Roma happy ending

60
3183

AS ROMA NEWS – E’ servito un altro finale dei soliti alla Roma per stendere l’Udinese, far esultare i 61mila dell’Olimpico e mettere un altro tassello importante nella rincorsa alle zone alte della classifica, ormai a un passo.

Il 3 a 1 di ieri sera permette alla Roma di raggiungere il quinto posto in solitaria e scavalcare in un sol colpo Atalanta e Fiorentina, oltre a staccare la Lazio di Sarri, sempre più in crisi. La vittoria di ieri è meritata, e ha mostrato a tratti anche una squadra più sciolta in campo, meno prevedibile nello sviluppo della manovra, e finalmente tornata a essere temibile sui calci piazzati.

Ed è infatti dal vecchio marchio di fabbrica che nasce il gol del vantaggio: piazzato di Dybala al bacio per Mancini che sul secondo palo si inserisce bene e di testa batte Silvestri. La Roma, galvanizzata dal vantaggio, gioca con maggior qualità e continua ad attaccare, ma costruisce poco per quanto potrebbe e non chiude i conti. L’Udinese, dal canto suo, non sembra essere pervenuta in campo.

Nella ripresa i friulani si svegliano, mentre la Roma rientra in campo troppo morbida e alla prima occasione Thauvin colpisce, complice una dormita di Spinazzola, timido nella diagonale difensiva. Mourinho capisce che è ora di cambiare, e rivoluziona la squadra. Una mossa che si rivelerà decisiva nel 3 a 1 finale. El Shaarawy e Azmoun danno più vitalità all’attacco, Bove più sostanza alla mediana.

Non è un caso se l’azione del nuovo vantaggio giallorosso è orchestrata proprio dai nuovi entrati: Bove verticalizza (finalmente!) per Azmoun, Sardar gioca di sponda per Lukaku che smarca Dybala, l’argentino controlla un pallone non semplice e poi non dà scampo a Silvestri. Nel finale poi è il Faraone a chiudere il match, servito bene da Bove per il suo classico destro a giro sul secondo palo che spegne le velleità bianconere.

La vittoria è netta e meritata. Il quinto posto in classifica ci regala una Roma apparsa più brillante rispetto alle ultime apparizioni, più convinta delle proprie forze e con maggiore qualità dalla metà campo in su. E anche la panchina comincia a diventare preziosa a partita in corso.

Il pubblico dell’Olimpico apprezza, e nel finale urla il suo sostegno a Josè Mourinho, che risponde con gesti chiari della mano. Altro messaggio inviato ai Friedkin. Ora la coppa, con la trasferta in Svizzera, poi domenica prossima la difficile trasferta di Sassuolo contro lo scatenato Berardi. Non ci sarà più un attimo di tregua. Vietato fermarsi.

Giallorossi.net – Andrea Fiorini

Articolo precedenteEL SHAARAWY: “Soddisfazione personale immensa. Vittoria importante per avvicinarsi alla Champions”
Articolo successivoI cambi decisivi, l’abbraccio col raccattapalle e l’ovazione dell’Olimpico. E’ la vittoria di Mou: “Grazie per il vostro amore”

60 Commenti

  1. Alla fine siamo sempre qui a commentare la stessa cosa: quando la squadra ha riposato è competitiva. Quando deve giocarsi quattro partite in due settimane, scoppia.
    La partita di jeri era molto insidiosa ma la qualità e la volontà della squadra ha fatto sì che non sfuggisse di mano. Non ho mai avuto dubbi sul fatto che avremmo vinto, nemmeno dopo il pareggio dell’Udinese. Tre punti fondamentali, e, anche qui, sempre a dire le stesse cose: bastava vincere il derby e adesso eri lì. Avessimo avuto i soldi per comprare Frattesi invece di dover rimediare il prestito di Sanches…

    Secondo e terzo goal veramente di ottima fattura, ma se volete vedere altri due “golazi” spero che non vi siate persi la Roma femminile a mezzogiorno, al Tre Fontane: partita difficilissima contro la Fiorentina, giocata dopo quella altrettanto dura di Champions e con la Juve che aveva vinto, ma quando hai calciatrici così… Che qualità, ragazzi! Se Rachele Baldi non ci metteva i guantoni l’anno prossimo sulle figurine Panini al posto di Piola ci mettevano Manuela Giugliano.

    Io di amarti non la smetto
    sei la squadra del mio cuor!

    • cambi azzeccati, oppure era sbagliata la formazione iniziale?
      bove in 10 minuti ha fatto di più di quanto pareds da inizio campionato.
      cristante e bove mi pare siano imprescindibili nel centrocampo di questa Roma

    • ma Paredes ieri ha fatto un lavoro di interdizione fantastico, perché devi aprì la bocca solo per dare fiato al tuo pensiero invece di guardare le partite con criterio? Bove è entrato al posto di Paredes ma nel ruolo di Pellegrini, semmai la differenza la fa avere un calciatore in più in attacco

    • Che bello leggerti: la Roma che abbiamo è la migliore delle possibili!! Io finché vedo applicazione, non mi lamenterò mai e la più grande garanzia, in questo senso, è l’uomo che abbiamo in panchina. Buon inizio di settimana a tutti.

    • @NastyMax
      “dare fiato al mio pensiero”, si chiama libertà di espressione, ed è alla base della democrazia. Nel piccolo, la sezione commenti su questo sito serve proprio a questo. Pensa che brutto sarebbe se tutti dovessero chiederti il permesso di esprimere il proprio pensiero, e scrivere solamente quello che piace a nasymax o su cui sei d’accordo, con commenti tutti omologati; non la leggeresti più neanche tu questa sezione commenti.
      Peraltro se paredes si è limitato a fare l’intenditore, forse c’è qualcosa che non va visto che in teoria dovrebbe fare il regista. ribadisco che a paredes preferisco bove come interditore ed incursioni, lasciando a cristante la cabina di regia.
      sono idee, pensieri, ognuno ha le sue convinzioni personali…tu critica pure i concetti, ma lascia che ognuno dica liberamente la sua

    • avranno fatto sta bella pensata: che c’è più grande de Roma? lazie! ecco, chiamiamoce lazie, così semo più de loro. c’avremo più de Roma, no? poi succede che er frosinone li scavalca. così non so più ne Roma ne lazie, ma uno sparuto fazzoletto de terra detto formellese. ahahahaha…gli sbiaditi! un plauso alla seconda squadra regionale, gli altro ormai non son nessuno.

    • si ho capito Ric ma allora é anche mia libertà di espressione dirti che non hai gli occhi e non hai visto la partita. dire “il cielo é verde” non é libertá di espressione

  2. Grande gioia, come tutte le volte che la nostra Roma vince. Ed è importante, almeno secondo me, che si stia utilizzando maggiormente la panchina, altrimenti è inutile disporre di una rosa di buona qualità e abbastanza ampia come quella giallorossa.

  3. Bella vittoria che ci fa scavalcare due diretti concorrenti ed arrivare a 3 punti dalla quarta.
    Buona Roma che ha vinto con la panchina. Bravi Mourinho nelle sue scelte anche se Pelle e Dybala e Paredes a mio avviso tutta la partita insieme è fatica.
    Ier8 Bove ha riequilibrio il centrocampo ed Elsharawy dato linfa alla fascia sx.
    Bella vittoria ma sarebbe bello soffrire meno..
    Su Spinazzola non concordo sul fatto che abbia commesso lui l’errore.. ho.visto un portiere ed un terzo difensore (si ne abbiamo 3) non fare nulla su un cross che attraversa l’area. Ndicka ormai è più un centrocampista aggiunto che difensore..

    • Ci vuole coraggio per dare colpa a N’Dicka sul gol di ieri… Complimenti!
      Stessa azione ieri sera in Juve-Inter con colpo di testa di Lautaro dalla stessa posizione. Due differenze: Lautaro era marcato meglio e Scesny (o come cacchio si scrive) non esce uguale, ma – giustamente – rimane sulla linea di porta a quel punto e la palla gli finisce in braccio comoda comoda. Ieri tra Spina e RP hanno fatto una roba inguardabile. Il difensore al centro non ci incastra proprio nulla, a meno di non voler a tutti i costi attaccare qualcuno solo per dare fiato alle proprie opinioni, ovviamente

    • L’attaccante lo marca chi lo vede davanti, non chi lo ha dietro, la diagonale serve apposta. Spina e’ rimasto fermo e si è fatto anticipare, succede, ma non puoi dare colpe ai centrali. Spina doveva guardare il movimento e opporsi, questo insegnano alle scuole calcio. FORZA ROMA SEMPRE

    • Mi dispiace ma per l’ennesima volta è colpa del Portiere, doveva uscire invece, come al solito… guarda la palla sfilargli davanti! Poi Spinazzola dove marcarlo meglio ovvio… ma Rui è proprio una pippa

    • Commento che è dimostrazione che il calcio in tanti lo vedono ma in pochi lo studiano. Difesa a tre, il braccetto di destra per dar supporto, a quel punto il centrale dei tre scala a destra, il braccetto di sinistra si piazza a centro area per gli inserimenti centrali e l’eventuale cross, a quel punto l’esterno di sinistra DEVE proteggere gli inserimenti sul secondo palo mentre l’attaccante di sinistra o il centrocampista di sx si sposta a coprire la fascia per eventuali inserimenti del terzino sulla ribattuta. Possiamo discutere sull’uscita del portiere (per me NON doveva uscire oppure andare deciso di pugno, anche se la seconda è una cosa che Rui non ha nel su repertorio classico) , ma sicuramente il secondo palo era di Spinazzola e Ndika non c’entra proprio nulla visto che il cross era troppo alto per lui. Comunque basta ragionare in modo semplice: se l’attaccante invece di girare in porta fosse riuscito solo a metterla in mezzo chi avrebbe dovuto difendere sul passaggio? Ovviamente Ndicka che si era piazzato correttamente proprio per evitare questa eventualità che non puoi escludere a priori.
      Il ragionamento di Asterix invece è a posteriori, cioè sapendo che il colpo di testa va in porta allora Ndicka averebbe dovuto prevedere che Spinazzola sarebbe stato dietro alìl’inserimento dell’attaccante e scalare di nuovo verso sinistra… A posteriori facile dare le colpe ma nell’azione le scelte fatte dai giocatori di movimento sono state giuste eccetto la posizione di Spinazzola che è dietro e non contrasta quasi per nulla.

    • Ciao Asterix.
      Abbiamo visto le stesse cose tranne su Ndika.

      Per il sottoscritto penso che le transoceaniche di Paredes e Dybala hanno inciso e non poco, Pellrgrini ha fatto cio’ che poteva al suo rientro, menyre Bove, Elsha, Sardar hanno dato il la alla vittoria.

      Per il sottoscritto la formazione dal primo minuto ha delle defezioni ma e’ da molto tempo che lo dico e questo atteggiamento tattico non produce velocita’.

      il gol preso purtroppo sia Rui che Spina ci sono sempre costate troppo le loro indecisioni, ma a Spina do appunto l’attenuante dell’atteggiamento tattico, ripeto per me sbagliato.

      Prima della gara sapevo che con la qualita’ della rosa potevamo gare la differenza e lo anche scritto, il problema e’ quando trovi avversari che ti aggrediscono prima della trequarti dove spesso la Roma palleggia con retropassaggi ed e’ li che prima o poi Mourinho dovra’ mettere le mani se vuole arrivare almeno quarto.

      Comunque tre punti sono sempre importanti, domenica il sassuolo gioca piu’ corto dell’udinese e sara’ una gara molto difficile da affrontare anche perche’ loro hanno piu’ qualita’ dell’udinese, pero’ lasciano molto spazio tra la linea difensiva ed il loro portiere, quindi partita di contenimento e contropiede, uno come Azomun domenica deve giocare dal primo minuto insieme a Elsha, riposo per Lukaku e Dybala che mi sembrano stanchi o giu’ di forma.

    • Erik971 pur sostanzialmente concordando sulla tua attenta ed esaustiva disamina del solito goal subito da parte di giocatore all’ altezza del palo o fascia sinistra e ferme restando le indiscutibili responsabilità di Spinazzola non posso non concordare anche con Asterix sulla almeno corresponsabilità di N.Dicka che per statura e la considerazione che il centrale di sinistra è lui, avrebbe quantomeno dovuto coprire su Thauvin. Eventuali rimesse al centro dell’attaccante potevano essere di competenza di lLorente. Un fatton è certo, che si voglia o no N.Dicka in area è alquanto poco reattivo sia in fase di contrasto sia in elevazione che in senso della posizione. Non è certamente il primo goal che sin prende così in questa stagione al contrario della scorsa dove in area soprattutto sulle palle alte Smalling e Ibanez giganteggiavano e questo è un dato di fatto.

    • Che bello questo sito pieno di allenatori con patentino di Coverciano..
      Divertente perché poi sono gli stessi esperti di calcio che su questo sito hanno esaltato l’arrivo di Kristansen, Vina, Celik vedendo in loro grandi qualità difensive ..
      Sull’azione del gol preso ieri è la medesima dinamica con cui prendemmo il gol contro il Milan con Celik che non marcò Leao nella diagonale (ed anche lì Mancini era “molto” vicino).
      Non so se negli schemi di Mou debba difendere l’esterno o il terzo centrale ma sicuramente lo schema non funziona.. e, guarda il caso, quando c’era Smalling lo scorso anno, di testa in quelle azioni interveniva sempre lui (o Ibanez).
      Tutte ste diagonali di Spinazzola o di Kasdrop/Celik/Zalewski (3 giocatori alterniamo sulla fascia dx siamo fortissimi!) onestamente non me le ricordo.
      @Max i condivido al 101% .. Patricio doveva uscire..
      @Cruiff concordo con tutto (salvo su Ndicka).
      Anche per me far partire dall’inizio Pellegrini e Dybala insieme dal 1° minuto è un rischio perché poi hai solo Belotti, Azomun o Elsha per cambiare ritmo.
      Meglio metterli quando l’altra squadra è stanca. Speriamo bene.
      Noi la rincorsa la dobbiamo fare contro il NAPOLI tanto abbiamo capito che i primi 3 posti sono blindati.

    • Ciao Asterix.
      Ho sempre sostenuto che la difesa a 4 da opportunita’ oltre che di copertura in transizione difensiva, oltre che, da velocita’ in transizione offensiva, se schierati nelle posizioni piu’ ideali sia Elsha che Zalew, (esterni offensivi) hanno gamba per fare catena con chi e’ alle loro spalle che a loro volta saranno piu’ lucidi in faze difensiva ed allinearsi ai due centrali difrnsivi in transizione difensivain moda da esaltare le caratteristiche loro ed essere utili per velocizzare i movimenti offensivi, ieri sera ne abbiamo visto una parte di quelle che sono le potenzialita’.
      L’esito di far giocare Zalewsky Elsha Azomun e Bove ha avuto uno sviluppo di velocita’ che e’ la loro qualita’ migliore.
      Poi per quanto riguarda Ndika che ha quasi sempre giocato in linea a 4, lui tende sempre a stare stretto sul compagno di reparto a destra perche’ spesso chi deve fare il lavoro del terzo centrale e’ il mediano davanti la difesa, in questo caso Paredes che non ha caratteristiche per coprire quel ruolo, ma le ha Cristante.
      (in questo ruolo De Rossi era un TOP).
      Poi se crei un equilibrio sugli esterni devi farlo anche in mezzo al campo.
      Come ho detto Cristante e Bove possono giocare da mediani, allora si che ti potrai permettere di avere in attacco Lukaku e Dybala, ma se vuoi schierare Pellegrini al fianco di Cristante……
      (quando Mou dice che Azomun non fa i movimenti difensivi dice una grande verita’).

      Appunto se schieri Pellegrini al fianco di Cristante metterai in sofferenza anche i due esterni offensivi e siccome dietro Zalewsky e El Shaarawi come sostituti hai il nulla a meno che non fai salire in prima squadra Cherubini e utilizzi Pagano come primo ricambio I Elsha e Zalew.
      il mio 4-4-2

      Svilar

      Kritensen Llorente Ndika Karsdorp

      Zalewsky Cristante Bove El Shaarawi

      Dybala Lukaku

  4. la nota migliore della serata per me è stato vedere come NON hanno iniziato a buttare palloni a caso in avanti nel momento in cui ha pareggiato l’udinese.

    al contrario di altre volte invece, hanno iniziato a macinare gioco, senza perdere la calma, e in 20 min scarsi, spezzettati mille volte da loro che si buttavano in terra, l’hanno rimessa in carreggiata.

    ottimo

    ❤️🧡💛

    • Concordo, spesso le reazioni a imprevisti sono state di “cuore”, stavolta sono state sì di cuore ma anche di testa.

  5. Partita dalle due facce.

    Primo tempo dove a parte il goal su calcio piazzato, molto bello, non abbiamo fatto un tiro in porta.contro.una udinese inesistente.

    Secondo tempo dove la partita si anima, con la squadra friulana che prende un po’ di coraggio per demeriti della Roma, per poi quest’ultima uscire negli ultimi 20 mi uti grazie alla qualità dei giocatori in campo e dei cambi finalmente.

    Siamo quinti, ma molto più vicini all’ottavo/nono posto che al quarto.

    Abbiamo giocato con una squadra che lotterà per non retrocedere e l’abbiamo sfangata nel finale.

    Felice perché siamo quinti, ma preoccupato per i soliti motivi.

    La partita in casa del Sassuolo sarà difficile, perché se giochiamo come abbiamo abbiamo fatto ieri,.perdiamo facile.

    Sono d’accordo con mou, strano, che questa squadra ha troppi alti e bassi, forse più bassi che alti vista la qualità della rosa e dal centrocampo in su ce ne è e anche tanta.

    Purtroppo però continuo a non riuscire a vedere questa squadra in Champions sia per la continuità che per il calcio espresso.

    Ma forse quest’anno basterà anche il quinto posto.

    Ora arriverà un periodo dove si decideranno le ambizioni della squadra.

    Ora bisogna crescere, è il momento di crescere.

    • Ogni commento… Un pianto! Se non riuscite a vedere il lato positivo neppure quando si vince chiedete supporto ad un buon analista!

    • tutte le squadre sono insidiose non solo il sassuolo che con empoli e udinese hanno fatto punti con le prime 4 di campionato
      “più vicini all’ottavo/nono posto”? a me in automatico viene da pensare che ieri abbiamo preso 2 punti all’inda e alla rubbe…🦉👎,anche dalla poltrona tifate la Roma che ne ha bisogno

    • la Roma gioca male ed è quinta.
      ora che comincia a dare frutti l’allenamento sugli schemi e, quindi, a giocare meglio,
      posssiamo pensare di insediare il quarto posto.
      certo che vedere sempre il bicchiere mezzo pieno è un esercizio che piace a molti di questo forum.
      Comunque, i tre gol sono tutti belli e io mi sono divertito.
      E Bove, antrando a squadra avversaria stanca, ha reso meglio.

      E infine…
      vederete che l’udinese darà filo da torcere a molte altre squadre…
      seguitela.

  6. Chi accusa Mourinho di non dare alla Roma “er ber giogo” dovrebbe avere un minimo di pudore. Ieri sera è andata in scena una vergognosa pantomima di calcio non giocato tra yuve e inter ,con un secondo tempo addirittura farsesco. Il giorno prima a San Siro il milan ,dopo aver usufruito del solito regalo arbitrale, si è difeso nella propria area di rigore con un catenaccio stile anni Cinquanta, eppure per queste due oscenità calcistiche andate in onda per turlupinare milioni di tifosi ,nessuno ha storto la bocca,anzi si sono sprecati solo elogi. Ieri all’Olimpico la Roma ha vinto e convinto ,prendendo 3 punti niente affatto scontati contro una formazione che nell’ultimo turno di campionato aveva espugnato il campo del milan.
    Lode a Mourinho quindi ,per aver azzeccato tutti i cambi e bravi tutti gli interpreti della partita. Una tiratona d’orecchi invece a tutti i finti romanisti del sito che si meriterebbero Ballardini in panchina.

    • Aggiungerei che il Milan e già al terzo eclatante regalo ,qui di quando si parla di non gioco zona Champions ci dovrebbero mettere anche dove saremmo oggi con tre aiuti forse secondi se non terzi ,un po’ come dire se invece del barbagianni inglese ci fosse stato un arbitro SERIO

    • Se si vanno a sommare tutti quei favoritismi ricevuti (sentenze d’assoluzione comprese) Milan. scazzie e rubens diventano automaticamente regine indiscusse del malaffare italiano!

    • Zenone applausi, volevo scrive qualcosa pure io ma m’hai preceduto su tutto

  7. Ieri la Roma mi è piaciuta, squadra con un buon atteggiamento nel primo tempo, organizzata e compatta, infatti l’Udinese non ha fatto nulla. Nel secondo tempo ci sono stati quei 10/15 minuti di blackout dove hanno pareggiato, ma da lì e con i cambi azzeccati da Mou, la Roma è tornata con l’atteggiamento giusto e la voglia di vincere la partita e così è stato. Vittoria meritata e magari affrontassero tutte le partite con l’atteggiamento di ieri. Bravo Mou che con qualche giocatore in più a disposizione ha fatto scelte giuste ed ha dato una sterzata alla partita. DAJE ROMA DAJE

  8. ma a me vincere così va più che bene. quello che non vorrei più vedere è la Roma timorosa e moscia del secondo tempo del derby. Dobbiamo rispettare tutti, ma nessuno deve farci paura. forza Roma

  9. sara’ un caso? esce Paredes entra Bove… e facciamo 2 gol…nn credo proprio. serve dinamismo e verticalizzazioni…altrimenti siamo troppo statici e prevedibili x nn parlare dello sterile giocarla….

    • Sì ma siccome hai il solo Bove con queste caratteristiche devi dosarlo altrimenti scoppia.
      Predes oltetutto ha fatto una buonissima pertita non solo in regia ma sopratutto in copertura. Le partite vanno giudicate nei 90 minuti e nei cambi, no è che siccome Bove ha giocato bene allora doveva giocar edal primo minuto, perchè magari facendolo invece avrebbe trovato più difficoltà. Oltretutto c’è da dire che la Roma giocava in modo diverso dopo i cambi avendo prima tre attaccanti e poi Bove spostato più avanti del solito, quasi a fare il lavoro di Pellegrini. Io ho visto impegno di tutti e consapevolezza, le giocate non riuscite del primo tempo comunque hanno stancato mentalmente e fisicamente l’Udinese e ad esempio Pellegrini ha fatto molto per stancar eilloro centrocampo posizionandosi in mezzo (ottima idea di Mou) e costringendoli a dover sceglier ese chiudersi in mezzo o liberare le fasce (sopratutto lato Spinazzola). I loro centrocampisti hanno dovuto fare molto più lavoro e si sono trovati molto peggio rispetto alle precedenti partite proprio pe rmerito della ROma e di Mou. Il finale è anche figlo di quelo che è succeso prima.

    • si ieri paredes ha migliorato nella fase di interdizione dove nn ha fatto entrate assassine a rischio espulsione come gli capita spesso. però paredes dovrebbe essere l’uomo del centrocampo che velocizza il giropalla, dosa i tempi della squadra e che verticalizzi al momento opportuno…ecco paredes nn è qsto, gode di una stimma a me incomprensibile, rallenta il gioco è falloso al limite della provocazione. diciamo che a mio avviso nn è adatto a qsto centrocampo con Cristante vicino. la Roma deve aumentare i giri proprio lì

  10. Confermo ciò che ho detto in altro intervento, ieri è stata finalmente una partita piacevole con tanto sano agonismo e buone trame.
    Il gioco più fluente, ma ancora un Lukako poco e maluccio servito (malgrado questo è stato forse il migliore in campo) e poche finalizzazioni.
    Per fortuna qualcuno si è accorto che i cambi non si fanno all’ottantesimo minuti ma, se necessari, a inizio secondo tempo.
    Magari si accorgerà anche che una Roma più “azzardata” davanti rende il doppio, i campioni li abbiamo in attacco.

    • Tranquillo che se n’è già accorto.
      Resta da trovare l’equilibrio per “azzardare” di più, sennò invece che con la zona CL ti ritrovi con la solita nassa colma di cefali tiberini.
      Il coraggio, senza il supporto della ragione, è solo stupida arroganza.
      Occorre trovare un assetto stabile, poi i Campioni la partita te la risolveranno.
      I problemi insormontabili sono quelli che ti ritrovi quando i Campioni non ce l’hai e invece hai un tronfio squilibrato in panca che pensa di aver reinventato il calcio e risolve tutto lui.

  11. Continuo a pensare che le caratteristiche della rosa siano valorizzate maggiormente quando si attacca che quando si difende. Bastano i nomi degli attaccanti e dei difensori per capire questo concetto elementare. Ieri nel primo tempo (solito gioco cincischiato con interminabili passaggi tra difensori e centrocampisti) abbiamo avuto pochissime occasioni e il golletto su calcio piazzato. Nel secondo, nel quale si è deciso di attaccare, si è visto tutto il potenziale di altissimo livello (e spesso ahimè inespresso) delle bocche da fuoco. La cosa positiva di ieri è stata la qualità delle giocate che, a differenza di altre volte, è stata generata da giocate di prima, esterni che si sovrapponevano e saltavano l’uomo, corsa senza palla. Cioè quello che andrebbe fatto sempre…

    • Concordo.
      La Roma gioca meglio con 3 punte.
      Questo perché Dybala è facilmente annullabile se marcato stretto e Lukaku è costantemente raddoppiato.
      La terza punta gode a questo punto di maggiore libertà (vedi Azmoun ed Elsha) e anche se viene presa in consegna dalla difesa avversaria automaticamente Lukaku diventa maggiormente pericoloso perché non viene più raddoppiato.
      Per non perdere equilibrio in mezzo al campo, volendo schierare 3 attaccanti, io manterrei il centrocampo a 3 e mi disporrei a 4 dietro.

  12. È vero che Paredes ha recuperato tanti palloni ma non verticalizza mai non fa mai un cambio di gioco non riesce mai a far ripartire l’azione velocemente sempre i soliti tocchetti elementari per me è una delusione

  13. Chi critica Paredes capisce poco di tattica, ieri credo ( finché ha potuto) ha fatto la miglior partita da quando è a Roma , sempre presente in ogni zona del campo, sbagliando qualcosa è vero, ma sempre pronto ad aiutare difesa e centrocampo, a me è piaciuto, poi mettiamoci che lo possiamo intercambiare con Bove o Sanches (se sta bene) allora ecco la vera forza della squadra

  14. OT. Pedro su Sarri:”…spero che possa rimanere qui per tanto tempo perché lui può far fare il salto alla squadra. …”
    Si, il salto. Dalla Rupe Tarpea o dal Ponte di Ariccia?

  15. I numeri alla fine parlano chiaro. Con l’Udinese 65-70% di possesso palla, tanti tiri, tanti corner. Nelle ultime sette partite siamo da scudetto, terzi per reti segnate; escludendo le prime tre partite (senza Mou in panchina e senza Lukaku) saremmo già al terzo posto.

  16. Sarebbe arrivato il momento di dare un po’ di continuità ai risultati positivi..e allora sì che ci sarebbe la svolta..andiamo a vincere a sassuolo, facciamo in modo che i soliti berardi e pinamonti non facciano i protagonisti con noi come al solito. Con i caciottari poco tempo fa il sassuolo non scese praticamente in campo, ecco cerchiamo di non farli scendere in campo nemmeno noi.

  17. La gioia di questa vittoria, ottenuta anche o soprattutto per la sagacia nei cambi di JM, supera le polemiche sempre sostenute con i denigratori del lavoro del Mister ed in particolar modo, ora che si stanno raccogliendo i frutti di questo suo impegno, credo sia più giusto ignorare questi utenti di poca fede, lasciandoli nel torto di quanto hanno sempre sostenuto. Come diceva un Grande anche se si sentiranno assolti sono per sempre coinvolti.
    Forza Roma

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome