Stadio a Pietralata, concluso l’iter del Comune: manca solo il progetto definitivo della Roma

21
443

AS ROMA NOTIZIE – Il Comune ha concluso l’iter amministrativo per lo stadio della Roma, l’impianto da 65mila spettatori che dovrebbe essere realizzato a Pietralata. A gennaio sono partiti i sondaggi geognostici e gli scavi archeologici preventivi, mentre la società giallorossa sta studiando le soluzioni infrastrutturali nel quadrante.

La struttura, è l’auspicio della proprietà rilanciato dal Campidoglio, dovrebbe inaugurare nel 2027, per il centenario del club giallorosso, ma non è scontato che i tempi saranno rispettati, considerate le molte variabili in gioco: dal futuro stesso della Roma e dalle voci (sempre smentite) di una possibile cessione del club, ai problemi che potrebbero subentrare nelle fasi successive rallentando l’opera.

Ora però tocca alla Roma compiere il grande passo, presentando il progetto definitivo del nuovo impianto. Da quel momento il dado sarà trattato e tutte le carte saranno in tavola. A settembre 2023 si affermava che il progetto sarebbe divenuto realtà tra la fine dell’anno e l’inizio del 2024, a gennaio invece la dead line è stata fissata al prossimo marzo.

Se il cronoprogramma verrà rispettato, e la Roma presenterà il progetto definitivo corredato dal piano economico-finanziario, l‘assemblea capitolina potrà votare la proposta e indicare il rappresentante del sindaco alla Conferenza dei servizi decisoria che sarà aperta dalla Regione. L’attesa continua.

Fonti: Corriere della Sera / La Repubblica / Il Sole 24 Ore / Il Romanista

Vuoi essere sempre aggiornato sulle ultime notizie della Roma sul tuo cellulare? Iscriviti subito al canale Whatsapp di Giallorossi.net!

Articolo precedentePiù Baldanzi e meno gol incassati: la nuova mission di De Rossi
Articolo successivoDall’operazione Cash al colpo Podence: gli affari di Modesto, il ds che Souloukou ha bloccato per la Roma

21 Commenti

    • Io invece credo che non lo lascerebbero fare comunque. La Roma non DEVE avere lo stadio di proprietà, indipendentemente da Caltagirone, dalla proprietà di oggi, di ieri etc. I dirimpettai non so, ma la Roma sicuramente non può e non deve: realizzarlo sposterebbe equilibri pallonari che non possono e non debbono cambiare. La manfrina orchestrata con la precedente sindaca è servita a tener buona la piazza per qualche anno, prendere tempo quanto basta. Ora si cambia: nuovo sindaco, nuova area individuata, ma soliti problemi e soliti ostacoli. Non vedo vie d’uscita, non ce lo fanno fare punto. Purtroppo.

  1. Quello che trovo assurdo è che sia la roma in ritardo nel presentare il progetto!
    Già ci saranno 1000 soggetti che rallenteranno l’iter… almeno facciamo la nostra parte nei tempi cavolo!!!

  2. Vi invito a “sommare” questo articolo con quello di ieri sugli incassi da stadio…lo stadio di proprietà vorrà dire anche alzare i prezzi stile strisciate? perchè ora lo stadio è sempre pieno anche grazie a una politica di prezzi “popolari”, ma che succederà quando lo stadio sarà di proprietà? spero che non ci accoderemo alla politica dei gobbi e andare allo stadio diventerà una cosa da “ricchi”

    • Scegli,
      entrate extra, oppure rimanere senza stadio, prezzi popolari, centro classifica e vivacchiare come il Sassuolo, l’Udinese, il Bologna, con le memorie di campo Testaccio, e i ricordi di “non c’è più il calcio di una volta”.

      Purtroppo funziona così.
      Per assurdo pensare a una Roma degli Sceicchi, con spese illimitate, e incetta di campioni mercenari, NON mi piacerebbe, significa vincere facile, ma neanche rimanere a vivacchiare con i bilanci in perdita senza poter acquistare giocatori di livello. Occorre un equilibrio e la capacità di attrarre finanziamenti per competere, almeno con le strisciate.

    • ma pensa a Lotirchio tuo che con 140 milioni incassati tra CL e vendite non ha fatto un minimo di mercato, rinfraziate a Sarri e alla sua mediocrità che un’altro allenatore vi aveva già sfanculato!

    • O hai una storia e tradizione vincente (real, bayern, liverpool, juve) o hai fondi sovrani arabi (city, psg e newcastle)

    • tolte le squadre storiche (real, liverpool, bayern, juve) se vuoi vincere devi avere dietro fondi sovrani come psg, city e newcastle. però gli amanti dei fredkin non vogliono capirlo

  3. O hai una storia e tradizione vincente (real, bayern, liverpool, juve) o hai fondi sovrani arabi (city, psg e newcastle). fammi esempi te

  4. Si è in attesa che la Roma presenti il progetto. Non c’è niente di strano ci sono dei tempi tecnici da rispettare. Al momento non vedo ostacoli per la realizzazione dello stadio, l’iter previsto è questo e non è cambiato nulla.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome