Ranieri: “Avrei scambiato volentieri il titolo del Leicester con uno scudetto con la mia Roma”

43
701

NOTIZIE AS ROMA – Claudio Ranieri ha rilasciato una lunga intervista al Corriere dello Sport per rivivere le emozioni passate, prima di dare l’addio al calcio al termine della scorsa stagione con il Cagliari. Alcune delle sue parole:

“Parlavo solo romano, poi grazie al calcio ho imparato lo spagnolo, l’inglese, il francese e il sardo. Ho dato l’addio nel modo più giusto, è stata un’uscita di scena fantastica: neppure nei sogni l’avrei immaginata cosi bella”.

Sul grande rimpianto avuto nella sua lunga e luminosa carriera, Ranieri non ha dubbi:Non aver vinto lo scudetto con la mia Roma. Oggi posso dirlo: l’avrei volentieri scambiato con il titolo del Leicester”.

Fonte: Corriere dello Sport

Vuoi essere sempre aggiornato sulle ultime notizie della Roma sul tuo cellulare? Iscriviti subito al canale Whatsapp di Giallorossi.net!

Articolo precedenteLazio, Marco Baroni è il nuovo allenatore: firmato un biennale. La Nord ribolle: “Pronta la più grande protesta mai vista”
Articolo successivoGhisolfi riparte dalla destra: obiettivo Tiago Santos

43 Commenti

    • questo signore, dovrebbe stare nella roma…ma si sa coi friedkin sara’ impossibile dato che pensano solo allo stadio

    • troppa grazia siamo stati sfortunati quella partita, dopo il loro pareggio ci fu un assedio
      ma non riuscimmo a segnare, il pareggio non serviva andammo all’arrembaggio e prendemmo un gol in contropiede

    • Unico vero grande allenatore. Ha vinto in un campionato di altissimo livello con una squadra, sulla carta mediocre. per capire è come se in Italia, oggi, vincesse lo scudetto, il Torino o con il Bologna. I fenomeni Ancelotti, Mourinho, Guardiola, Kloop , senza le grandi squadre non vanno da nessuna parte, li abbiamo visti.

  1. Tu lo hai vinto ugualmente, conquistando A MODO TUO, IL CUORE DI ROMA!
    Siamo noi che siamo rimasti fregati…
    Un abbraccio
    FORZA ROMA

  2. lo sappiamo mister per questo ti vogliamo bene e sarai sempre uno di noi, purtroppo la premier può vincerla anche una squadra di seconda/terza fascia, la serie a invece solo quelle che rientrano nelle grazie di un sistema mafioso.

  3. Sei un vero Signore in questo calcio malato fatto di buffoni, criminali e interessi.
    Grande mister sempre libero di dire ciò che pensa e capace di essere rispettato anche in altri paesi nello stesso modo.
    Roma ti festeggia come lo scudetto lo avessi vinto.
    Capitano mio Capitano.
    Forza Roma

  4. Purtroppo ci è stato rubato da quello che per alcuni sedicenti tifosi della Roma è stato un idolo e che dopo avercelo rubato ci ha pure perculati con la storiella dei zeru tituli. Il problema è che troppi tizi hanno la memoria di un pesce rosso…

    • in che modo rubato? ci siamo messi paura della Sampdoria e ci siamo fatti mettere sotto da quel fisso di cassano, è sempre colpa degli altri ve?

    • ..e tu di un anellide. La scudetto non ce lo rubò Mpurinho,ma il sistema che gli stava dietro,che era sotto scacco di Telecom (Tronchetti Provera).
      Ma queste sono cose che gli Abbocconi non possono sapere.

    • Il furto a mano armata fu quello del 2008 nel centenario indarista, quando sulle rispettive panchine sedevano Spalletti e Mancini.
      Fu un film dell’orrore lungo una stagione intera, da fare impallidire il ricordo der go’ de Turone e dello scandaloso arbitraggio di Terpin in Juve-Perugia.
      L’Inter segnò gol in fuorigioco di un metro abbondante, ebbe rigori totalmente inventati a favore, altri clamorosi negati agli avversari (su tutti una “parata” di Couto sulla linea di porta). Così come la farsa dell’ultima giornata a Parma, con la trasferta ufficialmente vietata ai tifosi nerazzurri, ma al Tardini erano praticamente presenti solo loro.
      Quello di due anni dopo fu “ordinaria amministrazione” da quel punto di vista.
      E l’Inter l’avevamo superata, fummo noi a inventarci uno degli harakiri storici più brucianti con la Samp dopo un primo tempo in cui dovevamo essere sopra di tre gol.
      Resta la pessima caduta di stile del fu Special One sugli “zeru tituli” e l’età di Ranieri.

    • Bravo Carpi, è proprio come dici tu.
      si metta l animo in pace Zenone, Mourinho fu uno degli artefici di quel furto, non ammetterlo è da interisti. Poi ci furono gli arbitraggi scientifici, i rigori non dati con la Samp (te li sei scordati Daniele?)ma soprattutto la scandalosa lazie Inter, sarebbe bastato un pareggio.
      cmq mr Ranieri quello scudetto lo vinse in ogni caso, nelle 36 giornate in cui fu allenatore fece più punti dell incantatore di serpenti

    • GiorgioCa’,
      dopo questa ennesima cantonata che hai preso, non credi che dovresti scrivere un po’ meno e leggere un po’ di più?
      Pensaci.

  5. In un mondo più giusto, lo scudetto con la Roma lo avresti vinto nel 2010 e te lo saresti meritato tutto, ma le solite situazioni avverse reali o acchittate da qualcuno, hanno impedito che quel sogno stupendo diventasse realtà, ma per noi tifosi della As Roma tu, mr, sarai sempre acclamato da vincente.

  6. Mi ricorderò sempre la mossa fuori derossi e Totti e vinto il. Derby.. Li ho. Creduto veramente Di poterlo vincere.. Aimè siamo caduti con la Samp

  7. Lo incontrai na sera Trastevere e je dissi “Mister è n’onore pe’ me”. Me strinse la mano con na presa che diceva tutto su lo spessore de l’omo che è. N’gran signore, n’grande omo, N’grande allenatore, n’grande Romanista…

  8. che gran signore Claudio Ranieri!!
    e che grande romanista!!!
    una persona così meriterebbe un posto nella sua squadra del cuore ,con ampi poteri dirigenziali .
    sarebbe perfetto e sarebbe un gran bene per lA.S.ROMA .
    PRESIDENTE FRIEDKIN PENSACI !!!

  9. Questa dichiarazione entra di diritto nell’universo del romanismo, come quella di AGO” esistono i tifosi di calcio e poi i tifosi della ROMA, DDR: “L’unico rimpianto è poter donare alla Roma una sola carriera” TOTTI: “Sono cresciuto nella Roma e morirò nella Roma, perché sono sempre stato tifoso della Roma”.

  10. Ranieri avrebbe meritato entrambi gli scudetti .. sia col Leicester che con la Roma ..
    ma i cari arbitrucci italioti .. ci hanno e gli Hanno negato ‘sta gioia .. che avrebbe strameritato ..

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome