Roma all’attacco

46
623

AS ROMA NEWS – Come si può vincere una partita che dura appena 20 minuti? Andando all’attacco. Cercando di sfruttare nel più breve tempo possibile la propria superiorità tecnica. E sperando anche in un pizzico di buona sorte.

E’ quello che proverà a fare domani sera la Roma sul campo dell’Udinese nel recupero della partita sospesa poco dopo il 71esimo di gioco, con i restanti diciotto minuti da giocare più recupero. Dopo il passo falso col Bologna, sarà fondamentale provare a portarsi a casa l’intera posta del Bluenergy.

Per questo Daniele De Rossi sta pensando a una Roma ultraoffensiva, a una squadra schierata con un inedito 4-2-3-1 che prevede in campo sia Abraham che Azmoun, oltre a Dybala e Stephan El Shaarawy. In un match così breve, potrebbero essere decisivi i calci piazzati, e lì i giallorossi sperano anche in Smalling e Mancini.

Con l’Atalanta che ha un calendario favorevole e la Lazio tornata pericolosamente vicina, la Roma ha bisogno di punti preziosi per rimettere un margine importante in vista dell’insidiosissima trasferta di Napoli. Per questo domano vedremo 20 minuti di Roma all’attacco, con l’Udinese del neoallenatore Cannavaro a difendere il punticino con le unghie e con i denti, pronta a colpire negli spazi.

Il recupero di Udine è in fondo la rappresentazione metaforica dell’esperienza maturata finora da De Rossi e i dai suoi giocatori sui campi in giro per l’Italia: se sono riusciti in tre mesi a cambiare il mondo giallorosso correndo a più non posso, in diciotto minuti più recupero possono prendersi tutto.

Fonti: Gazzetta dello Sport / Corriere dello Sport / Il Romanista

Vuoi essere sempre aggiornato sulle ultime notizie della Roma sul tuo cellulare? Iscriviti subito al canale Whatsapp di Giallorossi.net!

Articolo precedenteCalciomercato Roma, contatto tra De Rossi e Chiesa: l’allenatore vuole rilanciarlo in giallorosso
Articolo successivoDe Rossi come Mourinho: è al bivio finale tra coppa e campionato

46 Commenti

  1. In situazioni come questa c’è pochissimo da dire e da commentare, e soprattutto non vanno fatti troppi calcoli: FORZA ROMA e basta.

    • Invece i calcoli andrebbero fatti. Il tifoso certo vuole vincerle tutte ed è giusto così, però gli addetti ai lavori invece dovrebbero ragionare perchè è lampante che non possiamo lottare efficacemente su entrambi i fronti.
      Se DDR riesce a cavare forza fisica dai titolari per tutte queste partite che ci aspettano senza pagare dazio (ma col Bologna abbiamo visto che non è così) allora è avvero Harry Potter.

    • ma stiamo scherzando… che calcoli vuoi fare. In 18 minuti devi puntare a segnare… al resto pensi dalla partita successiva

    • Ora lo so che ve grattate…..ma un bel rigoretto a nostro favore risolverà al momento giusto tutto 😉💪🏻

  2. De Rossi ha ereditato una situazione drammatica in cui basta un passo falso come col Bologna per compromettere un obiettivo, quello a cui la società tiene maggiormente. L’eventuale vittoria con l’Udinese rimetterebbe le cose a posto? Insomma…guardando il tour de force che viene dopo…mica tanto. Io spero solo di arrivare a giocarci la finale col Leverkusen in condizioni fisiche decenti

    • Il Leverkusen sa tenere il possesso palla e ti fa correre e sa anche verticalizzare.
      E’ una signora squadra, non a caso ha vinto la bundes avanti a un Bayern Monaco un pò in declino ma comunque sempre una top.
      Quindi a quella gara ci devi arrivare con i tuoi titolari al massimo della forma fisica.
      Se li fai giocare a Udine e a Napoli alla semifinale ci arrivano con le stampelle e il turno non lo passerai mai.

  3. La vittoria vorrebbe dire allungare sulla Atalanta e conservare con le unghie e con i denti il quinto posto.
    Vincere è importantissimo perché si rischia di buttare l’ennesima stagione e finire senza vittoria di coppa e neanche qualificazione in Champions a ripartire nella EL.
    Ci troveremo con il solito colpo di mercato dei Friedkin per tifosi (vedi Chiesa) mentre la struttura societaria resta debole (DS e scouting). Dopotutto se punti allo stadio non serve una società forte che si regga sulle entrate della Champions è solo un
    veicolo per la cessione dell’assetto stadio..
    Quindi dajeee Roma dobbiamo sputare le ultime energie.

    • Io a tutta questa differenza se andiamo in CL non credo. Negli anni Pallottiani in cui abbiamo raggiunto la qualificazione CL abbiamo fatto campagne acquisti peggiori di quando non l’abbiamo raggiunta. Basti pensare alle campagne acquisti di Monchi. Il Napoli, dopo lo scudetto ha smantellato indebolendo squadra e società. Il mancato raggiungimento di un obiettivo ECONOMICO è l’unico sprone per una proprietà (non tifosa) a migliorarsi.

    • La campagna acquisti di Monchi coincise con il momento in cui Pallotta capì che a Roma lo stadio non glielo facevano fare e che per restare in zona Champions doveva fare investimenti.
      Quindi diede mandato a Monchi di disinvestire, vendendo i giocatori più importanti senza investire integralmente i i soldi incassati in giocatori di uguale livello (poi nelle scelte sbagliate ci mise del suo il buon Monchi) perché si erano rotti di coprire le perdite.
      La Roma attuale è una società fragile che si regge sulla copertura finanziaria dei Friedkin e che ha una struttura societaria e sportiva con costi, in termini di stipendi dei dirigenti e compensi dei giocatori, nettamente superiore alle sue prestazioni.
      L’unica speranza di rafforzarsi è passare per un radicale dimagrimento della struttura, in parte iniziata dai Friedkin, e l’arrivo di professionisti capaci da realtà vincenti (Bologna e Atalanta).
      Il primo acquisto da fare sarebbe strappare parte del gruppo dirigenti di tali squadre.

    • Il fatto che abbiamo toppato il mercato dopo le qualificazioni in Champions o la semifinale non significa automaticamente che sia meglio non averli i soldi. Anzi, direi proprio di no.
      E nei casi in cui abbiamo fallito l’ingresso avevamo comunque un capitale giocatori spendibili sul mercato.
      Quello dopo la deludente stagione 2012/13 lo hai potuto fare grazie ai soldi incassati per Marquinhos e Lamela e reinvestiti per fortuna bene. Parliamo di poco meno di 60 milioni.
      In un’altra occasione hai fatto quasi la stessa cifra con Romagnoli e Bertolacci, un colpo di genio di Sabatini in quel caso.
      Oggi chi ti garantirebbe quelle cifre? Soldi puoi sperare di ricavarne da Svilar, Mancini, Ndicka, Cristante, Pellegrini, Zalewski, Bove, Aouar, parlando di giocatori di proprietà.
      Per quale di questi potrebbe arrivare un’offerta irrinunciabile?
      Mancini, Cristante e Pellegrini li escluderei per vari motivi, non ultimo il fatto che sono anche italiani e devi tenere d’occhio lo slot a loro riservato.
      Svilar e Ndicka, presi a zero, garantirebbero la migliore plusvalenza, ma dopo tanta fatica fatta per trovarlo il portiere lo terrei, a meno di offerte folli.
      Aouar purtroppo ha fallito la stagione, e ha anche un ingaggio discreto.
      Insomma, i candidati si riducono facilmente a Ndicka e Zalewski.
      Non dimentichiamo comunque che, a meno di novità, Champions o non Champions, il prossimo mercato della Roma dovrà comunque essere a costo zero…purtroppo.

    • purtroppo quando dicevo che arrivare in CL, all arrivo di DDR, sarebbe stato un miracolo sportivo, viste le condizioni in cui eravamo, in tanti(vedi il complottista per eccellenza) dicevano che i punti da recuperare erano pochi, ma nn vedevano quante squadre erano avanti.
      Daje Roma!!!!!

  4. Perdere o pareggiare sarebbe lo stesso, quindi assalto all’arma bianca e soprattutto velocità nel giro palla…..forza ragazzi. Spero che abbiano imparato la lezione di lunedì sera e quanto contano movimenti, abnegazione e soprattutto la velocità di palleggio. Le lambrette di centrocampo giocheranno tutti e 3? Speriamo siano più veloci della partita contro il Bologna, dategli una redbull

  5. elsha mancini smalling spinazzola
    cristante paredes pellegrini
    dybala
    tammy azmoun
    bisogna cercare di vincerla

    se si va in vantaggio giù una delle 2 punte e dentro un terzino destro

  6. Perdere o pareggiare NON è la stessa cosa mancano ancora tante giornate e può succedere di tutto , di sicuro noi abbiamo il calendario più ostico.SEMPRE FORZA ROMA.

    • giusto, ogni punto conta….andare tutti all’attacco senza un minimo di equilibrio sarebbe un suicidio. Domani più che mai ci vorranno testa e gambe

  7. Le variabili da qui a fine campionato sono molte, oggi per esempio non sarebbe male se l’Atalanta si qualificasse per la finale di Coppa Italia, che poi andrebbe a giocare tre giorni dopo la sfida contro la Roma. Certo, se domani arrivassero i 3 punti cambierebbe tutto in positivo. 20 minuti sono pochi ma li puoi giocare a mille. Speriamo bene.

  8. Ricordo che l’Atalanta stasera gioca una semifinale di coppa Italia con auspicabili tempi supplementari ed eventuale finale ,magari ai rigori prima dell’ultima di campionato, quindi sono belli pieni

  9. Joao Costa, Pagano e Pisilli che fine hanno fatto? Il primo è un esterno d’attacco veloce e con tecnica da vendere dopo il gol contro l’Al Shabab è sparito. Pagano e Pisilli li conosciamo meglio, con la primavera hanno una percentuale altissima di gol e assist, purtroppo ultimamente sono finiti nel dimenticatoio, speriamo che abbiano più opportunità di giocare e continuare a crescere. Il prossimo anno devono avere più spazio, possono diventare i nuovi Totti e De Rossi…altro che Aouar, Sanches e Abraham.

    • di solito i giovani si buttano dentro per sperimentare, per come siamo messi ora non c’è molto spazio per gli esperimenti. Soprattutto non li rischierei mai per venti minuti scarsi di partita in cui devi fare di tutto per prendere i 3 punti.
      Si perché sulla carta sono 18 più recupero, ma mi prefiguro già le classiche sceneggiate di quelli là che cascano per terra con uno sputo e restano a terra mezz’ora. Sarà durissima

    • Infatti, pure loro non è che possono a prescindere accontentarsi del punticino.
      La prossima giornata recita Frosinone-Salernitana e Bologna-Udinese…

    • i friulani so’ amici nostri domani “se scansano”, col bulegna vincono…😆👍🏼👌🏽🤞🏼🤘

  10. Bisognerà conquistare calci d’angolo e punizioni perchè secondo me solo da calcio piazzato si potrà scardinare l’arrocco dei Friulani. Per cui spazio alle torri. Forza Roma.

  11. all attacco subito devono partire a cannone anche rischiando dietro sarebbero 3 punti fondamentali per la classifica e psicologicamente

  12. Dentro Dybala Baldanzi Azmoun e Tammy insieme ci vogliono giocatori veloci e capaci di saltare l’uomo per creare superiorità dobbiamo vincere assolutamente

  13. Secondo me c’è’ da riscattare solo Azmoun e Llorente! Vendere Kardorps, Belotti, Shomurodov, Aouar,anche se quest’ultimo non è’ male poi rinnovare a Spinazzola, prendere un terzino destro, riscattare Angelino e riprendere Darboe! Provare a trattenere Lukaku in prestito ! Un portiere esperto che sia affidabile tenendo Svilar titolare! Poi se riesce un colpo come Chiesa, ben venga! Se infine Smalling non vuole restare, si vende e si valorizza o si recupera Kumpulla che in fin dei conti non è’ tanto male!

    • ma scusa ma chi te li prende quei pipponi che hai elencato belotti 20 partite con la fiorentina 1 gol e ti danno 8 9 milioni gia e tanto che l hanno prossimo ti pagano l ingaggiopoi parli di darboe ma che deliri per caso e un altro zalewski

  14. Purtroppo se vogliamo mantenere il 5′ posto dobbiamo vincere con Udinese-Napoli-juve considerando il calendario dell’Atalanta e il recupero “farsa” che le assegnerà 3 punti con la Fiorentina. Altrimenti occorrerà l’impresa di vincere a Bergamo

  15. Che giornalismo da 4 soldi….per me è proprio l’opposto, se tiri per 20 minuti contro un muro per 50 volte, avrai 50 respinte.
    Non mi sorprenderei se De Rossi facesse il classico gioco con partenza da dietro per far ingolosire l’Udinese e quindi farla uscire per poi colpirla in contropiede.
    Ci vuole cervello non forza, anche perché la seconda noi non ce l’abbiamo, ancor di più senza Lukaku!
    Inoltre ricordiamoci che giochiamo a casa loro, e il pubblico spingerà per cercare la vittoria… basta un gol non una goleada!

  16. Abramo in campo è il modo migliore e più veloce per perdere la partita. Ad ogni tentativo di passargli il pallone parte il contropiede avversario.

  17. Se facevamo un risultato positivo coi felsinei domani potevi fare una sgambata e dividerti la posta… purtroppo SERVONO I 3 PUNTI, 85° 0-1, D Y B A L A !

  18. 18 minuti non sono una partita, è un terno all’otto, devi segnare in pochi minuti un gol e non prenderne nessuno, quindi massima concentrazione in difesa e gioco veloce molto veloce , niente tiki taka o estenuanti impostazioni dal basso , non giocheremo in contropiede ma in attacco , per me la migliore formazione sarà: SVILAR CELIK MANCINI SMALLING SPINAZZOLA PAREDES CRISTANTE PELLEGRINI DYBALA AZMUN LUKAKU.
    Spinazzala vai sul fondo e crossa, Paredes imposta giusto, Cristante e Pellegrini tirate anche da fuori area, Dybala fai dribling a ridosso dell’area avversaria prenditi qualche punizione e calciala bene. In caso di calci d’angolo MANCINI SMALLING e CRISTANTE tocca a voi metterla dentro. AZMUN dialoga con Dybala prova dribling dentro l’area avversaria prenditi un bel fallaccio da rigore , infine LUKAKU difendi palla fai da sponda e se puoi girati e calcia in porta.

  19. Sono solo 18 minuti più eventuale recupero, quindi iniziare il tempo rimanente subito con la massima veemenza per trovare il gol del vantaggio immediato.
    Daje Roma !!!

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome