperimento interessante.

  10. Del nostro MISTER apprezzo la voglia di osare, provare, studiare, raddrizzare le partite, cosa che non sapeva fare il suo predecessore. Contro il Torino i tre centrali per fare in modo che uno dei tre(Mancini) avanzasse a centrocampo con gli inserimenti di Cristante (alla Perrotta) nella trequarti/area avversaria, dimostra di quanto DDR studi in tattica e modulo di partita in partita.
    Forza Roma
    Daje Mister.

  11. Arduo compito per DDR quello di arrivare in CL quest anno per permettere ai Friedkin di poter spendere a giugno/luglio…e rifare la difesa, comprare un regista vero, 1 ariete forte..

  12. Le prossime 5 sfide, 3 di campionato e 2 di coppa, sono ampiamente alla nostra portata.
    Mi aspetto 9 punti e il passaggio ai quarti.
    Daje Roma.

  13. Articolo scritto da chi capisce evidentemente molto poco di calcio. La difesa “a 3 e mezzo” la puoi proporre se sul lato del terzino bloccato (che in fase di non possesso diventa il terzo difensore centrale) hai un’ala che dia ampiezza, cosa che assolutamente non è Dybala. Una soluzione del genere la puoi adottare con Ndicka a sinistra, ma ciò comporterebbe la rinuncia a Spinazzola o Angeliño

  14. non so se siano più inutili l’articolo o i commenti all’articolo.
    De Rossi ed il suo staff stanno dimostrando di saper risolvere i problemi che si presentano.
    E’ quello che fa rodere i gazzettari, per questo quotidianamente pongono problemi che sono solo nelle loro menti.

  15. Avere più opzioni per partite diverse e anche all’interno della stessa partita è un pregio per un allenatore.
    Il pericolo è quello di esagerare cambiando troppo e troppo spesso impedendo alla squadra di raggiungere una propria identità definita.
    Da duttile a Tinkerman il passo è più breve di quanto si possa pensare.
    Mourinho si è perso sul versante opposto, abbarbicato alla difesa a tre anche contro avversari dal pedigree risibile, a volte persino in superiorità numerica, per buttare dentro cinque attaccanti negli ultimi venti minuti.
    Una scelta definitiva sul modulo base è d’obbligo, le varianti devono restare tali e impiegate con parsimonia quando l’occasione lo richiede.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome