Radio Radio: “Novità clamorose sullo stadio della Roma. Parnasi non avrebbe la disponibilità dei terreni, Pallotta truffato per 8 anni”

95
10663

AS ROMA NEWS – La prossima settimana sono attese grosse novità sul fronte Stadio della Roma, che potrebbero essere clamorose. Lo rivela questa mattina il conduttore radiofonico Ilario Di Giovambattista dai microfoni di Radio Radio Lo Sport.

Mi risulta che il dottor Parnasi non abbia la disponibilità dei terreni sui quali sarebbe dovuto sorgere lo stadio di Tor di Valle. Per otto anni abbiamo parlato del nulla“, afferma Di Giovambattista. “Per otto anni Pallotta è stato truffato visto che ha speso decine di milioni di euro su uno stadio che non si potrà mai fare“.

“Se si scopre che Parnasi non aveva la disponibilità dei terrei, abbiamo giocato per otto anni. Non so se vi rendete conto della gravità della situazione. Pallotta è stato preso in giro, gli hanno raccontato delle cose assurde, con la complicità della stampa e della comunicazione. La Raggi? Stendiamo un velo pietoso: lei non sapeva nulla. Lei diceva una cosa, e gli uffici comunicavano alla Roma altro: su questa cosa lei si dovrebbe andare a nascondere. Lei gettava solo fumo negli occhi dei tifosi“. 

La Roma e questa proprietà, da quello che mi risulta, si dedicherà molto di più alla squadra – prosegue Di Giovambattista -. Dal prossimo mercato i Friedkin cominceranno a pensare seriamente a rafforzare la squadra con massicci investimenti. Lo stadio non sarà più una priorità dei Friedkin come lo era invece per Pallotta”, ha concluso il conduttore radiofonico.

Fonte: Radio Radio

 

Articolo precedenteTIAGO PINTO: “Ho grande fiducia nel progetto dei Friedkin. La Roma ha un potenziale incredibile, Fonseca un tecnico di classe internazionale”
Articolo successivoKluivert: “Mi immagino al Lipsia a lungo”. Ma Nagelsmann frena: “Troppo incline agli infortuni. Decideremo nei prossimi mesi”

95 Commenti

  1. Ecco perchè il Presidente James Joseph Pallotta non ha potuto fare della Roma la Regina d’Europa,come era sua intenzione,spendendo decine di milioni di Euro.
    Perchè Lui è una persona onesta e rispettosa delle Leggi ed è stato catapultato in una fogna dove regna il Malaffare imprenditoriale e l’Incapacità governativa locale.
    Contro l’accoppiata Parnasi-Raggi pure Trump avrebbe alzato bandiera bianca.

    • questa volta ti do pienamente ragione. quello che succede in italia, e a roma in particolare, e’ di uno schifo assoluto.

      citta’ e paese in mano alle mafie.

      che tristezza

      FORZA GRANDE MISTER

    • Insomma stai dicendo che J.J.Pallotta, il grande squalo della finanza,alla fine é il più grande Abboccone del terzo millennio. E che i bigattini li ha scelti proprio lui.

    • Quando c’era Pallotta il caffè al bar del tennis era buono, si poteva parcheggiare su ponte Duca d’Aosta, e i bus arrivavano in orario.

    • Quando scrivevo che questa è ancora SUBURRA non ci credevate….❤️🧡💛 ancora lo è e sempre sarà così…. Devono essere processati tutti, sindaco e soprattutto la giunta, tutti in galera, Friedkin ha comprato debiti e i lavori per lo stadio, oltre la società, credo, che adesso, se è vero, gli farà un mazzo come Porta Capuana… ❤️🧡💛 Parnasi, unicredit, comune, istituzioni, tutti complici…. Ripeto, se è vero, ci divertiamo e alla grande… Figli di madre ignota… ❤️🧡💛

    • É una cosa del tutto possibile, Zeno’.Immagino che anche tu,quando ti sei comprato casa,non ci hai pensato a guardarti le visure catastali…Poi Unicredit, che ha cooptato Pallotta per sfancularsi Parnasi e il suo debito mostruoso, come,come avrebbe potuto mai sapere che questi non aveva la disponibilità dei terreni a TdV?

    • Trump gli “avrebbe già tirato addosso tutta ROMA “!!!
      Altro che se stava fermo…
      FORZA ROMA

    • #Julian…quello che scrivi te succedeva quando c’era UNO di cui c’è ancora l’obelisco quando si entra al Foro Italico…
      # A tutti gli altri….manco ve rispondo…

    • Rido. Pallotta ha sestuplicato i debiti della Roma. Da 50 a 300. E non per lo stadio. Ma i ricavi, perché non hanno seguito lo stesso trend?
      Il compito del sindaco è far rispettare l’iter legislativo per la costruzione dello stadio e non indagare sulle capacità finanziarie dei costruttori.
      Quanto a Pallotta…se non si è degnato di informarsi del socio per un affare da due miliardi di euro…questo mi fa capire che era un incapace.
      Non sapeva delle mazzette, non sapeva della capacità di Parnasi…non sà mai nulla. Non sà manco dove s’allenava la Roma.
      In sei mesi i Friedkin hanno realizzato più presenze di Pallotta allo stadio. Io so questo. In sei mesi i Friedkin hanno messo più soldi di quanti ne abbia messi Pallotta.

    • Ma Pallotta è un abboccone? Ma è lo stesso presidente che voleva vende la Roma allo sceicco di Perugia? ahahahahahaha ma ancora lo difendete. Ps: solo per precisione lo stadio è partito ed i terreni erano, presumibilmente di Parnasi già con Marino sindaco. La Raggi è subentrata……

    • Zenone non so se sai cosa vuol dire fare l imprenditore. O Pallotta è un perfetto idiota e quindi non può fare l imprenditore o Pallotta lo sapeva o stiamo leggendo una caxxata. Scegli e poi proseguiamo.

    • Ancora co Pallotta state, e tifoso leccese ride delle presunte disgrazie della Roma.

      che bell’accozzaglia di “vorrei esse romanista ma so’ nato laziale”.

      Se fosse vera la notizia, la lista degli abbocconi sarebbe ampia:

      Pallotta

      Marino

      Raggi

      Alemanno

      Zingaretti

      Vitek

      Friedkin

      eh si, perché i Friedkin hanno comprato la Roma, valutandola oltre mezzo miliardo, mica perché hanno valutato l’enorme valore delle scimmie urlatrici contro il loro predecessore.

      Hanno valutato la Roma così per via dell’iter dello stadio avanzato, quindi secondo Ilario di Giovanbattista avrebbero comprato la fontana di Trevi?

      non so se credere più a lui o ai Friedkin, ho proprio un dubbio lancinante 😀

      dai su, spegnete le radio e accendete il cervello.

    • No Fabio, secondo questi scienziati la Raggi dovrebbe fare le visure e controllare i bilanci di Parnasi.

      Assurdo.

      Come Pallotta, non sanno di che parlano.

    • Fonte a parte: Non volendo dar ragione o torto a nessuno ricordo benissimo ciò che dissi tempo addietro. Possibile che un “imprenditore” che sta per investire in un progetto cosi’ importante, non prenda quanto meno delle informazioni?! Posso credere a tutto ma a questo proprio no O è uno provveduto che getta milioni al vento oppure qualcosa non torna. Sbaglierò ma per me questa storia ha inizio con la famosa cena organizzata in onore dello stesso Pallotta. Presenti: Parnasi, Toti, Baldini, Baldissoni e l’allora Sindaco Alemanno. Secondo molti “rumors” in tale occasione si parlò anche dell’acquisto dei terreni per la costruzione dello Stadio Nonostante sino a ora non sia emerso nulla che coinvolga l’Entourage di allora questa per me, rimane una vicenda tutta da chiarire. Troppi punti oscuri.

    • Eccerto perché mo’ radio-radio e’ diventata affidabile vé ?

      AHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHA
      AHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHA
      AHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHA
      AHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHA
      AHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHA
      AHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHA

    • Adè, se quando leggi giallorosso pensi al lecce, mi fa capire che non sei tifoso della Roma, e l’immagine che hai come nick sarebbe solo il corollario di quello che penso – a dire il vero non sono il solo.
      Io parlo di fatti. Tu spari a casaccio.

      La politica non c’entra. La politica non deve valutare le potenzialità economiche, ma solo l’interesse collettivo di una mega colata di cemento. Quello spettava a Pallotta. E mi pare che il tuo datore di lavoro, non conoscesse i mezzi di Parnasi: sia quelli economici (mancanza di soldi) che quelli politici (mazzettopoli).

      Friedkin ha preso la Roma ad una cifra inferiore rispetto a quella voluta da Pallotta, che rischiava di bruciarsi: già, perché essere il presidente che ha fatto fallire la Roma, sarebbe un bel biglietto da visita come uomo d’affari.

      il vero affare lo hanno fatto i friedkin. che sono IMPRENDITORI.

      Orwell. “l’ignoranza è forza”.

    • Non lo so Roma nel cuore, hai mai sentito di una persona che per truffare qualcuno getta nel water sessanta milioni di euro?

    • Pernasi la disponibilità dei terreni l’aveva eccome, altrimenti come dice il buon Adino, Unicredit avrebbe fatto un operazione senza senso, e poi Anche Vitek… posso capire l’abbocco di Pallotta, ma Vitek? queste robe dovrebbero essere il suo pane… no, non ci credo!
      L’unica cosa che mi viene da pensare è che queste notizie le stiano mettendo fuori proprio giunta e uffici comunali per avitare che l’AS Roma intenti quella famosa causa di risarcimento. Loro dicono “noi lo stadio ve lo approviamo, per noi si fa, ma se non avete la disponibilità dei terreni non è colpa nostra!”

    • Si. Va bene. Hai ragione. Povero, onesto, Pallotta che è stato truffato. E povera Azienda Sportiva Roma cui ha accollato il debito di circa 70 milioni per spese progettuali. In un mondo ideale Pallotta, in quanto proprietario ed amministratore delegato di una SpA dovrebbe rifondere gli altri soci per la sua dabbenaggine. Se tutto questo fosse vero, ovviamente. Ma detto questo non sarebbe la prima volta che a jimbo nostro se lo inc…no… Monchi docet. In che mani siamo stati? Di un cog…beep…?
      Zenone il mondo va avanti…te sei troppo “nostalgico”.

    • Veramente penso che sia chiarissimo a tutti (tranne uno), il fatto che quando leggo certi commenti mi faccia pensare che questo non può essere un tifoso della Roma. E quindi può essere giusto del Lecce, sennò non si spiega il nick.

      Il resto è un blob di frasi senza senso compiuto.

      Che significa che ha preso a più o meno di quanto volesse Pallotta? Intanto ha venduto, se non avesse voluto penso sarebbe andata diversamente. Non credo che sia stato costretto.

      Ma la cosa importante è il prezzo, cioè oltre mezzo miliardo, e qui fate finta di non capire (ma gli altri capiscono benissimo per vostra sfortuna).

      Ci avete dipinto una Roma che non vale niente, ridotta all’osso, con mezza squadra che se ne doveva andare, insieme all’allenatore e a tutti i dirigenti.

      Dovevano rimanere solo i Friedkin, e mo pure senza stadio, quando vale la Roma?

      Mezzo miliardo? 😀

      capisci, o meglio, dovresti capir bene che non ha affatto senso.

      Il senso ce l’ha se mezzo miliardo è servito a comprare una squadra che messa sul campo è al terzo posto, ed in più ha un iter stadio in dirittura di arrivo.

      I caltagirini si mettano l’anima in pace.

    • Adé…si spiega facile. Per un romanista, il giallorosso è solo roba della Roma, e nulla di più.
      Hai pure l’immagine di un noto laziale, e vieni a puntare il dito contro di me?

      Il bue che dice cornuto all’asino.

      Adè, per piacere. La Roma è stata pagata su per giù quanto è stato pagato Neymar.

      Quando nel 2011 fu presa dal poro Jimbo – me lo vedo Pallottino tuo in American Pie… – con 40 mln ci compravi un top player. Oggi, con 30 ci prendi quel catorcio di Pau Lopez e tanta altra monnezza – tipo il tuo Scihck, quello, che a tuo dire, avrebbe segnato più di Salah.

      Esiste qualcosa che si chiama VALORE REALE DELLA MONETA, che non è il valore Nominale.

      Per valutare l’operato di Pallottino, bisognerebbe considerare che ha preso una società con 50 mln di debiti, e l’ha lasciata con 300. Il valore del debito non ha seguito il valore di vendita della squadra.

      E va detto, che i Sensi lasciarono giocatori come Totti, De Rossi, Juan, Mexes, Riise, Pizarro, Vucinic, Julio Baptista, Menez.

      La storia condanna Pallotta, caro lazialotto.

      E mettiti l’anima in Pace: i Friedkin oscureranno il peggior presidente della storia della Roma, che l’ha fatta quasi fallire. Che ci ha regalato il 26 maggio.

    • quando finite al muro, cioè quasi subito, ecco l’attacco a Brega 😀

      te l’ho detto un sacco di volte, mi trovi uno straccio di prova al di fuori dei siti dei laziali che conosci a memoria?

      te l’ho chiesto tante volte ma continui a fa figuracce su figuracce ritirando fuori sta storia che dimostra solo una cosa, che i laziali so’ i tuoi professori.

      sorvolo sul tuo dare i numeri, oramai hai ereditato lo scettro da quell’altro 😀

    • Egregio Zenone, a parte il fatto che io non darei retta a un laziale laziale, a parte questo, come vedi, di porchettari ce ne sono molti. Loro volevano vince la Porchetta Itaglia e di Tordupalle non gliene importa nulla. L’Olimpico a mezzi con l’intrallazio per loro va benissimo.

  2. Assurdo, non pensavo si potesse arrivare a tanto ma, mi chiedo, visti gli investimenti i collaboratori di Pallotta non avrebbero dovuto “monitorare” un po’ meglio la situazione?

    • Scrivono tanti per scrivere. Probabilmente vuol fare riferimento al pignoramento, che sarebbe stato estinto contestualmente con il pagamento del prezzo. E’ aria fritta…

  3. Seeee…..🎼vedooo gli asini che vooolano lassuu”🎵🎵….

    Il povero Pallotta tra ‘na plusvalenza e un debito….adesso è la vittima…😂😂

    • Mejo la coppa alla lazzie? per favore su….è stata una jattura di cui stiamo ancora pagando le conseguenze.
      Ancora co’ ‘sta semifinale? In bacheca ce sta un bonsai in 10 anni….dove sono finiti i soldi della semifinale e dei piazzamenti che qualcuno ancora cita come un vanto?
      Tutti i campioni venduti e pure male…400mln di debiti ma de che parlate?

  4. Certo affermazioni senza nessuna prova o nessun documento? Non penso che si parta ad investire milioni di euro senza controllare le proprietà. Comunque lo stadio ora come ora con il covid basterebbe solo un campo con le porte… Quindi sicuramente è stand by, ma per ambire a competere ci vuole uno stadio studiato per il calcio, che aggiunga quei 30/40 mln in più di incassi utili a pagare un paio di stipendi da top player.

  5. Complimenti a Baldissoni che gli ultimi tre anni gli ha dedicati alla pratica stadio, ottimo lavoro. Tanto di cappello ai Friedkin che di mer**a stanno spalando delle tonnellate per portare la ROMA ai vertici del calcio europeo. FORZA MAGICA.

  6. Lo Stadio non è una priorità x un presidente rispetto ad un altro, lo stadio è una priorità per i fatturati e di conseguenza per i ricavi.Nel 2021 tutti i club dovrebbero avere lo stadio di proprietà.

  7. Scusate la mia ignoranza, sono stati coinvolti decine di avvocati, tecnici, sono stati controllati una marea di documenti e nessuno si sarebbe accorto di questa cosa?
    Se fosse davvero così ci sarebbe da piangere, è tutto assurdo.

    • Si…..come no.
      L’ho detto l’altro giorno: ballotta a boston, baldini in Sudafrica, prendete “il grande dirigente per ossadio” prima che sia troppo tardi.
      Proprio lui, quello in quota unicredit.
      Se la truffa c’è stata non credo sia stata ai danni di ballotta (nel caso si dovremmo chiamarlo POLLOtto)…..come testimonia il bilancio di AS Roma alla dipartita da ‘presidente’ dello stesso.
      Se poi sono sciocchezze allora è da ingabbiare l’estensore dell’articolo.

  8. Le solite idiozie di chi deve vendere le stufe a ferragosto …ce’ un curatore fallimentare un magistrato che cura la Sais società proprietaria dei terreni ma di che parliamo il prezzo è di 60 milioni ma di cosa parliamo…se per caso e non ce’ avessi avuto una Grande Stampa Romana

    • Ma quale stampa Romana? Sti 4 scappati de casa so’ de Poggio Bustone, Ceccano, Borgo Sabotino e Montefiascone…er resto de le province regionali, ortre Roma

  9. A patto che sia vero ma, dico, otto anni di fuffa e prese per il cu’, prima di scopriere che questo cialtrone buffarolo morto di fame non aveva manco la disponibilità dei terreni ?

  10. Insomma stai dicendo che J.J.Pallotta, il grande squalo della finanza,alla fine é il più grande Abboccone del terzo millennio. E che i bigattini li ha scelti proprio lui.

  11. Non ci credo. E non è la frase fatta per dire “sembra impossibile”, non credo proprio che quello detto da ilario sia vero.
    Prima di tutto la fonte: mi sembra una garanzia di fuffaggine.
    Secondo: le autorità competenti credo che dopo massimo un paio d’anni si possano tranquillamente accorgere se uno possiede una cosuccia come il terreno di uno stadio oppure no, se ci fossero voluti davvero 8 anni per scoprire una cosa simile le cose sarebbero due -> le autorità sarebbero incompetenti, oppure le autorità sapevano tutto e ci sarebbe un complotto anti-Roma davvero enorme.
    Terzo: se non è Parnasi, il proprietario dei terreni chi cacchio è? possibile che in quasi un decennio non si sia mai fatto vivo? e possibile che a Roma, nella capitale d’Italia, un soggetto sconosciuto alle autorità possa possedere un terreno così grosso e così mediaticamente ‘esposto’ senza mai cicciare fuori?

    Forse mi sono un po’ ripetuto finora, ma veniamo al quarto e più importante punto: ieri LA ROMA HA VINTO al contrario di tutte le italiane europee finora. Non è che si fa il solito giochetto visto e rivisto di cercare di distogliere l’attenzione da questo fatto? No, così, per dire eh.

  12. L’articolo è palesemente fuorviante.
    Le vittime del decennale raggiro pallottiano sono i Romanisti.
    Tutti gli altri, a partire da Parnasi (bel partner, eh?) per finire alla Raggi, passando per BraccoBaldissoni, sono i complici di questo scempio.
    Così come Monchi & Baldini lo sono stati sul piano tecnico-sportivo. Il periodo più squallido della Storia della ASRoma. Per fortuna è finito.
    Il grande tycoon… Ma mi faccia il piacere!

    • il periodo più squallido della storia della Roma? Beati voi adolescenti che non avete visto le cosidette romette lottare per la retrocessione (ultima volta nel 2005) i presidenti ricattati dai curvaroli (finita la pacchia con baldissoni) e non avete visto il club finire nelle mani di una banca…..

    • Grazie per l’adolescente, Andrea, in effetti gli anni che ho me li porto molto bene.
      Quanto alle Romette (sempre con la R maiuscola, grazie), me le ricordo tutte, almeno dal 13 aprile 1969 (mia prima volta all’Olimpico) in poi, e sono affezionato ad ognuna di loro.
      Purtroppo, voi mistificatori da quattro soldi, continuate a buttarla in caciara, cercando di confondere il miserrimo pallotta con la ASRoma. Ovviamente non è così; pallotta è sparito, finalmente, per la gioia dei Romanisti, la ROMA resta, sempre e comunque, per la gioia degli stessi Romanisti. Dateve pace, avete perso, pallotti’.

    • Caro KAWA62, che je voi spiegà a uno che da come t’ha risposto pensava che 62 fosse ‘a cilindrata?
      So loro che hanno visto solo ballotta (mammamia…), il fruttarolo nonché peggior presidente della storia del calcio.
      E mo vediamo se oltre che fruttarolo è pure un POLLOtto oppure altro.
      Io scommetto su ‘altro’.

    • A proposito Kawasaki e Ilario,come procede la Ri-Romanizzazione che avevate auspicato coi Friedkin? A rilento eh? Lo stemma è ancora quello de Pallotta…..Totti è ancora a casa sua e la scrivania che voleva lui l’hanno data a un portoghese…..Roma Radio e Roma TV stanno ancora la…..eeeeeh lo so,la realtà è dura……..

  13. popolo giallorosso con i Friedkin e Scalera siamo in buone mani
    non c’è paragone rispetto a Pallotta e Baldissoni
    vedrete che lo stadio si farà, forse il progetto sarà rivisto e verrà coinvolto Vitek

    • Quando, e se sarà entro il 2050, L’ASROMA avrà il suo stadio, a quel punto lo avranno già tutti, compreso il Villasimius e il Cerveteri F.C., forse persino il Borgorosso. Quindi, quei milioni in più che entreranno a bilancio serviranno ad un beato tubo (comunque non ad assicurarsi un legittimo vantaggio verso alcuni avversari, che Pallotta ci ha provato fino allo sfinimento, ma al limite per non scivolare inesorabilmente nella seconda parte, bassa, delle classifiche. Dite che Pallotta desiderava questo vantaggio per rivendersi la MAGICA a prezzi migliori? MA CHISSENEFREGA! Sono pochissimi, si sa, quelli come la fam. Friedkin’s, piombati a Roma per salvarla dal fallimento e buttare i loro dollari per l’amore di una vita.

  14. Allora, un po’ di ordine…la fonte è meno attendibile di Pallotta, quindi lascerei subito perdere.
    La situazione è abbastanza nota, per chiunque abbia mai avuto voglia di informarsi serenamente attraverso gli atti e non la bieca propaganda pallottista oppure la monnezza elargita da questi pifferai di infimo ordine e pure formellesi.
    Ho sempre trovato poco sostenibile l’ipotesi che un imprenditore sbarcato dagli USA e intenzionato a costruire uno stadio per il club che ha appena acquistato, possa andare a scegliersi come partner immobiliare un imprenditore bollito, pieno di debiti e inguaiato con la giustizia.
    Davvero pensate che uno sano di mente possa scegliere Parnasi e le sue società decotte per un progetto da oltre un miliardo di euro?
    Solo pochi ostinati “giapponesi” possono ormai continuare a credere che il progetto stadio a TdV fosse farina del sacco di Pallotta, e non lo sforzo di un noto istituto di credito per recuperare il miliardo di euro circa prestato a Parnasi e Italpetroli.
    Tutto ciò che si è visto dopo è logica conseguenza di quella scelta. Unicredit contava inizialmente sulla sponda di una parte del PD, in particolare il senatore e tesoriere Bonifazi, che ha impedito che quei terreni fossero confiscati, e della giunta Marino.
    Caduti questi in disgrazia, tutto si è maledettamente complicato.
    Pallotta non è stato truffato da nessuno, sapeva benissimo a quale scopo fosse stato cooptato. Era sicuramente al corrente anche del rischio dell’operazione.
    Ci si è buttato perché il rischio è il suo mestiere e non ha dovuto mai spendere capitali suoi.
    Quando ha capito che tutto era perduto, ha tolto il disturbo.

    • “Davvero pensate che uno sano di mente possa scegliere Parnasi e le sue società decotte per un progetto da oltre un miliardo di euro?” @UB40 E’ proprio questo il punto. Non dimentichiamoci cosa abbia rappresentato Mondo di Mezzo, Mafia Capitale, i personaggi che vi erano coinvolti e quali condanne abbiano subito. Tutti condannati per svariati reati Possibile che un imprenditore come Pallotta e soggetti come Baldissoni e Baldini erano all’oscuro di tutto?! Ritengo sia assurdo solo pensarlo…

    • Vabbè, ma chi ci ha rimesso di tutto ciò?
      Tor di Valle che resta nel degrado.
      La Città di Roma , che sta in mano a una banda di peracottari
      E la Roma calcio che meriterebbe uno stadio nuovo, con annessi e connessi.

    • D’accordo sui punti 1 e 2…TdV resterà una fogna e Roma è in mano a degli incompetenti.
      Sarei d’accordo anche sul punto 3, ma dando per scontato che la città è in mano alternativamente a ladri o incompetenti, tu devi mettere in campo una potenza di fuoco che è troppo anche per l’avversario.
      Questo esclude l’ipotesi di associarsi a un tipo come Parnasi ricattabile da chiunque e ad alto rischio giudiziario. Un fallito, un mazzettaro da repubblica delle banane: davvero puoi pensare che lascino a costui una torta da un miliardo di euro?
      Ti devi affidare a chi può ricattare, più che essere ricattato. Oppure ad uno onesto e limpido come l’acqua sorgiva. Ti do una brutta notizia però, in Italia e a Roma è introvabile…

    • Beh, potrebbe andare anche peggio, ossia esser governati da ladri E incompetenti.

      Uh-oh…

  15. Toto’ truffa.

    ricordate il grande Antonio De Curtis nella sua magistrale interpretazione, ecco Parnasi era lui, mentre Nino Taranto inerrpreta la parte della Raggi ed il pollo Ammeregano che vuole comprarsi la fontana di trevi s Jsmes Josep Pallotta… che film rega nonostante l’avro’ visto decine di volte rido ancora oggi e oggi piu’ che mai perche… perche’ all’alba del tremila ancora c’e’ chi abbocca a questi lestofanti.
    Ovviamente sono dispiaciuto di tutto cio’ ma se vero direi che era l’unico motivo per cui Pallotta si era distinto a differenza dei suoi predecessori ed ha perseguito la possibilita’ di farci avere lo stadio della Roma, (come il ponte sullo stretto di messina di Fabio De Luigi….sempre in De) oggi e’ andato nel cestino della spazzatura anche l’unica cosa sensata che ha tentato di fare.

    Che che ne pensi Zenone e chi ha creduto e crede oncora oggi che Pallotta sia stato un benefattore, con questa che non si nomini piu’ il suo nome, anzi l’unico modo per nominarlo per il sottoscrittosara’ newattila all’ammererregana.

    comunque sempre FORZA ROMA.

  16. Pallotta ha truffato la Roma i Romani i Romanisti e il Comune di Roma che ancora aspetta i soldi promessi da devolvere dopo quella figura da “idiot” con il bagno nella fontana con i suoi panni sudati di Mas! Ancora se parla de sto fanfarone e anche bastaaaaaaa!

  17. Quindi con tutti gli studi legali e urbanistici che lavoravano per lui non sapeva com’era la situazione dei terreni.
    Questo bisogno di far vedere, di essere uno che la sa sempre una più degli altri.
    Che si fa per l’audience

  18. Le solite scemenze propagate via etere al solo scopo di arrecare danno all’As Roma che è bene ricordarlo è quotata in Borsa . Per fortuna ci giunge in salvamento come sempre il tasto OFF dell’apparecchio radiofonico…

  19. ma veramente credete a ste puttana..te , secondo voi spendo milioni per fare il carotaggio del terreno e non ho controllato se i terreni sono a posto e di chi sono ?? e il padrone che non è parnasi ha permesso di parlare dello stadio ecc ecc , ma de che se fanno de benzina , siringhe de benzina+ alcol etilico .
    Domani me compro la macchina ce giro per 10 anni e poi viene uno e me dice damme la macchina che è mia , ma che è na barzelletta ma dai
    Abbocconi si ma cosi piu che abbocconi semo pesci che ie basta l amo senza bigattino

  20. Mo dopo la storia de Edin ce riprovano co la storia de pallotta…..
    Cari fratelli giallorossi non ve fate ncxlà!

    C’è un momento per ogni cosa… Ora è il momento del #FronteUnicoRoma

    #HastaLaVictoria

  21. Al di là che dal contenuto delle dichiarazioni si legge un “SE” … pertanto è tutto da verificare se corrisponde a verità … però, SE fosse, mi chiedo come le amministrazioni pubbliche avrebbero portato avanti un progetto di un privato per venire a conoscenza, dopo 8 anni, probabilmente indirettamente, che dietro c’è una situazione fake???!!! Lo trovo assurdo, così come trovo assurdo che la Raggi si presenti alle prossime elezioni comunali, bravina su qualcosa, ma sprovveduta su tanto e troppo altro, stadio incluso dove serviva alzare la voce se c’erano forze oscure che facevano ostruzionismo … così come trovo assurdo che i cittadini italiani si fanno “gestire” da incompetenti … è incomprensibile come per dare atto ad un progetto, stadio che sia, esiste una burocrazia politica, di sistema e di interesse che lotta e fa a pugni per avere un pezzettino … ma questa gente sta al servizio dei cittadini e delle aziende o ormai abbiamo accettato che ci possono prendere per il [email protected] come e quando vogliono senza alzare pollice???

  22. La fonte è quello che è ma, fosse vero, ‘sta città è irrecuperabile. Non me ne frega niente del finalmente Ex-presidente, m’importa che ancora una volta la città, la sua industria di politica, e pure i suoi cittadini risulterebbero per l’ennesima volta ad uso e consumo dei palazzinari di turno. Tale è il livello di assuefazione, che pure un “bollito” (come dice sapientemente UB40) come Parnasi sembrerebbere muovere baracca e burattini.

  23. Stendendo sul resto il classico velo pietoso, concordo con il buon Zenone su una cosa, Pallotta oltre ad una buona dose di incompetenza e molti errori ha improntato la sua gestione alla massima onesta’, e su questo non credo si possa eccepire, purtroppo nel nostro bel paese per mettere la fottuta prima pietra ad uno stadio occorrono almeno 10 anni, sempre che ci si riesca ad arrivare, e questo e’ inaccettabile, non sono di Roma e quindi non so davvero cosa abbia fatto di buono la Raggi, non sono in grado di dirlo, certo e’ che nella vicenda stadio i 5 stelle hanno mostrato tutta la loro incompetenza, non erano in grado o non volevano fare lo stadio, hanno preferito affossare il precedente buon progetto, e boicottare quello nuovo…Nausea e vergogna,. Speriamo qualcosa cambi nel frattempo godiamoci questa Roma davvero grintosa e sul pezzo!!..Sempre Forza Roma!!!

  24. A suo tempo, fu fatta una “visura” da parte della magistratura, per accertare se il prezzo di vendita dei terreni, da parte dei vecchi proprietari (Papalia) verso Parnasi, era congruo, se non ricordo male 40 milioni.
    Confermando che il prezzo stabilito era in linea con il valore dei terreni.
    Semmai Parnasi non ha completato il pagamento, per le note disavventure giudiziarie, ma se l’iter veniva approvato non c’erano problemi di sorta.
    Ilario Digiovan, cerca uno scoop INESISTENTE.

    Per il @TIFOSOGIALLOROSSO che continua a difendere la Raggi, andrebbe tolta la qualifica di tifoso della AS ROMA.
    Perché è innegabile che il FALLIMENTO dello stadio è da attribuire TUTTO alla ragazzetta con le sue modifiche, varianti e incertezze, che hanno generato impicci e intervento della magistratura.
    Chi sostiene la Rsggi, NON può essere tifoso della Roma.

    Nel frattempo mi godo questa Roma, e spero che con il Milan arrivi la prima vittoria con le big….

    • Markus, non c’è solo il mancato pagamento di Parnasi verso la Sais. Ci sono altre cosette…come le tasse non pagate sulla vendita che avrebbero portato alla confisca dei terreni se non fosse intervenuto Bonifazi.
      E c’è la bancarotta fraudolenta di Sais imputata a Papalia proprio a causa di quelle tasse non pagate.
      Non si può pensare di mettere in cantiere un’opera da oltre un miliardo di euro con un partner come Parnasi. Siamo seri. Solo che il partner “doveva” essere per forza quello.
      Senza Parnasi non ci sarebbe mai stato neanche Pallotta. Prendiamo atto della realtà una volta per tutte.

    • Ciao UB40
      Tutto vero, ma sono convinto che se l’iter fosse stato avviato, lo stadio era già PRONTO.

      Chiunque era al posto del binomio Parnasi UniCredit, avrebbe avuto gli stessi interessi.
      Ripeto, per me è stato solo un “problema” di ALTERAZIONI IMMOBILIARI, ai danni di Caltagirone e dei suoi interessi a Roma est. Il resto sono contorni, UniCredit, Goldman&Sachs, Mediobanca, ecc.ecc

      Concordo però che Parnasi non era una figura affidabile e forse imposto da qualcuno.

    • Da parte mia ti dirò di più. Se Unicredit fosse riuscita nel suo intento, a me, da tifoso, sarebbe importato relativamente. D’altronde è più che comprensibile che una banca cerchi di recuperare un miliardo di euro dai suoi debitori. Non gliene faccio mica una colpa.
      Pallotta se ne sarebbe andato comunque, più ricco e felice, mettendo in vendita una holding con uno stadio nella propria patrimonializzazione. E saremmo più felici anche noi.
      Era un’operazione rischiosa, che contava sulla collaborazione di referenti politici ben precisi.
      Venuti a mancare loro, il pesciolino Parnasi è stato sbranato dagli squali.
      Mi ci gioco la capoccia che Friedkin non si sarebbe mai avvicinato a uno come il povero Luca. Non lo avrebbe neanche mai conosciuto.

  25. A me invece risulta che quelli della doppia radio dicono una marea di [email protected]@ate specialmente di giovambattista, solo per farvi un esempio la storia di Allegri che secondo questo fenomeno a gennaio diceva che aveva già firmato per la Roma e che Fonseca aveva i giorni contati, quindi di che stiamo parlando? abbiamo forse preso Allegri? date il giusto peso a quello che dicono questi personaggi. Forza Roma

  26. Tutte fesserie ma sopratutto ballotta era un fruttarolo che pensava solo a vendere ma sopratutto pensava solo al ballotta stadium per un suo tornaconto per poi rivendere ad un altro tutto il malloppo
    Morale della favola;
    Era un fruttarolo
    Rimane un fruttarolo
    Sara’ un fruttarolo
    Non era tifoso della roma
    Era un pexrxculatore seriale
    Ma sopratutto uno squattrinato
    La cosa piu’ grave poi..era che prendeva in giro i tifosi
    Ps sono ben contento che ballotta il perdente de focene se ne sia andato coi suoi focenensi a pescare in quel di ficene.
    Forza roma e basta!❤❤❤

  27. Povera Roma mia,in che mani ti abbiamo messo,ti abbiamo venduta per due spicci e dovresti essere la meglio città del mondo😭
    Che tristezza!!!!

  28. Sinceramente ho sempre difeso Pallotta ma su questo cosa proprio no.. Se fosse vero.. Farsi incartare così senza fare prima le opportune verifiche… Oltretutto uno del suo livello… Beh.. Ok sul malaffare romano e stendiamo un velo pietoso.. Ma anche lui un po più di occhio lungo lo doveva avere.

  29. Se fosse vero quello che dice l’acquilotto Ilario:

    Come avrebbe fatto Parnasi a nascondere la sola?

    nessuno in 8 anni sarebbe stato capace di fare una visura catastale?

  30. Dalle carte risulta che il gruppo di Sandro Parnasi era fino al 2011/2012 il più importante e strutturato di Roma con contratti stipulati di compravendita di cosa futura di oltre un miliardo e mezzo, appalti per altri lavori di diverse centinaia di milioni come ad esempio i nuovi uffici della BNL costruiti alla stazione Tiburtina, cubature residenziali autorizzate per circa 2 milioni di mc, ecc.

    La scelta di Pallotta di averlo come partner era quindi sulla carta più che conveniente.
    Sbagliata è stata l’ingordigia della proposta di TdV che avrebbe, come poi è stato, sollevata l’indignazione, nascosta, degli altri imprenditori romani.

    La storia poi ha voluto che con il subentro di Luca Parnasi e della sua Corte dei Miracoli tutte le iniziative che il gruppo aveva sono andate a p…

    Una grave colpa su questa situazione è stata poi il comportamento delle banche iniziatrici che credendo di recuperare i finanziamenti vendendogli le iniziative si sono ritrovate con un pugno di mosche in mano.

    Ora Unicredit, digerita la perdita, sta utilizzando Vitek per cercare di non fare fallire il gruppo Parsitalia e fare scoprire tutti gli scheletri negli armadi.

    È storia.

  31. Tecnicamente chiedo se qualcuno lo sa ma la conferenza dei servizi a che serve? Non si analizzano le carte? Chi compra non ha analizzato le carte? Lo studio legale? Ma pare na cazzata..

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome