Roma, il nuovo ds sarà annunciato la prossima settimana. Stop ai prestiti: cambia la strategia sul mercato

64
1402

AS ROMA NEWS – Daniele De Rossi ha già tracciato la nuova via della Roma sul mercato parlando ieri in conferenza stampa: il tecnico chiederà giocatori di gamba, dinamici, che sappiano puntare e saltare il diretto avversario.

A dargli una mano sarà ovviamente il prossimo direttore sportivo, la cui identità non è stata ancora rivelata ma che molto presto sarà resa nota al popolo romanista. Il momento della verità sta per arrivare: secondo La Repubblica, l’annuncio arriverà la settimana prossima. Si va sempre più verso una figura che dà del tu agli algoritmi e al modello in stile Bayer promosso da De Rossi.

La strategia, aggiunge la Gazzetta dello Sport, è già stata delineata, a cominciare dallo stop al ricorso esasperato ai prestiti: dalla prossima estate saranno al massimo 2 o 3. Si punterà ad avere giocatori di proprietà per creare valore e senso di appartenenza. I giocatori di proprietà, infatti, non solo contribuiscono ad aumentare il valore totale del club, ma si sentono maggiormente legati alla causa.

Per quanto riguarda la portata degli investimenti, molto dipenderà dalla conquista della Champions League: se la squadra centrerà l’obiettivo, il prossimo direttore sportivo punterà sull’acquisto di 3-4 giocatori che siano in grado di fare la differenza fin da subito. Che siano pronti, insomma, anche per garantire una certa competitività a livello europeo.

Se invece la Roma dovesse giocare ancora l’Europa League allora la scelta cadrà su dei profili diversi: giocatori giovani, con voglia e fame agonistica, in grado di essere valorizzati sotto la gestione di De Rossi.

Fonti: La Repubblica / Gazzetta dello Sport

Vuoi essere sempre aggiornato sulle ultime notizie della Roma sul tuo cellulare? Iscriviti subito al canale Whatsapp di Giallorossi.net!

Articolo precedenteDybala, spunta la clausola del rinnovo fino al 2026 con la Roma: ecco come può scattare
Articolo successivoCalciomercato Roma, pronta l’offerta del Chelsea per Osimhen: al Napoli 90 milioni più Lukaku

64 Commenti

  1. cambia la strategia sul mercato
    Stop ai prestiti

    avrei preferito leggere stop alle mezze seghe e ai tappabuchi, si prenderanno solo giocatori forti e congeniali alle idee del Mister.
    Poi, che arrivino in prestito, a parametro 0 o in altra modalità, sinceramente non mi interessa granché.

    Grande curiosità per il nuovo DS.

    • kawa62l,aspettiamo e vediamo che credere alla gazzetta mi sembra na follia,la cosa che mi auguro è che la roma trovi un ds all’altezza dell’aspettative.. perchè negli ultimi anni è stato un disastro,pinto avrei voluto vederlo anche per il prossimo mercato.. ritengo fondamentale la figura del ds quindi anche io ho grande curiosita nel sapere chi sarà.

    • Grande attesa per l’annuncio ma soprattutto dalle sue prime mosse.
      Dal prossimo DS mi attendo due esterni che giochino nel campionato italiano.
      Non chiedo Theo Hernandez o Di Lorenzo.
      Mi basterebbe Bellanova o Ruggeri.
      Anche pescare dal centrocampo della Fiorentina o del Napoli non sarebbe male.

    • Essere arrivati a maggio e ancora non avere un ds quando meta dei giochi iniziano a febbraio per me è cmq una pecca della società , poi se faranno una squadra forte mi metto sui ceci e chiedo perdono , ma navigo in questo mare da tanto tempo e ne ho viste di cotte e di crude e resto convinto che prima che esulto nuovamente per un trofeo passeranno altri begli anni e lo dico oggi in tempi non sospetti , 2 anni al max e vedrete che si dirà di Daniele , salvo il post e ne riparliamo .
      La colpa è solo dei Muti come era di Sensi e di Viola prima che vincessero allestendo una squadra frantuma avversari , il pesce puzza sempre dalla testa.

  2. Di giocatori non ne servono solo 3-4 per poter competere in Champions ed in campionato, ne servono molti di più, ma ovviamente i soldi per prenderne tanti non ce l’hai. Allora quale è la soluzione? Non certo l’algoritmo che non ti scoverà i campioncini a poco prezzo sparsi per il mondo, io dire il buon vecchio algoritmo del Fumante dei Giuntoli e dei Sartori: ne devi magnà de calcio!

  3. Basta che finalmente si conosca sto ds! Io l’ho sempre detto: avrei preso Massara o in alternativa, Burdisso! Basta maghi e profeti abbiamo già dato. Dei prestiti riscattate solo Angelino e Llorente! Vendere l’olandese subito, poi Shomurodov, Belotti, Solbaken, riprendere Darboe e Kumpulla! Poi se ha una buona offerta, vendere Smalling! Io andrei a prendere un giovane portiere che secondo me è’ piu’ forte di Donnarumma in prospettiva, e’ Esposito del Campobasso, 20 anni ma ha dimostrato quest’anno tutto il suo potenziale! Lo lascerei in prestito ancora lì per due anni e poi avremmo il portiere per 15 anni! Acquistare un terzino destro e cercare di far restare Spinazzola ad ingaggio ridotto poi sempre con ingaggio ridotto chiederei a Rui se fa il secondo, non fa polemica, e’ serio e in emergenza può’ essere utile! In ultimo, io riscatterei anche Azmoun!

  4. Ammazza quante novità mai sentite.
    Il titolo poteva essere “Veloce riassunto dei luoghi comuni e delle frasi banali”.

    Addirittura con la CL e quindi un fatturato maggiore avremmo più margine di spesa,
    senza meno.
    Avranno fatto un colpo di telefono al FMI prima di scrivere dai.

  5. Mamma mia quante caxxate in poche righe!
    Già la sparata sull’annuncio nella prossima settimana ricorda la stessa “notizia” buttata nel mucchio a gennaio.
    Come se non bastasse, arriva pure la certezza della figura “che dà del tu agli algoritmi”, quindi non prenderemo un DS bensì un ingegnere del software.
    Per poi proseguire con la stupefacente banalità del modello Bayer “promosso da De Rossi”, la moda del giorno così come lo era “il modello canterano” all’epoca di Luis Enrique.
    E si finisce col botto della previsione di 3-4 giocatori che “faranno la differenza fin da subito” in caso di qualificazione Champions, che diventano “giocatori giovani” in caso di permanenza in Europa League.
    Ritorno alla lettura di Alice in Wonderland, qualcosa di ben più realistico…

  6. “Giocatori di proprietà” con il fpf sono una chimera almeno che non vendi e compri. Non è cambiato nulla e non cambierà per i prossimi 3 anni.

  7. Sartori neanche sa cosa sono gli algoritmi , manda i suoi osservatori a visionare i giocatori poi , ci va lui di persona , più volte e mi sembra che i risultati si siano visti in tanti anni di lavoro . Pinto è ” fuggito ” perché sapeva cosa lo aspettava a giugno , un mercato senza soldi e con tanti giocatori da sostituire perché torneranno alle squadre di appartenenza .

    • pinto è fuggito, perche’ non in grado. ma questo non lo abbiamo scoperto il 3 febbraio, ma gia’ da tre anni.

    • scegliere i giocatori con l’algoritmo ma te rendi conto a che punto siamo arrivati co questi? mi auguro sia una cazzata altrimenti poveri noi

    • Fosse vero siamo alla frutta. Si ostinano a non metter dentro gente che sappia di calcio, dirigenti di provata esperienza, fanno errori su errori. Spero tolgano il disturbo quanto prima.

  8. del mercato, rinnovi ecc se ne sta già occupando da tempo la souloukou la CEO che é molto stimata a livello internazionale, a breve verrà ufficializzata una figura che già sta collaborando da tempo .. per quanto riguarda il mercato si prenderà gente sugli esterni che corre e salta l’uomo, il nome di un obiettivo è già uscito da tempo che è quello di chiesa.. interverranno sia sui terzini che sulle ali. se vai in Champions non ci sarà bisogno delle plusvalenze sui titolari basterà vendere i vari Bellotti , shomurodov, darboe considerato che in questo bilancio rientra anche la cessione di Ibanez; senza Champions potrebbero cedere ndicka o bove che sono il calciatori che garantiscono la plusvalenza più elevata, 30/35 il primo e 15/20 il secondo… zalewski non te lo prende nessuno e svilar mi auguro che ce lo teniamo stretto….. ma intanto facciamo di tutto per raggiungere gli obiettivi di questa stagione poi si vedrà!!!!

    • belotti shomurodov darboe karsdorf abram ma ancora non avete capito che li devi pagare fino a fine contratto sono invendibili

  9. che poi DDR ha detto che vorrebbe gente di gamba …e ha fatto l esempio del Leverkusen….nn credo gli freghi del modello, anche perché quel modello li farebbe il 90% dei romanisti anche senza conoscere i tedeschi
    sono almeno 2 anni che dal mercato chiediamo per migliorare 2/3 esterni un almeno un centrocampista box to box…e qualche riserva di livello
    forse con Svilar abbiamo risolto un ruolo a zero

  10. Siamo già abbondantemente in ritardo sul mercato.
    Specie considerando le operazioni che andranno concluse entro giugno per sistemare il bilancio.
    Chiunque arrivi avrà un compito arduo e il poco tempo a disposizione di certo non lo aiuterà a limitare gli inevitabili errori di valutazione.

  11. Ancora con questo algoritmo ci vuole gente competente che sappia di calcio e vada a visionare i calciatori sul campo ma soprattutto la conferma di Lukaku in avanti due esterni difensivi sx e dx due centrocampisti di qualità e di gamba ed un esterno veloce che salti l’uomo per darti superiorità ma soprattutto serve VINCERE STASERA

  12. ho letto prima la fine dell’ articolo e quando ho visto che erano firmati la repubblica e Gazzetta dello sport ,ho capito subito che sono tutte minchiate scritte a caso tanto per riempire qualche riga .
    FORZA ROMA SEMPRE!!

  13. se non si centra la Champions vai coi giovani per arrivare dove? in Europa League pure il prossimo anno e il prossimo ancora e così via? ma per favore

    • Ma se ci pensi sono le stesse cose dell’era Monchi! Anche lì si doveva puntare su giocatori di proprietà da far crescere con Di Francesco. Su giovani o giocatori funzionali. Raga’ ma di che parliamo servono soldi o sponsorizzazioni di primissimo livello. Stanno tagliando i costi. Noi andiamo a cercare i modelli per ripeterli senza sviluppare quelle strutture li. È un perenne anno zero. Direttore sportivo che da del tuo agli algoritmi, fosse vero prendessero una figura tipo analista finanziario. Che tristezza.

  14. Per me l’operato i Pinto è stato semifallimentare. Ma dico Pinto perché era lui, il front man della band… in realtà, se non gli davano soldi e anzi gliene chiedevano… le sue colpe sono molto relative.
    Questo almeno per gli ultimi due mercati, perché gli shomurodov i vina il rinnovo a karsdorp i sanches sono farina del suo sacco.

    E allora sul nuovo DS ho poche aspettative, perché non sarà uno riconosciuto come “bravo”, ma eventualmente una promessa… uno che anche se sa che verrà qui senza soldi, ci viene lo stesso perché è una piazza importante che lo metterà sotto i riflettori.

    A monte c’è sempre il problema di che vogliono fare i Friedkin da grandi. Vogliono costruire una squadra che vince qualcosa o vogliono vivacchiare dentro i limiti del fpf fino a che non fanno lo stadio e vendono il pacchetto?

    Il resto è solo fumo negli occhi… come l’allenatore top, i prestiti di vecchie glorie e cose del genere…

  15. Vediamo secondo me la squadra non va stravolta ma vanno presi degli esterni bassi buoni. Ho visto l’altra sera Bellanova del Torino e ci farei un pensierino

    • puoi farci tuti i pensierini che vuoi, ma per prendere uno come Bellanova il signor Cairo ti dice: i want Big money! big money, understand? i Bellanova vanno scoperti prima che si affermino in serie A

  16. Tutte le società Europee usano gli Algoritmi..

    Usare e una cosa, scegliere solamente attraverso gli algoritmi e pura follia..

    L’algoritmo ti dà delle possibilità in un mondo enorme pieno di calciatori.. Poi gli osservatori vanno ad osservare, visionando più e più partite..

    La Roma in questi anni non ha mai usato gli algoritmi.. Se così fosse.. Non avresti preso ne Aouar, ne Kristensen, ne Sanches ne Paredes ne Llorente.. E neanche Svilar..

    L’algoritmo ti da una base sul quale poi gli osservatori devono lavorare.. Questo è..

    Ma ormai il giornalista scrivendo cose tipo.. “Si prenderà un ds che lavora con gli algoritmi”.. Fa infuriare il tifoso.. Il giornalista prova a fare due cose.. Far sognare.. È far arrabbiare.. Giocano sulle emozioni.. Questo fanno..

    Anche raccontando balle su balle.. Visto che secondo i loro articoli il Ds sarebbe stato annunciato a febbraio.. Con un articolo simile a quello che leggiamo oggi..

    Il Ds è certamente una figura importante.. Ma io spero di vedere anche una nuova squadra di osservatori.. Un capo scout diverso.. Uno capace..

    Per essere chiari, il Ds si espone più degli altri.. Ma dietro c’è un lavoro di squadra.. Un buon Ds e tale perché dietro ha anche un ottima squadra..

    Alla Roma questa squadra tra capo scout e scout e mancata..

    Forza Roma

  17. Come al solito, chi scrive sui giornali ha a malapena imparato (e male) a leggere un grafico durante la pandemia, e ancora deve capire in che verso si scrive “algoritmo”. Lì, poi, parte la marea di braccia al cielo indignate delle “signora mia dovre andremo a finire, questi sono scienziati pazzi”. Beh vi lascio una perla da chi ci lavora con questi algoritmi: non decidono un tubo, fanno solo calcoli probabilistici su parametri e dati iniziali. Chi li decide i parametri? DS ed allenatore. Chi li produce i dati? Scout e compagnia. Per quel che vi interessa, pensatela come la macchina del gelato: VOI scegliete i gusti, il GELATAIO sceglie gli ingredienti e la macchina si limite a fare il gelato. Migliora il gelato se cambi la macchina? Insomma. Può essere un po’ più precisa, ma il gusto non ne risente molto, perché dipende fortemente dagli ingredienti. Sicuro una macchina migliore evita guasti e gestisce più ingredienti senza rovinarsi, ma si ferma lì. Senza contare che il gelataio SA COSA FA la macchina, o non riuscirebbe ad usarla. Tornando agli algoritmi, ancora una volta: non vi fate infinocchiare! Conta maggiormente il PROCESSO (che lo fanno le persone) e solo limitatamente l’ESECUZIONE (l’algoritmo).

  18. Per arrivare dove? Per aspirare a cosa? Qui non si arriva mai da nessuna parte. Gli americani hanno fallito, si è quasi sempre annaspato senza entrare in Champions e continuano a passare i decenni vedendo gli altri vincere, io spero solo nella cessione della società perché non credo più in una società silente che non ha saputo farci fare davvero il salto di qualità. Pensare di avere visto il Milan (gestito da fondi fantasma) risalire la china sino a vincere lo scudetto (seguito poi dal Napoli di De Laurentis) da la misura del fallimento di una società che non c’ha mai fatto vedere neanche la zona Champions.

    • sei stato perfetto, vedi tu sei uno di quelli che guarda la luna (il vero problema sono gli americani) e non il dito che punta alla luna, bravo.

  19. Svilar
    Celik Mancini Ndicka Spina
    xxxxx Paredes xxxxx
    Dybala Pellegrini
    Abraham

    Essendo realisti mi accontenterei di 2 centrocampisti dinamici accanto a Paredes spostando Pellegrini più avanti….rinnoverei 1 o 2 anni Spina e terrei Angelino, a destra prendere una riserva di Celik e in genere qualche altro buon panchinaro….

    • Cioé metteresti Celik e Abraham titolari? Se dobbiamo puntare in alto serve sì centrocampo forte e di qualità, ma una punta che la butti dentro. Per puntare in alto servono acquisti di livello e non mezzi ripieghi.

    • A.S.R. sono d’ accordo con te però ho premesso che bisogna essere realisti in termini economici, andare a prendere oggi 4 titolari tra cui un centravanti significa investire 100 milioni che non ci sono anche perché dalla cessione di Abraham ci fai poco visto che è stato a lungo infortunato

    • Personalmente tratterrei soltanto Llorente e Angelino riscattandoli a 5 milioni entrambi. Poi a zero ci sono giocatori del calibro di Hermoso, Juan Miranda, Guido Rodriguez e Rafa Silva che non li sdegnerei in nessuna maniera con i “ma per favore” dei lagnosi per arricchire la squadra di giocatori di livello.

      Poi bisogna chiaramente accompagnare questi giocatori con qualche giovane tipo Prati del Cagliari che DDR conosce bene attraverso l’esperienza con la Spal e ci sono Debast e Arnau Martinez in scadenza 2025 prendibili a cifre accessibili.

      In attacco vedendo che tra le punte Lukaku e Abraham non brillano e che difficilmente resteranno per tanti motivi e che Azmoun con tutto il bene che posso volergli sembra come Belotti: tanta tigna che piace ma poco incisivo, ci sta Guirassy che ha la clausola rescissoria di 17,5 milioni e c’è anche Marc Guiu in scadenza 2025 prendibile con un prezzo accessibilissimo. Se lo prendi quest’ultimo ci assicuriamo un potenziale crack per gli anni a venire in attacco visto che il Barcellona coi giovani ci vede sempre benissimo (vedi Yamal).

      Zalewski difficilmente lo puoi vendere ma ci penserei 2 volte prima di venderlo vista l’età giovane del giocatore a meno che non si voglia lanciare Cherubini dalla primavera.

      Poi metterei Mastrantonio come secondo portiere ma ancora meglio sarebbe avere Falcone come secondo che può fare staffetta con Svilar.

      Quindi direi che la formazione della Roma per la prossima stagione sarebbe questa:

      Portieri: Svilar, FALCONE, Mastrantonio

      Difensori centrali: Mancini, Ndicka, Llorente, DEBAST

      Terzini sx: Angelino, MIRANDA

      Terzini dx: ARNAU MARTINEZ, Celik

      Mediani: GUIDO RODRIGUEZ, PRATI, Paredes

      Mezzali: Cristante, Bove

      Trequartisti: Pellegrini, Pisilli

      Ali/seconde punte: Dybala, RAFA SILVA, El Shaarawy, Baldanzi, Zalewski (Cherubini)

      Punte centrali: GUIRASSY, MARC GUIU

      Serve sicuramente prima avere un ds ma penso che questa rosa possa funzionare molto per la rosa di DDR in rapporto qualità/prezzo e per il modo di giocare degli interpreti nelle rispettive squadre dove si trovano e delle loro condizioni contrattuali.

  20. Le strategie di mercato si possono fare solo se la squadra vince ma questa da anni fa l’elastico quindi e’ giusta l’analisi questa volta della societa’ anche per il famoso far play gliela aveva detto Mou ma non lo hanno ascoltato certo per loro la priorita’ e’ la CL ma ti devi presentare con giocatori di sicuro valore e giovani che devono sfondare con la fame. Prossimo anno si presume una Roma veloce tre tocchi e in porta spero !! Scusate ma ha me piace vincere sempre.

  21. proverei a prendere il centravanti ucraino del Girona per sostituire Lukaku mi ha impressionato anche se essendo capocannoniere della liga non credo lo regalino. Bernardeschi non lo scarterei potrebbe avere voglia di riscatto.

  22. Positivita’: nulla potra’ essere peggiore di Monchi e Tiago Pinto. Nulla. nemmeno se cercate in un altro pianeta.
    ma che si faccia uno scouting serio. No algoritmi e mercatini. Grazie

  23. Liedholm sceglieva i giocatori aiutandosi con l’astrologia .. Negrisolo e Maldera sono stati una sorpresa per tutti ma il rendimento fu eccezionale .. DDR mi sembra possa dare un grosso contributo suggerendo nomi di giocatori adatti al gioco che vuole fare che mi sembra davvero interessante .. spero il DS non sia uno che si affida solo agli algoritmi .. ma ho una certa fiducia nei Friedkin e in DDR .. daje Roma ..

  24. Essere arrivati a Maggio…… magari verrà ufficializzato qualcuno che già sta lavorando per la Roma !!!
    Cerchiamo di essere fiduciosi perché non mi sembra la proprietà esattamente una banda di improvvisati !!
    SFR

    • a no? l’unica squadra professionista ad non avere un ds è la asroma e non ti sembrano sprovveduti?
      un presidente che esonera uno dei migliori allenatori al mondo (al quale non hai diritto nemmeno di allacciargli le scarpe) per prendere uno che non ha fatto 1 solo giorno di esperienza lo chiami sprovveduto.
      “namo bene namo”!

  25. Sartori come DS facendo qualsiasi cosa per prenderlo, è stato il valore aggiunto prima a Bergamo e poi a Bologna. E’ l’Adrian Newey dei DS

  26. …………..SVILAR
    …………..MASTRANTONIO
    …………..BOER
    ……MANCINI….. NDIKA
    ……LLORENTE….MINA
    TOLJAN………………GALLO
    DEL PRATO………….ANGELINO
    …………….PAREDES
    ………BOVE – FOLORUNSHO
    LAURIENTE’ …………POLITANO
    NDOJE…………………ZALEWSKI
    ……DYBALA…….SAMARDZIC
    ……BALDANZI…PELLEGRINI
    ……………..KRSTOVIC
    ……………..PINAMONTI
    ……………..AZOMUN

  27. PORTIERI: SVILAR, MASTRANTONIO, BOER.

    DX BASSO: TOLJAN, DEL PRATO

    SX BASSO: GALLO, ANGELINO

    DIF. CENTALE DX: MANCINI, LLORENTE

    DIF. CENTRALE SX NDIKA, MINA

    REGISTA MEDIANO: PAREDES, BOVE, FOLORUNSHO.

    CENTR. DX MEZZALA: LAURIENTE’, NDOJE

    CENTR. SX MEZZALA: POLITANO, ZALEWSKI

    TREQUARTI SX: DYBALA, BALDANZI

    TREQUARTI DX: SAMARDZIC, PELLEGRINI

    PUNTA: KRSTOVIC, PINAMONTI, AZOMUN.

  28. Patrimonializzare …….
    Quante volte negli ultimi 3 anni ho invocato investimenti ed invece il nostro Pinto spendeva per giocatori in prestito oneroso ed ingaggio pesante e quando comprava cartellini faceva buchi nell’acqua.
    Pagare a un giocatore noto l’intero ingaggio per un anno + il prestito oneroso e le commissioni significa spendere 6-8 ml lordi: con quella cifra, se hai uno settore scouting all’altezza, paghi il cartellino e l’ingaggio a un giovane di qualità.
    Sui parametri zero invece ha fatto tutto sommato un buon lavoro se consideriamo che al netto di affari poco brillanti come Belotti, Aouar e Solbakken, ha preso Dybala, Elsha, N’Dicka e Svilar.
    Ma a prescindere da chi sarà il nuovo DS mi conforta il fatto che ritengo Daniele più bravo di Fonseca e Mourinho nella capacità di giudicare il valore di un calciatore. D’altronde lo era anche da giocatore quando ad esempio dopo una gara con l’Empoli consigliò il semi-sconosciuto Bennacer alla nostra Dirigenza.

  29. svilar bellanova mancini ndicka spinazzola, cristante paredes anguissa, colpani dybala lukaku…. con questi 11 e una buona panca si lotta per campionato e coppa

  30. Prima di arrivare a delle conclusioni pare opportuno, data la complessa delicatezza del tema trattato partire da alcune premesse. 1.In considerazione delle recenti manovre patrimoniali operate dalla dirigenza capitolina, è imprescindibile sottolineare l’importanza di un’acuta perspicacia nell’ambito del mercato calcistico. La strategia di investimento, che si è concretizzata nell’acquisizione di giocatori mediante la formula del prestito oneroso, si palesa come una duplice lama di Damocle, pendente sul capo della sostenibilità economica del club. 2.La normativa del fair play finanziario, introdotta dall’UEFA, impone alle società calcistiche di perseguire un equilibrio economico, ove le spese non eccedano i ricavi, escludendo dal computo investimenti infrastrutturali e nel settore giovanile. Tale disposizione mira a prevenire l’accumulo di debiti insostenibili, garantendo la solidità e la continuità delle istituzioni calcistiche.
    Nel contesto specifico della AS Roma, è chiaro quanto la gestione operata dall’ultimo Direttore Sportivo, il signor Pinto, e la recente nomina della signora Lina Souloukou come amministratore delegato, delineano un quadro di transizione verso una visione più lungimirante e strutturata. In particolare la Souloukou, con un passato nell’Olympiakos e una posizione di rilievo nell’Executive Board dell’ECA, incarna l’ideale volontà di una dirigenza che coniuga competenza legale e acume gestionale, essenziali per navigare le acque tumultuose del fair play finanziario. 3.La scelta di investire in talenti emergenti, piuttosto che gravare il bilancio con ingaggi onerosi e prestiti gravosi, si configura come una mossa astuta e obbligata, che potrebbe fruttare benefici a lungo termine, sia in termini di plusvalenze realizzabili che di performance sportive. 4.La capacità di discernere il valore intrinseco di un calciatore, da poter valorizzare in orizzonte futuro, come dimostrato dalla acquisizione del giovane Mister Daniele De Rossi, sia in veste di giocatore che di tecnico, è un’arte che trascende la mera analisi numerica, radicandosi in una profonda comprensione del gioco e delle sue dinamiche. 5. La diversificazione dell’asse borsista sul piano della comunicazione e del marchio attraverso l’uso della ricapitolazione del titolo nel medio termine secondo l’indice di mercato borsistico per una chiusura operante sul break point di investimento realizzato assicura la tenuta del patrimonio calcistico.
    In conclusione, l’approccio patrimoniale adottato dalla dirigenza romanista, sebbene non esente da critiche, rimane soddisfacente e orientato verso una gestione oculata e prospettica, in linea con i dettami del fair play finanziario e con l’obiettivo di consolidare la competitività del club nel panorama calcistico internazionale. Inoltre non è neppure velatamente produttivo provare a ridurre la complessità e la profondità richiesta nell’analisi della situazione patrimoniale e dirigenziale della AS Roma a una mera infruttuosa caccia alla lepre, colpevole solo di non darsi alla fuga dopo i primi botti di fucile. Ma per certo rimane un diffuso sport nazionale. Chi comunque trova divertente sparare bossoli nel prato, si ricordi che non siamo a settembre. Ossia la caccia è ancora chiusa. Per buona pace degli estremisti semplificatori. SFR

    • ma hai capito do stai a commentà? vai bella sui siti 24 ore e compagnia… Nun c’è casca nessuno….vai bella vai…..

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome