Rocchi: “Il rigore non dato da Taylor? Sul fallo di mano c’è sempre una parte di soggettività”

59
3166

AS ROMA NOTIZIE – Il designatore arbitrale Gianluca Rocchi ha commentato l’episodio che ha fatto tanto discutere dopo la finale di Europa League.

Durante la conferenza di fine anno dell’AIA, l’ex fischietto si è espresso sul rigore non dato alla Roma contro il Siviglia dall’arbitro Taylor:

“Non giudico l’episodio di una competizione che non mi riguarda ma non c’è nessuna filosofia diversa tra Italia e Uefa sul fallo di mano. Le linee guida sono le stesse, ma sul fallo di mano c’è sempre una parte di soggettività e quindi di criticità”.

Articolo precedenteWijnaldum saluta i romanisti: “Grazie per la fantastica atmosfera e il vostro sostegno”
Articolo successivoCalciomercato Roma, il Tsv Hartberg riscatta Providence: l’attaccante lascia i giallorossi a titolo definitivo

59 Commenti

    • Gli arbitri italiani, inglesi, francesi, tedeschi, olandesi ecc ecc… insomma TUTTI (nessuno escluso) SONO LETTERALMENTE UNA CASTA. Quindi di cosa ci meravigliamo? non si daranno addosso mai, anche davanzi all’evidenza dei fatti.
      Ho il vomito.

    • No ma questo dice che, in una partita che vale un sessantino, c’è la soggettività e non il regolamento. In questo “sport” vale tutto, io me sento molto vicino a Carlo Zampa.

    • questo c’ha seri problemi ,… soggettività de ché ..vai al bar e ci devi andare e poi rivedi l’azione e nn puoi nn dare quel rigore a Rocchi se te dicono che tu moje te tradisce con unaltro e te fa vede la moviola che fai? dici è soggettivo? soggettività che parola è secondo te? soggettivo è se a te piace un film e a me no ,se a te piace la carbonara e a me la cacio e pepe…se a te piace Salvador Dalì e a me no …questo è soggettivo
      . CRETINO

    • Giancarlo 53r, questo i “seri problemi” ce li ha sempre creati a noi.

      Ma quale discrezionalità: la regola è “se il braccio/mano ampliano lo spazio-corpo” ed in questo caso, come si può ben vedere dalle immagini, la mano ampliava di parecchio l’area occupata dal corpo.
      Quindi?????

    • Infatti non è andato APPOSTA a vederlo perché altrimenti NON poteva fare a meno di fischiarlo… è secondo me, lo scroto, NON se l è sentita perché poco prima gliene aveva tolto uno a loro… aho’, e mica c avemo l anello al naso eh…😏

  1. Stai zitto pezzo di m.
    E occhio che t’arriva il conto pure a te.
    Tolleranza ZERO verso tutti i bacarozzi, nemici di Roma.
    Razza bastarda.

    • ti dovresti ricordare che esiste un regolamento ed esiste il VAR, io mi porrei ka domanda perché non siano intervenuti con l’arbitro, visto che stava dirigendo a senso unico e soprattutto invece di buttare Lamela fuori per la seconda ammonizione ha ammonito uno che non c’entrava nulla e che non aveva avuto ammonizioni. Se quindi sul primo episodio c’é il regolamento e non la soggettività, su entrambi gli eipisodi il VAR doveva assolutamente intervenire! Il personaggio già puzzava quando era iniziata la partita consentendo falli indicibili agli spagnoli.

    • al Paese mio dicono che a lavare la testa agli asini, si consuma – inutilmente – acqua e sapone

  2. Tra cani non si mozzicano.
    Poi, chiederlo a Rocchi, proprio lui che fischiò un rigore contro la Roma con la palla che colpì il braccio attaccato al corpo di Maicon su punizione della Yuve.
    In base a quel precedente storico,Rocchi avrebbe dovuto dire…Sì, a Budapest era rigore netto per la Roma.

  3. … naturalmente, la “soggettività” è soggettiva e soggettivamente applicata dal soggetto in alcune situazioni e con alcune squadre alle quali “oggettivamente” non si deve nuocere… Che cialtroni!!

  4. Intervento senza senso, il VAR venne introdotto proprio per eliminare le viste e azzerare il concetto di discrezionalità.
    Resta in vigore la malafede, capace di sfidare e sovvertire ogni regola.

  5. la soggettività è che alla nostra Roma,tra’le tante cose,ci hanno rubato per l’ennesima volta qualcosa che era sacrosanta! male-detti!!!!!!

    • Nel senso che gli altri erano i soggetti , e la mamma l’oggetto…
      Taylor deve rimanere col braccio attaccato al corpo da mo a cento anni.
      Rocchi invece deve mangiare pastina con la cannuccia

    • Sì, anche allora c’era. Molta soggettività… Ogni sera una soggettività diversa. L’animaccia vostra!! FR

    • non tralascerei che c’era soggettività Quando è entrato in casa ed ha trovato la moglie sopra nantro

  6. Non fate MAI MAI MAI MAI fare a vostro figlio l’arbitro.
    Meglio laziale, che arbitro.
    In ogni arbitro c’è un inadeguato e un frustrato che avrebbe voluto giocare e che vuole riscattarsi a colpi infamità e di abusi di potere.
    Una razza di bastardi e di infami, che inquina il mondo e che si deve estinguere: non la alimentate.

    • l’unica cosa come o peggio di un arbitro è il formellese falso e sbiadito, scommettitore clandestino e aggiustatori di referti covid farlocchi,,,

  7. Detto da un coniglio che ha subito la stessa ferocia dei tifosi a Torino per un famoso Juve Roma………ricordi Rocchi come sei scappato scortato?

  8. Infatti tu sei stato un maestro di soggettività. Con noi poi hai sempre praticato questa dottrina che ti ha reso ( tristemente) famoso.Na faccia come er cuxo

  9. Per lui la soggettivita’ e’ preclusione, insomma non ce po vede…. te pare con l’amico Rossetti non ha preparato la sconfitta della Roma conseguenza di Mourinho ?

  10. Su altri siti, vengono riportate ulteriori affermazioni sul rigore non concesso a Dybala sempre per il concetto di soggettività. Il problema è che se alla soggettività si aggiunge la faziosità ecco che, per lo stesso episodio, alla Roma si negano i rigori ad altri si concedono allegramente. Vero è che prima di tutti questi protocolli sul Var, al suo esordio, gli episodi venivano tutti esaminati, senza alcuna discrezionalità tant’è che contestazioni in quel primo campionato ci furono veramente poche. Oggi ci sentiamo dire, di fronte a certi scempi che il Var (come sull’episodio di Dybala con lo Spezia) non può intervenire. Allora che ci sta a fare se non viene usato per eliminare un pur legittimo errore arbitrale?

  11. partiamo dal presupposto che non si può tornare indietro…. ammettere l’errore dell’arbitro vuol dire essere seri….. in questo modo è ancora più evidente la malafede… vergognatevi… per chiffi e tutti voi c’è un girone dell’inferno!!!!!

  12. Soggettività = famo come ce pare. Se c’è l’as Roma tutto a sfavore, se c’è la SS pecora o strisciate è a favore.
    Per evitare la mer..da che abbiamo visto quest’anno basterebbe una semplice regola, chiamata da parte delle panchine, 2 per tempo. Ma non lo fate perchè nun ve conviene, a zozzoni !

  13. Si si continuiamo a leccare il culo a tedeschi, inglesi, spagnoli, c’e’ mancano solo i francesi e poi avemo fatto er pieno.

  14. il problema é la discrezionalità dell’arbitro. Si rende necessaria la chiamata dell’allenatore come per altri sport. La decisione finale deve spettare al var che può valutare da tutti i punti di vista. Altrimenti il var è un”altra pagliacciata.
    Forza Roma

  15. era così semplice la regola che il contatto di braccio e/o mani è sempre rigore. lo hanno fatto solo il primo anno e poi… c’è bisogno di soggettività!!!

  16. Certo, Rosè, se ti do una cinquina è sempre soggettivo, basta che non vai in giro a dire che ti ho menato

  17. A volte penso che siamo noi tifosi del calcio che andando allo stadio facendo abbonamenti e comprando magliette a tenere in piedi questo sport diventato ridicolo dove non esiste la certezza della onesta arbitrale ….la colpa è la nostra

  18. Ma cosa gliele fate a fare queste domande???? Tanto rispondono sempre così, da gente in eterna malafede contro la Roma. Sono una lobby sia in Italia che all’estero. Si coprono, con la complicità della federazione italiana e dell’uefa, altra combriccola senza vergogna. Poi chiedono “rispetto”…..
    Nelle 3 finali europee che abbiamo giocato, non n ci hanno mai “rispettato”
    hanno sempre dato favori ad altre squadre. Noi non vogliamo favori, vogliamo regole rispettate.
    Ci avete condannato sempre, anche quando Mourinho stava lontanissimo dai nostri pensieri e che potesse allenare la Roma. COsa vi ha fatto la Roma per essere sempre vessata dalle vostre decisioni platealmente contrarie?????
    Ci avete massacrato anche quando c’era Fonseca, che non protestava, Garcia, Di Francesco, ecc… I Dirigenti sono anni che non parlano mai di arbitri, eppure…
    Non protesti e ti vessano, protesti e ti trattano da cretini, antisportivi, tanti maestrini che parlano…. e sarebbero gli allenatori, i dirigenti, i giornalisti di altre squadre che se li tocchi, parlano di complotti per non farli andare in Champion (Sarri e C.) ma li, la Procura è sorda e cieca. O allenatori che dalla loro panchina arrivano fino alla bandierina del
    calcio d’angolo e nessuno dice niente
    Ma il mostro è solo Mourinho….
    Vorrei vedervi sparire tutti….
    Forza Roma sempre!!!!

  19. a via Allegri , prima o poi, vi verranno a prendere .. non so bene chi .. se forze dell’ ordine per salvarvi o per carcerarvi o se tifosi che non ce la fanno piu’ a sopportare i vostri soprusi, la vostra arroganza e la vostra disonesta’ intellettuale ..

  20. Come no, lo sappiamo che per te c’è soggettività anche sul fuorigioco, sulle dimensioni dell’area di rigore… insomma, un po’ su tutto.

  21. Stracciate il regolamento allora, che ca@@o ce lo avete a fa, stracciatelo, tacci vostra e de sti venduti de me@da.
    ❤️🧡💛SSFR💛🧡❤️

  22. Soggettività? Molto bene, Rocchi…. Allora senti questa: Pellegrini é stato ammonito per simulazione in un’occasione in cui, in base alla “soggettività” di TUTTI gli arbitri italiani, a Ciro Ignobile avrebbero assegnato il rigore a favore.
    Vieni a dì che non é vero.

  23. Ma vaffan……. gobbo de m***
    Voglio vedere se alla rubbe avessero riservato un arbitraggio simile, anzi è stata buttata fuori nonostante al Siviglia fosse stato negato un rigore e Cuadrado quindi pure graziato dal rosso.
    Ma il designatore arbitrale uefa è un altro rubbentino.

  24. Inutile commentare….arrivano solo conferme sulla casta e sulla necessità di togliere il giocattolo dalle mani di costoro. Le regole vengono cambiate o aggiustate solo per per consentire agli arbitri di conservare la possibilità di indirizzare le partite. Non esiste soggettività o difformità quando si parla di regole. La regola che toglie ogni dubbio sarebbe semplice, braccio staccato dal corpo = rigore ma questo sarebbe sconveniente per la classe arbitrale e allora stiamo qui a stabilire quanti centimetri ci vogliono per capire se e’ rigore o meno se il braccio e’ staccato. Sono indifendibili.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome