Roma, occasione Champions

38
1971

AS ROMA NEWS – Questo pomeriggio a Marassi la Roma sarà obbligata a vincere per non perdere il passo delle prime della classe: il turno di campionato, che si concluderà oggi con i giallorossi in campo alle 18:30 contro la Samp e poi con Lecce-Fiorentina, ha visto infatti trionfare tutte le big.

Le uniche squadre che si sono tolte punti a vicenda sono state Lazio e Udinese nello scontro diretto di ieri, terminato sullo 0 a 0. Un risultato positivo per la Roma, che passando oggi sul campo dei doriani scavalcherebbe entrambe le avversarie, piazzandosi di fatto al quarto posto in classifica. 

Per questo la sfida di oggi è di grande importanza per Pellegrini e compagni. La Sampdoria sulla carta non è un cliente particolarmente scomodo: i doriani sono partiti malissimo, tenendo un ritmo disastroso, con appena tre miseri pareggi (due dei quali però ottenuti contro Juve e Lazio, proprio tra le mura amiche) e sei sconfitte, un ruolino che è costata la panchina a Giampaolo.

Ora la Samp è guidata da Dejan Stankovic, grande amico di Josè Mourinho, e alla prima l’ex Lazio ha ottenuto un pari sul campo del Bologna. I blucerchiati hanno un disperato bisogno di punti, di dare una scossa al proprio campionato, e oggi giocheranno di sicuro la partita della vita.

Anche la Roma ha la sua bella dose di problemi: la squadra fatica a esprimere il suo potenziale anche per colpa dei continui infortuni che stanno limitando pesantemente le scelte del tecnico portoghese. Oggi Mou non avrà a disposizione quasi tutto il mercato operato in estate: out Celik, Wijnaldum e Dybala, oltre a Kumbulla che continua ad accusare problemi fisici.

L’altra incognita sono legate alle condizioni della squadra, che deve fare i conti con il doppio impegno settimanale per via dell’Europa League. A fare la differenza dovranno essere i vecchi leader di questa squadra: il capitano Lorenzo Pellegrini, ma soprattutto Nicolò Zaniolo e Tammy Abraham, giocatori da cui ci si aspettava una crescita esponenziale quest’anno, e che invece non hanno dato il contributo sperato.

Intanto i nuovi arrivati Mady Camara e Andrea Belotti scaldando motori e posizioni: il primo è destinato alla panchina, ma di sicuro avrà più spazio dopo la bella prova contro il Betis, il secondo insidia pesantemente l’ex Chelsea al centro dell’attacco. Ma più del chi giocherà conta il come: questa Roma ha bisogno di brillantezza e gol per battere la Samp e agguantare la zona Champions. L’occasione è ghiotta e non va fallita.

Giallorossi.net – Andrea Fiorini

Articolo precedenteI giornali puntano su El Shaarawy e Abraham dal primo minuto
Articolo successivoTocca al “figliol prodigo” Tahirovic: i malumori, la fuga in Svezia e la multa. Ma ora arriva la chiamata di Mou

38 Commenti

  1. Prevedo la classica partita da Roma in trasferta degli ultimi anni. Quel ritorno agli anni 80 90 che significava andare a fare una scomoda trasferta che interrompeva la serena vita agiata in casa a Roma. Pareggiotto reti inviolate, se non una sconfitta.
    Se mi dovessi sbagliare vado a Trigoria a piedi…

    • Urge grattatio.In 50 anni e oltre di Roma quante volte ho visto risuscitare contro di noi squadre morte e ultime in classifica? I calcisticamente psicolabili fuori dalla lotta!Non vorremmo più vedere trasferte come Verona l’anno scorso.Se no Mou che ci sta a fare?

    • Contro l’ultima in classifica purtroppo abbiamo visto tutta una serie di partite come tu la descrivi. Sono molto pessimista per tanti motivi, tra cui l’intensità messa dalla Roma nelle ultime partite.

    • Caro ErPatata… Tutto po esse, ma noi, ROMANISTI, siamo oltremodo speranzosi e fiduciosi… Quindi…. 💛❤️🐺🐺🐺🏆

    • troppo facile dire vado a Trigoria a piedi. Dovresti come minimo specificare se parti da Montesacro o da Laurentino, perché nel secondo caso avrebbe valenza solo con i ceci (crudi) nelle scarpe 😆😆😆😆

    • L’ipotesi di Er Patata non è del tutto peregrina…..
      C’è poco da fidarsi delle sfide con le ultime in classifica.
      Però stasera c’è da vincere proprio, mi auguro che Mourinho sappia catechizzare bene la squadra.
      Forza Roma

  2. Questa con la Samp è una buona opportunità sulla carta (non vedo in assoluto trasferta migliore) per affrontare bene poi il Napule all’Olimpico. Naturalmente ci vuole qualcuno che la metta in rete. Forza Roma!

  3. Non me fate legge domani, l’allievo supera il maestro.. è dejan mania.. dalla Serbia col furgone.. e roba varia èh.. stasera niente caz… 3 punti e basta…

  4. L’importante è non prendere subito un goal (con papera in area o tiro dal limite indisturbato), raggelante, andando in confusione per tutto il primo tempo.
    Se la Roma rimane concentrata e non subisce (ciò che è assai difficile se rimane l’assetto con linea difensiva a 5 schiacciata e 2 centrocampisti superabili in velocità costantemente), e non suisce goal, prima o poi segna. Come non si sa, ma segna.

  5. A parte il fatto che il campionato dura 38 giornate e conquistare il quarto posto ora non servirebbe a nulla,i conti si fanno alla fine…poi sono molto scettico sulla nostra vittoria,ci spero naturalmente,ma tutte le volte che abbiamo avuto l’opportunita di fare un balzo in avanti abbiamo fallito,e marassi e’sempre stato un campo ostico….con rammarico guardo la classifica e penso come avrebbe potuto essere se solo avessimo battuto, l’Atalanta in casa….

    • ma perché essere così disfattisti contro l’ultima in classifica, capisco che loro daranno tutto, ma non possiamo avere così paura di questi, se no come ci arriviamo alla partita col Napoli..

  6. La cosa che mi perplime è ancora Camara che parte dalla panchina….Ma non si stancheranno i “soliti due” a giocare sempre?

  7. Concordo con l’editoriale, in particolare nella assoluta necessità da parte dei cosiddetti “top players” di essere finalmente incisivi e decisivi.
    Come lo sono quelli delle altre squadre, magari con uno stipendio molto più leggero del loro.
    I numeri di Pellegrini, Abraham e Zaniolo sono fin qui desolanti. Così come quelli di chi non è proprio un top di ingaggio, ma quasi, come Spinazzola per esempio.

  8. con tutto il rispetto x la samp, ma se qualunque partita la facciamo diventare determinante ? allora e’ giusto stare tra il 6/7 posto .. parliamo di una squadra che e’ultima in classifica che e’ pur vero che lottera’ a morte ma la posta in palio e’ alta pure x noi , percui anche noi dovremmo giocare alla morte ..hanno cambiato allenatore ma non hanno preso klop o Ancelotti ,ma forse un buon motivatore e niente piu…questo e’ un campo a noi piuttosto ostile , ricordo il famoso goal di Totti al volo , quello di benatia in slalom adirittura , e pochi altri .. sono quasi sempre spettatore a marassi cosi come saro’ oggi e vi posso assicurare che ancora non so il motivo ma ci detestano , forse perche abbiamo o avevamo una specie di gemellaggio con il genoa … asfaltiamoli , pressiamoli dal 1 minuto e il loro complesso di inferiorita aumentera’ perche se li lasci giocare e tirare da lontano ?? con il ns portiere sono dolori …

  9. se guardo il napoli che gioca e diverte con mario rui che abbiamo regalato , con jesus che da noi tagliava il prato politano che e’ migrato da roma gratis , piu un attacante dal nome impronunciabile che nessuno conosceva e fa il fenomeno , anguissa che era quasi ns ma abbiamo preso oliveira …, insomma qualche mea culpa dovremmo pur farla ..e anche mou qualche torto lo ha ..certo non puoi fare le nozze con i fichi , la roma ha 3 fuoriclasse il polacchino che gioca solo in casi estremi . smalling e dibala , gli altri pagano il biglietto

    • tifa Napoli e Spalletti no?
      me tocca legge pure le vedove di Jesus Rui e Politano

      😰😰

  10. Se devono dà tutti ‘na svejata…..A comincià dal portiere…..Ahooooo! L’anno scorso avrai fatto due/tre cazzate in tutto l’anno….Che t’hanno messo er Sole piatti ar posto dei guantoni? Forza che non sei scarso….Comincia ad essere decisivo. Mancini non andare a cercarti i cartellini gialli al limite dell’area avversaria….A Matic, Cristante ed Abraham pensatece voi…..

  11. Sarà…vedo che cominciano a rompersi anche giocatori di altre squadre e parlo di infortuni muscolari, non da trauma come avvenuto per alcuni dei nostri.
    Le tre gare settimanali stanno probabilmente incidendo.
    Credo che quest’anno, come non mai, a vincere sarà la squadra che avrà saputo gestire al meglio questi ritmi.
    Alla ripartenza di Gennaio, prima della quale ci sono però un mare di partite, confido molto nelle capacità motivazionali di Mourinho, oltre che, ovviamente, nel recupero degli infortunati.
    Anche adesso riuscire a trasmettere le giuste motivazioni, stare aggrappati alle prime posizioni con le unghie e con i denti, mi sembra congeniale alla filosofia agonistica di Mourinho.
    E’ un campionato molto particolare; sarà una partita a scacchi non solo, come sempre, tatticamente, ma sarà anche pesantemente influenzato dalle capacità di tenuta mentale.
    In una situazione dove si assiste, come scrivevo più su, ad una serie di infortuni che vanno sempre più aumentando, forse potremmo cominciare a trovarci un pò più a nostro agio.
    Inoltre, come sappiamo,molti giocatori andranno al Mondiale, anche qui bisognerà vedere quanti si vorranno/riusciranno a dare il massimo prima dello stesso. E’ quasi fisiologico e psicologicamente probabile.
    Chi gestirà meglio queste situazioni avrà buone possibilità di vittoria.
    FORZA ROMA.

  12. Carissimo rob, direi non solo si inizia a vedere qualche infortunio muscolare, come segnalavi tu, ma anche non brillanti prestazioni, poi discese e risalite sono sempre imprevedibili come siamo ormai abituati a constatare, tuttavia in questo campionato quello che dici ha molte probabilità di avverarsi. Io confido nella ripresa a gennaio, con i giusti titolari ahah beninteso che dobbiamo assolutamente, fino ad allora tenere il passo. Un caro saluto
    Forza Roma

    • Ciao Prohaska. La pensiamo quindi allo stesso modo (che ci fossero delle affinità l’avevo già percepito). E, si, confido anche io nella ripresa a Gennaio e che fino ad allora si sia riusciti a rimanere in buona posizione. Ti dirò….magari in maniera incauta, ne sono quasi sicuro. E’ come se me lo senta. Per tale motivo ogni partita da qui all’inizio del Mondiale mi genera ansia ed una certa “strizza”. Temo di dovermi rendere conto, a Gennaio – Febbraio di un qualcosa che avrebbe potuto essere e magari non sarà. I punti dalla prima DEVONO limitarsi a rimanere 4 o 5 max. Poi, se cosi’ sarà, nulla ci sarà precluso.
      Un caro saluto ed un abbraccio forte.
      FORZA ROMA!

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci qui il tuo commento
Inserisci qui il tuon nome