Roma, ecco Ghisolfi: da Danso a Openda, tutti i talenti scovati dal ds francese

90
1575

ULTIME NOTIZIE AS ROMA – I Friedkin sembrano essersi finalmente decisi: è Florent Ghisolfi, trentanovenne ex centrocampista con undici presenze in Ligue 1 tra Bastia e Stade Reims, il favoritissimo a diventare il prossimo direttore sportivo della Roma.

Dopo le indiscrezioni dei giorni scorsi, ieri sono arrivate conferme da Nizza, club nel quale il dirigente transalpino lavora da circa due anni. Il lungo casting operato dai presidenti texani ha partorito (salvo ulteriori colpi di scena) il nome di Ghisolfi.

I Friedkin e la Souloukou sono rimasti colpiti dal modello di gestione e coordinamento del settore sportivo prospettato dal dirigente nei due incontri avuti con il direttore sportivo non ancora 40enne. Ad essere particolarmente apprezzato è il ruolo avuto dal francese prima nella crescita del Lens, che ha riportato in Champions, poi in quella del Nizza che adesso sta lottando per qualificarsi ai preliminari della coppa dalla grandi orecchie.

Ma quali calciatori ha scovato nella sua breve carriera da direttore sportivo? Il primo è Seko Fofana, acquistato per 15 milioni dall’Udinese e poi rivenduto a 25 agli arabi dell’Al-Nassr per 25 milioni. Quindi Jonathan Clauss, acquistato nel 2020 per poche migliaia di euro e rivenduto al Marsiglia a 7,5 milioni.

Spiccano poi gli affari Kevin Danso, difensore austriaco di 25 anni il cui valore di mercato è quadruplicato dopo il suo approdo al Lens, e soprattutto Luis Openda, acquistato per 13 milioni e rivenduto al Lipsia per ben 42 milioni di euro, diventando l’acquisto più oneroso di un club tedesco.

Fonte: Corriere dello Sport

Vuoi essere sempre aggiornato sulle ultime notizie della Roma sul tuo cellulare? Iscriviti subito al canale Whatsapp di Giallorossi.net!

Articolo precedenteRolfes (a.d. Bayer): “Vogliamo vincere anche stasera e dimostrare la nostra superiorità. La Roma? Stavolta non perderà tempo come un anno fa”
Articolo successivo“ON AIR!” – AGRESTI: “Alla Roma serve un miracolo”, PRUZZO: “Segnare subito? Cavolate, guardate il Real”, PIACENTINI: “La partita che conta è quella contro l’Atalanta”, ROSSI: “Se perdiamo a Bergamo siamo fuori da tutto”

90 Commenti

  1. già che ci devono spiegare chi è la dice lunga e la parola talenti scovati mi atterrisce dato che è chiaro che qui si va verso un modello sassuolo, sono veramente preoccupato per il futuro della nostra roma

    • Eh sì, mi farebbe proprio schifo avere giocatori come Berardi, Frattesi, Scamacca o Laurentiè, certo. Modello Sassuolo vuol dire scovare talenti e rivenderli, adattato alla Roma vuol dire scovarli e tenerseli. Altro che i sedicenti campioni alla Wjinaldum o alla Renato Sanches, che non ci fai manco la birra.

    • Del resto che cavolo vuoi che ne sappiamo quei due fessi dei Friedkin che in vita loro non hanno combinato nulla, hai ragione….

      Ps: questo qui fa parte di quelli che rischiano di portare il Nizza in Champions.
      IL NIZZA.
      Davanti a Lione, Marsiglia, Lens….
      Proprio un incapace non dovrebbe essere.

      Poi io sto in zona Ghisolfa, quindi lo appoggio a prescindere 🙂

    • Decidetevi … se è uno che scova giovani talenti , non va bene …
      se è uno che scommette su giocatori di fama con problematiche fisiche in prestito (non puoi spendere) non va bene …. metteteve d’accordo con voi stessi.

    • Max, l’importante non è tanto scoprire i nuovi talenti che sì, sono decisamente importanti, ma più importante è che sappia rispondere alle richieste dell’allenatore in modo adeguato e qualitativo. Prendere Sanches o Wjinaldum, ottimi giocatori (!!) ma non rispondenti ai canoni richiesti dall’allenatore, non sono serviti a nulla se non ad aggravare le finanze della società. Deve agire in sintonia con chi schiera i giocatori in campo, il segreto per costruire una grande squadra è questo. De Rossi in questi mesi ha conquistato la fiducia di chi decide, bene, seguiamolo mettendogli a disposizione giocatori confacenti alla sua idea di gioco!!! Tutto qui!!!
      SEMPRE, comunque e dovunque, FORZA ROMAAAAAAA

    • Io non so cosa vi passa per la testa. Fondamentalmente la situazione è molto semplice da analizzare, ci sono due categorie di club, quelli che hanno limiti di spesa extralarge e gli altri.
      Noi, se ancora non l’avete capito, ricadiamo nella categoria “altri”.
      Se volete possiamo passare ore e giorni a inveire e gridare “americà caccia li sordi”, “vendi all’arabi”, e tutto il solito campionario di banalità.
      Altrimenti dobbiamo entrare nell’ordine di idee che non è impossibile sperare di fare bene anche con una gestione virtuosa, come peraltro dimostrano abbondantemente i casi di Dortmund, Leverkusen, la stessa Atalanta in casa nostra.
      Secondo me l’errore più grave commesso in questi quattro anni è stato quello di inseguire un compromesso né carne né pesce che ci ha portato a imbottire la rosa di prestiti-figurine, avanzi di infermeria, specchietti per le allodole, a cominciare da Mourinho per finire a Lukaku.
      Tanta gente che non è servita a niente e colpi di teatro fini a se stessi.
      Per cosa? Per vincere una Conference e ritrovarsi di fronte a un anno zero in ritardo di quattro anni, con un settore tecnico tutto da costruire, una rosa che, tolti due o tre elementi, non ha praticamente alcun valore di mercato ma cuba il terzo monte ingaggi della serie A.
      Anni in cui ognuno ha marciato per conto suo sempre anteponendo i propri interessi a quelli del club. Allenatore contro GM e proprietà, GM tra incudine e martello, nessuna visione di lungo termine. Inevitabilmente è finita male.
      La Roma deve creare una struttura che le consenta di arrivare a giocatori forti prima che siano arrivati sul palcoscenico principale, lo capite o no questo?

    • Non lo conosco, mai sentito e non so nulla di lui.
      Ma che posso dire?
      E’ certa una cosa e cioè che i Friedkin tutto sono meno che cretini. Quindi ammetto la mia ignoranza e mi rimettro con fiducia alla società della quale mi fido.

    • Caro Maddechè, avrai pure ragione, ma questo non è il tempo di fare analisi e resoconti.
      Aspettiamo almeno una settimana.
      C’è una ROMA da tifare.

    • Considerando solo i maggiori campionati europei tra prima e seconda serie ci sono oltre 150 direttori sportivi che solo un addetto ai lavori puo’ conoscere e noi su questo blog a parte qualcuno posso citare Saverio e Sette de coppe possono avere sentito parlare di Ghisolfi, quindi anche io personalmente non ne ho la piu’ pallida idea di chi sia.

      Detto questo, Ghisolfia ha un curriculum da calciatore e uno breve da Direttore Sportivo.
      Intanto sara’ comunque la proprieta’ a fare la scelta e personalmente se proprio dovevo andare su un prifilo semisconosciuto ai piu’, io sarei andato su Marchetti attuale Direttore del Cittadella che e’ perscona di comprovata affidabilita’ che per diversi anni ha portato il Cittadella ai playoff per la serie A:

      STO PARLANDO DEL CITTADELLA CHE E’ UNO DEI BORGHI PIU’ BELLI D’ITALIA, MA SEMPRE DI UN BORGO STO PARLANDO COME PESO SPECIFICO, QUINDI LA PROPORZIONE E’ SMISURATA, RIPETO STO PARLANDO DI PERSONA SEMISCONOSCIUTA COME E’ IL SIG. GHISOLFI.

      Tuttavia non sono io che decido, ma dopo Pinto pensavo che alla proprieta’ era stata sufficiente la lezione su quanto e’ accaduto nelle circostanze di Dzeko, Mikitarian, Pedro, Karsdorp, Zaniolo,Matic.

      Poiche’ penso che in determinati ruoli debbano essere ricoperti da persone di provata esperienza ritengo che il Sig. Ghisolfi venga a Roma a fare questa esperienza e temo che nel mare di squali dove si misurera l’A.S. Roma partira’ con handicap.

      Praticamente Rega’ anche se DDR ha le spalle grosse e’ come se viene lasciato al timone del Titanic e questo Friedkin non puo’ permetterlo, il dato di fatto e’ che gli ultimi comunicati hanno inasprito ancora di piu’ le ostilita’ contro l’A.S. Roma.

      Fino a qui ho parlato di organizzazione.
      Poi se Ghisolfi e’ persona organizzata con un suo scouting e staff di collaboratori preparati e sara’ in grado di aumentare la qualita’ della squadra lo vedremo solo vivendo.

      Personalmente sono perplesso di come sia stata fatta la valutazione di una pedina cosi importante e onestamente non la condivido completamente, perche’ sara’ pur bravo a trovare i calciatori e gestire uno spogliatoio, ma poi il compito di un D.S. non e’ solo quello e ci siamo capiti, Marotta docet !

      Voglio augurarmi di essermi sbagliato.
      FORZA ROMA SEMPRE SEMPRE SEMPRE !

    • Ce vo’ poco a scopri giovani talenti a 13 e 15 milioni. Mah. Se questo fa lo scouting Sabatini ha le stimmate . Italiani, grazie ( è un campionato sui generis ) con contatti in Inghilterra ( parametri zero ) e Sudamerica ( fenomeni )

    • cari amici…. adesso capite compra a poco e rivende a di più….e noi galleggeremo sempre come una squadra che vive per fare cassa….questo quello che dicono i giornalisti….sarà sempre così oppure questi americani hanno intenzione di costruire una grande squadra ….se facciamo riferimento al passato dei vari americani non e’ che c’è da stare tanto allegri fino adesso…. …. vedremo le prossime ambizioni americane nel prossimo mercato a prescindere dalla Champions perché se così non fosse anche la UEFA league porta denari…….

  2. Plusvalenze da far tremare i polsi! Ha fatto meglio Petrachi con Ibanez e Villar…
    Non ci lamentiamo poi se dobbiamo invidiare il DS al Bologna o all’Atalanta e se ci sovrastano sul campo e in classifica

    • Non mi risulta che Petrachi abbia mai portato a Roma un centravanti a livello di Openda (non a caso rivenduto al Lipsia per 42 mln)… anche perché oggi sennò avremmo già risolto il problema del centravanti, invece Pinto 42 mln li ha spesi per uno che fatica anche a stoppare un pallone.

    • con queste premesse soprattutto l’atalanta ci arriverà davanti ancora per parecchi anni e non solo

  3. Openda? Danso? E chi sono ? Forse mi sono perso qualcosa,
    Pure il CV di Ghisolfi con 11 partite in Ligue 1 (me cojoni…) è da paura ,nel senso letterale del termine.
    Per me lui è Ignoto2.
    Spero che sia una notizia farlocca.

    • Sì, come al solito ti sei perso qualcosa, visto che Openda quest’anno, nel campionato più competitivo (alla luce dei risultati europei) ha fatto 22 reti in 29 gare col Lipsia, dopo averne fatti 21 in Ligue 1 con il Lens. La sua valutazione su Transfermatkt , che va naturalmente presa con le molle, è di 60 milioni di euro. E Danso è considerato uno dei migliori centrali del calcio europeo. Per non parlare di Fofana, magari avercela noi una ruspa di quel genere in mezzo al campo. Come al solito un commento del tutto inutile, il tuo, che dimostra come Ghisolfi sia perfetto per la Roma. considerato che non ne hai mai azzeccata mezza.

    • @Gioggio Cappi alias Darietto…hai dovuto cambiare nick per rifarti una credibilità (stavo per scrivere una verginità…) e rinfacci agli altri quello che (ahitu) sei te.

    • Openda? Ahahahah ahahahah. Basta co sta PlayStation, datevi al curling e a Milano finanza. Voglio giocatori di pallone no meteore da plusvalenza

    • Ma no, ce vonno li campioni, Wjinaldum e Renatino Sanches, gli idoli di questo forum.

    • Finale di Conference giocando con la difesa a centrocampo

    • A Settedecò, nun sta a parlà de Vincenzone Italiano, ma de un Ds de nazionalità italica. Che poi, Ghisorfi, co quer cognome da piemuontese-lùmbard che s’aritrova, n’po’ de italianità ce l’ha…

  4. praticamente un signor nessuno
    giovane, attratto dal carisma del nome Roma, disposto a venire a provare l’esperienza formativa di fare mercato senza soldi su una piazza che mette pressione

    come volevasi dimostrare

    se non prendiamo un po’ di soldi dalla Champions vedremo sfilare all’ olimpico una serie di Bianda

    • forse al tempo che è arrivato bianda costui era ancora al liceo

      comunque… spera pure per il meglio

  5. ma a noi che frega de quanti a fatto guadagnare alle società francesi….o forse gli americani vogliono riaprire il supermercato?
    torniamo allo stile pallotta?

    • ma dai , ci state arrivando tutti , Mourinho era sinonimo di portare perlomeno qualche calciatore buono , vedi lukaku dibala , pensate veramente che se c era DDR questi due nomi li portavano qua?? s e lo pensate credete ancora a babbo Natale che arriva con la slitta tirata dalle renne

    • No, a dire il vero ci stanno arrivando tutti alla constatazione che Mourinho era stracotto. E i Lukaku e i Dybala non sono venuti per lui (anzi, se ne sarebbero andati per non dover più giocare a rugby), ma per i soldi che gli dà la Roma. La bufala dei giocatori che si muovono per un allenatore invece che per un altro ve la dovete raccontare tra voi murignoti, gli unici che credono alle favole e alla marmotta che incarta la cioccolata. I giocatori si muovono per i soldi. Punto.

  6. Ragazzi,non so che dire….Onestamente avrei oreferiro un DS di caratura diversa,magari italiano,se non altro per la conoscenza della realtà calcistica italiana. Per cui sono più che comprensibili i dubbi di tanti qui al Forum. Se dovesse realmente essere lui,speriamo almeno sia “dotato” di uno scouting non dico di prim’ordine, ma almeno buono……Anche se i dubbi restano,speriamo di essere smentiti.

  7. Leggendo i commenti, mi rendo sempre più conto di quanto la gente (intesa come tifoseria romanista) sia sempre più dissociata dalla realtà, e sempre più inconsapevole delle esigenze DELLA ROMA.

  8. che tristezza voglio ancora sperare che la scelta sia un’ altra altrimenti mi dovete spiegare cosa c’è di diverso dal progetto Pallotta anzi qui è pure peggio perché almeno Pallotta si era affidato a Ds italiani e la Roma era stabilmente in Champions

  9. avranno pure partorito, ma sto neonato pare un po’ striminzito, ad oggi, quanto a curriculum…poi magari ci sorprenderà con effetti speciali, ma ad oggi mi sembrano operazioni assolutamente normali quelle che ha portato a casa, almeno per un DS di una squadra di fascia medio alta. Messo a paragone con DS italiani più o meno famosi, non mi pare proprio che abbiamo fatto bingo, ma spero di essere smentito entro agosto

  10. @corriere dello sport continuate a di cavolate openda il lens l ha acquistato nella sessione 22/23 e sto tizio nn ce stava più…ahahaha, ma almeno guardate transfermarkt. Aspettate ad esaltarlo almeno che questo max che ha acquistato è stato fofona e daje

  11. Siete proprio strani. Sembra che esistano solo i giocatori che già conoscete salvo poi invidiare Bologna, Atalanta, Bayer o colpi tipo Kawaetc del Napoli che fanno le loro fortune su nomi spuntati dal nulla. E poi nulla impedisce al nuovo DS di alzare l’asticella delle sue scelte dato che la Roma ha sicuramente più disponibilità e appeal internazionale rispetto a Lens e Nizza

    • Quindi se arriva questo qui e porta due prospetti forti come Openda e Danso non facciamo una Roma forte. Interessante, ‘sta tesi, in una città che ha accolto bidoni come Pastore, Wjinaldum e Renato Sanches…

    • Concordo, e lo stesso vale per il DS: quelli che hanno un alto rate di giocatori scoperti, sono anche quelli più difficile da mettere sotto contratto, perché ad alta domanda cresce anche l’ingaggio. Quindi li devi scoprì, fine.
      Se però questo è il gioco, allora non capisco proprio perché la nazionalità debba giocare un gioco. Per me è ininfluente, e spero invece abbiano azzeccato su altre variabili.

  12. A Milano i tifosi hanno costretto la dirigenza a fare marcia indietro su Lopetegui, qui va sempre bene tutto. Prepariamoci al peggio, la Sassuolizzazione della Roma è iniziata.

  13. Siete una comica a volte in questo sito per i vostri commenti.
    Non vi va bene niente, questo è e ripeto è un D.S. adesso servirebbe un D.G. e sinceramente mi sarei tenuto Pinto ( spolliciatemi pure ma di calcio capite poco, avete occhi bendati ).
    Forse finalmente abbiamo un settore scouting ed è fondamentale averlo.
    Tanto qualunque nome verrà fatto per voi è scarso, ma vi ricordo che Candela è stato preso dal Guingamp , squadra che molti di voi nemmeno sanno dove gioca.

  14. leggendo alcuni commenti qui tocca sempre fasse andare bene tutto, poi il campo ti dice che arrivi sesto tutti gli anni e che te passano sopra pure atalanta e bologna

    • No, si tratta di prendere atto di una realtà e non contraddirsi sempre. La Roma non è il Manchester City, quindi le risorse sono limitate. Urge, di conseguenza, prendere un allenatore che sappia lavorare sul materiale esistente e un direttore sportivo che sappia far quadrare i conti con uno scouting, fatto bene. Come è stato detto ripetutamente da molti che commentano ogni giorno. L’allenatore in grado di lavorare sul materiale esistente è DDR e lo sta dimostrando, il direttore sarà Ghisolfi o chi per lui e tirare fuori la storia della sassuolizzazione della Roma è una cosa che fa semplicemente ridere. Il Milan ha preso Tonali a 20 milioni e lo ha rivenduto a 80, se lo facesse la Roma significherebbe fare bingo, in quanto potresti finalmente spendere per quattro o cinque prospetti, quello che è mancato in questi anni per la frenesia di andare dietro ai sedicenti gambioni. E se Atalanta e Bologna ti passano sopra è perché loro investono in ragazzi sulla rampa di lancio e affamati, non buttano soldi per Renato Sanches, Pastore o Wjinaldum.

    • Giorgio, allega pure qualche disegno, così magari ci arriva pure chi non se ne vuole fare una ragione….

    • Quindi tu non hai capito il motivo per il quale arrivano a mangiarti in testa anche Atalanta e Bologna spendendo un decimo di quello che spendi/sperperi tu?

  15. prepariamoci all’ arrivo di giovani di belle speranze spacciati per nuovi talenti del calcio mondiale poi però ci sarà il campo a parlare e molti di questi si riveleranno dei grossi bidoni che ce rimangono sul groppone perché nessuno li vuole, un film horror già visto

    • Li preferisco ai gambioni Renato Sanches, Pastore e Wjinaldum. Io non mi preparo, ci spero proprio.

    • Sul groppone rischia di rimanerti Abraham, pagato 40+5 a 4,5 mln di ingaggio, non ti ci rimarrà mai Baldanzi per esempio, 10+5 e 1 mln di stipendio, perché se non ingrana costo e ingaggio ti consentono di venderlo a una medio piccola senza sudare le sette camicie.
      Oppure i vecchi dinosauri, anche presi a parametro zero, ma con stipendi da 3 a salire, tipo Belotti.
      Questi ti rovinano, non le “belle speranze”, che male che vada ti lasciano uguale.

  16. Io voglio una Roma sostenibile come il Sassuolo. Poi ovvio che noi abbiamo 100 volte i tifosi/simpatizzanti confronto al Sassuolo quindi saremmo il Real Super Sassuolo United, quindi… ndo se firma?
    È vero che prendere prestiti e svincolati è intelligente, però integrare questa cosa con talenti emergenti non farebbe schifo a nessuno.
    Prendi un talento all anno vedi che squadra hai dopo 5.
    Qua andiamo avanti con gli scarti dell era Pallotta e qualche prestito e parametro zero ma mi pare che dal sesto posto non si schioda..
    In più ci sarà magari lo stadio di proprietà tra 3/4 anni.

  17. Regà, è inutile che v’agitate tanto. Ce lo disse Suluku durante na conferenza stampa: “Costruiremo una squadra SOSTENIBILE”. L’ingaggio de n’coach come Daniele, che fa carcio che esarta li singoli ve da a’ cifra. Lo stesso DDR che ce dice che ha parlato a lungo co Ninnì e Cocò e che er modello da seguì sarà er Bayer. Li conti della società che fanno venì l’alopecia, serve er DS che lavora de scouting e che faccia quadrà li conti. In core mio speravo che stavano a venne a li sauditi, ma pare proprio che dovemo annà avanti co sti texani, e er futuro sarà fatto de carciomercati sostenibil. Li nomi importanti che prenderemo saranno sempre parametri zero, poi pischelletti semi sconosciuti cor potenziale da crack e quarche ventiquatrenne che è più de na promessa…
    Er franzoso e uno de quelli che c’ha ste caratteristiche. Già che nun è n’ragioniere che nun ha mai visto n’campo de carcio e se improvvisa scout è n’passo avanti. Almeno questo sa riconosce n’giocatore bòno da na pippa fucilata e sa creà na squadra de oddervatori degna, almeno se spera…

  18. Penso che con maghi e profeti abbiamo già dato! Possibile che bisogna andare fuori per prendere in ds? Ma un Massara o un Burdisso che conoscono il calcio italiano e l’ambiente di Roma, non vanno bene?Bsta con esperimenti! C’è ne sono altri capaci in Italia!

  19. A me sembra soprattutto bello e francese sara’ un tombeur de femmes . A Roma lo siguiranno in parecchie.
    Lo vedo bene

  20. Criticare uno che deve prendere il posto di pinto è ridicolo. Già adesso che non c’è nessuno abbiamo un ds migliore. Il nulla è meglio di pinto. Se l’obiettivo è assumere uno meglio di pinto chiunque arriva è sicuramente più bravo anche se non ha mai lavorato nel mondo del calcio e non lo segue. Se, invece, l’obiettivo è prendere uno bravo vedremo se si dimostrerà tale. Parleranno i risultati sportivi ed economici!

    • e perché non augurarci la radiazione allora? francamente non so cosa caspita ci sia nelle teste di alcuni…

  21. giocatori utili alla causa e soprattutto sani su cui contare sempre, se forti meglio. Per questo il nuovo Ds e l’allenatore devono saper scegliere. Via i giocatori inutili.

  22. Ho visto i movimenti di mercato nelle ultime 3 stagioni del Nizza:

    Ultime 3 stagioni il passivo fra acquisti e cessioni è stato di 97mln di euro.
    Gli acquisti hanno sempre una età media inferiore alla cessioni, quindi puntando sul ringiovamento della rosa.

    Non trovo alcun giocatore che è stato un talento poi rivenduto.
    I nomi fatti sono di giocatori mediocri.

    Onestamente come scouting era più preparato Pinto

    • al Nizza devi considerare l’ultima sessione di mercato visto che sta da ottobre 2022

  23. per come la vedo io,un allenatore deve dire:mi serve un giocatore che sappia….un’altro che sappia….. un’altro che copra sto ruolo ecc ecc.il DS è colui che raccoglie le indicazioni e prende ciò che ritiene sia stato richiesto,e che si può permettere.se de Rossi chiede un centrale,vai a prendere un centrale,sta a te Ds capire quale sia il centrale che rispetta tutti i canoni,inutile prendere un gran nome in prestito a 5 ml e pagare uno stipendio caro per poi?preferirei un signor nessuno che compri a 5 milioni perché ritieni sia valido.nel primo caso ti rimane nulla,con la speranza che il prestito faccia il suo,nel secondo caso se sei bravo ti rimane un giocatore che hai pagato poco e potrebbe valere di più o la stessa cifra,e se dovesse valere di meno hai cmq un margine. perché signori,se la Roma si toglie Auar (vale più di quanto hai speso 0) se la Roma vende Ndika(vale moltissimo di più di quanto lo hai pagato 0) quando la Roma vende solbaken (prende più di quanto a speso cioè 0) ma qui c’è chi vuole il Lukaku e se non lo compriamo sono incompetenti,e se lo compriamo abbiamo preso un bollito! quindi per prima cosa si fa pace col cervello,poi si decide cosa essere da grandi,da grandi si prendono delle decisioni,e con coerenza si portano a termine!

  24. E’ inutile che andate a vedere che giocatori ha preso, perchè questo non è uno scopritore di talenti (come Sabatini, per dire) che sa riconoscere il talento grezzo ad occhio nudo in un ragazzino, vedere il potenziale futuro, e riconoscere il campione.
    Questo è un sistematore di conti che si affida ad una rete e agli algoritmi e ragiona ed agisce solo in funzione della massima efficienza economico-finanziaria.
    Ecco perchè vogliono lui.
    Ecco perchè il fiore all’occhiello è fofanà.
    Ecco perchè quà verrà fatto a pezzetti piccoli così.

    • Chi deve scovare il talentino grezzo da ragazzino non è un DS ma un semplice Scout specializzato in calciatori giovani e dev’essere anche possibilmente un esperto nella formazione calcistica di giovani e conoscere bene le varie metodologie, anche per capire se il ragazzo in questione che sta osservando viene allenato bene o male e se perdipiu si sta sbagliando nel formare il ragazzo in un ruolo non consono alle sue caratteristiche. Questo non lo deve giudicare un DS ma uno scout specializzato su calciatori giovani in base alla fascia età di competenza.

    • No, non ci arrivano.
      A capire che un azionista non vuole pagare come una squadra da champions una squadra che arriva sesta.
      Se non puoi fare e mantenere la rosa da champions allora la squadra da sesto posto devi pagarla come una squadra da sesto posto.
      Questo per gli americani è talmente limpido da risultare scontato, per loro, anche ai nostri occhi.
      E questo viene a farti la squadra “sostenibile”, che è una bella parola per dire squadra da sesto posto che non costa come una squadra da champions ma come, appunto, una squadra da sesto posto.
      Poi ci aggiungono “e competitiva”, che è un ossimoro, che non è quantificabile e che vuol dire tutto e niente, perchè non possono certo venire a parlare ai tifosi di concetti del genere.
      Questo pure un pupo lo vedrebbe, poi c’è chi si rifiuta.
      C’è chi fa salti mortali per vederci una scelta tecnico-calcistica in un proflio del genere ma ci dovrebbe spiegare quale sarebbe.

  25. Devo dissentire, perché Ghisolfi da come mi è stato descritto da un amico di fiducia che lui con il Lens collabora da oltre 20 anni, e questa persona è un criticone su quasi tutto, su Ghisolfi mi stava facendo una serenata e lui ad esempio se ad esempio parli di Campos (in passato accostato a noi, sputa veleno). Ghisolfi mi dice è un dirigente molto più preparato rispetto a quasi chiunque in Francia (non pensavo ma mi dice Maurice è un grandissimo talent scout ma non ha capacità gestionali e di organizzazione come Ghisolfi). Ghisolfi costruisce le basi e non fa un lavoro da accentratore come fanno molti DS in Italia, ma lui si adopera a creare un team di lavoro (di solito lui vuole due collaboratori tipo Gregory Thil che è capace di ricoprire il ruolo sia di DT o DS ed un capo scout, lavorando con una struttura come questa sotto l’aspetto tecnico e scout), fa molto più gioco di squadra e lavoro nell’ombra, a volte facendo lui più lavoro ma non interessato a prendersi i meriti. Lavora gradualmente nell’ aumentare l’organigramma con figure chiave ben identificate anche per altri aspetti societari, perché il suo modello da quello che ho compreso punta a portare ad una crescita lenta ma costante delle società calcistiche che ha gestito, non solo per la rosa dei calciatori ma anche per i professionisti che lavorano per il club ed altro. Non è quindi uno sprovveduto come molta gente potrebbe pensare perché il mio amico mi dice che tutti al Lens per molti anni avevano fallito miseramente e l’ambiente era diventata una patata bollente che nessuno voleva prendere in mano per via di aspettative e pressioni molto elevate (promozione in Ligue 1) di cui anni prima i tifosi avevano aspettative da vittoria del campionato di Ligue 1 all’anonimato di una Ligue 2 ma con risorse economiche limitate, con soldi sperperati anni prima con mancate promozioni e quindi alcuni debiti.

    • Grazie Saverio, ci contavo su una tua informazione su Ghisolfi.
      Da come te lo hanno descritto hanno dato ottime referenze, auguriamoci che se sara’ con noi possa continuare la sua crescita professionale e far aunentare il nostro blasone.

  26. Se riuscirà a vendere Kumbulla, Belotti, Kardroop, Aouar e Abrham, gli faccio una statua a spese mie con sotto scritto:” IL vero eroa di Roma”.

    • Abraham ha segnato 26 reti solo in Serie A giocando poco più di un anno e mezzo. Io credo che il monumento lo meritino i tifosi della Roma che devono leggere questi commenti.

  27. Eppoi l’arrivo di un Ghisolfi (con Thil) potrebbe non precludere l’arrivo di una specie di DT che deve operare per operazioni interne per calciatori italiani o militanti in Italia tipo Burdisso. Ghisolfi non è un accentratore e potrebbe lui stesso richiedere un collaboratore italiano e lui con Thil occuparsi di tutto a livello internazionale. Se ad esempio dobbiamo fare arrivare 10 nuovi calciatori, gli italiani o calciatori che militano in Italia che arriveranno, saranno non più di 3-4 calciatori mentre gli altri verranno presi dall’estero (anche per una questione di costi, ingaggi e commissioni ed il vero salto qualitativo lo puoi fare se trovi il potenziale campione a basso costo (o condizioni accettabili) dall’estero).

  28. Questo col curriculum che si ritrova potrebbe fare tranquillamente il DS….dell’Atletico Focene.
    Dunque, niente di nuovo.
    L’era ammerrecana continua.
    Friedkin presidenti low cost, ve pjamo…..

  29. Povero de rossi essendo un tecnico novizio il buon senso vorrebbe affiancargli uno che conosce il calcio italiano e Massara che conosce anche la piazza sarebbe perfetto, invece se sarà questo si ricomincia con la solita storia del francese con poca esperienza che dovrà imparare pure l’italiano, sembra la fotocopia di pinto a sti friedkin gli piace complicarsi la vita

  30. Squadra sostenibile equivale a squadra da sesto posto. Se sarà lui è perché come Pinto e’ chiamato a far quadrare i conti del club i Ds italiani vogliono fare i Ds e basta e sanno bene che venendo a lavorare qui equivale a farsi fare a pezzi dai tifosi scontenti. Andando a informarmi po’ in giro sto tizio non ha mai preso fenomeni ma tutta una serie di giocatori mediocri. È palese che ai friedkin non frega niente di fare una Roma da Champions, vogliono una Roma low cost in attesa dello stadio.

  31. Bello che questi articoli che trattano di scelte societarie attirino i commenti di utenti almeno per i nick mai visti… a parte i soliti haters di mourinho (che diventeranno poi haters di de rossi alla prima occasione).

    Chissa come mai.

    • Sono meglio gli esegeti del bollito, felici per un sesto, un settimo e un nono posto, ve’?

  32. quattro anni di gestione friedkin gli unici due campioni arrivati Dybala a parametro zero e Lukaku in prestito che il prossimo anno non avremo più perché troppo caro per le nostre misere tasche, questo la dice lunga a chi stiamo in mano

  33. Qualcuno ha chiesto chi sono tali giocatori, chi non conosce Openda sarà il solito infiltrato che tifa altro che nemmeno segue le partite della Roma perché Openda è quello che in Conference contro di noi si era divorato un gol a porta vuota, era l’attaccante del Vitesse velocissimo che scartava i nostri giocatori come birilli e ci stava facendo stringere il c*lo ma poi al momento di segnare ci aveva graziato perché i piedi erano fucilati anche se con gli olandesi aveva segnato 37 gol in 88 partite.
    Il giocatore però finito prima al Lens ed ora al Lipsia ne frattempo è cresciuto, si è “sgrezzato” ed a quella velocità e tecnica di base, ha iniziato a segnare e prendere la porta come un cecchino, 21 gol in 38 partite col Lens nel solo campionato e 22 gol in 29 partite nella sola Bundesliga. Si è guadagnato anche 16 presenze nella nazionale maggiore del Belgio realizzando anche 2 gol.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome