Roma, accordo con l’Hajduk per i talenti del futuro

13
976

ULTIME NOTIZIE AS ROMA – Un’intesa destinata a durare negli anni. Nei giorni scorsi Tiago Pinto ha ricevuto a Trigoria Luksa Jakobusic, presidente dell’Hajduk Spalato, rivela l’edizione odierna de Il Tempo (E. Zotti).

Dopo il trasferimento del classe 2006 Mate Ivkovic, tra la Roma e il club croato è nata una partnership volta a valorizzare i prodotti del vivaio croato.

Nei prossimi anni i giallorossi vanteranno un diritto di prelazione su talenti cresciuti nell’Hajduk che verranno proposti sul mercato italiano.

La collaborazione è nata grazie all’ottimo rapporto tra il general manager romanista e Jakobusic: i due si conoscono da quando Pinto lavorava ancora al Benfica e non è escluso un viaggio del portoghese in Croazia prima della fine stagione.

Pinto considera il settore giovanile il serbatoio più importante da cui pescare le promesse di domani e la partnership con l’Hajduk è soltanto l’ultima delle mosse studiate dal gm per rinforzare la Roma.

Fonte: Il Tempo

Articolo precedenteItalia di nuovo fuori dal Mondiale: la Macedonia beffa gli azzurri in pieno recupero
Articolo successivoVeretout, offerta Marsiglia. La Roma su Hojbjerg

13 Commenti

  1. Ottimo accordo quella è una grande scuola calcistica, ma dopo quanto successo ieri metteranno delle limitazioni agli stranieri, a partire proprio dal settore giovanile

    • No no, ti pare che toccano il serbatoio delle plusvalenze fittizie strisciate? Diranno che non se l’aspettavano, blatereranno di resilienza e cuore, quella cosa dei cani e dei leoni, e pronti per il 2024 con Ciro “Lewandowski” Immobile al centro di un progetto mirabolante

    • Certamente buona notizia, soprattutto se si rivelerà un accordo duraturo. Comunque ormai la tendenza dei top club è questa, accordi con accademie in giro per il mondo e continua scelta dei migliori talenti della zona su buoni bacini di ragazzi. L’unica problematica è che se fatta ad alti livelli costa parecchio. Mi auguro che la ROMA investa anche lì.

    • Ragazzi, per motivi di normative UE non si può mettere un limite agli stranieri nelle giovanili e nelle squadre, sarebbe contrario a Schengen.

      Detto ciò, ottima mossa.

      La Roma sta creando una STRUTTURA, non come quella di Pallotta, con il suo progetto T.A.C. (Tiramo A Campà)

  2. Abbiamo uno dei settori giovanili migliori d ‘ Italia da anni, ed andiamo a fare accordi con l’ estero! Mah.. Piuttosto bisognerebbe creare la Roma under 23 in serie C

  3. Bravi,facciamo giocare tutti gli stranieri negli Esordienti ,negli Allievi,nella Primavera e poi in prima squadra.
    Poi va a finire che in Nazionale i titolari sono Soprammobile,Insigne e Berardi che non sanno dove sta di casa la porta avversaria e ce la prendiamo riccamente nel secchio,come ieri sera,contro una squadra che è al 77° posto del ranking mondiale.
    Fosse per me,farei accordi con la Lupa Frascati,il Cinthya Genzano,la Vis Velletri,il Lanuvio Campoleone e così via,perchè sono convinto che i giovani giocatori di Roma e dintorni a quelli stranieri gli danno una pista.
    Mo va là.

  4. As a croatian who lives some 80km from Spalato, let me tell you one thing… Hajduk is known for 2 things : creating talents, and never giving them a chance. So… this contract with us gives us a good option to snap up future stars of croatian football at a very low price… not bad at all.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome