Riecco Strootman: “L’Olimpico è casa mia, spero di essere il benvenuto”

37
1688

NOTIZIE AS ROMA – “L’Olimpico è casa mia,solo per questa volta lo vivrò da ospite ma spero di essere il benvenuto“. Sono le parole scritte da Kevin Strootman alla Gazzetta dello Sport di oggi.

Dieci anni fa, per la prima volta, il nome di Kevin Strootman compariva sul telefono di Walter Sabatini, l’allora direttore sportivo della Roma conosceva quel centrocampista olandese, di neppure 23 anni, che piaceva a mezza Europa e sapeva bene che se voleva portarlo a Trigoria aveva un solo alleato: il tempo.

I primi contatti iniziarono, appunto, nel gennaio del 2013, il 19 luglio l’acquisto divenne ufficiale. Chiese, con rispetto e discrezione, la maglia numero 6, che il club aveva ritirato 10 anni prima con l’addio di Aldair e gli venne concessa non solo per le sue qualità fisiche (straordinarie) e tecniche (un mancino tanto potente quanto educato), ma anche per un carattere fuori dal comune.

Se non lo avessero tradito le ginocchia, con le tre operazioni al sinistro e tanti problemi alle cartilagini, Strootman sarebbe diventato uno dei migliori centrocampisti d’Europa. Lo sanno i suoi compagni, i suoi allenatori, i suoi avversari: “Uno cosi – disse Francesco Totti – io l’ho visto poche volte”.

Ho vissuto cinque anni con alti e bassi a Roma ma ho sempre sentito il sostegno dei tifosi quando sono entrato in campo con la maglia giallorossa”, dice oggi Strootman alla vigilia del suo ritorno all’Olimpico. Da quando è andato via in lacrime, prendendosi la responsabilità di una cessione che non aveva chiesto, non ha mai avuto modo di rivedere i romanisti e quindi, Coppa Italia a parte, spazio alle emozioni.

Fonte: Gazzetta dello Sport

Articolo precedenteShomurodov, c’è l’offerta ufficiale del Torino: ecco la proposta (che non convince ancora Pinto)
Articolo successivoMou ha deciso: sul mercato la priorità è un difensore centrale

37 Commenti

  1. Cmq vada questa sera Strotman sei sempre nei nostri cuori e sarai sempre il benvenuto a Roma

    Se ripenso che avevamo Strotman e il Ninja….

    • … e Pjanic e De Rossi e Keita e…
      Non ci hanno fatto vincere nulla perché si doveva risarcire la Juve per le sentenze di calciopoli.

  2. Per me sarai sempre il benvenuto.
    Strotman, De Rossi, Naingolan.
    Il centrocampo più forte della serie A avevamo.. Poi per colpa degli incantatori spagnoli e portoghesi ci siamo ridotti a quello attuale.
    Che squadra fantastica era quella..

    • Se dobbiamo essere onesti, con gli spagnoli abbiamo vinto un c**o. Con i portoghesi almeno una coppa europea l’abbiamo vinta o ho sognato tutto l’anno scorso? ^^

      (non sarà il trofeo più grande che ci sia ma secondo me non possiamo permetterci di fare i difficili davanti ad una vittoria ! Firmerei per una coppa Italia per esempio)

  3. La lavatrice….Che bei ricordi, la prima Roma di Garcia, defraudata dal sistema calciapoli… 💛🧡❤️🏆🐺🐺🐺

  4. Kevin e la sua, la nostra, sfortuna. Con lui in quella Roma forse qualche trofeo lo portavamo a casa.
    Comunque per me è come il Ninja. C’è chi passa e va e chi resta nella memoria.

  5. Giocatore dal cervello sublime e dagli attributi d acciaio ho negli occhi l assist per Dzeko contro lo shaktar che ci consegnò la I quarti di C.L. Storia molto Romanista..che peccato ! Daje Kevin bentornato.Forza Roma.

  6. Grande Kevin!!!! qualità eccelse, professionista serio, uomo per bene.
    Ricordi indimenticabili. La sua presenza in campo rassicurava i compagni e tutti noi. Sapevi che non mollava mai, aiutava la squadra, spingeva sempre.
    E’ vero, avevamo il miglior centrocampo, non solo in Italia.
    Strootman fa parte di quella categoria di giocatori che rimarrà per sempre nel cuore dei tifosi.

  7. Il rimpianto è più per la sua carriera che per ciò che avrebbe potuto essere con la Roma.
    Il suo quinquennio è stato tale solo a causa degli infortuni, altrimenti, realisticamente, non si sarebbe fermato più di un paio d’anni, tenendo conto della politica societaria dell’epoca.
    Ricordo che già si parlava di offerte attorno ai 50 mln da parte del MU prima che si verificasse quel maledetto infortunio a Napoli e la conseguente via crucis, dovuta, questo va detto, a scelte sbagliate da parte del calciatore stesso.
    Quel centrocampo a tre formato da Kevin, DDR e Pjanic fu uno dei migliori che io ricordi alla Roma, secondo solo ad Ancelotti, Falcao, Cerezo.
    Quanto ci servirebbe adesso quella fantastica “lavatrice”…

  8. grande Kevin il mio nik è in tuo onore, non credo ci sia nulla da aggiungere…
    giocatore fenomenale e uomo con un carattere ineguagliabile.
    io ti voglio bene Kevin, per te solo applausi e riconoscimento.

  9. Grandissimo Kevin, ricordo perfettamente quel fantastico missile nel sette contro il Napoli, se non sbaglio a febbraio del 2014, uno dei più bei gol che abbia mai visto! Sei sempre er benvenuto guerriero!! 💪💛❤️

  10. caro Kevin tu acciaccato sei cento volte mejo di molte mezze cartucce che hanno vestito la nostra maglia dopo di te ,sarai sempre il benvenuto

  11. non vedo perché non dovrebbe essere il benvenuto. A prescindere dal lato tecnico dove ha risentito molto degli infortuni, come persona non ricordo da parte sua una polemica, una voce grossa, una parola fuori posto. La lavatrice del primo anno di Garcia purtroppo non l’abbiamo più vista, ma ci ha regalato ancora qualche numero di tutto rispetto, nonostante tutto.
    Benvenuto Kevin, ma perdonaci, stasera dobbiamo darti un dispiacere

  12. e tutti questi bei commenti non sono parole….la migliore conferma con gli applausi quando la Lavatrice è entrato in campo!!
    FRS ❤ 💛❤ 💛 🐺🐺

  13. Lui, il Ninja, Francesco, DDR, Er Tendina, tutti ancora in ottima forma…

    Con qualche apparizione improvvisa -ed imprevista- di Iturbe e Yanga in una famosa partita.
    I tempi in cui dopo una partita andavo immancabilmente a vedermi le registrazioni col commento di Zampa… “manco dal fornaio ha segnato Yanga Mbiwa…”, lacrime di gioia e risate quel giorno.

    Che ricordi!
    Ovviamente sei il benvenuto!

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome