Roma di nuovo in volo, ecco il main sponsor: in arrivo Riyadh Air

76
2132

AS ROMA NEWS – Dopo mesi di attesa, la Roma sembra aver finalmente trovato il suo nuovo main sponsor, quello che prenderà il posto della scritta “SPQR” sulle attuali maglie giallorosse griffate Adidas.

A succedere alla Digitalbits sarà una compagnia aerea dell’Arabia Saudita: il club capitolino sta infatti per concludere la trattativa, ormai avviatissima, con Riyadh Air, creata dal principe ereditario Mohammed bin Salman che, pur prevedendo di mettersi “in volo” mpm prima del 2025, entro il 2030 intende operare con voli regolari nazionali e internazionali verso più di cento diversi paesi in Medio Oriente, Africa, Asia, Europa, Sud America e Nord America.

Vien da sé che il veicolo calcistico faccia gola agli arabi, che hanno capito con grande velocità il ritorno pubblicitario che può portare un pallone che rotola. I primi colloqui che la compagnia aerea saudita ha avuto in Italia sono stati con la Juventus, quelli con la Roma invece sono più recenti, nati dall’idea del nuovo Chief Commercial and Brand Officier del club, Michael Wendell, di indirizzarsi sul mercato delle compagnie aree.

Così dopo le interlocuzioni avvenute sia con Turkish Airlines che con American Airlines, il nuovo orizzonte della Roma è quello della Riyadh Air, che si appresta a breve a stravolgere le dinamiche delle rotte aeree. I contatti tra Riad e la Roma hanno preso un po’ di sorpresa il mondo politico e amministrativo romano. Non certo per la possibile sponsorizzazione del club giallorosso – che porterebbe nuove risorse per la squadra – quanto per la tempistica.

Riad è la principale rivale della Città eterna – e, per molti, la candidata da battere – nella corsa per l’assegnazione dell’edizione 2030 dell’Expo. Sulla maglia della Roma infatti potrebbe apparire anche la scritta “Visit Riad” o “Experience Riad”. Una sorta di beffa per l’amministrazione capitolina. Alla Roma andranno 8 milioni di euro più bonus l’anno, l’accordo dovrebbe essere triennale.

Fonti: Il Messaggero / Gazzetta dello Sport / La Repubblica / Corriere della Sera

Articolo precedenteLukaku, la Curva Nord nerazzurra: “Un indegno, con la Roma 50.000 fischietti contro chi ha tradito”
Articolo successivoAouar è pronto a riprendersi la Roma: Mou lo schiera titolare con il Servette

76 Commenti

  1. Gli assassini e oscurantisti tiranni sauditi non raccolgono alcuna simpatia da parte mia, è una parte del mondo che vedrei sprofondare con noncuranza, sono sincero.
    Capisco benissimo però che pecunia non olet, e nel caso spero solo che portino una cifra congrua per contribuire alle fortune della Roma.

    • Perché invece gli assassini del sultano turco e quelli che scatenano guerre in ogni parte del mondo (tranne che a casa loro) raccolgono le tue simpatie?

    • Concordo UR.
      Sarebbe stato meglio trovare altri sponsor ma non volendo fare gli ipocriti già quotidianamente ci ritorniamo di carburante da Stati di dubbia moralità ..

    • Bolteni, rispondi a questa semplice domanda: se fossi costretto, pena la tua capoccia, a scegliere se trasferirti in USA o in Arabia Saudita, dove andresti?
      Una volta che avrai risposto, allora potremo discutere di tutto il resto e trovare anche più punti di incontro di quelli che credi.

    • Anto, non farai troppa fatica a capire che portare una patch sulla maglia per anni sia un attimo differente.
      Il pensiero mi suscita un lieve contato di vomito, ma come ho già premesso ci passerò sopra se dovesse servire a fare grande la Roma.

    • UR, perdonami ma la tua osservazione è posta male. E’ ovvio che per una questione di affinità e compatibilità culturali e ambientali la stragrande maggioranza degli italiani preferirebbe vivere in un paese occidentale piuttosto che arabo. Bolteni, a mio giudizio, ha sollevato un problema diverso e molto rilevante ultimamente. Noi occidentali siamo molto inclini a vivisezionare i comportamenti degli altri paesi “non allineati” e sorvolare sulle nefandezze e sulle attività predatorie perpetrate ai danni di terzi senza nemmeno un pizzico di autocritica. E’ inutile elencare gli esempi degli ultimi due secoli, dal colonialismo in poi. Chi ha letto un po’ di storia lo sa. Poi, come si dice, il più pulito c’ha la rogna…

    • io lascerei fuori la politica, ma più guerrafondai degli americani chi c’è?

    • SPQR x sempre ma il capitalismo ricicla sempre se stesso e l’Arabia è il 52° stato degli USA!
      (che fine che abbiamo fatto! fatti e storia di queste due nazioni a molti non interessa e la stragrande neppure conosce..e come ha già scritto qualcuno, pecunia non olet)

    • UR,
      è una società aerea (se è vero).
      Tu conosci le compagini azionarie dietro ogni sponsor che abbiamo avuto?
      Lo sai che dietro Wind c’erano gli egiziani?
      Dietro Digitalbits boh, manco se sa….
      Fermo restando che il gruppo Stellantis (Jeep) fabbrica anche armi,
      Il Milan ha Emirates,
      l’Atalanta una società di scommesse….
      Poi anche io preferivo BARILLA, ma i tempi sono un po’ cambiati….

    • Spiegate a questo ragazzo chi sono veramente gli americani. Dai tempi del Vietnam ad oggi ne hanno fatte di guerre, a memoria Vietnam, Afghanistan, Balcani, Kuwait, Iraq e tanto altro la prossima volta parliamo delle torri gemelle e del coronavirus uscito da un laboratorio Usa sito in Ucraina, altro che whuan, il business dei vaccini made in usa in Europa e tanto altro. Forza Roma!

  2. Finalmente ci autofinanziamo, un bel taglio alla produzione di barili di petrolio e pagheremo noi lo sponsor di tasca nostra con l’aumento della benzina.

  3. assassini e tiranni, anche no, grazie.
    ma nessuno scrupolo per un’amministrazione capitolina che ci ha solo messo bastoni fra le ruote e che non merita alcun riguardo da parte della Roma!

  4. 8 milioni più bonus non mi sembrano una cifra tale da fare chissà che differenza. Una vita senza main sponsor per quattro soldi arabi?

  5. Gli arabi non mi fanno simpatia, però se pagano bene… per quanto riguarda il discorso dell’ assegnazione dell’Expo, sinceramente non vedo il nesso con l’eventuale main sponsor della Roma!? Anche i 5stelle hanno danneggiato seriamente la città di Roma… defraudando la stessa delle olimpiadi in favore di Parigi. Eppure ci sono ancora romani che votano 5 stelle… nonostante ciò questa beffa, molto più dannosa, non è stata evidenziata da nessuna parte!

    • Scusate, ma se poi gli arabi acquistassero la Roma e mettessero una vagonata di miliardi tipo il City o il Psg andrebbero bene?

    • Sostituisci arabi con sauditi, nella penisola araba c’è anche lo Yemen l’Oman il Qatar il Kuwait e il Bahrain. Non generalizziamo

    • Veramente caro Ale non sono stati i 5 Stelle a far perdere le Olimpiadi ma chi nel 2023 deve ancora finire le piscine dei mondiali di nuoto del 2010. Chi ha costruito stazioncine vicino l’Olimpico per i mondiali del 90 dove non passavano i treni. Se fossero state per Roma le Olimpiadi avevi ragione, ma sarebbero state per i soliti papponi ben noti. Ai romani solo noie.

  6. Ottima notizia, se non sbaglio è anche lo sponsor dell’Atletico Madrid.
    Speriamo sia il segnale di una crescita futura che in breve tempo ci riporti nell’elite del calcio; ieri guardavo Napoli – Real Madrid con una certa invidia, sono troppi anni oramai che navighiamo nelle retrovie ed è giunta l’ora di tornare al rango che ci compete.

    • Eh certo chissene se ce fanno cresce co li sordi imbrattati de sangue, noi volemo tornà… er rango che ce compete (che poi che sarebbe ? 3 scudetti dalla morte di cristo…)

    • Ti sei perso la finale di Europa League, oppure fai finta di non ricordarla. Certo, con tutto quello che abbiamo in bacheca, l’Europa League è una coppa per poveracci !!!

  7. La cosa che mi fa sorridere è il “Visit Riad” e “Experience Riad”. Ci sono stato per lavoro a Riad, una città gigantesca in mezzo al deserto senza (o quasi) alcuna traccia dell’antica civiltà araba, per gran parte senza marciapiedi, senza attraversamenti pedonali, con una forbice spaventosa tra persone ricchissime che passano le giornate nei centri commerciali di lusso e persone povere. Se sei single nel weekend scordati di andare in molti ristorante (tranne appunto quelli di extra-lusso) perché sono dedicati alle famiglie. Le donne sole sono praticamente escluse dalla società. Ogni 4-5 ore poi tutto si ferma per la preghiera del muezzin. Diciamo che da turista nella lista di “visit X” Riad non sta esattamente nelle prime posizioni. Capisco che nella testa del principe vorrebbe farla diventare una nuova Dubai, ma ce ne passa…

    • La legge dell’Arabia Saudita si basa sulla Sharia per cui in un certo senso tutta la polizia è polizia religiosa, ma da straniero di passaggio è difficile avere il polso della situazione.
      In generale però non è che vivano nel terrore, le persone fanno la loro vita, ho visto famiglie che facevano pic nic, persone che prendevano il the al bar, persone che contrattavano al mercato, persone a passeggio ecc. sono pure andato allo stadio (c’era un’amichevole con l’Argentina e segnò Lautaro M). Nei ristoranti c’è l’area per single (uomini) e l’area per famiglie, pure alla cassa. I contatti di uomini single con donne single sono zero da quello che ho visto. C’è una certa tolleranza per donne straniere, ne ho viste alcune anche senza velo.

    • …Riad tra l’altro è citta concorrente a Roma per EXPO 2030. Cioè la squadra di Roma dovrebbe sponsorizzare la concorrenza

    • …tra l’altro Riad è una delle città candidate per l’EXPO 2030, oltre a…Roma. Quindi la squadra di Roma dovrebbe fare pubblicità alla concorrenza…

    • il “Visit Riad” e “Experience Riad” sono fake news, io l’ho sfiorata anni fa per lavoro ma i racconti dei colleghi confermano quanto hai scritto aggiungo che tra i divertimenti c’è anche la gita in quad nel deserto 1 volta la seconda già è noiosa. Inoltre se ci vai per lavoro come impiegato di una società italiana in pratica lavori 7 giorni su 7 visto che il weekend nostro non corrisponde al loro. L’unico che ci stava bene si era convertito.

    • Altri aneddoti di quella settimana a Riad: allo stadio ho chiesto a un tizio dove potevo comprare il biglietto e mi risponde “ecco”, e mi regala un biglietto, così (!!). Poi dentro lo stadio vado a comprare qualcosa da mangiare e vendevano la zuppa di ceci (!!). Mi son mangiato la zuppa di ceci sulle tribune (dove ci stavano unicamente soli uomini).
      La domenica non sapevo talmente cosa altro fare che sono finito al museo della scienza, peraltro bellissimo e modernissimo, e nella parte “creazione del mondo” c’era un bel cartello con scritto il versetto del Corano di come Allah ha creato il mondo. Al museo della scienza, eh. Poi sotto in piccolo una cosa del tipo “teorie scentifiche non dimostrate parlano di big bang”. Il tutto in arabo e in inglese. Non so se in arabo hanno tralasciato la postilla sul big bang 🙂

      @ErCaciara: vero c’erano anche i tour 4×4 nel deserto o addirittura andare a sparare con vari tipi di armi nel deserto, ma avevo un giorno e mezzo libero e non avevo voglia di andare anche a organizzare il tour..

  8. Speriamo di no….concordo con tutti gli amici romanisti che hanno scritto prima di me….niente soldi da questo paese oscurantista,reazionario e supponente!! Meglio la Toyota o chi altri … FRS!! 💛♥️

  9. Solito moralismo da quattro soldi… gli arabi no, perché sono brutti e cattivi, gli americani invece sì, perché sono i nostri educatori integerrimi…
    Qualcuno ha scritto “pecunia non olet”; appunto, la pensavano così già nell’ antica Roma…. e forse avevano capito tutto…

    • il tuo benaltrismo è insignificante quanto un pirito.
      quindi perché gli americani sono fetenti bisogna esultare per sto sponsor di letame?
      ma sai chi sono i sauditi? cosa fanno alle donne, alle minoranze, sai chi è bin salam? sai cosa fanno in Yemen?

    • Ciao Kawa62, per me pollice verso per americani e sauditi, che poi in certi sporchissimi, detestabili e sanguinari affari sono la stessa cosa e onestamente oggi mi fa piacere leggere commenti negativi a questo accordo, a chi li ha scritti mi permetto allora di chiedere coerenza di opinione nel resto dello svolgersi della vita civile e delle proprie scelte.
      Forza Roma, sempre!

    • Dunque, riassumiamo.
      Arabi e sauditi vari no, americani e anglosfera no, tedeschi e russi no per ragioni storiche, sudamericani no, africani no, cinesi manco a parlarne, indiani e filippini niente da fare.
      Speriamo in un magnate lappone che arrivi con la slitta e le renne a risolverci la situazione.
      Buon Natale a tutti!

    • Certo che esiste una scala di valori. Ognuno di noi ne ha e cerca di applicarli nella sfera personale, familiare e professionale, anche se in quest’ultimo ambito è molto faticoso.
      Non è questione che ” basta che se vince”, ma parlare oggi di valori in questo calcio come in ambiti pubblici più importanti fa sorridere.
      Se volessimo inserire i valori etici come discrimine per le sponsorizzazioni staremmo freschi
      con tutti gli interessi e i soldi che girano… trovatemi un miliardario onesto e integerrimo.
      Purtroppo questo è il contesto (marcio) in cui viviamo e questa e la realtà. L’alternativa è non seguire più questo carosello chiamato calcio, che tutto è tranne che sport.

  10. A spese mie avrei preferito che restasse la scritta SPQR ma non sono Dan Friedkin sono solo un semplice romano nostalgico

    • la scritta SPQR è meravigliosa però porta sfiga. Quando abbiamo risolto il contratto con Digitalbits eravamo terzi in classifica, dal quel momento solo 3 vittorie con Spezia, Empoli e Frosinone. Detto questo ho comprato la terza maglia con SPQR, è magnifica

  11. cadono così alcuni luoghi comuni come:
    – “gli arabi non investiranno mai a Roma”
    – “con il Papa gli arabi non entreranno mai a Roma”
    – “gli arabi non investiranno mai nella AS ROMA”

    ah…… ecco!….. ci speravo, mi hanno insultato per questo…. magari se la comprano tra qualche anno!!!

    • Cucs, magari,
      ma se la potevano comprare 3 anni fa, oggi, domani….
      ma no.
      Le sponsorizzazioni che fanno alle squadre europee per loro sono praticamente mance,
      poi quando devono comprare squadre, PSG a parte, vanno in Premier.
      Ma mica per altro: 5 miliardi di diritti TV annui, un merchandise che ha un giro d’affari
      multiplo che in Italia o Spagna, pirateria TV perseguita penalmente (qua c’è gente che
      vuole i campioni e poi si vanta di usare il pezzotto, ovvero di commettere un reato,
      boh….), se vuoi costruire uno stadio ti aiutano in tutti i modi.
      Strano vadano lì veì?

    • Ben detto…magari se la comprassero prima di subito.
      Tra l’altro, questo per i benpensanti, i Sauditi sono tra i principali alleati degli americani ragion per cui per loro i nobili e sacri principi cari agli esportatori e gendarmi della democrazia non contano.
      Possono violare a piacimento ogni diritto umano e civile.
      Allora perchè mi dovrei scandalizzare se, al contrario dei loro protettori e committenti, dovessero spendere un po’ di petroldollari per fare una grande Roma?
      Cosa che, tanto, non accadrà.

    • tu @Anto l’originale speri sempre invece che la AS Roma navighi a vista, viva nella mediocrità, vivacchi a metà classifica con queste gestioni americane….
      tifi per le tue idee quotidianamente in questo blog, peggio di un jiadista, vedi l’avvicinamento degli arabi come una maledizione, speri sempre nelle condizioni finanziarie peggiori per la società….
      quelli come te non conoscono il significato della parola AMBIZIONE! Che solo i petroldollari possono perseguire, che non vedono le tasse in Italia come ostacolo, sono spicci in proporzione….. si vede che non hai studiato abbastanza!!!!

    • CUCS,
      non hai capito nulla di quello che scritto,
      forse sullo studio dovresti riflettere tu… c’è sempre tempo.

      IO SAREI FELICISSIMO SE QUELLI CHE HANNO COMPRATO IL NEWCASTLE AVESSERO INVECE COMPRATO LA ROMA.
      E’ più chiaro così?
      SOLO CHE NON VENGONO A INVESTIRE IN ITALIA PERCHè QUI, come vedi con i Friedkin, TROVANO SOLO OSTACOLI AD OGNI PASSO.
      Non c’entrano le tasse che ci sono dovunque.
      Tu guarda il prossimo Europeo in Germania: 8 stadi su 10 di proprietà delle squadre.
      Ma se tu fossi un investitore, dove andresti?

  12. Sti cassi de arabi so li geni der male. Sponsorizzano a’ squadra de la città rivale pe l’Expo. Se divertono a pijatte a schiaffi co le mazzette de dollari…

  13. Non vorrei che questa storia si rivelasse una buccia di banana per lo stadio e questo al di là delle posizioni ideologiche che avete scritto.
    Lo sponsor di una città rivale per l’expó sulle maglie è una cosa abbastanza grave, ci sono in ballo una marea di soldi per l’indotto di Roma e non è propriamente carino pubblicizzare i rivali, anzi direi quasi assurdo.
    Questo denota un fatto comunque e cioè ina sostanziale distanza dal territorio economico/politica della proprietà.

    • l’expo viene votato il 23 novembre non penso che la sponsorizzazione della linea aerea sposti + di tanto e si potrebbe iniziare dopo quella data del resto la compagnia aerea non è ancora attiva e per la juve si parla di 2025 quando scade jeep

    • Vista la fila di società Romane che si sono proposte per la sponsorizzazione vero?

  14. Sarà contento Gualtieri e pure il Vaticano, spero solo che sia il primo passo per comprarsela…e poi con l’arabo giornalisti in campana, che questi usano le motoseghe in maniera creativa.

  15. se sono queste le cifre, dovremmo farci qualche domanda sull’appeal che ha la società. Come si fa a mantenere il terzo monte stipendi con questi chiari di luna

  16. I soldi per quanto puzzano fanno comodo a tutti e mi fermo qui, punto

    Diritti civili ?
    Diritti incivili ?

    A Voi il quesito

  17. Per dire gli arabi no perché sono cattivi ma gli Stati Uniti si, allora significa non conoscere la storia o per lo meno si conosce solo quella che hanno voluto farvi conoscere. Neanche a me certi paesi arabi e radicali su certe cose, soprattutto sulle donne non piacciono, ma rimaniamo sul tema calcistico. Molte squadre in giro per l’Europa oramai hanno fatto entrare soldi arabi nelle loro casse, quindi se anche alla Roma succede accettiamolo, soprattutto perché sarebbe positivo per le casse della nostra Roma. Poi se vogliamo andare su altri temi, allora potrei scrivere un poema sugli Stati Uniti e non solo.

    • Hai perfettamente ragione riguardo agli 8 milioni, d’altra parte quando frequenti Europa League e Conference non è che ti possono dare molto di più; per esempio quando arrivammo in semifinale di Champions, e sono passati più di cinque anni, prendemmo da Qatar Airways 40 milioni più bonus in tre anni, per questo motivo urge fare il salto di qualità.

    • Aiutamo Frengo a uscì dar tunnel de le semifinali de CL…
      Dacce na mano pure te, perché me pare che sto tunnel te lo sei pure arredato, nun ne vòi proprio sapè de venì fòri

  18. tutto marketing: sfrutti una “rivalità” per far parlare, così diventa virale, e finisce su giornali e tv; strategicamente una mossa vincente. Cosa possa “spostare” a livello di scelta tra le 2 candidate, è poi ancora tutto da capire..
    “Visit Riad” o “Experience Riad” sulla maglia dell’AS Roma farebbe cambiare la decisione dei giudici? sono i petroldollari nelle buste che spostano gli equilibri, mica una scritta su una maglietta. se il campidoglio vuole “visit Rome” o “Roma experience” che sovvenzioni la squadra o faccia accordi con i dirigenti; un pò di partite SPQR sono state fatte, ed è comunque pubblicità gratuita alla città.
    Solo a me viene il dubbio che le parole di Ferdinando Bonessio riportate nell’altro articolo sullo stadio, siano “ad orologeria” rispetto all’ipotesi del main sponsor saudita? ho smesso di credere alle coincidenze, quando ci sono di mezzo interessi politici/economici, da tanti anni

    • “A fine 2023 il Bie (Bureau international des Expositions) si riunirà per scegliere il Paese ospitante tra Busan (Corea del Sud), Riyad (Arabia Saudita) e Roma. Le candidature sono state ammesse dal Bie, riunito in Assemblea Generale a Parigi.”
      “Il Bureau International des Expositions opera attraverso la segreteria capeggiata da un segretario generale. Attualmente ricopre questa carica il coreano Choi Jai-chul.”

      E secondo questi a Parigi stanno a guarda’ cosa c’è sulle magliette della Roma,
      mica tutti i miliardi che girano sotto questi eventi, nooooo

  19. Pochi 9 milioni, meglio di niente ma pochi, soprattutto per un accordo per 3 anni che ci frutterà “solo” 24 milioni…

  20. Io non so chi siano più tiranni se gli stati uniti o gli emirati arabi, ovvero, in un mondo occidentale nel quale viviamo, ci sponsorizzano solo cose negative degli stati orientali.
    Le porcate che fanno gli stati uniti in tutto il mondo al contrario non sono così candidamente pubblicizzate.
    Poi se vogliamo fare un discorso di trattamento delle donne, allora cerchiamo di vedere anche in casa nostra (Italia) cosa succede a loro, basta leggere i giornali senza far finta di niente.
    Quindi ben venga lo sponsor Saudita.

  21. 30 milioni in tre anni nn sono pochi solo qui si fanno il problema da dove arrivano i soldi arabi usa il più pulito cia la rogna 💛❤️

  22. Aggiornatevi ….

    Ufficiale: Riyadh Season nuovo main sponsor della Roma, accordo biennale da 25 milioni complessivi. SOULOUKOU: “Riconoscimento del club come brand di livello globale” (COMUNICATO AS ROMA, FOTO e VIDEO)

    Daje Roma daje

  23. Da quando c’era Dino Viola che voleva fare lo stadio di proprietà, non ce l’hanno mai fatto fare, adesso escono fuori problemi anche per Pietralata, la Roma viene quindi presa per il c*lo pure dal Comune, dalla città che ha sempre rappresentato, già di per se l’AS Roma porta il nome della città, ha i colori della città, ha il simbolo della città e dopo aver chiuso il rapporto con lo sponsor della criptovaluta ha messo sulla maglia SPQR che è quanto scritto nello stemma del Comune di Roma. Adesso si fanno girare le scatole perché la Roma mette sulle maglie lo sponsor della capitale araba concorrente per l’Expo 2030.
    La Roma ha fatto bene, sono 25 milioni, 2 anni di contratto, il Comune di Roma e tutto il resto potevano pensarci ben prima e permettere alla Roma di procedere spedita alla costruzione del suo stadio per prima cosa, per seconda cosa visto che oltretutto si tratta della squadra della città, potevano proporre lo stesso contratto col main sponsor Roma Expo 2030.
    No, preferiscono sorci e degrado invece dello stadio della Roma, denigrare la vera squadra della Capitale, allora, ecco il ben servito. Ben gli sta a questi papponi.

  24. Bene così. Roma (città e classe politica) sta creando molti problemi a Roma società per quanto riguarda lo stadio, non meritano niente!

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome