Qatar 2022, Polonia-Arabia Saudita 2-0: Zalewski resta in panchina per tutto il match

19
697

ULTIME NOTIZIE AS ROMA – Dopo aver giocato da titolare ed essere stato sostituito all’intervallo nel primo match del girone contro il Messico, Nicola Zalewski non è sceso in campo nella sfida tra la sua Polonia e l‘Arabia Saudita.

Il match è finito 2-0 per i polacchi con le reti, una per tempo, di Zielinski e Lewandowski.

Con questo risultato la Polonia vola in testa al girone a quota 4 punti, con l’Arabia Saudita dietro a quota 3 punti. Questa sera Argentina-Messico, l’altra sfida del gruppo C.

Articolo precedenteSerie A Femminile, ROMA-POMIGLIANO 2-0: Serturini e Giacinti regalano la settima vittoria di fila alle giallorosse
Articolo successivoQatar 2022, l’Argentina batte il Messico 2 a 0 e spera. Scaloni ignora ancora Dybala

19 Commenti

  1. Polonia – Arabia Saudita non e’ stata male, ma voglio fare un commento su Tunisia – Australia.
    Quello che ha segnato dell’Australia gioca nella serie B giapponese (!!!) in una squadra che si chiama FAGIANO OKAYAMA.

  2. Addirittura il CT gli preferisce bereszynski
    Aggiungo

    Ma la colpa è di Mou

    QUesti dopo la Conference se sentono già che hanno dato e so arrivati…
    Che delusione

    • Beh se devo giocare a 4 tutta la vita Bereszynski.
      In questo momento (che dura da mesi) Zalewsky non ha una condizione fisica accettabile per il livello del mondiale.
      Avete visto come hanno corso i sauditi per 90′, sarebbe stato saltato continuamente.

    • Parli tu di mentalità che sognavi di essere sbattuto fuori dall’EL per “andare a difendere la Conference”?

    • Anche nella prima partita ha giocato berezynski titolare da terzino…il nostro Zalewsky ha giocato la prima partita titolare nel ruolo di esterno alto nel 4-1-4-1, non ha inciso nemmeno lì, leggo tanti commenti in cui si dice che gioca fuori ruolo, ma io penso che sta solo passando un brutto momento, sono sicuro si riprenderà.. l’ansia per il mondiale ha influito parecchio nella testa sua e di altri giocatori, alla ripresa si dovrà pensare esclusivamente alla asRoma, niente più scuse!

  3. glorifichiamo mezze pippe in troppo poco tempo,ripeto gli ho visto fare 5 partite ottime 5 sufficienti e 30 imbarazzanti,ma e’ il NUOVO CANDELA’…
    detto cio aspetto lui e non altri tipo mancini ibanez cristante che sono mediocri conclamati

    • Credo che nessuno abbia mai potuto paragonarlo a Candela, perché sono diversi come caratteristiche. Detto questo, Zalewski sarà un gran calciatore quando tornerà a giocare nel ruolo che gli compete, perché semplicemente non è un terzino e non capisco come Mourinhi non se ne renda conto

  4. Io non so cosa ha fatto questo ragazzo per essere così considerato primo anno tra i professionisti, non è Cafu’ ma non è nemmeno il ruolo dove ha sempre giocato, poi non mi sembra proprio il tipo di giocatore che nonostante l’età si sia montato la testa, sempre in silenzio, educato mai una parola fuori posto, ma si sa che per molti i nostri ragazzi devono essere se arrivano in prima squadra dalle giovanili tutti fenomeni non può essere che possano essere solo “buoni ” giocatori ???

    • Paragoniamolo a José Ángel, piris, viña, Mario Rui, calafiori, l.pellegrini, digne, holebas, cole, emanuelson, balzaretti…

  5. Ma a parte lo scorso anno dove si è imposto come quinto, nel sostituire Vina, acquistato per sostituire Spinazzola… ma sto ragazzo quale sarebbe il suo ruolo naturale?
    Non vorrei facesse la fine di Florenzi adattato a terzino per necessità

    • è un esterno offensivo. prima della scorsa stagione non aveva mai avuto compiti a tutta fascia, come dichiarato dal suo stesso tecnico giovanile sottolineando il lavoro di Mourinho nel convincerlo a fare un ruolo non suo.

  6. cmq .l.abitudine x cui.ogni primavera e’ un fenomeno e’ dura a morire.non dico che zaleski e’ una sega assolutamente no!! ma bisogna sempre aspettare!

  7. Nicola l’anno scorso da quinto di sinistra ha fatto grandi cose.
    Saltava l’uomo, metteva palle al bacio per gli attaccanti e si faceva trovare pronto anche in fase di copertura.
    Ora è in un momento di appannamento e sbaglia cose anche elementari.
    Inoltre da terzino nella difesa a 4 i compiti sono diversi ed è normale che incontri difficoltà.
    Dargli dello scarso però vuol dire avere una memoria a brevissimo termine, visto che l’anno scorso è ststo di gran lunga tra i migliori dei nostri.

    • “ Inoltre da terzino nella difesa a 4 i compiti sono diversi ed è normale che incontri difficoltà.”

      Ma la Roma non gioca con la difesa a 4.
      Il modulo è lo stesso dell’anno scorso.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome