Ranking Uefa: Italia sempre al primo posto, seguono Germania e Inghilterra

26
663

NOTIZIE AS ROMA – Al termine degli impegni di questo giovedì europeo, che ha visto protagonista anche la Roma di Daniele De Rossi travolgere per 4-0 gli inglesi del Brighton nella gara di andata, si è aggiornato il ranking Uefa.

L‘Italia conferma il primo posto in classifica a quota 16,571, con 6 squadre ancora in corsa. Seguono Germania e Inghilterra rispettivamente a 15.500 (4 squadre) e 14.625 (6 squadre).

Le prime due nazioni a fine anno avranno un posto in più nella prossima Champions League. Di seguito la classifica aggiornata:

ITALIA 16.571 (6/7)
GERMANIA 15.500 (4/7)
INGHILTERRA 14.625 (6/8)
FRANCIA 14.416 (3/6)
SPAGNA 13.437 (4/8)
REP.CECA 13.000 (3/4)
BELGIO 12.400 (2/5)

Vuoi essere sempre aggiornato sulle ultime notizie della Roma sul tuo cellulare? Iscriviti subito al canale Whatsapp di Giallorossi.net!

Articolo precedenteTroppa Roma, Brighton surclassato
Articolo successivoL’amico geniale: De Zerbi a lezione dall’allievo De Rossi

26 Commenti

  1. A noi torna comodo, ma qualche dubbio su quel ranking a livello di sportività viene, se l’obiettivo è stabilire quali sono le nazioni che meritano di più squadre in Champions. Che Rep. Ceca e Spagna abbiano praticamente gli stessi punti con gli spagnoli che hanno 3 squadre agli ottavi di Champions mentre i cechi la Champions l’hanno vista col binocolo è semplicemente assurdo.

    • Il risultato è semplicemente la somma dei punti totali (+ eventuali bonus di passaggio dei gironi) che fanno le squadre nelle coppe europee, diviso il numero delle squadre con cui hai iniziato la stagione.

      Quindi l’Italia divide il totale per 7, l’Inghilterra per 8, la Repubblica Ceca per 4 e così via. Quindi più squadre hai, più rischi di prendere meno punti perché devono tutte andare molto bene ogni anno se il divisore è alto.

      Come fai a dire che non è un sistema organizzato in modo sportivo?

    • Perchè una nazione piccola che ha poche squadre che magari giocano solo la Conference così rischia di fare più punti di una nazione grande che magari ha cinque squadre in una competizione difficile come la Champions, e gli può rubare il posto in Champions per l’anno dopo. Chi si merita di più di giocare la Champions l’anno prossimo, un Real Sociedad che arriva agli ottavi di Champions, o un Pilzen che magari si fa la semifinale di Conference ? Per essere sportiva dovrebbe essere fatto il ranking a livello di competizione, oppure dare punteggi diversi a seconda del ranking dell’avversario.

    • @Il Barone, è il motivo per cui anche nei tempi addietro si parlava sempre dell’importanza capitale che hanno le squadre di EL nel ranking UEFA. Perché portano un sacco di punti se vanno avanti. Tutti guardano la Champions, ma molta legna si fa in EL. Cosa che, da un lato, è condivisibile, perché un campionato non è competitivo se hai una squadra che vince scudetto, coppa nazionale e Champions e le altre squadre del suo campionato sono la Salernitana, mentre lo è se hai tante squadre di media classifica che fanno strada in coppa, magari non vincendola, ma dimostrando di alzare parecchio il livello della propria competizione nazionale.

      Magari si potrebbe ritoccare il punteggio assegnando un po’ più di punti alle partite di Champions.

    • ma almeno una volta nella vita riuscirete a emergere dalla mentaliità provinciale e complottista che da sempre permea i mendri di questa città??

    • @idi di marzo in teoria per riequilibrare veramente la situazione dovresti mettere in relazione al coefficiente di difficoltà della partita più che della competizione in se

    • il ranking sono numeri, e i numeri non vanno mai messi in discussione.
      Detto ciò: Italia, 6 su 7. Chissà chi hanno fatto fuori, ahahahahahah

    • E’ secondo me fuori di dubbio che bisognerebbe assegnare un coefficiente di difficoltà alle tre competizioni europee, il più alto alla Champions il più basso alla Conference.

    • Nel ranking si tiene conto di queste cose:
      – Le qualificazioni contano. Durante le qualificazioni ogni vittoria vale 1 punto e ogni pareggio mezzo.
      – Dalla fase a gironi in poi, ogni vittoria e pareggio contano rispettivamente 2 e 1 punto, in tutte e tre le coppe.
      – Per quanto riguarda gli altri bonus, funziona così:
      / Le squadre in Champions’ hanno un grosso bonus (4 punti) già solo partecipando ai gironi, più altri 5 se si qualificano agli ottavi, più un punto per ogni turno passato dopo.
      / In Europa League il passaggio del girone vale 5 punti per le prime dei gironi e 2 per le seconde. Per il resto, 1 punto bonus se si vincono i playoff contro le terze della Champions e 1 punto per ogni turno raggiunto dai quarti in poi.
      / In Conference league il passaggio del girone vale 2 punti per le prime e 1 per le seconde. Per il resto, oltre ai punti sulle singole vittorie e pareggi, si fanno punti bonus solo dalle semifinali in poi.
      Il totale va poi diviso per il numero di squadre partecipanti alle 3 coppe europee (per l’Italia 7).

      Francamente a me sembra un sistema ragionevolmente equilibrato. È vero che vittorie e pareggi valgono sempre 2 e 1 a prescindere dalla competizione, ma al tempo stesso i bonus di partecipazione e di passaggio dei turni della Champions sono nettamente superiori a quelli dell’Europa League, che sono superiori a quelli della Conference. Mi sembra un buon compromesso tra il riconoscimento della difficoltà delle coppe più importanti e la possibilità per paesi, come la Rep. Ceca quest’anno, di fare comunque bella figura se le loro squadre si comportano bene.

  2. A me non è mai piaciuto tifare per certe squadre italiane in Europa, vedendo quello che succede a casa nostra. Ma ora la Ladsie è fuori, la Juve è agli arresti come al solito e non ha giocato le coppe, tocca tifare moderatamente per alcune strisciate e molto per la Fiorentina (se voncesse, onestamente, sarei contento per loro).
    Poi ci siamo noi.
    Jeri il Leverkusen ha faticato. Il posto in più in Champions ce lo possiamo creare da soli in molti modi, è tutto nelle nostre mani.
    Il vantaggio sulla terza (Inghilterra) al momento è consistente.

    • Allora dovreste essere contenti perché quello che dite è già in atto: passare i gironi di Champions, di Europa League e di Conference League da bonus diversi. Allo stesso modo l’accesso alle varie finali.
      Il fatto che una piccola nazione, che ha ipoteticamente solo squadre in Conference, possa avere più punti di una grande nazione che porta tante squadre alle sole Faso eliminatorie è matematicamente impossibile. Infatti non è mai accaduto.

    • Ci sarebbe anche da dire che guardando i risultati agli ottavi delle squadre tedesche e inglesi (nostre dirette concorrenti):
      – in Champions: Arsenal e Dortmund devono ancora guadagnarsi il passaggio ai quarti
      – in Europa League: il Brighton (facendo i debiti scongiuri) è già un piede fuori, il Rangers rischia, una fra Friburgo e West Ham andrà sicuramente fuori e il Leverkusen deve comunque impegnarsi per passare.
      – in Conference: c’è solo l’Aston Villa che deve comunque vincere al ritorno.

      L’Italia invece in Champions ha Inter e Napoli ancora in corsa, in Europa League Roma e Milan direi messi benino per i quarti e anche l’Atalanta non male, in Conference la Fiorentina è praticamente già ai quarti.

      Insomma non stiamo messi malissimo in prospettiva, anzi…

    • @Luca i Rangers appartengono alla federazione scozzese non c’entrano niente con l’Inghilterra

  3. @romano…quello che tifa lazzio per er coefficiente UEFA…non serviva alla Roma contare sull’Alassio,come fai te.

  4. Per il ranking vedo più uno scontro per il secondo posto tra Germania e Inghilterra. Il primo è quasi blindato visto che le nostre squadre di Europa League e Conference dovrebbero accedre tutte ai quarti. Inoltre ha speranze anche l’Inter.

  5. Se penso a chi sperava in una vittoria della scazzie per il Ranking UEFA me vien da ride. Se non ricodo male le quaglie In Europa hanno perso con: L’Atletico Madrid, il Feyenoord e il Bayer Monaco. In Campionato con: Atalanta, Fiorentina, Bologna e Milan Se falliscono anche in Coppa Italia (come mi auguro) questa diventerà per loro una stagione fallimentare Ma Magari… Ps: Intato è notizia di pochi giorni fa, che Gravina è stato “Indagato a Roma per autoriciclaggio e appropriazione indebita”. Ascoltato anche Lotito… Informazione che mi sembra sia passata totalmente inosservata Come al solito probabilmente insabbieranno tutto ma alla faccia della “linea valoriale del calcio🙃😅”

    • Basara, bisogna proteggere il “brand juve”, quindi fare come loro…. 😂😂😂😂😂😂

    • Sembra che la questione sia un po’ più complessa, e sospetto che stavolta Gravina sia più vittima che carnefice. Staremo a vedere.

    • il problema di tifare le quaglie (Dio non voglia) nasceva solo dal fatto che, il loro eventuale passasggio del turno contro la tedesca + rappresentativa e pericolosa, avrebbe praticamente chiuso le pratiche per il primo posto nel ranking.

  6. C’è ancora tanta strada fino alle finali…Inghilterra e Spagna hanno squadre che possono puntare alla vittoria in Champions ed Europa League. Occorre recuperare sul Bologna. Speriamo che l’Inter non sia distratta e regali tre punti a Thiago Motta…

  7. faccio presente a tutti che i punti assegnati (1 per i pareggi, 2 per le vittorie, 1 per chi passa il turno o per chi vincerà una delle 3 coppe) dagli ottavi in poi sono identici per ogni competizione.
    La vera discriminante di questo particolare ranking è il numero con cui si dividono i punti fatti. Motivo per cui quest’anno la spagna è stata praticamente sempre fuori dalla corsa perchè ai preliminari di Conference League venne eliminato l’Osasuna, e questo vuol dire che loro hanno sempre fatto i punti in 7 squadre ma diviso il totale per 8.
    Allo stesso modo, bisogna stare molto ma molto attenti alla Francia, che ha solo 3 squadre in corsa ma che tutte e 3 puntano alla vittoria della rispettiva coppa. A parte il PSG, ieri L’olimpique marsiglia ha fatto 4 gol al Villareal in EL, e il Lille 3 a Graz in ECL, il problema è che loro dividono sempre e solo per 6. Hanno potenziali 44 punti che possono conquistare sul campo che diventerebbero nel coefficente 7,3 (38/6), quindi possono arrivare a 21,716, e alcune statistiche dicono che quest’anno con 19.000 arrivi tra le prime 2, e il tutto con sole 3 squadre.
    Quindi…speriamo che tutte le italiane vadano più avanti possibile, poi se arrivano in finale vedrete che potremo tranquillamente gufare perchè il quinto posto sarà già assicurato!

    • quindi quale sarebbe la soluzione peggio? cioè quella che arriviamo terzi nel ranking?

  8. Questo dimostra come 2 cancri tipo sbiaditi formellesi e malviventus possono anche non esistere e continuando ad esistere fanno solo più danni della peste bubbonica.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome