Roma e Udinese restano in silenzio: nessun tesserato parlerà alla stampa

16
334

ULTIME NOTIZIE AS ROMA – La Roma sceglie la strada del silenzio, tutta stretta intorno a Evan Ndicka. Il difensore ivoriano ha avvertito un dolore al petto e si è accasciato a terra nel corso di Udinese-Roma.

Il giocatore è stato prontamente soccorso ed uscito dal campo tra gli applausi del pubblico, con il match che è stato sospeso e verrà proseguito in data da destinarsi.

In attesa di accertamenti clinici (si parla di probabile infarto) sia Roma che Udinese hanno deciso di non parlare alla stampa: nessun tesserato dei due club rilascerà alcuna dichiarazione ai media.

Articolo precedenteUDINESE-ROMA: 1-1 (23′ Pereyra, 64′ Lukaku). MATCH SOSPESO. Malore per Ndicka, i giallorossi chiedono di non proseguire la partita
Articolo successivoVenditti: “A Udine lezione di civiltà e umanità, merce rara in un mondo spietato e violento”

16 Commenti

  1. la cosa importante è che il ragazzo stia bene il prima possibile.
    il resto conta zero, anche se perdiamo un ottimo difensore che poteva aiutarci per anni, peccato davvero.
    detto questo, sospendere la partita definitivamente mi è parso eccessivo, sarò impopolare ma il ragazzo era cosciente, comunicava, e infatti è in codice giallo, non grave per fortuna.
    dovremo tornare a Udine per 20 minuti di partita in un calendario intasatissimo, forse un po’ più di sangue freddo sarebbe servito.

    • ma cosa dici, ma sti cavoli che dobbiamo tornare ad Udine per 20 minuti, si tratta di una vita umana, di un ragazzo tra l’altro compagno ed amico è normale ci si sia fermati. Gli altri nostri giocatori sono esseri umani con che spirito avrebbero dovuto giocare? ma hai visto la faccia di De Rossi? non è che sei impopolare hai fatto un commento becero che potevi risparmiarti.

    • Mi dispiace dover dire che Pairetto si sia dimostrato molto più lucido e sensato di te, oltre che meno cinico.
      Tanti anni fa mio padre ebbe un malore che fu poi diagnosticato come infarto senza mai perdere conoscenza.
      Proprio adesso è arrivata la notizia che grazie al cielo scongiura quell’ipotesi per Ndicka, ma appunto è arrivata adesso alle 21.20.
      Tu nel frattempo avresti voluto giocare, riuscendo anche a interessarti della partita?

    • Signori informatevi! il codice giallo non vuol dire che non sia grave!!!! Vuol dire che non è in imminente pericolo di vita, ma durante il trasporto, o in osservazione, potrebbe cambiare in rosso, se i parametri vitali peggiorano.
      Poi le considerazioni sportive vadano a quel paese in un momento così!!

    • Non è detto, nei casi d’infarto è rassicurante ma deve stare sotto osservazione, le prossime ore diventeranno fondamentali, per scoprire le cause capire cause e se vi saranno conseguenze Forza Evan!

    • Altra caxxata… Se hai un’anomalia cardiaca transitoria ti fanno un ECG. se al momento del soccorso il giocatore si era un po’ ripreso, il medico gli ha dato un codice giallo.
      Ma solo in pronto soccorso, fatti gli esami del sangue, si può sapere la gravità della situazione, perché l’ecg è una fotografia istantanea fatta in un dato momento. Il prima il medico in campo non lo può sapere.
      Non scherziamo coi codici ragazzi!!

  2. Io mi sento fiducioso. Secondo me è dipeso dalla gomitata presa da Lucca nel primo tempo. Non ci sono problemi cardiaci. Forse l’edema da contusione ha fatto pressione sui polmoni originando il malore. Tutta roba che passa, anche velocemente spero. Daje Evan che ce servi come er pane.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome